Allergia al latte vaccino nei pazienti con sclerosi multipla

Share
Sclerosi multipla, o SM, è una malattia cronica del sistema nervoso centrale, o CNS. Mentre l'eziologia della malattia rimane sconosciuta, studi di ricerca hanno rilevato che fattori ambientali, come la nutrizione, possono avere un impatto sull'insorgenza e lo sviluppo della SM. Altri studi di ricerca hanno analizzato specificamente l'associazione tra alcuni fattori dietetici nella sclerosi multipla, come il consumo di grassi, latticini e carne. Sclerosi multipla, o SM, l'epidemiologia suggerisce che il caseificio sia principalmente coinvolto nell'espressione clinica della malattia. Lo scopo del seguente articolo è di mostrare gli effetti dell'allergia al latte vaccino nei pazienti con sclerosi multipla.

Astratto

Sfondo: L'esposizione ad alcuni agenti ambientali come un'alimentazione diversa e il contatto con gli allergeni possono avere un ruolo nello sviluppo della sclerosi multipla (SM). Il presente studio era finalizzato a valutare l'allergia al latte vaccino (CMA) nei pazienti con SM rispetto ai controlli sani. Materiali e metodi: Tra marzo 2012 e luglio 2012, i pazienti 48 MS sono stati selezionati e confrontati con soggetti sani 48 per valutare la frequenza di CMA nei pazienti con sclerosi multipla rispetto al controllo sano. Immunoglobina E (IgE) specifica del latte vaccino è stata determinata mediante Immuno CAP. Il sesso e la frequenza della CMA sono stati confrontati tra i gruppi di studio con il test del Chi-quadrato. risultati: Sono stati valutati il ​​totale di soggetti 96 (22% maschio e 78% femminile). L'età media dei soggetti dello studio era 30.8 ± 6.6 anni. L'età media del caso e dei gruppi di controllo era 30.7 (± 6.9) rispetto a 30.9 ± 6.3, rispettivamente (valore P = 0.83). Non sono stati rilevati IgE specifici del latte vaccino nel siero dei pazienti con SM e nei soggetti sani. Conclusione: Non c'era alcuna differenza tra SM e soggetti sani riguardo alla CMA. parole chiave: Allergia, latte vaccino, sclerosi multipla

Introduzione

La sclerosi multipla (SM) è una malattia demielinizzante infiammatoria acronica del sistema nervoso centrale (SNC) [1] ed è una delle cause più comuni di disabilità neurologica nei giovani adulti, in particolare nelle donne. [2] Processi autoimmuni dovuti a difetti nella T regolatoria cellule e fallimento della soppressione Le cellule CD4 + e CD8 + auto-reattive sono suggerite hanno un ruolo nella patogenesi della malattia. [3] Sebbene l'eziologia della SM sia sconosciuta, ci sono alcune prove di convoluzione con influenze genetiche e ambientali sulla suscettibilità. Carenza relativa di vitamina D, [4,5] virus di Epstein-Barr, [6] e fumo [7] sono tra i fattori ambientali che sono stati tutti associati ad una maggiore suscettibilità alla SM. La nutrizione è un altro fattore ambientale potenzialmente coinvolto nella patogenesi della SM. [8] Inoltre, i fattori dietetici sono spesso citati come una possibile causa, ci sono pochissimi studi clinici basati su diete specifiche o integratori alimentari nella SM e non ci sono prove al riguardo [9] Un maggiore apporto di diversi composti alimentari è stato considerato associato ad un aumentato rischio di MS [9] come dolci, alcol [10], [11,12,13] carne affumicata, caffè [10], tè, [11] e tuttavia, nessuno di questi dati è stato approvato da studi successivi. In 1991, in uno studio, è stato riportato che i fattori dietetici o le allergie alimentari possono essere tra le principali cause dell'inizio e della progressione della SM. [14] D'altra parte, la vitamina D è stata implicata come un fattore di rischio nella SM, [15,16,17] ed è stato riferito che una diminuzione dei livelli di 25-idrossivitamina D è associata ad un aumentato rischio di sviluppare la SM. [18] Inoltre, la totalità delle prove per un ruolo protettivo della vitamina D nella SM è stata ritenuta abbastanza forte da alcuni per raccomandare la supplementazione di vitamina D alle persone con SM. [19] L'allergia al latte vaccino (CMA) ha un potenziale indiretto di causare la carenza di 25-idrossivitamina D da parte di soggetti affetti tende ad evitare il latte dei prodotti lattiero-caseari. [20] il latte è l'allergene alimentare più frequentemente riscontrato e l'incidenza della CMA varia con l'età. [21] Nei neonati e negli adulti la prevalenza riportata di CMA varia tra gli studi; tuttavia, è chiaro che la CMA è un'allergia comune nella prima infanzia, con una prevalenza di 2-6%, [22] e diminuisce con l'età. [23] Si ritiene che l'esposizione ad alcuni agenti ambientali che si verificano prima della pubertà possa iniziare l'autoimmune elaborare e pre-disporre una persona geneticamente sensibile per sviluppare la SM in seguito. Sulla base di questo fatto, l'ipotesi di un legame tra consumo di latte e SM è stata presa in considerazione da molti anni e sono stati condotti studi epidemiologici per supportare questa correlazione. [24] Si ritiene che il miglioramento dell'effetto delle difese immunologiche sul trattamento dei pazienti con SM , quindi, il rilevamento di allergeni e la loro eliminazione dalla dieta potrebbe ridurre la disabilità dei pazienti. Il presente studio ha lo scopo di valutare la CMA nei pazienti con SM rispetto ai controlli sani.

