Fare clic su Fraud Monitoring
Seleziona Pagina

Trauma spinale è costituito da fratture della colonna vertebrale, o fratture vertebrali e lesioni del midollo spinale. I casi di trauma spinale di 12,000 sono riportati ogni anno negli Stati Uniti. Mentre le cause più frequenti di lesioni del midollo spinale e fratture della colonna vertebrale sono incidenti automobilistici e cadute, il trauma spinale può anche essere attribuito ad aggressione, infortuni sportivi e incidenti sul lavoro. La diagnosi del trauma spinale comprende l'imaging e la valutazione della funzione del nervo, come il riflesso, il motore e la sensazione. Il seguente articolo discute il ruolo della radiologia di emergenza nel trauma spinale. La cura chiropratica può aiutare a fornire valutazioni diagnostiche per il trauma spinale.

astratto

Il trauma spinale è una lesione molto frequente con diversa gravità e prognosi che varia da una condizione asintomatica a una disfunzione neurologica temporanea, un deficit focale o un evento fatale. Le principali cause del trauma spinale sono la caduta ad alta e bassa energia, l'incidente stradale, lo sport e l'impatto smussato. Il radiologo ha un ruolo di grande responsabilità nel determinare la presenza o l'assenza di lesioni, definire le caratteristiche, valutare l'influenza prognostica e quindi il trattamento. L'imaging ha un ruolo importante nella gestione del trauma spinale. Lo scopo di questo lavoro era di descrivere: incidenza e tipo di frattura vertebrale; indicazione di imaging e linee guida per il trauma cervicale; indicazione e linee guida per imaging per trauma toraco-lombare; indicazione CT multidetettore per colonna vertebrale traumatica; Indicazione RM e protocollo per la colonna vertebrale da trauma.

Introduzione

Il trauma della colonna vertebrale grava pesantemente sul bilancio dello sviluppo sociale ed economico della nostra società. Negli Stati Uniti, i casi di 15-40 per milione di persone con casi di paraplegia 12,000 ogni anno, le morti di 4000 prima del ricovero e le morti di 1000 durante l'ospedalizzazione sono stimate. La popolazione di giovani adulti è la più frequentemente coinvolta in incidenti stradali, seguita da quelli a casa e al lavoro, con una prevalenza di cadute da infortuni gravi e sportivi. 1

L'imaging ha un ruolo importante nella gestione del trauma spinale. Una gestione rapida e corretta dei pazienti con trauma, dalla diagnosi alla terapia, può significare una riduzione del danno neurologico di vitale importanza per il futuro del paziente. I radiologi hanno un ruolo di grande responsabilità nel determinare la presenza o l'assenza di lesioni, definendo le caratteristiche, valutando l'influenza prognostica e quindi il trattamento.

Lo scopo di questo articolo era di descrivere:

  • incidenza e tipo di frattura vertebrale
  • indicazione di imaging e linee guida per il trauma cervicale
  • indicazione di imaging e linee guida per trauma toraco-lombare
  • modello CT multidetettore (MDCT) per colonna vertebrale traumatica
  • Schema RM per trauma della colonna vertebrale.
Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Traumi spinali, tra cui fratture della colonna vertebrale e lesioni del midollo spinale, rappresentano circa il 3 percento del 6 percento di tutte le lesioni scheletriche. Le valutazioni diagnostiche sono fondamentali per la complessa diagnosi di trauma spinale. Mentre la radiografia semplice è la modalità diagnostica iniziale utilizzata per le fratture della colonna vertebrale e / o le lesioni del midollo spinale, le scansioni TC e la risonanza magnetica possono anche aiutare nella diagnosi. Come ufficio di cura chiropratica, possiamo offrire valutazioni diagnostiche, come i raggi X, per aiutare a determinare il miglior trattamento.

Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Indicazione e valutazione di gestione e imaging della frattura vertebrale

La logica di imaging nel trauma spinale è:

  • Per diagnosticare l'anormalità traumatica e caratterizzare il tipo di lesione.
  • Per stimare la gravità, potenziale instabilità spinale o stabilità danneggiata con o senza lesione neurologica associata, al fine di evitare un peggioramento neurologico con problemi medici legali.
  • Per valutare lo stato del midollo spinale e le strutture circostanti (MR è la tecnica gold standard).

