ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Chiropratica

Back Clinic Chiropratica. Questa è una forma di trattamento alternativo che si concentra sulla diagnosi e sul trattamento di varie lesioni e condizioni muscoloscheletriche, in particolare quelle associate alla colonna vertebrale. Il Dr. Alex Jimenez discute come gli aggiustamenti spinali e le manipolazioni manuali regolarmente possono aiutare notevolmente sia a migliorare che ad eliminare molti sintomi che potrebbero causare disagio all'individuo. I chiropratici ritengono che tra i principali motivi di dolore e malattia vi sia il disallineamento delle vertebre nella colonna vertebrale (questo è noto come sublussazione chiropratica).

Attraverso l'uso del rilevamento manuale (o palpazione), della pressione applicata con cura, del massaggio e della manipolazione manuale delle vertebre e delle articolazioni (chiamate regolazioni), i chiropratici possono alleviare la pressione e l'irritazione sui nervi, ripristinare la mobilità articolare e aiutare a ripristinare l'omeostasi del corpo . Dalle sublussazioni, o disallineamenti spinali, alla sciatica, una serie di sintomi lungo il nervo sciatico causati dal conflitto nervoso, la cura chiropratica può ripristinare gradualmente lo stato naturale dell'individuo. Il Dr. Jimenez compila un gruppo di concetti sulla chiropratica per educare al meglio le persone sulla varietà di lesioni e condizioni che colpiscono il corpo umano.


Agopuntura per ridurre il dolore articolare nel lupus: un approccio naturale

Agopuntura per ridurre il dolore articolare nel lupus: un approccio naturale

Le persone che soffrono di dolori articolari possono incorporare la terapia di agopuntura per gestire i sintomi del lupus e ripristinare la mobilità del corpo?

Introduzione

Il sistema immunitario è molto importante per il corpo poiché il suo compito principale è proteggere le strutture vitali dagli invasori stranieri che possono causare problemi di dolore e disagio. Il sistema immunitario ha un rapporto sano con i diversi sistemi del corpo, compreso il sistema muscolo-scheletrico, poiché le citochine infiammatorie aiutano a guarire i danni muscolari e tissutali quando il corpo è ferito. Nel corso del tempo, tuttavia, quando i normali fattori ambientali e genetici iniziano a svilupparsi nel corpo, il sistema immunitario inizierà a inviare queste citochine alle cellule sane e normali. A quel punto, il corpo inizia a correre il rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Ora, le malattie autoimmuni nel corpo possono causare danni nel tempo se non vengono gestite, portando a disturbi cronici che possono causare sintomi sovrapposti nel sistema muscolo-scheletrico. Una delle malattie autoimmuni più comuni è il lupus eritematoso sistemico o lupus e può causare dolore e disagio costanti a una persona correlandosi con dolori muscolari e articolari. L'articolo di oggi esamina i fattori e gli effetti del lupus, il peso del dolore articolare nel lupus e come approcci olistici come l'agopuntura possono aiutare a gestire il lupus ripristinando la mobilità del corpo. Parliamo con fornitori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come ridurre al minimo gli effetti del dolore causati dal lupus sulle articolazioni. Informiamo e guidiamo inoltre i pazienti su come l'agopuntura può aiutare a gestire il lupus e combinare altre terapie per ridurre i sintomi simili al dolore che colpiscono il sistema muscolo-scheletrico. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione della terapia di agopuntura per alleviare gli effetti infiammatori del lupus trovando al contempo modi naturali per ripristinare la mobilità. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

