ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Il ruolo della sensibilizzazione centrale nella sindrome del dolore miofasciale

Il ruolo della sensibilizzazione centrale nella sindrome del dolore miofasciale

Introduzione

I muscoli, i tessuti e i legamenti aiutano a stabilizzare le articolazioni e la struttura della colonna vertebrale in modo che il corpo possa funzionare. Questi muscoli sono stratificati e intrecciati nella colonna vertebrale e nelle articolazioni che aiutano a facilitare il movimento. Quando il corpo subisce lesioni o eventi traumatici, i muscoli, i tessuti e i legamenti ne vengono colpiti, causando dolore muscolare e disagio. Questo fa sì che i muscoli siano teneri al tatto e sensibili. Questo è noto come sindrome del dolore miofasciale. L'articolo di oggi esamina la sindrome del dolore miofasciale, come è collegata alla sensibilizzazione centrale e i modi per gestire la sindrome del dolore miofasciale. Indirizziamo i pazienti a fornitori certificati specializzati in trattamenti muscolo-scheletrici per aiutare molti individui con sindrome del dolore miofasciale associata a sensibilizzazione centrale. Inoltre, guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia la soluzione per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

11_Shah Ruolo della sensibilizzazione centrale compresso

Che cos'è la sindrome del dolore miofasciale?

 

Hai sperimentato tensione muscolare in diverse aree del tuo corpo? Hai sentito i tuoi muscoli teneri al tatto? O hai avuto problemi a dormire? Molti di questi fattori di rischio sovrapposti sono segni che potresti avere la sindrome del dolore miofasciale. Il termine "miofasciale" è diviso in due parti. "Myo" si riferisce ai muscoli, mentre "fascia" si riferisce ai tessuti connettivi presenti in tutto il corpo. Quindi la sindrome del dolore miofasciale è dove c'è dolore muscolare in varie forme, che include i tessuti muscolari, i tessuti connettivi o entrambi. Gli studi rivelano che la sindrome del dolore miofasciale ha origine da punti trigger nel muscolo scheletrico, causando dolore al muscolo interessato. I punti trigger nei muscoli scheletrici del corpo sono i "nodi" che le persone sentono quando i loro muscoli si irrigidiscono. Questi punti trigger sono difficili da identificare perché si verificano in diverse aree che causano dolore riferito (dolore in un punto ma in un'altra zona del corpo). 

 

In che modo la sensibilizzazione centrale si collega alla sindrome del dolore miofasciale?

Gli studi rivelano che la sensibilizzazione centrale nel corpo è rappresentata come un potenziamento della funzione neuronale e dei circuiti nelle vie nocicettive che aumenta l'eccitabilità della membrana e l'efficacia sinaptica. A quel punto riduce l'inibizione e manifesta la notevole plasticità del sistema nervoso somatosensoriale. Gli input dei nocicettori possono innescare e manifestare una sensibilizzazione centrale come ipersensibilità al dolore quando il corpo soffre di una lesione. Quindi, in che modo la sensibilizzazione centrale è collegata alla sindrome del dolore miofasciale? Usiamo fibromialgia come esempio. Molte persone che hanno a che fare con dolore miofasciale possono essere potenzialmente coinvolti con la fibromialgia. Ciò è dovuto al fatto che la fibromialgia è una condizione cronica che presenta dolore diffuso e questo rende il corpo più sensibile al dolore. La sensibilizzazione centrale legata alla sindrome del dolore miofasciale può imitare i sintomi della fibromialgia nel corpo, causando dolore e disagio muscolare. 

 


Una panoramica della sindrome del dolore miofasciale-Video

Stai sperimentando debolezza muscolare o indolenzimento in alcune regioni del tuo corpo? Hai avuto a che fare con stanchezza cronica o scarsa qualità del sonno? O hai avuto a che fare con mal di testa costantemente durante l'intera giornata? Molti di questi sintomi sono segni che potresti essere a rischio di sviluppare la sindrome del dolore miofasciale. Il video sopra spiega la sindrome del dolore miofasciale, i sintomi e le cause che colpiscono il corpo. Gli studi rivelano che il dolore miofasciale ha due tipi di punti trigger:

  • Punti trigger attivi associati a dolore muscolare senza movimento
  • Punti trigger latenti associati al dolore muscolare durante il movimento

Sindrome del dolore miofasciale può variare in forme acute o croniche e può variare da lieve a grave pur essendo in luoghi diversi, rendendo molto difficile individuare dove è localizzato il dolore. Fortunatamente, ci sono modi per gestire la sindrome del dolore miofasciale nel corpo che possono aiutare con il dolore.


