ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Lesioni nervose

Squadra di lesioni nervose della clinica della schiena. I nervi sono fragili e possono essere danneggiati da pressioni, stiramenti o tagli. Lesioni a un nervo possono interrompere i segnali da e verso il cervello, causando il malfunzionamento dei muscoli e la perdita di sensibilità nell'area lesa. Il sistema nervoso gestisce la maggior parte delle funzioni del corpo, dalla regolazione della respirazione di un individuo al controllo dei muscoli, nonché alla percezione del caldo e del freddo. Tuttavia, quando un trauma da una lesione o da una condizione sottostante provoca lesioni ai nervi, la qualità della vita di un individuo può essere notevolmente compromessa. Il Dr. Alex Jimenez spiega vari concetti attraverso la sua raccolta di archivi che ruotano attorno ai tipi di lesioni e condizioni che possono causare complicazioni nervose e discute le diverse forme di trattamenti e soluzioni per alleviare il dolore ai nervi e ripristinare la qualità della vita dell'individuo.

Disclaimer generale *

Le informazioni qui contenute non intendono sostituire un rapporto personale con un operatore sanitario qualificato o un medico autorizzato e non costituiscono un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni in materia di assistenza sanitaria sulla base della tua ricerca e della collaborazione con un professionista sanitario qualificato. La nostra portata delle informazioni è limitata alla chiropratica, muscoloscheletrica, medicina fisica, benessere, problemi di salute sensibili, articoli di medicina funzionale, argomenti e discussioni. Forniamo e presentiamo la collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è disciplinato dal proprio ambito di attività professionale e dalla propria giurisdizione di abilitazione. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura di lesioni o disturbi del sistema muscolo-scheletrico. I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.* Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio di ricerca pertinente o gli studi a sostegno dei nostri post. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Il dottor Alex Jimenez o contattaci al 915-850-0900.

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*

 


Comprensione dei blocchi nervosi: diagnosi e gestione del dolore da infortunio

Comprensione dei blocchi nervosi: diagnosi e gestione del dolore da infortunio

Per le persone che soffrono di dolore cronico, sottoporsi a una procedura di blocco nervoso può aiutare ad alleviare e gestire i sintomi?

Comprensione dei blocchi nervosi: diagnosi e gestione del dolore da infortunio

Blocchi nervosi

Un blocco nervoso è una procedura eseguita per interrompere/bloccare i segnali del dolore a causa di una disfunzione nervosa o di una lesione. Possono essere utilizzati per scopi diagnostici o terapeutici e i loro effetti possono essere a breve o lungo termine, a seconda del tipo utilizzato.

  • A blocco nervoso temporaneo può comportare l'applicazione o l'iniezione che interrompe la trasmissione dei segnali del dolore per un breve periodo.
  • Ad esempio, in gravidanza, è possibile utilizzare un'iniezione epidurale durante il travaglio e il parto.
  • Blocchi nervosi permanenti comportano il taglio/recisione o la rimozione di alcune parti di un nervo per interrompere i segnali di dolore.
  • Questi vengono utilizzati in casi con lesioni gravi o altre condizioni di dolore cronico che non sono migliorate con altri approcci terapeutici.

Utilizzo del trattamento

Quando gli operatori sanitari diagnosticano una condizione di dolore cronico causata da una lesione o una disfunzione dei nervi, possono utilizzare un blocco nervoso per individuare l’area che genera segnali di dolore. Possono eseguire l'elettromiografia e/o a test della velocità di conduzione nervosa/NCV per individuare la causa del dolore nervoso cronico. I blocchi nervosi possono anche trattare il dolore neuropatico cronico, come il dolore causato da danni o compressione dei nervi. I blocchi nervosi vengono regolarmente utilizzati per trattare il dolore alla schiena e al collo causato da ernia del disco o stenosi spinale. (Medicina Johns Hopkins. 2024)

Tipi

Tre tipi includono:

  • Locali
  • Neurolitico
  • Laser Chirurgia

Tutti e tre possono essere utilizzati per condizioni che causano dolore cronico. Tuttavia, i blocchi neurolitici e chirurgici sono permanenti e vengono utilizzati solo per il dolore grave che è peggiorato con altri trattamenti incapaci di fornire sollievo.

Blocchi temporanei

  • Un blocco locale viene effettuato iniettando o applicando anestetici locali, come la lidocaina, in una determinata area.
  • L'epidurale è un blocco nervoso locale che inietta steroidi o analgesici in un'area attorno al midollo spinale.
  • Questi sono comuni durante la gravidanza, il travaglio e il parto.
  • L'epidurale può essere utilizzata anche per trattare il dolore cronico al collo o alla schiena dovuto alla compressione di un nervo spinale.
  • I blocchi locali sono generalmente temporanei, ma in un piano di trattamento possono essere ripetuti nel tempo per gestire il dolore cronico causato da condizioni come l’artrite, la sciatica e l’emicrania. (New York University Langone Salute. 2023)

Blocchi permanenti

  • Un blocco neurolitico utilizza alcol, fenolo o agenti termici per trattare il dolore nervoso cronico. (Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus. 2023) Queste procedure danneggiano appositamente alcune aree del percorso nervoso in modo che i segnali del dolore non possano essere trasmessi. Un blocco neurolitico viene utilizzato principalmente per i casi di dolore cronico grave, come il dolore dovuto al cancro o la sindrome dolorosa regionale complessa/CRPS. Talvolta vengono utilizzati per trattare il dolore persistente dovuto alla pancreatite cronica e il dolore alla parete toracica dopo l'intervento chirurgico. (Medicina Johns Hopkins. 2024) (Alberto M. Cappellari et al., 2018)
  • Il neurochirurgo esegue un blocco chirurgico del nervo che comporta la rimozione chirurgica o il danneggiamento di aree specifiche del nervo. (Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus. 2023) Un blocco nervoso chirurgico viene utilizzato solo in casi di dolore grave, come il dolore da cancro o la nevralgia del trigemino.
  • Sebbene i blocchi nervosi neurolitici e chirurgici siano procedure permanenti, i sintomi del dolore e le sensazioni possono ripresentarsi se i nervi sono in grado di ricrescere e ripararsi. (Eun Ji Choi et al., 2016) Tuttavia, i sintomi e le sensazioni potrebbero non ripresentarsi mesi o anni dopo la procedura.

Diverse aree del corpo

Possono essere somministrati nella maggior parte delle aree del corpo, tra cui: (Ospedale di Chirurgia Speciale. 2023) (Medicina di Stanford. 2024)

  • Cuoio capelluto
  • Faccia
  • Collo
  • Clavicola
  • Spalle
  • Braccia
  • Di ritorno
  • Petto
  • Gabbia toracica
  • Addome
  • Bacino
  • Natiche
  • Gambe
  • Caviglia
  • Piedi

Effetti Collaterali

Queste procedure possono comportare il rischio potenziale di danni permanenti ai nervi. (Inno BlueCross. 2023) I nervi sono sensibili e si rigenerano lentamente, quindi un piccolo errore può causare effetti collaterali. (D O'Flaherty et al., 2018) Gli effetti collaterali comuni includono:

  • Paralisi muscolare
  • Debolezza
  • Intorpidimento frequente
  • In rari casi, il blocco potrebbe irritare il nervo e causare ulteriore dolore.
  • Operatori sanitari qualificati e autorizzati come chirurghi, medici che gestiscono il dolore, anestesisti e dentisti sono addestrati per eseguire queste procedure con attenzione.
  • Esiste sempre il rischio di danni o lesioni ai nervi, ma la maggior parte dei blocchi nervosi diminuisce in modo sicuro e efficace e aiuta a gestire il dolore cronico. (Inno BlueCross. 2023)

Cosa aspettarsi

  • Gli individui possono avvertire intorpidimento o dolore e/o notare arrossamento o irritazione vicino o attorno all'area che è temporanea.
  • Può verificarsi anche gonfiore, che comprime il nervo e richiede tempo per migliorare. (Medicina di Stanford. 2024)
  • Agli individui può essere chiesto di riposare per un certo periodo di tempo dopo la procedura.
  • A seconda del tipo di procedura, le persone potrebbero dover trascorrere alcuni giorni in ospedale.
  • Potrebbe essere ancora presente del dolore, ma ciò non significa che la procedura non abbia funzionato.