I fattori e gli effetti del lupus

Hai avvertito dolori articolari agli arti superiori o inferiori, rendendo difficile la tua attività durante il giorno? Hai sentito gli effetti costanti della stanchezza? Molte persone che soffrono di questi problemi simili al dolore potrebbero rischiare di sviluppare il lupus eritematoso sistemico. In questa malattia autoimmune, il sistema immunitario del corpo inizia erroneamente ad attaccare i suoi tessuti, provocando così infiammazione e una serie di sintomi simili al dolore. Il lupis è difficile da diagnosticare a causa della sua complessa disregolazione immunitaria che può portare a una sovrapproduzione di citochine che possono influenzare il corpo. (Lazar e Kahlenberg, 2023) Allo stesso tempo, il lupus può colpire una popolazione diversificata, con sintomi e gravità che variano a seconda di quanto lievi o gravi i fattori influenzino il corpo. Il lupus può colpire varie parti del corpo, comprese le articolazioni, la pelle, i reni, le cellule del sangue e altre parti e organi vitali del corpo, poiché fattori ambientali e ormonali possono influenzarne lo sviluppo. (Tsang e Bultink, 2021) Inoltre, il lupus può essere strettamente associato ad altre comorbilità che causano profili di rischio sovrapposti con infiammazioni che possono colpire le articolazioni del sistema muscolo-scheletrico.

 

Il peso del dolore articolare nel lupus

 

Il lupus è difficile da diagnosticare poiché spesso imita altri disturbi; il sintomo doloroso più comune che colpisce il lupus sono le articolazioni. Gli individui affetti da lupus avvertono dolori articolari, che possono causare effetti infiammatori e danni strutturali alle articolazioni, ai tendini, ai muscoli e alle ossa, causando anomalie patologiche. (Di Matteo et al., 2021) Poiché il lupus provoca effetti infiammatori nelle articolazioni, molti individui penseranno di soffrire di artrite infiammatoria e può causare profili di rischio sovrapposti poiché è accompagnato dal lupus, causando così dolore localizzato alle articolazioni indipendentemente dalla sua origine. (Senthelal et al., 2024) Il dolore articolare negli individui affetti da lupus può ostacolare in modo significativo le attività quotidiane, riducendo la mobilità e la qualità generale della vita mentre cercano di trovare sollievo. 

 


Svelare i segreti dell'infiammazione-Video


 

Un approccio olistico alla gestione del lupus

Mentre i trattamenti standard per il lupus prevedono farmaci e immunosoppressori per ridurre l’infiammazione causata dal lupus, molte persone vogliono cercare approcci olistici per gestire il lupus e ridurre gli effetti infiammatori che colpiscono le articolazioni apportando piccoli cambiamenti nella loro vita. Molte persone incorporano cibi antinfiammatori ricchi di antiossidanti per smorzare gli effetti infiammatori. Vari integratori, come vitamina D, calcio, zinco, ecc., possono aiutare a ridurre l’infiammazione causata dal lupus e rafforzare la salute delle ossa. Inoltre, i trattamenti non chirurgici possono anche migliorare la capacità cardiorespiratoria e diminuire l’affaticamento migliorando al contempo la funzione psicologica, il che può aiutare a migliorare la qualità della vita di una persona gestendo i sintomi causati dal lupus. (Fangtham et al., 2019)

 

Come l'agopuntura potrebbe aiutare il lupus e ripristinare la mobilità

Una delle forme più antiche di approccio non chirurgico e olistico per ridurre l’infiammazione e gestire il lupus è l’agopuntura. L'agopuntura prevede l'inserimento di aghi solidi e sottili utilizzati da professionisti altamente qualificati in punti specifici del corpo per bilanciare il qi (energia) del corpo stimolando il sistema nervoso e rilasciando sostanze chimiche benefiche nei muscoli interessati, nel midollo spinale e nel cervello. Inoltre, l’agopuntura, con i suoi effetti collaterali minimi e l’approccio olistico, può aiutare a gestire il lupus. Questo perché quando gli aghi dell'agopuntura vengono posizionati sui punti terapeutici del corpo, possono interrompere i segnali del dolore che causano dolore nell'area interessata e regolare le citochine infiammatorie del lupus per fornire sollievo. (Wang et al., 2023) Ciò è dovuto alla sua filosofia di affrontare non solo il dolore fisico ma anche i sintomi emotivi e psicologici della convivenza con una condizione cronica come il lupus.