Modi per gestire la sindrome del dolore miofasciale

 

Quando si gestisce la sindrome del dolore miofasciale, molte persone che si occupano di dolore muscolare assumeranno farmaci antidolorifici per alleviarlo; tuttavia, ciò riduce al minimo il dolore solo per un breve periodo. Un modo per gestire la sindrome del dolore miofasciale è utilizzare la cura chiropratica come parte del trattamento. La cura chiropratica non è invasiva e spesso è il trattamento preferito per le persone con sindrome del dolore miofasciale grazie alla sua efficacia e all'approccio senza farmaci. I chiropratici non sono solo bravi a trovare i punti trigger, ma sono bravi quando si tratta di trattarli usando varie tecniche. Gli studi rivelano che i chiropratici usano la pressione diretta sui punti trigger per alleviare il dolore con le mani o strumenti specifici. L'integrazione della cura chiropratica fornisce al corpo un aumento della forza muscolare, della flessibilità e della gamma di movimento. Poiché la cura chiropratica è un approccio per tutto il corpo, consente a molte persone con sindrome del dolore miofasciale di avere una migliore qualità della vita e di apprendere abitudini sane, che includono dieta, esercizio fisico e salute mentale, vivendo con meno o nessun dolore.

 

Conclusione

Il corpo ha muscoli, tessuti e legamenti che aiutano a stabilizzare le articolazioni e la struttura del corpo, quindi c'è funzionalità. Questi muscoli aiutano a facilitare il movimento poiché i muscoli sono intrecciati nella colonna vertebrale e nelle articolazioni. Quando il corpo subisce un evento traumatico o una lesione, i muscoli, i tessuti e i legamenti ne vengono colpiti. Ciò provoca dolore e disagio muscolare, noto come dolore miofasciale, in cui i punti trigger causano dolore nel corpo e possono verificarsi in diverse aree. Il dolore miofasciale può essere difficile da diagnosticare poiché può trovarsi su un lato del corpo ma interessa una sezione diversa, nota come dolore riferito. Fortunatamente, trattamenti come la cura chiropratica possono aiutare a gestire il dolore miofasciale trattando il dolore e usando la pressione diretta per alleviare il dolore. Incorporare la cura chiropratica per gestire il dolore miofasciale può aiutare molte persone a non soffrire nel loro percorso di salute e benessere.

 

Referenze

Bordoni, Bruno, et al. "Dolore miofasciale - Statpearls - Libreria NCBI". In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 18 luglio 2022, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK535344/.

Desai, Mehul J, et al. "Sindrome del dolore miofasciale: una revisione del trattamento". Dolore e terapia, Springer Healthcare, giugno 2013, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4107879/.

Latremolière, Alban e Clifford J. Woolf. "Sensibilizzazione centrale: un generatore di ipersensibilità al dolore dalla plasticità neurale centrale". The Journal of Pain, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, settembre 2009, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2750819/.

Morgan, William. "Trattamento chiropratico per la sindrome del dolore miofasciale". Spina dorsale, Salute della colonna vertebrale, 24 settembre 2014, www.spine-health.com/treatment/chiropractic/chiropractic-treatment-myofascial-pain-syndrome.

Disclaimer

Cos'è la Sensibilizzazione Centrale? | Chiropratico di El Paso, TX

Cos'è la Sensibilizzazione Centrale? | Chiropratico di El Paso, TX

Sensibilizzazione centrale è uno stato del sistema nervoso correlato allo sviluppo e al mantenimento del dolore cronico. Quando si verifica la sensibilizzazione centrale, il sistema nervoso passa attraverso una procedura nota come wind-up e viene regolata in una condizione costante di maggiore reattività. Questo stato di reattività persistente o regolato diminuisce la soglia per ciò che causa dolore e successivamente impara a mantenere il dolore dopo che la ferita iniziale è guarita. La sensibilizzazione centrale ha due caratteristiche principali. Entrambi hanno una maggiore sensibilità al dolore e alla sensazione di tatto. Questi sono indicati come allodinia e iperalgesia.

