ClickCease
Seleziona Pagina

Dopo la transezione del nervo periferico dell'arto superiore e la riparazione chirurgica, alcuni pazienti riprendono una buona funzione sensomotoria mentre altri no. Comprendere i meccanismi periferici e centrali che contribuiscono al recupero può facilitare lo sviluppo di nuovi interventi terapeutici. La plasticità dopo la transezione dei nervi periferici è stata dimostrata in tutto il neuroaxis in modelli animali di danno ai nervi. Tuttavia, i cambiamenti del cervello che si verificano dopo la transezione dei nervi periferici e la riparazione chirurgica negli esseri umani non sono stati esaminati. Inoltre, la misura in cui la rigenerazione dei nervi periferici influenza cambiamenti cerebrali funzionali e strutturali non è stata caratterizzata. Pertanto, abbiamo chiesto se i cambiamenti funzionali sono accompagnati da cambiamenti strutturali della materia grigia e / o bianca e se questi cambiamenti riguardano il recupero sensoriale? Per affrontare questi problemi chiave abbiamo (i) valutato la rigenerazione dei nervi periferici; (ii) misurata attivazione cerebrale di risonanza magnetica funzionale (segnale dipendente dal livello di ossigeno nel sangue, BOLD) in risposta a uno stimolo vibrotattile; (iii) ha esaminato la plasticità cerebrale strutturale di materia grigia e bianca; e (iv) misure di recupero sensoriale correlate con cambiamenti della materia grigia nei pazienti con transezione periferica del nervo e pazienti sottoposti a interventi di riparazione chirurgica. Rispetto al nervo contralesionario sano di ciascun paziente, i nervi transetti hanno una compromissione della conduzione nervosa 1.5 anni dopo la transezione e la riparazione, conducendo con una diminuzione dell'ampiezza e una maggiore latenza. Rispetto ai controlli sani, i pazienti con transezione dei nervi periferici e di riparazione chirurgica hanno alterato l'attività del segnale dipendente dal livello di ossigeno nel sangue nelle cortecce somatosensoriali contralesional primarie e secondarie e in una serie di aree cerebrali conosciute come "rete positiva dell'attività". Inoltre, le riduzioni della sostanza grigia sono state identificate in diverse aree del cervello, comprese le cortecce somatosensoriali primarie e secondarie di contralesional, nelle stesse aree in cui sono state identificate riduzioni del segnale del livello di ossigeno nel sangue. Inoltre, il diradamento della materia grigia nel giro post-centrale era negativamente correlato con le misure di recupero sensoriale (rilevamento meccanico e di vibrazione) dimostrando un chiaro legame tra funzione e struttura. Infine, abbiamo identificato l'anisotropia frazionale della materia bianca ridotta nell'insula destra in una regione che ha anche dimostrato una riduzione della materia grigia. Questi risultati forniscono informazioni sulla plasticità cerebrale e le relazioni struttura-funzione-comportamentali in seguito a lesioni nervose e hanno importanti implicazioni terapeutiche.

Parole chiave: spessore corticale; fMRI; imaging del tensore di diffusione; plasticità; lesione del nervo periferico
Abbreviazioni: BA = area di Brodmann; BOLD = dipendente dal livello di ossigeno nel sangue; fMRI = risonanza magnetica funzionale;
PNIr = transezione del nervo periferico e riparazione chirurgica; S1 = corteccia somatosensoriale primaria; S2 = corteccia somatosensoriale secondaria

Introduzione

In seguito al trapianto e alla riparazione chirurgica del nervo periferico dell'arto superiore (PNIr), il 􏰁25% dei pazienti non è tornato a lavorare 1.5 anni dopo l'intervento chirurgico (Jaquet et al., 2001). Inoltre, il 􏰁57% di pazienti con lesioni ai nervi è tra gli anni 16-35 (McAllister et al., 1996); quindi, una lunga vita di disabilità e difficoltà economiche può accompagnare la transezione dei nervi degli arti superiori. Comprendere le ramificazioni centrali e periferiche della lesione dei nervi periferici può facilitare lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche e programmi di intervento.

Non è noto come il cervello risponde al PNIr negli esseri umani. Tuttavia, studi su animali hanno stabilito che la plasticità all'interno della corteccia somatosensoriale inizia immediatamente dopo la transezione dei nervi periferici, e che 1 anno dopo completa transezione nervosa e riparazione chirurgica, le mappe corticali contengono rappresentazioni frammentarie e non continue dei nervi transetti e adiacenti (Wall et al. ., 1986). Si pensa che i meccanismi che facilitano la plasticità funzionale includano lo smascheramento immediato di proiezioni preesistenti dai livelli corticali e subcorticali adiacenti e il germogliamento a lungo termine degli assoni a livelli multipli del neuroaxis, compresa la corteccia somatosensoriale primaria (S1) (Firenze e Kaas , 1995; Hickmott and Steen, 2005).

Studi di imaging cerebrale umano hanno confermato i risultati di modelli animali con l'identificazione di alterazioni delle mappe di attivazione funzionale della RM a causa di lesioni del midollo spinale, amputazione, trasferimento del to-to-pollice e in pazienti con sindrome del tunnel carpale (Lotze et al., 2001; Manduch et al., 2002; Jurkiewicz et al., 2006; Napadow et al., 2006). Inoltre, studi di risonanza magnetica strutturale hanno recentemente visualizzato variazioni di materia grigia e bianca in seguito a lesioni traumatiche e in diverse condizioni patologiche, tra cui l'amputazione dell'arto e il dolore cronico (Apkarian et al., 2004; Draganski et al., 2006; Davis et al., 2008; Geha et al., 2008; May, 2008). Si ritiene che i cambiamenti della materia grigia siano correlati ai cambiamenti delle dimensioni delle cellule, atrofia e / o perdita di neuroni o glia, mentre i cambiamenti della sostanza bianca sono influenzati dalla degenerazione assonale e dalla perdita di mielina (Beaulieu, 2002; May, 2008).

Un potente approccio per delineare i meccanismi della patologia e della plasticità consiste nel combinare tecniche di imaging di materia grigia e bianca per la tecnica funzionale e strutturale. Abbiamo precedentemente riportato che i pazienti con PNIr completo dell'arto superiore hanno mantenuto profondi deficit somatosensoriali che persistono negli anni 41.5 dopo l'intervento chirurgico (Taylor et al., 2008a). Sulla base di questi risultati, abbiamo ipotizzato che questi pazienti mostrassero cambiamenti cerebrali funzionali e strutturali in aree cerebrali somatosensoriali chiave. Pertanto, in questo studio, abbiamo ipotizzato che i pazienti con PNIr avrebbero: (i) riduzione delle risposte di livello di ossigeno nel sangue (BOLD) alla stimolazione vibratoria del territorio del nervo transeunte, nella regione di S1 che rappresenta l'arto superiore danneggiato e nel secondario corteccia somatosensoriale (S2); (ii) una corrispondente riduzione dello spessore corticale in queste regioni del contralesional S1 e S2; (iii) una correlazione tra i cambiamenti nello spessore corticale e le misure psicofisiche della funzione somatosensoriale (vibrazioni e soglia di rilevamento del tatto); e (iv) riduzione dell'anisotropia frazionale (una misura dell'integrità della sostanza bianca) nella materia bianca che si nutre dentro / fuori da queste aree corticali somatosensoriali.

