ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Riabilitazione delle lesioni acute delle cricche

Quando si torna allo sport specifico dell'individuo, il rischio di re-infortunio è generalmente più elevato entro le prime 2 settimane. Ciò si verifica a causa della debolezza iniziale dei muscoli posteriori della coscia, dell'affaticamento, della mancanza di flessibilità e dello squilibrio di forza tra i muscoli posteriori della coscia eccentrici e i quadricipiti concentrici. La maggiore contribuzione si ritiene però sia legata ad un inadeguato programma riabilitativo, che può corrispondere al prematuro ritorno all'attività fisica. Nuove prove hanno mostrato i vantaggi dell'utilizzo principalmente di esercizi di rafforzamento eccentrico nella riabilitazione dei muscoli posteriori della coscia eseguiti con carichi maggiori per lunghezze muscolotendinee più lunghe.
Il semitendinoso, o ST, il semimembranoso, o SM, e il capo lungo e corto del bicipite femorale (BFLH e BFSH) fanno parte del gruppo dei muscoli posteriori della coscia. Funzionano principalmente con l'estensione dell'anca e la flessione del ginocchio, oltre a fornire stabilità multidirezionale della tibia e del bacino. Questi tre muscoli che compongono il gruppo dei muscoli posteriori della coscia, attraversano la parte posteriore sia dell'anca che dell'articolazione del ginocchio, rendendoli bi-articolari. Di conseguenza, rispondono costantemente a grandi forze meccaniche create dalla locomozione degli arti superiori, del tronco e degli arti inferiori come mezzo di mobilizzazione concentrica ed eccentrica. Durante l'attività sportiva, queste forze tenderanno ad aumentare, aumentando la frequenza degli infortuni.

In uno studio condotto presso l'Università di Melbourne, gli analisti biomeccanici hanno misurato lo sforzo muscolotendineo, la velocità, la forza, la potenza, il lavoro e altri carichi biomeccanici subiti dai muscoli posteriori della coscia durante il corso dello sprint su terra e hanno confrontato il carico biomeccanico su ogni singolo tendine del ginocchio muscolo.

Fondamentalmente, i muscoli posteriori della coscia sono sottoposti a un ciclo di allungamento-accorciamento durante lo sprint, con la fase di allungamento che si verifica durante l'oscillazione terminale e la fase di accorciamento che inizia appena prima di ogni appoggio del piede, continuando per tutta la posizione. Quindi, il carico biomeccanico sui muscoli ischiocrurali bi-articolari è stato determinato per essere più forte durante l'oscillazione terminale.

BFLH aveva il più grande ceppo muscolo-tessuto, ST mostrava una notevole velocità di allungamento muscolotendina e SM produsse la forza muscolotendina più alta e entrambi assorbono e generano il maggior potere muscolotendino. Una ricerca simile ha anche distinto il ceppo di muscolo-tessuto picco come un grande contribuente a danni muscolari eccentrici o lesioni, più spesso lesioni acuti lesioni, invece di resistenza muscolare picco. Questo è il motivo per cui il rafforzamento eccentrico è spesso una raccomandazione per la riabilitazione per lesioni acute di trapianto.

blog di donne in esecuzione

Posizione e gravità dell'infortunio

In uno studio randomizzato e controllato su professionisti del calcio svedese, 69 per cento delle lesioni si trovava principalmente in BFLH. Al contrario, 21 per cento dei giocatori sperimentato la loro lesione primaria all'interno SM. Mentre il più comune, approssimativamente 80 per cento, ha subito un danno secondario a ST e BFLH o SM, una percentuale 94 chiara delle lesioni primarie è risultata di tipo sprinting e si trovava nel BFLH, mentre SM era la posizione più comune per il tipo di lesione, che rappresenta circa il 76 per cento. Questi risultati sono stati sostenuti in un altro articolo simile.

La classificazione di una lesione dei tessuti molli, comprese le lesioni acute degli ischiocrurali, dipende in gran parte da un sistema di classificazione che va da: I, lieve; II, moderato; e III, grave. Le diverse classificazioni offrono descrizioni utili per ogni tipo di lesione dei tessuti molli tra gli operatori sanitari durante la diagnosi clinica e la prognosi a seguito di una lesione acuta. Una valutazione lieve descrive una lesione in cui un piccolo numero di fibre muscolari è coinvolto con lieve gonfiore, disagio, perdita di forza minima o nulla o limitazione del movimento. Una valutazione moderata descrive una lesione con una lesione significativa di diverse fibre muscolari, dolore e gonfiore, potenza ridotta e mobilità limitata. Una valutazione grave descrive una lesione in cui si è verificata una lesione su un'intera sezione trasversale del muscolo, comunemente un'avulsione tendinea, e può essere necessario un parere chirurgico. È stato anche utilizzato come sistema di classificazione per metodi radiologici, come la risonanza magnetica per immagini, o la risonanza magnetica, o gli ultrasuoni se richiesti per la conferma complementare della diagnosi.

