Fare clic su Fraud Monitoring
Seleziona Pagina

I medici definiscono il dolore cronico, come qualsiasi dolore che dura da 3 a 6 mesi o più. Il dolore influisce sulla salute mentale di un individuo e sulla vita quotidiana. Il dolore viene da una serie di messaggi che attraversano il sistema nervoso. La depressione sembra seguire il dolore. Provoca gravi sintomi che influenzano il modo in cui un individuo sente, pensa e come gestisce le attività quotidiane, cioè dormire, mangiare e lavorare. Chiropratico, il Dr. Alex Jimenez approfondisce potenziali biomarcatori che possono aiutare a trovare e curare le cause alla radice del dolore e del dolore cronico.

  • Il primo passo nella gestione del dolore di successo è una valutazione biopsicosociale completa.
  • L'estensione della patologia organica potrebbe non riflettersi con precisione nell'esperienza del dolore.
  • La valutazione iniziale può essere utilizzata per identificare le aree che richiedono una valutazione più approfondita.
  • Sono disponibili molti strumenti autovalutati validati per valutare l'impatto del dolore cronico.

Valutazione dei pazienti con dolore cronico

Il dolore cronico è un problema di salute pubblica che colpisce 20-30% della popolazione dei paesi occidentali. Sebbene ci siano stati molti progressi scientifici nella comprensione della neurofisiologia del dolore, la valutazione e la diagnosi precise del problema di dolore cronico di un paziente non sono né chiare né ben definite. Il modo in cui il dolore cronico viene concettualizzato influenza il modo in cui il dolore viene valutato e i fattori considerati durante la diagnosi del dolore cronico. Non esiste una relazione uno-a-uno tra la quantità o il tipo di patologia organica e l'intensità del dolore, ma invece, l'esperienza del dolore cronico è modellata da una miriade di aspetti biomedici, psicosociali (ad es. convinzioni, aspettative e umore dei pazienti) e fattori comportamentali (ad es. contesto, risposte di altri significativi). Valutare ciascuno di questi tre domini attraverso una valutazione completa della persona con dolore cronico è essenziale per le decisioni terapeutiche e per facilitare i risultati ottimali. Questa valutazione dovrebbe includere una storia completa del paziente e una valutazione medica e un breve colloquio di screening in cui il comportamento del paziente può essere osservato. Un'ulteriore valutazione per affrontare le questioni identificate durante la valutazione iniziale guiderà le decisioni su quali eventuali ulteriori valutazioni potrebbero essere appropriate. Sono disponibili strumenti standardizzati autovalutati per valutare l'intensità del dolore, le capacità funzionali, le convinzioni e le aspettative e il disagio emotivo del paziente, che possono essere somministrati dal medico o un referente per una valutazione approfondita che può essere di aiuto nella pianificazione del trattamento.

Il dolore è un sintomo estremamente diffuso. Si stima che il solo dolore cronico influenzi il 30% della popolazione adulta degli Stati Uniti, in aumento di 100 milioni di adulti.1

Nonostante il costo elevato di trattare le persone con dolore cronico, il sollievo per molti rimane elusivo e la completa eliminazione del dolore è rara. Sebbene ci siano stati progressi sostanziali nella conoscenza della neurofisiologia del dolore, insieme allo sviluppo di potenti farmaci analgesici e altri innovativi interventi medici e chirurgici, in media la quantità di riduzione del dolore nelle procedure disponibili è 30-40% e ciò si verifica in meno della metà dei pazienti trattati.

Il modo in cui pensiamo al dolore influenza il modo in cui valutiamo il dolore. La valutazione inizia con la storia e l'esame obiettivo, seguita da test di laboratorio e procedure di diagnostica per immagini nel tentativo di identificare e / o confermare la presenza di qualsiasi patologia sottostante che causa il / i sintomo / i generatore di dolore.

In assenza di patologia organica identificabile, l'operatore sanitario può presumere che il rapporto dei sintomi deriva da fattori psicologici e può richiedere una valutazione psicologica per rilevare i fattori emotivi alla base del rapporto del paziente. C'è dualità in cui il rapporto dei sintomi è attribuito a entrambi somatico or meccanismi psicogeni.

Ad esempio, le basi organiche per alcuni dei più comuni e ricorrenti acuti (ad es. Mal di testa) 3 e cronici [ad es. mal di schiena, fibromialgia (FM)] i problemi di dolore sono in gran parte sconosciuti, 4,5 mentre d'altra parte, gli individui asintomatici possono avere anomalie strutturali come ernia del disco che spiegherebbe il dolore se fosse presente.6,7 Vi è una mancanza di spiegazioni adeguate per i pazienti senza patologia organica identificata che riportano dolore severo e individui indolori con una patologia significativa e obiettiva.