Metodi

Soggetti

Abbiamo reclutato pazienti 27 con una completa transezione del nervo mediano e / o ulnare seguita da una riparazione chirurgica da chirurghi plastici affiliati al Programma della mano dell'Università di Toronto tra giugno 2006 e maggio 2008. Da questa coorte più ampia, i pazienti senza dolore 14 (tre femmine, i maschi 11, 34 􏰂 10 anni) con completa trasfezione della mediana destra e / o del nervo ulnare sono stati inclusi nello studio [per evitare confondenze legate alla presenza di dolore e pazienti con lateralità con dolore (n = 6) e lesioni lato sinistro (n = 7) sono stati esclusi da questa analisi]. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a riparazione del nervo microchirurgico almeno 1.5 anni prima dell'arruolamento dello studio (il tempo di recupero variava da 1.5 a 8 anni). Inoltre, abbiamo reclutato i controlli sani 14 per età e sesso (femmine 3, maschi 11, 34 􏰂 10 anni). Tutti i soggetti hanno dato il consenso informato informato alle procedure approvate dal Consiglio di etica della ricerca della rete sanitaria dell'università. Tutti i soggetti erano destrorsi (determinati utilizzando l'inventario di mani di Edimburgo: Oldfield, 1971) e non avevano precedenti di lesioni neurologiche o dolore cronico (prima o dopo la transezione del nervo). Vedi Tabella 1 per i dettagli demografici.

nerve el paso tx.

disegno dello studio

Tutti i soggetti hanno partecipato a una sessione di imaging che comprendeva: (i) risonanza magnetica funzionale (fMRI) in risposta a stimoli vibrotattili applicati al dito indice destro (nel territorio del nervo mediano); (ii) una scansione anatomica ad alta risoluzione dell'intero cervello, acquisita per la registrazione delle immagini e per l'analisi della materia grigia corticale; e (iii) due scansioni di imaging del tensore di diffusione per la valutazione dell'integrità della sostanza bianca. Prima dell'imaging, i soggetti sono stati istruiti nel progetto di base dell'esperimento e hanno ricordato di rimanere il più fermi possibile durante tutta la durata della scansione.

I soggetti erano liberi di ritirarsi dallo studio in qualsiasi momento. Inoltre, è stata eseguita una valutazione sensoriale e motoria per tutti i soggetti (Taylor et al., 2008a). Poiché le soglie di rilevamento del contatto e della vibrazione erano correlate con lo spessore corticale, una descrizione di questi metodi è inclusa di seguito (altre misure psicofisiche saranno riportate altrove).

Soglia di vibrazione

Le soglie di rilevamento delle vibrazioni sono state determinate utilizzando un Bio-Thesiometer manuale (Bio-Medical Instrument Company, USA). Il dispositivo ha una sonda 12-mm che è stata posizionata sulla falange distale dell'indice destro (D2). Le soglie sono state determinate utilizzando il metodo dei limiti: l'ampiezza (tensione) è stata gradualmente aumentata fino a quando il soggetto ha indicato di aver percepito lo stimolo. Le soglie di vibrazione sono state acquisite tre volte e un valore medio è stato calcolato. Durante il test della soglia di vibrazione, i soggetti sono stati istruiti a chiudere gli occhi e appoggiare il dorso della mano su un cuscino di supporto.

Soglia di rilevamento meccanico

Le soglie di rilevamento meccanico sono state determinate utilizzando un set standardizzato di filamenti von Frey (OptiHair2 Marstock Nervtest, Germania) contenente i filamenti calibrati 12 logaritmicamente distanziati che erogavano le forze da 0.25-512 mN. Il diametro della superficie di contatto di tutti i filamenti 12 era ~ 0.4mm. Le prove sono state condotte con gli occhi del soggetto chiusi e le mani appoggiate su un morbido cuscino. Le sonde sono state applicate in una serie crescente e ai soggetti era richiesto di dare una risposta ogni volta che sentivano una sonda toccare il dito D2 giusto. Questo processo è stato ripetuto tre volte. La forza per il filamento rilevata in almeno due dei tre studi è stata segnalata come soglia di rilevamento meccanico di quel soggetto.

Test di conduzione nervosa

I pazienti hanno partecipato a studi bilaterali di conduzione del nervo motorio e sensoriale presso la clinica di elettromiografia dell'Ospedale Occidentale di Toronto (EMG). Per la conduzione del nervo motorio, l'elettrodo di stimolazione è stato collocato al polso e al gomito (separatamente) e l'elettrodo di registrazione è stato posizionato sopra l'abductor pollicis brevis, per la valutazione del nervo mediano, o il digiti minimi dell'abduttore per la valutazione del nervo ulnare. Per il test dei nervi sensoriali, l'elettrodo di registrazione è stato posizionato al polso e l'elettrodo di stimolazione è stato posizionato sulle cifre D2, D3 e D5. Un neurologo esperto ed esperto del Toronto Western Hospital EMG Clinic (Dr Peter Ashby) ha esaminato tutte le valutazioni cliniche per determinare quali nervi hanno dimostrato risposte normali / anormali. Poiché è noto che le misure di ampiezza e latenza variano sostanzialmente tra i soggetti (a causa di fattori quali la densità di innervazione, la profondità del nervo e lo spessore della pelle di un soggetto individuale) (Kimura, 2001), il nervo non trattato di ciascun paziente è servito da loro controllo per il confronto con i valori dal lato transettato. In quei pazienti con risposte di conduzione nervosa rilevabili, sono stati eseguiti accoppiamenti t-test per valutare la differenza di misure di latenza o ampiezza tra i nervi non trasmessi transesionali e controversi di ciascun paziente.

Parametri di imaging

I dati di imaging cerebrale sono stati acquisiti utilizzando un sistema 3T GE MRI dotato di una bobina a matrice di fase a otto canali. I soggetti sono stati posti supini sul tavolo MRI e la testa di ogni soggetto è stata imbottita per ridurre i movimenti. I dati FMRI di tutto il cervello sono stati acquisiti utilizzando l'imaging planare eco (fette assiali 28, campo visivo (FOV) = 20 x 20 cm, 64 x 64 matrice, 3.125 x 3.125 x 4mm voxel, tempo di eco (TE) = 30 ms, ripetizione tempo (TR) = 2000 ms). Il tempo di scansione era 5 min e 8 s (fotogrammi 154). Durante la scansione, uno stimolo vibrotattile 12 Hz non doloroso è stato applicato alla falange distale del D2 destro utilizzando diaframmi a palloncino azionati da aria compressa (Dispositivo prodotto dal Dott. Christo Pantev; www.biomag.uni-muenster.de). Gli stimoli sono stati consegnati in blocchi di 10 interlacciati con 20s di riposo, per un totale di blocchi 10 di stimolazione e blocchi 10 di riposo. I primi 8 s (4 TRs) dei dati acquisiti da ciascuna analisi sono stati scartati per consentire l'equilibrazione del segnale fMRI. I soggetti sono stati istruiti a tenere gli occhi chiusi durante la scansione e a concentrarsi sugli stimoli. Una scansione anatomica ad alta risoluzione tridimensionale (3D) di tutto il cervello (fette sagittali 124, 24 x 24 cm FOV, 256 x 256 matrix, 1.5 x 0.94 x 0.94 mm voxel) è stata acquisita con una sequenza di echo sfumato con gradiente 1D pesato T3 ( un segnale medio, angolo di inversione = 20􏰄, TE 􏰁5 ms). Inoltre, due scansioni di Tensore di diffusione (fette 38 assiali, FOV 24 x 24 cm, 128 x 128 matrix, 1.875 x 1.875 x 3 mm voxel) sono state acquisite lungo le direzioni 23 con un valore b di 1000smm-2. Ciascuna corsa conteneva anche due volumi senza peso di diffusione.

