ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Complicazioni Postura scorretta

Complicazioni Postura scorretta

Man mano che il corpo invecchia, l'inclinazione, la poca o nessuna attività fisica e lo stretching regolare causano affaticamento muscolare, debolezza, tensione, portando a complicazioni di cattiva postura. Le complicazioni includono:

  • Dolore alla schiena e al collo
  • spalle arrotondate
  • Disfunzione spinale
  • Degenerazione articolare
  • Problemi di sonno
  • Dolore cronico

La postura può essere migliorata insieme al generale salute spinale e una migliore qualità della vita attraverso il trattamento chiropratico. La chiropratica migliorerà la postura attraverso aggiustamenti, allenamento posturale e stretching, educazione ergonomiae nutrizione per rafforzare il corpo.

Complicazioni Postura scorretta

Complicazioni Postura scorretta

Sintomi

I sintomi variano in quanto dipendono dalla gravità del caso e dalla condizione.

  • Stanchezza/debolezza muscolare
  • Dolori muscolari e indolenzimento
  • Mal di schiena
  • spalle arrotondate
  • Problemi in piedi e/o nella deambulazione
  • Mal di testa
  • ventre gonfio

meccanismi

Una cattiva postura porta a disfunzioni e interferenze con il corpo meccanismi posturali. Questi includono:

Fibre muscolari

Il muscolo scheletrico comprende due tipi di fibre muscolari. Sono muscoli statici o a contrazione lenta e muscoli fasici o a contrazione rapida. Le fibre muscolari statiche si trovano negli strati muscolari più profondi. Le fibre statiche bruciano energia lentamente e continuano a lavorare senza stancarsi. Aiutano il corpo a mantenere la postura senza sforzo e contribuiscono all'equilibrio rilevando la posizione del corpo e trasmettendo le informazioni al cervello. Le fibre muscolari fasiche vengono utilizzate per il movimento e l'attività, ma possono esaurire rapidamente l'energia. Una cattiva postura provoca affaticamento muscolare perché le fibre fasiche vengono utilizzate anziché le fibre statiche per mantenere la corretta posizione del corpo.

Forza muscolare e lunghezza

Nel tempo, il corpo ha costantemente bisogno del supporto delle fibre muscolari fasiche. Ciò fa deperire i muscoli di supporto più profondi perché non vengono utilizzati. I muscoli deboli e inutilizzati iniziano a contrarsi, causando un accorciamento della lunghezza muscolare che può compattare le ossa della colonna vertebrale e causare complicazioni alla schiena.

Feedback del sistema nervoso

Gli strati più profondi del muscolo percepiscono la posizione del corpo nello spazio e trasmettono queste informazioni al cervello. Il cervello non riceve la trasmissione completa se le fibre muscolari fasiche assumono questa funzione. Il cervello presume che il corpo debba essere sostenuto/corretto per contrastare gli effetti della cattiva postura, innescando un'ulteriore contrazione muscolare, aggiungendo affaticamento e dolore.

Ascoltando il corpo

L'obiettivo è quello di prendere l'abitudine di ascoltare regolarmente ciò che il corpo dice. Apporta piccoli aggiustamenti stando in piedi e seduto per tutto il giorno/notte. Spesso ciò che accade è che le persone si immergono così tanto nel loro lavoro, nei compiti scolastici che ignorano qualsiasi disagio fisico e si fanno avanti e dimenticano di cambiare posizione/spostarsi per far muovere i muscoli e far pompare il sangue. Se c'è tensione o affaticamento muscolare, non lavorare solo attraverso il dolore; spostati in un'altra posizione sana.

Miglioramento della postura

I suggerimenti includono:


Composizione corporea


Forza di formazione

Con l'invecchiamento, il corpo perde massa muscolare, nota come sarcopenia. Tra i 30 e gli 80 anni, uomini e donne possono perdere il 30-50% della loro forza muscolare. La diminuzione della forza può rendere una sfida condurre uno stile di vita attivo o avere livelli di energia per completare le commissioni quotidiane. Gli individui possono essere riluttanti a migliorare i livelli di forma fisica attraverso allenamenti di resistenza credendo che non sia rimasto nulla dopo anni di inattività. Questo non è vero perché chiunque può allenarsi con la forza. Con la giusta mentalità e il team di coaching sanitario, gli obiettivi possono essere impostati su:

  • Migliora la composizione corporea
  • Migliorare i livelli di energia
  • Mantieni uno stile di vita attivo
Referenze

Creze, Maud et al. "Mappatura della rigidità correlata alla postura dei muscoli paraspinali". Giornale di anatomia vol. 234,6 (2019): 787-799. doi:10.1111/joa.12978

Deliagina, Tatiana G et al. "Meccanismi fisiologici e circuitali del controllo posturale". Opinione attuale in neurobiologia vol. 22,4 (2012): 646-52. doi:10.1016/j.conb.2012.03.002

Korakakis, Vasileios et al. "Percezioni del fisioterapista di una postura ottimale seduta e in piedi." Scienze e pratiche muscoloscheletriche vol. 39 (2019): 24-31. doi:10.1016/j.msksp.2018.11.004

Pollock, AS et al. "Cos'è l'equilibrio?" Riabilitazione clinica vol. 14,4 (2000): 402-6. doi:10.1191/0269215500cr342oa

Waters, Thomas R e Robert B Dick. "Evidenza dei rischi per la salute associati a una posizione prolungata al lavoro e all'efficacia dell'intervento". Infermieristica riabilitativa: la Gazzetta ufficiale dell'Association of Rehabilitation Nurses vol. 40,3 (2015): 148-65. doi:10.1002/rnj.166

È stato dimostrato che lo yoga aiuta a invertire la scoliosi

È stato dimostrato che lo yoga aiuta a invertire la scoliosi

Un metodo non invasivo per il trattamento della scoliosi. È stato dimostrato che lo yoga aiuta a invertire la scoliosi. La scoliosi è la curvatura laterale della colonna vertebrale. La colonna vertebrale si piega verso l'interno verso la parte anteriore del corpo nella regione del collo e nella regione lombare. Questa curva è nota come lordosi e si piega verso l'esterno nella regione centrale della schiena. Questo è noto come cifosi. Se la colonna vertebrale si curva di lato, ciò potrebbe indicare una curvatura che potrebbe essere scoliosi. Può essere doloroso e spesso può influenzare l'aspetto di un individuo una volta che la misurazione supera i 25 – 30 gradi. Una spalla è solitamente più alta dell'altra e gli indumenti non possono adattarsi correttamente. Se la curva supera i 60 gradi, può influenzare la respirazione e la funzione cardiaca.

È stato dimostrato che lo yoga aiuta a invertire la scoliosi

Cause idiopatiche sconosciute

Questa condizione può essere costituita da varie componenti, soprattutto con curve più intense. Le costole possono spostarsi all'indietro sul lato dove la curva si gonfia. La maggior parte dei casi consiste nella scoliosi idiopatica dell'adolescenza (senza una causa nota). Poiché la causa è sconosciuta, non esiste una varietà di trattamenti efficaci oltre alla chirurgia. I medici tengono d'occhio attentamente:

  • Curve sotto i 25 gradi.
  • Rinforzo tra 25 e 45 gradi.
  • Considera un intervento chirurgico per una curvatura intensa.

Le curve negli individui in genere compaiono tra i 12 ei 20 anni.

Lo yoga dimostrato per invertire la scoliosi

Si consiglia agli individui di fare solo una posizione yoga alle lezioni. Tuttavia, a seconda del tipo e della gravità delle curve, potrebbe essere più di una. Viene chiesto loro di eseguire la posa per 5 minuti o meno, a seconda delle condizioni. Uno yoga terapista, un chiropratico e un fisioterapista possono generare un significativo miglioramento della colonna vertebrale. Ciò potrebbe significare che una curva di 30 gradi potrebbe essere ridotta a circa 18 gradi in 10-12 mesi. Gli individui che fanno le pose almeno 4 volte a settimana hanno mostrato un miglioramento dell'80-90%. La posa può essere eseguita al lavoro durante le pause, ecc.

Il più grande vantaggio di questa tecnica è che non è invasiva; può aiutare le persone con curve in via di sviluppo, invertendo presto la curvatura. La maggior parte delle curve non raggiunge il punto dell'intervento. Nella tarda adolescenza e nell'adolescenza, il spina dorsale è ancora abbastanza flessibile. Questo può aiutare ad accelerare l'efficacia della posa yoga per raddrizzare la colonna vertebrale. La tecnica riduce la curva dal peggioramento. I raggi X mostreranno se la curvatura è migliorata o meno. Ai pazienti potrebbe essere chiesto di fare la/e posa/e due o più volte al giorno a seconda del direzione il condizione sta prendendo.


Composizione corporea


Effetti del glutine

Il glutine provoca problemi digestivi per le persone che hanno la malattia celiaca o la tiroide autoimmune. Gli individui con queste condizioni potrebbero sperimentare una serie di effetti spiacevoli e/o dolorosi. Questi sintomi possono variare in base alla loro presentazione. Rientrano nelle classificazioni.

Celiachia classica

Con la celiachia classica, i sintomi includono:

  • Diarrea
  • Sgabelli scoloriti
  • Costipazione
  • Gonfiore e dolore addominale
  • Perdita di peso

Tuttavia, questi sintomi sono più comuni nei bambini rispetto agli adulti. Negli adulti, i sintomi sono più simili alla celiachia non classica.

Celiachia non classica

Con la celiachia non classica, i sintomi digestivi gravi potrebbero non presentarsi come sintomi classici della celiachia ma sviluppare altri sintomi. Questi includono:

Celiachia silenziosa

La celiachia silente è meno visibile. Gli individui potrebbero non vedere alcun sintomo. Tuttavia, il consumo di glutine continua a causare danni all'intestino.

Malattia autoimmune della tiroide

Malattia autoimmune della tiroide o ATD. La malattia autoimmune della tiroide include condizioni come La malattia di Hashimoto. Questo colpisce la ghiandola tiroidea e provoca:

  • Stanchezza estrema
  • Sensibilità al freddo
  • Perdita dei capelli
  • Dolori muscolari
  • Dolori articolari
  • Effetti negativi sulla salute

Gli studi hanno dimostrato che il glutine aiuta ad alleviare i sintomi.

Referenze

Loren M. Fishman, medico, B. Phil. (ossone). Yoga di guarigione. (New York: WW Norton, 2014).

Loren M. Fishman, MD, B.Phil. (oxon). "Le manovre isometriche simili allo yoga migliorano la scoliosi idiopatica dell'adolescenza: una prova di controllo non randomizzata". Progressi globali in salute e medicina. 24 febbraio 2021. journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/2164956120988259

Fishman LM, Groessl EJ, Sherman KJ, "Serial Case Reporting Yoga per scoliosi idiopatica e degenerativa". Progressi globali in salute e medicina. 1 settembre 2014. journals.sagepub.com/doi/10.7453/gahmj.2013.064

Una postura scorretta può causare tutti i tipi di dolore corporeo

Una postura scorretta può causare tutti i tipi di dolore corporeo

Una postura scorretta colpisce tutto il corpo e può portare a vari problemi di dolore per tutto il corpo. Si consiglia di correggere la postura prima di provare a correggerla quando il dolore inizia a presentarsi. Se si presenta dolore, il trattamento chiropratico porterà sollievo, stabilizzerà la colonna vertebrale, riallinea/equilibrerà il corpo ed educherà l'individuo a mantenere una postura corretta attraverso allungamenti, esercizi, terapia fisica e aggiustamenti dello stile di vita.  

Sintomi di postura scorretta

Dolore Cervicale

Disagio, rigidità, senso di oppressione e dolore sono comuni quando si è seduti alla postazione di lavoro. Questo viene da a testa in avanti/testa sporgente posizione. La testa spinge in avanti e non è allineata con le spalle. Ciò significa che il collo assume una posizione compromessa. La posizione della testa in avanti mette a dura prova i muscoli del collo. A causa di questo disagio e dolore al collo spesso si verificano più tardi nel pomeriggio e la sera. Se non sei sicuro che la testa si stia sporgendo, prova a posizionare il mento sul petto. Se non è possibile o se c'è disagio/dolore nella parte superiore della schiena, c'è un po' di testa che sporge in avanti.

Disagio e dolore alla spalla

Quando stiamo seduti per lunghi periodi, il corpo rilassa i muscoli che normalmente verrebbero utilizzati stando in piedi. Un insieme di muscoli è nella parte superiore della schiena. Ciò provoca una postura incurvata con una parte superiore della schiena/spalle arrotondata. Più tempo il corpo rimane in una qualsiasi posizione, più inizia a conformarsi alla posizione malsana. Ciò provoca anche dolore nella parte superiore e anteriore delle spalle. Il dolore è evidente quando si cerca di portare il braccio/i sopra la testa o quando si tenta di eseguire esercizi come flessioni o trazioni.

Mal di testa regolari

Il mal di testa regolare è un altro sintomo di una postura scorretta. La postura della testa in avanti è di solito un contributo combinato con le lunghe ore seduti o in piedi. Tuttavia, il mal di testa può essere causato da una varietà di cause che includono:

  • Stress
  • Tensione
  • Disidratazione

Lombalgia, disagio al coccige e dolore

Il mal di schiena è un sintomo molto comune di una postura scorretta. Per gli individui sotto i 40 anni, dolore e disagio sono presenti a causa di una postura scorretta mentre si è seduti o in piedi e la mancanza di stretching ed esercizio fisico. Stare seduti a lungo fa sì che i muscoli che portano le cosce verso il petto, noti come flessori dell'anca, siano costantemente flessi, senza sollievo. Questo fa sì che i flessori dell'anca si accorciano e si stringono. Questo tira fuori il bacino verso la parte anteriore del corpo, creando una curva spinale esagerata.

11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Una postura scorretta può causare tutti i tipi di dolore corporeo

I glutei o lo stomaco spingono verso l'esterno

Dai un'occhiata al profilo del corpo, il sedere e/o la pancia fuoriescono? Se è così potrebbe essere iperlordosi conosciuto anche come Paperino postura. Questo può derivare dall'uso eccessivo di tacchi alti, dal fatto che il corpo deve portare un peso extra nella zona dello stomaco e talvolta questo deriva dalla gravidanza. A volte succede questo quando gli individui stanno con i loro ginocchia bloccate. Questo fa sì che la parte posteriore e/o la pancia spingano fuori.

Correggere la postura scorretta

Il problema principale con la correzione della postura è la capacità di mantenere una postura corretta. Molte persone tornano alla posizione malsana senza riconoscere che lo stanno facendo. Ci sono dispositivi per aiutare a correggere cattive abitudini di postura. Questo potrebbe essere un tutore o un'imbracatura che rileva quando il corpo è curvo e vibra per consentire all'individuo di tornare in una posizione corretta.

Cura chiropratica e terapia fisica

Il modo più efficace e completo per correggere anni di postura scorretta è consultare un chiropratico professionista. Verrà eseguita una diagnosi completa, un'ispezione e un'analisi della postura di un individuo quando è seduto, in piedi, camminando e correndo. Istruiranno l'individuo sulla postura corretta, su come raggiungerla e mantenerla. Se si presenta dolore, il chiropratico prenderà provvedimenti per correggere eventuali sublussazioni, disallineamenti e svilupperà un piano di trattamento personalizzato, per guarire prima il corpo. Le modalità di trattamento possono includere:

  • Aggiustamenti chiropratici
  • Terapia fisica
  • Massaggio
  • Terapia di calore
  • infrarosso
  • Ultrasuono
  • Dispositivo TENS
  • Coaching sulla salute
  • consigli nutrizionali

Una volta che il corpo è guarito e si muove liberamente, il medico consiglierà esercizi e programmi di stretching da fare a casa. Ciò migliorerà e aiuterà a mantenere una postura corretta. Un professionista muscoloscheletrico esperto manterrà il corpo in equilibrio e preverrà ulteriori lesioni.