La valutazione clinica che coinvolge diverse specialità - medicina d'urgenza, trauma, ortopedia, neurochirurgia e radiologia o neuroradiologia - e l'informazione traumatica è il punto chiave più importante per decidere quando e quale tipo di tecnica di imaging è indicata. 2

Una domanda comune nei pazienti con trauma vertebrale è: esiste ancora un ruolo per la radiografia in pellicola normale rispetto alla TC?

Al fine di chiarire quando e cosa è più appropriato per il trauma spinale, sono state pubblicate diverse linee guida che distinguono il livello cervicale e toracolombare.

Trauma cervicale del midollo spinale: radiografia standard e indicazione multidetettore CT

Per il livello cervicale, la polemica persiste riguardo al metodo più efficiente ed efficace tra la radiografia cervicale standard con tre proiezioni di film (vista antero-posteriore e laterale più vista odontoidea a bocca aperta) e MDCT.

La radiografia è generalmente riservata alla valutazione dei pazienti con sospetto di lesione della colonna vertebrale cervicale e di quelli con lesioni delle aree toracica e lombare in cui il sospetto di lesione è basso. Nonostante l'assenza di uno studio controllato randomizzato e grazie all'alta qualità e alle prestazioni di MDCT e alla sua post-elaborazione (ricostruzione multiplanare e rendering tridimensionale del volume), la superiorità della TC cervicale (CCT) rispetto alla radiografia cervicale standard per il riscontro di lesioni della colonna vertebrale cervicale clinicamente significative è ben dimostrato.

Figura 1. (al). Un maschio di 20 coinvolto in un incidente in moto. La TC multidetettore con ricostruzioni multiplanari di rendering volume e rendering tridimensionale (a-d) mostrava una frattura traumatica di C6 con grado III di spondilolistesi posteriore traumatico con compressione del midollo spinale. La RM (e-h) ha confermato la frattura traumatica di C6 con spondilolistesi posteriore traumatica di grado III con grave compressione del midollo spinale. Il controllo della risonanza magnetica post-chirurgica (i-1) ha mostrato l'allineamento sagittale del livello cervicale e la grave alterazione del segnale di iperintensità del midollo spinale da C3 a T1.

Al fine di ridurre l'esposizione alle radiazioni del paziente, è importante determinare e selezionare i pazienti che necessitano di imaging e quelli che non lo fanno, attraverso la valutazione clinica e la probabilità di lesioni della colonna vertebrale cervicale, utilizzando solo MDCT per il paziente appropriato come è più costoso screening efficace.3

Prima di tutto, è necessario distinguere il tipo di trauma:

  • trauma minore (paziente stabile, attento mentalmente, non sotto l'influenza di alcol o altri farmaci e che non ha alcuna storia o reperti fisici che suggeriscono una lesione al collo)
  • trauma grave e grave (multitrauma, paziente instabile con una semplice disfunzione neurologica temporanea, con deficit neurologico focale o con una storia o un meccanismo di lesione sufficiente per aver superato l'intervallo di movimento fisiologico).

In secondo luogo, è importante stabilire se i fattori di rischio di trauma sono presenti, come ad esempio:

  • violenza del trauma: caduta ad alta energia (alto rischio) o caduta a bassa energia (basso rischio)
  • età del paziente: <5anni precedenti,> 65 anni
  • lesioni associate: testa, torace, addome (multitrauma) ecc.
  • segni clinici: Glasgow Coma Scale (GCS), deficit neurologico, deformazione vertebrale.

Combinando questi elementi, i pazienti possono essere divisi in "basso"
rischio "e" alto rischio "per lesioni cervicali.

Il primo gruppo è composto da pazienti che sono svegli (GCS 15), attenti, cooperativi e non intossicati senza alcun disturbo.

Il secondo gruppo consiste in pazienti incoscienti, sedati, intossicati o non cooperativi o in quelli con distrazione o in uno stato mentale alterato (GCS, 15) con una probabilità di 5% di lesioni della colonna vertebrale cervicale.3,4

La CCT ha un'indicazione più ampia rispetto ai raggi X per i pazienti ad alto rischio di lesione della colonna vertebrale cervicale (trauma maggiore o multitrauma). Nessuna prova suggerisce CCT invece di radiografia per un paziente che è a basso rischio di lesione della colonna vertebrale cervicale.5

