ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Endocrinologia funzionale: barriera emato-encefalica e sistema endocrino

Endocrinologia funzionale: barriera emato-encefalica e sistema endocrino

Ti senti:

  • Squilibri ormonali?
  • Bramare i dolci durante il giorno?
  • Aumento di peso?
  • Senso generale di gonfiore?
  • Traballante, nervoso o tremori in tutto il corpo?

Se si verifica una di queste situazioni, potrebbe essere la tua barriera emato-encefalica e il tuo sistema endocrino che potrebbero essere squilibrati.

Il cervello nel corpo umano è il sistema di controllo primario che assicura che ciascun sistema del corpo funzioni correttamente. Ciò include il sistema gastrointestinale, il sistema epatico, il sistema neurologico e, soprattutto, il sistema endocrino. Nel cervello, tuttavia, esiste un tessuto noto come barriera emato-encefalica, collegato al sistema endocrino. È essenziale assicurarsi che la barriera emato-encefalica e il sistema endocrino siano sani nel corpo umano.

La barriera emato-encefalica

La barriera emato-encefalica nel corpo separa il sistema nervoso centrale dal tessuto periferico. Anche se la barriera emato-encefalica separa il sistema nervoso, non impedisce agli ormoni di entrare nel cervello. La ricerca mostra che il cervello può legare e secernere qualsiasi sostanza circolante e può essere qualificato come organo endocrino. Quando ciò accade, può essere uno dei più grandi e metabolicamente attivi degli organi endocrini, agendo sia come bersaglio che come secreto degli ormoni.

20191001-cancro

Con la barriera emato-encefalica, convoglia i vasi sanguigni trasportando il sangue dal cuore a tutti i tessuti e organi in tutto il corpo. Fornisce quindi ossigeno e sostanze nutritive a tutti i tessuti e rimuove l'anidride carbonica e i rifiuti metabolici dai tessuti. I vasi sanguigni trasmettono anche segnali ormonali ai tessuti ed è un mediatore per interagire con il sistema immunitario periferico con ciascun tessuto. La ricerca mostra che poiché la barriera emato-encefalica è un tessuto endocrino, le sostanze che vengono trasportate nel sangue possono emergere in modo ormonale. La ricerca ha affermato che la barriera emato-encefalica potrebbe mostrare le proprietà del sistema endocrino oltre ad essere un bersaglio per gli ormoni che possono influenzare molte delle funzioni emato-encefaliche nel corpo.

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino è una raccolta di ghiandole che secerne e produce ormoni che possono regolare non solo il corpo ma si assicura che regola il metabolismo del corpo e molte altre funzioni di cui il corpo ha bisogno per funzionare correttamente. Quando i livelli ormonali del corpo fluttuano, può essere molto buono o orribile, a seconda della situazione. Se il corpo produce un'abbondanza di ormoni, può causare una ipertiroidismo a una persona e quando il corpo produce una bassa abbondanza di ormoni, il corpo può avere complicazioni e indurre il corpo a sviluppare malattie croniche. Lo stress, le infezioni e il diabete possono influenzare i livelli ormonali del corpo producendo ormoni troppo o troppo poco. Assicurandosi che gli ormoni del corpo siano a un livello equilibrato è essenziale perché mangiare bene e fare esercizi quotidiani può far funzionare il corpo correttamente e sentirsi bene.

Dal momento che il corpo può produrre ormoni in modo naturale, il compito dell'ormone primario è assicurarsi che viaggi nel flusso sanguigno e lo raggiunga ai vari organi e tessuti che necessitano dei livelli ormonali. I livelli ormonali possono dire a ogni organo e tessuto cosa fare e come funzionare. Quando i livelli ormonali impazziscono perché vengono prodotti troppo o troppo poco, provoca il malfunzionamento di quegli organi e tessuti.

Per la barriera emato-encefalica, poiché è un tessuto endocrino, può dividere i recettori ormonali. La ricerca ha scoperto che la barriera emato-encefalica può rispondere per far circolare le sostanze ormonali e secernere tali sostanze ormonali nella circolazione sanguigna e nel sistema nervoso centrale. Può anche assicurarsi che, quando i recettori ormonali vengono divisi, vada ai tessuti nervosi centrali e ai tessuti periferici. La ricerca ha anche scoperto che i livelli di insulina possono anche influenzare la funzione delle cellule endoteliali del cervello attraverso diversi parametri e trasportatori di aminoacidi, leptina e p-glicoproteina modulanti nel corpo.

Sorprendentemente c'è una caratteristica unica che possiede la barriera emato-encefalica. Il cervello-sangue si affida alle sue superfici delle membrane cellulari rivolte verso il flusso sanguigno e il fluido interstiziale del sistema nervoso centrale in modo da poter ricevere segnali per il corpo. La ricerca ha scoperto che le proprietà della barriera emato-encefalica si manifestano principalmente all'interno delle cellule endoteliali del cervello. Possono essere indotti e mantenuti attraverso interazioni critiche con le cellule che interagiscono nell'unità neurovascolare nel cervello. Con questi meccanismi endocrini simili alla barriera emato-encefalica, può aiutare a smorzare gli effetti delle malattie endocrine come le condizioni neurodegenerative e il morbo di Alzheimer.

Conclusione

La barriera emato-encefalica è un tessuto essenziale nel cervello in quanto funziona come un tessuto endocrino e svolge un ruolo interagendo con i livelli ormonali che il sistema endocrino ha secreto al corpo. Quando i livelli ormonali iniziano a funzionare male producendo un'abbondanza o una quantità insufficiente di ormoni, può causare al corpo malattie croniche e la disfunzione ematoencefalica nel cervello, causando anche disturbi neurologici degenerativi nel cervello. Alcuni prodotti può aiutare il sistema endocrino assicurando che anche i livelli ormonali siano bilanciati prodotti per una funzione cerebrale sana per un corpo sano.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.


