ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Reset della chiropratica per il jet lag

Reset della chiropratica per il jet lag

Ripristino chiropratico: Viaggiare non è una regolazione facile in quanto interrompe l'orologio interno del corpo. Quando si vola anche solo 3 ore, il corpo può iniziare a manifestare sintomi come:

  • stanchezza
  • Confusione
  • Miglioramento dell’insonnia
  • dolori articolari e muscolari
  • Rigidezza
  • Problemi di stomaco
  • Nausea
  • Fame
  • cattivo umore

Non solo il volo è una sfida fisica, ma lo sono anche le lunghe file, il traffico in coda, i bagagli smarriti, ecc. Tutti mettono a dura prova la mente e il corpo; un reset chiropratico può aiutare a ripristinare l'equilibrio del corpo e i livelli di energia.

Reset della chiropratica per il jet lag

Jet Lag

Disritmia si verifica quando la regione del cervello nota come ipotalamo o centro che controlla i cicli del sonno, l'appetito e la temperatura conflitti con i cambiamenti di viaggio. Un sondaggio condotto da assistenti di volo internazionali ha rilevato che, nonostante sia abituato a lunghi viaggi aerei:

  • Il 90% ha avuto affaticamento nei primi cinque giorni.
  • Il 94% aveva una mancanza di energia/motivazione.
  • Il 93% ha interrotto il sonno.
  • Il 70% aveva problemi alle orecchie, al naso o alla gola.

Gli scienziati hanno stimato che ci vuole un giorno intero per recuperare per ogni ora di differenza di tempo. La direzione percorsa può influenzare l'intensità dei sintomi poiché è più facile per il corpo ritardare il suo orologio interno che accelerarlo. Viaggiare verso est è più difficile per il corpo rispetto a viaggiare verso ovest.

Modi per limitare gli effetti

Allenamento

  • Fai un allenamento fisico completo il giorno prima del volo.
  • Non importa; può essere un'ora su una macchina ellittica, una corsa miglio o una nuotata vigorosa.
  • L'obiettivo è far muovere il sistema linfatico per aiutare a prevenire edema nelle gambe, nelle mani e nell'eliminazione delle tossine dal corpo.

Fai una passeggiata ogni ora

  • Cerca di alzarti almeno una volta all'ora per i viaggi lunghi e ogni mezz'ora per quelli più brevi.
  • Questo aiuterà a prevenire mal di schiena.
  • Ridurre il rischio di coaguli di sangue da una seduta prolungata e dal cambiamento della pressione in cabina.

Porta cibo familiare

  • Frutta fresca, verdura possono essere riposte in un sacchetto con chiusura lampo.
  • Le noci sono consentite purché non ci siano passeggeri con gravi allergie.
  • Se si tratta di un lungo volo, includi proteine ​​simili:
  • Ali di pollo.
  • Uova bollite.
  • Hamburger cotti.
  • Tutti soddisfano i criteri per un lungo volo aereo.

Pernottamento

  • Cerca di riposarti adeguatamente la notte prima del volo.
  • Anche le bende per gli occhi e la musica funzionano bene, se disponibili.
  • Utilizza il tempo di volo per aumentare il riposo.

Esercitare

Il tempo di volo può fare la differenza

  • Se possibile, cerca di prendere un volo che arrivi a destinazione la sera.
  • Quindi, rimani sveglio fino alle 10:XNUMX ora locale.
  • Se devi fare un pisolino, imposta la sveglia in modo che non superi le due ore.

Evita caffeina e alcol

  • Non devi fare a meno di alcol o caffeina, ma dovrebbero essere eliminati poche ore prima di andare a dormire.
  • Entrambi possono influenzare la capacità di addormentarsi, rimanere addormentati e la qualità del sonno.

Modificare i modelli di sonno in anticipo

  • Nella settimana che precede il viaggio, inizia a regolare l'ora del sonno e l'ora della sveglia per avvicinarti al nuovo fuso orario.
  • In questo modo, all'arrivo, il corpo è sostanzialmente regolato.