Il dolore cronico colpisce non solo il singolo paziente, ma anche i suoi altri significativi (partner, parenti, datori di lavoro, colleghi di lavoro e amici), rendendo essenziale un trattamento appropriato. Un trattamento soddisfacente può venire solo dalla valutazione completa dell'eziologia biologica del dolore in concomitanza con la specifica presentazione psicosociale e comportamentale del paziente, incluso il loro stato emotivo (ad esempio ansia, depressione e rabbia), percezione e comprensione dei sintomi e reazioni a quelli sintomi di altri significativi.8,9 Una premessa chiave è che più fattori influenzano i sintomi e i limiti funzionali degli individui con dolore cronico. Pertanto, è necessaria una valutazione completa che affronta domini biomedici, psicosociali e comportamentali, poiché ciascuno contribuisce al dolore cronico e alla disabilità correlata. 10,11

Valutazione completa di un individuo con dolore cronico

Turk e Meichenbaum12 hanno suggerito che tre domande centrali dovrebbero guidare la valutazione delle persone che riferiscono di dolore:
  1. Qual è l'entità della malattia o della lesione del paziente (menomazione fisica)?
  2. Qual è la grandezza della malattia? Cioè, fino a che punto il paziente soffre, è disabile e non è in grado di godersi le solite attività?
  3. Il comportamento dell'individuo sembra appropriato alla malattia o alla lesione, oppure esistono prove dell'amplificazione dei sintomi per una serie di motivi psicologici o sociali (ad esempio benefici quali attenzione positiva, farmaci che alterano l'umore, compensazione finanziaria)?

Per rispondere a queste domande, le informazioni dovrebbero essere raccolte dal paziente tramite anamnesi ed esame fisico, in combinazione con un colloquio clinico e attraverso strumenti di valutazione standardizzati. Gli operatori sanitari devono cercare qualsiasi causa di dolore attraverso l'esame fisico e i test diagnostici, mentre valutano concomitante l'umore, le paure, le aspettative, gli sforzi di coping, le risorse, le risposte di altri significativi e l'impatto del dolore sulla vita dei pazienti. 11 In breve, l'operatore sanitario deve valutare "l'intera persona" e non solo il dolore.

Gli obiettivi generali della storia e della valutazione medica sono:

(i) determinare la necessità di ulteriori test diagnostici

(ii) determinare se i dati medici possono spiegare i sintomi del paziente, la gravità dei sintomi e i limiti funzionali

(iii) fare una diagnosi medica

(iv) valutare la disponibilità di un trattamento appropriato

(v) stabilire gli obiettivi del trattamento

(vi) determinare il corso appropriato per la gestione dei sintomi se non è possibile una cura completa.

Un numero significativo di pazienti che riferiscono di dolore cronico non dimostrano alcuna patologia fisica utilizzando radiografie semplici, scansioni tomografiche assiali calcolate o elettromiografia (una vasta letteratura è disponibile sulla valutazione fisica, sulle procedure di valutazione radiologica e di laboratorio per determinare le basi fisiche del dolore), 17 rende difficile o impossibile una diagnosi patologica precisa.

Nonostante queste limitazioni, la storia e l'esame fisico del paziente rimangono alla base della diagnosi medica, possono fornire una salvaguardia contro i risultati sovrainterpretativi dall'imaging diagnostico che sono ampiamente confermativi e possono essere utilizzati per guidare la direzione di ulteriori sforzi di valutazione.

biomarcatori el paso tx.

Inoltre, i pazienti con problemi di dolore cronico spesso consumano una varietà di farmaci.18 È importante discutere gli attuali farmaci di un paziente durante l'intervista, poiché molti farmaci antidolorifici sono associati ad effetti collaterali che possono causare o simulare un disagio emotivo.19 Gli operatori sanitari dovrebbero non solo avere familiarità con i farmaci usati per il dolore cronico, ma anche con gli effetti collaterali di questi farmaci che si traducono in affaticamento, difficoltà di sonno e cambiamenti dell'umore per evitare diagnosi errate della depressione.

Si ritiene che l'uso dei diari quotidiani sia più accurato in quanto sono basati sul tempo reale piuttosto che sul richiamo. Ai pazienti può essere chiesto di mantenere regolari i diari dell'intensità del dolore con valutazioni registrate più volte al giorno (ad esempio, pasti e prima di coricarsi) per diversi giorni o settimane e le valutazioni del dolore multiple possono essere mediate nel tempo.