Riferimenti:

Banks, William A. Brain Meets Body: the Blood-Brain Barrier as an Endocrine Interface. Endocrinologia, Endocrine Society, settembre 2012, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3423627/.

Banks, William A. "La barriera emato-encefalica come tessuto endocrino" Recensioni sulla natura. Endocrinologia, Biblioteca nazionale americana di medicina, agosto 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31127254.

Daneman, Richard e Alexandre Prat. La barriera emato-encefalica . Prospettive di Cold Spring Harbor in biologia, Pressa da laboratorio Cold Spring Harbor, 5 Jan. 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4292164/.

Zimmermann, Kim Ann. Sistema endocrino: fatti, funzioni e malattie . LiveScience, Purch, 18 febbraio 2018, www.livescience.com/26496-endocrine-system.html.


Benessere integrativo moderno Esse Quam Videri

L'Università offre una vasta gamma di professioni mediche per la medicina funzionale e integrativa. Il loro obiettivo è quello di informare le persone che vogliono fare la differenza nei campi medici funzionali con informazioni consapevoli che possono fornire.

 

 

 

Neurologia funzionale: perdita di perdita di sangue nel cervello e barriera cerebrale

Neurologia funzionale: perdita di perdita di sangue nel cervello e barriera cerebrale

I vasi sanguigni nel cervello ci proteggono dai componenti "dannosi" nel flusso sanguigno. Questo è noto come barriera emato-encefalica. Uno studio di ricerca di Science Translational Medicine ha dimostrato come l'infiammazione e il deterioramento cognitivo in un gruppo di topi anziani possano essere associati alla rottura della barriera emato-encefalica. Nel seguente articolo, discuteremo di come il ripristino della rottura della barriera emato-encefalica possa migliorare la salute generale del cervello.

Che cosa è una barriera del cervello sanguigno che perde?

Gli scienziati hanno stabilito che la rottura della barriera emato-encefalica può alla fine innescare una proteina di segnalazione nelle cellule cerebrali, nota come astrociti. Hanno quindi creato e valutato un farmaco / farmaco che bloccava l'attivazione degli astrociti o la proteina di segnalazione nota come fattore di crescita trasformante beta (TGF-beta). Dopo il trattamento, il gruppo di topi anziani ha dimostrato una ridotta infiammazione cerebrale e una migliore funzione cognitiva.

 

“Il nostro team di scienziati associa il cervello che invecchia allo stesso modo in cui associamo la neurodegenerazione. Il cervello che invecchia è caratterizzato dalla perdita della funzione cognitiva e da cellule cerebrali morte ", ha affermato Daniela Kaufer, co-autore senior e professore di biologia integrativa presso l'Università della California, Berkeley. "Tuttavia, il nostro studio di ricerca ha determinato una storia diversa sul motivo per cui il cervello che invecchia non funziona correttamente: è a causa della nebbia del cervello", ha concluso.

 

Secondo lo studio di ricerca, ridurre l'infiammazione e la nebbia cerebrale ripristinando la rottura della barriera emato-encefalica può aiutare a migliorare la salute e il benessere generali del cervello che invecchia. I risultati possono anche aiutare gli scienziati a capire come il deterioramento cognitivo associato all'infiammazione e alla nebbia cerebrale possa accompagnare il cervello che invecchia e la neurodegenerazione, nonché come la barriera emato-encefalica possa essere associata a una migliore funzione cerebrale.

 

Infiammazione, nebbia del cervello e danno cognitivo

Una varietà di studi di ricerca, compresi gli studi di ricerca sull'imaging eseguiti da Alon Friedman, co-autore senior della Ben-Gurion University of the Negev in Israele e della Dalhousie University in Canada, hanno discusso della rottura della barriera emato-encefalica e di come può alla fine diventare meno efficace con l'età. Una barriera emato-encefalica "che perde" può rendere più facile la penetrazione di composti "nocivi" nel cervello e danneggiare cellule e tessuti dal flusso sanguigno.

 

Kaufer e Friedman sono anche co-autori senior di un altro studio di ricerca di Science Translational Medicine che ha valutato l'infiammazione e la nebbia cerebrale nelle barriere emato-encefaliche che perdono. Ad esempio, i pazienti con malattia di Alzheimer possono sperimentare episodi epilettici, tuttavia, potrebbero non esserne consapevoli. L'invecchiamento è un fattore di rischio per la malattia di Alzheimer e l'epilessia in cui studi di ricerca hanno associato una connessione tra i due problemi di salute del cervello.

 

Per il secondo studio di ricerca, il team di scienziati ha valutato le letture EEG di pazienti con malattia di Alzheimer e ha determinato una firma EEG per ciò che è noto come eventi parossistici a onde lente (PSWE). Dagli EEG, gli scienziati hanno dimostrato come il tasso di PSWE sembrava corrispondere al livello di deterioramento cognitivo dei pazienti. Negli EEG di pazienti con epilessia, hanno dimostrato che i PSWE che si sono verificati tra le crisi corrispondevano a casi di barriere emato-encefaliche che perdevano. Hanno determinato la stessa corrispondenza nei topi anziani, nei topi inclini al morbo di Alzheimer e nei ratti con epilessia indotta.

 

Ulteriori studi di ricerca su ratti giovani hanno anche dimostrato che la barriera emato-encefalica può iniziare a rompersi introducendo la proteina albumina nel cervello. Secondo i risultati, ciò alla fine ha causato un aumento del tasso di PSWE. Friedman e Kaufer hanno anche dimostrato che la proteina albumina può penetrare nella barriera emato-encefalica in seguito a un trauma. La proteina albumina può legarsi al recettore TGF-beta degli astrociti e causare problemi di salute del cervello. Il team di scienziati ha anche concluso che una barriera emato-encefalica che perde può alla fine essere una causa di infiammazione, annebbiamento del cervello e deterioramento cognitivo.

