Valutazione e trattamento del trapezio superiore

Share

Queste raccomandazioni di valutazione e trattamento rappresentano una sintesi di informazioni derivate dall'esperienza clinica personale e dalle numerose fonti citate o basate sul lavoro di ricercatori, clinici e terapisti nominati (Basmajian 1974, Cailliet 1962, Dvorak & Dvorak 1984 , Fryette 1954, Greenman 1989, 1996, Janda 1983, Lewit 1992, 1999, Mennell 1964, Rolf 1977, Williams 1965).

 

Applicazione clinica delle tecniche neuromuscolari: Trapezio superiore

 

Lewit (1999) semplifica la necessità di valutare la mancanza affermando: "Il trapezio superiore deve essere trattato se è tenero e teso". Poiché questo è uno stato quasi universale nella vita moderna, sembra che tutti abbiano bisogno di un'applicazione MET per questo muscolo. Lewit nota anche che un caratteristico tumulo del muscolo può essere osservato spesso quando è molto breve, producendo l'effetto di "spalle gotiche", simile ai supporti architettonici di un campanile gotico (vedi Fig. 2.13).

 

Valutazione per mancanza di trapezio superiore (13) (Fig. 4.30)

 

 

Figura 4.30 Valutazione della relativa brevità del trapezio superiore destro. Un lato viene confrontato con l'altro (sia per la gamma di movimenti non forzati che per la natura del movimento di fine corsa) per accertare il lato più bisognoso di attenzione del MET.

 

Test per il trapezio superiore per mancanza (a) Vedi il test del ritmo scapulo-omerale (Ch. 5) che aiuta a identificare l'eccessiva attività o il tono inappropriato nella scapola del levator e nel trapezio superiore, che, poiché sono muscoli posturali, indicano mancanza (Fig 5.13A, B). Greenman (1996) descrive una valutazione funzionale di "sequenza di sparo" che identifica lo squilibrio generale e la disfunzione che coinvolgono i fissatori superiore e inferiore della spalla (Fig. 4.31).

 

 

Figura 4.31 Valutazione della palpazione per fissatori superiori e inferiori della spalla, compreso il trapezio superiore (Greenman 1996).

 

Il paziente è seduto e il praticante sta dietro. Il praticante appoggia la sua mano destra sulla zona della spalla destra per valutare la sequenza di sparo dei muscoli. L'altra mano può essere posizionata sulla regione medio-toracica, principalmente sul lato che viene valutato, o sulla parte inferiore della schiena per sparare al quadrato della palpazione. La valutazione deve essere eseguita almeno due volte in modo da utilizzare le varie posizioni della mano per i diversi muscoli (come in Fig. 4.31).

 

Greenman basa la sua descrizione su Janda (1983), che osserva la sequenza 'corretta' per l'abduzione della spalla, quando seduta, come implicante: sovraspinato, deltoide, infraspinato, trapezio medio e inferiore e infine quadratus controlaterale. Negli stati disfunzionali si dice che le sostituzioni più comuni implichino: elevazione della spalla da scapole levator e trapezio superiore, così come un infar mamento precoce da parte del lembo del quadrato, omolaterale e controlaterale.

 

L'attività inappropriata dei fissatori superiori si traduce in una carenza, e dei fissatori inferiori nella debolezza e nel possibile allungamento (vedi Ch. 2 per la discussione delle caratteristiche muscolari posturali / fasiche, ecc.).

 

Prova per il trapezio superiore per mancanza (b) Il paziente è seduto e il praticante sta dietro con una mano appoggiata alla spalla del lato da testare e stabilizzare. L'altra mano è posta sul lato omolaterale della testa e la testa / collo è presa in controluce lateralmente senza forza mentre la spalla è stabilizzata (vedi Fig. 4.30).

 

La stessa procedura viene eseguita sull'altro lato con la spalla opposta stabilizzata. Viene effettuato un confronto su quale manovra di piegamento laterale ha prodotto la gamma maggiore e se il collo può facilmente raggiungere 45 ° di flessione laterale in ciascuna direzione, che dovrebbe. Se nessuna delle due parti può raggiungere questo grado di resistenza laterale, allora entrambi i muscoli trapezi possono essere brevi. Viene valutata la relativa brevità di una, rispetto all'altra.

 

Test per il trapezio superiore per carenza (c) Il paziente è seduto e il praticante sta dietro con una mano appoggiata sul muscolo sul lato da valutare. Al paziente viene chiesto di estendere il braccio all'altezza della spalla, portando il braccio / il gomito flessi all'indietro. Se il trapezio superiore viene sollecitato da quel lato, si attiverà in modo inappropriato durante questo movimento. Poiché si tratta di un muscolo posturale, si può quindi ipotizzare la mancanza di esso (vedi discussione delle caratteristiche del muscolo posturale in Ch. 3).

 

Test del trapezio superiore per carenza (d) Il paziente è in posizione supina con il collo completamente (ma non forzatamente) lato contrato (lontano dal lato valutato). Il praticante è in piedi a capo del tavolo e usa un contatto con le mani a coppa sulla spalla omolaterale (cioè sul lato sottoposto a test) per valutare la facilità con cui può essere depresso (spostato caudalmente) (Fig. 4.32).

