Fare clic su Fraud Monitoring
Seleziona Pagina

Quando sei stato coinvolto in a Car Crash, le lesioni da incidente automobilistico derivanti dall'incidente potrebbero non avere sempre una causa fisica. Il disagio emotivo dovuto a traumi o lesioni derivanti dall'impatto di un incidente automobilistico può essere spesso così immenso, può portare a una varietà di sintomi dolorosi. Se tale stress non viene trattato immediatamente, potrebbe portare allo sviluppo di condizioni psicologiche. Stress, ansia, depressione e nei casi più gravi, PTSD, o disturbo da stress post traumatico, sono alcuni dei problemi psicologici più comuni che si possono incontrare dopo un incidente automobilistico traumatico.

Ansia e paure irrazionali

In molti casi, la vittima di un incidente automobilistico può sviluppare paure irrazionali a seguito dell'incidente. In realtà, molte di queste persone riferiscono di provare ansia per tornare al volante. Per loro, la paura di trovarsi in un altro incidente potrebbe infine farli evitare di guidare del tutto. Per molti altri ancora, la paura irrazionale di subire un attacco di panico mentre è in viaggio può essere la causa per loro di evitare completamente la guida. Se l'ansia e le paure irrazionali causate dal disagio emotivo di un incidente automobilistico peggiorano, si può scoraggiare in modo permanente una persona dal guidare di nuovo.

Depressione

È anche possibile che le persone che sono state coinvolte in un incidente automobilistico sviluppino la depressione in seguito all'incidente. Alla fine, finisci per sperimentare un trauma psicologico a causa di un trauma fisico. Ci sono numerosi sintomi di depressione che potresti facilmente riconoscere. Questi includono problemi con il sonno, perdita dell'appetito e mal di testa. Man mano che peggiora, tuttavia, potresti finire per sentirti triste o senza speranza per tutto il tempo, il che potrebbe portare a un peggioramento dei sintomi.

Disturbo post traumatico da stress (PTSD)

È altamente possibile che le persone coinvolte in un incidente automobilistico soffrano di disturbo post traumatico da stress o PTSD. Secondo il National Center For PTSD, tanto quanto 9 per cento delle persone che subiscono incidenti automobilistici finiscono per soffrire di PTSD. Inoltre, almeno il 14 percento dei sopravvissuti a incidenti automobilistici che cercano cure mentali stanno vivendo un DPTS.

Un nuovo studio di ricerca ha dimostrato che gli interventi di mindfulness potrebbero essere altrettanto essenziali per la vostra salute come trattamento tradizionale, specialmente se avete un disturbo post traumatico da stress o PTSD. I ricercatori hanno dimostrato che la cura chiropratica può portare ad un sostanziale progresso nella componente di stress mente-corpo della salute e del benessere generale di un paziente.

Cura chiropratica per lesioni da incidente automobilistico

Affrontare gli incidenti automobilistici, come il colpo di frusta, che si traduce anche in ansia e paure irrazionali, depressione e in particolare PTSD, richiede una strategia multidisciplinare. La chiropratica è un'opzione di trattamento alternativo che si concentra su lesioni e / o condizioni del sistema muscolo-scheletrico e nervoso. Un chiropratico utilizza comunemente aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali per correggere accuratamente i disallineamenti spinali, o sublussazioni, che potrebbero causare dolore e disagio. Rilasciando la pressione e la tensione muscolare, un medico chiropratico o chiropratico può aiutare a ridurre lo stress e il disagio emotivo che potrebbero causare l'ansia, le paure irrazionali, la depressione e il DPTS. Se è necessario ulteriore aiuto, il chiropratico può consigliare i pazienti al miglior specialista sanitario per aiutarli con i loro sintomi. Lo scopo del seguente articolo è di dimostrare la prevalenza del DPTS sulle persone coinvolte in a incidente stradale oltre a mostrare come gli interventi di mindfulness possono infine migliorare e gestire i sintomi dello stress che le persone possono sperimentare dopo un incidente stradale.

Previsione del disturbo da stress post traumatico da reazioni immediate al trauma: uno studio prospettico in vittime di incidenti stradali

astratto

Gli incidenti stradali provocano spesso gravi conseguenze fisiche e psicologiche. Specialisti di varie facoltà mediche sono coinvolti nel trattamento delle vittime di incidenti. Poco si sa sui fattori che potrebbero prevedere i disturbi psichiatrici, ad esempio il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) dopo gli incidenti e in che modo i problemi psicologici influenzano il trattamento fisico. In uno studio prospettico 179 non selezionato, le vittime di incidenti stradali ammesse consecutivamente sono state valutate pochi giorni dopo l'incidente per diagnosi psichiatriche, gravità delle lesioni e psicopatologia. Tutti erano degenti e dovevano essere trattati per le fratture ossee. Alla valutazione di follow-up di 6 mesi 152 (85%) dei pazienti è stato nuovamente intervistato. Tra i pazienti, 18.4% ha soddisfatto i criteri per il Disturbo Post Traumatico da Stress (DSM-III-R) entro 6 mesi dopo l'incidente. I pazienti che hanno sviluppato PTSD sono stati feriti in modo più grave e hanno mostrato più sintomi di ansia, depressione e PTSD pochi giorni dopo l'incidente rispetto ai pazienti senza diagnosi psichiatrica. I pazienti con PTSD sono rimasti significativamente più a lungo in ospedale rispetto agli altri pazienti. L'analisi di regressione multipla ha rivelato che la durata del ricovero era dovuta principalmente a una varietà di fattori come la gravità delle lesioni, la gravità dell'incidente, la personalità premorbosa e la psicopatologia. Il disturbo da stress post-traumatico è comune dopo gli incidenti stradali. I pazienti con PTSD al follow-up possono essere identificati dai risultati della valutazione iniziale. Le sequele psicologiche non trattate come il PTSD causano un ricovero più lungo e quindi più costi rispetto ai pazienti non affetti da PTSD.

Terapia ed esercizio cognitivo comportamentale focalizzati sul trauma per il colpo di frusta cronico: protocollo di una sperimentazione controllata randomizzata