 

 

Inoltre, l’agopuntura può aiutare a ripristinare la mobilità articolare e a gestire il lupus attraverso trattamenti consecutivi, poiché molte persone notano che la mobilità articolare è migliorata e il dolore è diminuito. Questo perché l'inserimento e la manipolazione degli aghi nei punti terapeutici del corpo causano alterazioni nell'input sensoriale afferente al sistema nervoso centrale, che aumenta l'eccitabilità dell'alfa motoneurone e riduce l'infiammazione. (Kim et al., 2020) Quando le persone hanno a che fare con il lupus e cercano di trovare metodi olistici alternativi per alleviare l'infiammazione e il dolore articolare causati dal lupus, l'agopuntura e i trattamenti non chirurgici possono offrire un raggio di speranza nella gestione delle sfide quotidiane del lupus. 

 


Riferimenti

Di Matteo, A., Smerilli, G., Cipolletta, E., Salaffi, F., De Angelis, R., Di Carlo, M., Filippucci, E., & Grassi, W. (2021). Imaging del coinvolgimento dei tessuti molli e articolari nel lupus eritematoso sistemico. Curr Reumatolo Rep, 23(9), 73. doi.org/10.1007/s11926-021-01040-8

Fangtham, M., Kasturi, S., Bannuru, RR, Nash, JL, & Wang, C. (2019). Terapie non farmacologiche per il lupus eritematoso sistemico. Lupus, 28(6), 703-712. doi.org/10.1177/0961203319841435

Kim, D., Jang, S. e Park, J. (2020). L’elettroagopuntura e l’agopuntura manuale aumentano la flessibilità articolare ma riducono la forza muscolare. Sanità (Basilea), 8(4). doi.org/10.3390/healthcare8040414

Lazar, S. e Kahlenberg, JM (2023). Lupus eritematoso sistemico: nuovi approcci diagnostici e terapeutici. Annu Rev Med, 74, 339-352. doi.org/10.1146/annurev-med-043021-032611

Senthelal, S., Li, J., Ardeshirzadeh, S., & Thomas, MA (2024). Artrite. In StatPerle. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30085534

Tsang, ASMWP e Bultink, IEM (2021). Nuovi sviluppi nel lupus eritematoso sistemico. Reumatologia (Oxford), 60(Suppl 6), vi21-vi28. doi.org/10.1093/rheumatology/keab498

Wang, H., Wang, B., Huang, J., Yang, Z., Song, Z., Zhu, Q., Xie, Z., Sun, Q., & Zhao, T. (2023). Efficacia e sicurezza della terapia di agopuntura combinata con la farmacoterapia convenzionale nel trattamento del lupus eritematoso sistemico: una revisione sistematica e una meta-analisi. Medicina (Baltimora), 102(40), e35418. doi.org/10.1097/MD.0000000000035418

Negazione di responsabilità

Gestire il dolore della sciatica con l'agopuntura: cosa devi sapere

Gestire il dolore della sciatica con l'agopuntura: cosa devi sapere

Per le persone che considerano l'agopuntura per il sollievo e la gestione della sciatica, sapere come funziona e cosa aspettarsi durante una sessione può aiutare a prendere una decisione?

Gestire il dolore della sciatica con l'agopuntura: cosa devi sapere

Sessione di trattamento della sciatica con agopuntura

L'agopuntura per la sciatica è un trattamento medico sicuro ed efficace per alleviare e gestire i sintomi del dolore. Gli studi suggeriscono che è efficace quanto altre strategie di trattamento e causa meno effetti collaterali. (Zhihui Zhang et al., 2023) La frequenza dell'agopuntura per alleviare il dolore della sciatica dipende dalla gravità della condizione e della lesione, ma molti riferiscono un miglioramento entro due o tre settimane. (Fang-Ting Yu et al., 2022)

Posizionamento dell'ago

  • I problemi di circolazione possono causare il ristagno dell'energia del corpo in uno o più meridiani/canali, provocando dolore all'interno e intorno all'area circostante. (Wei-Bo Zhang et al., 2018)
  • L'obiettivo dell'agopuntura è ripristinare la circolazione ottimale stimolando punti specifici del corpo chiamati agopunti.
  • Aghi sottili e sterili stimolano i punti terapeutici per attivare le naturali capacità di guarigione del corpo e alleviare il dolore. (Heming Zhu 2014)
  • Alcuni praticanti usano elettroagopuntura – Una corrente elettrica delicata e delicata viene applicata agli aghi e passa attraverso i tessuti per attivare il sistema nervoso. (Ruixin Zhang et al., 2014)

Punti di agopuntura

Il trattamento della sciatica con agopuntura coinvolge specifici punti terapeutici lungo i meridiani della vescica e della cistifellea.