Analisi fMRI

I dati sono stati analizzati utilizzando Brainvoyager QX v1.8 (Brain Innovaton, Maastricht, Paesi Bassi). Pre-elaborazione inclusa: correzione del movimento 3D, correzione del tempo di scansione delle sezioni, rimozione lineare delle tendenze, filtraggio passa-alto (cinque cicli per corsa) e livellamento spaziale con un kernel gaussiano 6mm a larghezza intera a metà massimo (FWHM). I set di dati fMRI sono stati interpolati ai voxel 3 x 3 x 3 mm, registrati sull'immagine ad alta risoluzione e normalizzati allo spazio Talairach standard (Talairach e Tournoux, 1988). I voxel sono indicati come 1 x 1 x 1 mm. I dati sono stati analizzati utilizzando il modello lineare generale; il modello è stato ottenuto convolvendo la funzione boxcar del decorso temporale della stimolazione tattile con la funzione di risposta emodinamica standard. Per identificare tra le differenze di gruppo nei modelli di attivazione è stata eseguita un'analisi degli effetti fissi con i contrasti: (i) controlli sani: stimolazione 4 riposo; (ii) PNIr: stimolazione del riposo 4; e (iii) controlli sani 4 PNIr. Le mappe di attivazione sono state impostate a un valore corretto di P50.05 (derivato da voxel contigui P50.0001 e 120mm3 non corretti come precedentemente riportato: Taylor e Davis, 2009); questo è stato anche validato eseguendo una simulazione Monte Carlo con l'applicazione AlphaSim implementata nel software AFNI (Analysis of Functional Neuroimage). Questa analisi includeva solo i pazienti 11 che sostenevano la transezione del nervo mediano destro (n = 9) o della mediana destra e del nervo ulnare (n = 2) (cioè i tre pazienti con una transezione del nervo ulnare destro puro non erano inclusi in questa analisi ).

Analisi dello spessore corticale

L'analisi dello spessore corticale è stata eseguita usando Freesurfer (http: // surfer.nmr.mgh.harvard.edu); i metodi sono stati delineati in dettaglio altrove (Dale et al., 1999; Fischl et al., 1999a, b; Fischl e Dale 2000). In breve, i set di dati anatomici ponderati T1 ad alta risoluzione sono stati registrati sull'atlante di Talairach (Talairach e Tournoux, 1988). Questo è stato seguito da normalizzazione dell'intensità, stripping del cranio e separazione degli emisferi. Successivamente, i confini bianco / grigio (chiamato superficie bianca) e grigio / CSF (chiamato superficie piale) sono stati identificati e segmentati. La distanza tra le superfici bianche e pial è stata quindi calcolata in ogni punto di ciascun emisfero del cervello. Per identificare le differenze di gruppo tra i pazienti 14 e i controlli 14 per età / sesso, è stata eseguita un'analisi generale del modello lineare in ogni punto del cervello. Poiché la topografia corticale individuale è intrinsecamente eterogenea, prima dell'analisi statistica veniva applicato un kernel di smoothing spaziale 5mm FWHM. I dati vengono visualizzati su un P50.05 corretto (derivato da un vertice contiguo P50.0075 e 102 non corretto); questo è stato calcolato eseguendo una simulazione Monte Carlo con AlphaSim. Un vertice rappresenta un punto su un foglio bidimensionale e, in questo studio, la distanza tra due vertici è 0.80mm2.

Poiché i pazienti presentavano deficit significativi nella funzione somatosensoriale all'interno del territorio del nervo transetto, abbiamo ipotizzato che le misure della funzione somatosensoriale (vibrazione e rilevamento del contatto) sarebbero correlate allo spessore corticale nel giro post-centrale contralesionale (cortecce somatosensoriali primarie e secondarie). Pertanto, abbiamo eseguito analisi di correlazione nel gruppo di pazienti tra: (i) spessore corticale e soglia di rilevamento delle vibrazioni; e (ii) soglie corticali di spessore e di rilevamento del contatto. Un paziente non ha completato la valutazione psicofisica; pertanto, questa analisi includeva i pazienti 13 PNIr. Inoltre, per determinare se esistesse una relazione tra spessore corticale e tempo di recupero, è stata eseguita anche un'analisi di correlazione tra queste due misure. Queste analisi di correlazione erano limitate al giro post-centrale contralesionale includendo una maschera (presa dall'atlante costruito da Freesurfer) nel modello lineare generale. È stata eseguita una simulazione Monte Carlo limitata al numero di vertici all'interno del giro post-centrale contralesionale; le immagini vengono visualizzate con un P50.05 corretto (derivato da un vertice contiguo P50.0075 e 68 non corretto).

Analisi dell'imaging del tensore di diffusione

L'elaborazione dell'immagine del tensore di diffusione è stata eseguita con DTiStudio (www.MriStudio.org) e FSLv.4.0 (www.fmrib.ox.ac.uk/fsl/). Le immagini sono state prima riallineate con lo strumento di registrazione automatica delle immagini implementato in DTiStudio, utilizzando la prima immagine B0 della prima serie acquisita come modello. Questo processo corregge il movimento del soggetto e la distorsione parassita. Tutte le immagini sono state quindi ispezionate visivamente per valutare la qualità dell'immagine e l'allineamento delle sequenze separate di imaging del tensore di diffusione. Se è stato rilevato un artefatto, la fetta è stata rimossa prima di calcolare la media delle due esecuzioni di imaging del tensore di diffusione separate. Le singole mappe FA sono state calcolate utilizzando lo strumento DTIFIT implementato in FSL. L'analisi statistica Voxel-wise è stata eseguita per identificare le differenze di gruppo nell'anisotropia frazionaria media utilizzando le statistiche spaziali basate sul Tratto; per una descrizione completa di questi metodi vedi Smith et al. (2006). In breve, le immagini sono state registrate non linearmente su un'immagine di destinazione (MNI152), l'immagine media è stata quindi creata da tutti i set di dati e questa immagine è stata successivamente assottigliata per rappresentare tutti i tratti comuni a tutti i soggetti. I valori di anisotropia frazionaria più alti di ogni soggetto sono stati quindi proiettati sullo scheletro cercando nella sostanza bianca perpendicolare a ciascun punto dello scheletro della materia bianca. Un'analisi statistica voxel del tutto cervello è stata poi eseguita tra i gruppi (controlli sani 14PNIr e 14) e le immagini sono state corrette per tutto il cervello al P50.05. Inoltre, è stata eseguita un'analisi della regione di interesse nella materia bianca tratti adiacente al S1 controlaterale, al talamo e all'insula bilaterale anteriore e posteriore. Queste regioni sono state scelte in quanto precedentemente coinvolte in aspetti di somatosensazione e perché corrispondono a regioni identificate nelle analisi del gruppo fMRI e analisi dello spessore corticale (CTA). Le regioni di interesse sono state disegnate sullo scheletro della materia bianca come segue: (i) La regione di interesse controlaterale S1 è originata medialmente alla giunzione tra lo scheletro della materia bianca della corona radiata e la sezione dello scheletro che si alimenta nel giro post-centrale; terminando alla fine del tratto all'interno di una data fetta.

