ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Gli oppioidi! La chiropratica è l'alternativa più sicura

Gli oppioidi! La chiropratica è l'alternativa più sicura

Gli oppiacei e l'abuso e la dipendenza da droghe da prescrizione è un problema significativo negli Stati Uniti. In effetti, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS) lo ha dichiarato un'epidemia.

I ricercatori stimano che fino a 36 milioni di persone in tutto il mondo abusino di oppioidi. Solo le stime negli Stati Uniti hanno raggiunto 2.1 milione di persone in 2012. In 2014, sei su dieci decessi per overdose di droga coinvolto un oppioide compresi gli oppioidi prescritti per alleviare il dolore.

Ogni giorno, gli americani 78 muoiono per overdose da oppioidi. Mentre il problema della droga oppioide continua a spirale ulteriormente fuori controllo, rivendicando più vite, le persone sono alla ricerca di modi più sicuri e senza droghe per alleviare il loro dolore. La chiropratica offre una tale opzione.

Cosa sono gli oppioidi?

Gli oppioidi lo sono prescrizione farmaci che sono destinati al sollievo dal dolore. Funzionano diminuendo il livello di intensità dei segnali del dolore quando raggiungono il cervello. Influenzano anche le aree del cervello che controllano l'emozione indebolendo così anche la percezione del dolore. Ci sono molti farmaci molto popolari che sono classificati come oppioidi:

  • Hydrocodone (Vicodin)
  • Ossicodone (Percocet, OxyContin)
  • Morphine (Avinza, Kadian)
  • Codeina

Gli oppioidi più comunemente prescritti sono i prodotti a base di idrocodone. Sono usati per trattare il dolore da lesioni, lavori dentistici e dolore tipicamente moderato. Il dolore più lieve viene spesso trattato con la codeina, ma viene anche usato per trattare la tosse e anche la diarrea grave. Nel complesso, gli oppioidi sono usati per trattare qualsiasi cosa, dal dolore da cancro al dolore postoperatorio all'osteoartrite.

Quali sono i pericoli degli oppioidi?

Gli oppioidi hanno un grave rischio di abuso, dipendenza e overdose. Anche se vengono presi come prescritto, gli oppioidi possono avere il seguente effetti collaterali:

  • Eccessiva sonnolenza
  • Nausea
  • Bocca asciutta
  • vomito
  • Confusione
  • Vertigini
  • Depressione
  • Costipazione
  • Bassa energia
  • Sudorazione
  • Bassi livelli di testosterone che si traducono in un diminuito desiderio sessuale
  • Prurito
  • Diminuzione della forza
  • Aumento della sensibilità al dolore

Nel corso del tempo, il corpo può sviluppare una tolleranza alla droga, il che significa che per ottenere lo stesso sollievo dal dolore devono assumerne di più. Anche la dipendenza fisica è una preoccupazione, di solito andando di pari passo con la tolleranza. Una volta raggiunto quel punto, il paziente avverte sintomi di astinenza se interrompe il trattamento.

Se i medici prescrivono gli oppioidi, in che modo le persone diventano dipendenti?

In 2013, i medici hanno scritto quasi un quarto di miliardo prescrizioni per gli oppioidi. Per metterlo in prospettiva, è sufficiente che ogni adulto negli Stati Uniti abbia la propria bottiglia del farmaco. I medici prescrivono oppioidi ai loro pazienti nel tentativo di trattare il dolore, ma il più delle volte è solo un cerotto. Invece di cercare la radice del problema e educare i loro pazienti sul benessere del corpo intero, prescrivono pillole che intorpidiscono i sensi, causano effetti collaterali spiacevoli o addirittura pericolosi e creano dipendenze.