 

Biomarcatori di perdita di sangue nel cervello

Gli scienziati suggeriscono che i risultati dei vari studi di ricerca sulle barriere emato-encefaliche che perdono e sulla salute del cervello in definitiva aiutano a offrire una varietà di biomarcatori che potrebbero aiutare gli operatori sanitari a riconoscere questo tipo di problemi utilizzando la risonanza magnetica, in grado di rilevare le barriere emato-encefaliche che perdono e utilizzando l'EEG, che può rilevare ritmi cerebrali anormali. Le misure dei risultati possono anche aiutare a sviluppare il trattamento che possono utilizzare come un modo per ripristinare una barriera emato-encefalica che perde per ridurre e persino invertire molti dei problemi di salute del cervello che può causare in ultima analisi, inclusa la neurodegenerazione.

 

"Il nostro team di scienziati ora utilizza diversi biomarcatori che dimostrano le barriere emato-encefaliche che perdono, quindi gli operatori sanitari possono scegliere i pazienti per il trattamento", ha affermato la professoressa Daniela Kaufer. "Questi studi di ricerca alla fine supportano gli effetti delle barriere emato-encefaliche che perdono su una varietà di problemi di salute del cervello, tra cui demenza e morbo di Alzheimer, associati a infiammazione, nebbia cerebrale e deterioramento cognitivo, oltre a offrire possibili risultati per futuri studi di ricerca" ha dichiarato Diego Gomez-Nicola, professore associato di neuroscienze presso l'Università di Southampton nel Regno Unito,

 

Dr. Alex Jimenez Insights Image

Dopo le scoperte dello scienziato tedesco Paul Ehrlich alla fine del 1800, una raccolta di esperimenti su un gruppo di topi ha dimostrato come il cervello regola a cosa consentire il passaggio e cosa bloccare dall'entrare nei suoi vasi sanguigni attraverso la barriera emato-encefalica. Il cervello è in definitiva protetto dalla barriera emato-encefalica, tuttavia, questo sistema di sicurezza può spesso impedire a farmaci e / o farmaci di essere in grado di trattare efficacemente i problemi di salute del cervello. Gli scienziati hanno iniziato a lavorare allo sviluppo di metodi efficaci per consentire ai trattamenti di penetrare nella barriera emato-encefalica. Altri studi di ricerca hanno dimostrato che l'invecchiamento del cervello, oltre alla neurodegenerazione, può causare la rottura della barriera emato-encefalica. Una barriera ematoencefalica che perde può in definitiva causare infiammazione, nebbia cerebrale e compromissione cognitiva. Tuttavia, studi di ricerca hanno dimostrato i modi per ripristinare e persino invertire le barriere emato-encefaliche che perdono e diversi problemi di salute del cervello. - Dr. Alex Jimenez DC, CCST Insight

 


 

Modulo di valutazione neurotrasmettitore

Modulo di valutazione neurotrasmettitori AE260 (1)

 

Il seguente modulo di valutazione dei neurotrasmettitori può essere compilato e presentato al Dr. Alex Jimenez. I seguenti sintomi elencati in questo modulo non devono essere utilizzati come diagnosi di alcun tipo di malattia, condizione o qualsiasi altro tipo di problema di salute.

 


 

I vasi sanguigni nel cervello ci proteggono dai componenti "dannosi" nel flusso sanguigno. Questo è noto come barriera emato-encefalica. Uno studio di ricerca di Science Translational Medicine ha dimostrato come l'infiammazione e il deterioramento cognitivo in un gruppo di topi anziani possano essere associati alla rottura della barriera emato-encefalica. Nel seguente articolo, discuteremo di come il ripristino della rottura della barriera emato-encefalica possa migliorare la salute generale del cervello.

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

 

A cura del Dr. Alex Jimenez

 

Riferimenti:

  • Catharine Paddock, Ph.D. La riparazione della barriera emato-encefalica che perde può ringiovanire la funzione cerebrale Medical News Today, MediLexicon International, 6 dicembre 2019, www.medicalnewstoday.com/articles/327248.php#1.

 


 

Discussione argomento aggiuntiva: dolore cronico

Il dolore improvviso è una risposta naturale del sistema nervoso che aiuta a dimostrare possibili lesioni. Ad esempio, i segnali del dolore viaggiano da una regione lesa attraverso i nervi e il midollo spinale al cervello. Il dolore è generalmente meno grave quando la lesione guarisce, tuttavia, il dolore cronico è diverso dal tipo medio di dolore. Con il dolore cronico, il corpo umano continuerà a inviare segnali di dolore al cervello, indipendentemente dal fatto che la lesione sia guarita. Il dolore cronico può durare da diverse settimane a diversi anni. Il dolore cronico può influenzare enormemente la mobilità di un paziente e può ridurre la flessibilità, la forza e la resistenza.

 

 


 

Zoomer Plus neuronale per la malattia neurologica

Neural Zoomer Plus | Chiropratico El Paso, TX

Il dottor Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare le malattie neurologiche. Lo zoom neuraleTM Plus è una gamma di autoanticorpi neurologici che offre un riconoscimento specifico anticorpo-antigene. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus è progettato per valutare la reattività di un individuo a 48 antigeni neurologici con connessioni a una varietà di malattie neurologicamente correlate. Il vibrante zoomer neuraleTM Plus mira a ridurre le condizioni neurologiche fornendo ai pazienti e ai medici una risorsa vitale per la diagnosi precoce del rischio e una maggiore attenzione alla prevenzione primaria personalizzata.