Nella direzione z la regione di interesse si estende da z = 49 a 57; tratti di sostanza bianca che forniscono la regione della mano. (ii) La regione di interesse controlaterale del talamo era limitata alle tracce di materia bianca che circondavano i nuclei talamici posteriori e mediali (nuclei coinvolti nella funzione somatosensoriale), che si estende da z = -1 a 4. (iii) Le regioni insulari di interesse sono state tracciate bilateralmente all'interno della materia bianca adiacente all'insula anteriore e posteriore in base a criteri precedentemente pubblicati dal nostro laboratorio (Taylor et al., 2008b). La regione di interesse estesa da z = 2 a 8. I valori di anisotropia frazionaria sono stati estratti da ciascuna di queste regioni di interesse e un'analisi multivariata della varianza (MANOVA) è stata eseguita utilizzando il pacchetto statistico per le scienze sociali v13.0 (SPSS Inc, Chicago), che includeva valori di anisotropia frazionaria per tutte le sei regioni di interesse .

risultati

La tabella 1 fornisce dettagli demografici per i partecipanti allo studio. Tutti i pazienti 14 hanno subito una completa trasfezione della mediana destra e / o del nervo ulnare, seguita da una riparazione microchirurgica almeno 1.5 anni prima dell'iscrizione allo studio. Il tempo trascorso dall'intervento al test variava da 1.5 a 8 anni con una media (􏰂SD) di 4.8 􏰂 3 anni. Pazienti e controlli non hanno (34 􏰂 10 anni entrambi i gruppi; t = 0.04; P = 0.97).

psicofisica

Le soglie di vibrazione sono state calcolate da tutte e tre le misurazioni poiché l'analisi della varianza a ripetizione a una via (ANOVA) non ha indicato differenze significative tra le tre prove [F (25, 1) = 0.227, P = 0.64]. I treppiedi di vibrazione e di rilevamento meccanico erano significativamente compromessi nei pazienti con PNIr rispetto ai controlli sani (vibrazione: t = 4.77, P50.001, Fig. 3A; meccanico: t = 3.10, P = 0.005, Fig. 3D).

Test di conduzione nervosa

Le misure di ampiezza e latenza ottenute dai nervi contralesionali di ciascun paziente sono state classificate come normali da un neurologo esperto presso la clinica EMG dell'Ospedale Occidentale di Toronto. Nove pazienti con 14 hanno completato il test di conduzione nervosa. La tabella 2 mostra i dati medi di aumento / diminuzione della latenza e dell'ampiezza per la conduzione del nervo sensitivo dal polso ai muscoli abduttori del pollicis brevis (mediano) o abduttore digiti minimi (ulnare) e per la conduzione sensoriale dal polso al D2 (mediana) e D5 ( ulnare) rispetto a ciascun paziente con nervo contralesionare illeso. Su nove, sette pazienti hanno avuto delle transizioni che includevano il nervo mediano. Di questi sette, un paziente non ha avuto alcuna risposta rilevabile durante il test motorio e un altro paziente non ha avuto alcuna risposta rilevabile durante il test sensoriale.

nerve el paso tx. Nei sei pazienti con risposte rilevabili, le latenze di conduzione motoria erano aumentate di 43% (t = 6.2; P = 0.002) e le ampiezze erano diminuite di 38% (t = -2.6; P = 0.045) quando veniva confrontato il nervo transeuropeo di ciascun paziente il loro lato non danneggiato. La conduzione sensoriale nei nervi mediani ha anche rivelato un aumento di 26% nella latenza (t = 3.9; P = 0.011) e una diminuzione dell'73% in ampiezza (t = -8.0; P = 0.000) rispetto ai normali nervi contralesionali. Nei quattro pazienti con transizioni del nervo ulnare un paziente non ha avuto alcuna risposta rilevabile durante il test dei nervi sensoriali. In quei pazienti con risposte, le latenze motorie del nervo ulnare non erano significativamente elevate (t = 2.8; P = 0.070); tuttavia, le ampiezze erano significativamente
diminuito di 41% (t = -5.9; P = 0.010). I test sensoriali del nervo ulnare hanno dimostrato un aumento di 27% in latenza (t = 4.3; P = 0.049) ma nessun aumento significativo dell'ampiezza (t =? 3.5; P = 0.072).

Plasticità funzionale nella corteccia somatosensoriale primaria

Le mappe di risonanza magnetica funzionale sono state calcolate dai pazienti 11 PNIr con transezioni del nervo mediano destro (i pazienti con transizioni del nervo ulnare sono stati esclusi da questa analisi) e 11 controlli sani identificati per età e sesso. Dalla Fig. 1A, è chiaro che i pazienti con PNIr hanno un'attivazione significativamente inferiore, rispetto ai controlli sani, in una regione di S1 corrispondente all'area 2 di Brodmann (BA2) (Talairach e Tournoux, 1988) e S2 (vedi Tabella 3 per dettagli) . Le risposte medie correlate agli eventi da queste regioni di interesse evidenziano la risposta BOLD attenuata nel BA2 sinistro dei pazienti e lasciano S2 (Fig. 1B e C, rispettivamente). Curiosamente, la stimolazione vibrotattile nei pazienti ha attivato una parte superiore del giro post-centrale (probabilmente BA1 / 3) (Talairach e Tournoux, 1988) (Fig. 1A e Tabella 3). Una media correlata all'evento (Figura 1D) dimostra che i controlli sani hanno avuto un'attivazione minima in questa regione. Inoltre, i pazienti hanno avuto un'attivazione significativamente maggiore nelle regioni del cervello conosciute collettivamente come la rete del compito positivo (asterischi in Fig. 1). Vedi Tabella 3 per l'elenco completo delle aree cerebrali positive del compito attivate. Questa rete include cortecce laterali prefrontali, laterali parietali, premotorie e inferiori (Tabella 3): aree cerebrali che vengono attivate durante l'esecuzione di un compito che richiede attenzione e soppresse o inattive durante il riposo o attività che non sono impegnative sul piano cognitivo o attenzionale (Fox et al., 2005; DeLuca et al., 2006; Seminowicz e Davis 2007).