Mentre il paziente sviluppa una tolleranza per il farmaco, il medico aumenta la prescrizione. Questo ciclo continua mentre il paziente diventa sempre più dipendente dal farmaco. Possono anche provare più dolore mentre il farmaco aumenta la sensibilità al dolore. Man mano che i pazienti diventano dipendenti, il numero di decessi per overdose da prescrizione è in costante aumento. I farmaci più comuni coinvolti in questi decessi per overdose includono:

  • Hydrocodone (Vicodin)
  • Ossicodone (OxyContin)
  • Metadone

Gli Stati stanno mettendo in atto misure per monitorare e regolare il modo in cui i medici prescrivono gli oppiacei, ma quando i pazienti dipendenti e disperati faranno di tutto per ottenere i farmaci a cui sono assuefatti. Andranno da medici diversi per ottenere ulteriori prescrizioni o addirittura trovare modi per ottenere il farmaco illegalmente. È un problema straziante questo è completamente prevenibile.

In che modo la chiropratica è un'alternativa più sicura agli oppioidi?

Chiropratica è un metodo collaudato per la gestione del sollievo dal dolore che non è solo efficace ma sicuro e senza farmaci. Numerose studi di chiropratica conferma ciò che i pazienti di chiropratica affermano da decenni: la cura chiropratica è un eccellente metodo di gestione del dolore. Le regolazioni spinali portano il corpo in equilibrio ma questo è solo l'inizio del vantaggi. La chiropratica si concentra sul benessere dell'intero corpo così i pazienti imparano come adottare misure proattive per trattare la loro condizione.

Cerca anche di trovare la radice del problema e iniziare la guarigione trattando la causa. Attraverso l'esercizio, la dieta e le raccomandazioni sullo stile di vita, oltre agli aggiustamenti chiropratici, i pazienti possono ottenere sollievo dal dolore causato da lesioni, chirurgia, artrite e molte altre condizioni. La chiropratica è molto più di a trattamento contro la schiena; è un intero corpo, un trattamento completo per il paziente.

Clinica medica per lesioni: dolore cronico e trattamenti

Aumentare la consapevolezza dell'uso di oppioidi negli anziani e negli anziani

Aumentare la consapevolezza dell'uso di oppioidi negli anziani e negli anziani

El Paso, TX. Chiropratico Dr. Alex Jimenez si concentra sull'aumento dell'uso di oppiacei tra gli adulti più anziani.

SpineUniverse ha riportato uno studio che ha indicato un aumento del 10% della dipendenza da oppioidi o della dipendenza nei pazienti a cui sono stati prescritti tali farmaci per prendersi cura del dolore postoperatorio. Sebbene la chirurgia della colonna vertebrale non fosse tra le forme di operazioni incluse nella ricerca, è interessante vedere che il 3% dei pazienti di età superiore ai 55 anni ha rivelato dipendenza e uso di oppioidi.

Gli adulti più anziani e gli anziani sono parte di circa 100 milioni di adulti negli Stati Uniti (USA) colpiti da dolori gravi o cronici. Il dolore alla schiena è il dolore al collo e tra le cause più frequenti del dolore, seguito da mal di testa e dolore emicranie. La stenosi spinale, l'osteoartrosi spinale e le malattie degenerative del disco sono frequenti indagini nei residenti anziani e nel nostro adulto maturo.

In una presentazione di Sullivan nel 2003 sul dolore cronico e l'abuso e la dipendenza da oppioidi da prescrizione negli adulti maturi, era stato riferito che `` la prevalenza del dolore aumenta con ogni decennio di vita Inoltre, l'80% è cresciuto dalle critiche al dolore negli adulti di 65 anni e più vecchio. Inoltre, con l'aumentare del numero di prescrizioni di oppioidi, anche l'uso da parte degli anziani è aumentato, ma alcuni studi medici hanno regolarmente eliminato la dipendenza come temporanea o piuttosto rara.

 

I regolatori reagiscono

Riconoscere e le sue agenzie e il governo hanno cominciato a riconoscere l'uso oppioide e i rischi potenziali negli anziani americani. In 2012, uno studio ha rivelato che più di 700,000 adulti (età 45 a 84) sono stati ricoverati in ospedale soprattutto per l'abuso di oppiacei. Gli adulti maturi così come gli anziani hanno rappresentato un aumento di cinque volte negli ospedalizzazioni per l'abuso di oppiacei rispetto ai più giovani americani.