Figura 2. (A-g). Un maschio di 30 coinvolto in un incidente in moto. La TC multidetettore con ricostruzioni multiplanari di rendering volume e rendering tridimensionale (a-d) mostrava una frattura traumatica da scoppio di L1 (classe Magerl di tipo A2) con dislocazione del frammento osseo posteriore nel canale spinale. La risonanza magnetica (e-g) ha confermato la frattura da scoppio di L1 con moderata compressione del midollo spinale.
Figura 3. (a-d) Un maschio di 50-year-old coinvolto in un incidente in moto con sintomi di compressione del midollo spinale acuto sul trattamento anticoagulante. La risonanza magnetica ha mostrato una lesione emorragica acuta allo spazio epidurale posteriore C2-C4, ipointense su T1 sagittale ponderato (a) e iperintenso su T2 ponderato (b) con compressione midollare e dislocazione su T2 * assiale (c) e T2 ponderato (d ).

In 2000, lo studio National Emergency X-Radiography Utilization (NEXUS), analizzando i pazienti 34,069, ha stabilito criteri a basso rischio per identificare pazienti con una bassa probabilità di lesioni della colonna vertebrale cervicale, che di conseguenza non avevano bisogno di imaging della colonna vertebrale cervicale. Per soddisfare i criteri NEXUS, un paziente deve avere le seguenti condizioni:

  1. nessuna tenerezza alla linea mediana posteriore del rachide cervicale
  2. nessun deficit focale neurologico
  3. normale livello di vigilanza
  4. nessuna prova di intossicazione
  5. nessuna lesione dolosa clinicamente apparente che potrebbe distogliere il paziente dal dolore di una lesione della colonna vertebrale cervicale.6

Se tutti questi ruoli sono presenti, il paziente non ha bisogno di sottoporsi a raggi X perché ha una bassa possibilità di avere una lesione della colonna vertebrale cervicale con una sensibilità di 99% e una specificità di 12.9% .7

In 2001, lo studio canadese C-spine rule (CCSR) ha sviluppato una seconda regola decisionale utilizzando il fattore di rischio del trauma: tre criteri ad alto rischio (età 65 anni, meccanismo pericoloso e parestesie negli arti), cinque criteri a basso rischio (semplice collisione di veicoli a motore posteriore, posizione seduta in pronto soccorso, deambulazione in qualsiasi momento, insorgenza ritardata del dolore al collo e assenza di dolorabilità della colonna cervicale) e capacità del paziente di ruotare attivamente il collo per determinare il bisogno per radiografia del rachide cervicale. In pratica, se uno di questi fattori di rischio è presente, il paziente deve sottoporsi a valutazione di imaging. D'altra parte, se i fattori di rischio non sono presenti, è necessario l'uso dei criteri NEXUS più una valutazione funzionale del rachide cervicale (rotazione della colonna cervicale sinistra e destra .45 °); se questa valutazione funzionale è possibile, l'imaging non è necessario. Se è presente un movimento cervicale incompleto, il paziente deve essere controllato con l'imaging. I risultati hanno mostrato i criteri per avere una sensibilità fino a 100% e una specificità fino a 42.5% .8

Applicando questi criteri, prima dell'imaging della colonna vertebrale cervicale, gli autori riportano una diminuzione di circa 23.9% nel numero di CCT negativi e applica un criterio NEXUS più liberale che include la presenza o l'assenza di dolore, gamma limitata di movimento o dolorabilità della colonna cervicale posterolaterale, segnalano una diminuzione fino a 20.2% nel numero di studi negativi.2

Se questi criteri clinici non possono essere applicati, la CCT deve essere eseguita.

Traumi gravi e gravi richiedono uno screening diretto della CCT, soprattutto perché potrebbero esserci lesioni associate, in base ai criteri ad alto rischio sviluppati da Blackmore e Hanson per identificare i pazienti con trauma ad alto rischio di danno c-colonna vertebrale che trarrebbero beneficio dalla TC come l'indagine radiologica primaria9 Figura 1.

Trauma spinale toraco-lombare: indicazione standard dei raggi X e multidetettore CT

Per il livello toracolombare, MDCT è un esame migliore per la rappresentazione delle fratture vertebrali rispetto alla radiografia convenzionale. Ha una più ampia indicazione nella diagnosi di pazienti con trauma toracolombare per la valutazione ossea. È più veloce dei raggi X, più sensibile, grazie alla ricostruzione multiplanare riformattata o al rendering del volume che rileva una piccola frattura corticale e l'allineamento sagittale può essere valutato con un'ampia valutazione del segmento.10

Può sostituire la radiografia convenzionale e può essere eseguito da solo in pazienti che hanno subito traumi gravi. 10

In effetti, le lesioni spinali toracolombari possono essere rilevate durante il protocollo TC mirato agli organi viscerali per la lesione traumatica smussata.