La materia grigia ridotta nella corteccia somatosensoriale primaria è correlata al recupero sensoriale

L'analisi dello spessore corticale in tutti i pazienti 14 e nei controlli sani 14 età / sesso ha rivelato diversi loci di assottigliamento corticale significativo nel gruppo PNIr (Fig. 2 e Tabella 4). Nello specifico, i pazienti presentavano una riduzione di 13% -22% nello spessore corticale sinistro (contralesionale) S1, S2, giro cingolato anteriore pregenusale, corteccia prefrontale ventrolaterale e insula anteriore destra, giro cingolato anteriore / posteriore e lobulo paracentrale. È interessante notare che le posizioni della materia grigia che si assottigliano all'interno del giro post-centrale coincidono con le regioni di BOLD ridotto in seguito alla stimolazione vibrotattile (Tabella 4). Dato che avevamo una conoscenza preliminare dei deficit sensoriali dei pazienti e del tempo di recupero (tempo trascorso dalla riparazione microchirurgica), abbiamo poi chiesto se lo spessore corticale del paziente nel giro post-centrale fosse correlato con le loro soglie di rilevamento meccanico e di vibrazione, o con il loro i tempi di recupero. Queste analisi hanno rivelato una correlazione negativa tra spessore corticale e soglie di rilevamento delle vibrazioni in una regione che comprende BA1 / 2 e S2 (P50.001, r = 􏰅0.80 e 􏰅0.91, rispettivamente per BA1 / 2 e S2; Fig. 3 e Tabella 5). Inoltre, le soglie di rilevamento meccanico erano anche negativamente correlate con lo spessore corticale in una regione BA2 leggermente superiore e la stessa regione S2 (P50.001, r = 􏰅0.83 e 􏰅0.85, rispettivamente per BA2 e S2; Fig. 3 e Tabella 5) . Tuttavia, non abbiamo identificato una relazione significativa tra tempo di recupero e spessore corticale. Pertanto, nel giro post-centrale il diradamento corticale era associato a deficit sensoriali più gravi. Tuttavia, non abbiamo identificato una relazione significativa tra tempo di recupero e spessore corticale. Ancora una volta, c'era una corrispondenza tra il diradamento corticale in aree negativamente correlate con stimoli vibratori e le regioni che mostravano anomalie del gruppo fMRI e CTA.

Anomalie della materia bianca dopo la transizione nervosa

Per valutare l'integrità della materia bianca abbiamo utilizzato un approccio di area di interesse per esaminare le differenze dei gruppi di materia bianca sulla base di ipotesi a priori. Le regioni di interesse erano limitate a tratti di materia bianca che circondavano e alimentavano il controsional S1 e il talamo. Inoltre, abbiamo anche disegnato regioni di interesse per la sostanza bianca adiacente all'insula sinistra e destra, anteriore e posteriore. L'insula è stata scelta in quanto è implicata nell'elaborazione somatosensoriale e perché abbiamo identificato una riduzione della materia grigia nell'insula anteriore destra con CTA. Questo approccio alla regione di interesse ha rivelato che i pazienti avevano significativamente ridotto i valori di anisotropia frazionale della materia bianca (MANOVA incluse tutte e sei le regioni di interesse) adiacenti alla destra anteriore [F (1, 26) = 4.39, P = 0.046; Fig. 4A] e insula posteriore [F (1, 26) = 5.55, P = 0.026; Fig. 4B], ma non vi erano differenze di gruppo nella materia bianca adiacente all'insula sinistra (insula anteriore sinistra: P = 0.51; insula posteriore sinistra: P = 0.26), talamo (P = 0.46) o S1 (P = 0.46 ).

nerve el paso tx.Discussione

Qui, abbiamo dimostrato per la prima volta che esiste plasticità funzionale e anomalie strutturali sia della materia grigia che della materia bianca in diverse aree corticali dopo la transezione dei nervi periferici dell'arto superiore e la riparazione chirurgica. Questa plasticità può derivare dalla rigenerazione incompleta dei nervi periferici (morte delle cellule periferiche e / o mielinizzazione incompleta), poiché le misure di conduzione nervosa in questi pazienti hanno dimostrato gravi anomalie. Inoltre, i nostri dati dimostrano che le diminuite risposte fMRI evocate dal vibrotattile nel giro post-centrale corrispondono al diradamento della sostanza grigia nel gruppo di pazienti. Questi risultati suggeriscono che una riduzione delle risposte BOLD può essere facilitata da una riduzione della sostanza grigia corticale e / o una diminuzione del contributo afferente al giro post-centrale. Inoltre, lo spessore corticale all'interno di queste stesse parti del giro post-centrale era correlato negativamente con le misure comportamentali della funzione somatosensoriale. Cioè, l'aumento dei deficit somatosensoriali era correlato alla corteccia più sottile; entrambi i quali possono essere correlati a input afferenti. Presi insieme, i nostri dati suggeriscono che la rigenerazione incompleta dei nervi periferici contribuisce a compromettere la somatosensoria, atrofia corticale della materia grigia e ridotta attivazione della risonanza magnetica funzionale (vedi Fig. 5 per un riassunto di questi risultati).

È noto che la plasticità corticale dopo la transezione dei nervi periferici e la riparazione chirurgica può verificarsi in tutto il sistema nervoso centrale nei primati non umani (Kaas, 1991). Si ritiene che questa plasticità sia dovuta allo smascheramento delle sinapsi precedentemente silenti o del germogliamento assonale in territorio non controllato (Wall et al., 1986; Florence and Kaas, 1995). Nel modello dei primati, l'anno 1 dopo la transezione nervosa e la riparazione chirurgica, la corteccia denervata è caratterizzata da rappresentazioni incomplete e disordinate dei nervi rigenerati e adiacenti (intatti). Questa rappresentazione frammentaria è attribuita alla rigenerazione periferica incompleta che ha come conseguenza un recupero parziale dello spazio corticale denervato (Kaas, 1991). Per valutare l'entità della rigenerazione periferica nella nostra popolazione di pazienti abbiamo eseguito studi di conduzione del nervo sensoriale e motorio attraverso l'area transezionata. I nostri risultati di conduzione nervosa dimostrano che i pazienti con PNIr hanno un'ampiezza significativamente diminuita e una maggiore latenza nei nervi sia sensoriali che motori rispetto al loro lato non trattato. Una diminuzione dell'ampiezza combinata con una maggiore latenza è indicativa della perdita delle fibre periferiche (cioè morte cellulare) e / o della mielinizzazione anomala o incompleta dopo la transezione (Kimura, 1984). Inoltre, è ben noto che tra 20% e 50% di neuroni del ganglio della radice dorsale muoiono dopo la transezione del nervo (Liss et al., 1996). Pertanto, la morte cellulare afferente e la rigenerazione incompleta possono comportare una riduzione dell'ingresso afferente alla corteccia, che può spiegare i deficit sensoriali in corso e la diminuzione della risposta BOLD in BA2 e S2. Inoltre, questo diminuito input afferente potrebbe anche spiegare il diradamento corticale che abbiamo osservato nelle stesse regioni della corteccia. È stato dimostrato che la deprivazione sensoriale causa degenerazione trans-neuronale in diverse regioni del sistema nervoso centrale, tra cui il corno dorsale che segue la sezione del nervo sciatico (Knyihar-Csillik et al., 1989) e può coinvolgere neuroni del secondo e terzo ordine (Powell e Erulkar, 1962). La degenerazione transneuronale è caratterizzata da restringimento cellulare e si ritiene che sia correlata a un input afferente in diminuzione, o inesistente (Knyihar-Csillik et al., 1989). Pertanto, la perdita di materia grigia corticale (o atrofia) potrebbe anche essere direttamente correlata alla diminuzione dell'ingresso afferente.