Gli adulti di qualsiasi età che assumono un oppioide possono verificare effetti indesiderati di droga eventualmente pericolosi. Ma per gli adulti maturi o gli individui più anziani, i rischi sono più pesanti. Perché? Le persone anziane spesso assumono diversi farmaci simultaneamente per trattare diversi problemi medici (ad es. Diabete, ipertensione). Può essere una sfida per il paziente a tenere d'occhio quando prendere un farmaco che è prescritto o ricordare se è stata presa la medicina, che può portare a dosi non intenzionali. Un opioide scende e introduce un altro livello di potenziali rischi, tra cui depressione respiratoria, mancanza di equilibrio, confusione, vertigini, sonnolenza, nausea.

Nel 2015, il Congresso ha introdotto un disegno di legge specifico per Medicare chiamato "Ceasing Drug Exploitation and Shielding Seniors Act". Ora, vediamo modifiche distribuite e monitorate per prevenire la spesa medica e altri modi in cui i farmaci potrebbero essere ottenuti e abusati.

 

Gestione dei farmaci di opioidi

I pazienti anziani o alcuni adulti vivono da soli, in un ambiente familiare, ricevono assistenza sanitaria a domicilio o risiedono in una struttura assistita o in uno scenario alternativo. In alcuni casi, la direzione del farmaco, incluso il farmaco antidolorifico, è gestita da personale sanitario o infermieristico.

Molti anziani e pazienti anziani sono perfettamente in grado di gestire le visite dei medici, i loro farmaci e la vita di tutti i giorni. Poi ci sono altre persone che vogliono supporto. Potrebbero non rendersi conto di aver bisogno di aiuto o potrebbero non chiedere. È qui che un amico, un familiare o una persona che si prende cura di lui potrebbe aiutare essendo attento e intervenendo per aiutare. A titolo di esempio, il paziente assume i farmaci come prescritto, ma sembra comunque soffrire? Inciampa facilmente o cade, si lamenta di sentirsi stordito, confuso, stitico o ha qualche altra critica?

Ricorda che le persone fanno così i loro bisogni di droghe e cambiano con l'età. Negli effetti indesiderati e nella gestione del dolore, l'alternativa può essere un tipo alternativo di farmaco o un cambio di dose. Considerando che molti adulti anziani e uomini anziani assumono più farmaci, è un'ottima idea portare i farmaci da banco con tutte le prescrizioni e gli integratori alimentari alla visita di ciascun medico per la revisione. Questo crea una straordinaria possibilità per te e per l'individuo di parlare insieme al medico di nuove sfide e cambiamenti di salute.

Chiropratici e naturopati Crociata Trattamento naturale mentre la crisi degli oppioidi esplode

Chiropratici e naturopati Crociata Trattamento naturale mentre la crisi degli oppioidi esplode

Cogliendo l'epidemia di oppioidi come un'opportunità per espandere la loro portata, naturopati e chiropratici stanno facendo pressioni aggressive sul Congresso e sui governi statali per elevare il ruolo delle terapie alternative nel trattamento del dolore cronico. Hanno ottenuto diverse vittorie negli ultimi mesi e spero che l'amministrazione Trump darà loro un ulteriore impulso.

Il loro argomento più potente: non prescriviamo pillole per il dolore che creano dipendenza

Sciogliendo i prodotti farmaceutici, trattare il dolore con tutto, dall'agopuntura al massaggio alle pomate dell'olio di ricino. Offrono integratori a base di erbe e pillole omeopatiche.

C'è poca ricerca scientifica rigorosa a sostegno di tali trattamenti. Eppure i pazienti spesso dicono di provare sollievo. E i fornitori affermano che i loro approcci alternativi sono di vitale importanza in un momento in cui più di 30,000 persone all'anno muoiono di overdose da oppioidi solo negli Stati Uniti e metà di queste morti coinvolge un antidolorifico prescritto, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

"Sono sorpreso che con la crisi in cui si trova oggi, più persone non si accorgano di trattamenti alternativi", ha affermato John Falardeau, vicepresidente senior dell'American Chiropractic Association.