Gli individui dovrebbero consultare un operatore sanitario in merito ai rischi e ai benefici per garantire che sia giusto trattamento.


Sciatica, cause, sintomi e suggerimenti


Riferimenti

Medicina Johns Hopkins. (2024). Blocchi nervosi. (Problema di salute. www.hopkinsmedicine.org/health/conditions-and-diseases/nerve-blocks

New York University Langone Salute. (2023). Blocco nervoso per l'emicrania (Educazione e ricerca, Edizione. nyulangone.org/conditions/emicraine/treatments/nerve-block-for-emicraine

Istituto Nazionale dei Disturbi Neurologici e dell'Ictus. (2023). Dolore. Recuperato da www.ninds.nih.gov/health-information/disorders/pain#3084_9

Medicina Johns Hopkins. (2024). Trattamento della pancreatite cronica (Salute, Problema. www.hopkinsmedicine.org/health/conditions-and-diseases/chronic-pancreatitis/chronic-pancreatitis-treatment

Cappellari, AM, Tiberio, F., Alicandro, G., Spagnoli, D., & Grimoldi, N. (2018). Neurolisi intercostale per il trattamento del dolore toracico postoperatorio: una serie di casi. Muscoli e nervi, 58(5), 671–675. doi.org/10.1002/mus.26298

Choi, EJ, Choi, YM, Jang, EJ, Kim, JY, Kim, TK e Kim, KH (2016). Ablazione e rigenerazione neurale nella pratica del dolore. Il diario coreano del dolore, 29(1), 3–11. doi.org/10.3344/kjp.2016.29.1.3

Ospedale di Chirurgia Speciale. (2023). Anestesia regionale. www.hss.edu/condition-list_regional-anesthesia.asp

Medicina di Stanford. (2024). Tipi di blocchi nervosi (Per i pazienti, Edizione. med.stanford.edu/ra-apm/for-patients/nerve-block-types.html

Inno BlueCross. (2023). Blocchi dei nervi periferici per il trattamento del dolore neuropatico. (Politica medica, Problema. www.anthem.com/dam/medpolicies/abc/active/policies/mp_pw_c181196.html

O'Flaherty, D., McCartney, CJL e Ng, SC (2018). Lesioni nervose dopo la comprensione e le linee guida attuali del blocco dei nervi periferici. Educazione BJA, 18(12), 384–390. doi.org/10.1016/j.bjae.2018.09.004

Medicina di Stanford. (2024). Domande comuni dei pazienti sui blocchi nervosi. (Per i pazienti, numero. med.stanford.edu/ra-apm/for-patients/nerve-block-questions.html

Uno sguardo completo al nervo toracodorsale

Uno sguardo completo al nervo toracodorsale

Gli individui che avvertono sintomi di dolore come spari, coltellate o sensazioni elettriche al latissimus dorsi della parte superiore della schiena potrebbero essere causati da una lesione del nervo toracodorsale. La conoscenza dell’anatomia e dei sintomi può aiutare gli operatori sanitari a sviluppare un piano di trattamento efficace?

Uno sguardo completo al nervo toracodorsale

Nervo toracodorsale

Anche conosciuto come il nervo sottoscapolare medio o nervo sottoscapolare lungo, si dirama da una parte del plesso brachiale e fornisce innervazione/funzione motoria al plesso brachiale muscolo latissimus dorsi.

Anatomia

Il plesso brachiale è una rete di nervi che originano dal midollo spinale nel collo. I nervi forniscono la maggior parte della sensazione e del movimento delle braccia e delle mani, uno su ciascun lato. Le sue cinque radici provengono dagli spazi tra la quinta e l'ottava vertebra cervicale e la prima vertebra toracica. Da lì, formano una struttura più grande, quindi si dividono, si ricombinano e si dividono nuovamente per formare nervi e strutture nervose più piccoli mentre scendono lungo l'ascella. Attraverso il collo e il torace, i nervi alla fine si uniscono e formano tre corde che includono:

  • Cordone laterale
  • Cordone mediale
  • Cordone posteriore

La corda posteriore produce rami maggiori e minori che includono:

  • nervo ascellare
  • Nervo radiale

I rami minori includono:

  • Nervo sottoscapolare superiore
  • Nervo sottoscapolare inferiore
  • Nervo toracodorsale

Struttura e posizione

  • Il nervo toracodorsale si dirama dal midollo posteriore dell'ascella e scende, seguendo l'arteria sottoscapolare, fino al muscolo latissimus dorsi.
  • Si collega alla parte superiore del braccio, si estende attraverso la parte posteriore dell'ascella, formando l'arco ascellare, quindi si espande in un grande triangolo che avvolge le costole e la schiena.
  • Il nervo toracodorsale si trova in profondità nel latissimus dorsi e il bordo inferiore arriva tipicamente vicino alla vita.

Variazioni

  • Esiste una posizione e un decorso standard del nervo toracodorsale, ma i singoli nervi non sono gli stessi in tutti.
  • Il nervo si dirama tipicamente dalla corda posteriore del plesso brachiale da tre punti diversi.
  •  Tuttavia, sono stati identificati diversi sottotipi.
  • Il nervo toracodorsale fornisce il muscolo grande rotondo in circa il 13% degli individui. (Brianna Chu, Bruno Bordoni. 2023)
  • I dorsali possono avere una rara variazione anatomica nota come a Arco di Langer, che è una parte aggiuntiva che si collega ai muscoli o al tessuto connettivo della parte superiore del braccio sotto il punto di connessione comune.
  • Negli individui con questa anomalia, il nervo toracodorsale fornisce funzione/innervazione all'arco. (Ahmed M. Al Maksoud et al., 2015)

Funzione

Il muscolo gran dorsale non può funzionare senza il nervo toracodorsale. I muscoli e i nervi aiutano:

  • Stabilizzare la schiena.
  • Sollevare il peso del corpo quando ci si arrampica, si nuota o si eseguono le trazioni.
  • Aiutare con la respirazione espandendo la gabbia toracica durante l'inspirazione e contraendola durante l'espirazione. (Enciclopedia Britannica. 2023)
  • Ruotare il braccio verso l'interno.
  • Tirare il braccio verso il centro del corpo.
  • Estendi le spalle lavorando con i muscoli grande rotondo, piccolo rotondo e deltoide posteriore.
  • Abbassare il cingolo scapolare inarcando la colonna vertebrale.
  • Piegarsi di lato inarcando la colonna vertebrale.
  • Inclinare il bacino in avanti.