 

Sensibilità alimentare per la risposta immunitaria IgG e IgA

Zoomer di sensibilità alimentare | Chiropratico El Paso, TX

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare i problemi di salute associati alle sensibilità alimentari. Lo zoom per la sensibilità alimentareTM è un array di 180 antigeni alimentari comunemente consumati che offre un riconoscimento molto specifico da anticorpo ad antigene. Questo pannello misura la sensibilità IgG e IgA di un individuo agli antigeni alimentari. Essere in grado di testare gli anticorpi IgA fornisce ulteriori informazioni agli alimenti che possono causare danni alla mucosa. Inoltre, questo test è ideale per i pazienti che potrebbero soffrire di reazioni ritardate a determinati alimenti. L'utilizzo di un test di sensibilità alimentare basato su anticorpi può aiutare a dare la priorità agli alimenti necessari per eliminare e creare un piano alimentare personalizzato in base alle esigenze specifiche del paziente.

 

Zoomer intestinale per crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO)

Gut Zoomer | Chiropratico El Paso, TX

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare la salute dell'intestino associata alla crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO). Lo Zoomer dell'intestino vibranteTM offre un rapporto che include raccomandazioni dietetiche e altri integratori naturali come prebiotici, probiotici e polifenoli. Il microbioma intestinale si trova principalmente nell'intestino crasso e ha più di 1000 specie di batteri che svolgono un ruolo fondamentale nel corpo umano, dal modellare il sistema immunitario e influenzare il metabolismo dei nutrienti al rafforzamento della barriera mucosa intestinale (barriera intestinale ). È essenziale capire in che modo il numero di batteri che vivono in modo simbiotico nel tratto gastrointestinale (GI) umano influenza la salute dell'intestino perché gli squilibri nel microbioma intestinale possono alla fine portare a sintomi del tratto gastrointestinale (GI), condizioni della pelle, disturbi autoimmuni, squilibri del sistema immunitario e molteplici disturbi infiammatori.

 


Dunwoody Labs: Sgabello completo con parassitologia | Chiropratico El Paso, TX


GI-MAP: GI Microbial Assay Plus | Chiropratico El Paso, TX


 

Formule per il supporto alla metilazione

Formule Xymogen - El Paso, TX

XYMOGEN s Le formule professionali esclusive sono disponibili tramite professionisti sanitari selezionati. La vendita e lo sconto su Internet delle formule XYMOGEN sono severamente vietati.

Orgogliosamente, Il dottor Alexander Jimenez rende le formule XYMOGEN disponibili solo per i pazienti sotto la nostra cura.

Si prega di chiamare il nostro ufficio in modo da poter assegnare una consulenza medica per l'accesso immediato.

Se sei un paziente di Injury Medical & Chiropractic Clinica, puoi chiedere informazioni su XYMOGEN chiamando 915-850-0900.

xymogen el paso, tx

Per vostra comodità e revisione del XYMOGEN prodotti si prega di rivedere il seguente link. *XYMOGEN-Catalog-Scaricare ï ¿½

 

* Tutte le precedenti politiche XYMOGEN rimangono rigorosamente in vigore. ï ¿½

 


 

ï ¿½

Neurologia funzionale: qual è il ruolo della barriera emato-encefalica?

Neurologia funzionale: qual è il ruolo della barriera emato-encefalica?

Il nostro cervello è un organo complesso protetto dal nostro cranio spesso 7 mm, una membrana protettiva, nota come meningi e liquido cerebrospinale. Queste strutture cerebrali essenziali aiutano a proteggere il cervello da danni fisici o lesioni. Un'altra struttura cerebrale che protegge il cervello dai danni è la barriera emato-encefalica. La barriera emato-encefalica è lo scudo tra i vasi sanguigni del cervello e le cellule del tessuto cerebrale. Mentre il cranio, le meningi e il liquido cerebrospinale proteggono il cervello da danni fisici o lesioni, la barriera emato-encefalica protegge il cervello dalle tossine e dagli agenti patogeni nel sangue.

 

Inoltre, la presenza della barriera emato-encefalica nel cervello umano è stata scoperta per la prima volta alla fine del 1800 dallo scienziato tedesco Paul Ehrlich quando ha iniettato la tintura blu nel flusso sanguigno di un gruppo di topi durante un esperimento. Il colorante blu ha teso tutti i tessuti e gli organi degli animali ad eccezione del cervello e del midollo spinale. Sebbene le misure dei risultati dello studio di ricerca abbiano dimostrato l'esistenza della barriera emato-encefalica, è stato solo negli anni '1960 che i ricercatori sono stati in grado di utilizzare tecnologie molto più potenti per dimostrare alla fine la presenza della barriera emato-encefalica nel cervello umano. .

 

Anatomia della barriera emato-encefalica

La struttura principale della barriera emato-encefalica che aiuta a proteggere il cervello da tossine e agenti patogeni nel flusso sanguigno è nota come giunzione stretta endoteliale. Le cellule endoteliali coprono l'interno dei vasi sanguigni nel cervello. La barriera emato-encefalica è un sistema di sicurezza così efficace perché queste cellule endoteliali nei vasi sanguigni del cervello sono collegate molto vicine tra loro in "giunzioni strette". La barriera emato-encefalica consente solo a piccole molecole liposolubili e a diversi tipi di gas di passare liberamente tra i vasi sanguigni e il cervello. Inoltre, alle molecole più grandi, come il glucosio e l'insulina, è consentito il passaggio solo attraverso proteine ​​trasportatrici che agiscono come "buttafuori" che aprono le porte solo a determinate molecole necessarie.

 

Lo scopo della barriera emato-encefalica è proteggere il cervello dalle tossine e dagli agenti patogeni che circolano nel flusso sanguigno che potrebbero causare problemi di salute del cervello, consentendo anche il passaggio ai nutrienti fondamentali necessari per il cervello. Altre funzioni della barriera emato-encefalica includono la regolazione e la gestione di livelli coerenti di nutrienti, ormoni e acqua nel cervello umano. I cambiamenti in questi possono influenzare l'omeostasi del cervello.