Composizione corporea


Idratare il corpo con acqua o una bevanda sportiva

Molte persone preferiscono bere bevande sportive durante e dopo attività fisiche, sport ed esercizio fisico. Molti si oppongono all'acqua a causa della mancanza di gusto, mentre le bevande sportive hanno gusto ed elettroliti aggiunti. Ma molte bevande sportive hanno aggiunto ingredienti e zuccheri. Questo li rende non la scelta migliore per le persone che cercano di perdere calorie. Dai un'occhiata ad alcuni degli ingredienti aggiuntivi:

Elettroliti

I minerali, come potassio, sodio e magnesio, hanno una carica elettrica che aiuta a mantenere la equilibrio ionico del corpo. Il corpo perde elettroliti durante la sudorazione. Una bevanda sportiva può aiutare a sostituire gli elettroliti persi.

carboidrati

La maggior parte dei carboidrati proviene dagli zuccheri. I carboidrati sono una delle fonti di energia del corpo e le bevande sportive sono progettate per rifornire il corpo dopo un'attività fisica intensa.

Aminoacidi

Questi sono i mattoni delle proteine. Bere una bevanda sportiva dopo un allenamento intenso può aiutare il corpo a recuperare più rapidamente. Pertanto, alcuni degli ingredienti aggiuntivi nelle bevande sportive offrono extra di idratazione che l'acqua da sola non può. Però, i l'acqua dovrebbe essere sempre la prima bevanda preferita. Ma ci sono momenti in cui una bevanda sportiva è ciò di cui il corpo ha bisogno.

  • Quando si partecipa ad attività fisiche ad alta intensità, allenamenti, sport che durano più di 45 minuti a un'ora. Qui una bevanda sportiva può aiutare a reintegrare gli elettroliti del corpo meglio dell'acqua.
  • Gli individui che sudano alti livelli di sodio (cercano macchie/anelli di sudore sulla pelle o sui vestiti) possono trarre beneficio dalla reidratazione con una bevanda sportiva.
  • Atleti di resistenza, triatleti, maratoneti, atleti di lunga distanza, ecc può beneficiare anche di una bevanda sportiva, dall'aumentata perdita di liquidi.
  • In queste attività, gli atleti dovrebbero assicurarsi che il la bevanda sportiva che stanno consumando contiene carboidrati e elettroliti.

Disclaimer

Le informazioni qui contenute non intendono sostituire una relazione individuale con un professionista sanitario qualificato, un medico autorizzato e non costituiscono un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni di assistenza sanitaria in base alla tua ricerca e alla collaborazione con un professionista sanitario qualificato. Il nostro ambito di informazioni è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere, problemi di salute sensibili, articoli di medicina funzionale, argomenti e discussioni. Forniamo e presentiamo la collaborazione clinica con specialisti di un'ampia gamma di discipline. Ogni specialista è disciplinato dal proprio ambito di pratica professionale e dalla propria giurisdizione di licenza. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a sostegno dei nostri post. Forniamo copie di studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva di come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900.

Dr. Alex Jimenez DC, MSACP, CCST, IFMCP *, CIFM *, CTG *
e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com
telefono: 915-850-0900
Licenza in Texas e New Mexico

Referenze

Hao, Ning et al. "Migliorare la creatività: la corretta postura del corpo incontra la corretta emozione." Atto Psicologico vol. 173 (2017): 32-40. doi:10.1016/j.actpsy.2016.12.005

Jaromi, Melinda et al. “Formazione sul trattamento e sull'ergonomia del dolore lombare correlato al lavoro e dei problemi di postura del corpo per gli infermieri.” Giornale di infermieristica clinica vol. 21,11-12 (2012): 1776-84. doi:10.1111/j.1365-2702.2012.04089.x

O'Connor B. Sitting Disease: The New Health Epidemic. Il sito Web del Chopra Center. www.chopra.com/articles/sitting-disease-the-new-health-epidemic. Accesso a gennaio 7, 2017.

 

Guida alla terminologia sulla composizione corporea

Guida alla terminologia sulla composizione corporea

Il mondo della salute e del fitness si è evoluto con tutti i tipi di gergo tecnico e terminologia che possono richiedere una guida per avere un controllo sulle cose. Può creare confusione e termini come Massa corporea magra e muscolo magro può confondersi. Analisi della composizione corporea consente a un individuo di comprendere il proprio corpo in modo molto più chiaro con una visione approfondita della salute del corpo. Qui scomponiamo questa terminologia tecnica per ottenere una comprensione di base di come è rilevante per la salute del corpo. Consideralo come un glossario combinato e una guida all'azione.

11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Guida alla terminologia sulla composizione corporea
ï ¿½

Guida alla composizione corporea di base

Percentuale di grasso corporeo Percentuale di grasso corporeo

  • La percentuale di grasso corporeo è un riflesso di quanto il peso corporeo è costituito da grasso.
  • È calcolato dividendo il peso della massa grassa corporea per il peso totale.
  • Aiuta a tenere traccia dei progressi se stai cercando di perdere peso o aumentare la massa muscolare.
ï ¿½

Takeaway

  • Questa percentuale può essere applicata per impostare gli intervalli di grasso corporeo in percentuale.
  • gli intervalli sani sono circa il 10-20% di grasso corporeo per gli uomini e il 18-28% per le donne.

ï ¿½

Guida alla massa corporea magra / massa magra

La massa corporea magra è talvolta usata in modo intercambiabile con la massa senza grassi.

  • Lean Body Mass è il peso di tutto ciò che nel corpo non è grasso.
  • Questo include muscoli, organi, ossa e acqua corporea.
  • La massa corporea magra non è la stessa dei muscoli.
  • Lean Body Mass è una raccolta di diversi tipi di tessuti del corpo che include i muscoli.
ï ¿½

Takeaway

  • La massa corporea magra più la massa grassa corporea costituiscono l'intero peso corporeo.
  • Se il valore della massa corporea magra è in libbre sottrarre questo numero dal peso corporeo totale per ottenere un'approssimazione della massa grassa corporea.
  • Dividi questo numero per il peso corporeo, i risultati sono la percentuale di grasso corporeo.
  • La massa corporea magra è strettamente correlata al numero totale di calorie di cui il corpo ha bisogno ogni giorno.
  • Massa magra corporea costituisce il nucleo del metabolismo del corpoe questo numero può essere utilizzato per determinare le esigenze dietetiche uniche.
  • Non basare più la nutrizione sulla dieta da 2,000 calorie. Questo è un approccio misero per tutti all'assunzione di cibo.

ï ¿½

Guida alla massa muscolare scheletrica

  • Il muscolo scheletrico è uno dei quattro principali tipi di muscoli e governa tutti i movimenti che sono controllati coscientemente. Di tutto, dagli SMS allo stacco da terra con un bilanciere.
  • È il gruppo muscolare che cresce / si accumula durante l'esercizio.
  • L'aumento della massa muscolare scheletrica si traduce in una maggiore forza.
  • Quando si cerca di costruire il corpo e aumentare le dimensioni, questo è il valore da monitorare e osservare aumentare nel tempo.
ï ¿½
  • Tuttavia, il muscolo non serve solo per la forza.
  • Il muscolo è costituito principalmente da proteine ​​e può fungere da deposito di proteine.
  • Quando il corpo è sotto stress grave come una lesione traumatica, il processo di recupero viene attivato e necessita di proteine ​​aggiunte, fino a quattro volte l'importo.
  • Quando il corpo non è in grado di ottenere la giusta quantità di proteine ​​da una dieta normale, il corpo inizia a ottenere ciò di cui ha bisogno dall'immagazzinamento / dai muscoli delle proteine.

ï ¿½

Tasso metabolico basale / BMR

  • Tasso metabolico basale o BMR, è il numero di calorie di cui il corpo ha bisogno per mantenere il corpo magroS. È una componente significativa del metabolismo generale.
  • Un individuo con più massa corporea magra avrà un tasso metabolico basale più elevato.
  • Questo è il motivo per cui un atleta di 250 libbre ha bisogno di mangiare più di un adulto sedentario di 150 libbre. Perché l'atleta ha più massa corporea magra.
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Guida alla terminologia sulla composizione corporea
ï ¿½
  • Il BMR può aiutare a creare un programma di dieta sana progettato per la perdita di grasso o il guadagno muscolare aiutando a capire quanta energia / calorie dal cibo ha bisogno il corpo.
  • Moltiplicando il BMR con il fattore di attività stimerà Spesa energetica giornaliera totale o TDEE.
  • Utilizzando il TDEE come base, un individuo può sviluppare un piano nutrizionale basato sugli obiettivi di composizione corporea.

ï ¿½

Guida all'acqua corporea

  • L'acqua corporea include tutta l'acqua del corpo. Ciò significa tutto da:
  1. L'acqua nel sangue
  2. Acqua negli organi
  3. L'acqua dentro le ossa

L'acqua corporea può essere suddivisa in due tipologie:

  • intracellulare
  • Extracellulare
  • Mezzi intracellulari all'interno delle cellule e include l'acqua negli organi, muscoli, che compongono 2/3 del total body acqua.
  • la Rrestante 1/3 è extracellulare al di fuori delle cellule e include l'acqua nel sangue.
ï ¿½

Takeaway

  • Quando il il corpo è generalmente sano mantiene un sano equilibrio di acqua intracellulare ed extracellulare con un rapporto di circa 3: 2.
  • Quando l'equilibrio diventa sbilanciato o cade a pezzi, il monitoraggio dell'acqua diventa importante.
  • Fatti esempio, individui con gravi problemi di salute, come disturbi / insufficienza renale, non sono in grado di liberare il corpo dall'acqua extracellulare. Questa provoca un accumulo di acqua e richiede la rimozione attraverso procedure come la dialisi.

ï ¿½

Massa magra secca

  • La massa corporea magra include tutto ciò che non è grasso corporeo e include l'acqua corporea.
  • Quando tutta l'acqua è stata estratta, ciò che rimane è noto come Massa magra secca.

ï ¿½

Massa corporea magra - Acqua corporea = Massa magra secca

  • Ciò equivale a contenuto proteico dei muscoli e contenuto minerale delle ossa.
  • La maggior parte della massa magra secca si troverà in queste aree.
ï ¿½

Takeaway

  • Il monitoraggio dell'acqua può aiutare a monitorare i cambiamenti fisici reali nel corpo.
  • Lean Body Mass contiene acqua corporeae i livelli di acqua corporea possono essere influenzati da diversi fattori come un allenamento recente o mancanza di carboidrati.
  • I cambiamenti nell'acqua corporea sono considerati cambiamenti tecnici nella massa corporea magra.
  • quando edificio muscolo, il corpo sta effettivamente costruendo nuovi depositi di proteine ​​fisiche e si riflette nella massa magra secca.
  • Un aumento della massa corporea magra può segnalare o meno la crescita muscolare.
  • Tuttavia, un aumento della massa magra secca è un indicatore più favorevole della crescita muscolare.

ï ¿½

Grasso viscerale

  • Due principali categorie di grasso corporeo.
  • Grasso sottocutaneo è il grasso sotto la pelle ed è il tipo che può essere visto.
  • Viene chiamato il secondo tipo Grasso viscerale.
  • Questo grasso si raccoglie all'interno dell'addome e avvolge gli organi interni.
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Guida alla terminologia sulla composizione corporea
ï ¿½

Takeaway

  • Solo perché non può essere visto non significa che non sia lì.
  • Se è lì, è sicuramente qualcosa che vale la pena sapere.
  • Questo perché il grasso viscerale non è solo un chilo di troppo ma un organo attivo che secerne ormoni nocivi nel corpo che innesca un'infiammazione senza fine.
  • Più grasso è viscerale, maggiore è il rischio di infiammazione.
  • L'infiammazione nel tempo pone ulteriore stress sul cuore che può portare a problemi cardiovascolari.

ï ¿½

Fatti testare oggi

Si spera che questa guida abbia chiarito parte della terminologia comune sulla composizione corporea. Questa è una panoramica di base progettata per fornire informazioni essenziali sulla composizione corporea e su come si applica. Una comprensione generale può aiutare fare scelte di vita sane, come decidere di perdere peso o aggiustamenti dietetici.


Salute fisica


 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. *

Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *

Referenze

Westerterp, Klaas R. Esercizio, equilibrio energetico e composizione corporea . Rivista europea di nutrizione clinica�vol. 72,9 (2018): 1246-1250. doi:10.1038/s41430-018-0180-4

Borga, Magnus et al. Valutazione avanzata della composizione corporea: dall'indice di massa corporea al profilo della composizione corporea . Journal of investigative medicine: la pubblicazione ufficiale della American Federation for Clinical Research vol. 66,5 (2018): 1-9. doi: 10.1136 / jim-2018-000722

Raccomandazioni e suggerimenti nutrizionali d'oro

Raccomandazioni e suggerimenti nutrizionali d'oro

Fare piccoli aggiustamenti per ottenere uno stile di vita sano non è così difficile / complesso come alcuni potrebbero pensare. Ecco alcune raccomandazioni nutrizionali d'oro per la longevità e a stile di vita sano. La comprensione di questi suggerimenti d'oro è un primo passo verso lo sviluppo e il mantenimento di cambiamenti sostenibili. Il nostro coach della salute e nutrizionista può sviluppare un programma nutrizionale personalizzato ottimale che si concentra sull'insegnamento agli individui come promuovere trasformazioni per tutta la vita e diventare più connessi con mente e corpo.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Raccomandazioni nutrizionali d'oro e suggerimenti
 

Vitamine

Consumane in abbondanza frutta e verdura almeno sei + porzioni ogni giorno per garantire che il corpo assorba micronutrienti essenziali, vitamine, minerali, phytochemicalse fibra. Un d'oro la raccomandazione è quella di contare i colori della frutta e della verdura invece delle calorie. Mangiare l'arcobaleno alimentare è un modo ideale per ottenere una varietà di vitamine.  

Alimenti rossi

Questi cibi contengono sostanze fitochimiche e aiutano a ridurre il rischio di diabete e malattie cardiache. Questi includono:
  • Pomodori
  • peperoni rossi
  • cipolle rosse
  • Fragole
  • Ciliegie
  • Anguria

Alimenti arancioni e gialli

Questi sono pieni di Vitamina A e Vitamina C. promuovere pelle sana e vista.
  • Zucca
  • Patate dolci
  • Carote
  • Limoni
Sono tutti modi per ottenere nutrienti arancioni e gialli.

Alimenti verdi

Questi sono in alto Vitamina K, antiossidanti e folati altamente benefico per la salute delle ossa. Questi includono:
  • Castello
  • Broccoli
  • Piselli
  • Kiwi
  • Uva verde
  • Cavoletti di Bruxelles

Alimenti blu e viola

Questi contengono antiossidanti che aiutano con le malattie cardiache e proteggono le cellule del corpo. Sono inclusi:

Alimenti bianchi e gialli

Questi hanno proprietà anti-infiammatorie che sostenere il sistema immunitario. I cibi bianchi includono:
  • Cavolfiore
  • aglio
  • mais macinato e cotto
  • scalogno
  • pastinaca
  • fagioli bianchi

Caffè biologico

Questo tipo di il caffè è ricco di antiossidanti e fitonutrienti.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Raccomandazioni nutrizionali d'oro e suggerimenti
 

Riduci lo zucchero raffinato e la farina

Gli zuccheri aggiunti e la farina raffinata non hanno nessuna delle fibre e dei micronutrienti essenziali di cui il corpo ha bisogno per sentirsi pieno. I cereali integrali sono ricchi di fibre. Questo aiuta ad aumentare la sensazione di sazietà e soddisfazione, che aiuta a bloccare la voglia di zucchero. Scegli la farina integrale invece della farina raffinata. Limita l'assunzione di zuccheri utilizzando la dolcezza naturale della frutta. Aggiungi frutta ai pasti per aumentare la dolcezza, se necessario.  

Pieno d'acqua

Bere metà del peso corporeo di un individuo è essenziale ogni giorno. 10-12 once di acqua prima di un pasto aumenteranno la piena soddisfazione e renderanno un individuo più consapevole dei segnali di fame del corpo. Suggerimento d'oro, utilizzare una bottiglia d'acqua riutilizzabile può aiutare a tenere traccia dell'assunzione di acqua durante il giorno.  

12/12 Programma dei pasti

Programma i tre pasti principali entro un periodo di 12 ore per evitare spuntini durante il giorno. Il il corpo ha bisogno di riposare, digerire e ripristinare tra i pasti e durante la notte.  

Smetti di mangiare 3 ore prima di dormire

il metabolismo del corpo inizia a rallentare intorno alle 7-8. La ricerca mostra che questo lasso di tempo cade in linea quando il corpo inizia a stancarsi e rilassarsi. Consentire al corpo di ringiovanire le cellule invece di sprecare energia per digerire le calorie che non si bruciano per l'energia durante il sonno.  