Salta il grande pasto

  • Per aiutare il sistema digestivo, cerca di non mangiare un pasto abbondante all'arrivo.
  • Consenti alle funzioni del corpo come il sonno e la digestione di adattarsi ai cambiamenti.

Crogiolarsi al sole

  • La luce del giorno ha un effetto significativo sull'orologio biologico.
  • Esci per svegliare il cervello e aiutare il corpo e la mente ad adattarsi alle ore diurne.

Melatonina

  • Questo è un ormone nel corpo che aiuta a controllare il ritmo circadiano.
  • Melatonina dipende dalla quantità di luce a cui è esposto il corpo.
  • Quando c'è luce, il rilascio di melatonina viene interrotto.
  • Quando è buio, viene stimolato il rilascio di melatonina.
  • Si raccomanda di non assumere la melatonina prima di partire, altrimenti peggiorerà il jet lag.
  • Attendi fino all'atterraggio nel nuovo fuso orario per integrare un'ora prima del normale orario di sonno nella nuova posizione.
  • Continua per tre notti o finché il corpo non si è adattato.

Pycnogenol

  • Pycnogenol è stato studiato per il suo effetto di ridurre i sintomi del jet lag.
  • Riduce il gonfiore cerebrale e articolare, che porta a un minor numero di problemi di memoria a breve termine, affaticamento e problemi cardiaci.
  • È stato dimostrato che riduce la trombosi venosa profonda e la trombosi venosa superficiale, tipici effetti collaterali dei voli lunghi.
  • Le raccomandazioni sono di prendere tre volte al giorno per un massimo di cinque giorni al massimo sette giorni dopo l'atterraggio.

Ripristino della chiropratica

Gli aggiustamenti del reset chiropratico il giorno prima e soprattutto dopo il volo possono ristabilire l'equilibrio del sistema nervoso e del corpo. Ciò contribuirà a ripristinare i modelli di sonno e veglia dopo lo stress del volo.


Composizione corporea


Sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un nome per un insieme di sintomi e condizioni che ruotano attorno alla salute cardiovascolare.

  • L'obesità e un'elevata quantità di grasso viscerale sono fattori di rischio significativi per la diagnosi di sindrome metabolica.
  • Gli individui possono prevenire la sindrome metabolica:
  • Concentrandosi sulla riduzione del grasso viscerale.
  • Massimizzare la massa magra porta alla perdita di peso.
  • Una dieta che potenzia HDL è essenziale.
  • Una corretta idratazione del corpo.

Analisi della composizione corporea può essere pensato come uno strumento per comprendere l'approccio alla prevenzione dell'insorgenza della sindrome metabolica. Sapere come identificare i rischi può supportare le persone nel prendere decisioni informate sul loro percorso sanitario.

Referenze

Belcaro, G et al. “Jet-lag: prevenzione con Pycnogenol. Rapporto preliminare: valutazione in soggetti sani e pazienti ipertesi”. Minerva cardioangiologica vol. 56,5 Suppl (2008): 3-9.

Herxheimer, Andrew. "Disritmia." Evidenze cliniche BMJ vol. 2014 2303. 29 aprile 2014

Janse van Rensburg, Dina C Christa et al. “Come gestire la fatica da viaggio e il jet lag negli atleti? Una revisione sistematica degli interventi”. Rivista britannica di medicina sportiva vol. 54,16 (2020): 960-968. doi:10.1136/bjsports-2019-101635

Straub, WF et al. "L'effetto della cura chiropratica sul jet lag degli atleti finlandesi junior d'élite". Journal of manipolative e terapie fisiologiche vol. 24,3 (2001): 191-8.

Zerón-Rugerio, María Fernanda et al. "Mangiare il jet lag: un indicatore della variabilità nei tempi dei pasti e la sua associazione con l'indice di massa corporea". Nutrienti vol. 11,12 2980. 6 dicembre 2019, doi:10.3390/nu11122980