 

L'allodinia si verifica quando un individuo sperimenta dolore con circostanze che normalmente non dovrebbero essere dolorose. Per esempio, i pazienti con dolore cronico spesso provano dolore anche con cose semplici come il tatto o un massaggio. In queste situazioni, i nervi nella regione che è stata toccata invia segnali attraverso il sistema nervoso nel cervello. Poiché il sistema nervoso è in una condizione costante di reattività elevata, il cervello non genera una leggera sensazione tattile come dovrebbe, dato che lo stimolo che lo ha avviato è stato un tocco o un massaggio facile. Invece, il cervello produce una sensazione di dolore e disagio.

 

L'iperalgesia si verifica quando uno stimolo che di solito è considerato un po 'doloroso è percepito come un dolore molto più debilitante di quanto dovrebbe essere. Per esempio, i pazienti con dolore cronico che sperimentano un semplice dosso, che generalmente sarebbe lievemente doloroso, spesso sentono un dolore intenso. Ancora una volta, una volta che il sistema nervoso è in una condizione costante di alta reattività, amplifica il dolore.

 

Sensibilizzazione periferica e centrale

 

 

I pazienti con dolore cronico a volte credono di poter essere affetti da un problema di salute mentale perché capiscono dal buon senso che il contatto o le protuberanze producono tremende quantità di dolore o disagio. Altre volte, non sono gli stessi pazienti a sentirsi così, ma i loro amici e familiari. Gli individui che non soffrono di dolore cronico possono essere testimoni di altri che hanno sensazioni di sensibilizzazione al dolore al minimo tocco o urlano al più semplice dosso. Tuttavia, poiché non hanno la condizione, potrebbe essere difficile per loro capire cosa sta facendo chi fa.

 

Oltre all'allodinia e all'iperalgesia, la sensibilizzazione centrale ha altre caratteristiche ben note, sebbene possano verificarsi meno comunemente. La sensibilizzazione centrale può portare a sensibilità elevate in tutti i sensi, non solo alla sensazione del tatto. I pazienti con dolore cronico possono talvolta riportare sensibilità alla luce, all'olfatto e al suono. Pertanto, i livelli regolari di luce possono sembrare eccessivamente luminosi o persino il corridoio dei profumi nel reparto commerciale può produrre mal di testa. La sensibilizzazione centrale può anche essere associata a deficit cognitivi, come scarsa concentrazione e scarsa memoria a breve termine. La sensibilizzazione centrale interferisce anche con l'aumento dei livelli di stress psicologico, in particolare la paura e l'assioma. Dopotutto, il sistema nervoso è responsabile non solo dei sensi, come il dolore, ma anche delle emozioni. Se il sistema nervoso è intrappolato in una costante condizione di reattività, i pazienti saranno nervosi o ansiosi. Infine, la sensibilizzazione centrale è anche correlata con comportamenti di ruolo malati, come il riposo, il malessere e il comportamento del dolore.

 

Sensibilizzazione centrale è stata a lungo conosciuta come una potenziale conseguenza di ictus e lesioni del midollo spinale. Tuttavia, si crede sempre più che giochi un ruolo in diversi disturbi del dolore cronico. Può accadere con lombalgia cronica, dolore al collo cronico, lesioni da colpo di frusta, mal di testa da tensione cronica, emicrania, artrite reumatoide, artrosi del ginocchio, endometriosi, lesioni subite in un incidente automobilistico e persino dopo interventi chirurgici. La fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile e la sindrome da stanchezza cronica sembrano tutte dovute alla sensibilizzazione centrale.

 

Sensibilizzazione centrale e C Fibers

 

 

Quali sono le cause della sensibilizzazione centrale?

 

La sensibilizzazione centrale comporta cambiamenti specifici al sistema nervoso. I cambiamenti nel corno dorsale del midollo spinale e nel cervello si verificano, in particolare a livello cellulare, come nei siti recettori. Come accennato in precedenza, è stato a lungo dimostrato che le fratture e le lesioni del midollo spinale possono causare sensibilizzazione centrale. È ragionevole. Lesioni da ictus e midollo spinale causano danni al sistema nervoso centrale, incluso il cervello, in caso di ictus, e il midollo spinale, nel caso di lesioni del midollo spinale. Queste lesioni cambiano le sezioni del sistema nervoso che sono coinvolte nella sensibilizzazione centrale.