I chiropratici hanno ottenuto una grande vittoria recentemente in Oregon, dove il programma Medicaid statale ha deciso di coprire la regolazione spinale per il dolore alla schiena inizia in 2016. Vermont, Virginia e Nevada stanno prendendo in considerazione movimenti simili.

Un'altra vittoria è arrivata all'inizio di quest'anno, quando il College of Physicians americano ha raccomandato interventi non chirurgici come l'agopuntura, lo yoga e la cura chiropratica come trattamenti per i dolori alla schiena.

"L'American College of Physicians è il nostro nuovo migliore amico", ha affermato Robert Hayden, chiropratico georgiano e portavoce dell'American Chiropractic Association. Hayden ha affermato che l'industria considera la decisione un risultato diretto del fatto che siamo in una crisi di oppioidi in questo paese.

Sperando per aiuto dall'amministrazione di Trump

Sperando di fare ancora più incursioni, entrambi naturopati e chiropratici stanno promuovendo il Congresso per spingere il sistema sanitario degli Affari dei Veterani ad assumere fornitori alternativi. I chiropratici stanno inoltre impegnando un ruolo nel National Health Service Corps, che mette i fornitori a lavorare nei centri di salute della comunità, spesso nelle zone rurali.

E questo mese, i naturopati scenderanno a Washington, DC, per un incontro sul dolore cronico. "I medici naturopati sono pronti per essere i leader nella lotta contro l'epidemia di oppioidi", affermano i materiali promozionali.

I laboratori di dolore saranno seguiti da una conferenza di tre giorni per fissare un programma di lobbying e insegnare a tecniche di organizzazione naturopati.

L'American Association of Naturopathic Physicians vede chiaramente un'opportunità per fare guadagni: l'arrivo dell'amministrazione Trump e un nuovo Congresso controllato dai repubblicani apre nuove opportunità per AANP per spingere per la non discriminazione assicurativa, per includere [naturopati] in VA, e per sottolineare che l'assistenza naturopatica è un'alternativa necessaria agli oppioidi per il trattamento del dolore cronico, dichiara il sito web dell'AANP.

Anche i chiropratici sono fiduciosi. Il presidente Trump ha parlato di dare a più americani l'accesso a conti di spesa flessibili per l'assistenza sanitaria. Questo, dicono, renderà più facile per i consumatori pagare i trattamenti che l'assicurazione non copre, come la cura chiropratica.

Penso che vedano un'apertura. Che funzioni effettivamente o meno è secondario. È fondamentalmente un'apertura per loro per cercare di rivendicare una certa legittimità

Il dottor David Gorksi, oncologo chirurgico

Alcuni medici tradizionali - che spesso vanno da scettici a ferocemente critici nei confronti della medicina alternativa - sono diffidenti. Temono che naturopati o chiropratici possano persuadere i pazienti con malattie gravi a evitare le cure mediche convenzionali. E sottolineano che alcuni trattamenti a base di erbe interagiscono male con la chemioterapia o altri farmaci.

Altri scettici respingono la spinta per reclamare un ruolo nel trattare il dolore come un trucco di pubbliche relazioni.

"Penso che vedano un'apertura", ha detto il dottor David Gorski, un oncologo chirurgico e un editore del blog Science-Based Medicine. Il fatto che funzioni effettivamente o meno è secondario. È fondamentalmente un'apertura per loro per cercare di rivendicare una certa legittimità

Trova particolarmente irritante che i fornitori alternativi spesso mescolino buoni consigli sulla dieta e sull'esercizio fisico, tratti dalla medicina tradizionale, con terapie marginali che non hanno prove dietro di loro, come le pillole omeopatiche. "Diventa difficile per la persona media capire cosa sia e non è ciarlatano", ha detto.

Ma altri medici stanno abbracciando con cautela l'idea di nuovi modi per trattare il dolore cronico. Dicono che se i rimedi alternativi aiutano, anche se solo attraverso un effetto placebo, i pazienti potrebbero essere in grado di evitare le pillole che creano dipendenza.