Attività fisica quotidiana

L'esercizio quotidiano contribuisce alla salute generale e alla longevità. L'esercizio fisico regolare può aiutare nel trattamento delle malattie croniche e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Ogni giorno cerca di completare 50-60 minuti di attività fisica a basso impattoe 15-20 minuti di cardio ad alta intensità moderata. Ogni settimana fai due dei 20 minuti di allenamento per l'allenamento della forza.  

Dopo gli spuntini di allenamento

Spuntini per il recupero 15 minuti dopo l'allenamento ti aiuteranno a contenere le voglie. Questi includono a carboidrati sani, proteine ​​magree grasso sano. 1-2 ore dopo un allenamento consumare il prossimo pasto equilibrato.  

Nessun dispositivo con i pasti

I dispositivi elettronici distraggono dai segnali naturali di fame del corpo. Gli schermi devono essere riposti durante i pasti per prestare attenzione al cibo e consumo corretto. Guardare la TV o scorrere i social media ha dimostrato di aumentare l'apporto calorico.  

Abbondanza di sonno

La privazione del sonno altera gli ormoni del corpo che controllano / regolano i segnali di fame. Quando il corpo perde il sonno, inizia a desiderare più cibo più spesso. Anche dopo che il corpo ha avuto i nutrienti necessari. Una raccomandazione d'oro è sviluppare una routine notturna rilassante che migliorerà la durata e la qualità del sonno. L'obiettivo è dormire 8-10 ore a notte.  

Riduzione dello stress

Incorporare attività di riduzione dello stress in una routine regolare. Lo stress costante sul corpo può contribuire alle malattie cardiovascolari. Le attività aiutano a distogliere la mente da pensieri, ricordi ed eventi che causano stress e preoccupazioni. Questi includono:
  • Passeggiate
  • Meditazione
  • Yoga
  • Hobby

Composizione corporea sana


 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *  
Referenze
Braude L, Stevenson RJ. Guardare la televisione mentre si mangia aumenta l'apporto energetico. Esaminare i meccanismi nelle partecipanti di sesso femminile. Appetito. 2014; 76: 9-16. doi: 10.1016 / j.appet.2014.01.005 Dimsdale JE. Stress psicologico e malattie cardiovascolari. J Am Coll Cardiol. 2008; 51 (13): 1237-1246. doi: 10.1016 / j.jacc.2007.12.024 Eckel-Mahan K, Sassone-Corsi P. Metabolismo e l'orologio circadiano convergono. Physiol Rev.2013; 93 (1): 107-135. doi: 10.1152 / physrev.00016.2012 Vina J, Sanchis-Gomar F, Martinez-Bello V, Gomez-Cabrera MC. L'esercizio agisce come una droga; i benefici farmacologici dell'esercizio. Br J Pharmacol. 2012; 167 (1): 1-12. doi: 10.1111 / j.1476-5381.2012.01970.x
Importanza dell'anamnesi del paziente per un trattamento ottimale

Importanza dell'anamnesi del paziente per un trattamento ottimale

Il primo passo nella cura chiropratica è ottenere l'individuo storia medica. Molti visitano un chiropratico con certe aspettative su come andranno le cose. Si sdraieranno su un tavolo mentre il chiropratico regola la colonna vertebrale. Ci saranno schiocchi e crepe e la tensione se ne andrà. E dopo, si sentiranno meglio. Tuttavia, senza di un individuo storia medica, il trattamento non sarà così efficace a causa della mancanza di informazioni. Ciò significa che un chiropratico è in grado di eseguire solo aggiustamenti generali ma non è in grado di arrivare alla causa principale e massimizzare il pieno potenziale degli aggiustamenti. L'educazione del paziente inizia nel momento in cui qualcuno entra in clinica.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Importanza dell'anamnesi del paziente per un trattamento ottimale
 

La natura della medicina olistica

Alcune domande che un chiropratico potrebbe porre includono:
  • Che tipo di dolore si presenta: sparo, bruciore, dolore, palpitante, ecc.?
  • Hai avuto recenti interventi chirurgici?
  • C'è una storia di dolore cronico?
  • Quali farmaci vengono presi?
Ciascuno verrà spiegato in maggiore dettaglio e cosa significano per lo sviluppo di un piano di trattamento. Un individuo ha bisogno di capire quanto sia importante la sua storia medica per il progresso del trattamento. L'anamnesi del paziente impedisce di eseguire il piano di trattamento sbagliato avendo una comprensione informata del corpo dell'individuo. Per esempio, un chiropratico non può eseguire gli stessi aggiustamenti su un anziano con osteoporosi che fanno su un atleta di mezza età. E qualcuno che si sta riprendendo da un intervento chirurgico non avrà la libertà di movimento quando è sano. Una regolazione può risultare in X, Y o Z, a seconda dei fattori in atto. La storia medica è vitale in quanto elimina qualsiasi incognita, quindi un chiropratico può risolvere X, Y o Z essendo in grado di fornire il miglior risultato per l'individuo.  
 

Più informazioni, migliore è il piano di trattamento

Quando un individuo ha dolore al collo, un medico non prescriverà un intervento chirurgico immediato, a meno che non sia un'emergenza. Piuttosto, eseguiranno un esame completo, faranno domande, cercheranno di trovare la causa e analizzeranno l'intensità del dolore. Un chiropratico non è diverso e la storia medica individuale è vitale. Ottenere quante più informazioni possibili può aiutare un chiropratico a raggiungere una diagnosi corretta e garantisce che venga intrapresa la giusta linea di condotta. Gli individui spesso non si rendono conto di but per esempio,
  • Un incidente automobilistico accaduto lo scorso anno potrebbe manifestare sintomi ora.
  • Un intervento chirurgico alla spalla cinque anni fa potrebbe limitare il raggio di movimento, interessando la muscolatura attorno al rachide cervicale.
  • La fascite plantare cronica e l'automedicazione per un po 'possono causare instabilità nella colonna lombare che colpisce il rachide cervicale.
Ogni piccola informazione può aiutare a mettere insieme il puzzle per avere un'immagine chiara di ciò che sta accadendo. Il maggior contributore di informazioni è la storia medica del paziente, documentata formalmente e parlata in modo informale.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Importanza dell'anamnesi del paziente per un trattamento ottimale
 

Assistenza informata

A visita a Injury Medical Chiropratica La clinica è una collaborazione tra paziente e chiropratico che porta a un trattamento informato e migliore possibile. La storia medica informa la cura ottimale. Per ulteriori informazioni o per ulteriori suggerimenti sulla cura chiropratica, contattaci oggi.

Cura chiropratica per nuovi pazienti

 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *
Referenze
Hunter, J. Storia medica e dolore cronico . La rivista clinica del dolore vol. 17,4 Suppl (2001): S20-5. doi: 10.1097 / 00002508-200112001-00007
Calcio e vitamina D per una salute ossea ottimale

Calcio e vitamina D per una salute ossea ottimale

Calcio e vitamina D per una salute ottimale delle ossa. Le ossa / il sistema scheletrico del corpo contengono un'enorme quantità di calcio. Quasi il 100% del calcio totale del corpo si trova nelle ossa. Calcio è un nutriente che aiuta il corpo a ricostruire / riparare le ossa.

ï ¿½

Ciò significa che un individuo ha bisogno di abbastanza calcio per tutta la vita per ossa sane. Gli individui con osteoporosi hanno un aumento delle fratture, il che significa che è ancora più importante avere la giusta quantità di calcio.

Tuttavia, la il corpo ha anche bisogno di vitamina D sufficiente per assorbire correttamente il calcio. Quando il corpo non ha abbastanza vitamina D, il corpo non sarà in grado di utilizzare tutto il calcio ingerito. Il mantenimento della salute delle ossa richiede di tenere traccia dell'assunzione di calcio e vitamina D.

ï ¿½

Calcio

Quanto calcio le esigenze del corpo dipendono da vari fattori, tra cui l'età. Sono elencate le raccomandazioni di base sull'assunzione di calcio in base all'età, ma le persone dovrebbero parlare con un medico di quanto calcio è meglio per loro su base giornaliera.

Bambini e giovani adulti

  • 1-3 anni di età 500mg
  • 4-8 anni di età 800mg
  • 9-18 anni di età 1,300mg

ï ¿½

Uomini e donne adulti

  • 19-49 anni di età 1,000mg
  • 50+ anni di età 1,200mg

ï ¿½

Donne incinte e che allattano

  • sotto 18 anni di età 1,300mg
  • Più di 19 anni di età 1,000mg
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Calcio e vitamina D per una salute ossea ottimale
ï ¿½

Questo può aiutare a farsi un'idea generale di quanto calcio è necessario ogni giorno. Il modo migliore per ottenere abbastanza calcio attraverso ciò che viene mangiato e bevuto regolarmente. Ecco alcuni alimenti che offrono la giusta quantità di calcio:

  • Broccoli cotti 60mg in 8 once.
  • Succo di frutta con calcio aggiunto 200-260 mg in 6 once.
  • Latte magro e scremato 300mg in 8 once.
  • Yogurt al naturale a basso contenuto di grassi 415mg in 8 once.
  • Swiss Cheese 220-270 mg in 1 once.

Queste sono stime della quantità di calcio offerta da questi alimenti. Guarda sempre l'etichetta del cibo per ottenere un numero preciso. Questi sono anche solo esempi di quali alimenti possono aiutare a soddisfare il fabbisogno di calcio per la giornata. Se non è possibile ottenere abbastanza calcio dalla dieta, è possibile assumere integratori per assicurarsi che venga soddisfatta la quantità appropriata.

An esempio di non essere in grado di ottenere la giusta quantità sono soggetti intolleranti al lattosio. Questa può essere una sfida per ottenere il calcio necessario. Per le persone che non assumono abbastanza calcio dovrebbero parlare con un medico, un nutrizionista o un allenatore della salute degli integratori. Aiuteranno a capire il miglior integratore di calcio e quanto prenderne. Tuttavia, assumere troppo calcio può essere dannoso per la salute generale. Ecco perché trovare il miglior equilibrio è fondamentale.

Vitamina D

La vitamina D è ciò che aiuta il corpo ad assorbire il calcio. Il corpo produce vitamina D quando è esposto al sole. Questo è un motivo perfetto per uscire più spesso. 15 minuti di esposizione al sole ogni giorno aumenteranno significativamente la produzione di vitamina D.. Alcuni individui non sono in grado di produrre abbastanza vitamina D, indipendentemente dall'esposizione alla luce solare. Tuttavia, la vitamina D si trova anche in vari alimenti come:

Per alcuni individui, può anche essere una sfida assumere una quantità sufficiente di vitamina D.. Esistono integratori di vitamina D che possono aiutare a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Un medico può dire se sono necessari integratori con vari test che possono dire quanta vitamina D sta assumendo il corpo. Ci sono due tipi di integratori di vitamina D.: Loro sono D3 e D2. La ricerca mostra che D3 e D2 sono entrambi buoni per le ossa. E proprio come il calcio, la quantità di vitamina D necessaria dipende dall'età:

11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Calcio e vitamina D per una salute ossea ottimale

Bambini e giovani adulti

IU sta per unità internazionali quali sono come si misura la vitamina D..

  • 1-18 anni di età 400 IU

Uomini e donne adulti

  • 19-49 anni di età 400-800 IU
  • Più di 50 anni di età 800-1,000 IU

Donne incinte e che allattano

  • Qualsiasi età 400-800 IU

Ottenere abbastanza calcio e vitamina D è essenziale per ossa sane e un corpo sano. Il nostro nutrizionista e coach della salute può aiutarti a riportarti sulla buona strada per una salute ottimale.


Chiropratica e riabilitazione CrossFit


Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. *

Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *

Referenze

Fischer, V et al. Calcio e vitamina D nella guarigione delle fratture ossee e nel turnover osseo post-traumatico . Cellule e materiali europei vol. 35 365-385. 22 giugno 2018, doi: 10.22203 / eCM.v035a25

Prescrizioni: capire cosa dicono e cosa significano

Prescrizioni: capire cosa dicono e cosa significano

I farmaci su prescrizione sono usati per trattare vari tipi di dolore e le loro cause come infiammazioni e spasmi muscolari. I farmaci possono essere una componente importante di un piano di trattamento multi-approccio. Oggi sono generati dal computer e trasmessi elettronicamente a una farmacia locale. Questo articolo è per aiutare a capire cosa dicono e cosa significano.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Prescrizioni: capire cosa dicono e cosa significano
 
Stenografia prescrizione l'esempio potrebbe essere qualcosa del tipo - Nome farmaco 250 mg PO bid x 5 giorni.
  • la prima parte è il file nome del farmaco, che può essere un file marchio o avere un nome generico.
  • seconda parte is 250 mg. Questo si riferisce a quanto è forte il farmaco. In questo caso, lo è milligrammi 250.
  • PO significa che il farmaco viene assunto per via orale.
  • offerta si intende due volte al giorno.
  • x 5 giorni significa che questa ricetta deve essere preso per 5 giorni.
La maggior parte di noi conosce il Rx per significare prescrizione. Questo è vero, con Rx è l'abbreviazione della parola latina che significa a ricevere. Le abbreviazioni delle prescrizioni derivano dalla terminologia latina. Ecco alcuni comuni usati oggi.  
Abbreviazione Traduzione Terminologia latina
ac prima dei pasti ante cibum
offerta due volte al giorno bis in il
berretto capsula Capsula
gt cadere gutta
hs all'ora di dormire ora sonni
od occhio destro occhio destro
os occhio sinistro occhio sinistro
po per via orale per os
pc dopo i pasti posta cibum
pil pillola PILLOLA
prn come necessario pro re nata
q2h ogni ora 2 quaque 2 ora
qd ogni giorno quaque morire
qh ogni ora quaque ora
qid 4 volte al giorno quarto di dado
linguetta tablet tavolo
tid 3 volte al giorno ter in morire
  Capire cosa dice una ricetta è molto più che riempirla in farmacia. Ricorda che i farmaci non sono privi di rischi. Di seguito sono riportate alcune linee guida progettate per aiutare le persone presso l'ufficio del medico, la farmacia ea casa.

Discussioni medico

  • Assicurati che il medico conosca l'intera storia medica. Includi passato reazioni ai farmaci come eruzioni cutanee, indigestione, vertigini e perdita di appetito anche se solo una reazione minore.
  • Se prendi vitamine, integratori e composti a base di erbe un medico deve sapere cosa viene preso, quanto e quanto spesso. Questo perché è noto che alcuni integratori reagiscono con determinati farmaci.
  • I farmaci da banco possono essere acquistati senza prescrizione medica, ma ciò non significa non senza rischi. Dì la medico esattamente ciò che viene assunto, il dosaggio, la frequenza e il motivo dell'assunzione di questi medicinali.
  • Chiedi al medico per il nome completo del farmaco che viene prescritto.
  • Discuti sull'uso del farmaco
  • Il dosaggio corretto
  • Quante volte essere preso
  • Se si dimentica una dose
  • Possibili interazioni con altri farmaci, compresi quelli da banco
  • Reazione / i al farmaco
  • Come dovrebbe funzionare
  • Effetti collaterali
  • Il livello di attività influisce
  • Può essere assunto con caffè, alcol, integratori, ecc
  • Prendi appunti per ricordare le informazioni.
  • Chiedere materiale / informazioni scritte disponibili sul farmaco.

La farmacia

  • La farmacia e il profilo del paziente sono necessari per le informazioni incluse nei registri come interventi chirurgici, allergie e altri farmaci presi. Questo è per prevenire la complicazione dell'interazione tra farmaci.
  • Se sono presenti bambini o giovani adulti, verranno forniti tappi a prova di manomissione.
  • Chiedere al farmacista di includere sull'etichetta il motivo per cui viene utilizzato il farmaco o, se è troppo lungo, una stampa.
  • Non si ricorda come prendere la ricetta. Contatta la farmacia / farmacista e non indovinare.
  • Per molti, il medico telefonerà o avrà un filo diretto con una / e farmacia / e per inviare immediatamente le prescrizioni. Tuttavia, è una buona idea rivedere la dose e la frequenza con il medico o il farmacista per essere completamente sicuri.
  • Se è stato prescritto un nuovo farmaco, il farmacista può riempire solo metà della prescrizione. Questo è nel caso in cui si presenti una reazione o un effetto collaterale e può aiutare a risparmiare sui costi.
  • Viaggiare in uno stato / città / clima diverso potrebbe richiedere modifiche, poiché alcuni farmaci non funzioneranno correttamente in caso di esposizione al sole o ad altri elementi.
  • Alcune pillole o compresse di grandi dimensioni possono essere difficili da ingerire, quindi prima di schiacciare o spaccare, verificare con il farmacista. Alcuni farmaci hanno forme alternative di ingestione.