 

 

Figura 4.32 Trattamento MET del muscolo trapezio superiore destro. A Fibre posteriori, B fibre medie C fibre anteriori. Si noti che lo stretching in questa (o in una qualsiasi delle posizioni alternative che accedono alle fibre mediane e posteriori) si ottiene seguendo la contrazione isometrica mediante un distacco della spalla dalla testa stabilizzata, senza alcuna forza applicata al collo e alla testa si.

 

Dovrebbe esserci una facile sensazione di "primavera" mentre il professionista spinge la spalla verso i piedi, con un leggero tocco finale al movimento. Se la depressione della spalla è difficile o se c'è un punto finale brusco e improvviso, la mancanza di trapezio superiore è confermata.

 

Questa stessa valutazione (sempre con flessione laterale completa) deve essere eseguita con la testa completamente ruotata lontano dal lato da trattare, metà allontanata dal lato trattato e leggermente rivolta verso il lato da trattare, al fine di valutare rispettivamente il relativo scarsità ed efficienza funzionale delle suddivisioni posteriori, medie e anteriori della porzione superiore del trapezio.

 

MET trattamento di trapezio superiore cronicamente accorciato

 

Trattamento MET del trapezio superiore, metodo (a) (Fig. 4.32) Per trattare tutte le fibre del trapezio superiore, MET deve essere applicato in sequenza. Il trapezio superiore è suddiviso qui in fibre anteriori, medie e posteriori. Il collo deve essere collocato in diverse posizioni di rotazione, accoppiato con il piegamento laterale come descritto nella descrizione della valutazione di cui sopra, per un trattamento preciso delle varie fibre.

 

Il paziente giace supino, il braccio sul lato da trattare steso a fianco del tronco, la testa / collo lateralmente si allontana dal lato trattato a poca distanza dalla barriera di restrizione, mentre il professionista stabilizza la spalla con una mano e incamera l'orecchio / mastoide area dello stesso lato della testa con l'altra:

 

  • Con il collo completamente inclinato e completamente ruotato contramente, le fibre posteriori del trapezio superiore sono coinvolte nella contrazione (vedi sotto). Ciò faciliterà il successivo allungamento di questo aspetto del muscolo.
  • Con il collo completamente inclinato e mezzo ruotato, le fibre intermedie sono coinvolte nella contrazione.
  • Con il collo completamente inclinato e leggermente ruotato verso il lato da trattare vengono trattate le fibre anteriori del trapezio superiore.

 

Le varie contrazioni e gli stiramenti successivi possono essere eseguiti con le braccia del praticante incrociate, le mani che stabilizzano l'area mastoidea e la spalla.

 

Il paziente introduce uno sforzo resistente alla luce (20% della forza disponibile) per portare la spalla stabilizzata verso l'orecchio (un movimento di scrollata di spalle) e l'orecchio verso la spalla. Il doppio movimento (o sforzo verso il movimento) è importante al fine di introdurre una contrazione del muscolo da entrambe le estremità contemporaneamente. Il livello di sforzo dovrebbe essere lieve e non si dovrebbe avvertire alcun dolore. La contrazione è sostenuta per 10 secondi (o giù di lì) e, dopo un completo rilassamento dello sforzo, l'operatore allenta delicatamente la testa / collo in un maggiore grado di piegamento laterale e rotazione, dove è stabilizzato, poiché la spalla è tesa in modo caudale.

 

Quando viene introdotto lo stretching, il paziente può utilmente assistere in questa fase del trattamento iniziando, su istruzione, l'allungamento del muscolo ("mentre espiri, fai scivolare la mano verso i piedi"). Ciò riduce le possibilità di un riflesso di stiramento iniziato. Una volta allungato il muscolo, il paziente si rilassa e lo stiramento viene mantenuto per 10-30 secondi.

 

ATTENZIONE: Nessun allungamento dovrebbe essere introdotto dalla parte craniale del muscolo in quanto ciò potrebbe stressare il collo. La testa è stabilizzata nella sua flessione laterale e nella barriera di rotazione.

 

Disaccordo

 

C'è un disaccordo sulla posizione di rotazione testa / collo come descritto nel metodo di trattamento sopra, che chiama (per le fibre posteriori e medie) per l'inclinazione laterale e la rotazione lontano dal lato interessato.

 

Liebenson (1996), suggerisce che il paziente "giace supino con la testa sostenuta in anflessione e lateralmente flessa via e ruotata verso il lato del coinvolgimento".

 

Lewit (1985b) suggerisce: "Il paziente è supino ... il terapeuta fissa la spalla dall'alto con una mano, piegando lateralmente testa e collo con l'altra mano in modo da recuperare il gioco. Chiede quindi al paziente di guardare verso il lato lontano dal quale è piegata la testa, resistendo alla tendenza automatica del paziente a spostarsi verso il lato della lesione. " (Questo metodo è descritto di seguito.)