Condizioni

Il nervo toracodorsale può essere danneggiato ovunque lungo il suo percorso da traumi o malattie. I sintomi di danno ai nervi possono includere: (Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti: MedlinePlus. 2022)

  • Dolore che può essere lancinante, lancinante o sensazioni elettriche.
  • Intorpidimento, formicolio.
  • Debolezza e perdita di funzionalità dei muscoli e delle parti del corpo associati, inclusa la caduta del polso e delle dita.
  • A causa del percorso del nervo attraverso l’ascella, i medici devono prestare attenzione alle varianti anatomiche in modo da non danneggiare inavvertitamente un nervo durante le procedure per il cancro al seno, inclusa la dissezione ascellare.
  • La procedura viene eseguita per esaminare o rimuovere i linfonodi e viene utilizzata nella stadiazione del cancro al seno e nel trattamento.
  • Secondo uno studio, l’11% degli individui con dissezione dei linfonodi ascellari ha subito danni al nervo. (Roser Belmonte et al., 2015)

Ricostruzione del seno

  • Nell'intervento di ricostruzione del seno, i dorsali possono essere utilizzati come lembo sopra l'impianto.
  • A seconda delle circostanze, il nervo toracodorsale può essere lasciato intatto o reciso.
  • La comunità medica non è d’accordo su quale metodo offra i migliori risultati. (Sung-Tack Kwon et al., 2011)
  • Esistono prove che lasciare il nervo intatto può causare la contrazione del muscolo e la dislocazione dell'impianto.
  • Un nervo toracodorsale intatto può anche causare atrofia del muscolo, che può portare a debolezza della spalla e del braccio.

Usi dell'innesto

Una porzione del nervo toracodorsale viene comunemente utilizzata nella ricostruzione dell'innesto nervoso per ripristinare la funzione dopo l'infortunio, che include quanto segue:

  • Nervo muscolocutaneo
  • Nervo accessorio
  • nervo ascellare
  • Il nervo può anche essere utilizzato per ripristinare la funzione nervosa del muscolo tricipite del braccio.

Reinserimento

Se il nervo toracodorsale è ferito o danneggiato, i trattamenti possono includere:

  • Bretelle o stecche.
  • Terapia fisica per migliorare la gamma di movimento, flessibilità e forza muscolare.
  • Se c’è compressione, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per alleviare la pressione.

Esplorare la medicina integrativa


Riferimenti

Chu B, Bordoni B. Anatomia, torace, nervi toracodorsali. [Aggiornato il 2023 luglio 24]. In: StatPearls [Internet]. Isola del tesoro (FL): pubblicazione StatPearls; 2023 gennaio-. Disponibile da: www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539761/

Al Maksoud, A. M., Barsoum, A. K. e Moneer, M. M. (2015). Arco di Langer: una rara anomalia interessa la linfoadenectomia ascellare. Giornale dei casi clinici chirurgici, 2015(12), rjv159. doi.org/10.1093/jscr/rjv159

Britannica, gli editori dell'Enciclopedia. “latissimo dorsale“. Enciclopedia Britannica, 30 novembre 2023, www.britannica.com/science/latissimus-dorsi. Accesso 2 gennaio 2024.

Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti: MedlinePlus. Neuropatia periferica.

Belmonte, R., Monleon, S., Bofill, N., Alvarado, M.L., Espadaler, J., & Royo, I. (2015). Lesione del nervo toracico lungo in pazienti con cancro al seno trattati con dissezione dei linfonodi ascellari. Cure di supporto nel cancro: rivista ufficiale della Multinational Association of Supportive Care in Cancer, 23(1), 169–175. doi.org/10.1007/s00520-014-2338-5

Kwon, ST, Chang, H. e Oh, M. (2011). Base anatomica della scissione del nervo interfascicolare del lembo muscolare innervato parziale del gran dorsale. Giornale di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica: JPRAS, 64(5), e109–e114. doi.org/10.1016/j.bjps.2010.12.008

I benefici della decompressione non chirurgica per la disfunzione nervosa

I benefici della decompressione non chirurgica per la disfunzione nervosa

Gli individui con disfunzione dei nervi sensoriali possono incorporare la decompressione non chirurgica per ripristinare la funzione di mobilità sensoriale nei loro corpi?

Introduzione

La colonna vertebrale nel sistema muscolo-scheletrico comprende ossa, articolazioni e nervi che collaborano con vari muscoli e tessuti per garantire la protezione del midollo spinale. Il midollo spinale fa parte del sistema nervoso centrale in cui le radici nervose si estendono alle parti superiori e inferiori del corpo che forniscono funzioni senso-motorie. Ciò consente al corpo di muoversi e funzionare senza dolore o disagio. Tuttavia, quando il corpo e la colonna vertebrale invecchiano o quando una persona subisce lesioni, le radici nervose possono irritarsi e causare strane sensazioni come intorpidimento o formicolio, spesso correlate al dolore corporeo. Ciò può causare un onere socioeconomico per molti individui e, se non trattato immediatamente, può portare a dolore cronico. A quel punto, può portare molti individui ad affrontare il dolore alle estremità del corpo associato alla disfunzione dei nervi sensoriali. Ciò fa sì che molte persone che soffrono di disturbi muscoloscheletrici inizino a cercare un trattamento. L'articolo di oggi esamina come la disfunzione nervosa colpisce le estremità e come la decompressione non chirurgica può aiutare a ridurre la disfunzione nervosa per consentire la mobilità agli arti superiori e inferiori. Parliamo con fornitori medici certificati che incorporano le informazioni dei nostri pazienti per fornire soluzioni non chirurgiche come la decompressione per aiutare le persone con disfunzione nervosa. Informiamo inoltre i pazienti su come la decompressione non chirurgica può ripristinare la mobilità sensoriale degli arti superiori e inferiori. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre domande complesse ed educative ai nostri fornitori medici associati sui sintomi simili al dolore che stanno riscontrando in correlazione con la disfunzione dei nervi sensoriali. Il dottor Alex Jimenez, DC, utilizza queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

Come la disfunzione nervosa colpisce le estremità

Provi sensazioni di formicolio o intorpidimento alle mani o ai piedi che non vogliono andare via? Senti dolore in diverse parti della schiena che può essere alleviato solo con lo stretching o il riposo? Oppure ti fa male camminare per lunghe distanze e senti il ​​bisogno di riposarti costantemente? Molti scenari simili al dolore sono associati a disfunzione dei nervi sensoriali che possono colpire le estremità superiori e inferiori. Quando molte persone sperimentano una disfunzione dei nervi sensoriali e affrontano strane sensazioni alle estremità, molti pensano che sia dovuto al dolore muscoloscheletrico al collo, alle spalle o alla schiena. Questa è solo una parte del problema, poiché molti fattori ambientali possono essere associati al dolore dei nervi sensoriali, poiché le radici nervose vengono compresse e agitate, causando disfunzioni dei nervi sensoriali nelle estremità. Poiché le radici nervose si estendono dal midollo spinale, il cervello invia le informazioni dei neuroni alle radici nervose per consentire la funzione di mobilità sensoriale negli arti superiori e inferiori. Ciò consente al corpo di essere mobile senza disagio o dolore e funzionale durante le attività quotidiane. Tuttavia, quando molti individui iniziano a eseguire movimenti ripetitivi che provocano una compressione costante del disco spinale, ciò può portare a una potenziale ernia del disco e disturbi muscoloscheletrici. Poiché numerose radici nervose sono diffuse alle diverse estremità, quando le radici nervose principali sono aggravate, possono inviare segnali di dolore a ciascuna estremità. Pertanto, molte persone hanno a che fare con l’intrappolamento dei nervi che porta a dolori alla parte bassa della schiena, ai glutei e alle gambe che possono influenzare la loro routine quotidiana. (Karl et al., 2022) Allo stesso tempo, molte persone affette da sciatica hanno a che fare con una disfunzione dei nervi sensoriali che influisce sulla loro capacità di camminare. La sciatica può essere associata alla patologia del disco spinale e induce molte persone a cercare un trattamento. (Bush et al., 1992)