Sicurezza dei farmaci a casa

  • Con i bambini in casa non tenere i farmaci sul comodino o sul ripiano del bagno o sul mobiletto. Conserva sempre i farmaci in un'area sicura.
  • Tieni un antidoto simile Sciroppo di Ipecac. Questo per indurre il vomito se viene ingerito veleno o sostanze chimiche nocive. Impara le indicazioni di dosaggio e le precauzioni prima di un'emergenza.
  • Tenere il numeri di telefono per il centro antiveleni e EMS.
  • Reazione o qualsiasi effetto collaterale, chiamare immediatamente il medico.
  • Non mescolare farmaci con altri medicinali insieme ai loro flaconi. Tenere i farmaci nei flaconi in cui sono entrati. Mescolare i farmaci in un flacone può alterare la stabilità.
  • Conserva i farmaci in un luogo buio, asciutto e fresco (non refrigerato se non indicato) luogo. Calore, luce e umidità può influenzare la potenza e la stabilità del farmaco.
  • Prendi i farmaci come indicato dal medico. I farmaci che sono abbastanza forti da guarire possono anche causare danni / lesioni se presi in modo errato.
  • Non condividere o assumere mai i farmaci di un'altra persona.
  • Dare ai bambini i farmaci solo quando sono completamente svegli e vigili.
  • Alcune prescrizioni e farmaci da banco vieni con una tazza di dosaggio. Le tazze possono essere di dimensioni diverse insieme alle misure di dosaggio. Non utilizzare una tazza di un altro prodotto.
  • Quando il la prescrizione scade, distruggere il farmaco e il flacone inutilizzati o portarli a sito di smaltimento dei farmaci. Alcune farmacie offrono questo servizio.
  • Tieni un elenco che includa la storia medica e i farmaci assunti regolarmente insieme alla dose e alla frequenza in un portafoglio o in una borsa. Queste informazioni possono aiutare durante un'emergenza medica.
Capire il farmaco è la chiave per trattare la condizione. Queste raccomandazioni potrebbero aiutare ad esserlo sano e sicuro.

Chiropratico per lesioni auto


 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *
Nutrimento per una colonna vertebrale sana

Nutrimento per una colonna vertebrale sana

Gli individui che hanno a che fare con il mal di schiena o una condizione spinale che influisce negativamente sulla loro salute generale vogliono sapere cosa possono fare per far sparire il dolore. Mal di schiena e problemi alla colonna vertebrale che gli individui sperimentano possono essere ridotti e alleviati corretto nutrimento, esercizio fisico e, se necessario, chiropratica o terapia fisica per mantenere il corpo allineato. Fortunatamente, la maggior parte di questi individui non avrà bisogno di un intervento chirurgico. Oltre al mal di schiena, vogliono sapere cosa possono fare per evitare che il dolore si irradi ad altre aree e diventi cronico. Qui è dove nutrimento adeguato per la salute delle ossa entra in gioco. Ora sta diventando una parte dei media tradizionali poiché la scienza e la tecnologia stanno trovando i collegamenti che circondano la salute del corpo / delle ossa e come la nutrizione si inserisce in tutto questo.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Nutrimento per una colonna vertebrale sana
 
Abbiamo visto e sentito parlare degli acidi grassi Omega-3 per la salute del cuore o dell'importanza di frutta e verdura per aiutare a prevenire il cancro. C'è anche il file salute nutrizionale delle ossa e la colonna vertebrale è la più grande, per non parlare del midollo spinale che ospita tutti i nervi che stabiliscono la comunicazione con il corpo.

Vitamine

La salute ottimale continua si basa sulla composizione vitaminica e minerale del corpo. Molte delle vitamine benefiche che mantengono le ossa forti possono essere trovate negli integratori. Tuttavia lo è consigliato per prendere l'abitudine di trarre nutrimento dal cibo vero in combinazione con gli integratori. Questo è perché una persona può seguire un regime di integratori vitaminici senza benefici. Questo perché la loro dieta consiste in cibi malsani e pesantemente lavorati. Quindi mangiare cibi altamente nutrienti è il modo migliore per iniziare. Eccone alcuni da considerare:

Prodotti lattiero-caseari

Prodotti lattiero-caseari può essere difficile per le persone con problemi intestinali e altre condizioni autoimmuni. Può sembrare scoraggiante cercare di capire cosa prendere e cosa evitare. Per quelli con L'intolleranza al lattosio evita del tutto i latticini e guarda agli integratori di calcio e vitamina D. Anche la qualità del prodotto lattiero-caseario fa la differenza. Quindi assicurati che non contenga ingredienti o zuccheri artificiali. Questo è essenziale per mantenere i latticini come parte di una dieta sana.

Frattaglie

Frattaglie è il termine per gli organi interni degli animali che vengono utilizzati come cibo. Offre a dose massiccia di vitamine per la salute delle ossa. Prima di dire assolutamente di no, ce ne sono tantissimi ricette da considerare, ricorda che questo riguarda la salute delle ossa spinali. Manzo, vitello e fegato di pollo, sono esempi di fonti elevate di:
  • Vitamina A, che ripara i tessuti e contribuisce alla formazione delle ossa
  • Vitamina B12 che è importante per il midollo osseo sano
  • Vitamina K è necessario per un corretto assorbimento del calcio nelle ossa
  • Ferro è una necessità per cellule e muscoli sani che supportano la colonna vertebrale

Verdura

Spinaci contiene vitamina A e B12. Castello e broccoli sono ottime fonti di vitamina K e ferro. I nutrizionisti hanno un detto che va "più verde è la verdura, meglio è. " Mangiare queste verdure crude non è per tutti, quindi trova ricette che le incorporino nei piatti preferiti adattandoti ai sapori.  
11860 Vista Del Sol, Ste. 128 Nutrimento per una colonna vertebrale sana
 

Arance

I frutti arancioni sono tutte ottime fonti di vitamina A essenziale per riparare i tessuti danneggiati e nella formazione di ossa forti e sane e includono:
  • nettarine
  • Cantalupo
  • Albicocche
  • Carote
  • Patate dolci
Non importa se è il cervello, il cuore, il sistema digestivo o la colonna vertebrale il corpo è sano quanto ciò che consuma. Piccolo dietetico i cambiamenti possono generare un'intensa protezione ossea, soprattutto quando si tratta di un peso sano. L'obesità e il mal di schiena stanno diventando troppo comuni. La condizione è stata ampiamente studiata e la prova è schiacciante. Il corpo non è stato progettato per trasportare questo peso extra. Ricorda la colonna vertebrale è la struttura di supporto centrale e deve essere mantenuto con una postura, esercizio e nutrimento adeguati.

Migliora il benessere di tutto il corpo con plantari funzionali

 
 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *
Stretching dell'articolazione sacroiliaca ed esercizi per alleviare il dolore

Stretching dell'articolazione sacroiliaca ed esercizi per alleviare il dolore

Un medico, un chiropratico o un fisioterapista potrebbe consigliarlo tratti terapeutici insieme ad esercizi come parte di a sacroileite o piano di trattamento del dolore articolare sacroiliaco. La sacroileite si riferisce all'infiammazione in una o entrambe le articolazioni sacroiliache. Ciò potrebbe essere causato da:
  • Gravidanza
  • ferita
  • Infezione
  • Artrite
  • Spondilite anchilosante
Il dolore all'articolazione sacroiliaca è un sintomo correlato a disfunzione dell'articolazione sacroiliaca. I sintomi di sacroileite e dolore alle articolazioni sacroiliache può essere sentito in parte bassa della schiena, glutei, fianchi e gambe. Queste i sintomi possono essere simili alla sciatica e possono imitare altri disturbi della parte bassa della schiena.  
 
Immagine del blog che tratta il diagramma sacroiliaco
 
Alcuni degli allungamenti e degli esercizi inclusi sono comuni per i piani di trattamento per varie condizioni / problemi lombari. Parla con un chiropratico o un medico per ottenere la loro raccomandazione prima di iniziare qualsiasi esercizio o programma di stretching.

Allunga

Stirare Piriformis

Il muscolo piriforme si estende sopra l'anca e può aggravare l'articolazione sacroiliaca quando diventa tesa. Per aiutare ad allungare il muscolo:
  • Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate
  • Piedi piatti sul pavimento
  • Alza lentamente la gamba destra
  • Porta il ginocchio destro verso il petto
  • Tirare delicatamente la gamba verso l'interno finché non si ottiene un comodo allungamento nel gluteo
  • Espira durante il movimento di allungamento
  • Mantieni il tratto per 30 secondi
  • Parte inferiore della gamba
  • Ripeti sulla gamba sinistra
  • Ripeti ogni lato 3 volte al giorno, se necessario
L'allungamento aiuta le fibre muscolari a allungare / allungare e rilassarsi.  
 

Rotazione del tronco

La rotazione del tronco aumenta la flessibilità nella parte bassa della schiena e nei fianchi. Questo può aiutare ad alleviare la pressione sulle articolazioni sacroiliache. Per fare questo allungamento:
  • Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate
  • Piedi piatti sul pavimento
  • Con le ginocchia unite
  • Ruota lentamente su un lato
  • Piedi, fianchi e schiena dovrebbero rimanere sul pavimento
  • Tenere 3-5 secondi
  • Sposta le ginocchia sul lato opposto
  • Ripeti 5-10 volte su ciascun lato
 

Ponte

Questo è un tratto che rafforza i muscoli della parte bassa della schiena, glutei e fianchi.
  • Sdraiati sulla schiena con le braccia a lato
  • Le ginocchia dovrebbero essere piegate e i piedi appoggiati sul pavimento
  • Alza lentamente i fianchi mentre spremitura di glutei e muscoli posteriori della coscia
  • Mantieni la posizione sollevata per 5 secondi
  • Ripeti 10 volte
11860 Vista Del Sol Ste. 128 Stretching dell'articolazione sacroiliaca ed esercizi per alleviare il dolore
 

Terapia in acqua ed esercizi di yoga

L'acqua e lo yoga sono una forma di esercizio dolce e naturale che è consigliato per rimanere attivi. Parla con un medico prima di iniziare qualsiasi programma di esercizi. La terapia acquatica, nota ora come idroterapia / terapia dell'acqua, è una delle forme di esercizio più delicate ed è altamente efficace. L'esercizio in acqua crea un ambiente quasi senza peso senza gravità. L'idroterapia utilizza la resistenza dell'acqua per migliorare la forza e la flessibilità senza affaticare i muscoli. L'esercizio fisico regolare può causare dolore esercitando una pressione aggiuntiva sulle articolazioni sacroiliache. L'idroterapia condiziona i muscoli della colonna vertebrale e dell'anca senza generare stress muscolare. Un'altra opzione per le persone con mal di schiena è lo yoga. Le seguenti pose sono consigliate e benefiche per le articolazioni sacroiliache:

Posa del bambino

Questa posa allunga i fianchi e le cosce ed è un'ottima posizione yoga per i principianti.  
11860 Vista Del Sol Ste. 128 Stretching dell'articolazione sacroiliaca ed esercizi per alleviare il dolore
 

cobra

La posa del cobra può aiutare a rafforzare e stabilizzare le articolazioni sacroiliache.
  • Sdraiati sulla pancia
  • Mani sotto le spalle
  • Spingi lentamente verso l'alto fino a quando le braccia si estendono
  • Sollevare la parte superiore del corpo da terra
  • Tieni il bacino e le gambe sul pavimento
  • Quando estesi, assicurati che la parte bassa della schiena e le natiche siano rilassate
  • Tenere premuto per 15 a 30 secondi
  • Abbassare delicatamente il pavimento
 

Posa del triangolo

La posizione del triangolo aiuta a rafforzare le articolazioni sacroiliache e le rende meno suscettibili al dolore. Però, questa posa implica la torsione, quindi assicurati di fare questa posa solo quando le articolazioni sono stabili e senza dolore.  
 

Prima di fare stretching ed esercizio

Prima di iniziare qualsiasi programma di stretching o esercizio, consultare un medico o un chiropratico, se le articolazioni sono in grado, lo stretching / esercizio potrebbe iniziare subito. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, un medico indirizzerà il paziente a un fisioterapista o chiropratico per creare un programma personalizzato di esercizi e stretching. Il terapista mostrerà esattamente quali attività rinforzeranno le articolazioni e come svolgerle correttamente e in sicurezza. Questi movimenti possono aiutare a condizionare il muscoli spinali e addominali. Questo può aiutare a prevenire futuri episodi di mal di schiena. Se un individuo ha appena subito un intervento chirurgico per il dolore all'articolazione sacroiliaca, il chirurgo molto probabilmente ha prescritto un programma di stretching / esercizio di riabilitazione personalizzato. Seguire le istruzioni e ottenere l'approvazione del chirurgo prima di impegnarsi in qualsiasi cosa al di fuori del piano.

Rimanere in forma in sicurezza

Quando si ha a che fare con la disfunzione dell'articolazione sacroiliaca o la sacroileite, potrebbe essere necessario ridefinire l'attività fisica dopo il trattamento. Poiché l'esercizio fisico regolare potrebbe significare un'attività faticosa e potrebbe causare più danni. Esercizi come sollevamento pesi pesante, sport di contatto e ciclismo intenso potrebbero esercitare una pressione eccessiva sulle articolazioni. Un medico o un chiropratico offrirà i migliori stretching ed esercizi per ogni individuo. L'attività fisica combinata con esercizi di stretching e condizionamento delicati può ridurre efficacemente basso indietro e dolore all'anca. Parla con un medico, un chiropratico o un fisioterapista per integrare un sano esercizio fisico in un regime quotidiano. Per alcuni, l'allenamento potrebbe non sembrare che stia succedendo qualcosa, ma gli effetti sul dolore saranno.

Trattamento di dolore dell'anca chiropratica

 
 

Disclaimer del post sul blog del Dr. Alex Jimenez

L'ambito delle nostre informazioni è limitato a chiropratica, muscoloscheletrica, medicine fisiche, benessere e problemi di salute sensibili e / o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri post, argomenti, argomenti e approfondimenti riguardano questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano direttamente o indirettamente il nostro ambito di pratica clinica. * Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto. Comprendiamo che trattiamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può aiutare in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere al Dr. Alex Jimenez o contattarci al 915-850-0900. Provider con licenza in Texas e New Mexico *
I principali test utilizzati per la medicina integrativa

I principali test utilizzati per la medicina integrativa

La medicina funzionale consiste nel prendere il corpo umano e trattarlo nel suo insieme. Il corpo umano ha molti sistemi ma lavorano tutti insieme per mantenere l'omeostasi. In molti casi con la medicina tradizionale, un paziente con mal di testa, dolori articolari, infiammazione e affaticamento verrà indirizzato a molti specialisti per trattare ogni singolo sintomo. Tuttavia, osservando l'intero corpo nel suo insieme e scavando nella causa principale di il problema e non solo il sintomo stesso, molto può essere rivelato.