 

L'autore ha usato i metodi descritti sopra con buoni risultati e sollecita i lettori a provare questi approcci e quelli di Liebenson e Lewit e a valutare i risultati da soli.

 

MET trattamento di trapezio superiore acutamente accorciato, metodo (b) Lewit suggerisce l'uso di movimenti oculari per facilitare l'inizio del PIR prima dello stretching, un metodo ideale per i problemi acuti in questa regione.

 

Il paziente è supino, mentre il terapeuta fissa la spalla e il lato laterale (lontano dal lato trattato) della testa e del collo alla barriera di restrizione e chiede al paziente di guardare, con gli occhi solo (cioè non girare la testa), verso il lato lontano dal quale il collo è piegato.

 

Questo movimento oculare viene mantenuto, così come il respiro trattenuto, mentre il professionista resiste alla leggera contrazione isometrica che questi due fattori (movimento oculare e respiro) avranno creato.

 

All'espirazione e al completo rilassamento, la testa / collo viene portata a una nuova barriera e il processo si ripete. Se la spalla viene inserita nell'equazione, questa viene tenuta saldamente mentre tenta di spingere leggermente in un'alzata di spalle. Dopo questa seconda contrazione di 10, il muscolo si sarà rilasciato un po 'e il lasco potrà nuovamente essere rimosso mentre la testa viene riposizionata prima che inizi la ripetizione della procedura.

 

Il Dott. Alex Jimenez offre una valutazione aggiuntiva e un trattamento dei flessori dell'anca come parte di un'applicazione clinica referenziata di tecniche neuromuscolari di Leon Chaitow e Judith Walker DeLany. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alle lesioni e alle condizioni chiropratiche e spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

 

Dott. Alex Jimenez

 

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

 

 

ARGOMENTO BENESSERE: EXTRA EXTRA: Gestione dello stress sul posto di lavoro

 

 