Materiali e Metodi

Tra marzo 2012 e luglio 2012, 48 pazienti con SM (riferiti alla clinica SM dell'ospedale universitario di riferimento di Isfahan) sono stati selezionati e confrontati con 48 soggetti sani (tra compagni e conoscenti dei pazienti come gruppo di controllo) per valutare l'associazione tra CMA e SM. Ai pazienti con SM è stato diagnosticato uno sviluppo definitivo della SM secondo i criteri McDonald. [25] I pazienti erano eleggibili se non avevano ricevuto corticosteroidi durante il mese scorso e immunosoppressori negli ultimi 3 mesi. Questo studio è stato esaminato e approvato dal comitato etico presso l'Università di Scienze Mediche di Isfahan e tutti i soggetti sono stati spiegati sullo scopo e gli scopi dello studio e il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti loro. I controlli sono stati abbinati ai pazienti per quanto riguarda età e sesso. Per determinare l'immunoglobina E (IgE) allergene specifica del latte vaccino, sono stati prelevati campioni di sangue da entrambi i gruppi di soggetti e campioni di siero sono stati trasferiti al laboratorio di Immunologia. ImmunoCAP (Phadia, Uppsala, Svezia) è stato utilizzato per l'anticorpo IgE allergene-specifico nel siero dei soggetti da ottenere. Questa tecnica è approvata dalla Food and Drug Administration negli Stati Uniti e ha un'elevata sensibilità e molte buone caratteristiche [26,27,28] anche in Iran sono applicabili solo nell'Asma and Allergy Research Institute, Teheran University of Medical Sciences. Inoltre, è stato determinato l'anticorpo IgE specifico contro il latte vaccino e applicando tecniche statistiche, sono stati eseguiti i calcoli e sono stati estratti i risultati. I dati sono presentati come medie ± deviazione standard o numero (%) a seconda dei casi. T-test campione indipendente è stato utilizzato per confrontare l'età tra i gruppi. Inoltre, il sesso e la frequenza di CMA sono stati confrontati tra i gruppi di studio mediante il test del Chi-quadrato. Tutte le analisi sono state effettuate dal Pacchetto statistico per le scienze sociali (SPSS) -20 e la significatività statistica è stata accettata a P <0.05.
La sclerosi multipla, o SM, è una malattia multifattoriale, infiammatoria e neurodegenerativa del sistema nervoso centrale che ha dimostrato di essere strettamente associata a fattori ambientali come la nutrizione. Recenti studi di ricerca sul ruolo della dieta nella SM hanno dimostrato che determinati fattori dietetici, come il consumo di prodotti caseari come il latte vaccino, influenzano l'incidenza della sclerosi multipla, il decorso della malattia e la sintomatologia. Secondo questi studi, è stato dimostrato che determinati tipi di proteine ​​presenti nel latte di mucca stimolano il sistema immunitario delle persone con SM. Dr. Alex Jimenez DC, CCST