 

L'omeostasi del cervello può essere comunemente influenzata da infezioni batteriche, come la malattia da meningococco. I batteri meningococcici possono attaccarsi alle cellule endoteliali dei vasi sanguigni nel cervello e causare una leggera apertura delle giunzioni. Ciò fa sì che la barriera emato-encefalica diventi più porosa che può quindi consentire il passaggio a tossine e agenti patogeni che possono infettare il tessuto cerebrale, provocando infiammazione e talvolta persino morte. Si ritiene inoltre che la barriera emato-encefalica possa diminuire in una varietà di altri problemi di salute del cervello. Nella sclerosi multipla, ad esempio, una ridotta funzione della barriera ematoencefalica può consentire ai globuli bianchi di passare nel cervello e attaccare le strutture che trasmettono i messaggi da un neurone all'altro.

 

Trattamento barriera al sangue

La barriera emato-encefalica è così efficace nel proteggere il cervello da tossine e agenti patogeni che può persino impedire ai trattamenti necessari di raggiungere il cervello. La stragrande maggioranza dei potenziali farmaci e / o farmaci che potrebbero aiutare a trattare una varietà di problemi di salute del cervello non sono in grado di penetrare prontamente la barriera emato-encefalica che può diventare un enorme problema nel trattamento delle malattie neurologiche. Tuttavia, un modo possibile per penetrare la barriera emato-encefalica è "ingannare" il sistema di sicurezza per consentire il passaggio a determinati medicinali. La barriera emato-encefalica può anche essere temporaneamente aperta utilizzando gli ultrasuoni.

 

Uno studio di ricerca ha dimostrato che l'uso degli ultrasuoni per aprire temporaneamente la barriera emato-encefalica in un topo con malattia di Alzheimer può migliorare la cognizione e diminuire le placche tossiche nel cervello. Ma soprattutto, l'uso degli ultrasuoni per aprire temporaneamente la barriera emato-encefalica non ha danneggiato o ferito il cervello. In un altro studio di ricerca, i ricercatori hanno dimostrato che aprendo temporaneamente la barriera emato-encefalica, gli ultrasuoni possono consentire il passaggio di farmaci e / o farmaci nel cervello, migliorando la cognizione e il morbo di Alzheimer più di quando si usano gli ultrasuoni o i farmaci da soli.

 

Dr. Alex Jimenez Insights Image

Dopo le scoperte dello scienziato tedesco Paul Ehrlich durante la fine degli 1800, una raccolta di esperimenti su un gruppo di topi ha dimostrato come il cervello regola cosa consentire il passaggio e cosa impedire l'ingresso nei suoi vasi sanguigni attraverso la barriera emato-encefalica. Il cervello è in definitiva protetto dalla barriera emato-encefalica, tuttavia, questo sistema di sicurezza può spesso impedire a farmaci e / o farmaci di essere in grado di trattare efficacemente i problemi di salute del cervello. Gli scienziati hanno iniziato a lavorare allo sviluppo di metodi efficaci per consentire ai trattamenti di penetrare nella barriera emato-encefalica. Altri studi di ricerca hanno dimostrato che usando gli ultrasuoni, la barriera emato-encefalica può essere temporaneamente aperta per consentire il passaggio di medicinali per aiutare a trattare una varietà di problemi di salute del cervello e malattie neurologiche, tra gli altri problemi. - Dott.Alex Jimenez DC, CCST Insight

 


 

Modulo di valutazione neurotrasmettitore

Modulo di valutazione neurotrasmettitori AE260 (1)

 

Il seguente modulo di valutazione dei neurotrasmettitori può essere compilato e presentato al Dr. Alex Jimenez. I seguenti sintomi elencati in questo modulo non devono essere utilizzati come diagnosi di alcun tipo di malattia, condizione o qualsiasi altro tipo di problema di salute.

 


 

Il nostro cervello è un organo complesso protetto dal nostro cranio spesso 7 mm, da una membrana protettiva, nota come meningi, e dal liquido cerebrospinale. Queste strutture cerebrali essenziali alla fine aiutano a proteggere il cervello da danni fisici o lesioni. Un'altra struttura cerebrale che protegge il cervello dai danni è la barriera emato-encefalica. La barriera emato-encefalica è lo scudo tra i vasi sanguigni del cervello e le cellule del tessuto cerebrale. Mentre il cranio, le meningi e il liquido cerebrospinale proteggono il cervello da danni fisici o lesioni, la barriera emato-encefalica protegge il cervello dalle tossine e dagli agenti patogeni nel flusso sanguigno.

 

Inoltre, la presenza della barriera emato-encefalica nel cervello umano è stata scoperta per la prima volta alla fine del 1800 dallo scienziato tedesco Paul Ehrlich quando ha iniettato la tintura blu nel flusso sanguigno di un gruppo di topi durante un esperimento. Il colorante blu ha teso tutti i tessuti e gli organi degli animali ad eccezione del cervello e del midollo spinale. Sebbene le misure dei risultati dello studio di ricerca abbiano dimostrato l'esistenza della barriera emato-encefalica, è stato solo negli anni '1960 che i ricercatori sono stati in grado di utilizzare tecnologie molto più potenti per dimostrare alla fine la presenza della barriera emato-encefalica nel cervello umano. .

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

 

A cura del Dr. Alex Jimenez

 

Riferimenti:

  • Woodruff, Alan. Che cos'è la barriera emato-encefalica? Queensland Brain Institute, 11 Jan. 2018, qbi.uq.edu.au/brain/brain-anatomy/what-blood-brain- barrier.

 


 

Discussione argomento aggiuntiva: dolore cronico

Il dolore improvviso è una risposta naturale del sistema nervoso che aiuta a dimostrare possibili lesioni. Ad esempio, i segnali del dolore viaggiano da una regione lesa attraverso i nervi e il midollo spinale al cervello. Il dolore è generalmente meno grave quando la lesione guarisce, tuttavia, il dolore cronico è diverso dal tipo medio di dolore. Con il dolore cronico, il corpo umano continuerà a inviare segnali di dolore al cervello, indipendentemente dal fatto che la lesione sia guarita. Il dolore cronico può durare da diverse settimane a diversi anni. Il dolore cronico può influenzare enormemente la mobilità di un paziente e può ridurre la flessibilità, la forza e la resistenza.