nerve el paso tx.

nerve el paso tx.

nerve el paso tx.

nerve el paso tx.Abbiamo anche dimostrato una maggiore attivazione nel giro post-centrale in una regione corrispondente a BA1 / 3 (Talairach e Tournoux, 1988). Studi elettrofisiologici, di tracciamento anatomico e di neuroimaging hanno stabilito che per la maggior parte delle afferenze meccanorecettive cutanee le prime destinazioni corticali sono BA1 e BA3b. Queste aree del cervello citoarchitettonico possiedono ciascuna una mappa corporea somatotopica con piccoli campi ricettivi. Inoltre, queste aree rispondono a molte caratteristiche delle informazioni tattili, come consistenza e rugosità, velocità e curvatura degli stimoli (Bodegard et al., 2001). Gli studi di risonanza magnetica hanno dimostrato che l'attività all'interno della corteccia somatosensoriale è influenzata da un'attenzione tale che le risposte fMRI agli stimoli tattili in S1 aumentano quando i soggetti partecipano a uno stimolo tattile, ma sono atterrite quando i soggetti sono distratti (Arthurs et al., 2004; Porro et al., 2004). Inoltre, i nostri pazienti hanno attivato una rete di aree cerebrali conosciute come la rete di attività positiva (DeLuca et al., 2006) più che controlli sani. Queste aree cerebrali vengono attivate durante i processi di attenzione (Fox et al., 2005; Seminowicz e Davis, 2007). Insieme, questi risultati implicano che i pazienti devono prestare attenzione allo stimolo più che ai controlli a causa del loro apporto sensoriale alterato. Questa maggiore attenzione può anche spiegare l'aumento dell'attivazione in BA1 / 3b. Ovviamente, l'aumento dell'attivazione in BA1 / 3b può anche riflettere la plasticità che non è correlata al carico attenzionale.

nerve el paso tx.

nerve el paso tx.

nerve el paso tx.BA2 e S2 ricevono entrambi proiezioni da BA1 / 3b e anche da parti distinte del complesso talamico ventroposteriore (Pons et al., 1985; Friedman and Murray, 1986). Entrambi cervello le aree hanno campi di ricezione ampi, spesso a più cifre (BA2) o bilaterali (S2) (Pons et al., 1985; Iwamura et al., 2002). Basato su proiezioni anatomiche e proprietà di risposta neuronale, l'elaborazione gerarchica delle informazioni tattili è stata dimostrata da BA1 / 3b a BA 2 (Kaas et al., 2002). Inoltre, studi elettrofisiologici in macachi (Pons et al., 1987) e dati di magnetoencefalografia acquisiti negli esseri umani, suggeriscono che l'elaborazione seriale degli input tattili si verifica da S1 a S2 nei primati superiori (Frot e Mauguiere 1999; Disbrow et al. ., 2001). Diversi studi hanno dimostrato che BA2 è preferenzialmente attivato dalla forma e dalla curvatura (Bodegard et al., 2001), mentre S2 può essere coinvolto nell'apprendimento tattile (Ridley ed Ettlinger 1976; Murray e Mishkin, 1984), supportando l'idea che queste aree cerebrali sono coinvolti nell'elaborazione somatosensoriale di ordine superiore. La nostra valutazione psicofisica ha dimostrato che i pazienti erano significativamente compromessi al rilevamento di semplici stimoli tattili e nel test di identificazione della forma di 1.5 anni dopo l'intervento (Taylor et al., 2008a). Quest'ultimo test valuta la capacità del paziente di riconoscere le caratteristiche di un oggetto mentre esplora attivamente una forma o una trama, richiedendo l'integrazione di informazioni sensoriali attraverso le regioni del corpo (Rosen e Lundborg, 1998). Presi insieme, un'interpretazione dei nostri dati è che i pazienti con PNIr si dedicano maggiormente allo stimolo vibrotattile, portando ad un'aumentata attivazione della rete di attività positiva e di BA1 / 3. Tuttavia, in questi pazienti, i nostri dati implicano che le aree di elaborazione di ordine superiore, come BA2 e S2, non hanno ricevuto informazioni tattili, che, a loro volta, possono provocare un assottigliamento corticale e ridurre le risposte BOLD.

Si ritiene che l'insula svolga un ruolo nell'integrazione di informazioni multimodali importanti per funzioni sensomotorie, emotive, allostatiche / omeostatiche e cognitive (Devinsky et al., 1995; Critchley, 2004; Craig, 2008) ed è stata designata una corteccia sensica limbica (Craig , 2008). Diversi studi hanno riportato attivazione insulare in risposta alla stimolazione tattile (Gelnar et al., 1998;

Downar et al., 2002) e studi di tracciamento anatomico nei primati hanno dimostrato che l'insula è reciprocamente connessa ai lobi frontali, parietali e temporali (Agostino, 1996). Nei nostri pazienti, l'insula anteriore destra era l'unica area corticale che ha dimostrato un assottigliamento corticale significativo in combinazione con valori ridotti di anisotropia frazionaria nella sostanza bianca adiacente, suggerendo che il diradamento corticale all'interno di questa regione è associato a una perdita di fibre proiettate da o verso questa struttura. L'insula anteriore destra è stata implicata nell'interocezione in quanto situata per integrare l'input omeostatico dal corpo con condizioni motivazionali, emotive e sociali (Craig, 2008). Inoltre, Critchley et al. (2004) ha riportato una correlazione tra le capacità interocettive e il volume della materia grigia dell'insula anteriore destra. Data la nostra scoperta che i pazienti hanno una diminuzione della materia grigia nell'insula anteriore destra, sarebbe interessante valutare le capacità interocettive in seguito a lesioni dei nervi periferici in uno studio futuro.

Presi insieme, abbiamo dimostrato per la prima volta che alterazioni funzionali e strutturali sono presenti nella corteccia cerebrale umana 1.5 anni dopo una completa trasfezione di un nervo periferico dell'arto superiore che è stato riparato in modo microchirurgico. Inoltre, le misure di conduzione nervosa indicano una rigenerazione periferica incompleta in questi pazienti. Inoltre, dimostriamo che lo spessore corticale è correlato a misure psicofisiche di recupero, in quanto la corteccia più sottile all'interno di BA2 e S2 era associata a una funzione somatosensoriale più povera. Questi dati suggeriscono che il ripristino delle normali mappe di attivazione funzionale è direttamente associato alla rigenerazione di successo delle afferenze periferiche.