astratto

  • Introduzione: Come conseguenza di un incidente stradale, il dolore e l'invalidità persistenti dopo il colpo di frusta sono comuni e comportano sostanziali costi personali ed economici. Fino al 50% di persone che subiscono una ferita da colpo di frusta non si riprenderà mai completamente e fino a 30% rimarrà moderatamente disabilitato gravemente dalla condizione. La ragione per cui i sintomi persistono oltre lo stadio acuto e subacuto e diventa cronica non è chiara, ma probabilmente deriva da interazioni complesse tra lesioni strutturali, menomazioni fisiche e fattori psicologici e psicosociali. Le risposte psicologiche legate all'evento traumatico stesso stanno diventando un fattore sempre più riconosciuto nella condizione di colpo di frusta. Nonostante questo riconoscimento, vi sono conoscenze limitate sull'efficacia degli interventi psicologici, somministrati da soli o in combinazione con la fisioterapia, nel ridurre i fattori psicologici fisici e legati al dolore del colpo di frusta cronico. I risultati dello studio pilota hanno mostrato risultati positivi per l'uso della terapia del comportamento cognitivo incentrato sul trauma per trattare i fattori psicologici, il dolore e la disabilità negli individui con colpo di frusta cronico. I risultati hanno indicato che un approccio combinato potrebbe non solo ridurre i sintomi psicologici, ma anche il dolore e la disabilità.
  • Obiettivi: L'obiettivo principale di questo studio randomizzato e controllato è quello di indagare l'efficacia della terapia cognitivo comportamentale focalizzata sul trauma, erogata da uno psicologo, e l'esercizio fisioterapico per ridurre il dolore e la disabilità degli individui con colpo di frusta cronica e disturbo da stress post-traumatico (PTSD) . Lo studio ha anche lo scopo di investigare l'efficacia della terapia combinata nel ridurre i sintomi di stress post-traumatico, l'ansia e la depressione.
  • Partecipanti e Setting: Un totale di partecipanti 108 con disturbo cronico associato a colpo di frusta (WAD) di grado> di 3 mesi e <5 anni di durata e PTSD (diagnosticato con PTSD Scale (CAPS) del clinico secondo il DSM-5) saranno reclutati per il studia. I partecipanti saranno valutati tramite screening telefonico e di persona presso un laboratorio di ricerca universitario. Gli interventi si svolgeranno nel sud-est del Queensland, in Australia e nel sud della Danimarca.
  • Intervento: La terapia psicologica verrà erogata una volta alla settimana per le settimane 10, con i partecipanti assegnati casualmente a una terapia cognitivo-comportamentale focalizzata sul trauma o terapia di supporto, entrambi erogati da uno psicologo clinico. I partecipanti riceveranno quindi dieci sessioni di esercizi di fisioterapia basati sull'evidenza erogati in un periodo di 6-settimana.
  • Misure di esito: La principale misura di esito è la disabilità del collo (Neck Disability Index). I risultati secondari si concentrano su: intensità del dolore; presenza e gravità del PTSD (Lista di controllo CAPS V e PTSD 5); disagio psicologico (depressione, ansia stress scala 21); funzionalità percepita dal paziente (SF-12, scala di Tampa di Kinesiofobia e scala funzionale specifica per il paziente); e auto-efficacia specifica del dolore e catastrofica (Pain Self-Efficacy Questionnaire e Pain Catastrophizing Scale). Dopo la psicoterapia (10 settimane dopo la randomizzazione) e la fisioterapia (16 settimane dopo la randomizzazione), così come ai follow-up di 6-mese e 12-mese, un valutatore cieco misurerà i risultati.
  • Analisi: Tutte le analisi saranno condotte su base intention-to-treat. I risultati primari e secondari misurati saranno analizzati utilizzando modelli di regressione lineare e mista. Ogni effetto del sito (Australia o Danimarca) sarà valutato includendo un termine di interazione sito per trattamento in base al tempo nelle analisi di modelli misti. La modifica dell'effetto sarà valutata solo per l'esito primario dell'Indice Disabilità del collo.
  • Discussione: Questo studio fornirà una valutazione definitiva degli effetti dell'aggiunta di terapia cognitivo-comportamentale focalizzata sul trauma all'esercizio di fisioterapia per soggetti con WAD cronico e PTSD. Questo studio può influenzare la gestione clinica delle lesioni da colpo di frusta e avrà un'immediata applicabilità clinica in Australia, Danimarca e nella più ampia comunità internazionale. Lo studio avrà anche implicazioni per i responsabili delle politiche sanitarie e assicurative nel loro processo decisionale riguardo alle opzioni di trattamento e ai finanziamenti.

Introduzione

Il dolore e l'invalidità persistenti dopo il colpo di frusta a seguito di un incidente stradale (RTC) sono comuni e comportano sostanziali costi personali ed economici. Fino al 50% di persone che subiscono una ferita da colpo di frusta non si riprenderà mai completamente e fino a 30% rimarrà moderatamente disabilitato gravemente dalla condizione [1-3]. Meno riconosciuti sono i problemi di salute mentale che accompagnano questa condizione. La prevalenza di disturbi psichiatrici è stata dimostrata essere 25% per PTSD, 31% per Episodio Depressivo Maggiore e 20% per Disturbo d'Ansia Generalizzato [4-6]. Il danno da colpo di frusta rappresenta la stragrande maggioranza delle richieste presentate nonché i maggiori costi sostenuti nel regime obbligatorio di terze parti del Queensland [7]. In Australia, le lesioni da colpo di frusta comprendono all'incirca il 75% di tutte le lesioni da RTC sopravvissute [8] con costi totali superiori a $ 950 M all'anno [9], superando i costi sia per il midollo spinale che traumatico [7]. In Danimarca, il colpo di frusta costa circa 300 milioni di dollari l'anno se è inclusa la perdita di lavoro [10].

Il dolore al collo è il sintomo cardinale delle persone che hanno subito lesioni da colpo di frusta. È generalmente accettato che ci sia un danno periferico iniziale di qualche tipo al collo [11] sebbene la struttura specifica danneggiata nei singoli pazienti sia difficile da identificare clinicamente con le attuali tecniche di imaging. La ragione per cui i sintomi persistono oltre lo stadio acuto a quello subacuto e diventa cronica non è chiara, ma probabilmente deriva da complesse interazioni tra lesioni strutturali, menomazioni fisiche, fattori psicologici e psicosociali [12]. Tuttavia è chiaro che il WAD cronico è una condizione eterogenea e complessa che coinvolge menomazioni fisiche come perdita di movimento, schemi di movimento disturbati e disturbi sensoriali [13] così come risposte psicologiche correlate al dolore come catastrofiche [14, 15], chinesiofobia [16] , evitamento di attività e scarsa auto-efficacia per il controllo del dolore [17]. Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che i sintomi post-traumatici da stress o il disagio correlato all'evento sono comuni [18-20]. Quindi sembrerebbe logico che gli interventi mirati sia alle manifestazioni fisiche che psicologiche della condizione di colpo di frusta sarebbero di beneficio.

In contrasto con molte comuni condizioni di dolore muscoloscheletrico (ad es. Dolore lombare, dolore al collo non specifico) il dolore al collo associato al colpo di frusta si verifica di solito a seguito di un evento traumatico, vale a dire un incidente automobilistico. Le risposte psicologiche correlate all'evento traumatico stesso, i sintomi di stress post-traumatico, stanno emergendo come un importante fattore psicologico aggiuntivo nella condizione di colpo di frusta. Dati recenti indicano che i sintomi di stress post-traumatico sono prevalenti in individui che hanno subito lesioni da colpo di frusta a seguito di incidenti automobilistici [18, 20, 21]. La presenza precoce di sintomi di stress post-traumatico si è dimostrata associata a un scarso recupero funzionale dalla lesione [13, 18]. Dati recenti del nostro laboratorio hanno dimostrato che in seguito a lesioni da colpo di frusta 17% di individui seguirà una traiettoria di sintomi di stress post-traumatico moderato / grave che persistono per almeno 12 mesi e 43% seguirà una traiettoria di sintomi iniziali moderati che diminuiscono ma rimangono a livelli da lievi a moderati (sub-clinici) per almeno 12 mesi (la durata dello studio) [4]. Vedi la Figura 1. Queste cifre sono significative in quanto sono simili alla prevalenza del DPTS negli individui ricoverati in ospedale a seguito di lesioni "più gravi" ai veicoli a motore [22].