Con la medicina funzionale, spesso vengono eseguiti una serie di laboratori che sembrano più profondi del tipico pannello sanguigno di base. Nella medicina tradizionale, verrà effettuato un test del glucosio e AHb1c per valutare il diabete. Nella medicina funzionale, viene ordinato un test più approfondito per escludere altre possibilità e i professionisti sono in grado di visualizzare tutti i componenti del diabete tra cui , L'adiponectina, Insulina Ciò consente una comprensione più profonda di ciò che sta accadendo all'interno del corpo e di come trattarlo al meglio

Detto questo, ci sono molti laboratori che utilizzano i professionisti della medicina funzionale e integrativa, ognuno specializzato nei propri pannelli unici. La pratica integrativa media utilizza in media 5-10 diverse società di laboratorio affinché i loro pazienti abbiano la migliore assistenza. Otto delle aziende di laboratorio più utilizzate sono:

  1. Soluzioni diagnostiche offrono molti test ma la loro specialità sta nella loro mappa GI. Questo test misura il DNA del microbiota gastrointestinale da un campione di feci. Ciò consente ai professionisti di vedere e rilevare i microbi esatti che possono causare un disturbo nell'intestino o un fattore che contribuisce alla malattia.
  2. Benessere vibrante ha una vasta gamma di test, ma uno dei più utilizzati è il pannello di sensibilità alimentare. Ciò consente ai professionisti di vedere quali alimenti stanno consumando i loro pazienti che stanno creando scompiglio per la loro salute intestinale.
  3. SpectraCelliniziato come azienda di test nutrizionali, ma da allora si è evoluto in un laboratorio che verifica la nutrizione cellulare, la salute cardiometabolica, i bilanci ormonali e la predisposizione genetica.
  4. Precision Analytical (il test OLANDESE) il test OLANDESE è l'acronimo di Test delle urine essiccate per ormoni completi e analizza gli squilibri surrenali e ormonali.
  5. Genova Diagnostics ha una vasta gamma di test, ma uno dei più comuni è il profilo completo di effetti GI. Questo test prende le feci di un paziente e rileva il DNA di un organismo come parte di una valutazione completa.
  6. Dati medici fornisce una vasta gamma di test funzionali per fornire ai pazienti i migliori risultati. Alcuni test includono esposizione ambientale e disintossicazione, elementi tossici ed essenziali, allergia e immunità.
  7. Cyrex classifica i loro test come "array". Questi array testano cose come la reattività autoimmune del diabete, la barriera emato-encefalica, la reattività immunitaria delle mucose e altro ancora.
  8. Dunwoody Labs offre test di sensibilità alimentare, surrene, neurotrasmettitori e molti altri. Dunwoody può testare molecole specifiche di IgE e IgG4.

La salute del paziente viene prima di tutto e arrivare ai problemi sottostanti a volte richiede una società di laboratorio. Queste aziende utilizzano la tecnologia di punta per garantire ai loro pazienti e ai medici i risultati più accurati per una guarigione ottimale.

È importante assicurarsi che il paziente riceva la migliore assistenza possibile. Questo di solito significa ordinare diversi laboratori da diverse aziende per ottenere i migliori risultati. Ogni laboratorio è eccezionale a modo suo, ma spesso è specializzato in una determinata area. Questo è fondamentale perché spesso consente al paziente e al medico di ottenere risultati della massima qualità. Un professionista che utilizza più laboratori è istruito sull'argomento e si prende davvero cura dei propri pazienti. - Kenna Vaughn, Senior Health Coach

* Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di salute chiropratica, muscolo-scheletrica e nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Su richiesta, mettiamo anche a disposizione del consiglio di amministrazione e / o del pubblico copie degli studi di ricerca di supporto

Riferimenti:
Cyrex Laboratories. Cyrex Laboratories> Home. Cyrex Laboratories> Home, www.cyrexlabs.com/.
Doctor's Data Specialty Testing Clinical Laboratory: Doctor's Data. Doctor's Data Inc, www.doctorsdata.com/.
"Dunwoody Labs." Dunwoody Labs, www.dunwoodylabs.com/.
Olandese completo . Test OLANDESE, dutchtest.com/.
Food Sensitivity Benessere vibrante, www.vibrant-wellness.com/tests/food-sensitivity/.
Diagnostica di Genova, www.gdx.net/tests/alphabetical.
GI-MAP: GI Microbial Assay Plus. Laboratorio di soluzioni diagnostiche, 13 dicembre 2019, www.diagnosticsolutionslab.com/tests/gi-map.
Menu. Laboratori SpectraCell, 13 dicembre 2019, www.spectracell.com/.

Istruzione su Sciatica | Video | El Paso, TX

Istruzione su Sciatica | Video | El Paso, TX

Un problema di salute comune frequentemente trattato dal Dr. Alex Jimenez, la sciatica è una raccolta di sintomi causati dalla compressione o dal conflitto del nervo sciatico, il nervo più prominente e più lungo del corpo umano. I sintomi più comuni di sciatica comprendono lombalgia, dolore all'anca e dolore che si estende dai glutei fino ai piedi. Il Dr. Alex Jimenez e il suo team hanno aiutato molte persone a ottenere sollievo dal dolore dai loro sintomi di sciatica utilizzando vari metodi e tecniche di trattamento, insegnando loro i loro problemi di salute. Dr. Alex Jimenez è la scelta non chirurgica per il dolore del nervo sciatico.

Trattamento per la Sciatica

educazione sciatica el paso, tx.

Abbiamo la fortuna di presentarti La migliore clinica per il benessere e gli infortuni di El Paso.

I nostri servizi sono specializzati e focalizzati sugli infortuni e sul processo di recupero completoLe nostre aree di pratica includonoï ¿½Benessere e nutrizione, Dolore cronico, Lesioni personali, Cura incidente auto, infortuni sul lavoro, Lesione alla schiena, Bassa Dolore alla schiena, Dolore al collo, Emicrania Trattamento, infortuni sportivi, Grave Sciatica, Scoliosi, ernia discale complessa, fibromialgia, Dolore cronico, gestione dello stress e lesioni complesse.

In qualità di Clinica di riabilitazione chiropratica e Centro di medicina integrata di El Paso, ci concentriamo con passione sul trattamento dei pazienti dopo lesioni frustranti e sindromi dolorose croniche. Ci concentriamo sul miglioramento delle tue capacità attraverso programmi di flessibilità, mobilità e agilità su misura per tutti i gruppi di età e disabilità.

Se ti è piaciuto questo video e ti abbiamo aiutato in qualsiasi modo, non esitare a farlo sottoscrivi e raccomandare.

Consiglia: Dr. Alex Jimenez Chiropratico

Gradi di salute: www.healthgrades.com/review/3SDJ4

Pagina clinica di Facebook: www.facebook.com/dralexjimene…

Pagina dello sport di Facebook: www.facebook.com/pushasrx/

Pagina degli infortuni di Facebook: www.facebook.com/elpasochirop…

Facebook Neuropatia Pagina: www.facebook.com/ElPasoNeurop…

Guaire: goo.gl/pwY2n2

Testimonianze cliniche: www.dralexjimenez.com/categoria…

Informazioni: Dr. Alex Jimenez Chiropratico

Sito clinico: www.dralexjimenez.com

Sito lesioni: personalinjurydoctorgroup.com

Sito per lesioni sportive: chiropracticscientist.com

Back Injury Site: elpasobackclinic.com

Linked In: www.linkedin.com/in/dralexjim…

Pinterest: www.pinterest.com/dralexjimenez/

Twitter: twitter.com/dralexjimenez

Twitter: twitter.com/crossfitdoctor

Consiglia: PUSH-as-Rx

Centro di riabilitazione: www.pushasrx.com

Facebook: www.facebook.com/PUSHftinessa…

PUSH-as-Rx: www.push4fitness.com/team/

 

Muscle Energy Techniques (MET): Introduzione

Muscle Energy Techniques (MET): Introduzione

Muscle Energy Techniques: Si è verificata una rivoluzione nella terapia manipolativa che coinvolge un movimento lontano dalle spinte ad alta velocità / bassa ampiezza (HVT - ora comunemente noto come `` mobilizzazione con impulso '' e caratteristico della maggior parte della chiropratica e, fino a poco tempo, molta manipolazione osteopatica) verso metodi più delicati che prendono molto più conto della componente dei tessuti molli (DiGiovanna 1991, Lewit 1999, Travell & Simons 1992).

Greenman (1996) afferma che: "Le prime tecniche [osteopatiche] parlavano di rilassamento muscolare con procedure sui tessuti molli, ma gli approcci manipolativi specifici ai muscoli sembrano essere fenomeni del 20 ° secolo." Uno di questi approcci - che prende di mira principalmente i tessuti molli, sebbene fornisce anche un importante contributo alla mobilizzazione articolare - è stata definita tecnica di energia muscolare (MET) nella medicina osteopatica. Ci sono una varietà di altri termini usati per descrivere questo approccio, il più generale (e descrittivamente accurato) dei quali è stato quello usato dal chiropratico Craig Liebenson (1989, 1990) quando ha descritto le tecniche di energia muscolare come `` tecniche di rilassamento muscolare attivo ''. Le tecniche di energia muscolare si sono evolute da procedure osteopatiche sviluppate da professionisti pionieri come TJ Ruddy (1961), che ha definito il suo approccio "duzione resistiva", e Fred Mitchell Snr (1967). Come risulterà chiaro in questo capitolo, esiste anche una comunanza tra le tecniche di energia muscolare e varie procedure utilizzate nella metodologia ortopedica e fisioterapica, come la facilitazione neuromuscolare propriocettiva (PNF). In gran parte grazie al lavoro di esperti in medicina fisica come Karel Lewit (1999), il MET si è evoluto ed è stato perfezionato, e ora attraversa tutti i confini interdisciplinari.

Il MET ha come uno dei suoi obiettivi il rilassamento indotto della muscolatura ipertonica e, ove opportuno (vedi sotto), il successivo allungamento del muscolo. Questo obiettivo è condiviso con una serie di sistemi di `` stiramento '' ed è necessario esaminare e confrontare i potenziali benefici e svantaggi di questi vari metodi (vedi Box 1.1).

MET, come presentato in questo libro, deve la maggior parte del suo sviluppo ai clinici osteopatici come TJ Ruddy (1961) e Fred Mitchell Snr (1967), con raffinatezze più recenti derivanti dal lavoro di persone come Karel Lewit (1986, 1999) e Vladimir Janda (1989) dell'ex Cecoslovacchia, entrambi i cui lavori saranno citati più volte in questo testo.

TJ rubicondo (1961)

Negli anni Quaranta e Cinquanta, il medico osteopatico TJ Ruddy sviluppò un metodo di trattamento che prevedeva contrazioni pulsanti, rapide e indotte dal paziente contro la resistenza, che definì "rapida duzione resistiva". È stato in parte questo lavoro che Fred Mitchell Snr ha utilizzato come base per l'evoluzione del MET (insieme alla metodologia PNF, vedi Riquadro 1940). Il metodo di Ruddy richiedeva una serie di contrazioni muscolari rapide e di bassa ampiezza contro la resistenza, a una velocità leggermente superiore alla frequenza del polso. Questo approccio è ora noto come MET pulsato, piuttosto che la rapida duzione resistiva di Ruddy che attorciglia la lingua.

Di norma, almeno inizialmente, queste contrazioni pulsanti associate al paziente comportano uno sforzo verso la barriera, utilizzando gli antagonisti per le strutture abbreviate. Questo approccio può essere applicato in tutte le aree in cui le tecniche di contrazione muscolare sostenuta sono appropriate ed è particolarmente utile per l'autotrattamento, seguendo le istruzioni di un professionista esperto. Ruddy suggerisce che gli effetti includono una migliore ossigenazione locale, circolazione venosa e linfatica, nonché un'influenza positiva sulla postura sia statica che cinetica, a causa degli effetti sui percorsi afferenti propriocettivi e interocettivi.

Il lavoro di Ruddy faceva parte della base su cui Mitchell Snr e altri hanno costruito il MET e gli aspetti della sua applicazione clinica sono descritti nel Capitolo 3.

Fred Mitchell Snr

Nessun singolo individuo era responsabile da solo del MET, ma il suo inizio nel lavoro osteopatico deve essere attribuito a FL Mitchell Snr, nel 1958. Da allora suo figlio F. Mitchell Jnr (Mitchell et al 1979) e molti altri hanno sviluppato un sistema altamente sofisticato di metodi manipolativi (F.Mitchell Jnr, tutorial sulle procedure biomeccaniche, American Academy of Osteopathy, 1976) in cui il paziente utilizza i suoi muscoli, su richiesta, da una posizione controllata con precisione in una direzione specifica, contro una forza contraria chiaramente eseguita. .

Philip Uomo verde

Professore di biomeccanica Philip Greenman (1996) afferma che:

La funzione di qualsiasi articolazione del corpo che può essere mossa dall'azione volontaria dei muscoli, direttamente o indirettamente, può essere influenzata dalle procedure di energia muscolare .... Le tecniche di energia muscolare possono essere utilizzate per allungare un muscolo accorciato, contratto o spastico; rafforzare un muscolo o un gruppo muscolari fisiologicamente indeboliti; ridurre l'edema localizzato, alleviare la congestione passiva e mobilizzare un'articolazione con mobilità limitata.

Sandra Yale

Il medico osteopata Sandra Yale (in DiGiovanna 1991) esalta il potenziale del MET anche nei pazienti fragili e gravemente malati:

Le tecniche di energia muscolare sono particolarmente efficaci nei pazienti che soffrono di forti dolori dovuti a disfunzione somatica acuta, come quelli con una ferita da colpo di frusta da un incidente d'auto, o un paziente con spasmo muscolare grave da una caduta. I metodi MET sono anche un'eccellente modalità di trattamento per pazienti ospedalizzati o costretti a letto. Possono essere utilizzati nei pazienti più anziani che possono avere un movimento gravemente limitato dall'artrite o che hanno ossa osteoporotiche fragili.

tecniche di energia muscolareEdward Stiles

Tra i principali clinici del MET troviamo Edward Stiles, che elabora il tema della vasta gamma di applicazioni MET (Stiles 1984a, 1984b). Egli afferma che:

I dati scientifici di base suggeriscono che il sistema muscoloscheletrico svolge un ruolo importante nella funzione di altri sistemi. La ricerca indica che le strutture somatiche e viscerali segmentate possono influenzarsi a vicenda direttamente, attraverso le vie del riflesso viscerosomatico e somaticoviscerale. La disfunzione somatica può aumentare la richiesta di energia e può influire su un'ampia varietà di processi corporei; controllo vasomotorio, modelli di impulsi nervosi (in facilitazione), flusso assionico di proteine ​​neurotrofiche, circolazione venosa e linfatica e ventilazione. L'impatto della disfunzione somatica su varie combinazioni di queste funzioni può essere associato a una miriade di sintomi e segni. Una possibilità che potrebbe spiegare alcuni degli effetti clinici osservati della manipolazione.

Per quanto riguarda i metodi di manipolazione che ora usa clinicamente, Stiles afferma che impiega metodi di energia muscolare su circa l'80% dei suoi pazienti e tecniche funzionali (come strain / counterstrain) sul 15-20%. Usa spinte ad alta velocità in pochissimi casi. Lo strumento di manipolazione più utile disponibile sono, sostiene, le tecniche di energia muscolare.

J. Goodridge e W. Kuchera

I moderni perfezionamenti osteopatici del MET - ad esempio l'enfasi sulle contrazioni molto leggere che ha fortemente influenzato questo testo - devono molto a medici come John Goodridge e William Kuchera, che ritengono che (Goodridge & Kuchera 1997):

La localizzazione della forza è più importante dell'intensità. La localizzazione dipende dalla percezione palpatoria propriocettiva del movimento (o resistenza al movimento) in corrispondenza di un'articolazione specifica .... Monitorare e limitare le forze al gruppo muscolare o al livello di disfunzione somatica coinvolta sono importanti per ottenere cambiamenti desiderabili. I risultati mediocri sono spesso dovuti a forze localizzate in modo errato, spesso con uno sforzo eccessivo del paziente.

Prime fonti di tecniche energetiche muscolari

Il MET è emerso chiaramente dalla tradizione osteopatica, sebbene un'evoluzione sincrona dei metodi di trattamento, che coinvolgono la contrazione isometrica e lo stretching, si svolgesse indipendentemente nella terapia fisica, chiamata PNF (vedi Box 1.1).

Fred Mitchell Snr (1958) ha citato le parole dello sviluppatore dell'osteopatia, Andrew Taylor Still: "Il tentativo di ripristinare l'integrità articolare prima di ripristinare in modo rilassante la normalità muscolare e legamentosa consisteva nel mettere il carro davanti ai buoi." Come affermato in precedenza, il lavoro di Mitchell si è basato sui metodi sviluppati da Ruddy; tuttavia, non è chiaro se Mitchell Snr, quando stava perfezionando la metodologia MET nei primi anni '1950, avesse una qualche consapevolezza della facilitazione neuromuscolare propriocettiva (PNF), un metodo che era stato sviluppato alcuni anni prima, alla fine degli anni '1940, in un medico contesto terapeutico (Knott & Voss 1968).