 

 


 

Zoomer Plus neuronale per la malattia neurologica

Neural Zoomer Plus | Chiropratico El Paso, TX

 

Il dottor Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare le malattie neurologiche. Lo zoom neuraleTM Plus è una gamma di autoanticorpi neurologici che offre un riconoscimento specifico anticorpo-antigene. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus è progettato per valutare la reattività di un individuo a 48 antigeni neurologici con connessioni a una varietà di malattie neurologicamente correlate. Il vibrante zoomer neuraleTM Plus mira a ridurre le condizioni neurologiche fornendo ai pazienti e ai medici una risorsa vitale per la diagnosi precoce del rischio e una maggiore attenzione alla prevenzione primaria personalizzata.

 

Sensibilità alimentare per la risposta immunitaria IgG e IgA

Zoomer di sensibilità alimentare | Chiropratico El Paso, TX

 

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare i problemi di salute associati alle sensibilità alimentari. Lo zoom per la sensibilità alimentareTM è un array di 180 antigeni alimentari comunemente consumati che offre un riconoscimento molto specifico da anticorpo ad antigene. Questo pannello misura la sensibilità IgG e IgA di un individuo agli antigeni alimentari. Essere in grado di testare gli anticorpi IgA fornisce ulteriori informazioni agli alimenti che possono causare danni alla mucosa. Inoltre, questo test è ideale per i pazienti che potrebbero soffrire di reazioni ritardate a determinati alimenti. L'utilizzo di un test di sensibilità alimentare basato su anticorpi può aiutare a dare la priorità agli alimenti necessari per eliminare e creare un piano alimentare personalizzato in base alle esigenze specifiche del paziente.

 

Zoomer intestinale per crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO)

Gut Zoomer | Chiropratico El Paso, TX

 

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare la salute dell'intestino associata alla crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO). Lo Zoomer dell'intestino vibranteTM offre un rapporto che include raccomandazioni dietetiche e altri integratori naturali come prebiotici, probiotici e polifenoli. Il microbioma intestinale si trova principalmente nell'intestino crasso e ha più di 1000 specie di batteri che svolgono un ruolo fondamentale nel corpo umano, dal modellare il sistema immunitario e influenzare il metabolismo dei nutrienti al rafforzamento della barriera mucosa intestinale (barriera intestinale ). È essenziale capire in che modo il numero di batteri che vivono in modo simbiotico nel tratto gastrointestinale (GI) umano influenza la salute dell'intestino perché gli squilibri nel microbioma intestinale possono alla fine portare a sintomi del tratto gastrointestinale (GI), condizioni della pelle, disturbi autoimmuni, squilibri del sistema immunitario e molteplici disturbi infiammatori.

 


Dunwoody Labs: Sgabello completo con parassitologia | Chiropratico El Paso, TX


GI-MAP: GI Microbial Assay Plus | Chiropratico El Paso, TX


 

Formule per il supporto alla metilazione

Formule Xymogen - El Paso, TX

ï ¿½ XYMOGEN s Le formule professionali esclusive sono disponibili tramite professionisti sanitari selezionati. La vendita e lo sconto su Internet delle formule XYMOGEN sono severamente vietati.

Orgogliosamente, Il dottor Alexander Jimenez rende le formule XYMOGEN disponibili solo per i pazienti sotto la nostra cura.

Si prega di chiamare il nostro ufficio in modo da poter assegnare una consulenza medica per l'accesso immediato.

Se sei un paziente di Injury Medical & Chiropractic Clinica, puoi chiedere informazioni su XYMOGEN chiamando 915-850-0900.

xymogen el paso, tx

Per vostra comodità e revisione del XYMOGEN prodotti si prega di rivedere il seguente link. *XYMOGEN-Catalog-Scaricare ï ¿½

 

* Tutte le precedenti politiche XYMOGEN rimangono rigorosamente in vigore. ï ¿½

 


 

ï ¿½

Neurologia funzionale: la barriera emato-encefalica e la salute del cervello

Neurologia funzionale: la barriera emato-encefalica e la salute del cervello

Il nostro cervello è protetto dalla barriera emato-encefalica, una connessione dei vasi sanguigni che consente il passaggio di importanti nutrienti bloccando altri composti. Tuttavia, questo sistema di sicurezza è così efficiente nel proteggere il cervello che spesso può impedire a molti farmaci e / o farmaci di essere in grado di trattare efficacemente una varietà di problemi di salute del cervello. Gli scienziati stanno lavorando allo sviluppo di modi per consentire ai trattamenti di penetrare nella barriera emato-encefalica.

 

Il cervello dipende da una serie di precisi segnali di comunicazione dalle cellule nervose per svolgere molte funzioni fondamentali. E l'ambiente circostante deve rimanere stabile per inviare e ricevere trasmissioni con successo. Durante la fine del 1800, le misurazioni dei risultati di uno studio di ricerca sul cervello hanno avviato una raccolta di esperimenti che hanno dimostrato come il cervello alla fine si protegge dai cambiamenti naturali che avvengono nel corpo.

 

Comprensione della barriera emato-encefalica

Paul Ehrlich, uno scienziato tedesco che in seguito ha vinto un premio Nobel per lo sviluppo di una cura per la sifilide, si è interessato per la prima volta al modo in cui diversi tipi di cellule e tessuti assorbono vari coloranti chimici. Lo scopo degli esperimenti di Ehrlich era scoprire nuovi componenti in grado di proteggere il cervello da altri composti "dannosi". Tuttavia, Paul Ehrlich ha fatto una scoperta inaspettatamente strana nel corso dei suoi studi di ricerca.