Meridiano della Vescica – BL

Il meridiano della vescica/BL corre lungo la schiena lungo la colonna vertebrale, i fianchi e le gambe. I punti terapeutici all'interno del meridiano della sciatica includono: (Fang-Ting Yu et al., 2022)

  • BL 23 -Shenshu – Posizione nella parte bassa della schiena, vicino al rene.
  • BL 25 – Dachangshu – Posizione nella parte bassa della schiena.
  • BL 36 – Chengfu – Posizione sulla parte posteriore della coscia, appena sotto i glutei.
  • BL 40 – Weizhong – Posizione dietro il ginocchio.

Meridiano della Cistifellea – GB

Il meridiano/GB della cistifellea corre lungo i lati dall'angolo degli occhi fino al mignolo. (Thomas Perreault et al., 2021) I punti terapeutici per la sciatica all'interno di questo meridiano includono: (Zhihui Zhang et al., 2023)

  • GB 30 – Huantiao – Posizione sulla schiena, dove i glutei incontrano i fianchi.
  • GB 34 – Yanglingquan – Posizione all'esterno della gamba, sotto il ginocchio.
  • GB 33 – Xiyangguan – Posizione laterale al ginocchio, sul fianco.

La stimolazione dei punti terapeutici in questi meridiani aumenta il flusso sanguigno nell'area, riduce l'infiammazione e rilascia endorfine e altre sostanze neurochimiche antidolorifiche per alleviare i sintomi. (Ningcen Li et al., 2021) Gli agopunti specifici variano a seconda dei sintomi e della causa principale. (Tiaw-Kee Lim et al., 2018)

Esempio Paziente

An esempio di sessione di trattamento della sciatica con agopuntura: Un paziente con dolore lancinante persistente che si estende lungo la parte posteriore e laterale della gamba. Un trattamento standard consiste in quanto segue:

  • L'agopuntore esamina attentamente la storia medica e i sintomi del paziente e indica al paziente dove si trova il dolore.
  • Quindi, palpano l'area e i suoi dintorni per scoprire dove il dolore peggiora e diminuisce, comunicando con il paziente man mano che procede.
  • A seconda del sito e della gravità, possono iniziare a posizionare gli aghi nella parte bassa della schiena, concentrandosi sul sito della lesione.
  • A volte è coinvolto l'osso sacro, quindi l'agopuntore posizionerà gli aghi su quei punti terapeutici.
  • Quindi si spostano nella parte posteriore della gamba e inseriscono gli aghi.
  • Gli aghi vengono trattenuti per 20-30 minuti.
  • L'agopuntore lascia la stanza o l'area di trattamento ma si registra regolarmente.
  • Il paziente può avvertire calore, formicolio o lieve pesantezza, che è una risposta normale. È qui che i pazienti riferiscono un effetto calmante. (Shilpadevi Patil et al., 2016)
  • Gli aghi vengono accuratamente rimossi.
  • Il paziente può sentirsi profondamente rilassato e gli verrà consigliato di alzarsi lentamente per evitare vertigini.
  • Potrebbero verificarsi dolore, arrossamento o lividi nel sito di inserimento dell'ago, il che è normale e dovrebbe risolversi rapidamente.
  • Al paziente verranno fornite raccomandazioni su come evitare attività faticose, idratarsi adeguatamente ed eseguire allungamenti delicati.