luminoso
Referenze
1. Ballou SK, Keefer L. Considerazioni multiculturali nella diagnosi e nella gestione della sindrome dell'intestino irritabile: una sintesi selettiva. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2013;25: 1127-1133. [PubMed]
2. Gonzales Gamarra RG, Ruiz Sánchez JG, León Jiménez F, Cubas Benavides F, Díaz Vélez C. [Prevalenza della sindrome dell'intestino irritabile nella popolazione adulta della città di Chiclayo in 2011] Rev Gastroenterol Perù. 2012;32: 381-386. [PubMed]
3. Gwee KA, Lu CL, Ghoshal UC. Epidemiologia della sindrome dell'intestino irritabile in Asia: qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato. J Gastroenterol Hepatol. 2009;24: 1601-1607. [PubMed]
4. Krogsgaard LR, Engsbro AL, Bytzer P. L'epidemiologia della sindrome dell'intestino irritabile in Danimarca. Un'indagine sulla popolazione negli adulti ≤ anni 50. Scand J Gastroenterol. 2013;48: 523-529. [PubMed]
5. Ibrahim NK, Battarjee WF, Almehmadi SA. Prevalenza e fattori predittivi della sindrome dell'intestino irritabile tra studenti di medicina e tirocinanti nell'università King Abdulaziz, Jeddah. Libico J Med. 2013;8: 21287.[Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
6. Lee YY, Waid A, Tan HJ, Chua AS, Whitehead WE. Indagine su Roma III della sindrome dell'intestino irritabile tra malesi etnici. World J Gastroenterol. 2012;18: 6475-6480; discussione p. 6479. [Articolo gratuito di PMC][PubMed]
7. Ghoshal UC, Abraham P, Bhatt C, Choudhuri G, Bhatia SJ, Shenoy KT, Banka NH, Bose K, Bohidar NP, Chakravartty K, et al. Profilo epidemiologico e clinico della sindrome dell'intestino irritabile in India: rapporto della Task Force della Società Indiana di Gastroenterologia. Gastroenterolo indiano J. 2008;27: 22-28. [PubMed]
8. Bures J, Cyrany J, Kohoutova D, Förstl M, Rejchrt S, Kvetina J, Vorisek V, Kopacova M. Piccola sindrome da proliferazione batterica intestinale. World J Gastroenterol. 2010;16: 2978-2990. [Articolo gratuito di PMC][PubMed]
9. Dibaise JK, Young RJ, Vanderhoof JA. Flora microbica enterica, proliferazione batterica e sindrome dell'intestino corto. Clin Gastroenterol Hepatol. 2006;4: 11-20. [PubMed]
10 Bouhnik Y, Alain S, Attar A, Flourié B, Raskine L, Sanson-Le Pors MJ, Rambaud JC. Popolazioni batteriche che contaminano l'intestino superiore nei pazienti affetti da una piccola sindrome da proliferazione batterica intestinale. Am J Gastroenterol. 1999;94: 1327-1331. [PubMed]
11 Dukowicz AC, Lacy BE, Levine GM. Piccola crescita eccessiva batterica intestinale: una revisione completa. Gastroenterol Hepatol (NY) 2007;3: 112-122. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
12 Posserud I, Stotzer PO, Björnsson ES, Abrahamsson H, Simrén M. Piccola proliferazione batterica intestinale in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Intestino. 2007;56: 802-808. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
13 Ghoshal U, Ghoshal UC, Ranjan P, Naik SR, Ayyagari A. Spettro e sensibilità antibiotica dei batteri che contaminano l'intestino superiore nei pazienti con sindrome da malassorbimento dai tropici. BMC Gastroenterolo. 2003;3: 9. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14 Carrara M, Desideri S, Azzurro M, Bulighin GM, Di Piramo D, Lomonaco L, Adamo S. Eccessiva proliferazione batterica dell'intestino tenue in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2008;12: 197-202. [PubMed]
15 Ghoshal UC, Ghoshal U, Das K, Misra A. Utilità di test respiratori a idrogeno nella diagnosi della crescita eccessiva batterica intestinale nella sindrome da malassorbimento e nella sua relazione con il tempo di transito oro-cecale. Gastroenterolo indiano J. 2006;25: 6-10. [PubMed]
16 Ghoshal UC, Kumar S, Mehrotra M, Lakshmi C, Misra A. Frequenza di eccessiva crescita batterica intestinale in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile e diarrea cronica aspecifica. J Neurogastroenterol Motil. 2010;16: 40-46. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
17 Pimentel M, Chow EJ, Lin HC. L'eradicazione della proliferazione batterica dell'intestino tenue riduce i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile. Am J Gastroenterol. 2000;95: 3503-3506. [PubMed]
18 Sachdeva S, Rawat AK, Reddy RS, Puri AS. Piccola crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO) nella sindrome dell'intestino irritabile: frequenza e predittori. J Gastroenterol Hepatol. 2011;26 Suppl 3: 135-138. [PubMed]
19 Park H. Il ruolo della proliferazione batterica dell'intestino tenue nella patofisiologia della sindrome dell'intestino irritabile. J Neurogastroenterol Motil. 2010;16: 3-4. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
20 Ghoshal UC, Shukla R, Ghoshal U, Gwee KA, Ng SC, Quigley EM. La microbiota intestinale e la sindrome dell'intestino irritabile: amico o nemico? Int J Inflam. 2012;2012: 151085. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