Keri S. Taylor, 1,2 Dimitri J. Anastakis2,3,4 e Karen D. Davis1,2,3

1 Division of Brain, Imaging and Behaviour - Systems Neuroscience, Toronto Western Research Institute, University Health Network, Toronto, Canada M5T258
2 Institute of Medical Science, Università di Toronto, Canada
3 Dipartimento di Chirurgia, Università di Toronto, Canada
Centro risorse 4 per studi clinici, Toronto Western Research Institute, University Health Network, Toronto, Canada M5T2S8

Corrispondenza a: Karen D. Davis, Ph.D.,
Division of Brain, Imaging and Behaviour - Systems Neuroscience, Toronto Western Research Institute,
Ospedale Occidentale di Toronto,
Rete sanitaria universitaria,
Camera MP14-306, 399 Bathurst Street,
Toronto, Ontario,
Canada M5T 2S8
E-mail: [email protected]

Ringraziamenti

Gli autori ringraziano Mr. Geoff Pope, Dr. Adrian Crawley, Mr. Eugene Hlasny e Mr. Keith Ta per l'assistenza tecnica esperta. Gli autori desiderano ringraziare il Dott. Peter Ashby e il Sig. Freddy Paiz della Clinica EMG dell'Ospedale Occidentale di Toronto per condurre i test di conduzione nervosa e per fornire una valutazione esperta dei risultati. Gli autori ringraziano anche i dott. Dvali, Binhammer, Fialkov e Antonyshyn per aver collaborato a questo progetto. Il Dott. Davis è una cattedra di ricerca del Canada in Brain and Behavior (CIHR MOP 53304).

Finanziamento

The Physicians 'Services Incorporated e una borsa di studio congiunta del Centro per lo studio del dolore / AstraZeneca dell'Università di Toronto.

Materiale supplementare

Il materiale supplementare è disponibile su Brain online.

vuoto
Riferimenti:

Apkarian AV, Sosa Y, Sonty S, et al. Il mal di schiena cronico è associato a <br />
diminuzione della densità della materia grigia prefrontale e talamica. J Neurosci <br />
2004; 24: 10410-5. </ P>
<p> Arthurs OJ, Johansen-Berg H, Matthews PM, Boniface SJ. Attenzione <br />
modula in modo differenziale l'accoppiamento di fMRI BOLD ed evocato <br />
ampiezze del segnale potenziale nella corteccia somatosensoriale umana 7. <br />
Exp Brain Res 2004; 157: 269-74. </ P>
<p> Augustine JR. Circuiti e aspetti funzionali del lobo insulare <br />
nei primati inclusi gli umani. Brain Res Brain Res Rev 1996; 22: <br />
229-44. </ P>
<p> Beaulieu C. La base della diffusione anisotropica dell'acqua nel nervoso <br />
sistema - una revisione tecnica. NMR Biomed 2002; 15: 435-55. </ P>
<p> Bodegard A, Geyer S, Grefkes C, Zilles K, Roland PE. Gerarchico <br />
elaborazione della forma tattile nel cervello umano. Neuron 2001; 31: <br />
317-28. </ P>
<p> Craig AD. Interocezione ed emozione: una prospettiva neuroanatomica. <br />
In: Lewis M, Haviland-Jones J, Barrett L, editori. Manuale di <br />
emozioni. New York: Guildford Press; 2008. p. 272-87. </ P>
<p> Critchley HD. La corteccia umana risponde a una sfida interocettiva. <br />
Proc Natl Acad Sci USA 2004; 101: 6333-4. </ P>
<p> Critchley HD, Wiens S, Rotshtein P, Ohman A, Dolan RJ. Sistemi neurali <br />
sostenere la consapevolezza interocettiva. Nat Neurosci 2004; 7: 189-95. </ P>
<p> Dale AM, Fischl B, Sereno MI. Analisi a base di superficie corticale. I. Segmentazione <br />
e la ricostruzione della superficie. Neuroimage 1999; 9: 179-94. </ P>
<p> Davis KD, Papa G, Chen J, Kwan CL, Crawley AP, Diamant NE. Corticale <br />
diradamento in IBS: implicazioni per omeostatica, attenzione e dolore <br />
in lavorazione. Neurologia 2008; 70: 153-4. </ P>
<p> DeLuca M, Beckmann CF, De SN, Matthews PM, Smith SM. fMRI a riposo <br />
le reti di stato definiscono modalità distinte di interazioni a lunga distanza <br />
nel cervello umano. Neuroimage 2006; 29: 1359-67. </ P>
<p> Devinsky O, Morrell MJ, Vogt BA. Contributi del cingolato anteriore <br />
corteccia al comportamento. Cervello 1995; 118 (Pt 1): 279-306. </ P>
<p> Dissenti E, Roberts T, Poeppel D, Krubitzer L. Prove per l'interemisferico <br />
elaborazione degli input dalle mani in S2 umano <br />
e PV. J Neurophysiol 2001; 85: 2236-44. </ P>
<p> Downar J, Crawley AP, Mikulis DJ, Davis KD. Una rete corticale sensibile <br />
stimolare la salienza in un contesto comportamentale neutrale su più <br />
modalità sensoriali. J Neurofisiologia 2002; 87: 615-20. </ P>
<p> Draganski B, Moser T, Lummel N, et al. Diminuzione del grigio talamico <br />
materia dopo l'amputazione degli arti. Neuroimage 2006; 31: 951-7. </ P>
<p> Fischl B, Dale AM. Misurare lo spessore della corteccia cerebrale umana <br />
dalle immagini di risonanza magnetica. Proc Natl Acad Sci USA 2000; 97: <br />
11050-5. </ P>
<p> Fischl B, Sereno MI, Dale AM. Analisi a base di superficie corticale. II: <br />
Inflazione, appiattimento e un sistema di coordinate basato sulla superficie. <br />
Neuroimage 1999a; 9: 195-207. </ P>
<p> Fischl B, Sereno MI, Tootell RB, Dale AM. Intersoggettivo ad alta risoluzione <br />
calcolo della media e un sistema di coordinate per la superficie corticale. Hum Brain <br />
Mapp 1999b; 8: 272-84. </ P>
<p> Florence SL, Kaas JH. Riorganizzazione su larga scala a più livelli del <br />
la via somatosensoriale segue l'amputazione terapeutica della mano <br />
nelle scimmie J Neurosci 1995; 15: 8083-95. </ P>
<p> Fox MD, Snyder AZ, Vincent JL, Corbetta M, Van E, Raichle ME. <br />
il cervello umano è intrinsecamente organizzato in dinamico, anticorrelato <br />
reti funzionali Proc Natl Acad Sci USA 2005; 102: 9673-9678. </ P>
<p> Friedman DP, Murray EA. Connettività Thalamica del secondo <br />
area somatosensoriale e vicini campi somatosensoriali del <br />
solco laterale del macaco. J Comp Neurol 1986; 252: 348-73. </ P>
<p> Frot M, Mauguiere F. Tempistica e distribuzione spaziale di somatosensoriale <br />
risposte registrate nella parte superiore della fessura silviana (area SII) in <br />
gli esseri umani. Cereb Cortex 1999; 9: 854-63. </ P>
<p> Geha PY, Baliki MN, Harden RN, Bauer WR, Parrish TB, Apkarian AV. <br />
Il cervello nel dolore cronico CRPS: anormale materia grigio-bianca <br />
interazioni nelle regioni emotive e autonome. Neuron 2008; 60: <br />
570-81. </ P>
<p> Gelnar PA, Krauss BR, Szeverenyi NM, Apkarian AV. Rappresentazione della punta delle dita <br />
nella corteccia somatosensoriale umana: uno studio fMRI. <br />
Neuroimage 1998; 7: 261-83. </ P>
<p> Hickmott PW, Steen PA. Cambiamenti su larga scala nella struttura dendritica <br />
durante la riorganizzazione della corteccia somatosensoriale adulta. Nat Neurosci <br />
2005; 8: 140-42. </ P>
<p> Iwamura Y, Tanaka M, Iriki A, Taoka M, Toda T. Elaborazione di <br />
i segnali tattili e cinestetici dai lati bilaterali del corpo nella <br />
giro postcentrale di scimmie sveglie. Behav Brain Res 2002; 135: <br />
185-90. </ P>
<p> Jaquet JB, Luijsterburg AJ, Kalmijn S, Kuypers PD, Hofman A, Hovius SE. <br />
Lesioni del nervo mediano-ulnare, ulnare e combinato-ulnare: funzionali <br />
risultato e ritorno alla produttività. J Trauma 2001; 51: 687-92. </ P>
<p> Jurkiewicz MT, Crawley AP, Verrier MC, Fehlings MG, Mikulis DJ. <br />
Atrofia corticale somatosensoriale dopo lesione del midollo spinale: una voxelica <br />
studio di morfometria. Neurologia 2006; 66: 762-4. </ P>
<p> Kaas JH. Plasticità delle mappe sensoriali e motorie nei mammiferi adulti. Annu <br />
Rev Neurosci 1991; 14: 137-67. </ P>
<p> Kaas JH, Jain N, Qi HX. L'organizzazione del sistema somatosensoriale in <br />
primati. In: Nelson RJ, editore. Il sistema somatosensoriale. <br />
Washington, DC: CRC Press; 2002. p. 1-25. </ P>
<p> Kimura J. Elettrodiagnosi nelle malattie del nervo e dei muscoli: principi <br />
e pratica. Oxford: Oxford University Press; 2001. <br />
Kimura J. Principi e insidie ​​degli studi sulla conduzione nervosa. Ann Neurol <br />
1984; 16: 415-29. </ P>
<p> Knyihar-Csillik E, Rakic ​​P, Csillik B. Degenerazione transneuronale in <br />
la sostanza Rolando del midollo spinale evocato da <br />
atrofia degenerativa transgangliare indotta da assotomia del centro <br />
terminali sensoriali primari. Cell Tissue Res 1989; 258: 515-25. </ P>
<p> Liss AG, af Ekenstam FW, Wiberg M. Perdita di neuroni nella radice dorsale <br />
gangli dopo la transizione di un nervo sensitivo periferico. Un anatomico <br />
studiare nelle scimmie. Scand J Plast Reconstr Surg Surg Hand 1996; 30: 1-6. </ P>
<p> Movimenti Lotze M, Flor H, Grodd W, Larbig W, Birbaumer N. Phantom <br />
e dolore Uno studio fMRI negli amputati degli arti superiori. Cervello 2001; <br />
124: 2268-77. </ P>
<p> Manduch M, Bezuhly M, Anastakis DJ, Crawley AP, Mikulis DJ. Seriale <br />
fMRI di cambiamenti adattativi nella corteccia sensomotoria primaria in seguito <br />
ricostruzione del pollice. Neurologia 2002; 59: 1278-81. </ P>
<p> Maggio A. Il dolore cronico può cambiare la struttura del cervello. Dolore 2008; <br />
137: 7-15. </ P>
<p> McAllister RM, Gilbert SE, Calder JS, Smith PJ. L'epidemiologia e <br />
gestione delle lesioni del nervo periferico degli arti superiori nel moderno <br />
pratica. J Hand Surg (Br) 1996; 21: 4-13. </ P>
<p> Murray EA, Mishkin M. Contributi relativi di SII e area5 a tattili <br />
discriminazione nelle scimmie 2. Behav Brain Res 1984; 11: 67-83. </ P>
<p> Napadow V, Kettner N, Ryan A, Kwong KK, Audette J, Hui KK. <br />
Plasticità corticale somatosensoriale nella sindrome del tunnel carpale: una sezione trasversale <br />
valutazione fMRI. Neuroimage 2006; 31: 520-30. </ P>
<p> Oldfield RC. La valutazione e l'analisi della manualità: l'Edinburgh <br />
inventario. Neuropsychologia 1971; 9: 97-113. </ P>
<p> Pons TP, Garraghty PE, Cusick CG, Kaas JH. L'organizzazione somatotopica <br />
di area 2 in macachique 6. J Comp Neurol 1985; 241: 445-66. </ P>
<p> Pons TP, Garraghty PE, Friedman DP, Mishkin M. Prove fisiologiche <br />
per l'elaborazione seriale in corteccia somatosensoriale. Science 1987; 237: <br />
417-20. </ P>
<p> Attività di Porro CA, Lui F, Facchin P, Maieron M, Baraldi P. Percept <br />
nel sistema somatosensoriale umano: risonanza magnetica funzionale <br />
studi di imaging. Magn Reson Imaging 2004; 22: 1539-48. </ P>
<p> Powell TP, Erulkar S. Degenerazione cellulare transneuronale nell'uditorio <br />
nuclei relè del gatto. J Anat 1962; 96: 249-68. </ P>
<p> Ridley RM, Ettlinger G. Impatto sull'apprendimento tattile e sulla ritenzione dopo <br />
rimozioni della seconda corteccia di proiezione sensoriale somatica (SII) nel <br />
scimmia. Brain Res 1976; 109: 656-60. </ P>
<p> Rosen B, Lundborg G. Un nuovo strumento di gnosi tattile nella sensibilità <br />
test. J Hand Ther 1998; 11: 251-7. </ P>
<p> Seminowicz DA, Davis KD. Il dolore migliora la connettività funzionale <br />
di una rete cerebrale evocata dall'esecuzione di un compito cognitivo. <br />
J Neurophysiol 2007; 97: 3651-9. </ P>
<p> Smith SM, Jenkinson M, Johansen-Berg H, et al. Spaziale basato sul Tratto <br />
statistiche: analisi voxelwise di dati di diffusione multi-soggetto. <br />
Neuroimage 2006; 31: 1487-1505. </ P>
<p> Talairach J, Tournoux P. Atlante stereotassico co-planare del cervello umano. <br />
New York: Thieme Medical Publishers Inc .; 1988. </ P>
<p> Taylor KS, Anastakis DJ, Davis KD. Dolore cronico dopo periferico <br />
la lesione nervosa è associata a dolore catastrofico e nevroticismo. <br />
Int Ass Stud Pain 2008a; 267. </ P>
<p> Taylor KS, Davis KD. Stabilità della fMRI sensibile al tatto e al dolore <br />
attivazioni cerebrali: un esame di soglia-dipendente e <br />
metodi indipendenti dalla soglia. Hum Brain Mapp 2009; 30: <br />
1947-62. </ P>
<p> Taylor KS, Seminowicz DA, Davis KD. Due sistemi di riposo <br />
connettività tra l'insula e la corteccia cingolata. Hum Brain <br />
Mapp 2008b; DOI: 10.1002 / hbm.20705. </ P>
<p> Wall JT, Kaas JH, Sur M, Nelson RJ, Felleman DJ, Merzenich MM. <br />
Riorganizzazione funzionale in aree corticali somatosensoriali 3b e 1 <br />
di scimmie adulte dopo la riparazione del nervo mediano: possibile relazione con <br />
recupero sensoriale nell'uomo. J Neurosci 1986; 6: 218-33.

Chiudi fisarmonica