Figura dati 1 da partecipanti infortuni con colpo di frusta

Figura 1: I dati dei partecipanti al colpo di frusta 155 feriti misurati a 1, 3, 6 e 12 mesi dopo l'incidente. La scala diagnostica post-traumatica (PDS) è stata misurata in ciascun momento. La modellizzazione della traiettoria basata sul gruppo ha identificato i percorsi clinici distinti di 3 (traiettorie). 1. Cronico moderato / grave (17%) 2. Recupero: livelli moderati iniziali di stress post-traumatico che diminuiscono a livelli moderati / moderati. 3. Resiliente: sintomi trascurabili in tutto2. Punteggio sintomatologia PDS Cut-off: 1-10 mild, 11-20 moderato, 21-35.

Sebbene il WAD cronico sia un considerevole problema di salute, il numero di studi randomizzati controllati pubblicati (RCT) è molto limitato [23]. Una recente revisione sistematica ha concluso che esistono prove che suggeriscono che i programmi di esercizio sono modestamente efficaci nell'alleviare il dolore legato al colpo di frusta, almeno nel breve periodo [23]. Ad esempio, Stewart et al [24] hanno mostrato solo un punto 2 (su scala 10 in scala) dei livelli di dolore subito dopo un intervento di gestione funzionale di 6 settimana che aderisce ai principi CBT correlati al dolore ma senza effetti significativi sostenuti a più follow-up a lungo termine dei mesi 6 e 12. In un RCT preliminare condotto nel nostro laboratorio (pubblicato su 2007), un approccio all'esercizio più specifico sul collo ha anche prodotto solo effetti modesti, in quanto i punteggi di dolore e disabilità sono diminuiti solo da quantità clinicamente rilevanti (8 ± 14% sull'Indice di disabilità del collo) quando rispetto ad una singola sessione di consulenza [25].

La revisione sistematica ha anche concluso che vi sono prove contrastanti riguardo all'efficacia degli interventi psicologici somministrati da soli o in combinazione con la fisioterapia [23]. Gli studi inclusi nella revisione erano di qualità variabile e CBT per lo più utilizzati in qualche formato per affrontare le cognizioni e il disagio relativi al dolore [26, 27]. Nessuno studio ha specificamente mirato ai sintomi di PTSD.

Quindi la proposta apparentemente logica di interventi mirati ai fattori psicologici fisici e legati al dolore del WAD cronico non sta funzionando bene come sarebbe stato previsto. Questa aspettativa si basa su risultati più favorevoli con tali approcci per altre condizioni di dolore muscolo-scheletrico come la parte bassa della schiena [28].

Nel tentativo di comprendere perché gli approcci riabilitativi di esercizio non sono molto efficaci per il WAD cronico, abbiamo intrapreso uno studio controllato randomizzato finanziato da NHMRC (570884) che includeva modificatori di effetti dei sintomi di PTSD e disturbi sensoriali. In questo studio multicentrico di maggiori dimensioni (n = 186), l'analisi preliminare indica che solo il 30% di pazienti con WAD cronica e una diagnosi di PTSD hanno avuto un cambiamento clinicamente rilevante nei punteggi dell'Indice di disabilità collo (> 10% di cambiamento) rispetto al 70% di pazienti WAD senza PTSD seguendo un programma di riabilitazione di esercizio. Tutti i partecipanti inclusi hanno riportato livelli moderati o maggiori di dolore e disabilità che indicano che la presenza di comorbidità del DPTS impedisce una buona risposta alla riabilitazione fisica. Non siamo riusciti a trovare alcun effetto modificatore di nessun cambiamento sensoriale. I risultati di questo studio ci portano a proporre che il primo trattamento del PTSD e l'istituzione della riabilitazione fisica siano un intervento più efficace per migliorare i risultati di salute per il WAD cronico.

La CBT focalizzata sul trauma è un trattamento altamente efficace per i sintomi di PTSD [29] e le Linee guida australiane per il trattamento del Disturbo da Stress Acuto e PTSD raccomandano che la CBT focalizzata sul trauma venga erogata individualmente a persone con queste condizioni [30]. Ci sono dati disponibili per indicare che la CBT focalizzata sul trauma può potenzialmente avere un effetto non solo sui sintomi di PTSD ma anche sul dolore e sulla disabilità. I risultati di un recente esame empirico hanno esplorato le relazioni direzionali tra PTSD e dolore cronico in 323 sopravvissuti a incidenti [31]. I risultati hanno indicato un mutuo mantenimento dell'intensità del dolore e dei sintomi di stress post-traumatico nei giorni 5 post-lesione, ma da 6 mesi dopo l'infortunio (stadio cronico), i sintomi di PTSD hanno avuto un impatto significativo sul dolore ma non viceversa. Sebbene questo studio non si concentri specificamente sulla lesione da colpo di frusta, fornisce indicazioni sul fatto che affrontare i sintomi di PTSD nella fase cronica del WAD può consentire una diminuzione dei livelli di dolore facilitando così i potenziali effetti di più approcci incentrati sulla gestione del dolore / disabilità come l'esercizio e CBT focalizzata sul dolore.

Sulla base dei nostri risultati della co-occorrenza di PTSD e WAD, abbiamo condotto un piccolo studio pilota con l'obiettivo di testare gli effetti della CBT focalizzata sul trauma su fattori psicologici, dolore e disabilità in individui con WAD cronico [32]. Ventisei partecipanti con WAD cronico e una diagnosi di PTSD sono stati assegnati in modo casuale al controllo del trattamento (n = 13) o no-Intervento (n = 13). Il gruppo di trattamento è stato sottoposto a sessioni settimanali 10 di CBT focalizzata sul trauma per il PTSD. Le valutazioni della diagnosi di PTSD, sintomi psicologici, disabilità e sintomi del dolore sono state fatte al basale e dopo la valutazione (settimane 10-12). A seguito dell'intervento terapeutico, non vi è stata solo una riduzione significativa dei sintomi psicologici (gravità dei sintomi PTSD, numeri che soddisfano i criteri diagnostici per PTSD, depressione, ansia e punteggi di stress) ma anche una significativa diminuzione del dolore e della disabilità e miglioramenti nella funzione fisica, dolore fisico e ruolo degli oggetti fisici del SF36 (Tabella 1).

Tabella 1. Risultati dello studio pilota di controllo randomizzato

CBT focalizzata sul trauma Controllo senza intervento
Indice disabilità collo (0-100) *
Linea di base 43.7 (15) 42.8 (14.3)
intervento post 38.7 (12.6) 43.9 (12.9)
SF-36 Funzione fisica §
Linea di base 55.8 (25.9) 55.4 (28.2)
intervento post 61.5 (20.1) 51.1 (26.3)
SF -36 Dolore fisico §
Linea di base 31.2 (17.2) 22.6 (15.5)
intervento post 41.8 (18) 28.2 (15.8)
Diagnosi dei disturbi post-traumatici da stress (SCID-IV)
Linea di base N = 13 (100%) N = 13 (100%)
intervento post N = 5 (39.5%) N = 12 (92.3%)

* punteggio più alto = peggio; § punteggi più alti = migliori

I risultati di questo studio indicano che la CBT focalizzata sul trauma fornita a individui con WAD cronica ha effetti positivi, non solo sullo stato psicologico ma anche sul dolore e sulla disabilità dei sintomi cardinali di questa condizione. Mentre il cambiamento medio di 5% era marginale in termini di rilevanza clinica [33], la dimensione dell'effetto per il cambiamento di NDI era moderata (d = 0.4) e mostra la promessa di un effetto maggiore in un campione più grande [34]. Tuttavia, i nostri risultati dei trial pilota suggeriscono che la CBT focalizzata sul trauma da sola non sarà sufficiente per una gestione di successo del WAD cronico e per questo motivo la nostra prova proposta combinerà questo approccio con l'esercizio. Questi risultati sono potenzialmente rivoluzionari nell'area della gestione del colpo di frusta ed è imperativo che siano ora testati in un progetto controllato randomizzato completo.