 


Segreti della sciatica rivelati-Video

Quando si tratta di cercare un trattamento per ridurre la disfunzione dei nervi sensoriali, molte persone optano per soluzioni non chirurgiche per ridurre al minimo i sintomi simili al dolore e ridurre i segnali di dolore che causano sofferenza alle estremità superiori e inferiori. Soluzioni di trattamento non chirurgico come la decompressione possono aiutare a ripristinare la funzione del nervo sensoriale attraverso una trazione delicata facendo sì che il disco spinale rilasci la radice nervosa aggravata e avvii il naturale processo di guarigione del corpo. Allo stesso tempo, aiuta a ridurre la recidiva dei disturbi muscolo-scheletrici. Il video sopra mostra come la sciatica associata alla disfunzione dei nervi sensoriali può essere ridotta attraverso trattamenti non chirurgici per consentire alle estremità del corpo di sentirsi meglio.


Decompressione non chirurgica che riduce la disfunzione nervosa

I trattamenti non chirurgici possono aiutare a ridurre la lombalgia associata alla disfunzione dei nervi sensoriali per ripristinare la funzione sensomotoria degli arti superiori e inferiori. Molte persone che incorporano trattamenti non chirurgici come la decompressione come parte della loro routine di salute e benessere possono notare miglioramenti dopo un trattamento consecutivo. (Chou et al., 2007) Poiché molti operatori sanitari incorporano trattamenti non chirurgici come la decompressione nelle loro pratiche, si è verificato un notevole miglioramento nella gestione del dolore. (Bronfort et al., 2008

 

 

Quando molte persone iniziano a utilizzare la decompressione non chirurgica per la disfunzione dei nervi sensoriali, molti vedranno un miglioramento nel dolore, nella mobilità e nelle attività della loro vita quotidiana. (Gose et al., 1998). Ciò che la decompressione spinale fa per le radici nervose è che aiuta il disco interessato che sta aggravando la radice nervosa, riporta il disco nella sua posizione originale e lo reidrata. (Ramos & Martin, 1994) Quando molte persone iniziano a pensare alla propria salute e al proprio benessere, i trattamenti non chirurgici possono essere efficaci per loro grazie al loro costo accessibile e al modo in cui possono essere combinati con altre terapie per gestire meglio il dolore associato alla disfunzione nervosa che colpisce le estremità del corpo.

 


Riferimenti

Bronfort, G., Haas, M., Evans, R., Kawchuk, G., & Dagenais, S. (2008). Gestione basata sull’evidenza della lombalgia cronica con manipolazione e mobilizzazione spinale. Spine J, 8(1), 213-225. doi.org/10.1016/j.spinee.2007.10.023

Bush, K., Cowan, N., Katz, DE e Gishen, P. (1992). La storia naturale della sciatica associata alla patologia del disco. Uno studio prospettico con follow-up clinico e radiologico indipendente. Spine (Phila Pa 1976), 17(10), 1205-1212. doi.org/10.1097/00007632-199210000-00013

Chou, R., Huffman, LH, American Pain, S., e American College of, P. (2007). Terapie non farmacologiche per la lombalgia acuta e cronica: una revisione delle prove per una linea guida per la pratica clinica dell'American Pain Society/American College of Physicians. Ann Intern Med, 147(7), 492-504. doi.org/10.7326/0003-4819-147-7-200710020-00007

Gose, EE, Naguszewski, WK e Naguszewski, RK (1998). Terapia di decompressione assiale vertebrale per il dolore associato a ernia o degenerazione del disco o sindrome delle faccette: uno studio sui risultati. Neurolo Ris, 20(3), 186-190. doi.org/10.1080/01616412.1998.11740504

Karl, HW, Helm, S. e Trescot, AM (2022). Intrappolamento del nervo cluneale superiore e medio: una causa di dolore lombare e radicolare. Medico del dolore, 25(4), E503-E521. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/35793175

Ramos, G. e Martin, W. (1994). Effetti della decompressione assiale vertebrale sulla pressione intradiscale. J Neurosurg, 81(3), 350-353. doi.org/10.3171/jns.1994.81.3.0350

Negazione di responsabilità

Scegliere il giusto specialista nella gestione del dolore

Scegliere il giusto specialista nella gestione del dolore

Per le persone che affrontano condizioni di dolore cronico, avere una migliore conoscenza degli specialisti della gestione del dolore può aiutare a sviluppare piani di trattamento multidisciplinari efficaci?

Scegliere il giusto specialista nella gestione del dolore

Specialisti nella gestione del dolore

La gestione del dolore è una specialità medica in crescita che adotta un approccio multidisciplinare per trattare tutti i tipi di dolore. È una branca della medicina che applica tecniche e metodi scientificamente provati per alleviare, ridurre e gestire i sintomi e le sensazioni del dolore. Gli specialisti della gestione del dolore valutano, riabilitano e trattano uno spettro di condizioni, tra cui dolore neuropatico, sciatica, dolore postoperatorio, condizioni di dolore cronico e altro ancora. Molti operatori sanitari di base indirizzano i propri pazienti a specialisti nella gestione del dolore se i sintomi del dolore sono persistenti o significativi nella loro manifestazione.

Specializzati

Gli operatori sanitari specializzati nella gestione del dolore riconoscono la natura complessa del dolore e affrontano il problema da tutte le direzioni. Il trattamento presso una clinica del dolore è incentrato sul paziente ma dipende dalle risorse disponibili della clinica. Attualmente non esistono standard stabiliti per i tipi di discipline necessarie, un altro motivo per cui le opzioni di trattamento variano da clinica a clinica. Gli esperti dicono che una struttura dovrebbe offrire ai pazienti:

  • Un professionista coordinatore specializzato nella gestione del dolore e che consulta specialisti per conto del paziente.
  • Uno specialista in riabilitazione fisica.
  • Uno psichiatra per aiutare l'individuo ad affrontare qualsiasi depressione o ansia che l'accompagna, soprattutto quando si tratta di dolore cronico. (Società americana di anestesia regionale e medicina del dolore. 2023)

Altre specialità mediche

Altre specialità rappresentate nella gestione del dolore sono l’anestesiologia, la neurochirurgia e la medicina interna. Un operatore sanitario coordinatore può indirizzare un individuo per servizi da:

Un operatore sanitario deve aver completato una formazione aggiuntiva e avere credenziali in medicina del dolore ed essere un medico con certificazione in almeno uno dei seguenti (Consiglio americano delle specialità mediche. 2023)

  • Anestesiologia
  • Riabilitazione fisica
  • Psichiatria
  • Neurologia

Un medico che si occupa della gestione del dolore dovrebbe anche limitare la propria attività alla specialità di cui detiene la certificazione.