risultati

Sono stati valutati un totale di soggetti 96 e sono stati analizzati i risultati di tutti i campioni di sangue. Sui soggetti totali, 22% era di sesso maschile e 78% erano di sesso femminile e l'età media dei soggetti dello studio era di 30.8 ± 6.6 anni. La tabella 1 mostra il confronto tra età, sesso e frequenza della CMA tra i gruppi di studio. Come mostrato l'età media del caso e dei gruppi di controllo era simile e non c'era alcuna differenza significativa statistica tra i gruppi (30.7 ± 6.9 vs 30.9 ± 6.3 rispettivamente, valore P = 0.83). Dei soggetti di sesso 22, 50% erano pazienti con sclerosi multipla e 50% erano controlli. Non c'era alcuna differenza significativa tra i gruppi di studio in merito alla composizione di genere. I risultati della tecnica CAP per determinare l'anticorpo IgE allergene specifico contro il latte di mucca nei pazienti con sclerosi multipla e nei soggetti sani hanno mostrato che, in questi soggetti, non vi era alcuna CMA positiva e non vi era alcuna differenza tra pazienti con SM e soggetti sani.

Discussione

Da molti anni l'effetto della dieta come l'assunzione di grassi nella SM è stato postulato [29]. Esiste un consumo maggiore di grassi saturi, prodotti lattiero-caseari e cornflakes (cereali) e una diminuzione del consumo di grassi insaturi nell'area con elevata prevalenza di SM [29]. Tuttavia, i risultati di questi studi non sono stati confermati da un gran numero di studi caso-controllo, studi epidemiologici hanno proposto l'associazione tra prevalenza della SM e consumo di grassi animali. [11,12,13] Poiché si ritiene che la SM abbia una base autoimmune, molti fattori come la dieta possono indurre l'autoimmunità e la degradazione della mielina da parte del mimetismo molecolare. [30] Sembra che il mimetismo molecolare possa interferire con l'auto-tolleranza immunologica agli antigeni della mielina del SNC in soggetti geneticamente sensibili. La CMA è uno degli allergeni alimentari più comuni nell'infanzia. Sembra che il sistema immunitario identifichi alcune delle proteine ​​del latte come dannose e rende gli anticorpi IgE in grado di neutralizzarlo. Gli anticorpi IgE riconoscono queste proteine ​​al prossimo contatto e segnalano al sistema immunitario di rilasciare alcune sostanze chimiche. [31] Pertanto, il latte di mucca come proteina dietetica ha un potenziale mimetismo molecolare con autoantigeni della mielina e può indurre un processo autoimmune, quindi il consumo di latte nei pazienti con SM può avere un possibile ruolo nella progressione o nella ricaduta della malattia. Inoltre, come accennato in precedenza, la vitamina D è stata implicata come un fattore di rischio nei pazienti con SM [18] e la CMA trasmette implicazioni nutrizionali in quanto gli individui affetti hanno una tendenza ad eludere i prodotti lattiero-caseari e hanno dimostrato di essere carenti di 25-idrossivitamina D . [20] La misurazione di IgE specifiche ha confermato una sensibilità mediata da IgE al latte di vacca ed è un marker prognostico per la persistenza di CMA. [31] Nel presente studio, abbiamo valutato le IgE del latte vaccino per trovare allergie al latte nei pazienti con SM rispetto al controllo come marcatore di persistenza CMA. Il risultato dello studio non ha mostrato CMA positivo nel gruppo con SM e nessuna differenza tra pazienti con SM e soggetti di controllo. I nostri risultati sono stati simili al risultato di Ramagopalan et al. studio. [32] Il Ramagopalan, in una coorte di popolazione nel 2010, ha studiato se la CMA infantile influenza o meno il successivo rischio di sviluppare la SM. Hanno raccolto dati per intervista telefonica da madri di 6638 casi di indice MS e 2509 controlli coniugali in Canada e hanno confrontato la frequenza di CMA tra casi di indice e controlli e non sono state rilevate differenze significative. Pertanto, l'autore ha concluso che la CMA infantile non sembra essere un fattore di rischio per la SM. Un altro studio ha suggerito che i fattori di latte liquido di vacca influenzano l'aspetto clinico della SM. [25] Sebbene siano stati effettuati interessi medici sull'influenza della dieta sul tasso e la gravità della malattia da sclerosi multipla, [33] come nostra migliore conoscenza, ci sono pochi studi sugli allergeni alimentari e sulla sclerosi multipla, quindi si suggerisce di condurre ulteriori studi per indagare allergeni alimentari, in un gran numero di pazienti con SM e individui sani in base al richiamo degli individui, quindi le risposte positive valutano utilizzando tecniche e risultati avanzati rispetto ai pazienti con SM e soggetti sani.