Il metodo PNF tendeva a sottolineare l'importanza dei componenti rotazionali nella funzione delle articolazioni e dei muscoli, e li utilizzava usando forze resistenti (isometriche), che di solito comportavano contrazioni estremamente forti. Inizialmente, il focus del PNF riguardava il rafforzamento dei muscoli indeboliti neurologicamente, con attenzione al rilascio di spasticità muscolare che ne derivava, nonché al miglioramento della gamma di movimento a livello intervertebrale (Kabat 1959, Levine et al 1954) (vedere Box 1.1).

Rilassamento postisometrico e inibizione reciproca: due forme di MET (riquadro 1.2)

Un termine molto usato negli sviluppi più recenti delle tecniche di energia muscolare è il rilassamento postisometrico (PIR), specialmente in relazione al lavoro di Karel Lewit (1999). Il termine rilassamento postisometrico si riferisce all'effetto della successiva riduzione del tono sperimentato da un muscolo, o gruppo di muscoli, dopo brevi periodi durante i quali è stata eseguita una contrazione isometrica.

I termini facilitazione neuromuscolare propriocettiva (PNF) e rilassamento postisometrico (PIR) (lo stato ipotonico latente di un muscolo in seguito ad attività isometrica) rappresentano quindi variazioni sullo stesso tema. Un'ulteriore variazione riguarda la risposta fisiologica degli antagonisti di un muscolo che è stato contratto isometricamente inibizione reciproca (RI).

tecniche di energia muscolare

Quando un muscolo viene contratto isometricamente, il suo antagonista sarà inibito e mostrerà un tono ridotto immediatamente dopo questo. Pertanto l'antagonista di un muscolo accorciato, o gruppo di muscoli, può essere contratto isometricamente per ottenere un grado di facilità e un potenziale di movimento aggiuntivo nei tessuti accorciati.

Sandra Yale (in DiGiovanna 1991) riconosce che, a parte i ben noti processi di inibizione reciproca, le ragioni precise dell'efficacia del MET rimangono poco chiare sebbene nel raggiungimento del PIR l'effetto di una contrazione sostenuta sugli organi del tendine del Golgi sembra fondamentale, poiché la loro risposta a una tale contrazione sembra essere quella di impostare il tendine e il muscolo su una nuova lunghezza inibendoli (Moritan 1987). Altre variazioni su questo stesso tema includono le tecniche di `` hold'relax '' e di `` contract'relax '' (vedi Riquadro 1.1).

Lewit & Simons (1984) concordano sul fatto che mentre l'inibizione reciproca è un fattore in alcune forme di terapia legate alle tecniche di rilassamento postisometrico, non è un fattore nella stessa PIR, che è un fenomeno derivante da un ciclo neurologico, che probabilmente coinvolge gli organi del tendine del Golgi (vedi Fig. 1.1 e 1.2).

tecniche di energia muscolaretecniche di energia muscolareLiebenson (1996) discute sia i vantaggi che i meccanismi coinvolti nell'uso delle tecniche energetiche muscolari (che definisce `` tecniche di resistenza manuale '' o MRT):

Due aspetti della MRT [ovvero MET con un altro nome] sono la loro capacità di rilassare un muscolo iperattivo ... e la loro capacità di migliorare l'allungamento di un muscolo accorciato o la sua fascia associata quando si sono verificati cambiamenti del tessuto connettivo o viscoelastico.

Due principi neurofisiologici fondamentali spiegano l'inibizione neuromuscolare che si verifica durante l'applicazione di queste tecniche. La prima è l'inibizione postcontrattuale [nota anche come rilassamento postisometrico, o PIR], che afferma che dopo che un muscolo si è contratto, è automaticamente in uno stato rilassato per un periodo breve, latente. Il secondo è l'inibizione reciproca (RI) che afferma che quando un muscolo viene contratto, il suo antagonista viene automaticamente inibito.

Liebenson suggerisce che ci sono prove che i recettori responsabili del PIR si trovano all'interno del muscolo e non nella pelle o nelle articolazioni associate (Robinson 1982).

Laddove il dolore di natura acuta o cronica rende difficile la contrazione controllata dei muscoli coinvolti, l'uso terapeutico degli antagonisti può essere di valore. Pertanto, il MET moderno incorpora sia il rilassamento postisometrico sia i metodi di inibizione reciproca, nonché aspetti unici a sé, come le tecniche isocinetiche, descritte più avanti.

Un certo numero di ricercatori, tra cui Karel Lewit di Praga (Lewit 1999), ha riferito sull'utilità degli aspetti del MET nel trattamento dei punti trigger, e questo è considerato da molti un metodo eccellente per trattare questi stati miofasciali e raggiungere il ripristino di una situazione in cui il muscolo in cui giace il grilletto è di nuovo in grado di raggiungere la sua lunghezza di riposo completa, senza prove di accorciamento.

Travell & Simons (1992) ha erroneamente attribuito a Lewit lo sviluppo del MET, affermando che "Il concetto di applicare il rilassamento post-isometrico nel trattamento del dolore miofasciale è stato presentato per la prima volta in una rivista nordamericana nel 1984 [da Lewit]". Infatti Mitchell Snr aveva descritto il metodo circa 25 anni prima, un fatto riconosciuto da Lewit (Lewit & Simons 1984).

Punti chiave sulle moderne tecniche di energia muscolare

Tutti i metodi MET impiegano variazioni su un tema di base. Ciò implica principalmente l'uso degli sforzi muscolari del paziente in uno dei tanti modi, solitamente in associazione con gli sforzi del terapeuta:

1. La forza dell'operatore può corrispondere esattamente allo sforzo del paziente (producendo così una contrazione isometrica) non consentendo il verificarsi di alcun movimento e producendo come risultato una risposta neurologica fisiologica (tramite gli organi del tendine del Golgi) che coinvolge una combinazione di:

inibizione reciproca dell'antagonista (i) del muscolo (i) che viene contratto, nonché

rilassamento postisometrico dei muscoli che vengono contratti.

  1. La forza dell'operatore può vincere lo sforzo del paziente, spostando così l'area o l'articolazione nella direzione opposta a quella in cui il paziente sta tentando di spostarla (questa è una contrazione eccentrica isotonica, nota anche come contrazione isolitica).
  2. L'operatore può parzialmente abbinare lo sforzo del paziente, consentendo così, anche se leggermente ritardato, lo sforzo del paziente (e producendo così una contrazione isotonica concentrica, isocinetica).

Altre variabili possono essere introdotte, ad esempio coinvolgendo:

l Se la contrazione debba iniziare con il muscolo o l'articolazione tenuti alla barriera di resistenza o meno di essa un fattore deciso in gran parte sulla base del grado di cronicità o acutezza dei tessuti coinvolti

  • Quanto sforzo usa il paziente, diciamo il 20% della forza, o più o meno
  • La durata dello sforzo è di 7-10 secondi, o più o meno (Lewit (1999) preferisce 7-10 secondi; Greenman (1989), Goodridge e Kuchera (1997) preferiscono 3 secondi)
  • Se, invece di una singola contrazione mantenuta, utilizzare una serie di contrazioni rapide e di bassa ampiezza (metodo di duzione ritmica resistita di Ruddy, noto anche come tecniche di energia muscolare pulsata)
  • Il numero di volte in cui la contrazione isometrica (o la sua variante) viene ripetuta - si ritiene che tre ripetizioni siano ottimali (Goodridge & Kuchera 1997)
  • La direzione in cui viene compiuto lo sforzo verso la barriera di resistenza o lontano da essa, coinvolgendo quindi sia gli antagonisti dei muscoli che i muscoli veri e propri (agonisti) che richiedono il `` rilascio '' e il successivo allungamento (queste variazioni sono anche note come `` dirette '' Approcci e indiretti , vedere p. 8)
  • Si suggerisce se incorporare un respiro trattenuto e / o movimenti oculari specifici per migliorare gli effetti della contrazione, se possibile desiderabile (Goodridge & Kuchera 1997, Lewit 1999)
  • Che tipo di resistenza viene offerta (ad esempio dall'operatore, dalla gravità, dal paziente o da un oggetto immobile)
  • Se lo sforzo del paziente è abbinato, superato o non del tutto abbinato una decisione basata sulle precise esigenze dei tessuti per ottenere il rilassamento, la riduzione della fibrosi o la tonificazione / rieducazione
  • Se portare il muscolo o l'articolazione alla sua nuova barriera dopo la contrazione, o se allungare o meno l'area / i muscoli oltre la barriera questa decisione si basa sulla natura di il problema che viene affrontato (comporta l'accorciamento della fibrosi?) e il suo grado di cronicità
  • Se qualsiasi stiramento successivo (ad una contrazione) è totalmente passivo, o se il paziente deve partecipare al movimento, quest'ultimo è pensato da molti per essere desiderabile al fine di ridurre il pericolo di attivazione del riflesso allungato (Mattes 1995)
  • Se utilizzare tecniche di energia muscolare da sole o in sequenza con altre modalità come i metodi di rilascio posizionale di deformazione / controtendenza o le tecniche di compressione ischemica / pressione inibitoria della tecnica neuromuscolare (NMT) - tali decisioni dipenderanno dal tipo di problema affrontato, con il trattamento dei punti trigger miofasciali che spesso beneficiano di tali combinazioni (vedere la descrizione dell'inibizione neuromuscolare integrata (INIT), p. 197 (Chaitow 1993)).

Greenman riassume i requisiti per il successo dell'uso del MET in situazioni osteopatiche come "controllo, equilibrio e localizzazione". I suoi elementi di base suggeriti di MET includono quanto segue:

  • Una contrazione muscolare paziente / attiva, che
    inizia da una posizione controllata
    è in una direzione specifica (verso o lontano da una barriera di restrizione)
  • L'operatore applica una controforza distinta (per incontrare, non incontrare o per vincere la forza del paziente)
  • Il grado di sforzo è controllato (sufficiente per ottenere un effetto ma non abbastanza grande da indurre traumi o difficoltà nel controllare lo sforzo).

Ciò che viene fatto dopo la contrazione può coinvolgere qualsiasi numero di variabili, come verrà spiegato.

L'essenza del MET quindi è che utilizza l'energia del paziente e che può essere impiegata in uno o nell'altro dei modi descritti sopra con qualsiasi combinazione di variabili a seconda delle particolari esigenze del caso. Goodridge (uno dei primi osteopati a formarsi con Mitchell Snr nel 1970) riassume come segue: Buoni risultati [con MET] dipendono da diagnosi accurate, livelli di forza appropriati e localizzazione sufficiente. I risultati scadenti sono spesso causati da diagnosi imprecise, forze localizzate in modo improprio o forze troppo forti (Goodridge e Kuchera 1997) (vedere anche Box 1.3).

tecniche di energia muscolareUsando l'agonista o l'antagonista? (Box 1.4)

Come accennato, una considerazione critica nel MET, a parte il grado di sforzo, la durata e la frequenza di utilizzo, riguarda la direzione in cui viene compiuto lo sforzo. Questo può essere variato, in modo che l'operatore la forza è diretta verso il superamento della barriera restrittiva (creata da un muscolo accorciato, un'articolazione ristretta, ecc.); oppure possono essere usate forze opposte, in cui il contro-sforzo dell'operatore è diretto lontano dalla barriera.

C'è un consenso generale tra i vari esperti osteopatici già citato che l'uso del rilassamento postisometrico è più utile dell'inibizione reciproca nella normalizzazione della muscolatura ipertonica. Questo, tuttavia, non è generalmente ritenuto essere il caso da esperti come Lewit e Janda, che vedono ruoli specifici per la variazione di inibizione reciproca.

tecniche di energia muscolare

I medici osteopati come Stiles e Greenman credono che il muscolo che richiede allungamento (l'agonista) dovrebbe essere la principale fonte di `` energia '' per la contrazione isometrica e suggeriscono che questo raggiunge un grado più significativo di rilassamento, e quindi un'abilità più utile per allungare successivamente il muscolo, che sarebbe il caso se l'effetto di rilassamento fosse ottenuto tramite l'uso dell'antagonista (cioè usando l'inibizione reciproca).

A seguito di una contrazione isometrica se si utilizza un agonista o un antagonista c'è un periodo refrattario, o di latenza, di circa 15 secondi durante il quale può esserci un movimento più facile (a causa del tono ridotto) verso la nuova posizione (nuova barriera di resistenza ) di un'articolazione o di un muscolo.

Variazioni sul tema delle tecniche di energia muscolare

Liebenson (1989, 1990) descrive tre variazioni di base che vengono utilizzate da Lewit e Janda e da lui stesso in un chiropratica impostazione riabilitativa.

La modifica di Lewit (1999) del MET, che chiama rilassamento postisometrico, è diretta al rilassamento del muscolo ipertonico, specialmente se questo si riferisce alla contrazione riflessa o al coinvolgimento di punti trigger miofasciali. Liebenson (1996) osserva che "questo è anche un metodo adatto per la mobilizzazione articolare quando una spinta non è desiderabile".

Metodo di rilassamento postisometrico di Lewit

(Lewit 1999)

  1. Il muscolo ipertonico viene portato, senza forza o "rimbalzo", a una lunghezza appena inferiore al dolore, o al punto in cui si nota per la prima volta la resistenza al movimento (Fig. 1.3).
  2. Il paziente contrae delicatamente il muscolo ipertonico interessato lontano dalla barriera (cioè viene usato l'agonista) tra 5 e 10 secondi, mentre lo sforzo è contrastato con una forza contraria esattamente uguale. Lewit di solito ha il paziente inalato durante questo sforzo.
  3. Questa resistenza coinvolge l'operatore che tiene il muscolo contratto in una direzione che lo allungherebbe, la resistenza non veniva offerta.
  4. Il grado di sforzo, nel metodo di Lewit, è minimo. Il paziente può essere istruito a pensare in termini di utilizzo solo del 10 o 20% della sua forza disponibile, in modo che la manovra non possa mai svilupparsi in una gara di forza tra l'operatore e il paziente.
  5. Dopo lo sforzo, al paziente viene chiesto di espirare e lasciarsi andare completamente, e solo quando questo viene raggiunto il muscolo viene portato a una nuova barriera con tutto l'allentamento rimosso ma nessun allungamento nella misura in cui il rilassamento dei muscoli ipertonici sarà ora permettere.
  6. A partire da questa nuova barriera, la procedura viene ripetuta due o tre volte.
  7. Al fine di facilitare il processo, specialmente quando sono coinvolti i muscoli del tronco e della colonna vertebrale, Lewit di solito chiede al paziente di assistere guardando con gli occhi nella direzione della contrazione durante la fase di contrazione e nella direzione dell'allungamento durante la fase di stretching di la procedura.

Gli elementi chiave di questo approccio, come nella maggior parte dei MET, riguardano il posizionamento preciso, oltre a eliminare il lasco e utilizzare la barriera come punto di partenza e di arrivo di ogni contrazione.

tecniche di energia muscolareChe cosa sta succedendo?

Karel Lewit, parlando dei metodi MET (Lewit 1999), afferma che l'inibizione midollare non è in grado di spiegare la loro efficacia. Egli ritiene che i risultati prevedibili ottenuti possano riguardare i seguenti fatti:

  • Durante la resistenza che utilizza una forza minima (contrazione isometrica) solo pochissime fibre sono attive, mentre le altre sono inibite
  • Durante il rilassamento (in cui la muscolatura accorciata viene portata dolcemente al suo nuovo limite senza allungarsi) si evita il riflesso di stiramento - riflesso che può essere provocato anche da un allungamento passivo e non doloroso (vedi vedute di Mattes p. 3).

Conclude che questo metodo dimostra la stretta connessione tra tensione e dolore, e tra rilassamento e analgesia.

L'uso dei movimenti oculari come parte della metodologia si basa sulla ricerca di Gaymans (1980) che indica, ad esempio, che la flessione è migliorata dal paziente che guarda verso il basso e dall'estensione dal paziente che guarda verso l'alto. Allo stesso modo, il sidebending è facilitato guardando verso il lato coinvolto. Queste idee sono facilmente provate dall'autoesperimento: un tentativo di flettere la colonna vertebrale mantenendo gli occhi in una direzione verso l'alto (verso la fronte) sarà meno efficace di un tentativo di flettere guardando verso il basso. Questi aiuti per la direzione dell'occhio sono anche utili nella manipolazione delle articolazioni.