21 Marrone AC. La colite ulcerosa, il morbo di Crohn e i pazienti con sindrome dell'intestino irritabile necessitano di ricerca e di trattamento dei trapianti fecali. J Crohns Colitis. 2014;8: 179. [PubMed]
22 Sampath K, Levy LC, Gardner TB. Trapianto di feci: oltre l'estetica Gastroenterologia. 2013;145: 1151-1153. [PubMed]
23 Grace E, Shaw C, Whelan K, Andreyev HJ. Articolo di revisione: prevalenza batterica intestinale della crescita eccessiva, caratteristiche cliniche, test diagnostici attuali e in via di sviluppo e trattamento. Aliment Pharmacol Ther. 2013;38: 674-688. [PubMed]
24 Yakoob J, Abbas Z, Khan R, Hamid S, Awan S, Jafri W. L'eccessiva crescita batterica intestinale e l'intolleranza al lattosio contribuiscono alla sintomatologia della sindrome dell'intestino irritabile in Pakistan. Saudi J Gastroenterol. 2011;17: 371-375. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
25 Gwee KA, Bak YT, Ghoshal UC, Gonlachanvit S, Lee OY, Fock KM, Chua AS, Lu CL, Goh KL, Kositchaiwat C, et al. Consenso asiatico sulla sindrome dell'intestino irritabile. J Gastroenterol Hepatol. 2010;25: 1189-1205. [PubMed]
26 Lacy BE, Gabbard SL, Crowell MD. Fisiopatologia, valutazione e trattamento del gonfiore: speranza, hype o aria calda? Gastroenterol Hepatol (NY) 2011;7: 729-739. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
27 Harder H, Serra J, Azpiroz F, Passos MC, Aguadé S, Malagelada JR. La distribuzione del gas intestinale determina i sintomi addominali. Intestino. 2003;52: 1708-1713. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
28 Kumar S, Misra A, Ghoshal UC. I pazienti con sindrome dell'intestino irritabile espirano più idrogeno rispetto ai soggetti sani a digiuno. J Neurogastroenterol Motil. 2010;16: 299-305. [Articolo gratuito di PMC][PubMed]
29 Hungin AP, Mulligan C, Pot B, Whorwell P, Agréus L, Fracasso P, Lionis C, Mendive J, Philippart de Foy JM, Rubin G, Winchester C, de Wit N. Revisione sistematica: probiotici nella gestione dei sintomi gastrointestinali inferiori nella pratica clinica - una guida internazionale basata sull'evidenza. Aliment Pharmacol Ther. 2013;38: 864-886. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
30 Attar A, Flourié B, Rambaud JC, Franchisseur C, Ruszniewski P, Bouhnik Y. Efficacia antibiotica nella diarrea cronica legata alla crescita eccessiva dei batteri intestinali: uno studio randomizzato crossover. Gastroenterologia. 1999;117: 794-797. [PubMed]
31 Marcelino RT, Fagundes-Neto U. [Test dell'idrogeno (H2) nell'aria espirato per la diagnosi di proliferazione batterica dell'intestino tenue] Arq Gastroenterolo. 1995;32: 191-198. [PubMed]
32 Esami di idrogeno di Santavirta J. Lactulose e [14C] xilosio in pazienti con anastomosi ileoanale. Int J Colorectal Dis. 1991;6: 208-211. [PubMed]
33 Ghoshal UC. Come interpretare i test respiratori a idrogeno. J Neurogastroenterol Motil. 2011;17: 312-317.[Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
34 Yang CY, Chang CS, Chen GH. Ipertrofia batterica dell'intestino tenue in pazienti con cirrosi epatica, con diagnosi di test del respiro con glucosio H2 o CH4. Scand J Gastroenterol. 1998;33: 867-871. [PubMed]
35 Ghoshal UC, Ghoshal U, Ayyagari A, Ranjan P, Krishnani N, Misra A, Aggarwal R, Naik S, Naik SR. Lo sprue tropicale è associato alla contaminazione dell'intestino tenue con batteri aerobici e al prolungamento reversibile del tempo di transito orocecale. J Gastroenterol Hepatol. 2003;18: 540-547. [PubMed]
36 Lu CL, Chen CY, Chang FY, Lee SD. Caratteristiche della motilità dell'intestino tenue in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile e umani normali: uno studio orientale. Clin Sci (Lond) 1998;95: 165-169. [PubMed]
37 Sciarretta G, Furno A, Mazzoni M, Garagnani B, test del respiro dell'idrogeno di Malaguti P. Lattulosio nella valutazione del transito orocecale. Valutazione critica mediante metodo scintigrafico. Dig Dis Sci. 1994;39: 1505-1510. [PubMed]
38 Rao SS, Camilleri M, Hasler WL, Maurer AH, Parkman HP, Saad R, Scott MS, Simren M, Soffer E, Szarka L. Valutazione del transito gastrointestinale nella pratica clinica: position paper delle società americane ed europee di neurogastroenterologia e motilità. Neurogastroenterolo Motil. 2011;23: 8-23.[PubMed]
39 Yu D, Cheeseman F, Vanner S. La scintigrafia oro-caecale combinata e il test del respiro con idrogeno del lattulosio dimostrano che il test del respiro rileva il transito oro-caecale, non una piccola crescita eccessiva batterica intestinale in pazienti con IBS. Intestino. 2011;60: 334-340. [PubMed]
40 Rana SV, Sharma S, Sinha SK, Kaur H, Sikander A, Singh K. Incidenza della flora metanogenica predominante nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile e controlli apparentemente sani dall'India settentrionale. Dig Dis Sci. 2009;54: 132-135. [PubMed]