Conclusione

Questo studio ha valutato la distribuzione di frequenza dell'allergia al latte vaccino nei pazienti con SM rispetto ai controlli sani. Sebbene non ci siano differenze significative tra due gruppi, la piccola dimensione del campione di pazienti con SM può influenzare l'associazione di questa ipotesi.

Le note

Fonte di supporto: zero Conflitto d'interesse: Nessuno dichiarato. La sclerosi multipla, o SM, è una malattia cronica del sistema nervoso centrale, o SNC, che si ritiene sia associata a fattori ambientali, come la nutrizione. Studi di ricerca che analizzano l'associazione tra determinati fattori dietetici nella sclerosi multipla hanno dimostrato che i latticini sono principalmente coinvolti nell'espressione clinica della sclerosi multipla. Lo scopo dell'articolo sopra era mostrare gli effetti dell'allergia al latte vaccino nei pazienti con sclerosi multipla. Secondo lo studio di ricerca, i prodotti lattiero-caseari potrebbero avere qualche effetto sulla prevalenza della SM, anche se sono ancora necessari ulteriori studi di ricerca per concludere ulteriormente questi risultati. Informazioni referenziate dal National Center for Biotechnology Information (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato ai problemi di chiropratica e di salute della colonna vertebrale. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900 . A cura di Dr. Alex Jimenez

Discussione aggiuntiva sull'argomento: dolore alla schiena acuto

Mal di schiena è una delle più diffuse cause di disabilità e giorni persi al lavoro in tutto il mondo. Il dolore alla schiena è il secondo motivo più comune per le visite di un medico, superate solo dalle infezioni delle alte vie respiratorie. Circa il 80 percento della popolazione subirà un dolore alla schiena almeno una volta nella vita. La colonna vertebrale è una struttura complessa composta da ossa, articolazioni, legamenti e muscoli, tra gli altri tessuti molli. Lesioni e / o condizioni aggravate, come dischi erniciati, può eventualmente portare a sintomi di mal di schiena. Le lesioni sportive o gli incidenti automobilistici sono spesso la causa più frequente di mal di schiena, tuttavia a volte il più semplice dei movimenti può avere risultati dolorosi. Fortunatamente, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare il mal di schiena attraverso l'uso di aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, in definitiva migliorando il sollievo dal dolore.

EXTRA EXTRA | ARGOMENTO IMPORTANTE: consigliato El Paso, TX Chiropractor

***
Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Benvenuto-Bienvenido's nel nostro blog. Ci concentriamo sul trattamento di gravi disabilità e lesioni spinali. Trattiamo anche sciatica, dolore al collo e alla schiena, colpo di frusta, mal di testa, lesioni al ginocchio, lesioni sportive, vertigini, cattivo sonno, artrite. Utilizziamo terapie avanzate e comprovate incentrate su mobilità, salute, fitness e condizionamento strutturale ottimali. Usiamo piani dietetici personalizzati, tecniche chiropratiche specializzate, allenamento mobilità-agilità, protocolli adattati cross-fit e il "sistema PUSH" per trattare i pazienti che soffrono di varie lesioni e problemi di salute. Se desideri saperne di più su un dottore in chiropratica che utilizza tecniche progressive avanzate per facilitare la salute fisica completa, ti preghiamo di connetterti con me. Ci concentriamo sulla semplicità per aiutare a ripristinare la mobilità e il recupero. Mi piacerebbe vederti Collegare!

Post Recenti

Alzarsi la mattina con la schiena, la chiropratica del dolore al collo porta sollievo

Per le persone che si alzano con dolore e rigidità alla schiena, al collo, alle spalle praticamente ogni ... Leggi

Dormire meglio con l'artrite spinale infiammatoria

L'artrite spinale infiammatoria può causare dolore articolare significativo e danneggiare gravemente la qualità del sonno. Qualsiasi… Leggi

Trattamento chiropratico per la mobilità con conflitto di spalle

La spalla è soggetta a diverse irritazioni, lesioni e condizioni. L'impingement della spalla è un comune ... Leggi

Disallineamenti della colonna vertebrale Dolore e fastidio alla radice

Quando si verificano disallineamenti della colonna vertebrale, il corpo avverte dolore, incapacità di ruotare il collo o dopo ... Leggi

I migliori coprimaterassi per la revisione chiropratica del mal di schiena

Un coprimaterasso per il mal di schiena può aiutare conformandosi strettamente al corpo, correttamente ... Leggi

Compressione nervosa della sindrome della cauda equina

La sindrome della cauda equina è un'emergenza che deve essere trattata il prima possibile ... Leggi

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