 

Durante uno studio di ricerca nel 1885, Ehrlich ha iniettato il colorante blu nel flusso sanguigno di un gruppo di topi. Il colorante ha macchiato di blu tutti gli organi degli animali ad eccezione di un organo essenziale: il loro cervello. Durante uno studio di ricerca di follow-up nel 1913, lo stesso colorante blu precedentemente utilizzato per l'ultimo esperimento fu iniettato direttamente nel cervello di un altro gruppo di topi. Ma questa volta, il cervello degli animali è diventato blu mentre gli altri organi non hanno cambiato colore.

 

Sebbene questi esperimenti scoprissero la barriera emato-encefalica, all'epoca non esistevano apparecchiature di questo tipo che avrebbero potuto dimostrare l'esistenza di questo sistema di sicurezza. In effetti, è stato solo negli anni '1960 che gli scienziati hanno rilevato per la prima volta l'effettiva barriera emato-encefalica. Gli scienziati sono stati in grado di vedere la connessione dettagliata dei vasi sanguigni nel cervello utilizzando un microscopio che era circa 5,000 volte più potente di quello usato da Paul Ehrlich.

 

Gli scienziati hanno anche scoperto che, proprio come tutti gli altri vasi sanguigni del corpo, i vasi sanguigni nel cervello sono pieni di cellule endoteliali che funzionano come una sorta di connessione tra il sangue e la parete dei vasi. A differenza di tutti gli altri vasi sanguigni del corpo, tuttavia, le cellule endoteliali del cervello sono strettamente legate tra loro, il che forma una barriera quasi impermeabile tra il cervello e il flusso sanguigno: la barriera emato-encefalica.

 

La barriera emato-encefalica consente il passaggio di nutrienti e ormoni, come glucosio e amminoacidi, bloccando l'ingresso nel cervello di componenti “nocivi”, come batteri e tossine. Per dimostrare come il sistema di sicurezza del cervello determina a quali molecole consentire il passaggio e quali molecole bloccare, gli scienziati hanno iniettato determinati composti nel flusso sanguigno degli animali e poi hanno misurato le quantità che sono arrivate nel cervello.

 

Problemi alla barriera emato-encefalica e alla salute del cervello

Nel corso di diversi studi di ricerca, gli scienziati hanno dimostrato che alcuni composti molto piccoli e / o liposolubili, inclusi farmaci anti-ansia, antidepressivi, cocaina, alcol e molti diversi tipi di ormoni possono scivolare attraverso le cellule endoteliali del barriera emato-encefalica. Le molecole più grandi e più desiderabili, compreso il glucosio e / o l'insulina, devono essere trasportate selettivamente attraverso la barriera emato-encefalica dalle proteine ​​trasportatrici.

 

Le cellule nervose che si trovano su entrambi i lati della barriera emato-encefalica comunicano costantemente tra loro riguardo a quali molecole dovrebbero consentire il passaggio e quali componenti bloccare. Ad esempio, le cellule nervose che lavorano duramente all'interno del cervello possono infine trasmettere segnali ai vasi sanguigni su entrambi i lati della barriera emato-encefalica per dilatarsi e consentire ai nutrienti di viaggiare rapidamente dal flusso sanguigno alle cellule nervose che ne hanno bisogno.

 

Tuttavia, diversi problemi di salute del cervello, tra cui lesioni, condizioni sottostanti, infezioni e alcuni tipi di cancro, possono causare il danneggiamento e la rottura della barriera emato-encefalica, con conseguenti piccole rotture ai vasi sanguigni nel cervello. È quindi possibile consentire il passaggio di una varietà di componenti che normalmente sarebbero bloccati dalla barriera emato-encefalica, causando vari problemi al cervello, tra cui una varietà di malattie neurologiche.

 

Inoltre, le misurazioni dei risultati di diversi studi di ricerca suggeriscono che l'indebolimento della barriera emato-encefalica può anche essere associato a una serie di disturbi neurodegenerativi. Ad esempio, gli scienziati suggeriscono che una barriera emato-encefalica che perde consente il passaggio di troppi globuli bianchi nel cervello dei pazienti con sclerosi multipla (SM). Queste cellule attaccano la guaina mielinica tra le cellule nervose, provocando i sintomi della sclerosi multipla (SM).

 

Attraverso nuove tecnologie di trattamento, gli scienziati stanno iniziando a creare nuovi modi per aprire la barriera emato-encefalica per consentire a farmaci e / o farmaci di raggiungere il cervello senza interferire con le sue funzioni. Anche se probabilmente ci sono ancora numerose sfide da affrontare, molti scienziati sperano che le nuove conoscenze sulla struttura della barriera emato-encefalica un giorno porteranno a trattamenti migliori per molti dei problemi di salute del cervello più impegnativi.

 

Dr. Alex Jimenez Insights Image

Dopo le scoperte di Paul Ehrlich durante la fine degli 1800, una raccolta di esperimenti ha iniziato a aiutare a dimostrare come il cervello regola su cosa consentire il passaggio e cosa impedire l'ingresso nei suoi vasi sanguigni. Il cervello è protetto dalla barriera emato-encefalica, tuttavia questo sistema di sicurezza può spesso impedire a farmaci e / o farmaci di essere in grado di trattare efficacemente i problemi di salute del cervello. Gli scienziati hanno iniziato a lavorare allo sviluppo di metodi efficaci per consentire ai trattamenti di penetrare nella barriera emato-encefalica. - Dott.Alex Jimenez DC, CCST Insight

 


 

Modulo di valutazione neurotrasmettitore

Modulo di valutazione neurotrasmettitori AE260 (1)

 

Il seguente modulo di valutazione dei neurotrasmettitori può essere compilato e presentato al Dr. Alex Jimenez. I seguenti sintomi elencati in questo modulo non devono essere utilizzati come diagnosi di alcun tipo di malattia, condizione o qualsiasi altro tipo di problema di salute.