Un problema notato con l'uso di diari cartacei e matita è che i pazienti potrebbero non seguire le istruzioni per fornire valutazioni a intervalli specificati. Piuttosto, i pazienti possono completare i diari in anticipo ("riempire in avanti") o poco prima di vedere un medico ("riempire all'indietro"), 24 minando la presunta validità dei diari. I diari elettronici sono stati accettati in alcuni studi di ricerca per evitare questi problemi.

La ricerca ha dimostrato l'importanza di valutare la qualità della vita complessiva correlata alla salute (HRQOL) in pazienti con dolore cronico oltre alla funzione.31,32 Esistono numerose misure HRQOL ben consolidate e supportate psicometricamente [Indagine sulla salute a breve termine dello studio sui risultati medici (SF) -36)], 33 misure generali del funzionamento fisico [ad es. Indice di disabilità del dolore (PDI)], 34 e misure specifiche per la malattia [ad es. Indice di osteoartrosi Western Ontario MacMaster (WOMAC); 35 Roland-Morris Back Pain Disability Questionnaire (RDQ)] 36 per valutare la funzione e la qualità della vita.

Le misure specifiche per la malattia sono progettate per valutare l'impatto di una condizione specifica (ad esempio dolore e rigidità nelle persone con osteoartrite), mentre le misure generiche consentono di confrontare il funzionamento fisico associato a un dato disturbo e il suo trattamento con quello di varie altre condizioni. Gli effetti specifici di un disturbo possono non essere rilevati quando si utilizza una misura generica; pertanto, le misure specifiche per la malattia possono essere più probabili per rivelare un miglioramento clinicamente importante o un deterioramento delle funzioni specifiche come risultato del trattamento. Misure generali di funzionamento possono essere utili per confrontare i pazienti con una varietà di condizioni dolorose. L'uso combinato di misure specifiche per malattia e generiche facilita il raggiungimento di entrambi gli obiettivi.

La presenza di disagio emotivo nelle persone con dolore cronico rappresenta una sfida nel valutare sintomi come affaticamento, riduzione del livello di attività, diminuzione della libido, alterazione dell'appetito, disturbi del sonno, aumento o perdita di peso e deficit di memoria e concentrazione, poiché questi sintomi possono essere risultato di dolore, sofferenza emotiva o trattamento prescritto per controllare il dolore.

Gli strumenti sono stati sviluppati specificamente per i pazienti con dolore per valutare il disagio psicologico, l'impatto del dolore sulla vita dei pazienti, la sensazione di controllo, i comportamenti di coping e gli atteggiamenti nei confronti di malattie, dolore e operatori sanitari.17

Ad esempio, il Beck Depression Inventory (BDI) 39 e il Profile of Mood States (POMS) 40 sono psicometrici per valutare i sintomi di umore depresso, disagio emotivo e disturbi dell'umore e sono stati raccomandati per essere utilizzati in tutti gli studi clinici di dolore cronico, 41 tuttavia, i punteggi devono essere interpretati con cautela e potrebbe essere necessario modificare i criteri per i livelli di stress emotivo per evitare falsi positivi.42

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

Biomarker del laboratorio per il dolore

I biomarcatori sono caratteristiche biologiche che possono essere utilizzate per indicare la salute o la malattia. Questo articolo esamina gli studi sui biomarcatori della lombalgia (LBP) in soggetti umani. La LBP è la principale causa di disabilità, causata da vari disturbi correlati alla colonna vertebrale, tra cui la degenerazione del disco intervertebrale, l'ernia del disco, la stenosi spinale e l'artrite della faccetta. Il focus di questi studi è quello dei mediatori dell'infiammazione, perché l'infiammazione contribuisce alla patogenesi della degenerazione del disco e dei meccanismi associati al dolore. Sempre più spesso, gli studi suggeriscono che la presenza di mediatori dell'infiammazione può essere misurata sistematicamente nel sangue. Questi biomarcatori possono servire come nuovi strumenti per dirigere la cura del paziente. Attualmente, la risposta del paziente al trattamento è imprevedibile con un tasso significativo di recidiva e, mentre i trattamenti chirurgici possono fornire la correzione anatomica e il sollievo dal dolore, sono invasivi e costosi. La revisione comprende studi condotti su popolazioni con diagnosi specifiche e origini indefinite di LBP. Poiché la storia naturale della LBP è progressiva, la natura temporale degli studi è categorizzata dalla durata della sintomatologia / malattia. Vengono inoltre esaminati studi correlati sui cambiamenti nei biomarcatori con trattamento. In definitiva, i biomarcatori diagnostici della LBP e della degenerazione spinale hanno il potenziale per condurre un'era di medicina della colonna vertebrale individualizzata per terapie personalizzate nel trattamento della LBP.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

biomarcatori el paso tx.