 

Tuttavia, che dire degli altri, più diffusi, tipi di disturbi del dolore cronico, registrati sopra, come mal di testa, mal di schiena cronico o dolore alle estremità? Gli incidenti o le condizioni che portano a questo tipo di dolore cronico non sono lesioni dirette al cervello o al midollo spinale. Piuttosto, includono lesioni o condizioni che colpiscono il sistema nervoso periferico, in particolare in quello del sistema nervoso che si trova al di fuori del midollo spinale e del cervello. In che modo i problemi di salute associati al sistema nervoso periferico possono contribuire a modificare il sistema nervoso centrale e causare dolore cronico nell'area isolata della lesione iniziale? In sintesi, in che modo l'emicrania isolata può diventare mal di testa cronico quotidiano? Come può una lesione acuta lombare diventare lombalgia cronica? In che modo una ferita alla mano o al piede si trasforma in una complessa sindrome dolorosa regionale?

 

Ci sono probabilmente più fattori che causano lo sviluppo della sensibilizzazione centrale in questi disturbi del dolore cronico "periferici". Queste variabili possono essere divise in due classi:

 

  • Fattori associati allo stato del sistema nervoso centrale prima dell'inizio del dolore iniziale o delle condizioni di lesioni
  • Fattori associati al sistema nervoso centrale dopo l'inizio del dolore iniziale o delle condizioni di lesioni

 

Il primo gruppo riguarda quei fattori che potrebbero predisporre le persone a sviluppare la sensibilizzazione centrale una volta che si è verificato un incidente e il prossimo gruppo coinvolge fattori antecedenti che aumentano la sensibilizzazione centrale quando inizia il dolore.

 

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

Il dolore cronico può spesso modificare il funzionamento del sistema nervoso centrale stesso, al punto che un paziente può diventare più sensibile al dolore con meno provocazione. Questo è ciò che viene definito come sensibilizzazione centrale e generalmente comporta cambiamenti nel sistema nervoso centrale, o CNS, più specificamente nel cervello e nel midollo spinale. La sensibilizzazione centrale è stata associata a diverse malattie comuni ed è stato anche segnalato che si sviluppa con qualcosa di semplice come un dolore muscolare. Anche la sensibilizzazione centrale è stata documentata per persistere e peggiorare anche in assenza di un'ovvia provocazione. Diversi fattori sono stati anche attribuiti allo sviluppo della sensibilizzazione centrale, sebbene la vera causa sia ancora sconosciuta.

 

Fattori predisponenti per la sensibilizzazione centrale

 

Ci sono probabilmente fattori predisponenti biologici, emotivi e ambientali per la sensibilizzazione centrale. La bassa e più alta sensibilità al dolore o alle soglie del dolore, sono forse in parte dovute a numerosi fattori genetici. Anche se non c'è assolutamente alcuna ricerca che supporti ancora un nesso causale tra le soglie del dolore preesistenti e il successivo sviluppo della sensibilizzazione centrale dopo un incidente, si presume in gran parte che alla fine verrà trovato.

 

Fattori psicofisiologici, come la risposta allo stress, sono anche adatti a svolgere un ruolo nello sviluppo della sensibilizzazione centrale. Prove sperimentali dirette su animali ed esseri umani, così come studi prospettici sull'uomo, hanno dimostrato una connessione tra lo stress e la diminuzione delle soglie del dolore. Allo stesso modo, diversi tipi di ansia preesistente sul dolore sono coerentemente correlati più alta sensibilità al dolore. Tutti questi aspetti psicofisiologici suggeriscono che lo stato preesistente del sistema nervoso è anche un importante determinante della creazione di sensibilizzazione centrale dopo l'inizio del dolore. Se la risposta allo stress ha reso il sistema nervoso reattivo prima della lesione, allora il sistema nervoso potrebbe essere più incline a diventare sensibilizzato una volta iniziato il dolore.

 

Vi sono anche considerevoli prove indirette per questa teoria. Una precedente storia di ansia, trauma fisico e psicologico e depressione sono predittivi dell'esordio del dolore cronico più avanti nella vita. Il denominatore più comune tra dolore cronico, ansia, nervosismo, lesioni e depressione, è il sistema nervoso. Sono tutti stati del sistema nervoso, in particolare un sistema nervoso persistentemente cambiato o disregolato.

 

Non è che tali problemi di salute preesistenti rendano gli individui più vulnerabili alle ferite o all'insorgenza di una malattia, poiché le lesioni o le malattie possono accadere su base un po 'casuale attraverso la popolazione. Invece, questi problemi di salute preesistenti sono più inclini a rendere le persone inclini allo sviluppo di dolore cronico una volta che si è verificato un infortunio o una malattia. Il sistema nervoso disregolato, al momento della ferita, per esempio, può interferire con la normale traiettoria di guarigione e quindi impedire che il dolore diminuisca una volta che il danno tissutale sia guarito.