41 Dridi B, Henry M, El Khéchine A, Raoult D, Drancourt M. Alta prevalenza di Methanobrevibacter smithii e Methanosphaera stadtmanae rilevate nell'intestino umano mediante un protocollo di rilevamento del DNA migliorato. PLoS One. 2009;4: e7063. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
42 Chatterjee S, Park S, K basso, Kong Y, Pimentel M. Il grado di produzione di metano respiro in IBS è correlato con la gravità della costipazione. Am J Gastroenterol. 2007;102: 837-841. [PubMed]
43 Lunia MK, Sharma BC, Sachdeva S. Eccessiva proliferazione batterica intestinale e ritardo del transito orocecale in pazienti con cirrosi e encefalopatia epatica di basso grado. Hepatol Int. 2013;7: 268-273.[PubMed]
44 Resmini E, Parodi A, Savarino V, Greco A, Rebora A, Minuto F, Ferone D. Prove di tempi di transito orocecali prolungati e di eccessiva crescita batterica intestinale nei pazienti acromegalici. J Clin Endocrinol Metab. 2007;92: 2119-2124. [PubMed]
45 Hamilton I, Worsley BW, Cobden I, Cooke EM, Shoesmith JG, Axon AT. Cultura simultanea di saliva e aspirina digiunale nell'indagine sulla proliferazione batterica dell'intestino tenue. Intestino. 1982;23: 847-853.[Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
46 Corazza GR, Sorge M, Strocchi A, Benati G, Di Sario A, Treggiari EA, Brusco G, Gasbarrini G. Antibiotici non assorbibili e proliferazione batterica dell'intestino tenue. Ital J Gastroenterol. 1992;24: 4-9. [PubMed]
47 Kuwahara T, Ogura Y, Oshima K, Kurokawa K, Ooka T, Hirakawa H, Itoh T, Nakayama-Imaohji H, Ichimura M, Itoh K, et al. Lo stile di vita del batterio filamentoso segmentato: un microbo immunostimolante associato all'intestino non culturabile dedotto dal sequenziamento dell'intero genoma. Res DNA. 2011;18: 291-303. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
48 Beumer RR, de Vries J, Rombouts FM. Cellule coccoid non coltivabili di Campylobacter jejuni. Microbiolo Int J Food. 1992;15: 153-163. [PubMed]
49 Fromm H, Sarva RP, Ravitch MM, McJunkin B, Farivar S, Amin P. Effetti del bypass digiunoileale sulla circolazione enteroepatica degli acidi biliari, flora batterica nell'intestino tenue superiore e assorbimento della vitamina B12. Metabolismo. 1983;32: 1133-1141. [PubMed]
50 Yoshida T, McCormick WC, Swell L, Vlahcevic ZR. Metabolismo degli acidi biliari nella cirrosi. IV. Caratterizzazione dell'anormalità nel metabolismo dell'acido desossicolico. Gastroenterologia. 1975;68: 335-341.[PubMed]
51 Bjørneklett A, Fausa O, Midtvedt T. Crescita eccessiva batterica nella malattia del digiuno e del ileo. Scand J Gastroenterol. 1983;18: 289-298. [PubMed]
52 Vanner S. La piccola proliferazione batterica intestinale. Ipotesi della sindrome dell'intestino irritabile: implicazioni per il trattamento. Intestino. 2008;57: 1315-1321. [PubMed]
53 Kinross JM, von Roon AC, Holmes E, Darzi A, Nicholson JK. Il microbioma intestinale umano: implicazioni per la futura assistenza sanitaria. Curr Gastroenterol Rep. 2008;10: 396-403. [PubMed]
54 Clauw DJ. Fibromialgia: una panoramica. Am J Med. 2009;122: S3-S13. [PubMed]
55 Pimentel M, Wallace D, Hallegua D, Chow E, Kong Y, Park S, Lin HC. Un legame tra la sindrome dell'intestino irritabile e la fibromialgia può essere correlato ai risultati del test del respiro con lattulosio. Ann Rheum Dis. 2004;63: 450-452. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
56 Simrén M, Stotzer PO. Uso e abuso di test respiratori a idrogeno. Intestino. 2006;55: 297-303.[Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
57 Gasbarrini A, Lauritano EC, Gabrielli M, Scarpellini E, Lupascu A, Ojetti V, Gasbarrini G. Piccola proliferazione batterica intestinale: diagnosi e trattamento. Dig Dis. 2007;25: 237-240. [PubMed]
58 Ghoshal UC, Srivastava D, Verma A, Misra A. Stitichezza da transito lenta associata ad eccesso di produzione di metano e suo miglioramento dopo terapia con rifaximina: un caso clinico. J Neurogastroenterol Motil. 2011;17: 185-188. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
59 Bala L, Ghoshal UC, Ghoshal U, Tripathi P, Misra A, Gowda GA, Khetrapal CL. Sindrome da malassorbimento con e senza proliferazione batterica dell'intestino tenue: studio sull'aspirato dell'intestino superiore mediante spettroscopia NMR 1H. Magn Reson Med. 2006;56: 738-744. [PubMed]
60 Haboubi NY, Lee GS, Montgomery RD. Morfometria della mucosa duodenale di pazienti anziani con eccessiva crescita batterica intestinale: risposta al trattamento antibiotico. Invecchiamento 1991;20: 29-32. [PubMed]
61 Shindo K, Machida M, Koide K, Fukumura M, Yamazaki R. Capacità di deconjugazione dei batteri isolati dal liquido digiunale dei pazienti con sclerosi sistemica progressiva e suo pH gastrico. Hepatogastroenterology. 1998;45: 1643-1650. [PubMed]
62 Wanitschke R, Ammon HV. Effetti di acidi bifosidici e acidi grassi idrossilici sull'assorbimento di acido oleico nel digiuno umano. J Clin Invest. 1978;61: 178-186. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