Aiutare i pazienti a ottenere il controllo del loro dolore

Emily Telfair, naturopata del Maryland, ha detto di vedere spesso pazienti con dolore cronico che si sentono frustrati dal fatto che i trattamenti convenzionali non abbiano funzionato per curare il loro dolore. Oppure quei pazienti non sono stati in grado di tollerare i duri effetti collaterali dei farmaci antidolorifici. Vengono da lei sperando in un sollievo.

Questo è il luogo in cui brilla la medicina naturopatica. Offre un'altra opzione per le persone che non hanno trovato aiuto ", ha detto Telfair.

Telfair utilizza la massoterapia, incluso un tipo specifico di trattamento noto come massaggio craniosacrale. Manda anche i pazienti a casa con impacchi di olio di ricino e creme topiche da applicare ai loro punti dolenti, tutti metodi non invasivi per invitare il corpo a guarire e lasciar andare il sintomo cronico.

"Offre un'altra opzione per le persone che non hanno trovato aiuto."

Emily Teflair, naturopata

Ha detto che il suo lavoro non è sempre quello di curare il dolore di un paziente, ma di aiutare i pazienti a vedere che il loro dolore non sarà sempre inesorabile e opprimente e di aiutarli a ottenere il controllo.

"Sapere che il loro dolore può essere diverso da un giorno all'altro, questo è uno strumento molto potente", ha detto. So di non poter aiutare tutti coloro che soffrono di dolore cronico. Ma tu [puoi] cambiare il rapporto della persona con il suo dolore

È stato il caso del settantenne James Fite, a cui sono stati sostituiti entrambi i fianchi e ora ha bisogno di una spalla sostituita. È riluttante a sottoporsi all'intervento a causa del suo dolore cronico.

`` È sempre lì. A volte è solo accecante, straziante, ha detto. Ma ha trovato sollievo con un agopuntore e cure naturopatiche di Telfair.

Usa olio di ricino roll-on, si attiene a una dieta antinfiammatoria e riceve anche massaggi. Altre volte, prende gli oppioidi. Fite ha detto che ha avuto 15 fornitori che cercano di trattare aspetti del suo dolore. Sente che il suo agopuntore e Telfair sono i più `` sintonizzati '' sulle condizioni del suo corpo.

"Nessuna di queste cose è una panacea per una condizione cronica come la mia", ha detto. "Ma ho ricevuto tanto aiuto da loro quanto da chiunque altro."

Con varie combinazioni di trattamenti, Fite ha detto di essere più in grado di gestire il suo dolore rispetto a prima. Ha trovato l'energia per insegnare scacchi dopo la scuola due volte a settimana in una biblioteca vicina e può passare più tempo a giocare con i suoi nipoti.

Altri naturopati hanno affermato di vedere il loro obiettivo come trovare e affrontare la causa principale del dolore di un paziente. E sostengono di avere più tempo di un medico per farlo.

“Non è semplice come un sostituto di un oppioide. Trattiamo la causa del dolore. Non lo mascheriamo solo con un antidolorifico, ha detto Michelle Brannick, un fornitore di naturopata dell'Illinois che commercializza i suoi servizi specificamente per i pazienti affetti da dolore. Brannick si basa su arnica omeopatica e integratori a base di erbe, tra gli altri trattamenti.

Un approccio cauto dai medici

I contribuenti sovvenzionano circa $ 120 milioni all'anno in sovvenzioni federali per la ricerca di medicinali alternativi attraverso gli Istituti Nazionali di Salute.

Anche dopo tutta quella ricerca, la dott.ssa Josephine Briggs, direttrice del Centro nazionale per la salute complementare e integrativa del NIH, ha affermato di essere consapevole che non ci sono molte prove solide a supporto di molte terapie alternative del dolore.

Non possiamo definirlo uno schianto. Questa non è una situazione in cui abbiamo una risposta facile per un problema clinico difficile, ha detto.

Ma ha sottolineato che molti rimedi alternativi sono abbastanza a basso rischio. E alcuni medici stanno aprendo le loro menti all'idea - con avvertimenti.

"In qualità di medico, non direi mai semplicemente:" Hai dolore, quindi ti sottoporremo a un farmaco antidolorifico ", ha affermato il dott.Andrew Esch, medico e consulente del Center to Advance Palliative Care di New York.