 

Fattori che determinano sensibilizzazione centrale dopo l'inizio del dolore

 

Anche i fattori predisponenti possono far parte dello sviluppo della sensibilizzazione centrale. L'inizio del dolore è spesso associato al successivo sviluppo di condizioni, come depressione, evitamento della paura, nervosismo o ansia e altre fobie. Lo stress di queste risposte può, a sua volta, esacerbare ulteriormente la reattività del sistema nervoso, portando a una sensibilizzazione centrale. Anche il sonno inadeguato è un effetto frequente della convivenza con dolore cronico. È anche associato a una maggiore sensibilità al dolore. In quello che tecnicamente è noto come apprendimento operante, i rinforzi interpersonali e ambientali hanno dimostrato da tempo di portare a comportamenti di dolore, tuttavia, è anche evidente che tali rinforzi possono portare allo sviluppo della sensibilizzazione centrale.

 

La Mayo Clinic parla della sensibilizzazione centrale

 

 

Trattamenti di sensibilizzazione centrale

 

I trattamenti per le sindromi da dolore cronico che coinvolgono la sensibilizzazione fondamentale tipicamente colpiscono il sistema nervoso centrale o l'infiammazione che corrisponde alla sensibilizzazione centrale. Tutti questi spesso includono in genere antidepressivi e farmaci anticonvulsivanti e trattamento cognitivo comportamentale. Mentre di solito non viene preso in considerazione il sistema nervoso centrale, un regolare esercizio aerobico lieve modifica le strutture nel sistema nervoso centrale e contribuisce alla riduzione del dolore di molti disturbi che sono mediati dalla sensibilizzazione centrale. Come tale, l'esercizio aerobico moderato è usato per trattare le sindromi dolorose croniche contrassegnate da sensibilizzazione centrale. Gli antinfiammatori non steroidei sono utilizzati per l'infiammazione associata alla sensibilizzazione centrale.

 

Infine, i programmi di riabilitazione dal dolore cronico sono un trattamento standard e interdisciplinare che impiega ciascuna delle strategie terapeutiche sopra menzionate in modo coordinato. Inoltre sfruttano al massimo la ricerca sul ruolo dell'apprendimento operante dalla sensibilizzazione centrale e hanno anche sviluppato interventi comportamentali per ridurre il dolore e il disagio associati al problema di salute. Tali applicazioni sono in genere considerate l'opzione di trattamento più efficace per le sindromi da dolore cronico. L'ambito delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattarci a 915-850-0900 .

 

A cura di Dr. Alex Jimenez

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

 

 

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE IMPORTANTE: i sintomi del chiropratico Sciatica

 

ALTRI ARGOMENTI: EXTRA EXTRA: El Paso Back Clinic | Cura e trattamenti per il mal di schiena

luminoso
Referenze

1. Phillips, K. & Clauw, DJ (2011). Meccanismi centrali del dolore negli stati di dolore cronico, forse è tutto nella loro testaRicerca sulle migliori pratiche in Reumatologia clinica, 25, 141-154.

2. Yunus, MB (2007). Il ruolo della sensibilizzazione centrale nei sintomi oltre il dolore muscolare e la valutazione di un paziente con dolore diffusoRicerca sulle migliori pratiche in Reumatologia clinica, 21, 481-497.

3. Curatolo, M., Arendt-Nielsen, L., & Petersen-Felix, S. (2006). Ipersensibilità centrale nel dolore cronico: meccanismi e implicazioni clinicheCliniche di medicina fisica e riabilitazione del Nord America, 17, 287-302.

4.Wieseler-Frank, J., Maier, SF e Watkins, LR (2005). La comunicazione immuno-cervello modula dinamicamente il dolore: conseguenze fisiologiche e patologicheCervello, comportamento e immunità, 19, 104-111.

5. Meeus M., & Nijs, J. (2007). Sensibilizzazione centrale: una spiegazione biopsicosociale per il dolore cronico diffuso nei pazienti con fibromialgia e sindrome da stanchezza cronica.Clinical Journal of Rheumatology, 26, 465-473.

6. Melzack, R., Coderre, TJ, Kat, J., e Vaccarino, AL (2001). Neuroplasticità centrale e dolore patologicoAnnali dell'Accademia delle scienze di New York, 933, 157-174.