 


 

Il nostro cervello è protetto dalla barriera emato-encefalica, una connessione dei vasi sanguigni che consente il passaggio di importanti nutrienti bloccando altri composti. Tuttavia, questo sistema di sicurezza è così efficiente nel proteggere il cervello che spesso può impedire a molti farmaci e / o farmaci di essere in grado di trattare efficacemente una varietà di problemi di salute del cervello. Gli scienziati stanno lavorando allo sviluppo di modi per consentire ai trattamenti di penetrare nella barriera emato-encefalica.

 

Il cervello dipende da una serie di precisi segnali di comunicazione dalle cellule nervose per svolgere molte funzioni fondamentali. E l'ambiente circostante deve rimanere stabile per inviare e ricevere trasmissioni con successo. Durante la fine del 1800, le misurazioni dei risultati di uno studio di ricerca sul cervello hanno avviato una raccolta di esperimenti che hanno dimostrato come il cervello alla fine si protegge dai cambiamenti naturali che avvengono nel corpo.

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al numero 915-850-0900.

 

A cura del Dr. Alex Jimenez

 

Riferimenti:

  • Bates, Mary. La barriera emato-encefalica . BrainFacts.org, 2 July 2014, www.brainfacts.org/brain-anatomy-and-function/anatomy/2014/blood-brain-barrier.

 


 

Discussione argomento aggiuntiva: dolore cronico

Il dolore improvviso è una risposta naturale del sistema nervoso che aiuta a dimostrare possibili lesioni. Ad esempio, i segnali del dolore viaggiano da una regione lesa attraverso i nervi e il midollo spinale al cervello. Il dolore è generalmente meno grave quando la lesione guarisce, tuttavia, il dolore cronico è diverso dal tipo medio di dolore. Con il dolore cronico, il corpo umano continuerà a inviare segnali di dolore al cervello, indipendentemente dal fatto che la lesione sia guarita. Il dolore cronico può durare da diverse settimane a diversi anni. Il dolore cronico può influenzare enormemente la mobilità di un paziente e può ridurre la flessibilità, la forza e la resistenza.

 

 


 

Zoomer Plus neuronale per la malattia neurologica

Neural Zoomer Plus | Chiropratico El Paso, TX

Il dottor Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare le malattie neurologiche. Lo zoom neuraleTM Plus è una gamma di autoanticorpi neurologici che offre un riconoscimento specifico anticorpo-antigene. Il vibrante Neural ZoomerTM Plus è progettato per valutare la reattività di un individuo a 48 antigeni neurologici con connessioni a una varietà di malattie neurologicamente correlate. Il vibrante zoomer neuraleTM Plus mira a ridurre le condizioni neurologiche fornendo ai pazienti e ai medici una risorsa vitale per la diagnosi precoce del rischio e una maggiore attenzione alla prevenzione primaria personalizzata.

 

Sensibilità alimentare per la risposta immunitaria IgG e IgA

Zoomer di sensibilità alimentare | Chiropratico El Paso, TX

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare i problemi di salute associati alle sensibilità alimentari. Lo zoom per la sensibilità alimentareTM è un array di 180 antigeni alimentari comunemente consumati che offre un riconoscimento molto specifico da anticorpo ad antigene. Questo pannello misura la sensibilità IgG e IgA di un individuo agli antigeni alimentari. Essere in grado di testare gli anticorpi IgA fornisce ulteriori informazioni agli alimenti che possono causare danni alla mucosa. Inoltre, questo test è ideale per i pazienti che potrebbero soffrire di reazioni ritardate a determinati alimenti. L'utilizzo di un test di sensibilità alimentare basato su anticorpi può aiutare a dare la priorità agli alimenti necessari per eliminare e creare un piano alimentare personalizzato in base alle esigenze specifiche del paziente.

 

Zoomer intestinale per crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO)

Gut Zoomer | Chiropratico El Paso, TX

 

Il Dr. Alex Jimenez utilizza una serie di test per aiutare a valutare la salute dell'intestino associata alla crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO). Lo Zoomer dell'intestino vibranteTM offre un rapporto che include raccomandazioni dietetiche e altri integratori naturali come prebiotici, probiotici e polifenoli. Il microbioma intestinale si trova principalmente nell'intestino crasso e ha più di 1000 specie di batteri che svolgono un ruolo fondamentale nel corpo umano, dal modellare il sistema immunitario e influenzare il metabolismo dei nutrienti al rafforzamento della barriera mucosa intestinale (barriera intestinale ). È essenziale capire in che modo il numero di batteri che vivono in modo simbiotico nel tratto gastrointestinale (GI) umano influenza la salute dell'intestino perché gli squilibri nel microbioma intestinale possono alla fine portare a sintomi del tratto gastrointestinale (GI), condizioni della pelle, disturbi autoimmuni, squilibri del sistema immunitario e molteplici disturbi infiammatori.

 


Dunwoody Labs: Sgabello completo con parassitologia | Chiropratico El Paso, TX


GI-MAP: GI Microbial Assay Plus | Chiropratico El Paso, TX


 

Formule per il supporto alla metilazione

Formule Xymogen - El Paso, TX

 

XYMOGEN s Le formule professionali esclusive sono disponibili tramite professionisti sanitari selezionati. La vendita e lo sconto su Internet delle formule XYMOGEN sono severamente vietati.

 

Orgogliosamente, Il dottor Alexander Jimenez rende le formule XYMOGEN disponibili solo per i pazienti sotto la nostra cura.

 

Si prega di chiamare il nostro ufficio in modo da poter assegnare una consulenza medica per l'accesso immediato.

 

Se sei un paziente di Injury Medical & Chiropractic Clinica, puoi chiedere informazioni su XYMOGEN chiamando 915-850-0900.

xymogen el paso, tx

Per vostra comodità e revisione del XYMOGEN prodotti si prega di rivedere il seguente link. *XYMOGEN-Catalog-Scaricare ï ¿½

 

* Tutte le precedenti politiche XYMOGEN rimangono rigorosamente in vigore. ï ¿½

 


 

ï ¿½