In sintesi, abbiamo già dimostrato che gli individui con WAD cronico e sintomi moderati di PTSD non rispondono anche a un intervento di riabilitazione fisica come quelli senza sintomi di PTSD [25]. Il nostro recente studio pilota indica che la CBT focalizzata sul trauma ha un effetto benefico sia sullo stato psicologico che su dolore e disabilità. Proponiamo che, pre-trattando il PTSD, i sintomi di PTSD e la disabilità correlata al dolore diminuiscano permettendo che l'intervento dell'esercizio sia più efficace di quanto sia stato visto fino ad oggi [24, 25]. Pertanto la nostra ricerca proposta affronterà questo divario identificato nella conoscenza, essendo il primo a valutare l'efficacia di un intervento combinato di CBT focalizzato sul trauma, seguito dall'esercizio per il WAD cronico.

Lo scopo principale di questo progetto è quello di studiare l'efficacia della CBT concentrata sul trauma e l'esercizio per ridurre il dolore e la disabilità degli individui con colpo di frusta e PTSD cronici. Gli obiettivi secondari sono di investigare l'efficacia della CBT concentrata sul trauma e l'esercizio fisico per ridurre i sintomi di stress post-traumatico, l'ansia e la depressione e per studiare l'efficacia della CBT concentrata sul trauma da sola sui sintomi post-traumatici da stress e dolore / disabilità.

Questo processo dovrebbe iniziare a giugno 2015 e completato entro dicembre 2018.

Design

Questo studio sarà uno studio multicentrico controllato randomizzato che valuta le settimane 10 di CBT focalizzate sul trauma rispetto alle settimane 10 di terapia supportata, ciascuna seguita da un programma di allenamento settimanale 6. I risultati saranno misurati alle settimane 10, 16 settimane, 6 e 12 mesi dopo la randomizzazione. Verranno arruolati nello studio un totale di persone 108 con disturbo cronico da colpo di frusta (> 3 mesi, <durata 5 anni) e PTSD (DSM-5 diagnosticato con CAPS). I valutatori che misurano i risultati saranno accecati all'assegnazione assegnata al gruppo di trattamento. Il protocollo è conforme alle linee guida CONSORT.

Figura 2 Study Design

Metodi

Partecipanti

Un totale di partecipanti 108 con disturbo cronico associato a colpo di frusta (WAD) di grado II (durata dei sintomi> 3 mesi e <5 anni) e PTSD saranno reclutati dal Sud-Est del Queensland e dalla Zelanda, Danimarca. I partecipanti saranno reclutati tramite:

  1. Pubblicità (il registro sanitario nazionale danese, giornali, newsletter e internet): i potenziali partecipanti saranno invitati a prendere contatto con lo staff del progetto.
  2. Fisioterapia e pratiche mediche generali: lo studio sarà promosso in fisioterapia e cliniche mediche in cui lo staff del progetto ha già una relazione. Ai pazienti ritenuti idonei per l'inclusione verrà fornita una scheda informativa sul progetto e invitati a contattare direttamente lo staff del progetto.

Esiste un processo in due fasi per determinare l'inclusione in questo studio: intervista online / telefonica iniziale seguita da un esame clinico di screening. L'intervista iniziale identificherà la durata del trauma da colpo di frusta (criteri di inclusione) e il dolore moderato sulla base dei punteggi NDI e dei potenziali criteri di esclusione. La probabilità di PTSD si baserà su punteggi conservativi PCL-5, che richiedono almeno un punteggio moderato per ogni sintomo e un punteggio minimo di 30 complessivo. Una descrizione del progetto sarà fornita a tutti i volontari al momento del primo contatto. I volontari ritenuti idonei saranno invitati a partecipare a un esame clinico di screening. Se passano più di quattro settimane tra l'intervista telefonica e lo screening clinico, le misure NDI e PCL-5 devono essere nuovamente somministrate.

Prima di intraprendere l'esame clinico di screening, ai volontari verranno fornite le informazioni sui partecipanti e verrà chiesto di completare la documentazione del consenso informato. Durante l'esame di screening, i partecipanti che hanno comorbidità significative come grave patologia spinale saranno identificati ed esclusi dalla partecipazione. Per lo screening di gravi patologie, verrà condotto un triage diagnostico seguendo l'Autorità per gli incidenti automobilistici delle Linee Guida Whiplash NSW [35]. L'esame di screening includerà anche un colloquio clinico da parte di un assistente di ricerca che amministrerà la scala PTSD amministrata dal medico 5 (CAPS 5) per determinare la presenza e la gravità di PTSD [36]. L'assistente di ricerca confermerà inoltre l'assenza di criteri di esclusione come la storia passata o l'attuale presentazione di psicosi, disturbo bipolare, disturbo cerebrale organico e grave abuso di sostanze stupefacenti. Se i partecipanti segnalano una diagnosi di un criterio di esclusione, la sezione pertinente di SCID-I sarà utilizzata per chiarire la diagnosi.

Durante la schermata iniziale o durante il trattamento, se un partecipante viene identificato come ad alto rischio di autolesionismo o suicidio, sarà indirizzato all'assistenza appropriata in conformità con gli standard professionali degli psicologi. I partecipanti che soddisfano i criteri di inclusione (NDI> 30% e diagnosi PTSD) saranno quindi valutati su tutte le misure di outcome per i risultati basali. È possibile che i volontari invitati a partecipare all'esame clinico di screening non soddisfino i criteri di inclusione (NDI> 30% e diagnosi PTSD) e saranno quindi esclusi da ulteriori partecipazioni. I volontari saranno informati di questa possibilità durante l'intervista telefonica e anche durante il processo di consenso informato. L'intervista verrà registrata e una selezione casuale verrà valutata per coerenza

Criterio di inclusione

  • Livello WAD cronico (assenza di deficit o frattura neurologica) [37] di almeno 3 mesi di durata ma inferiore alla durata di 5 anni
  • Almeno moderato dolore e disabilità (> 30% sul NDI)
  • Una diagnosi di PTSD (DSM-5, APA, 2013) utilizzando il CAPS 5
  • Invecchiato tra 18 e 70 anni
  • Competente in inglese scritto o danese (a seconda del paese di partecipazione)

Criteri di esclusione

  • Patologia spinale grave nota o sospetta (ad es. Malattie metastatiche, infiammatorie o infettive della colonna vertebrale)
  • Frattura o lussazione confermata al momento della ferita (grado WAD IV)
  • Compromissione della radice nervosa (almeno 2 dei seguenti segni: debolezza / riflesso riflesso / perdita sensoriale associata allo stesso nervo spinale)
  • Chirurgia spinale negli ultimi mesi 12
  • Una storia o presentazione attuale di psicosi, disturbo bipolare, disturbo cerebrale organico o depressione grave.