Biomarcatori per il dolore neuropatico cronico e l'applicazione potenziale nella stimolazione del midollo spinale

Questa recensione si è concentrata sulla comprensione di quali sostanze all'interno del corpo umano aumentano e diminuiscono con l'aumentare del dolore neuropatico. Abbiamo esaminato vari studi e abbiamo visto correlazioni tra dolore neuropatico e componenti del sistema immunitario (questo sistema difende il corpo da malattie e infezioni). I nostri risultati saranno particolarmente utili per capire come ridurre o eliminare il disagio, il dolore neuropatico cronico porta con sé. La procedura di stimolazione del midollo spinale (SCS) è uno dei pochi trattamenti correttivi abbastanza efficaci per il dolore. Uno studio di follow-up applicherà i risultati di questa revisione a SCS, al fine di comprendere il meccanismo e ottimizzare ulteriormente l'efficacia.

Citochine pro-infiammatorie come IL-1β, IL-6, IL-2, IL-33, CCL3, CXCL1, CCR5 e TNF-α, hanno dimostrato di svolgere ruoli significativi nell'amplificazione degli stati di dolore cronico.

Dopo aver esaminato vari studi relativi ai biomarcatori del dolore, abbiamo scoperto che i livelli sierici di citochine pro-infiammatorie e chemochine, come IL-1β, IL-6, IL-2, IL-33, CCL3, CXCL1, CCR5 e TNF- a, erano significativamente up-regolati durante l'esperienza di dolore cronico. D'altra parte, le citochine anti-infiammatorie come IL-10 e IL-4 hanno mostrato una significativa down-regulation durante lo stato di dolore cronico.

Biomarcatori per la depressione

Una pletora di ricerche ha implicato centinaia di putativi biomarcatori per la depressione, ma non ha ancora chiarito completamente i loro ruoli nella malattia depressiva o stabilito ciò che è anormale in cui i pazienti e in che modo le informazioni biologiche possono essere utilizzate per migliorare diagnosi, trattamento e prognosi. Questa mancanza di progresso è parzialmente dovuta alla natura e all'eterogeneità della depressione, in combinazione con l'eterogeneità metodologica all'interno della letteratura di ricerca e la vasta gamma di biomarcatori con potenziale, la cui espressione varia spesso in base a molti fattori. Esaminiamo la letteratura disponibile, che indica che i marcatori coinvolti nei processi infiammatori, neurotrofici e metabolici, così come i componenti del sistema neurotrasmettitore e neuroendocrino, rappresentano candidati molto promettenti. Questi possono essere misurati attraverso valutazioni genetiche ed epigenetiche, trascrittomiche e proteomiche, metabolomiche e di neuroimaging. L'uso di nuovi approcci e programmi di ricerca sistematici è ora necessario per determinare se e quali biomarcatori possono essere utilizzati per prevedere la risposta al trattamento, stratificare i pazienti in trattamenti specifici e sviluppare obiettivi per nuovi interventi. Concludiamo che ci sono molte promesse per ridurre il peso della depressione attraverso l'ulteriore sviluppo e l'espansione di questi percorsi di ricerca.

biomarcatori el paso tx.Riferimenti:

  • Valutazione dei pazienti con dolore cronico EJ Dansiet e DC Turk * t

  • Biomarcatori infiammatori di lombalgia e degenerazione del disco: una review.
    Khan AN1, Jacobsen HE2, Khan J1, Filippi CG3, Levine M3, Lehman RA Jr2,4, Riew KD2,4, Lenke LG2,4, Chahine NO2,5.
  • Biomarcatori per il dolore neuropatico cronico e la loro potenziale applicazione nella stimolazione del midollo spinale: una revisione
    Chibueze D. Nwagwu, 1 Christina Sarris, MD, 3 Yuan-Xiang Tao, Ph.D., MD, 2 e Antonios Mammis, MD1,2
  • Biomarcatori per la depressione: approfondimenti recenti, sfide attuali e prospettive future. Strawbridge R1, Young AH1,2, Cleare AJ1,2.