Figura 4. Una donna di 55 anni coinvolta in un incidente d'auto con brachialgia cervicale sinistro acuto. La sagittale T2 ponderata (a) e assiale T2 ponderata (b) MRI ha mostrato un'ernia posterolaterale post-traumatica con compressione del midollo spinale e un'alterazione del hyper hyper morbido sul midollo spinale C3-C4.

Grazie alla tecnologia multidetector, le immagini ricostruite utilizzando un algoritmo morbido e un campo visivo ampio che copre l'intero addome utilizzando un protocollo mirato all'organo viscerale con collimazione 1.5-mm sono sufficienti per la valutazione delle fratture vertebrali nei pazienti con trauma, dato che Le immagini riformattate multiplanare sono fornite senza eseguire nuovo studio TC e senza aumentare la dose di radiazioni11 Figura 2.

Con MDCT non ci sono informazioni sullo stato del midollo spinale o sulla lesione del legamento o sull'ematoma epidurale acuto; può solo valutare lo stato osseo. La lesione del midollo spinale è sospettata solo da dati clinici.

La CCT è strettamente raccomandata nei pazienti affetti da lesioni cerebrovascolari non affilate. Entrambe le lesioni possono essere strettamente correlate e generalmente; la somministrazione di mezzo di contrasto per escludere la lesione emorragica del cervello e la frattura cervicale non è necessaria. 10

Dr Jimenez White Coat

La risonanza magnetica, o risonanza magnetica, è una tecnica di valutazione diagnostica medica utilizzata in radiologia per creare immagini dell'anatomia e dei processi fisiologici del corpo umano. Accanto alla radiografia e alla TC, la RM può essere utile nella diagnosi del trauma spinale, comprese le fratture vertebrali e le lesioni del midollo spinale. La risonanza magnetica potrebbe non essere necessaria per tutti i casi di trauma spinale. Tuttavia, potrebbe fornire informazioni dettagliate sugli altri tessuti molli della colonna vertebrale.

Dr. Alex Jimenez DC, CCST

Trauma spinale e risonanza magnetica

Anche se MDCT è la prima modalità di imaging in un paziente con trauma, la risonanza magnetica è essenziale per la valutazione morbida delle lesioni del legamento, del muscolo o del midollo spinale, del midollo spinale, del disco, dei legamenti e degli elementi neurali, in particolare utilizzando sequenze pesate T2 con soppressione del grasso o T2 sequenza di recupero inversione tau (STIR) .12 La risonanza magnetica viene anche utilizzata per classificare la frattura da scoppio, ottenendo informazioni sullo stato del complesso legamentoso posteriore, un determinante critico dell'indicazione chirurgica anche se la diagnosi delle lesioni legamentose rimane complessa e il suo grado è anche sottostimato usando MRI.13 ad alto campo

Figura 5. Una femmina di 65 anni coinvolta in traumi domestici con sintomi del midollo spinale. La sagittale T1 ponderata (a) e T2 ponderata (b) ha mostrato una traumatica T12-L1 contusione ipertensione del midollo spinale su T1 ponderata e iperintensa su T2 ponderata.

Nella gestione dei pazienti con politrauma, la MDCT è necessaria in caso di emergenza e l'indicazione dell'intera colonna vertebrale RM è secondaria rispetto allo stato clinico del paziente: sindrome da compressione del midollo spinale Protocolli 3-5 MRI consigliati per i pazienti affetti per trauma spinale e trauma sono i seguenti: 13,14