Effetti delle tecniche energetiche muscolari

Lewit (1999) discute l'elemento dell'allungamento muscolare passivo nel MET e sostiene che questo fattore non sempre sembra essere essenziale. In alcune aree, l'autotrattamento, utilizzando la gravità come fattore di resistenza, è efficace e tali casi a volte non comportano alcun elemento di allungamento dei muscoli in questione. Lo stretching dei muscoli durante la MET, secondo Lewit (1999), è richiesto solo quando si è verificata una contrattura dovuta a cambiamento fibrotico e non è necessario se c'è semplicemente un disturbo nella funzione. Egli cita i risultati di una serie di pazienti nella sua clinica in cui 351 gruppi muscolari dolorosi, o attacchi muscolari, sono stati trattati da MET (utilizzando postisometrico rilassamento) nei pazienti 244. L'analgesia è stata immediatamente raggiunta nei casi di 330 e non vi è stato alcun effetto solo nei casi di 21. Questi sono risultati notevoli da qualsiasi standard.

Lewit suggerisce, come molti altri, che i punti trigger e i cambiamenti `` fibrosici '' nei muscoli spesso scompaiono dopo i metodi di contrazione MET. Suggerisce inoltre che i punti dolenti locali riferiti, derivanti da problemi altrove, scompariranno anche più efficacemente rispetto a dove vengono impiegati metodi di anestesia locale o agugliatura (agopuntura).

Metodo di allungamento postfacilitazione di Janda

La variazione di Janda su questo approccio (Janda 1993), noto come `` allungamento postfacilitazione '', utilizza una posizione di partenza diversa per la contrazione e anche una contrazione isometrica molto più forte di quella suggerita da Lewit e dalla maggior parte degli utenti osteopatici di tecniche di energia muscolare:

  1. Il muscolo accorciato si trova in una posizione intermedia a metà strada tra uno stato completamente teso e uno completamente rilassato.
  2. Il paziente contrae il muscolo in modo isometrico, utilizzando un grado massimo di sforzo per 5-10 secondi mentre lo sforzo viene completamente resistito.
  3. Al rilascio dello sforzo, viene eseguito un rapido allungamento verso una nuova barriera, senza alcun `` rimbalzo '', e questo viene mantenuto per almeno 10 secondi.
  4. Il paziente si rilassa per circa 20 secondi e la procedura viene ripetuta da tre a cinque volte di più.

Alcune sensazioni di calore e debolezza possono essere anticipate per un breve periodo seguendo questo approccio più vigoroso.

Variazione dell'inibizione reciproca

Questo metodo, che costituisce una componente della metodologia PNF (vedere Box 1.1) e delle tecniche di energia muscolare, è utilizzato principalmente in contesti acuti, dove il danno o il dolore ai tessuti preclude l'uso della contrazione agonista più usuale, e anche comunemente come aggiunta a tale metodi, spesso per concludere una serie di allungamenti qualunque altra forma di MET sia stata usata (Evjenth & Hamberg 1984):

  1. Il muscolo interessato è posizionato in una posizione di medio raggio.
  2. Si chiede al paziente di spingere con fermezza verso la barriera di restrizione e l'operatore resiste completamente a questo sforzo (isometrico) o consente un movimento verso di esso (isotonico). Un certo grado di movimento rotatorio o diagonale può essere incorporato nella procedura.
  3. Alla fine dello sforzo, il paziente inspira ed espira completamente, momento in cui il muscolo viene allungato passivamente.

Liebenson osserva che uno sforzo isotonico resistito verso la barriera è un ottimo modo per facilitare i percorsi afferenti alla conclusione del trattamento con tecniche di rilassamento muscolare attivo o un aggiustamento (articolazione). Questo può aiutare a riprogrammare i propriocettori muscolari e articolari e quindi rieducare i modelli di movimento. (Vedi Box 1.2.)

Variazione di rafforzamento

Un'altra importante variazione dell'energia muscolare consiste nell'utilizzare quella che è stata chiamata contrazione isocinetica (nota anche come esercizio di resistenza progressiva). In questo il paziente inizia con uno sforzo debole, ma progredisce rapidamente fino a una contrazione massima dei muscoli interessati, introducendo un grado di resistenza allo sforzo dell'operatore di sottoporre l'articolazione, o l'area, a una gamma completa di movimento. Si dice che l'uso della contrazione isocinetica sia il metodo più efficace per aumentare la forza e che sia superiore agli esercizi ad alta ripetizione e bassa resistenza (Blood 1980). Si ritiene inoltre che un range di movimento limitato, con un buon tono muscolare, sia preferibile (per il paziente) rispetto ad un range normale con potenza limitata. Pertanto il rafforzamento della muscolatura debole nelle aree di limitazione permanente della mobilità è visto come un contributo importante in cui le contrazioni isocinetiche possono aiutare.

Le contrazioni isocinetiche non solo rafforzano le fibre coinvolte, ma hanno anche un effetto di allenamento che consente loro di operare in modo più coordinato. C'è spesso un rapido aumento della forza. A causa del reclutamento neuromuscolare, vi è uno sforzo muscolare progressivamente più forte quando questo metodo viene ripetuto. Le contrazioni isocinetiche e la mobilizzazione che accompagna la regione, non dovrebbero richiedere più di 4 secondi ad ogni contrazione per ottenere il massimo beneficio con il minor affaticamento possibile, sia del paziente che dell'operatore. Le contrazioni prolungate dovrebbero essere evitate. L'uso più semplice, più sicuro e più facile da maneggiare dei metodi isocinetici coinvolge piccole articolazioni, come quelle delle estremità. Le articolazioni spinali possono essere più difficili da mobilizzare mentre la resistenza muscolare viene pienamente applicata.

Le opzioni disponibili per ottenere una maggiore resistenza tramite questi metodi implicano quindi una scelta tra una contrazione isotonica parzialmente resistente o il superamento di tale contrazione, contemporaneamente all'introduzione dell'intera gamma di movimenti (notare che sia isotonica che concentrica e le contrazioni eccentriche avverranno durante il movimento isocinetico di un'articolazione). Entrambe queste opzioni dovrebbero comportare la massima contrazione dei muscoli da parte del paziente. Il trattamento domiciliare di tali condizioni è possibile, attraverso l'autotrattamento, come in altri metodi MET.

Tecniche di energia del muscolo isolitico

Un'altra applicazione dell'uso della contrazione isotonica si verifica quando una contrazione diretta viene contrastata e superata dall'operatore (Fig. 1.4). Questa è stata definita contrazione isolitica, in quanto comporta lo stiramento, e talvolta la rottura, del tessuto fibrotico presente nei muscoli colpiti. Adesioni di questo tipo vengono ridotte dall'applicazione di una forza da parte dell'operatore che è appena maggiore di quella esercitata dal paziente. Questa procedura può essere scomoda e il paziente deve esserne informato. Sono quindi richiesti gradi limitati di sforzo all'inizio delle contrazioni isolitiche. Questa è una contrazione eccentrica isotonica, in quanto le origini e le inserzioni dei muscoli coinvolti saranno ulteriormente separate, nonostante lo sforzo del paziente di avvicinarle. Per ottenere il massimo grado di allungamento (nella condizione di fibrosi miofasciale, ad esempio), è necessario che il maggior numero di fibre possibile sia coinvolto nella contrazione isotonica. Quindi c'è una contraddizione nel fatto che, per ottenere questo ampio coinvolgimento, il grado di contrazione dovrebbe essere massimo, e tuttavia è probabile che questo produca dolore, il che è controindicato. Può anche, in molti casi, essere impossibile da superare per l'operatore.

tecniche di energia muscolareQuesto allunga i muscoli che si contraggono (TFL mostrato nell'esempio) inducendo così un certo grado di microtrauma controllato, allo scopo di aumentare il potenziale elastico dei tessuti accorciati o fibrosi.

Il paziente deve essere istruito ad utilizzare circa il 20% della forza possibile alla prima contrazione, che viene contrastata e superata dall'operatore, in una contrazione della durata di 3-4 secondi. Questo viene quindi ripetuto, ma con un maggiore grado di sforzo da parte del paziente (supponendo che il primo sforzo fosse relativamente indolore). Questo continuo aumento della quantità di forza impiegata nella muscolatura in contrazione può essere continuato fino a quando, si spera, sia possibile uno sforzo di contrazione massimo, che deve essere nuovamente superato dall'operatore. In alcuni muscoli, ovviamente, ciò può richiedere un grado di sforzo eroico da parte dell'operatore e pertanto sono auspicabili metodi alternativi. Le tecniche dei tessuti profondi, come la tecnica neuromuscolare, sembrerebbero offrire una tale alternativa. La manovra isolitica dovrebbe avere come scopo ultimo un muscolo completamente rilassato, anche se questo non sarà sempre possibile.

Perché la fibrosi si verifica naturalmente

Un articolo sul Journal of the Royal Society of Medicine (Royal Society of Medicine 1983) discute i cambiamenti del tessuto connettivo:

L'invecchiamento influenza la funzione del tessuto connettivo in modo più evidente rispetto a quasi tutti i sistemi di organi. Le fibrille di collagene si addensano e la quantità di polimero solubile diminuisce. Le cellule del tessuto connettivo tendono a diminuire di numero e si estinguono. Le cartilagini diventano meno elastiche e il loro complemento di proteoglicani cambia sia quantitativamente che qualitativamente. La domanda interessante è: quanti di questi processi sono normali, che contribuiscono ciecamente e automaticamente, oltre il punto in cui sono utili? La prevenzione dell'invecchiamento, nei tessuti connettivi, implica semplicemente l'inibizione della reticolazione nelle fibrille di collagene e una leggera stimolazione della produzione di proteoglicano condroitin solfato?

Gli effetti di vari approcci ai tessuti molli come le tecniche di energia NMT e Muscolare avranno un impatto diretto su questi tessuti e sulla circolazione e il drenaggio delle strutture interessate, il che suggerisce che il processo di invecchiamento può essere influenzato. La distruzione delle fibrille di collagene, tuttavia, è una questione seria (ad esempio quando si usano i tratti isolitici), e sebbene il tessuto fibroso possa essere sostituito nel processo di guarigione, la formazione di tessuto cicatriziale è possibile, e ciò rende la riparazione inferiore ai tessuti originali , sia in termini funzionali che strutturali. Una contrazione isolitica ha la capacità di scomporre i tessuti stretti e accorciati e la loro sostituzione con materiale superiore dipenderà, in larga misura, dall'uso successivo dell'area (esercizio fisico, ecc.), Nonché dallo stato nutritivo di l'individuo. La formazione di collagene dipende da un'adeguata vitamina C e da un'abbondante quantità di amminoacidi come la prolina, l'idrossiprolina e l'arginina. La manipolazione, finalizzata al ripristino di un grado di normalità nei tessuti connettivi, dovrebbe quindi tenere in attenta considerazione le esigenze nutrizionali.

La gamma di scelte nello stretching, indipendentemente dalla forma di preludio a questa contrazione isometrica forte o lieve, a partire o al di sotto della barriera copre quindi lo spettro da tutto-passivo a tutto-attivo, con molte variabili intermedie.

Putting It Together

Molti potrebbero preferire utilizzare le variazioni, come descritto sopra, all'interno di impostazioni individuali. La raccomandazione di questo testo, tuttavia, è che dovrebbero essere `` mescolati e abbinati '' in modo che gli elementi di tutti possano essere utilizzati in qualsiasi dato contesto, a seconda dei casi. L'approccio di Lewit (1999) sembra ideale per condizioni più acute e meno croniche, mentre i metodi più vigorosi di Janda (1989) sembrano.ideale per pazienti resistenti con accorciamento muscolare cronico.

Le tecniche di energia muscolare offrono uno spettro di approcci che vanno da quelli che coinvolgono quasi nessuna contrazione attiva, facendo affidamento sull'estrema dolcezza delle contrazioni isometriche lievi indotte solo dal trattenere il respiro e dai movimenti degli occhi, fino all'altro estremo del sangue pieno , contrazioni di forza totale. Successivamente alle contrazioni isometriche, sia forti che lievi, esiste una gamma di scelte altrettanto sensibile, che coinvolge uno stiramento energetico o un movimento molto delicato verso una nuova restrizione. Possiamo capire perché Sandra Yale (in DiGiovanna 1991) parla dell'utilità del MET nel trattamento di pazienti estremamente malati.

Molti pazienti presentano una combinazione di disfunzioni recenti (acute in termini di tempo, se non di grado di dolore o disfunzione) sovrapposte a cambiamenti cronici che hanno posto le basi per i loro problemi acuti attuali. Sembra perfettamente appropriato utilizzare metodi che tratteranno delicatamente l'ipertonicità e metodi più vigorosi che aiuteranno a risolvere il cambiamento fibrotico, nello stesso paziente, allo stesso tempo, utilizzando diverse variazioni sul tema del MET. Possono essere utilizzate altre variabili che si concentrano sulla restrizione articolare, o che utilizzano RI se le condizioni sono troppo sensibili per consentire metodi PIR, o variazioni sui metodi di allungamento più vigorosi di Janda (vedere Box 1.1).

La discussione degli errori comuni nell'applicazione delle tecniche di energia muscolare aiuterà a chiarire questi pensieri.

Perché le tecniche energetiche muscolari potrebbero essere inefficaci a volte

I risultati scarsi dall'uso delle tecniche di energia muscolare possono riguardare l'incapacità di localizzare sufficientemente lo sforzo muscolare, poiché se non viene prodotta la tensione muscolare locale nella regione precisa della disfunzione dei tessuti molli, è probabile che il metodo non riesca a raggiungere i suoi obiettivi. Inoltre, naturalmente, potrebbero essersi verificati cambiamenti patologici alla base, nelle articolazioni o altrove, che rendono un tale approccio di valore a breve termine solo, poiché tali cambiamenti assicureranno il ripetersi di spasmi muscolari, a volte quasi immediatamente.

Il MET sarà inefficace o causa irritazione se si utilizza una forza eccessiva nella fase di contrazione o nella fase di stretching.

Le chiavi per un'applicazione efficace delle tecniche di energia muscolare si trovano quindi in una messa a fuoco precisa dell'attività muscolare, con un appropriato grado di sforzo utilizzato nella contrazione isometrica, per un adeguato periodo di tempo, seguito da un movimento sicuro attraverso la barriera di restrizione precedente, di solito con l'assistenza del paziente.

L'uso di variazioni come lo stretching delle condizioni fibrotiche croniche a seguito di una contrazione isometrica e l'uso dell'approccio integrato (INIT) menzionato in precedenza in questo capitolo rappresentano due esempi di ulteriori adattamenti dell'approccio di base di Lewit che, come descritto sopra, è ideale per le situazioni acute di spasmo e dolore.

Allungare o rafforzare?

Marvin Solit (1963), un ex allievo di Ida Rolf, descrive un errore comune nell'applicazione delle tecniche di energia muscolare - trattando i muscoli "sbagliati" nel modo "sbagliato":

Quando si guarda l'addome sporgente di un paziente, si potrebbe pensare che i muscoli addominali siano deboli e che il trattamento debba essere orientato al rafforzamento. Tuttavia, palpando l'addome, non si sentirebbero i muscoli flaccidi, atonici, il che sarebbe segno di debolezza; piuttosto, i muscoli sono tesi, raggruppati e accorciati. Questo non dovrebbe sorprendere perché ecco un esempio di lavoro straordinario muscolare che mantiene l'equilibrio del corpo. Inoltre, questi muscoli supportano i visceri cascanti, che normalmente sarebbero supportati dai loro singoli legamenti. As i muscoli addominali sono liberati e allungati, c'è un sollevamento generale della gabbia toracica, che a sua volta eleva la testa e il collo.

L'attenzione al rafforzamento e all'indurimento di questi muscoli apparentemente deboli tramite l'esercizio, osserva Solit, non si traduce in alcun miglioramento della postura e in nessuna riduzione dell'aspetto `` panciuto ''. Piuttosto, l'effetto è quello di deprimere ulteriormente le strutture toraciche, poiché gli attacchi dei muscoli addominali, superiormente, sono in gran parte sulle ossa relativamente mobili e instabili della gabbia toracica. Accorciando questi muscoli si ottiene semplicemente un certo grado di trazione su queste strutture verso gli attacchi pelvici stabili sottostanti.