Obiettivi di gestione

Il campo della gestione del dolore tratta tutti i tipi di dolore come una malattia. Cronico, come mal di testa; acuto, da un intervento chirurgico e altro ancora. Ciò consente di applicare la scienza e gli ultimi progressi medici alla riduzione del dolore. Ora ci sono molte modalità, tra cui:

  • Medicazioni
  • Tecniche interventistiche di gestione del dolore: blocchi nervosi, stimolatori del midollo spinale e trattamenti simili.
  • Terapia fisica
  • Medicina alternativa
  1. L’obiettivo è minimizzare e rendere gestibili i sintomi.
  2. Migliora la funzionalità.
  3. Aumentare la qualità della vita. (Srinivas Nalamachu. 2013)

Una clinica per la gestione del dolore seguirà quanto segue:

  • Valutazione.
  • Test diagnostici, se necessari.
  • Terapia fisica: aumenta la gamma di movimento, rafforza il corpo e prepara le persone a tornare al lavoro e alle attività quotidiane.
  • Trattamento interventistico: iniezioni o stimolazione del midollo spinale.
  • Invio a un chirurgo se indicato dai test e dalla valutazione.
  • Psichiatria per affrontare la depressione, l'ansia e/o altri problemi che accompagnano i sintomi del dolore cronico.
  • Medicina alternativa per supportare e potenziare gli altri trattamenti.

Individui che ottengono risultati positivi con un programma di gestione del dolore

Individui che hanno:

  • Mal di schiena
  • Dolore al collo
  • Ha subito diversi interventi chirurgici alla schiena
  • Interventi falliti
  • Neuropatia
  • Gli individui hanno stabilito che la chirurgia non apporta benefici alla loro condizione.

Una migliore comprensione delle sindromi dolorose da parte delle comunità e delle compagnie assicurative e un aumento degli studi sul dolore contribuiranno ad aumentare la copertura assicurativa per i trattamenti e la tecnologia per migliorare i risultati degli interventi.


Cura chiropratica per l'instabilità delle gambe


Riferimenti

Società americana di anestesia regionale e medicina del dolore. (2023). La specialità della gestione del dolore cronico.

Accademia americana di medicina del dolore (2023). Informazioni sull'Accademia Americana di Medicina del Dolore.

Consiglio americano delle specialità mediche. (2023). L'organizzazione di certificazione delle specialità mediche più affidabile.

Nalamachu S. (2013). Una panoramica sulla gestione del dolore: l’efficacia clinica e il valore del trattamento. Il giornale americano di assistenza gestita, 19(14 Suppl), s261–s266.

Società americana dei medici interventisti del dolore. (2023). Medico del dolore.

Gestire la parestesia: alleviare l'intorpidimento e il formicolio nel corpo

Gestire la parestesia: alleviare l'intorpidimento e il formicolio nel corpo

Gli individui che avvertono formicolio o sensazioni di spilli e aghi che superano le braccia o le gambe potrebbero soffrire di parestesia, che si verifica quando un nervo è stato compresso o danneggiato. Conoscere i sintomi e le cause può aiutare nella diagnosi e nel trattamento?

Gestire la parestesia: alleviare l'intorpidimento e il formicolio nel corpo

Sensazioni corporee di parestesia

La sensazione di intorpidimento o formicolio quando un braccio, una gamba o un piede si addormenta non riguarda tanto la circolazione sanguigna ma la funzione nervosa.

  • La parestesia è una sensazione anomala avvertita nel corpo a causa della compressione o dell'irritazione dei nervi.
  • Può essere una causa meccanica come un nervo compresso/pizzicato.
  • Oppure potrebbe essere dovuto a una condizione medica, un infortunio o una malattia.

Sintomi

La parestesia può causare vari sintomi. Questi sintomi possono variare da lievi a gravi e possono essere brevi o di lunga durata. I segni possono includere: (Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus. 2023)

  • Formicolio
  • Sensazioni di spilli e aghi
  • Sensazione come se il braccio o la gamba si fossero addormentati.
  • Intorpidimento
  • Prurito.
  • Sensazioni di bruciore.
  • Difficoltà a contrarre i muscoli.
  • Difficoltà nell'utilizzo del braccio o della gamba interessati.
  1. I sintomi durano tipicamente 30 minuti o meno.
  2. Scuotere l’arto colpito spesso allevia le sensazioni.
  3. La parestesia di solito colpisce solo un braccio o una gamba alla volta.
  4. Tuttavia, a seconda della causa, possono essere colpite sia le braccia che le gambe.

Consultare un operatore sanitario se i sintomi durano più di 30 minuti. Il trattamento può essere necessario se le sensazioni corporee di parestesia sono causate da una grave causa sottostante.

Cause

Sedersi con posture scorrette e malsane può comprimere un nervo e generare sintomi. Tuttavia, alcune cause sono più preoccupanti e possono includere:

Cerco assistenza medica

Se i sintomi non scompaiono dopo 30 minuti o continuano a ripresentarsi per ragioni sconosciute, chiama un medico per scoprire cosa causa le sensazioni anomale. Un caso in peggioramento dovrebbe essere monitorato da un operatore sanitario.

Diagnosi

Un operatore sanitario lavorerà con l’individuo per comprendere i sintomi ed eseguire i test diagnostici appropriati per determinare la causa. Un operatore sanitario sceglierà i test sulla base di un esame fisico. Le procedure diagnostiche comuni includono: (Versione professionale del manuale Merck. 2022)

  • Risonanza magnetica: risonanza magnetica della colonna vertebrale, del cervello o delle estremità.
  • Radiografia per escludere anomalie ossee, come una frattura.
  • Esami del sangue.
  • Elettromiografia – Studi EMG.
  • Velocità di conduzione nervosa – test NCV.
  1. Se la parestesia è accompagnata da dolore alla schiena o al collo, un operatore sanitario può sospettare un nervo spinale compresso/pizzicato.
  2. Se l’individuo ha una storia di diabete scarsamente controllato, può sospettare una neuropatia periferica.

Trattamento

Il trattamento per la parestesia dipende dalla diagnosi. Un operatore sanitario può aiutare a determinare la migliore linea d’azione per la condizione specifica.

Sistema Nervoso

  • Se i sintomi sono innescati da una condizione del sistema nervoso centrale come la SM, le persone lavoreranno a stretto contatto con il proprio medico per ottenere il trattamento appropriato.
  • La terapia fisica potrebbe essere raccomandata per contribuire a migliorare la mobilità funzionale complessiva. (Nazanin Razazian, et al., 2016)

Nervo spinale

  • Se la parestesia è causata dalla compressione di un nervo spinale, come la sciatica, gli individui possono essere indirizzati a: chiropratico e il team di terapia fisica per rilasciare il nervo e la pressione. (Julie M. Fritz, et al., 2021)
  • Un fisioterapista può prescrivere esercizi spinali per alleviare la compressione del nervo e ripristinare sensazioni e movimenti normali.
  • Esercizi di rafforzamento per ripristinare flessibilità e mobilità possono essere prescritti se si presenta debolezza insieme a sensazioni di parestesia corporea.

ernia del disco

  • Se la sensazione anomala è causata da un'ernia del disco e non si è riscontrato alcun miglioramento con le misure conservative, un operatore sanitario può suggerire un intervento chirurgico per alleviare la pressione sul nervo o sui nervi. (Associazione americana dei chirurghi neurologici. 2023)
  • Nelle procedure chirurgiche come la laminectomia o la discectomia, l'obiettivo è ripristinare la funzione nervosa.
  • Dopo l'intervento chirurgico, gli individui possono essere raccomandati a un fisioterapista per aiutare a ritrovare la mobilità.