  • Sagittale T1 ponderata, T2 ponderata e sequenza STIR per il midollo osseo e lesioni del midollo spinale o valutazione della compressione del midollo spinale a causa di ematoma epidurale o ernia traumatica del disco
  • Sequenza sagittale di eco T2 * sequenza per la valutazione dell'emorragia del midollo spinale o nello spazio epidurale-subdurale
  • Imaging pesata con diffusione sagittale utile nella valutazione delle lesioni del midollo spinale, che distingue il citotossico dall'edema vasogenico, aiutando a rilevare emorragia intramidollare. Può aiutare a valutare il grado di midollo spinale compresso.
  • Assiale T1 ponderata e sequenza pesata T2 per la corretta localizzazione della lesione. Recentemente, per i pazienti affetti da trauma contusivo acuto e lesione del midollo spinale cervicale, la sequenza ponderata assiale di T2 si è dimostrata importante per i risultati di predizione del trauma. Sull'immagine assiale pesata con T2, è possibile distinguere cinque pattern di alterazione del segnale midollo spinale endomidollare in corrispondenza dell'epicentro della lesione. I valori ordinali che vanno da 0 a 4 possono essere assegnati a questi modelli come punteggi Brain e Spinal Injury Center, che comprendevano lo spettro della gravità della lesione del midollo spinale correlato ai sintomi neurologici e all'imaging RMN assiale T2 ponderato. Questo punteggio migliora sulle attuali descrizioni prognostiche basate sulla risonanza magnetica per la lesione del midollo spinale riflettendo modelli funzionali e anatomicamente significativi di anormalità del segnale T2 intramidollare nel piano assiale. 15
Figura 6. Una femmina di 20 anni addetta a traumi domestici con resistenza alla schiena alla terapia medica. La radiografia standard antero-posteriore-laterolaterale (a) non mostrava fratture vertebrali. La risonanza magnetica ha mostrato un'alterazione del midollo osseo al iperintenso del corpo vertebrale lombare su T2 ponderato (T2W) (a), ipointenso su T1 ponderato (T1W) (b) e recupero di inversione tau corto (STIR) (c).

La risonanza magnetica ha anche un ruolo importante in caso di discordanza tra stato clinico e imaging TC. In assenza di fratture vertebrali, i pazienti possono soffrire di mal di schiena resistente alla terapia medica a causa di edema traumatico di midollo osseo che può essere rilevato solo utilizzando la sequenza STIR sulla Figura RMN 6.

Nella lesione del midollo spinale senza anomalie radiologiche (SCI-WORA), la RM è l'unica modalità di imaging in grado di rilevare patologie intramidollari o extramidollari o mostrare l'assenza di anomalie di neuroimaging. 16 SCIWORA si riferisce a lesioni spinali, localizzate tipicamente nella regione cervicale, nel assenza di lesioni ossee o legamentose identificabili su radiografie standard o TC complete, tecnicamente adeguate. SCIWORA deve essere sospettato in pazienti sottoposti a trauma da radiatore che riportano sintomi precoci o transitori di deficit neurologico o che hanno già riscontrato risultati sulla valutazione iniziale. 17

Tipo e classificazione delle fratture vertebrali

La logica di imaging è quella di distinguere il tipo di frattura vertebrale in due gruppi:

• frattura da compressione vertebrale come frattura del corpo vertebrale
comprimendo la corteccia anteriore, risparmiando il centro posteriore
colonne associate o meno alla cifosi
• frattura da scoppio come frattura comminuta del corpo vertebrale
estendendosi attraverso le placche terminali superiori e inferiori con cifosi o spostamento posteriore dell'osso nel canale. e per distinguere quale tipo di trattamento ha bisogno il paziente; mediante imaging, è possibile classificare le fratture in fratture stabili o instabili, dando indicazioni alla terapia conservativa o chirurgica.

Figura 7. (a-f) Una femmina di 77 anni coinvolta in traumi domestici con resistenza alla schiena alla terapia medica. Il multidetettore CT (a) non mostrava fratture vertebrali. La risonanza magnetica ha mostrato una frattura di Magerl A1 con edema del midollo osseo al corpo vertebrale T12-L1 hypointense su T1 ponderato (b), iperintenso su T2 ponderato (c) e recupero di inversione tau corto (d) trattato da vertebroplastica (e-f).
Figura 8. (a-d) Un maschio di 47 coinvolto in un incidente in moto con resistenza alla schiena e terapia medica. La risonanza magnetica ha mostrato una frattura di Magerl A1 con edema del midollo osseo al corpo vertebrale T12 hypointense su T1 ponderato (a) iperintenso su T2 ponderato (b) e recupero di inversione tau corta (c) trattato con tecnica di vertebroplastica vertebrale assistita (tecnica di stenting del corpo ).