Misura di prova

Siamo interessati a rilevare una differenza clinicamente importante tra i due interventi, dato che i valori di base per ciascun gruppo sono statisticamente equivalenti come risultato della randomizzazione. Sulla base di un test t-due su un campione di 86 (43 per gruppo) fornirà la potenza 80% per rilevare una differenza significativa in alfa 0.05 tra i mezzi di gruppo dei punti 10 sul punto 100 NDI (presupponendo una SD di 16, in base ai nostri dati pilota e ai dati delle sperimentazioni recenti). È improbabile che gli effetti minori di questo siano considerati clinicamente utili. Per consentire una perdita di 20% a seguito dei mesi 12, richiederebbero partecipanti 54 per gruppo di trattamento.

Intervento

randomizzazione

I partecipanti saranno assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento. Il programma di randomizzazione sarà generato dallo studio biostatistico. La randomizzazione avverrà per blocchi casuali permessi da 4 a 8. Per mascherare la randomizzazione verranno utilizzati buste con numero di busta chiusa, opache e numerate in modo consecutivo. L'assegnazione di gruppo verrà eseguita immediatamente dopo il completamento delle misure di riferimento da parte di un assistente di ricerca indipendente (non in cieco). Questo stesso assistente di ricerca organizzerà tutti gli appuntamenti con i professionisti del trattamento e il valutatore cieco per tutte le misure di esito. I partecipanti saranno istruiti a non rivelare dettagli sul loro trattamento all'esaminatore al fine di assistere con accecamento. I pazienti riceveranno il loro primo trattamento entro una settimana dalla randomizzazione.

Gruppo di intervento - Terapia Cognitivo-comportamentale focalizzata sul trauma (CBT)

Un intervento psicologico mirato ai sintomi del PTSD consisterà in 10 settimanali 60-90 sessioni minute di CBT focalizzate sul trauma erogate individualmente in base alle Linee guida australiane per il trattamento degli adulti con disturbo da stress acuto e PTSD [38] (vedere Tabella 2). La Sessione 1 si concentrerà sulla fornitura della psico-educazione riguardante i sintomi comuni del DPTS, mantenendo i fattori e fornendo una motivazione per i vari componenti del trattamento. Le sessioni due e tre continueranno a sviluppare la conoscenza del paziente dei sintomi di PTSD e insegneranno le strategie di gestione dell'ansia tra cui la respirazione profonda e il rilassamento muscolare progressivo. La ristrutturazione cognitiva che comporta sfidare pensieri e convinzioni inutili e irrazionali inizierà nella terza sessione e continuerà durante il trattamento. I partecipanti inizieranno un'esposizione prolungata nella sessione quattro, che sarà accoppiato con rilassamento e difficoltà cognitive. La Sessione 6 introdurrà un'esposizione graduale in vivo. La prevenzione delle ricadute sarà inclusa anche nelle ultime due sessioni [12]. Ai partecipanti verrà chiesto di completare una pratica di casa nel corso delle loro sessioni, che verrà registrata e portata alla sessione successiva. Il trattamento verrà erogato da psicologi registrati con formazione clinica post-laurea ed esperienza nella fornitura di interventi CBT focalizzati sul trauma.

Tabella 2. Panoramica del programma CBT

Sessione Vantaggi
1 Introduzione e logica
2 Training di rilassamento
3 Allenamento al rilassamento e sfida cognitiva
4 e 5 Esposizione cognitiva impegnativa e prolungata
6 Esposizione prolungata ed esposizione in vivo
7 e 8 Esposizione prolungata ed esposizione in vivo
9 Prevenzione delle ricadute
10 Prevenzione delle recidive e fine del trattamento

Gruppo di controllo - Terapia di supporto

La prima sessione coinvolgerà l'educazione sul trauma e una spiegazione della natura della terapia di supporto. Le seguenti sessioni includeranno discussioni su problemi attuali e abilità generali di problem-solving. La pratica domestica coinvolgerà il mantenimento del diario dei problemi attuali e degli stati d'animo. La terapia di supporto eviterà specificamente l'esposizione, la ristrutturazione cognitiva o le tecniche di gestione dell'ansia. Se i risultati dello studio sono favorevoli e i partecipanti randomizzati a questo intervento hanno ancora una diagnosi di PTSD al follow-up di mese 12, verrà offerto un riferimento a uno psicologo clinico.

Programma di esercizi

Seguendo le sessioni di terapia psicologica della settimana 10 (intervento o controllo), tutti i partecipanti parteciperanno allo stesso programma di esercizi. Il programma di esercizi 6-settimana sarà condotto sotto la supervisione di un fisioterapista (sessioni 2 in ciascuna delle prime quattro settimane e sessione 1 in settimana 5 e settimana 6) e comprenderà esercizi specifici per migliorare il movimento e il controllo del collo e cingoli scapolari, nonché esercizi propriocettivi e di coordinamento (vedi Tabella 3). Gli esercizi saranno personalizzati dal fisioterapista per ogni singolo partecipante.

Il programma inizia con un esame clinico dei muscoli cervicali e dei muscoli del cingolo scapolare e comprende test che valutano la capacità di reclutare i muscoli in modo coordinato, test di equilibrio, cinestesia cervicale e controllo del movimento oculare e test di resistenza muscolare a bassi livelli di massima contrazione volontaria. Le menomazioni specifiche che vengono identificate vengono quindi affrontate con un programma di esercizi che viene supervisionato e portato avanti dal fisioterapista. Questo specifico programma di trattamento è stato descritto in dettaglio [15] e si concentra sull'attivazione e sul miglioramento della capacità di coordinazione e resistenza del flessore del collo, dell'estensore e dei muscoli scapolari in esercizi specifici e compiti funzionali, e un programma graduale diretto al controllo posturale sistema, compresi esercizi di equilibrio, esercizi di rilocazione della testa ed esercizi per il controllo del movimento oculare.

I partecipanti eseguiranno anche gli esercizi a casa, una volta al giorno. Un registro verrà completato dai partecipanti per registrare la conformità con gli esercizi. Allo stesso tempo, il fisioterapista guiderà il ritorno del soggetto alle normali attività.

I fisioterapisti aderiranno ai principi cognitivo-comportamentali durante l'allenamento e la supervisione di tutti gli esercizi [26]. I principi della terapia comportamentale cognitiva comprendono l'incoraggiamento all'acquisizione di abilità mediante la modellizzazione, l'impostazione di obiettivi progressivi, l'autocontrollo del progresso e un rinforzo positivo del progresso. L'autosufficienza sarà promossa incoraggiando i soggetti a impegnarsi nella risoluzione dei problemi per affrontare le difficoltà piuttosto che cercare rassicurazioni e consigli, incoraggiando obiettivi di attività pertinenti e realistici e incoraggiando l'auto-rinforzo. L'attività fisica quotidiana a casa sarà incoraggiata e monitorata utilizzando un diario. Verranno fornite istruzioni di esercizio scritte e illustrate.