Benefici dell'agopuntura

L’agopuntura ha dimostrato di essere una terapia complementare per il sollievo e la gestione del dolore. I benefici dell'agopuntura:

Migliora la circolazione

  • L'agopuntura stimola la circolazione sanguigna, che nutre i nervi danneggiati o irritati e favorisce la guarigione.
  • Questo aiuta ad alleviare i sintomi della sciatica, come intorpidimento, formicolio e dolore. (Song-Yi Kim et al., 2016)

Rilascia endorfine

  • L'agopuntura innesca il rilascio di endorfine e altre sostanze chimiche antidolorifiche naturali, che aiutano ad alleviare il dolore. (Shilpadevi Patil et al., 2016)

Regola il sistema nervoso

  • L’agopuntura riequilibra le risposte simpatiche e parasimpatiche, riducendo lo stress, la tensione e il dolore. (Xin Ma et al., 2022)

Rilassa i muscoli

  • Il dolore nervoso spesso accompagna la tensione muscolare e gli spasmi.
  • L'agopuntura rilassa i muscoli tesi, riducendo la pressione e fornendo sollievo. (Zhihui Zhang et al., 2023)

Dai sintomi alle soluzioni


Riferimenti

Zhang, Z., Hu, T., Huang, P., Yang, M., Huang, Z., Xia, Y., Zhang, X., Zhang, X., & Ni, G. (2023). L'efficacia e la sicurezza della terapia di agopuntura per la sciatica: una revisione sistematica e una meta-analisi di percorsi controllati randomizzati. Frontiere delle neuroscienze, 17, 1097830. doi.org/10.3389/fnins.2023.1097830

Yu, FT, Liu, CZ, Ni, GX, Cai, GW, Liu, ZS, Zhou, XQ, Ma, CY, Meng, XL, Tu, JF, Li, HW, Yang, JW, Yan, SY, Fu, HY, Xu, WT, Li, J., Xiang, HC, Sun, TH, Zhang, B., Li, MH, Wan, WJ, … Wang, LQ (2022). Agopuntura per la sciatica cronica: protocollo per uno studio multicentrico randomizzato e controllato. BMJ aperto, 12(5), e054566. doi.org/10.1136/bmjopen-2021-054566

Zhang, WB, Jia, DX, Li, HY, Wei, YL, Yan, H., Zhao, PN, Gu, FF, Wang, GJ, & Wang, YP (2018). Comprendere il Qi che scorre nei Meridiani come fluido interstiziale che scorre attraverso lo spazio interstiziale con bassa resistenza idraulica. Giornale cinese di medicina integrativa, 24(4), 304–307. doi.org/10.1007/s11655-017-2791-3

Zhu H. (2014). Gli agopunti avviano il processo di guarigione. Agopuntura medica, 26(5), 264–270. doi.org/10.1089/acu.2014.1057

Zhang, R., Lao, L., Ren, K. e Berman, BM (2014). Meccanismi di agopuntura-elettroagopuntura sul dolore persistente. Anestesiologia, 120(2), 482–503. doi.org/10.1097/ALN.0000000000000101

Perreault, T., Fernández-de-Las-Peñas, C., Cummings, M., & Gendron, BC (2021). Interventi di puntura per la sciatica: scelta dei metodi basati sui meccanismi del dolore neuropatico: una revisione di scoping. Giornale di medicina clinica, 10(10), 2189. doi.org/10.3390/jcm10102189

Li, N., Guo, Y., Gong, Y., Zhang, Y., Fan, W., Yao, K., Chen, Z., Dou, B., Lin, X., Chen, B., Chen, Z., Xu, Z. e Lyu, Z. (2021). Le azioni antinfiammatorie e i meccanismi dell'agopuntura dai punti di agopuntura agli organi bersaglio tramite la regolazione neuro-immune. Giornale di ricerca sull'infiammazione, 14, 7191–7224. doi.org/10.2147/JIR.S341581

Lim, TK, Ma, Y., Berger, F., & Litscher, G. (2018). Agopuntura e meccanismi neurali nella gestione della lombalgia: un aggiornamento. Medicinali (Basilea, Svizzera), 5(3), 63. doi.org/10.3390/medicines5030063

Kim, SY, Min, S., Lee, H., Cheon, S., Zhang, X., Park, JY, Song, TJ, & Park, HJ (2016). Cambiamenti del flusso sanguigno locale in risposta alla stimolazione dell'agopuntura: una revisione sistematica. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza: eCAM, 2016, 9874207. doi.org/10.1155/2016/9874207