Utilizzando MDCT e MRI, grazie alla morfologia e alla distribuzione degli infortuni, sono stati utilizzati vari sistemi di classificazione per identificare le lesioni che richiedono un intervento chirurgico, distinguendo tra fratture stabili e instabili e fratture chirurgiche e non chirurgiche.1

Denis ha proposto il "concetto a tre colonne", dividendo il segmento spinale in tre parti: colonne anteriore, centrale e posteriore. La colonna anteriore comprende il legamento longitudinale anteriore e la metà anteriore del corpo vertebrale; la colonna centrale comprende la metà posteriore del corpo vertebrale e il legamento longitudinale posteriore; e la colonna posteriore comprende i peduncoli, le faccette articolari e i legamenti sopraspinali. Ogni colonna ha diversi contributi alla stabilità e i loro danni possono influenzare la stabilità in modo diverso. Generalmente, se due o più di queste colonne sono danneggiate, la colonna vertebrale diventa instabile.18

Magerl ha suddiviso la frattura vertebrale da compressione (VCF) in tre categorie principali in base alla forza del trauma: (a) lesioni da compressione, (b) lesioni da distrazione e (c) lesioni da rotazione. Il tipo A ha un'indicazione di trattamento mini-invasiva conservativa o non chirurgica. 19

Il sistema di classificazione e gravità delle lesioni toracolombari (TLICS) assegna valori numerici a ciascuna lesione in base alle categorie di morfologia della lesione, integrità del legamento posteriore e coinvolgimento neurologico. I modelli di lesioni stabili (TLICS, 4) possono essere trattati in modo non operatorio con immobilizzazione del tutore. I modelli di lesioni instabili (TLICS.4) possono essere trattati operativamente con i principi della correzione della deformità, della decompressione neurologica se necessario e della stabilizzazione spinale.20

La classificazione Aebi si basa su tre gruppi principali: A = lesioni della colonna anteriore isolata per compressione assiale, B = rottura del complesso legamentoso posteriore per distrazione posteriormente e C = corrispondente al gruppo B ma con rotazione. Esiste una gravità crescente da A a C, e all'interno di ciascun gruppo, la gravità aumenta di solito all'interno dei sottogruppi da 1 a 3. Tutte queste patomorfologie sono supportate dal meccanismo della lesione, che è responsabile per l'entità della lesione. Il tipo di lesione con i suoi gruppi e sottogruppi è in grado di suggerire la modalità di trattamento. 21

Frattura toracolombare e procedura di incremento vertebrale mini invasivo: bersaglio per imaging

Recentemente, sono state sviluppate diverse procedure mininvasive denominate vertebroplastica assistita (tecniche di kifoplastica con palloncino KP o tecniche di cifoplastica) al fine di ottenere la correzione del sollievo dal dolore e della cifosi come trattamento alternativo per la frattura vertebrale non chirurgica ma sintomatica.

La logica di queste tecniche è quella di combinare l'effetto di consolidamento analgesico e vertebrale della vertebroplastica con il ripristino dell'altezza fisiologica del corpo vertebrale collassato, riducendo la deformità cifotica del corpo vertebrale, fornendo cemento nel corpo vertebrale fratturato con un effetto di stabilizzazione vertebrale rispetto alla terapia conservativa (riposo a letto e terapia medica) .22

Dal punto di vista dell'intervento, l'imaging ha un ruolo importante per l'indicazione del trattamento insieme alla valutazione clinica. Sia MDCT che MRI sono consigliati Figura 7 e 8.

Infatti, MDCT ha il vantaggio di diagnosticare VCF con deformità della cifosi facilmente, mentre la risonanza magnetica con sequenza STIR è utile per valutare l'edema del midollo osseo, un importante segno di mal di schiena.

I pazienti affetti da frattura vertebrale senza edema del midollo osseo sulla sequenza STIR non sono indicati per la procedura interventistica.

Secondo l'imaging, le fratture di classificazione di Magerl A1 sono l'indicazione principale del trattamento.

Tuttavia, il trattamento deve essere eseguito entro 2-3 settimane dal trauma al fine di evitare la risposta dell'osso sclerotico: più giovani sono le fratture, migliori sono i risultati e più facile il trattamento e l'effetto di aumento vertebrale. Per escludere la reazione ossea sclerotica, è raccomandata la TC.