Neuropatia periferica


Cos'è la fascite plantare?


Riferimenti

Istituto Nazionale dei Disturbi Neurologici e dell'Ictus. (2023) Parestesia.

Associazione americana dei chirurghi neurologici. (2023) ernia del disco.

Istituto Nazionale del Diabete e delle Malattie Digestive e Renali. (2018) Neuropatia periferica.

Versione professionale del manuale Merck. (2022) Intorpidimento.

Razazian, N., Yavari, Z., Farnia, V., Azizi, A., Kordavani, L., Bahmani, DS, Holsboer-Trachsler, E., & Brand, S. (2016). Esercitare impatti su affaticamento, depressione e parestesia in pazienti di sesso femminile con sclerosi multipla. Medicina e scienza nello sport e nell'esercizio fisico, 48(5), 796–803. doi.org/10.1249/MSS.0000000000000834

Fritz, JM, Lane, E., McFadden, M., Brennan, G., Magel, JS, Thackeray, A., Minick, K., Meier, W., & Greene, T. (2021). Rinvio alla terapia fisica dalle cure primarie per il mal di schiena acuto con sciatica: uno studio controllato randomizzato. Annali di medicina interna, 174(1), 8–17. doi.org/10.7326/M20-4187

Neuropatia delle piccole fibre: cosa devi sapere

Neuropatia delle piccole fibre: cosa devi sapere

Gli individui con diagnosi di neuropatia periferica o di neuropatia delle piccole fibre possono comprendere i sintomi e le cause per aiutare con potenziali trattamenti?

Neuropatia delle piccole fibre: cosa devi sapere

Neuropatia delle piccole fibre

La Neuropatia delle Piccole Fibre è una classificazione specifica della neuropatia, poiché ne esistono diversi tipi, che comprendono lesioni, danni, malattie e/o disfunzioni dei nervi. I sintomi possono provocare dolore, perdita di sensibilità e sintomi digestivi e urinari. La maggior parte dei casi di neuropatia, come la neuropatia periferica, coinvolge fibre piccole e grandi. Le cause più comuni includono il diabete a lungo termine, le carenze nutrizionali, il consumo di alcol e la chemioterapia.

  • La neuropatia delle piccole fibre viene diagnosticata dopo che i test diagnostici dimostrano che è chiaro che le piccole fibre nervose sono coinvolte.
  • Le piccole fibre nervose rilevano la sensazione, la temperatura e il dolore e aiutano a regolare le funzioni involontarie.
  • La neuropatia isolata delle piccole fibre è rara, ma sono in corso ricerche sul tipo di danno nervoso e sui potenziali trattamenti. (Stephen A. Johnson, et al., 2021)
  • La Neuropatia delle Piccole Fibre non è specificamente pericolosa ma è un segno/sintomo di una causa/condizione sottostante che sta danneggiando i nervi del corpo.

Sintomi

I sintomi includono: (Heidrun H. Krämer, et al., 2023)

  • Dolore: i sintomi possono variare da un disagio lieve o moderato a un disagio grave e possono verificarsi in qualsiasi momento.
  • Perdita di sensibilità.
  • Poiché le piccole fibre nervose aiutano la digestione, la pressione sanguigna e il controllo della vescica, i sintomi della disfunzione autonomica possono variare e possono includere:
  • Stitichezza, diarrea, incontinenza, ritenzione urinaria – incapacità di drenare completamente la vescica.
  • Se il danno ai nervi progredisce, l’intensità del dolore può diminuire, ma la perdita della normale sensibilità e i sintomi autonomici possono peggiorare. (Josef Finsterer, Fulvio A. Scorza. 2022)
  • L'ipersensibilità al tatto e alle sensazioni dolorose può causare dolore senza un fattore scatenante.
  • La perdita di sensibilità può rendere le persone incapaci di rilevare con precisione le sensazioni del tatto, della temperatura e del dolore nelle aree colpite, il che può portare a vari tipi di lesioni.
  • Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, alcuni disturbi che non sono stati considerati neuropatie potrebbero avere componenti della neuropatia delle piccole fibre coinvolte.
  • Uno studio ha suggerito che la rosacea neurogena, una condizione della pelle, potrebbe contenere alcuni elementi della neuropatia delle piccole fibre. (Min Li, et al., 2023)

Piccole fibre nervose

  • Esistono diversi tipi di piccole fibre nervose; due nella neuropatia delle piccole fibre includono A-delta e C. (Josef Finsterer, Fulvio A. Scorza. 2022)
  • Queste piccole fibre nervose sono distribuite in tutto il corpo, comprese le parti superiori delle dita delle mani e dei piedi, il tronco e gli organi interni.
  • Queste fibre si trovano solitamente nelle aree superficiali del corpo, ad esempio vicino alla superficie della pelle. (Mohammad A. Khoshnoodi, et al., 2016)
  • Le piccole fibre nervose che vengono danneggiate sono coinvolte nella trasmissione delle sensazioni di dolore e temperatura.
  • La maggior parte dei nervi ha uno speciale tipo di isolamento chiamato mielina che li protegge e aumenta la velocità degli impulsi nervosi.
  • Le piccole fibre nervose possono avere una guaina sottile, che le rende più suscettibili a lesioni e danni nelle fasi iniziali di condizioni e malattie. (Heidrun H. Krämer, et al., 2023)

Individui a rischio

La maggior parte dei tipi di neuropatia periferica causano danni alle fibre nervose periferiche piccole e grandi. Per questo motivo, la maggior parte delle neuropatie sono un mix di neuropatia delle piccole e grandi fibre. I fattori di rischio comuni per la neuropatia a fibre miste includono: (Stephen A. Johnson, et al., 2021)

  • Diabete
  • Carenze nutrizionali
  • Consumo eccessivo di alcol
  • Malattie autoimmuni
  • Tossicità dei farmaci

La neuropatia isolata delle piccole fibre è rara, ma esistono condizioni note per contribuire alla causa e includono: (Stephen A. Johnson, et al., 2021)

Sindrome di Sjögren

  • Questa malattia autoimmune provoca secchezza degli occhi e della bocca, problemi dentali e dolori articolari.
  • Può anche causare danni ai nervi in ​​tutto il corpo.

Malattia di Fabry

  • Questa condizione provoca un accumulo di alcuni grassi/lipidi nel corpo che può portare a effetti neurologici.

amiloidosi

  • Si tratta di una malattia rara che provoca un accumulo di proteine ​​nel corpo.
  • Le proteine ​​possono danneggiare tessuti come il cuore o i nervi.

Malattia a corpi di Lewy

  • Si tratta di un disturbo neurologico che provoca demenza e disturbi del movimento e può portare a danni ai nervi.

Lupus

  • Questa è una malattia autoimmune che colpisce le articolazioni, la pelle e talvolta il tessuto nervoso.

Infezione virale

  • Queste infezioni in genere causano raffreddore o disturbi gastrointestinali/GI.
  • Meno spesso possono causare altri effetti come la neuropatia delle piccole fibre.