7. Flor, H., Braun, C., Elbert, T. e Birbaumer, N. (1997). Ampia riorganizzazione della corteccia somatosensoriale primaria nei pazienti con mal di schiena cronicoLettere di neuroscienza, 224, 5-8.

8. O'Neill, S., Manniche, C., Graven-Nielsen, T., Arendt-Nielsen, L. (2007). Iperalgesia generalizzata dei tessuti profondi in pazienti con lombalgia cronicaEuropean Journal of Pain, 11, 415-420.

9. Chua, NH, Van Suijlekom, HA, Vissers, KC, Arendt-Nielsen, L. e Wilder-Smith, OH (2011). Differenze nell'elaborazione sensoriale tra pazienti con dolore articolare zigapofisario cervicale cronico con e senza cefalea cervicogenica.Cefalalgia, 31, 953-963.

10. Banic, B, Petersen-Felix, S., Andersen OK, Radanov, BP, Villiger, PM, Arendt-Nielsen, L., & Curatolo, M. (2004). Prove di ipersensibilità del midollo spinale nel dolore cronico dopo trauma da colpo di frusta e fibromialgiaDolore, 107, 7-15.

11. Bendtsen, L. (2000). Sensibilizzazione centrale nelle cefalee di tipo tensivo - possibili meccanismi fisiopatologiciCefalalgia, 20, 486-508.

12. Coppola, G., DiLorenzo, C., Schoenen, J. & Peirelli, F. (2013). Assuefazione e sensibilizzazione nelle cefalee primarie. Journal of Headache and Pain, 14, 65.

13. Stankewitz, A. e May, A. (2009). Il fenomeno dei cambiamenti nell'eccitabilità corticale nell'emicrania non è specifico dell'emicrania Una tesi unificante.Dolore, 145, 14-17.

14.Meeus M., Vervisch, S., De Clerck, LS, Moorkens, G., Hans, G. e Nijs, J. (2012). Sensibilizzazione centrale in pazienti con artrite reumatoide: una revisione sistematica della letteraturaSeminari su artrite e reumatismi, 41, 556-567.

15. Arendt-Nielsen, L., Nie, H., Laursen MB, Laursen, BS, Madeleine P., Simonson OH, e Graven-Nielsen, T. (2010). Sensibilizzazione in pazienti con artrosi dolorosa del ginocchioDolore, 149, 573-581.

16. Bajaj, P., Bajaj, P., Madsen, H. e Arendt-Nielsen, L. (2003). L'endometriosi è associata alla sensibilizzazione centrale: uno studio controllato psicofisicoThe Journal of Pain, 4, 372-380.

17. McLean, S., Clauw, DJ, Abelson, JL e Liberzon, I. (2005). Lo sviluppo del dolore persistente e della morbilità psicologica dopo la collisione con veicoli a motore: integrazione del ruolo potenziale dei sistemi di risposta allo stress in un modello biopsicosociale.Medicina psicosomatica, 67, 783-790.

18. Fernandez-Lao, Cantarero-Villanueva, I., Fernandez-de-Las-Penas, C, Del-Moral-Avila, R., Arendt-Nielsen, L., Arroyo-Morales, M. (2010). Punti trigger miofasciali nei muscoli del collo e delle spalle e ipersensibilità al dolore da pressione diffusa in pazienti con dolore post-mastectomia: evidenza di sensibilizzazione periferica e centrale.Clinical Journal of Pain, 26, 798-806.

19. Staud, R. (2006). Biologia e terapia della fibromialgia: dolore nella sindrome fibromialgica . Ricerca e terapia per l'artrite, 8 208.

20. Verne, VN e Price, DD (2002). Sindrome dell'intestino irritabile come un comune precipitante di sensibilizzazione centraleRapporti reumatologici attuali, 4, 322-328.

21. Meeus M., & Nijs, J. (2007). Sensibilizzazione centrale: una spiegazione biopsicosociale per il dolore cronico diffuso nei pazienti con fibromialgia e sindrome da stanchezza cronica.Clinical Journal of Rheumatology, 26, 465-473.

22.Schwartzman, RJ, Grothusen, RJ, Kiefer, TR, & Rohr, P. (2001). Dolore centrale neuropatico: epidemiologia, eziologia e opzioni di trattamentoArchives of Neurology, 58, 1547-1550.

23. Alexander, J., DeVries, A., Kigerl, K., Dahlman, J. e Popovich, P. (2009). Lo stress esacerba il dolore neuropatico tramite l'attivazione dei glucocorticoidi e dei recettori NMDACervello, comportamento e immunità, 23, 851-860.