Conclusione

La gestione del trauma spinale rimane complessa. MDCT ha un'ampia indicazione per la valutazione ossea in pazienti affetti da trauma grave o pazienti con alto rischio di lesioni della colonna vertebrale. La risonanza magnetica ha un'indicazione importante nel caso di lesioni del midollo spinale e l'assenza di lesione ossea. La valutazione diagnostica del trauma spinale, tra cui radiografia, tomografia computerizzata e risonanza magnetica, è fondamentale per la diagnosi delle fratture vertebrali e delle lesioni del midollo spinale per il trattamento. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Pulsante Green Call Now H .png

Argomenti aggiuntivi: mal di schiena acuto

Mal di schiena è una delle più diffuse cause di disabilità e giorni persi al lavoro in tutto il mondo. Il dolore alla schiena è il secondo motivo più comune per le visite di un medico, superate solo dalle infezioni delle alte vie respiratorie. Circa il 80 percento della popolazione subirà un dolore alla schiena almeno una volta nella vita. La colonna vertebrale è una struttura complessa composta da ossa, articolazioni, legamenti e muscoli, tra gli altri tessuti molli. A causa di ciò, lesioni e / o condizioni aggravate, come dischi erniciati, può eventualmente portare a sintomi di mal di schiena. Le lesioni sportive o gli incidenti automobilistici sono spesso la causa più frequente di mal di schiena, tuttavia a volte il più semplice dei movimenti può avere risultati dolorosi. Fortunatamente, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica, possono aiutare ad alleviare il mal di schiena attraverso l'uso di aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, in definitiva migliorando il sollievo dal dolore.

foto di blog del fumetto carta ragazzo

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE: Terapia chiropratica per dolore alla sciatica

luminoso
Referenze
  1. Pneumaticos SG, Triantafyllopoulos GK, Giannoudis PV. Progressi nel trattamento delle fratture toracolombari: tendenze attuali e direzioni future. Infortunio 2013; 44: 703-12. doi: 10.1016 / j.injury.2012.12.005

  2. Griffith B, Bolton C, Goyal N, Brown ML, Jain R. Screening della colonna vertebrale cervicale CT in un centro traumatologico di livello I: sovrautilizzazione? AJR Am J Roentgenol 2011; 197: 463-7.doi: 10.2214 / AJR.10.5731

  3. Hanson JA, Blackmore CC, Mann FA, Wilson AJ. Lesione della colonna vertebrale cervicale: una regola di decisione clinica per identificare i pazienti ad alto rischio per TC helico. AJR Am J Roentgenol 2000; 174: 713-17.

  4. Saltzherr TP, Fung Kon Jin PH, Beenen LF, Vandertop WP, Goslings JC. Imaging diagnostico delle lesioni della colonna vertebrale cervicale in seguito a trauma contusivo: una revisione della letteratura e delle linee guida pratiche. Infortunio 2009; 40: 795-800. doi: 10.1016 / j.injury.2009.01.015

  5. Holmes JF, Akkinepalli R. Tema computerizzato contro radiografia normale per lo screening della lesione della colonna vertebrale cervicale: una meta-analisi. J Trauma 2005; 58: 902-5. doi: 10.1097 / 01. TA.0000162138.36519.2A

  6. Hoffman JR, Wolfson AB, Todd K, Mower WR. Radiografia del rachide cervicale selettiva in trauma contusivo: metodologia dello Studio di utilizzo della radiografia X di emergenza nazionale (NEXUS). Ann Emerg Med 1998; 32: 461-9. doi: 10.1016 / S0196-0644 (98) 70176-3

  7. Dickinson G, Stiell IG, Schull M, Brison R, Clemente CM, Vandemheen KL, et al. Applicazione retroattiva dei criteri a basso rischio NEXUS per la radiografia del rachide cervicale nei dipartimenti di emergenza canadesi. Ann Emerg Med 2004; 43: 507-14. doi: 10.1016 / j. annemergmed.2003.10.036

  8. Stiell IG, Wells GA, Vandemheen KL, Clement CM, Lesiuk H, De Maio VJ, et al. La regola canadese C-spine per radiografia in

pazienti con trauma vigili e stabili. JAMA 2001;

286: 1841-8. doi: 10.1001 / jama.286.15.1841 9. Berna JD, Velmahos GC, El-Tawil Q, Deme- triades D, Asensio JA, Murray JA, et al. Valore

di completa scansione cervicale computerizzata elicoidale calcolata per identificare la lesione della colonna vertebrale cervicale nel paziente traumatizzato da un trauma incompleto con lesioni multiple: uno studio prospettico. J Trauma 1999; 47: 896-902. doi: 10.1097 / 00005373-199911000-00014