È stato osservato che queste condizioni causano una neuropatia isolata delle piccole fibre o iniziano come neuropatia delle piccole fibre prima di progredire verso le fibre nervose grandi. Possono anche iniziare come neuropatia mista, con fibre piccole e grandi.

progressione

Spesso il danno progredisce a un ritmo relativamente moderato, portando ad ulteriori sintomi nel giro di mesi o anni. Le fibre nervose colpite dalla condizione di base di solito si deteriorano progressivamente, indipendentemente da dove si trovano. (Mohammad A. Khoshnoodi, et al., 2016) I farmaci possono aiutare ad alleviare i danni ai nervi periferici. Per gli individui diagnosticati in fase iniziale, è possibile arrestare la progressione e potenzialmente prevenire il coinvolgimento delle fibre di grandi dimensioni.

Trattamenti

Il trattamento per prevenire la progressione richiede il controllo della condizione medica di base con opzioni di trattamento a seconda della causa. I trattamenti che possono aiutare a prevenire la progressione includono:

  • Controllo della glicemia per le persone con diabete.
  • Integrazione nutrizionale per il trattamento delle carenze vitaminiche.
  • Smettere di consumare alcol.
  • Soppressione immunitaria per il controllo delle malattie autoimmuni.
  • Plasmaferesi: viene prelevato il sangue e il plasma viene trattato e restituito o scambiato per il trattamento di malattie autoimmuni.

Trattamento dei sintomi

Gli individui possono ricevere un trattamento per i sintomi che non invertirà o curerà la condizione ma può aiutare con un sollievo temporaneo. Il trattamento sintomatico può includere: (Josef Finsterer, Fulvio A. Scorza. 2022)

  • La gestione del dolore può includere farmaci e/o analgesici topici.
  • Terapia fisica: stretching, massaggio, decompressione e aggiustamenti per mantenere il corpo rilassato e flessibile.
  • Riabilitazione per aiutare a migliorare la coordinazione, che può essere compromessa dalla perdita di sensibilità.
  • Farmaci per alleviare i sintomi gastrointestinali.
  • Indossare indumenti specifici come calzini per neuropatia per alleviare i sintomi del dolore ai piedi.

Il trattamento e la gestione medica delle neuropatie di solito coinvolgono un neurologo. Un neurologo può prescrivere farmaci per alleviare i sintomi del dolore e fornire interventi medici come l’immunoterapia se si teme che la causa possa essere un processo autoimmune. Inoltre, il trattamento potrebbe includere l’assistenza di un medico di medicina fisica e riabilitazione o di un team di fisioterapia per fornire allungamenti ed esercizi per aiutare a rafforzare il corpo e mantenere mobilità e flessibilità.



Riferimenti

Johnson, SA, Shouman, K., Shelly, S., Sandroni, P., Berini, SE, Dyck, PJB, Hoffman, EM, Mandrekar, J., Niu, Z., Lamb, CJ, Low, PA, Singer , W., Mauermann, ML, Mills, J., Dubey, D., Staff, NP, & Klein, CJ (2021). Incidenza, prevalenza, menomazioni longitudinali e disabilità della neuropatia delle piccole fibre. Neurologia, 97(22), e2236–e2247. doi.org/10.1212/WNL.0000000000012894

Finsterer, J. e Scorza, FA (2022). Neuropatia delle piccole fibre. Acta neurologica Scandinavica, 145(5), 493–503. doi.org/10.1111/ane.13591

Krämer, HH, Bücker, P., Jeibmann, A., Richter, H., Rosenbohm, A., Jeske, J., Baka, P., Geber, C., Wassenberg, M., Fangerau, T., Karst , U., Schänzer, A., & van Thriel, C. (2023). Agenti di contrasto del gadolinio: depositi dermici e potenziali effetti sulle piccole fibre nervose epidermiche. Giornale di neurologia, 270(8), 3981–3991. doi.org/10.1007/s00415-023-11740-z

Li, M., Tao, M., Zhang, Y., Pan, R., Gu, D., & Xu, Y. (2023). La rosacea neurogena potrebbe essere una neuropatia delle piccole fibre. Frontiere nella ricerca sul dolore (Losanna, Svizzera), 4, 1122134. doi.org/10.3389/fpain.2023.1122134

Khoshnoodi, MA, Truelove, S., Burakgazi, A., Hoke, A., Mammen, AL, & Polydefkis, M. (2016). Valutazione longitudinale della neuropatia delle piccole fibre: evidenza di un'assonopatia distale non dipendente dalla lunghezza. Neurologia JAMA, 73(6), 684–690. doi.org/10.1001/jamaneurol.2016.0057

Riduzione del dolore somatosensoriale con la decompressione spinale

Riduzione del dolore somatosensoriale con la decompressione spinale

In che modo la decompressione spinale aiuta a ridurre il dolore somatosensoriale associato a individui che soffrono di dolori alla schiena e alle gambe?

Introduzione

Come tutti sappiamo, il corpo umano è un sistema complesso che lavora insieme per eseguire varie azioni senza provare dolore o disagio. Con muscoli, organi, tessuti, legamenti, ossa e radici nervose, ogni componente ha il suo lavoro e interagisce con altre parti del corpo. Ad esempio, la colonna vertebrale collabora con il sistema nervoso centrale per istruire i muscoli e gli organi a funzionare correttamente. Nel frattempo, le radici nervose e i muscoli lavorano insieme per fornire mobilità, stabilità e flessibilità alle estremità superiori e inferiori del corpo. Tuttavia, con il passare del tempo, il corpo invecchia naturalmente e questo può portare a problemi indesiderati. Fattori normali e traumatici possono interferire con i segnali dei neuroni dal cervello e causare dolore somatosensoriale agli arti superiori e inferiori. Questa sensazione simile al dolore può influenzare ogni sezione del corpo, rendendo l'individuo infelice. Fortunatamente, ci sono modi per ridurre il dolore somatosensoriale e fornire sollievo al corpo. L'articolo di oggi esplora come il dolore somatosensoriale può colpire gli arti inferiori, in particolare le gambe e la schiena, e come i trattamenti non chirurgici come la decompressione spinale possono alleviare il dolore somatosensoriale negli arti inferiori. Allo stesso tempo, lavoriamo fianco a fianco con operatori sanitari certificati che utilizzano le informazioni dei nostri pazienti per trattare e mitigare il dolore somatosensoriale che colpisce le gambe e la schiena. Li informiamo inoltre che i trattamenti non chirurgici come la decompressione spinale possono aiutare ad alleviare i sintomi simili al dolore residuo degli arti inferiori. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre domande essenziali e importanti mentre cercano informazioni dai nostri fornitori di servizi medici associati sul loro dolore. Dr. Alex Jimenez, DC, incorpora queste informazioni come servizio educativo. Negazione di responsabilità

 

In che modo il dolore somatosensoriale influisce sulle gambe e sulla schiena?