63 Shanab AA, Scully P, Crosbie O, Buckley M, O'Mahony L, Shanahan F, Gazareen S, Murphy E, Quigley EM. Piccola proliferazione batterica intestinale nella steatoepatite non alcolica: associazione con l'espressione 4 del recettore simile al pedaggio e livelli plasmatici di interleuchina 8. Dig Dis Sci. 2011;56: 1524-1534. [PubMed]
64 Ghoshal UC, Park H, Gwee KA. Insetti e sindrome dell'intestino irritabile: il buono, il brutto e il cattivo. J Gastroenterol Hepatol. 2010;25: 244-251. [PubMed]
65 Barbara G, Stanghellini V, Brandi G, Cremon C, Di Nardo G, De Giorgio R, Corinaldesi R. Interazioni tra batteri commensali e funzione sensomotoria intestinale in salute e malattia. Am J Gastroenterol. 2005;100: 2560-2568. [PubMed]
66 Cherbut C, Aubé AC, Blottière HM, Galmiche JP. Effetti degli acidi grassi a catena corta sulla motilità gastrointestinale. Scand J Gastroenterol Suppl. 1997;222: 58-61. [PubMed]
67 Ramakrishna BS, Roediger WE. Acidi grassi a catena corta: il loro ruolo nella malattia gastrointestinale. Dig Dis. 1990;8: 337-345. [PubMed]
68 Dumoulin V, Moro F, Barcelo A, Dakka T, Cuber JC. Peptide YY, peptide simile al glucagone-1 e risposte di neurotensina a fattori luminali nell'ileo ratto vascolarmente perfuso isolato. Endocrinologia. 1998;139: 3780-3786. [PubMed]
69 Balsari A, Ceccarelli A, Dubini F, Fesce E, Poli G. La popolazione microbica fecale nella sindrome dell'intestino irritabile. Microbiologica. 1982;5: 185-194. [PubMed]
70 Nobaek S, Johansson ML, Molin G, Ahrné S, Jeppsson B. Alterazione della microflora intestinale è associata alla riduzione del gonfiore addominale e del dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Am J Gastroenterol. 2000;95: 1231-1238. [PubMed]
71 Cummings JH, Macfarlane GT. Il controllo e le conseguenze della fermentazione batterica nel colon umano. J Appl Bacteriol. 1991;70: 443-459. [PubMed]
72 Camilleri M. Probiotici e sindrome dell'intestino irritabile: logica, meccanismi ed efficacia. J Clin Gastroenterol. 2008;42 Suppl 3 Pt 1: S123-S125. [PubMed]
73 Spiller R. Probiotics: un trattamento anti-infiammatorio ideale per IBS? Gastroenterologia. 2005;128: 783-785. [PubMed]
74 Ford AC, Spiegel BM, Talley NJ, Moayyedi P. Piccola proliferazione batterica intestinale nella sindrome dell'intestino irritabile: revisione sistematica e meta-analisi. Clin Gastroenterol Hepatol. 2009;7: 1279-1286. [PubMed]
75 Cuoco L, Salvagnini M. Iperestesia batterica dell'intestino tenue nella sindrome dell'intestino irritabile: uno studio retrospettivo con rifaximina. Minerva Gastroenterol Dietol. 2006;52: 89-95. [PubMed]
76 Di Stefano M, Corazza GR. Trattamento della proliferazione batterica dell'intestino tenue e sintomi correlati da parte di rifaximina. Chemioterapia. 2005;51 Suppl 1: 103-109. [PubMed]
77 Pimentel M, Lembo A, Chey WD, Zakko S, Ringel Y, Yu J, Mareya SM, Shaw AL, Bortey E, Forbes WP. Terapia di Rifassimina per pazienti con sindrome dell'intestino irritabile senza stitichezza. N Engl J Med. 2011;364: 22-32. [PubMed]
78 Hwang L, Low K, Khoshini R, Melmed G, Sahakian A, Makhani M, Pokkunuri V, Pimentel M. Valutazione del respiro del metano come test diagnostico per l'IBS predominante alla stitichezza. Dig Dis Sci. 2010;55: 398-403. [PubMed]
79 Low K, Hwang L, Hua J, Zhu A, Morales W, Pimentel M. Una combinazione di rifaximina e neomicina è la più efficace nel trattamento di pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con metano su test respiratorio del lattulosio. J Clin Gastroenterol. 2010;44: 547-550. [PubMed]
80 Bengmark S. Cibo colonico: pre e probiotici. Am J Gastroenterol. 2000;95: S5-S7. [PubMed]
81 Quigley EM, Quera R. Piccola proliferazione batterica intestinale: ruoli di antibiotici, prebiotici e probiotici. Gastroenterologia. 2006;130: S78-S90. [PubMed]
82 Xiao SD, Zhang DZ, Lu H, Jiang SH, Liu HY, Wang GS, Xu GM, Zhang ZB, Lin GJ, Wang GL. Studio multicentrico, randomizzato, controllato di Lactobacillus acidophilus LB ucciso dal calore in pazienti con diarrea cronica. Adv Ther. 2003;20: 253-260. [PubMed]
83 O'Mahony L, McCarthy J, Kelly P, Hurley G, Luo F, Chen K, O'Sullivan GC, Kiely B, Collins JK, Shanahan F, et al. Lactobacillus e bifidobacterium nella sindrome dell'intestino irritabile: risposte dei sintomi e relazione con i profili delle citochine. Gastroenterologia. 2005;128: 541-551. [PubMed]
84 Tsuchiya J, Barreto R, Okura R, Kawakita S, Fesce E, Marotta F. Studio di follow-up in cieco sull'efficacia di un preparato simbiotico nella sindrome dell'intestino irritabile. Chin J Dig Dis. 2004;5: 169-174.[PubMed]
85 Kim YG, Moon JT, Lee KM, Chon NR, Park H. [Gli effetti dei probiotici sui sintomi della sindrome dell'intestino irritabile] Gastroenterolo coreano J. 2006;47: 413-419. [PubMed]