10. Wintermark M, Mouhsine E, Theumann N, Mordasini P, van Melle G, Leyvraz PF, et al. Fratture della colonna vertebrale toracolombare in pazienti che hanno subito traumi gravi: raffigurazione con CT di fila a più rivelatori. Radiologia 2003; 227: 681-9. doi: 10.1148 / radiol.2273020592

11. Kim S, Yoon CS, Ryu JA, Lee S, Park YS, Kim SS, et al. Confronto tra le prestazioni diagnostiche dei protocolli mirati vertebrali vertebrali mirati all'organo per la valutazione delle fratture vertebrali mediante tomografia computerizzata a 16 canali multidetettore: è una tomografia computerizzata addizionale mirata alla colonna vertebrale necessaria per valutare le fratture vertebrali toracolombari in vittime di traumi contusivi? J Trauma 2010; 69: 437-46. doi: 10.1097 / TA.0b013e3181e491d8

12. Pizones J, Castillo E. Valutazione delle fratture acute del toracolumbar: sfide nella tomografia computerizzata del multitesteritore e valore aggiunto dell'emergenza MRI. Semin Musculoskelet Radiol 2013; 17: 389-95. doi: 10.1055 / s- 0033-1356468

13. Emery SE, Pathria MN, Wilber RG, Masaryk T, Bohlman HH. Immagine di risonanza magnetica della lesione del legamento vertebrale post-traumatico. J Spinal Disord 1989; 2: 229-33. doi: 10.1097 / 00002517-198912000-00003

14. Zhang JS, Huan Y. Multishot caratteristiche di imaging MR ponderate alla diffusione nel trauma acuto del midollo spinale. Eur Radiol 2014; 24: 685-92. doi: 10.1007 / s00330-013-3051-3

15. Talbott JF, Whetstone WD, Readdy WJ, Ferguson AR, Bresnahan JC, Saigal R, et al. Il punteggio Cervello e Spinale Injury Center:
un metodo nuovo, semplice e riproducibile per valutare la gravità della lesione cervicale del midollo spinale con reperti RMN assiali ponderati con T2. J Neurosurg Spine 2015; 23: 495-504. doi: 10.3171 / 2015.1.SPINE141033

16. Boese CK, Oppermann J, Siewe J, Eysel P, Scheyerer MJ, Lechler PJ. Lesione del midollo spinale senza anomalia radiologica nei bambini: una revisione sistematica e una meta-analisi. Trauma Acute Care Surg 2015; 78: 874-82. doi: 10.1097 / TA.0000000000000579

17. Brown RL, Brunn MA, Garcia VF. Lesioni della colonna vertebrale cervicale nei bambini: una revisione di
I pazienti 103 trattati in modo consecutivo presso un centro traumatologico pediatrico 1 di livello. J Pediatr Surg 2001; 36: 1107-14. doi: 10.1053 / jpsu.2001.25665

18. Denis F. La colonna vertebrale a tre colonne e il suo significato nella classificazione delle lesioni spinali toracolombari acute. Spine (Phila Pa 1976) 1983; 8: 817-31. doi: 10.1097 / 00007632-198311000-00003

19. Magerl F, Aebi M, Gertzbein SD, Harms J, Nazarian S. Una classificazione completa delle lesioni toraciche e lombari. Eur Spine J 1994; 3: 184-201.

20. Patel AA, Dailey A, Brodke DS, Daubs M, Harrop J, Whang PG, et al; Spine Trauma Study Group. Classificazione del trauma vertebrale toracolombare: il sistema di classificazione delle lesioni toracolombari e del punteggio di gravità ed esempi di casi. J Neurosurg Spine 2009; 10: 201-6. doi: 10.3171 / 2008.12.SPINE08388

21. Aebi M. Classificazione delle fratture e delle lussazioni toracolombari. Eur Spine J 2010; 19 (Suppl. 1): S2-7. doi: 10.1007 / s00586-009-1114-6

22. Muto M, Marcia S, Guarnieri G, Pereira V. Tecniche assistite per la cementoplastica vertebrale: perché dovremmo farlo? Eur J Radiol 2015; 84: 783-8. doi: 10.1016 / j.ejrad.2014.04.002

Chiudi fisarmonica