ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Massaggio neuromuscolare per dolori muscolari

Massaggio neuromuscolare per dolori muscolari

Un massaggio neuromuscolare è una forma di massaggio manuale utilizzata per rilassare i muscoli tesi. Le aree tese sono anche conosciute come punti trigger che tendono ad essere la causa dei sintomi del dolore muscolare. I punti trigger sono piccole aree del muscolo che contraggono il tessuto. La mancanza di sangue e sostanze nutritive in queste aree provoca l'incapacità dei muscoli di rilassarsi. L'area diventa ipersensibile, causando affaticamento, debolezza, infiammazione e dolore. I punti trigger possono portare a dolore riferito in cui altre aree del corpo sperimentano sensazioni di dolore, formicolio o intorpidimento.

Massaggio neuromuscolare per dolori muscolari

Massaggio Neuromuscolare

Il massaggio neuromuscolare prevede l'applicazione di livelli alternati di pressione concentrata sul/i punto/i trigger, attraverso la manipolazione manuale e strumentale. La terapia neuromuscolare è anche chiamata mioterapia dei punti trigger. American Academy of Pain Management riconosce questa forma di trattamento come un trattamento efficace per il dolore causato da lesioni dei tessuti molli.

Massaggio profondo del tessuto

Un massaggio profondo dei tessuti viene generalmente utilizzato per affrontare dolori e dolori muscolari ed è amministrato su base on-off. Le tecniche di terapia manuale neuromuscolare sono specializzate e progettate per correggere il dolore e le disfunzioni del movimento trattando:

I problemi sono generalmente causati da:

  • Trauma specifico
  • Movimenti ripetitivi
  • Postura malsana

Il massaggio neuromuscolare è considerato un trattamento in corso.

Il massaggio riduce il dolore

I muscoli, quando si contrae, sono dolorosi al tatto. Il dolore è causato da tessuto muscolare ischemico. Ischemia significa che il muscolo non ha un flusso sanguigno adeguato a causa dello spasmo. Ciò provoca effetti negativi perché i muscoli non ricevono abbastanza sangue; anche i muscoli non ricevono abbastanza ossigeno.

  • La mancanza di ossigeno fa sì che i muscoli producano acido lattico.
  • L'acido lattico fa sentire i muscoli doloranti dopo l'attività fisica.

La massoterapia neuromuscolare rilassa i muscoli rilasciando l'acido lattico, permettendo ai muscoli di ricevere abbastanza sangue e ossigeno. La terapia neuromuscolare può essere dolorosa all'inizio, ma la pressione del massaggio allevierà lo spasmo muscolare. È fondamentale comunicare con il chiropratico e massaggiatore sulla pressione: se è troppo, troppo poco, si sente meglio, si sente peggio, ecc. La pressione della massoterapia non dovrebbe mai essere eccessivamente dolorosa. Gli individui spesso descrivono la pressione come un buon dolore, dove possono sentire la differenza. Dopo un massaggio neuromuscolare, il dolore dovrebbe svanire dopo ventiquattro o trentasei ore. I muscoli tesi dovrebbe rimanere rilassato da quattro a quattordici giorni, a seconda delle attività e dei livelli di stress.

Trattamento di massaggio

I problemi e le condizioni mediche per le quali il massaggio neuromuscolare può trattare includono:

  • tendinite
  • Mal di testa
  • Dolore all'articolazione temporomandibolare – Disturbi dell'ATM
  • Dolore alla mascella
  • Tunnel carpale
  • Dolore alla parte superiore della schiena
  • Dolore nella zona lombare
  • Sciatica
  • Dolore all'anca
  • Dolore al ginocchio
  • Sindrome da banda iliotibiale
  • Crampi ai polpacci
  • Fascite plantare

Benefici del massaggio neuromuscolare

Gli individui che si sottopongono a terapia di massaggio neuromuscolare possono sperimentare i seguenti benefici:

  • Ridotta e/o completa eliminazione del dolore.
  • Aumento della circolazione sanguigna
  • Rilascio di tossine dal corpo.
  • Maggiore flessibilità e forza.
  • Movimento migliore.
  • Postura migliorata.
  • Sistema muscoloscheletrico e nervoso in equilibrio.
  • Maggiore energia e vitalità.

Composizione corporea


stanchezza

Quando si tratta di mettersi in forma, ricorda che è una maratona di lunga distanza, non uno sprint veloce. Che sia fisica, mentale o combinata, la fatica è un ostacolo comune per raggiungere con successo gli obiettivi di salute. La forma fisica richiede energia:

  • Energia per il lavoro o la scuola.
  • Energia per impostare l'attrezzatura o andare in palestra.
  • Energia per l'allenamento.
  • Energia per preparare pasti sani e regolari.

In combinazione con le pressioni della vita quotidiana può rendere una sfida allenarsi in modo coerente. L'obiettivo è quello di apportare cambiamenti graduali piuttosto che significativi cambiamenti immediati. Questo aiuterà a prevenire/evitare il burnout precoce e aiuterà a mantenere abitudini sane. Un consiglio potrebbe essere quello di programmare gli allenamenti e il tempo di preparazione dei pasti per il giorno o la settimana in cui è più attivo. Ad esempio, sapendo che dopo il lavoro o la scuola, il corpo non può fare un allenamento e ha bisogno di crollare alla fine della giornata, imposta l'esercizio per la mattina o il pomeriggio. E una volta che gli allenamenti diventano una routine, i livelli di energia miglioreranno, consentendo più attività.

Referenze

Bervoets, Diederik C et al. "La massoterapia ha benefici a breve termine per le persone con disturbi muscoloscheletrici comuni rispetto a nessun trattamento: una revisione sistematica". Giornale di fisioterapia vol. 61,3 (2015): 106-16. doi:10.1016/j.jphys.2015.05.018

Campo, Tiffany. "Revisione della ricerca sulla massoterapia." Terapie complementari nella pratica clinica vol. 24 (2016): 19-31. doi:10.1016/j.ctcp.2016.04.005

Furlan, Andrea D et al. "Massaggio per la lombalgia". Il database Cochrane delle revisioni sistematiche,9 CD001929. 1 settembre 2015, doi:10.1002/14651858.CD001929.pub3

Qaseem, Amir et al. "Trattamenti non invasivi per la lombalgia acuta, subacuta e cronica: una linea guida per la pratica clinica dell'American College of Physicians". Annali di medicina interna vol. 166,7 (2017): 514-530. doi:10.7326/M16-2367