24. Imbe, H., Iwai-Liao, Y. e Senba, E. (2006). Iperalgesia indotta da stress: modelli animali e meccanismi putativiFrontiere in Bioscience, 11, 2179-2192.

25. Kuehl, L. K., Michaux, G. P., Richter, S., Schachinger, H. e Anton F. (2010). Aumento della sensibilità meccanica basale ma diminuzione della carica percettiva in un modello umano di ipocortisolismo relativo.Dolore, 194, 539-546.

26. Rivat, C., Becker, C., Blugeot, A., Zeau, B., Mauborgne, A., Pohl, M. e Benoliel, J. (2010). Lo stress cronico induce una neuroinfiammazione spinale transitoria, innescando ipersensibilità sensoriale e iperalgesia indotta dall'ansia di lunga durata.Dolore, 150, 358-368.

27.Slade, GD, Diatchenko, L., Bhalang, K., Sigurdsson, A., Fillingim, RB, Belfer, I., Max, MB, Goldman, D. e Maixner, W. (2007). Influenza di fattori psicologici sul rischio di disturbi temporomandibolari . Journal of Dental Research, 86, 1120-1125.

28. `` Hirsh, AT, George, SZ, Bialosky, JE e Robinson, ME (2008). Paura del dolore, dolore catastrofico e percezione del dolore acuto: previsione relativa e tempistica della valutazioneJournal of Pain, 9, 806-812.

29. Sullivan, MJ Thorn, B., Rodgers, W. e Ward, LC (2004). Modello di percorso degli antecedenti psicologici all'esperienza del dolore: risultati sperimentali e cliniciClinical Journal of Pain, 20, 164-173.

30.Nahit, ES, Hunt, IM, Lunt, M., Dunn, G., Silman, AJ e Macfarlane, GJ (2003). Effetti di fattori psicosociali e psicologici individuali sull'insorgenza del dolore muscoloscheletrico: effetti comuni e sito-specifici.Annali della malattia reumatica, 62, 755-760.

31. Talbot, NL, Chapman, B., Conwell, Y., McCollumn, K., Franus, N., Cotescu, S. e Duberstein, PR (2009). L'abuso sessuale infantile è associato al carico di malattie fisiche e al funzionamento nei pazienti psichiatrici di età pari o superiore a 50 anni.Medicina psicosomatica, 71, 417-422.

32. McLean, SA, Clauw, DJ, Abelson, JL e Liberzon, I. (2005). Lo sviluppo del dolore persistente e della morbilità psicologica dopo la collisione con veicoli a motore: integrazione del ruolo potenziale dei sistemi di risposta allo stress in un modello biopsicosociale.Medicina psicosomatica, 67, 783-790.

33. Hauser, W., Galek, A., Erbsloh-Moller, B., Kollner, V., Kuhn-Becker, H., Langhorst, J… e Glaesmer, H. (2013). Disturbo post-traumatico da stress nella sindrome fibromialgica: prevalenza, relazione temporale tra stress post-traumatico e sintomi della fibromialgia e impatto sull'esito clinico.Dolore, 154, 1216-1223.

34. Diatchenko, L., Nackley, AG, Slade, GD, Fillingim, RB e Maixner, W. (2006). Disturbi del dolore idiopatico Vie di vulnerabilità . Dolore, 123, 226-230.

35. Azevedo, E., Manzano, GM, Silva, A., Martins, R., Andersen, ML e Tufik, S. (2011). Gli effetti della privazione del sonno totale e REM sulla soglia potenziale invocata dal laser e sulla percezione del doloreDolore, 152, 2052-2058.

36. Chiu, YH, Silman, AJ, Macfarlane, GJ, Ray, D., Gupta, A., Dickens, C., Morris, R. e McBeth, J. (2005). Il sonno povero e la depressione sono indipendentemente associati a una ridotta soglia del dolore: risultati di uno studio basato sulla popolazioneDolore, 115, 316-321.

37. Holzl, R., Kleinbohl, D. & Huse, E. (2005). Apprendimento operante implicito della sensibilizzazione al doloreDolore, 115, 12-20.

38. Baumbauer, KM, Young, EE e Joynes, RL (2009). Dolore e apprendimento nel sistema spinale: risultati contraddittori da origini comuniRecensioni sulla ricerca del cervello, 61, 124-143.