L'approccio a questo problema adottato da Rolfers è quello di liberare e sciogliere questi tessuti sovraccarichi e solo apparentemente indeboliti. Ciò consente un ritorno ad un certo grado di normalità, liberando le strutture toraciche legate, e quindi correggendo lo squilibrio posturale. L'attenzione alla muscolatura stretta e accorciata, che inibirà anche i muscoli antagonisti, dovrebbe essere l'obiettivo primario. L'allenamento non è adatto all'inizio, prima che questo obiettivo primario sia raggiunto.

La tendenza comune in alcune scuole di terapia a incoraggiare il rafforzamento dei gruppi muscolari indeboliti al fine di normalizzare i problemi posturali e funzionali è discussa anche da Vladimir Janda (1978). Esprime le ragioni per cui questo approccio è `` mettere il carro davanti al cavallo '': `` Nella patogenesi, così come nel trattamento dello squilibrio muscolare e dei problemi alla schiena, i muscoli tesi svolgono un ruolo più importante, e forse anche primario, rispetto ai deboli muscoli (Fig. 1.5). Continua con la seguente osservazione:

L'esperienza clinica, e soprattutto i risultati terapeutici, supportano l'ipotesi che (secondo la legge di Sherrington dell'innervazione reciproca) i muscoli tesi agiscano in modo inibitorio sui loro antagonisti. Pertanto, non sembra ragionevole iniziare con il rafforzamento dei muscoli indeboliti, come fanno la maggior parte dei programmi di esercizio. È stato clinicamente dimostrato che è meglio allungare prima i muscoli tesi. Non è eccezionale che, dopo lo stiramento dei muscoli tesi, la forza degli antagonisti indeboliti migliori spontaneamente, a volte immediatamente, a volte entro pochi giorni, senza alcun trattamento aggiuntivo.

Questa osservazione sana, ben ragionata, clinica e scientifica, che indirizza la nostra attenzione e gli sforzi verso lo stretching e la normalizzazione di quei tessuti che si sono accorciati e irrigiditi, sembra inconfutabile, e questo tema sarà ulteriormente approfondito nel Capitolo 2.

tecniche di energia muscolareLe tecniche di energia muscolare sono progettate per aiutare in questo sforzo e, come discusso sopra, fornisce anche un metodo eccellente per aiutare a tonificare la muscolatura debole, qualora fosse ancora necessario, dopo il stiramento degli antagonisti accorciati, con l'uso di metodi isotonici.

tendini

Aspetti della fisiologia dei muscoli e dei tendini sono degni di un grado di revisione, per quanto riguarda le tecniche di energia muscolare e i suoi effetti (vedi anche Box 1.5). Il tono dei muscoli è in gran parte il compito degli organi tendinei del Golgi. Questi rilevano il carico applicato al tendine, attraverso la contrazione muscolare. Gli effetti riflessi, nei muscoli appropriati, sono il risultato del passaggio di queste informazioni dall'organo tendineo del Golgi lungo la corda. Il riflesso è di tipo inibitorio e differisce quindi dal riflesso di stiramento del fuso muscolare. Sandler (1983) descrive alcuni dei processi coinvolti:

Quando la tensione sui muscoli, e quindi sul tendine, diventa estrema, l'effetto inibitorio dall'organo tendineo può essere così grande che vi è un improvviso rilassamento dell'intero muscolo sotto tensione. Questo effetto è chiamato la reazione di allungamento, ed è probabilmente una reazione protettiva alla forza che, se non protetta, può strappare il tendine dai suoi attaccamenti ossei. Poiché gli organi tendinei del Golgi, a differenza dei fusi [del muscolo], sono in serie con le fibre muscolari, sono stimolati dalle contrazioni sia passive che attive dei muscoli.

Sottolineando che i muscoli possono contrarsi con lunghezza costante e tono variabile (isometricamente), o con tono costante e lunghezza variabile (isotonicamente), continua: Allo stesso modo in cui il sistema efferente gamma opera come feedback per controllare la lunghezza del fibre muscolari, il riflesso tendineo funge da riflesso per controllare il tono muscolare .

tecniche di energia muscolareLa rilevanza di ciò per le tecniche dei tessuti molli è spiegata come segue:

In termini di massaggio longitudinale dei tessuti molli, questi organi sono davvero molto interessanti, ed è forse il motivo per cui l'articolazione di un'articolazione passiva, per allungare i tendini che passano sopra l'articolazione, è spesso altrettanto efficace nel rilassare i tessuti molli come diretti massaggio dei muscoli stessi. Infatti, in alcuni casi, dove il muscolo è attivamente in spasmo, ed è probabile che si opponga a essere colpito direttamente, l'articolazione, le tecniche di energia muscolare o le tecniche di equilibrio funzionale, che utilizzano i riflessi dell'organo tendineo, possono essere più efficaci.

L'uso di questa conoscenza in terapia è ovvio e Sandler spiega parte dell'effetto del massaggio sui muscoli: Il fuso [muscolare] e le sue connessioni riflesse costituiscono un dispositivo di feedback che può operare per mantenere la lunghezza muscolare costante, come in posizione; se il muscolo viene allungato, le scariche del fuso aumentano, ma se il muscolo si accorcia, senza un cambiamento nella velocità di scarica gamma, la scarica del fuso diminuirà e il muscolo si rilasserà.

Sandler ritiene che le tecniche di massaggio causino una diminuzione della sensibilità della gamma efferente, e quindi aumentino la lunghezza delle fibre muscolari piuttosto che un ulteriore accorciamento di esse; questo produce il rilassamento desiderato del muscolo. Le tecniche energetiche muscolari forniscono la capacità di influenzare sia i fusi muscolari sia gli organi tendinei del Golgi.

Tecniche di energia muscolare e articolazioni

Bourdillon (1982) ci dice che l'accorciamento del muscolo sembra essere un fenomeno che si autoalimenta che risulta da una reazione eccessiva del sistema dei neuroni gamma. Sembra che il muscolo non sia in grado di tornare alla normale lunghezza di riposo fintanto che continua. Sebbene la lunghezza effettiva del muscolo sia così ridotta, è comunque in grado di accorciarsi ulteriormente. Il fattore dolore sembra correlato all'incapacità del muscolo di essere successivamente ripristinato alla sua lunghezza anatomicamente desiderabile. La conclusione è che molta restrizione articolare è il risultato di rigidità e accorciamento muscolare. L'opposto può anche applicarsi quando il danno ai tessuti molli o duri di un'articolazione è un fattore. In questi casi i cambiamenti periarticolari e osteofitici, fin troppo evidenti in condizioni degenerative, sono il principale fattore limitante nelle restrizioni articolari. In entrambe le situazioni, tuttavia, le tecniche di energia muscolare possono essere utili, anche se più utili dove l'accorciamento muscolare è il fattore principale.

La restrizione che si verifica a causa di muscoli stretti e accorciati è solitamente accompagnata da un certo allungamento e indebolimento degli antagonisti. Esiste un'ampia varietà di possibili permutazioni in ogni condizione che comporta un accorciamento muscolare che può essere iniziale o secondaria rispetto alla disfunzione articolare associata alla debolezza degli antagonisti. Una combinazione di metodi isometrici e isotonici può essere efficacemente utilizzata per allungare e allungare i gruppi accorciati e per rafforzare e accorciare i muscoli deboli e eccessivamente lunghi.

Paul Williams (1965) ha affermato una verità fondamentale che viene spesso trascurata dalle professioni che si occupano della disfunzione muscoloscheletrica:

La salute di qualsiasi articolazione dipende da un equilibrio nella forza dei suoi muscoli opposti. Se per qualsiasi ragione un gruppo flessore perde una parte, o tutta la sua funzione, il suo gruppo tensoriale opposto disegnerà l'articolazione in una posizione iperestesa, con uno stress anormale sui margini articolari. Questa situazione esiste nella colonna lombare dell'uomo moderno.

La mancanza di attenzione alla componente muscolare delle articolazioni in generale e alle articolazioni spinali in particolare, comporta frequenti trattamenti inappropriati delle articolazioni colpite. Una corretta comprensione del ruolo della muscolatura di supporto porterebbe spesso alla normalizzazione di questi tessuti, senza la necessità di sforzi eroici di manipolazione. Le tecniche di energia muscolare e altri approcci ai tessuti molli focalizzano l'attenzione su queste strutture e offrono l'opportunità di correggere sia la muscolatura indebolita che gli antagonisti accorciati, spesso fibrotici.

Più recentemente, Norris (1999) ha sottolineato che:

La miscela di oppressione e debolezza osservata nel processo di squilibrio muscolare altera l'allineamento del segmento corporeo e modifica il punto di equilibrio di un'articolazione. Normalmente il tono di riposo uguale dei muscoli agonisti e antagonisti consente all'articolazione di assumere una posizione equilibrata in cui le superfici articolari sono caricate uniformemente e i tessuti inerti dell'articolazione non sono eccessivamente sollecitati. Tuttavia, se i muscoli su un lato di un'articolazione sono tesi e i muscoli opposti si rilassano, l'articolazione verrà tirata fuori dall'allineamento verso i muscoli stretti.

Tali cambiamenti di allineamento producono stress da carico sulle superfici articolari e risultano anche in tessuti molli accorciati che si contraggono cronicamente nel tempo. Inoltre tali squilibri determinano un controllo segmentale ridotto con reazioni a catena di compensazione emergenti (si veda Ch. 2).

Diversi studi saranno dettagliati (Chs 5 e 8) che mostrano l'efficacia dell'applicazione delle tecniche di energia muscolare in diversi gruppi di popolazione, tra cui uno studio polacco sui benefici delle tecniche di energia muscolare nelle articolazioni danneggiate dall'emofilia e uno studio svedese sugli effetti del muscolo tecniche energetiche nel trattamento della disfunzione della colonna lombare, nonché uno studio americano / ceco che coinvolge problemi di dolore miofasciale. Nel complesso, i risultati indicano un ruolo universale nel fornire risoluzione o sollievo a tali problemi mediante l'applicazione di tecniche di energia muscolare sicure ed efficaci.

vuoto
Riferimenti:

Anderson B 1984 Stretching. Shelter Publishing, Nolinas, California
Beaulieu J 1981 Sviluppo di un programma di stretching. Medico e Medicina dello Sport 9 (11): 59
Blood S 1980 Trattamento della distorsione alla caviglia. Journal of American Osteopathic Association
79 (11): 689
Bourdillon J 1982 Manipolazione spinale, 3rd edn. Heinemann, Londra
Chaitow L 1993 Tecnica di inibizione neuromuscolare integrata (INIT) nel trattamento del dolore e
punti trigger. British Journal of Osteopathy 13: 17-21
DiGiovanna E 1991 Approccio osteopatico alla diagnosi e al trattamento. Lippincott, Philadelphia
Evjenth O, Hamberg J 1984 Stretching muscolare in terapia manuale. Alfta, Svezia
Gaymans F 1980 Die Bedeuting der atemtypen fur mobilisation der werbelsaule maanuelle. Medizin
18: 96
Goodridge JP 1981 Tecnica dell'energia muscolare: definizione, spiegazione, metodi di procedura.
Journal of the American Osteopathic Association 81 (4): 249-254
Goodridge J, Kuchera W 1997 Tecniche di trattamento dell'energia muscolare. In: Ward R (ed) Fondamenti di
medicina osteopatica. Williams e Wilkins, Baltimora
Gray's Anatomy 1973 Churchill Livingstone, Edimburgo
Greenman P 1989 Terapia manuale. Williams e Wilkins, Baltimora
Greenman P 1996 Principi della medicina manuale, 2nd edn. Williams e Wilkins, Baltimora
Grieve GP 1985 Mobilitazione della colonna vertebrale. Churchill Livingstone, Edinburgh, p 190
Jacobs A, Walls W 1997 Anatomy. In: Ward R (ed) Fondamenti di medicina osteopatica. Williams
e Wilkins, Baltimora
Janda V 1978 Muscoli, regolazione nervosa centrale e problemi alla schiena. In: Korr I (ed)
Meccanismi neurobiologici nella terapia manipolativa. Plenum Press, New York
Test di funzionalità muscolare Janda V 1989. Butterworths, Londra
Presentazione di Janda V 1993 alla Physical Medicine Research Foundation, Montreal, 9-11 ottobre Kabat H 1959 Studies of neuromuscular disfunzione. Kaiser Permanente Foundation Medical
Bollettino 8: 121 143
Knott M, Voss D 1968 Facilitazione neuromuscolare propriocettiva, 2nd edn. Harper e Row, New
York
Lederman E 1998 Fondamenti di terapia manuale. Churchill Livingstone, Edimburgo
Levine M et al 1954 Rilassamento della spasticità con tecniche fisiologiche. Archivi di fisica
Medicina 35: 214
Lewit K 1986 Modelli muscolari nelle lesioni toraco-lombari. Medicina manuale 2: 105
Lewit K 1999 Terapia manipulativa nella riabilitazione del sistema motorio, 3rd edn. Butterworth,
Londra
Lewit K, Simons D 1984 Dolore miofasciale: sollievo dal rilassamento isometrico post. Archivi di fisica
Riabilitazione medica 65: 452 456
Liebenson C 1989 Tecniche attive di rilassamento muscolare (parte 1). Journal of Manipulative e
Terapia fisiologica 12 (6): 446 451
Liebenson C 1990 Tecniche attive di rilassamento muscolare (parte 2). Journal of Manipulative e
Terapia fisiologica 13 (1): 2 6
Liebenson C (ed) 1996 Riabilitazione della colonna vertebrale. Williams e Wilkins, Baltimora
McAtee R, Charland J 1999 Stretching facilitato, 2nd edn. Cinetica umana, champagne, Illinois
Mattes A 1995 Flessibilità - stretching attivo e assistito. Mattes, Sarasota
Mitchell FL Snr 1958 Funzione pelvica strutturale. Annuario dell'Accademia di Osteopatia 1958,
Carmel, p 71 (ampliato nei riferimenti nell'annuario 1967)
Mitchell FL Snr 1967 Motion discordance. Annuario dell'Accademia di Osteopatia Applicata 1967,
Carmel, pp 1 5
Mitchell F Jnr, Moran PS, Pruzzo N 1979 Un manuale di valutazione e trattamento dell'osteopatia
procedure di energia muscolare. Valley Park, Illinois
Moritan T 1987 Attività dell'unità motoria durante contrazioni concentriche ed eccentriche. americano
Journal of Physiology 66: 338-350
Norris C 1999 Addestramento addominale con carico funzionale (parte 1). Journal of Bodywork and Movement
Terapie 3 (3): 150 158
Robinson K 1982 Controllo dell'eccitabilità del soloone motoneurone durante l'allungamento muscolare nell'uomo. rivista
di Neurologia e Neurochirurgia Psichiatria 45: 699
Royal Society of Medicine 1983 Tessuti connettivi: il materiale composito rinforzato con fibre naturali.
Journal of the Royal Society of Medicine 76
Ruddy T 1961 Terapia di dosi resistive ritmiche osteopatiche. Annuario dell'Accademia di Applied
Osteopatia 1961, Indianapolis, p 58 Sandler S 1983 Fisiologia del massaggio dei tessuti molli. British Osteopathic Journal 15: 1 6
Schafer R 1987 Biomeccanica clinica, 2nd edn. Williams e Wilkins, Baltimora
Solit M 1963 Uno studio sulle dinamiche strutturali. Annuario dell'Accademia di Osteopatia applicata 1963
Stiles E 1984a Patient Care 15 maggio: 16-97
Stiles E 1984b Patient Care 15 agosto: 117-164
Surburg P 1981 Le tecniche di facilitazione neuromuscolare nella medicina sportiva. Medico e sport
Medicina 9 (9): 115
Travell J, Simons D 1992 Dolore e disfunzione miofasciale, vol. 2, Williams e Wilkins, Baltimora
Voss D, Ionta M, Myers B 1985 Facilitazione neuromuscolare propriocettiva, 3rd edn. Harper e
Row, Philadelphia
Williams P 1965 La colonna lombo-sacrale. McGraw Hill, New York

Chiudi fisarmonica