Tabella 3. Panoramica del programma di esercizi

Settimana Sessioni a settimana Componenti
1 2 · Baseline e valutazioni di follow-up per guidare la prescrizione iniziale e la progressione del programma

· Esercizio per migliorare il controllo del muscolo cervicale e scapolare, la cinestesia e l'equilibrio

· Istruzione e consigli

· Programma giornaliero a casa con esercizio fisico e aumento graduale delle attività fisiche

· Principi CBT come la definizione degli obiettivi, rinforzo utilizzato dai fisioterapisti

· Sessione di scarico per rafforzare i progressi e pianificare attività continuative

2 2
3 2
4 2
5 1
6 1

Misure di uscita

Alla valutazione di base verranno raccolte le caratteristiche personali quali età, sesso, livello di istruzione, stato di indennizzo, data dell'incidente e informazioni sui sintomi del colpo di frusta. Le seguenti misure di esito saranno valutate da un valutatore cieco al basale, 10 settimane, 16 settimane, 6 mesi e 12 mesi dopo randomizzazione.

Il Neck Disability Index (NDI) sarà la misura di esito primaria [21]. L'NDI è una misura valida e una misura affidabile della disabilità correlata al dolore al collo [21] ed è raccomandata per l'uso dalla Task Force del dolore al collo dell'osso e dell'articolazione decadente [7] e al recente vertice internazionale del Whiplash [11, 16].

Le misure di outcome secondarie includono:

  1. Intensità media del dolore rispetto alla scorsa settimana (scala 0-10) [39]
  2. Intensità media del dolore nelle ultime ore 24 (scala 0-10) [39]
  3. Impressione globale di recupero del paziente (da -5 a + scala 5) [39]
  4. Il medico ha somministrato la scala PTSD 5 (CAPS 5) [40].
  5. Lista di controllo PTSD (PCL-5) [41]
  6. Depressione Ansia Stress Scale-21 (DASS-21) [42]
  7. Misura generica dello stato di salute (SF-12) [43]
  8. Misura della disabilità generata dal paziente (scala funzionale specifica per il paziente) [44]
  9. Misure fisiche (range di movimento cervicale, soglia del dolore alla pressione, soglia del dolore freddo)
  10. Pain Catastrophizing Scale (PCS) [45]
  11. Pain Self Efficacy Questionnaire (PSEQ) [46]
  12. Tampa Scale of Kinesiophobia (TSK) [47]

Le aspettative di un effetto benefico sul trattamento saranno misurate con il questionario sull'aspetto della credibilità (CEQ) [48] alla prima e all'ultima settimana di ogni trattamento. L'alleanza di lavoro riportata dal cliente e dal terapeuta (psicofisico o fisioterapista) sarà misurata anche alla prima e all'ultima settimana di ogni trattamento utilizzando il Working Alliance Inventory (WAI) [49].

Monitoraggio dei siti di trattamento

I siti di trattamento saranno situati in aree facilmente accessibili con i mezzi pubblici. Saranno fatti tentativi per avere sia la sessione di psicologia che quella di esercizio nello stesso sito. Prima dell'inizio della sperimentazione, psicologi e fisioterapisti in ogni sede di trattamento riceveranno il protocollo appropriato per il terapeuta. Gli psicologi saranno addestrati per implementare il programma CBT e la terapia supportata dagli investigatori senior in un workshop di un giorno. I fisioterapisti saranno addestrati da investigatori senior per implementare il programma di esercizi in un workshop di un giorno.

Prima di iniziare la sperimentazione, ai diversi siti e terapeuti del fornitore di trattamento verrà fornita una copia dei protocolli di prova e di trattamento. Entrambe le terapie psicologiche saranno condotte secondo un manuale procedurale. Ai terapeuti sarà richiesto di registrare ogni sessione e di compilare una checklist di aderenza al protocollo. Un campione casuale di queste registrazioni e liste di controllo sarà valutato e la supervisione continua fornita da uno psicologo nel team di ricerca. Gli esercizi di fisioterapia si baseranno su un precedente trial di esercizio per WAD cronico [25]. Un audit delle sessioni di fisioterapia verrà condotto due volte durante l'intervento da un esperto investigatore senior in questo settore. Si verificherà un passaggio di consegne tra psicologo e fisioterapista per mantenere la continuità delle cure.

Eventi avversi

Oltre alle consuete disposizioni basate sul comitato etico per la segnalazione degli effetti avversi, i professionisti saranno invitati a segnalare qualsiasi evento avverso agli investigatori principali. Anche al follow-up della settimana di 16, le informazioni sugli effetti avversi del trattamento saranno ricercate da tutti i soggetti che utilizzano questionari a risposta aperta. Al follow-up di 6 e 12 mesi, saranno raccolti anche i dati relativi al numero di recidive del dolore al collo e al numero di contatti di assistenza sanitaria.

Analisi statistica

Lo studio biostatistico analizzerà i dati in modo cieco. Tutte le analisi saranno condotte su base intenzionale. I risultati primari e secondari misurati alle settimane 10, 16 settimane, 6 mesi e 12 mesi saranno analizzati utilizzando modelli di regressione lineare mista e logistica che includeranno i rispettivi punteggi basali come covariata, i soggetti come un effetto casuale e le condizioni di trattamento come fissate fattori. La diagnostica verrà utilizzata per esaminare le ipotesi, inclusa l'omogeneità delle varianze. Le dimensioni dell'effetto verranno calcolate per tutte le misure con una dimensione dell'effetto di 0.2 considerata piccola, 0.5 media e 0.8 grande. Alpha sarà impostato su 0.05. Qualsiasi effetto del sito (Qld o Danimarca) sarà valutato includendo un termine di interazione gruppo per momento sito per trattamento alle analisi di modelli misti. La modifica degli effetti sarà valutata solo per l'esito primario di NDI.

Finanziamento

  • Il processo è finanziato da una sovvenzione del Progetto NHMRC 1059310.
  • Il Council of the Danish Victims Fund Project concede 14-910-00013

Significato potenziale

Questo progetto affronta un problema di grande importanza per la salute umana. Il colpo di frusta è un onere enorme per la salute sia per l'Australia che per tutti i paesi in cui sono presenti veicoli a motore. Gli attuali approcci conservativi alla gestione del WAD cronico hanno dimostrato di essere solo marginalmente efficaci. Una delle ragioni potrebbe essere dovuta alla mancanza di attenzione della pratica corrente allo stato psicologico dei pazienti feriti da colpo di frusta. Questo studio fornirà una valutazione definitiva degli effetti dell'aggiunta di CBT focalizzata sul trauma all'esercizio fisico per soggetti con WAD e PTSD cronici.

Questo studio può influenzare la gestione clinica delle lesioni da colpo di frusta e avrà un'immediata applicabilità clinica. Qualsiasi intervento che possa migliorare i risultati di salute per le persone con un colpo di frusta cronico avrà effetti di vasta portata sia in Australia che a livello internazionale. Il nostro studio avrà anche implicazioni per i responsabili delle politiche sanitarie e delle assicurazioni nel loro processo decisionale in merito alle opzioni di trattamento e ai finanziamenti. Una ricerca del portale di ricerca della piattaforma del Registro internazionale delle prove cliniche dell'OMS su 2 / 3 / 13 non ha rivelato alcuna sperimentazione pianificata o completata che duplicasse il nostro lavoro.