39. Becker, S., Kleinbohl, D., Baus, D., & Holzl, R. (2011). L'apprendimento operante della sensibilizzazione percettiva e dell'assuefazione è compromesso nei pazienti con fibromialgia con e senza sindrome dell'intestino irritabile.Dolore, 152, 1408-1417.

40. Hauser, W., Wolfe, F., Tolle, T., Uceyler, N. & Sommer, C. (2012). Il ruolo degli antidepressivi nella gestione della fibromialgia: una revisione sistematica e una meta-analisiDroghe del CNS, 26, 297-307.

41. Hauser, W., Bernardy, K., Uceyler, N., & Sommer, C. (2009). Trattamento della sindrome fibromialgica con gabapentin e pregabalin Una meta-analisi di studi clinici controllati randomizzati.Dolore, 145, 169-181.

42. Straube, S., Derry, S., Moore, RA e McQuay, HJ (2010). Pregabalin nella fibromialgia: meta-analisi di efficacia e sicurezza da rapporti di studi clinici aziendaliReumatologia, 49, 706-715.

43. Tzellos, TG, Toulis, KA, Goulis, DG, Papazisis, G., Zampellis, ZA, Vakfari, A. e Kouvelas, D. (2010). Gabapentin e pregabalin nel trattamento della fibromialgia: una revisione sistematica e una meta-analisi.Journal of Clinical Pharmacy and Therapeutics, 35, 639-656.

44 Thieme, K. Flor, H. e Turk, DC (2006). Trattamento del dolore psicologico nella sindrome fibromialgica: efficacia dei trattamenti comportamentali e cognitivi comportamentali operantiRicerca e terapia sull'artrite, 8, R121.

45. Lackner, JM, Mesmer, C., Morley, S., Dowzer, C., & Hamilton, S. (2004). Trattamenti psicologici per la sindrome dell'intestino irritabile: una revisione sistematica e una meta-analisiJournal of Clinical and Consulting Psychology, 72, 1100-1113.

46. ​​Salomons, TV, Moayedi, M. Erpelding, N. e Davis, KD (2014). Un breve intervento cognitivo-comportamentale per il dolore riduce l'iperalgesia secondaria. Pain, 155, 1446-1452. doi: 10.1016 / j.pain.2014,02.012

47. Erickson, KI, Voss., MW, Prakesh, RS, et al. (2011). L'allenamento fisico aumenta le dimensioni dell'ippocampo e migliora la memoriaAtti della National Academy of Sciences, 108, 3017-3022.

48. Hilman, CH, Erickson, KI e Kramer, AF (2008). Sii intelligente, allena il tuo cuore: esercita effetti sul cervello e sulla cognizioneNature Reviews Neuroscience, 9, 58-65.

49 Busch, AJ, Barber, KA, Overend, TJ, Peloso, PM e Schachter, CL (aggiornato il 17 agosto 2007). Esercizio per il trattamento della fibromialgia. In Cochrane Database Reviews, 2007, (4). Estratto il 16 maggio 2011 da The Cochrane Library, Wiley Interscience.

50. Fordyce, WE, Fowler, RS, Lehmann, JF, Delateur, BJ, Sand, PL e Trieschmann, RB (1973). Condizionamento operante nel trattamento del dolore cronicoArchivi di medicina fisica e riabilitazione, 54, 399-408.

51. Gatzounis, R., Schrooten, MG, Crombez, G. e Vlaeyen, JW (2012). Teoria dell'apprendimento operante nella riabilitazione del dolore e del dolore cronicoCurrent Pain and Headache Reports, 16, 117-126.

52. Hauser, W., Bernardy, K., Arnold, B., Offenbacher, M. e Schiltenwolf, M. (2009). Efficacia del trattamento multicomponente nella sindrome fibromialgica: una meta-analisi di studi clinici controllati randomizzati.Artrite e reumatismi, 61, 216-224.

53. Flor, H., Fydrich, T. & Turk, DC (1992). Efficacia dei centri di trattamento del dolore multidisciplinare: una revisione meta-analiticaDolore, 49, 221-230.

54. Gatchel, R., J. e Okifuji, A. (2006). Dati scientifici basati sull'evidenza che documentano il trattamento e il rapporto costo-efficacia di programmi globali sul dolore per il dolore cronico non maligno.Journal of Pain, 7, 779-793.

55. Turk, DC (2002). Efficacia clinica ed economicità dei trattamenti per pazienti con dolore cronicoIl diario clinico del dolore, 18, 355-365.

Chiudi fisarmonica