ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Salute dello stress

Salute dello stress

La salute da stress riconosce come lo stress colpisce il corpo, i pensieri, i sentimenti e il comportamento. Lo stress che non viene trattato può contribuire a vari problemi di salute. Questi includono:

  • Ansia
  • Livelli energetici ridotti
  • Disfunzione digestiva
  • Obesità
  • Diabete
  • Alta pressione sanguigna
  • Frequenza cardiaca anormale
  • Malattia del cuore
  • Problemi mentali

La chiropratica funge da potente intervento per i sintomi legati all'ansia.

Salute dello stress

Salute dello stress Bilanciamento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca

La chiropratica avvantaggia la salute cardiovascolare poiché colpisce direttamente il sistema nervoso e altri sistemi del corpo che includono il sistema spinale, le ossa, le articolazioni e il sistema muscolare, influenzando la funzione del sistema cardiovascolare. La chiropratica regola le funzioni di questi sistemi consentendo una frequenza cardiaca e una pressione sanguigna moderate. La pressione sanguigna e la frequenza cardiaca bilanciate possono aiutare a ridurre al minimo lo stress e l'ansia, rendendo molto più facile rimanere rilassati e concentrati. Gli individui riferiscono di aver sperimentato una diminuzione della pressione sanguigna e una frequenza cardiaca più bassa con il trattamento chiropratico a lungo termine.

Chiarezza Mentale

Liquido cerebrospinale/CSF è necessario per disintossicare il cervello e aiutare a proteggere il cervello. Il liquido cerebrospinale trasporta ossigeno e sostanze nutritive al cervello, contribuendo ad aumentare l'efficienza delle funzioni cerebrali. La chiropratica ha dimostrato di aumentare la quantità di liquido cerebrospinale consegnato al cervello. Questo perché la colonna vertebrale è allineata correttamente, consentendo un flusso regolare di sangue ed energia nervosa dal cervello attraverso la colonna vertebrale al resto del corpo. Ciò fornisce:

  • Prontezza mentale sostenuta
  • Consapevolezza
  • Chiarezza Mentale

Questo aiuta a combattere la nebbia mentale o ansia iperattività.

Migliora i livelli di energia

La chiropratica può aiutare ad aumentare i livelli di energia in modi diversi per individui diversi.

  • Per alcuni, questo funziona eliminando mal di testa, emicrania e altre disfunzioni nervose.
  • Per altri, questo accade diminuendo o eliminando i sintomi del dolore.

Queste condizioni possono contribuire ad abbassare i livelli di energia. Lo stress costante può cambiare la chimica del corpo, portando a un aumento degli ormoni dello stress come il cortisolo. Nel tempo, questi rilasci di ormoni possono diminuire l'energia, causando interferenze con il naturali processi di ringiovanimento del corpo/cervello che riducono lo stress. Insieme a chiropratica, gli effetti terapeutici aiutano a correggere la chimica del corpo e a migliorare i livelli di energia.


Composizione corporea


Aumenta la funzione immunitaria

Fluido linfatico ha un ruolo fondamentale nella salute dello stress e nella funzione del sistema immunitario. Il liquido linfatico aiuta a separare e rilasciare:

  • Tossine
  • I virus
  • Fungo
  • Batteri dal corpo.

Quando il fluido linfatico scorre senza intoppi e non è ostacolato o intrappolato nei tessuti, nelle articolazioni o nei muscoli, il sistema immunitario funziona a un livello elevato. La chiropratica aiuta a guidare il fluido linfatico fuori dai tessuti, dalle articolazioni e dai muscoli del corpo, facilitando la funzione immunitaria ottimale.

Referenze

Dragoş, Dorin e Maria Daniela Tănăsescu. "L'effetto dello stress sui sistemi di difesa". Giornale di medicina e vita vol. 3,1 (2010): 10-8.

Meier, Jacqueline Katharina et al. "Lo stress altera il contesto neurale per la costruzione di nuovi ricordi". Giornale di neuroscienze cognitive vol. 32,12 (2020): 2226-2240. doi:10.1162/jocn_a_01613

Pickar, Joel G. "Effetti neurofisiologici della manipolazione spinale". La rivista della colonna vertebrale: rivista ufficiale della North American Spine Society vol. 2,5 (2002): 357-71. doi:10.1016/s1529-9430(02)00400-x