Dichiarazione di conflitto di interessi

Gli autori dichiarano assenza di conflitto di interesse.

Ruolo dello stress psicosociale nel recupero dal colpo di frusta comune

astratto

È ampiamente riconosciuto che i fattori psicosociali sono correlati al comportamento di malattia e vi sono alcune prove che possono influenzare il tasso di recupero dai disturbi post-traumatici. Le abilità dello stress psicosociale, i sintomi somatici e l'insufficienza cognitiva soggettivamente valutata per predire il recupero ritardato dal comune colpo di frusta sono stati studiati in uno studio di follow-up. I pazienti 78 consecutivi riferiti 7.2 (SD 4.5) giorni dopo che avevano subito un comune colpo di frusta in incidenti automobilistici sono stati valutati per stress psicosociale, affettività negativa, tratti della personalità, disturbi somatici e deficit cognitivo mediante intervista semistrutturata e diversi test standardizzati. All'esame 6 mesi dopo i pazienti 57 sono stati completamente recuperati e 21 ha avuto sintomi persistenti. I punteggi dei gruppi per le variabili indipendenti valutate all'esame di base sono stati confrontati. L'analisi di regressione graduale ha mostrato che i fattori psicosociali, l'affettività negativa e i tratti della personalità non erano significativi nel predire il risultato. Tuttavia, l'intensità iniziale del dolore al collo, il deterioramento cognitivo correlato alle lesioni e l'età erano fattori significativi che predicevano il comportamento della malattia. Questo studio, che si basava su un campione casuale e che considerava molti altri possibili fattori predittivi e lo stato psicosociale, non supporta le precedenti scoperte che i fattori psicosociali predicono il comportamento di malattia nei pazienti post-trauma.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

Essere coinvolti in un incidente automobilistico può essere un'esperienza traumatica per chiunque. Da infortuni fisici e problemi finanziari, a disagio emotivo, un incidente automobilistico può mettere un pesante fardello su quelle persone che lo hanno vissuto, specialmente se le ferite da incidente automobilistico cominciano a prendere un tributo alla mente. Molti pazienti visitano il mio ufficio di chiropratica con ansia, paure irrazionali, depressione e PTSD dopo essere stati coinvolti in un incidente automobilistico. Imparare a fidarsi di nuovo per ricevere cure chiropratiche può essere difficile, ma attraverso aggiustamenti vertebrali accurati ed efficaci e manipolazioni manuali, il nostro staff può fornire ai pazienti il ​​senso di sicurezza di cui hanno bisogno per continuare il trattamento e raggiungere la salute e il benessere generale.

In conclusione, incidenti automobilistici possono causare una serie di lesioni e condizioni fisiche, come colpo di frusta, mal di schiena e mal di testa, oltre a problemi finanziari, tuttavia, lesioni e complicazioni possono anche portare a disagio emotivo. Secondo studi di ricerca basati sull'evidenza, come quello sopra, il disagio emotivo è stato collegato ai sintomi del dolore cronico. Fortunatamente, i ricercatori hanno condotto numerosi studi di ricerca per dimostrare come gli interventi di mindfulness, come la cura chiropratica, possono aiutare a ridurre il disagio emotivo e migliorare i sintomi dolorosi. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Mal di schiena è un reclamo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO PIÙ IMPORTANTE: Gestione dello stress sul posto di lavoro

ARGOMENTI PIÙ IMPORTANTI: EXTRA EXTRA: Trattamento lesioni da incidente stradale El Paso, TX Chiropractor