86 Park JS, Yu JH, Lim HC, Kim JH, Yoon YH, Park HJ, Lee SI. [Utilità del test del respiro del lattulosio per la predizione della proliferazione batterica dell'intestino tenue nella sindrome dell'intestino irritabile] Gastroenterolo coreano J. 2010;56: 242-248. [PubMed]
87 Mann NS, Limoges-Gonzales M. La prevalenza del piccolo vertebrale batterico intestinale nella sindrome dell'intestino irritabile. Hepatogastroenterology. 2009;56: 718-721. [PubMed]
88 Scarpellini E, Giorgio V, Gabrielli M, Lauritano CE, Pantanella A, Fundarò C, Gasbarrini A. Prevalenza della proliferazione batterica dei piccoli intestinali nei bambini con sindrome dell'intestino irritabile: studio caso-controllo. J Pediatr. 2009;155: 416-420. [PubMed]
89 Nucera G, Gabrielli M, Lupascu A, Lauritano EC, Santoliquido A, Cremonini F, Cammarota G, Tondi P, Pola P, Gasbarrini G, et al. Prove anormali del respiro a lattosio, fruttosio e sorbitolo nella sindrome dell'intestino irritabile possono essere spiegate da una eccessiva crescita batterica intestinale. Aliment Pharmacol Ther. 2005;21: 1391-1395. [PubMed]
90 Reddymasu SC, Sostarich S, McCallum RW. Piccola proliferazione batterica intestinale nella sindrome dell'intestino irritabile: esistono dei predittori? BMC Gastroenterolo. 2010;10: 23. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
91 Lombardo L, Foti M, Ruggia O, Chiecchio A. Incidenza aumentata di eccessiva crescita batterica intestinale durante la terapia con inibitori della pompa protonica. Clin Gastroenterol Hepatol. 2010;8: 504-508. [PubMed]
92 Parodi A, Dulbecco P, Savarino E, Giannini EG, Bodini G, Corbo M, Isola L, De Conca S, Marabotto E, Savarino V. Il test del respiro positivo di glucosio è più diffuso nei pazienti con sintomi simil-IBS rispetto ai controlli di età e distribuzione di genere. J Clin Gastroenterol. 2009;43: 962-966.[PubMed]
93 Rana SV, Sinha SK, Sikander A, Bhasin DK, Singh K. Studio della crescita eccessiva batterica intestinale nei pazienti nord indiani con sindrome dell'intestino irritabile: uno studio caso controllo. Trop Gastroenterol. 2008;29: 23-25. [PubMed]
94 Majewski M, McCallum RW. Risultati di piccoli test di crescita eccessiva batterica intestinale nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile: profili clinici ed effetti dello studio antibiotico. Adv Med Sci. 2007;52: 139-142.[PubMed]
95 Lupascu A, Gabrielli M, Lauritano EC, Scarpellini E, Santoliquido A, Cammarota G, Flore R, Tondi P, Pola P, Gasbarrini G, et al. Test del respiro dell'idrogeno per rilevare la proliferazione batterica dell'intestino tenue: uno studio caso-controllo sulla prevalenza nella sindrome dell'intestino irritabile. Aliment Pharmacol Ther. 2005;22: 1157-1160.[PubMed]
Chiudi fisarmonica
Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Benvenuto-Bienvenido's nel nostro blog. Ci concentriamo sul trattamento di gravi disabilità e lesioni spinali. Trattiamo anche sciatica, dolore al collo e alla schiena, colpo di frusta, mal di testa, lesioni al ginocchio, lesioni sportive, vertigini, cattivo sonno, artrite. Utilizziamo terapie avanzate e comprovate incentrate su mobilità, salute, fitness e condizionamento strutturale ottimali. Usiamo piani dietetici personalizzati, tecniche chiropratiche specializzate, allenamento mobilità-agilità, protocolli adattati cross-fit e il "sistema PUSH" per trattare i pazienti che soffrono di varie lesioni e problemi di salute. Se desideri saperne di più su un dottore in chiropratica che utilizza tecniche progressive avanzate per facilitare la salute fisica completa, ti preghiamo di connetterti con me. Ci concentriamo sulla semplicità per aiutare a ripristinare la mobilità e il recupero. Mi piacerebbe vederti Collegare!

Post Recenti

Self-cracking e self-popping the spine

L'auto-cracking e lo schiocco della colonna vertebrale possono far sentire bene, ma dovrebbe essere fatto senza professionista / chiropratica ... Leggi

Colpo di frusta, quanto dura?

Gli incidenti automobilistici, gli infortuni sportivi, gli infortuni sul lavoro e le cadute sono alcune delle cause del colpo di frusta ... Leggi

Vedere regolarmente un chiropratico per la prevenzione e la manutenzione degli infortuni

Vedere regolarmente un chiropratico per la prevenzione e la manutenzione degli infortuni. Una domanda comune che sorge ... Leggi

Flessori dell'anca stretti e come rilasciare

I flessori dell'anca stretti sono un disturbo comune tra gli individui. Stare seduti troppo a lungo è ... Leggi

Specialista in chiropratica per lesioni personali e lesioni comuni

La maggior parte delle persone vede il proprio medico di famiglia o il medico generico dopo un incidente automobilistico o altro ... Leggi

Vitamina D per la salute delle ossa e la prevenzione delle lesioni

La vitamina D, nota anche come pillola del sole, può aiutare a mantenere sano il sistema muscolo-scheletrico ... Leggi

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