Patil, S., Sen, S., Bral, M., Reddy, S., Bradley, KK, Cornett, EM, Fox, CJ e Kaye, AD (2016). Il ruolo dell'agopuntura nella gestione del dolore. Rapporti attuali su dolore e mal di testa, 20(4), 22. doi.org/10.1007/s11916-016-0552-1

Ma, X., Chen, W., Yang, NN, Wang, L., Hao, XW, Tan, CX, Li, HP, & Liu, CZ (2022). Potenziali meccanismi dell'agopuntura per il dolore neuropatico basati sul sistema somatosensoriale. Frontiere delle neuroscienze, 16, 940343. doi.org/10.3389/fnins.2022.940343

L'impatto dell'elettroagopuntura sulla sindrome dello stretto toracico

L'impatto dell'elettroagopuntura sulla sindrome dello stretto toracico

Gli individui con sindrome dello stretto toracico possono incorporare l’elettroagopuntura per ridurre il dolore al collo e ripristinare una postura corretta?

Introduzione

Più volte in tutto il mondo, molte persone hanno sperimentato dolore al collo, che può portare a dolore e disagio. Molti fattori ambientali, come stare in una posizione curva mentre si guarda il computer o il telefono, lesioni traumatiche, cattiva postura o problemi alla colonna vertebrale, possono causare sintomi simili al dolore e complicazioni al corpo. Poiché il dolore al collo è un disturbo comune di cui soffrono molte persone, sintomi come formicolio, intorpidimento o debolezza muscolare negli arti superiori possono portare a comorbidità. Quando ciò accade, può portare allo sviluppo di una condizione complessa nota come sindrome dello stretto toracico o TOS. L'articolo di oggi esamina il collegamento tra la sindrome dello stretto toracico e il dolore al collo, come gestire la TOS alleviando il dolore al collo e come l'elettroagopuntura può aiutare con la TOS. Parliamo con fornitori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come ridurre al minimo gli effetti della TOS riducendo al contempo il dolore al collo. Informiamo e guidiamo inoltre i pazienti su come l'elettroagopuntura può aiutare a gestire la TOS. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione dell'elettroagopuntura per alleviare la TOS associata al collo. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

Il legame tra la sindrome dello stretto toracico e il dolore al collo

Hai notato come sei curvo più del solito? Avverti sintomi di formicolio o intorpidimento dalle braccia alle mani? Oppure senti tensione muscolare al collo? La sindrome dello stretto toracico, o TOS, è una condizione difficile che comporta la compressione delle strutture neurovascolari tra la clavicola e la prima costola. (Masocatto et al., 2019) Queste strutture neurovascolari si trovano vicino al collo e alle spalle. Quando le strutture ambientali colpiscono gli arti superiori, ciò può portare a dolore al collo riferito, che può causare profili di rischio sovrapposti. Alcuni dei fattori che la TOS può contribuire al dolore al collo includono: 

  • Variazioni atomiche
  • Cattiva postura
  • Movimenti ripetitivi
  • Lesioni traumatiche

 

 

Allo stesso tempo, le persone con dolore al collo possono sviluppare la TOS, poiché il dolore al collo è una condizione muscoloscheletrica multifattoriale che può essere associata a profili di rischio sovrapposti che contribuiscono alla TOS. (Kazeminasab et al., 2022) Come affermato in precedenza, fattori come una cattiva postura possono allungare eccessivamente i muscoli del collo e le strutture neurovascolari, portando a sintomi di dolore neuropatico che possono causare dolore profondo riferito al collo e debolezza muscolare. (Childress & Stuek, 2020) Quando ciò accade, molte persone inizieranno a sentirsi infelici e inizieranno a cercare un trattamento non solo per ridurre la TOS ma anche per alleviare il dolore al collo.