I medici sottolineano che il dolore può variare enormemente da un paziente all'altro, e nemmeno i trattamenti saranno gli stessi per ogni paziente. "A volte si tratta di terapia fisica e Motrin, a volte si tratta di agopuntura e antidepressivi", ha detto Esch.

Il dottor Charles von Gunten, specialista in cure palliative presso OhioHealth, ha convenuto che terapie alternative come l'agopuntura e il massaggio possono far parte degli strumenti di un medico.

"Non sono né l'uno né l'altro tipo di approcci", ha spiegato.

"In qualità di medico, non direi mai semplicemente:" Hai dolore, quindi ti metteremo solo in medicina del dolore. "

Dr. Andrew Esch, esperto di assistenza palliativa

Ma i medici sono inoltre impegnati nell'invio di pazienti affetti da tumore o da altri con malattie gravi a un provider naturopatico che potrebbe convincerli ad uscire dalla chemioterapia oa rinunciare alla cure mediche convenzionali.

"Questa è certamente una preoccupazione", ha detto Briggs. C'è anche la preoccupazione che i rimedi omeopatici come l'erba di San Giovanni interferiscano con il farmaco prescritto dal paziente e rendano quei farmaci meno efficaci. Incoraggiare i pazienti con dolore a sperimentare trattamenti alternativi potrebbe aprire la porta a questi rischi.

Ma Esch ha detto che non vede queste preoccupazioni come un motivo per cui i medici rifiutano gli approcci naturopatici che i loro pazienti con dolore cronico sono interessati a provare. La maggior parte dei pazienti che vede stanno usando una sorta di trattamento alternativo - e molti continueranno a farlo, che piaccia o no ai medici, ha detto.

"Se qualcuno prende la cartilagine di squalo perché pensa che migliorerà il suo dolore, il mio approccio non è quello di dire immediatamente di no", ha detto.

Invece, setaccia le prove, gli effetti collaterali e le potenziali interazioni farmacologiche che potrebbero mettere a rischio un paziente. Se sembra sicuro per un paziente provare, dà loro il via libera e ricontrolla regolarmente per vedere se aiuta.

"Fa parte della responsabilità dei medici sapere cosa stanno prendendo le persone e non respingerlo, perché è nostro compito sapere che lo faranno in sicurezza", ha detto.

Uno Stato pesa i costi di trattare il dolore

Molti integratori alimentari, che non devono passare attraverso una revisione normativa per la sicurezza o l'efficacia prima di essere immessi sul mercato, sono relativamente economici: gli acquirenti possono prendere 60 compresse di arnica omeopatica da uno scaffale di una farmacia per meno di $ 10.

Ma altre terapie alternative possono essere costose: per esempio, il massaggio craniosacrale e l'agopuntura possono eseguire ogni giorno $ 100 per una sessione di ore, e i pazienti potrebbero avere bisogno di visite multiple ogni mese.

Il piano sanitario dell'Oregon, che è la versione statale di Medicaid, ha pesato quelle spese per decidere se coprire la regolazione chiropratica per il dolore alla schiena.

La cura chiropratica costa più di un breve ciclo di oppioidi: un singolo aggiustamento delle vertebre può costare circa $ 65. Ma i funzionari sanitari sperano che a lungo termine risparmieranno denaro riducendo il numero di persone dipendenti da oppioidi.

"Stiamo cercando di offrire alcune di queste opzioni di trattamento dall'inizio, con l'obiettivo di cercare di ridurre la transizione dal dolore acuto al dolore cronico", ha affermato Denise Taray, che coordina la Oregon Pain Management Commission.

Quella commissione ha guidato la ricerca su quali trattamenti dovrebbero essere coperti e alla fine ha raccomandato a Medicaid di coprire la cura chiropratica. Ora stanno esaminando trattamenti di medicina alternativa per altre condizioni di dolore, come la fibromialgia.

"Siamo tutti concentrati sull'epidemia di oppioidi e sulla gestione della prescrizione", ha detto Taray. La parte che sembra ancora cadere attraverso le crepe è la prospettiva del paziente, il trattamento e la cura del dolore.