luminoso
Referenze
  1. Sterling, M., G. Jull e J. Kenardy, I fattori fisici e psicologici mantengono la capacità predittiva a lungo termine della lesione post-colpo di frusta. Dolore, 2006. 122(1-2): p. 102-108.
  2. Carroll, LJP, et al., Fattori prognostici e prognostici per il dolore al collo nella popolazione generale: risultati della task force 2000-2010 decade dell'osso e dell'articolazione sul dolore al collo e sui suoi disturbi associati. Spine, 2008. 33 (4S)(Supplemento): p. S75-S82.
  3. Rebbeck, T., et al., Uno studio prospettico di coorte sui risultati di salute in seguito a disordini associati a colpo di frusta in una popolazione australiana. Prevenzione degli infortuni, 2006. 12(2): p. 93-98.
  4. Sterling, M., J. Hendrikz e J. Kenardy, Logiche di reclamo per la richiesta di risarcimento e traiettorie di sviluppo degli esiti in seguito a lesioni da colpo di frusta: uno studio prospettico. Dolore, Xnumx. 150(1): p. 22-28.
  5. MAYOU, R. e B. BRYANT, Psichiatria di lesioni al colpo di frusta. Il British Journal of Psychiatry, 2002. 180(5): p. 441-448.
  6. Kenardy, J., et al., Adattamento degli adulti a lesioni lievi e moderate a seguito di incidenti stradali: risultati di Wave 1.in Segnala a MAIC QLD. 2011.
  7. MAIC Rapporto annuale 2009-2010. 2010: Brisbane.
  8. Connelly, LB e R. Supangan, I costi economici degli incidenti stradali: Australia, stati e territori. Analisi e prevenzione degli incidenti, 2006. 38(6): p. 1087-1093.
  9. Littleton, SM, et al., L'associazione del risarcimento sullo stato di salute a lungo termine per le persone affette da lesioni muscoloscheletriche in seguito a incidenti stradali: studio di coorte per l'inizio del dipartimento di emergenza. Infortunio, 2011. 42(9): p. 927-933.
  10. Schmidt, D., Whiplash koster kassen. Livtag, 2012. 1.
  11. Siegmund, GP, et al., Anatomia e biomeccanica della ferita acuta e cronica di colpo di frusta. Prevenzione delle lesioni da traffico, 2009. 10(2): p. 101-112.
  12. Börsbo, B., M. Peolsson e B. Gerdle, La complessa interazione tra intensità del dolore, depressione, ansia e catastrofe rispetto alla qualità della vita e alla disabilità. Disabilità e riabilitazione, 2009. 31(19): p. 1605-1613.
  13. Sterling, M., et al., I fattori fisici e psicologici predicono l'esito dopo l'infortunio al colpo di frusta. Dolore, 2005. 114(1-2): p. 141-148.
  14. Schmitt, MAMMT, et al., Pazienti con disturbi cronici associati al colpo di frusta: relazione tra fattori clinici e psicologici e stato di salute funzionale. American Journal of Physical Medicine & Rehabilitation, 2009. 88(3): p. 231-238.
  15. Sullivan, MJL, et al., Catastrofismo, dolore e disabilità nei pazienti con lesioni dei tessuti molli. Dolore, 1998. 77(3): p. 253-260.
  16. Nederhand, MJ, et al., Valore predittivo dell'elusione della paura nello sviluppo della disabilità cronica del dolore al collo: conseguenze per il processo decisionale clinico. Archivi di medicina fisica e riabilitazione, 2004. 85(3): p. 496-501.
  17. Bunketorp-Kall, LS, C. Andersson e B. Asker, L'impatto dei disturbi subacuti associati al colpo di frusta sull'auto-efficacia funzionale: uno studio di coorte. International Journal of Rehabilitation Research, 2007. 30(3): p. 221-226.
  18. Buitenhuis, J., et al., Relazione tra i sintomi del disturbo da stress post-traumatico e il decorso dei disturbi da colpo di frusta. Journal of Psychosomatic Research, 2006. 61(5): p. 681-689.
  19. Sterling, M. e J. Kenardy, La relazione tra i cambiamenti del sistema nervoso sensoriale e simpatico e la reazione allo stress post-traumatico dopo il colpo di frusta - uno studio prospettico. Journal of Psychosomatic Research, 2006. 60(4): p. 387-393.
  20. Sullivan, MJL, et al., Dolore, ingiustizia percepita e persistenza di sintomi di stress post-traumatico nel corso della riabilitazione per lesioni da colpo di frusta. Dolore, Xnumx. 145(3): p. 325-331.
  21. Sterling, M., et al., Lo sviluppo di cambiamenti psicologici in seguito a lesioni da colpo di frusta. Dolore, 2003. 106(3): p. 481-489.
  22. O'Donnell, ML, et al., Disturbi post-traumatici dopo lesione: una revisione empirica e metodologica. Rassegna di psicologia clinica, 2003. 23(4): p. 587-603.
  23. Teasell, R., et al., Una sintesi di ricerca di interventi terapeutici per il disturbo associato al colpo di frusta (WAD): Parte 4 - Interventi non invasivi per il WAD cronico. Ricerca e gestione del dolore, 2010. 15(5): p. 313 - 322.
  24. Stewart, MJ, et al., Studio controllato randomizzato di esercizio per disturbi associati al colpo di frusta cronico. Dolore, 2007. 128(1-2): p. 59-68.
  25. Jull, G., et al., La presenza di ipersensibilità sensoriale influenza i risultati della riabilitazione fisica per il colpo di frusta cronico? - Un RCT preliminare. Dolore, 2007. 129(1-2): p. 28-34.
  26. Söderlund, A. e P. Lindberg, Componenti cognitivi comportamentali nella gestione della fisioterapia dei disturbi associati al colpo di frusta (WAD) - uno studio di gruppo randomizzato. Teoria e pratica della fisioterapia, 2001. 17(4): p. 229-238.
  27. Wicksell, RK, et al., Le strategie di esposizione e accettazione possono migliorare il funzionamento e la soddisfazione della vita nelle persone con dolore cronico e colpo di frusta-Associated Disorders (WAD)? Una prova controllata randomizzata. Terapia cognitiva comportamentale, 2008. 37(3): p. 169-182.
  28. Ostelo, RW, et al., Trattamento comportamentale per il mal di schiena cronico. Database Cochrane Syst Rev, 2005. 1(1).
  29. BISSON, JI, et al., Trattamenti psicologici per il disturbo da stress post-traumatico cronico: revisione sistematica e meta-analisi. Il British Journal of Psychiatry, 2007. 190(2): p. 97-104.
  30. NHMRC, Linee guida australiane per il trattamento degli adulti con ASD e PTSD. 2007: Canberra.
  31. Jenewein, J., et al., Mutua influenza dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico e dolore cronico tra i sopravvissuti agli incidenti feriti: uno studio longitudinale. Journal of Traumatic Stress, 2009. 22(6): p. 540-548.
  32. Dunne, RLP, JPF Kenardy e MPMBGDMPF Sterling, Una sperimentazione controllata randomizzata di terapia cognitivo-comportamentale per il trattamento del DPTS nel contesto del colpo di frusta cronico. Clinical Journal of Pain novembre / dicembre, 2012. 28(9): p. 755-765.
  33. Macdermid, J., et al., Proprietà di misurazione del Neck Disability Index: una revisione sistematica. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy, 2009. 39(5): p. 400-C12.
  34. Arnold, DMMDM, et al., La progettazione e l'interpretazione di prove pilota nella ricerca clinica in terapia intensiva. Medicina per l'assistenza critica Miglioramento delle sperimentazioni cliniche nei casi critici: Atti di una conferenza sulla tavola rotonda a Bruxelles, Belgio, marzo 2008, 2009. 37(1): p. S69-S74.
  35. MAA. Linee guida per la gestione dei disturbi associati al colpo di frusta. 2007; Disponibile da: www.maa.nsw.gov.au.
  36. Weathers, FW, et al. La bilancia PTSD amministrata dal medico per DSM-5 (CAPS-5). Intervista disponibile dal National Center for PTSD. 2013; Disponibile da: www.ptsd.va.gov.
  37. Spitzer, W., et al., Monografia scientifica della Task Force del Quebec sui disturbi associati al colpo di frusta: ridefinizione di "Whiplash" e sua gestione. Spine, 1995. 20(8S): p. 1-73.
  38. ACPMH, Linee guida australiane per il trattamento degli adulti con disturbo da stress acuto e disturbo da stress post-traumatico. 2007, Melbourne, VIC: Australian Centre for Posttraumatic Mental Health.
  39. Pengel, LHMM, KMP Refshauge e CGP Maher, Reattività dei risultati di dolore, disabilità e disabilità fisica nei pazienti con lombalgia. Spine, 2004. 29(8): p. 879-883.
  40. Weathers, FW, TM Keane e JRT Davidson, Scala PTSD somministrata dal medico: una revisione dei primi dieci anni di ricerca. Depressione e ansia, 2001. 13(3): p. 132-156.
  41. Weathers, F., et al., Lista di controllo PTSD per DSM-5 (PCL-5). Scala disponibile dal National Center for PTSD. www. ptsd. va. gov, 2013.
  42. Lovibond, S. e P. Lovibond, Manuale per le bilance da stress per ansia da depressione. 2nd ed. 1995, Sydney: Fondazione psicologica.
  43. Ware, J., et al., Manuale utente per l'indagine sulla salute SF-12v2® con un supplemento che documenta l'Health Survey SF-12®. 2002, Lincoln, Rhode Island: QualityMetric Incorporated
  44. Westaway, M., P. Stratford e J. Binkley, La scala funzionale specifica per il paziente: convalida del suo uso in persone con disfunzione del collo. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy, 1998. 27(5): p. 331-338.
  45. Sullivan, MJL, SR Bishop e J. Pivik, The Pain Catastrophizing Scale: Sviluppo e validazione. Valutazione psicologica, 1995. 7(4): p. 524-532.
  46. Nicholas, MK, Il questionario sull'efficacia del dolore: prendere in considerazione il dolore. European Journal of Pain, 2007. 11(2): p. 153-163.
  47. Miller, R., S. Kori e D. Todd, La scala di Tampa per la kinesiofobia. Tampa, FL. Rapporto non pubblicato, 1991.
  48. Devilly, GJ e TD Borkovec, Proprietà psicometriche del questionario sulla credibilità / aspettativa. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 2000. 31(2): p. 73-86.
  49. Horvath, AO e LS Greenberg, Sviluppo e validazione dell'inventario di Working Alliance. Journal of Counseling Psychology, 1989. 36(2): p. 223-233.
Chiudi fisarmonica