Il team medico britannico di atletica ha proposto un nuovo sistema di classificazione dei danni per migliorare la precisione diagnostica e la prognosticazione basata sulle caratteristiche MRI

È stato dimostrato che è difficile determinare tempi precisi di ritorno al gioco dopo molti infortuni acuti del tendine del ginocchio. Ad esempio, lesioni che coinvolgono un tendine intramuscolare o aponeurosi con fibre muscolari adiacenti generalmente richiedono periodi di recupero più brevi rispetto a quelli che coinvolgono un tendine libero prossimale e/o MTJ.

Ci sono state anche connessioni tra i risultati della risonanza magnetica in base alla regione della lesione e il ritorno al gioco. In particolare, è stato ipotizzato che minore è la distanza tra il polo prossimale della lesione e la tuberosità ischiatica riscontrata su valutazioni RM altrettanto determinate dalla presenza di edema, maggiore sarà il tempo di ritorno. Allo stesso modo, la durata dell'edema mostra un effetto simile sul tempo di recupero. Più lunga è la lunghezza, più lungo è il recupero. Inoltre, la posizione del dolore di picco contemporaneamente a seguito di lesioni acute del tendine del ginocchio è anche associata a maggiori periodi di recupero.

Inoltre, ci sono stati tentativi di chiarire la connessione tra la classificazione delle lesioni acuti e il ritorno a giocare. In uno studio prospettico sulla coorte su giocatori di calcio professionisti 207 con lesioni acute del danneggiamento, 57 per cento sono stati identificati come grado I, 27 per cento sono stati identificati come grado II e solo 3 per cento sono stati identificati come grado III. Gli atleti con lesioni di grado I tornarono a giocare entro una media di 17 giorni. Gli atleti con lesioni di grado II restituito entro 22 giorni e quelli con lesioni di grado III restituiti circa entro 73 giorni. Secondo lo studio, 84 per cento di queste lesioni ha influenzato la BF, 11 per cento del SM e 5 per cento la ST. Tuttavia, non c'era alcuna differenza significativa nel tempo di licenziamento per lesioni ai tre diversi muscoli. Questo è stato confrontato con 5-23 giorni con lesioni di grado I-II e 28-51 giorni per il grado I-III in altri studi rispettivamente.

foto di blog della linea di traversata di corridore di donna

Riabilitazione per lesioni acute delle cricche

Vari ricercatori hanno precedentemente affermato i vantaggi derivanti dal rafforzamento eccentrico a seguito di lesioni acute del contraccolpo contro il rafforzamento concentrico quando si concentrano per ridurre i tempi per il ritorno a giocare. La linea di fondo di questo argomento è che con la maggior parte delle lesioni acute del martinetto che si verificano durante il carico eccentrico, la riabilitazione dovrebbe essere simile alla circostanza specifica che ha causato il pregiudizio in primo luogo. Uno studio ha mostrato una differenza significativa tra un programma eccentrico e concentrico di riabilitazione a seguito di lesioni acute di contraccolpi nei giocatori di calcio elite e non elite.

Lo studio clinico randomizzato e controllato condotto su 75 calciatori in Svezia, ha dimostrato che l'utilizzo di programmi di rafforzamento eccentrico piuttosto che di programmi di rafforzamento concentrico, ha ridotto il tempo di ritorno in gioco di 23 giorni, indipendentemente dal tipo di infortunio o dalla sede dell'infortunio . Il risultato ha mostrato il numero di giorni per tornare all'allenamento completo della squadra e la disponibilità per la selezione delle partite.

Inoltre, cinque giorni dopo l'infortunio sono stati utilizzati due protocolli di riabilitazione. Tutti i giocatori avevano subito un infortunio di tipo sprint a seguito di corsa ad alta velocità o un infortunio di tipo stretching a seguito di calci alti, posizioni divise e placcaggi in planata. Alcuni criteri sono stati esclusi dallo studio, tra cui precedenti lesioni acute dei muscoli posteriori della coscia, traumi alla parte posteriore della coscia, storia in corso di complicanze lombari e gravidanza.