Provi intorpidimento o formicolio alle gambe o alla schiena che scompare dopo pochi minuti? Senti un dolore discutibile alla colonna lombare dopo il lavoro? Oppure senti una sensazione di calore nella parte posteriore delle gambe che si trasforma in un forte dolore lancinante? Questi problemi possono essere correlati al sistema somatosensoriale all'interno del sistema nervoso centrale, che fornisce riflessi volontari ai gruppi muscolari. Quando movimenti normali o forze traumatiche causano problemi al sistema somatosensoriale nel tempo, possono portare a dolore che colpisce le estremità del corpo. (Finnerup, Kuner e Jensen, 2021) Questo dolore può essere accompagnato da sensazioni di bruciore, pizzicore o schiacciamento che colpiscono la regione lombare. Molti fattori possono essere associati al dolore somatosensoriale, che fa parte del sistema nervoso centrale e lavora con il midollo spinale. Quando il midollo spinale si comprime o si aggrava a causa di lesioni o fattori normali, può causare dolore lombare e alle gambe. Ad esempio, un'ernia del disco nella zona lombosacrale può far sì che le radici nervose inviino segnali di dolore al cervello e causare anomalie nella schiena e nelle gambe. (Aminoff e Goodin, 1988)

 

 

Quando le persone hanno a che fare con dolori alla schiena e alle gambe a causa del dolore somatosensoriale, possono essere infelici riducendo la qualità della loro vita e portando a una vita di disabilità. (Rosenberger et al., 2020) Allo stesso tempo, le persone che soffrono di dolore somatosensoriale inizieranno anche a sentire effetti infiammatori dall'area muscolare interessata nelle gambe e nella schiena. Poiché l'infiammazione è una risposta naturale del corpo quando si affronta il dolore, le citochine infiammatorie possono causare un effetto a cascata dal cervello attraverso il midollo spinale, causando dolore alle gambe e alla schiena. (Matsuda, Huh e Ji, 2019) A quel punto, il dolore somatosensoriale è associato all'infiammazione causata da fattori normali o traumatici che possono causare fattori di rischio sovrapposti che contribuiscono al dolore alle gambe e alla schiena. Fortunatamente, numerosi trattamenti possono ridurre questi fattori di rischio sovrapposti causati dal dolore somatosensoriale e aiutare a ripristinare la funzione delle estremità inferiori del corpo.

 


Muoviti meglio, vivi meglio - Video

Quando il corpo ha a che fare con il dolore somatosensoriale, può indurre molte persone a pensare di avere a che fare solo con una fonte di dolore da un'area muscolare. Tuttavia, può portare a problemi multifattoriali che interessano diverse posizioni del corpo. Questo è noto come dolore riferito, in cui una sezione del corpo si occupa del dolore ma si trova in un'area diversa. Il dolore riferito può anche essere combinato con il dolore somato-viscerale/viscerale-somatico, in cui il muscolo o l'organo interessato colpisce l'uno o l'altro, causando problemi più simili al dolore. Tuttavia, numerosi trattamenti possono ridurre il dolore somatosensoriale causando più problemi alle gambe e alla schiena. Terapie non chirurgiche come la cura chiropratica e la decompressione spinale possono aiutare a mitigare gli effetti del dolore somatosensoriale che colpisce le estremità inferiori del corpo causando dolore alle gambe e alla schiena. Questi trattamenti consentono allo specialista del dolore di incorporare varie tecniche terapeutiche per allungare i muscoli interessati e riallineare la colonna vertebrale alla sua posizione originale. Molte persone possono vedere un miglioramento della loro mobilità e delle attività quotidiane poiché i sintomi simili al dolore associati al dolore somatosensoriale sono ridotti. (Gose, Naguszewski e Naguszewski, 1998) Quando le persone che hanno a che fare con il dolore somatosensoriale iniziano a pensare alla propria salute e al proprio benessere per alleviare il dolore che stanno vivendo, possono prendere in considerazione trattamenti non chirurgici poiché sono convenienti, sicuri e forniscono un risultato positivo. Inoltre, i trattamenti non chirurgici possono essere personalizzati in base al dolore dell'individuo e iniziano a vedere miglioramenti dopo alcune sessioni di trattamento. (Saal & Saal, 1989) Guarda il video qui sopra per saperne di più su come i trattamenti non chirurgici possono essere combinati con altre terapie per migliorare il benessere di una persona.


La decompressione spinale riduce il dolore somatosenosory

Ora la decompressione spinale è un trattamento non chirurgico che può aiutare a ridurre il dolore somatosensoriale che colpisce le gambe e la schiena. Poiché il dolore somatosensoriale è correlato al midollo spinale, può interessare la colonna vertebrale lombosacrale e causare dolore alla schiena e alle gambe. Con la decompressione spinale, utilizza una leggera trazione per tirare delicatamente la colonna vertebrale, che quindi può ridurre i sintomi associati al dolore somatosensoriale. La decompressione spinale può aiutare a migliorare il sistema somatosensoriale riducendo il dolore e alleviando la compressione aggravata della radice nervosa per alleviare le gambe e la schiena. (Daniel, 2007 anni)

 

 

 

Inoltre, la decompressione spinale può essere combinata con altri trattamenti non chirurgici, come la chiropratica, in quanto può aiutare a ridurre gli effetti dell'intrappolamento del nervo e aiutare a ripristinare il ROM (range of motion) dell'articolazione. (Kirkaldy-Willis & Cassidy, 1985) La decompressione spinale può creare un'esperienza positiva per molte persone che hanno a che fare con dolori alle gambe e alla schiena associati a dolori somatosensoriali mentre recuperano salute e benessere.


Riferimenti

Aminoff, MJ, e Goodin, DS (1988). Potenziali evocati somatosensoriali dermatomerici nella compressione della radice lombosacrale. J Neurol Neurosurg Psychiatry, 51(5), 740-742. doi.org/10.1136/jnnp.51.5.740-a

 

Daniele, DM (2007). Terapia di decompressione spinale non chirurgica: la letteratura scientifica supporta le affermazioni di efficacia fatte nei media pubblicitari? Chiropr Osteopat, 15 7. doi.org/10.1186/1746-1340-15-7

 

Finnerup, NB, Kuner, R. e Jensen, TS (2021). Dolore neuropatico: dai meccanismi al trattamento. Physiol Rev, 101(1), 259-301. doi.org/10.1152/physrev.00045.2019

 

Gose, EE, Naguszewski, WK e Naguszewski, RK (1998). Terapia di decompressione assiale vertebrale per il dolore associato a ernia o degenerazione del disco o sindrome delle faccette: uno studio sui risultati. Neurolo Ris, 20(3), 186-190. doi.org/10.1080/01616412.1998.11740504

 

Kirkaldy-Willis, WH, e Cassidy, JD (1985). Manipolazione spinale nel trattamento della lombalgia. Può Fam Physician, 31, 535-540. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21274223

www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2327983/pdf/canfamphys00205-0107.pdf

 

Matsuda, M., Huh, Y. e Ji, RR (2019). Ruoli dell'infiammazione, dell'infiammazione neurogena e della neuroinfiammazione nel dolore. J Anest, 33(1), 131-139. doi.org/10.1007/s00540-018-2579-4

 

Rosenberger, DC, Blechschmidt, V., Timmerman, H., Wolff, A. e Treede, RD (2020). Sfide del dolore neuropatico: focus sulla neuropatia diabetica. J Neural Transm (Vienna), 127(4), 589-624. doi.org/10.1007/s00702-020-02145-7

 

Saal, JA, e Saal, JS (1989). Trattamento incruento dell'ernia del disco intervertebrale lombare con radicolopatia. Uno studio sui risultati. Spine (Phila Pa 1976), 14(4), 431-437. doi.org/10.1097/00007632-198904000-00018

 

Negazione di responsabilità