Tutti i giocatori sono stati sottoposti ad un analisi MRI 5 giorni dopo l'infortunio, per esporre la gravità e l'area di lesioni. Un giocatore è stato considerato abbastanza in grado di tornare alla formazione completa con un test chiamato Askling H-test attivo. Un test positivo è quando un giocatore sperimenta qualsiasi insicurezza o apprensione durante l'esecuzione del test. Il test dovrebbe essere completato senza completa dorsiflessione della caviglia.

Circa il 72% dei giocatori ha subito lesioni di tipo sprint, mentre il 28% ha subito lesioni di tipo stretching. Di questi, il 69 percento ha subito un infortunio al BFLH, mentre il 21 percento si trovava nella SM. Le lesioni alla ST sono state sostenute solo come lesioni secondarie, circa il 48 percento con il BFLH e il 44 percento con l'SM. Inoltre, il 94 percento delle lesioni di tipo sprint si trovava nel BFLH mentre l'SM era la posizione più comune per la lesione di tipo stretching, rappresentando circa il 76 percento delle lesioni.

I due protocolli di riabilitazione utilizzati sono stati etichettati come protocollo L e protocollo C. Il protocollo L si concentrava sul carico dei muscoli posteriori della coscia durante l'allungamento e il protocollo C consisteva in esercizi senza enfasi sull'allungamento. Ogni protocollo utilizzava tre esercizi che potevano essere eseguiti ovunque e non dipendevano da attrezzature avanzate. Miravano anche a mirare alla flessibilità, alla mobilizzazione, al tronco e alla stabilità pelvica e/o muscolare, nonché all'allenamento specifico della forza per i muscoli posteriori della coscia. Tutti sono stati eseguiti sul piano sagittale con velocità e progressione del carico.

Conclusione dello studio

Il tempo di ritorno è stato determinato per essere significativamente più breve nel protocollo L rispetto al protocollo C, in media 28 giorni e 51 giorni in modo appropriato. Anche il tempo di ritorno è stato significativamente più breve nel protocollo L rispetto al protocollo C per le lesioni acute dei muscoli posteriori della coscia sia di tipo sprint che di tipo stretching, nonché per lesioni di diversa classificazione. Tuttavia, rimane ancora una domanda sul fatto che il protocollo C sia sufficientemente specifico per l'attivazione dei muscoli posteriori della coscia per creare un confronto legittimo.

 

È facile diventare un paziente!

Basta cliccare sul pulsante rosso!

Dai un'occhiata al nostro blogRiguardo agli infortuni sportivi

Sindrome da stress tibiale mediale: Shin Splint

Sindrome da stress tibiale mediale: Shin Splint

Quando lo stress viene posto sugli stinchi con l'attività fisica derivante dalla camminata, dalla corsa o dall'esercizio fisico, i tessuti connettivi che attaccano i muscoli delle gambe alla tibia possono infiammarsi, causando la sindrome da stress tibiale mediale, più comunemente nota come splint della tibia. Questo...

leggi di più
Ernia sportiva: lesione muscolare centrale

Ernia sportiva: lesione muscolare centrale

Un'ernia sportiva è una lesione dei tessuti molli che si verifica all'interno e intorno all'area inguinale. È uno stiramento o una lacerazione di qualsiasi muscolo dei tessuti molli, tendini o legamenti nella zona inferiore dell'addome o dell'inguine. Di solito accade durante attività sportive fisiche che richiedono velocità,...

leggi di più

Dichiarazione di non responsabilità post e ambito professionale *

Le informazioni qui riportate su "Infortuni sportivi" non è destinato a sostituire un rapporto uno a uno con un professionista sanitario qualificato, un medico autorizzato e non è un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni sanitarie in base alla tua ricerca e alla collaborazione con un'assistenza sanitaria qualificata professionale.

Il nostro ambito informativo è limitato alla chiropratica, muscoloscheletrica, medicina fisica, benessere, problemi di salute sensibili, articoli di medicina funzionale, argomenti e discussioni. Forniamo e presentiamo la collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è regolato dal proprio ambito di attività professionale e dalla propria giurisdizione di abilitazione. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico.

I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.*

Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a sostegno dei nostri incarichi. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Il dottor Alex Jimenez o contattaci al 915-850-0900.

Siamo qui per aiutare te e la tua famiglia.

Blessings

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*