 


Cos'è la sindrome dello stretto toracico - Video


Gestire la TOS e alleviare il dolore al collo

Quando si tratta di trattare la TOS, soprattutto quando il dolore al collo è una componente significativa, molte persone cercheranno di cercare trattamenti non chirurgici per ridurre i sintomi. Molte persone possono provare la terapia fisica per allungare e rafforzare i muscoli delle spalle, del torace e del collo per alleviare la compressione. Altri potrebbero provare un trattamento manuale orientato alle articolazioni per il collo mentre orientato ai tessuti neurali per la TOS per migliorare la mobilizzazione degli arti superiori e persino migliorare la cattiva postura. (Kuligowski et al., 2021) Inoltre, i trattamenti non chirurgici possono essere combinati con altre terapie per ridurre le possibilità di recidiva della TOS poiché possono aumentare ulteriormente la funzione sensomotoria del collo e degli arti superiori. (Borrella-Andrés et al., 2021)

 

Come l'elettroagopuntura può aiutare con la TOS

 

L'elettroagopuntura è una forma moderna di agopuntura tradizionale che fa parte dei trattamenti non chirurgici che possono aiutare a gestire la TOS alleviando il dolore al collo. L'elettroagopuntura è una modifica che prevede l'inserimento di aghi nei punti terapeutici del corpo incorporando la stimolazione elettrica per fornire delicatamente una corrente elettrica pulsata alla zona interessata. (Zhang et al., 2022) Alcune delle proprietà benefiche che l'elettrostimolazione può fornire per la TOS includono:

  • Riduzione del dolore stimolando il rilascio di endorfine per diminuire l'infiammazione.
  • Aiuta a rilassare i muscoli interessati del torace e del collo per alleviare la pressione sui nervi dello stretto toracico.
  • Aiuta a migliorare il flusso sanguigno per ridurre la compressione vascolare della TOS.
  • Aiuta a stimolare il percorso nervoso per promuovere una sana funzione nervosa e ridurre i sintomi simili al dolore. 

Incorporando l'elettroagopuntura e trattamenti non chirurgici per ridurre la TOS, molti individui possono apportare modifiche alle proprie abitudini di vita e prevenire che i problemi colpiscano le estremità superiori del corpo. Utilizzando questi trattamenti, molte persone possono ascoltare il proprio corpo e concentrarsi sulla propria salute e sul proprio benessere affrontando i sintomi simili al dolore che sperimentano a causa della TOS correlata al dolore al collo. Allo stesso tempo, hanno un rapporto positivo con i loro medici di base per sviluppare un piano di trattamento personalizzato in grado di gestire i sintomi della TOS con i migliori risultati. 

 


Riferimenti

Borrella-Andres, S., Marques-Garcia, I., Lucha-Lopez, MO, Fanlo-Mazas, P., Hernandez-Secorun, M., Perez-Bellmunt, A., Tricas-Moreno, JM, & Hidalgo- Garcia, C. (2021). Terapia manuale come gestione della radicolopatia cervicale: una revisione sistematica. Biomed Res Int, 2021 9936981. doi.org/10.1155/2021/9936981

Childress, MA e Stuek, SJ (2020). Dolore al collo: valutazione iniziale e gestione. Medico di famiglia americano, 102(3), 150-156. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32735440

www.aafp.org/dam/brand/aafp/pubs/afp/issues/2020/0801/p150.pdf

Kazeminasab, S., Nejadghaderi, SA, Amiri, P., Pourfathi, H., Araj-Khodaei, M., Sullman, MJM, Kolahi, AA, & Safiri, S. (2022). Dolore al collo: epidemiologia globale, tendenze e fattori di rischio. BMC Musculoskelet Disord, 23(1), 26. doi.org/10.1186/s12891-021-04957-4

Kuligowski, T., Skrzek, A., & Cieslik, B. (2021). Terapia manuale nella radicolopatia cervicale e lombare: una revisione sistematica della letteratura. Int J Environ Res Sanità pubblica, 18(11). doi.org/10.3390/ijerph18116176

Masocatto, NO, Da-Matta, T., Prozzo, TG, Couto, WJ, & Porfirio, G. (2019). Sindrome dello stretto toracico: una revisione narrativa. Rev Col Bras Cir, 46(5), e20192243. doi.org/10.1590/0100-6991e-20192243 (Sindrome do desfiladeiro toracico: uma revisao narrativa.)

Zhang, B., Shi, H., Cao, S., Xie, L., Ren, P., Wang, J., & Shi, B. (2022). Rivelare la magia dell'agopuntura basata su meccanismi biologici: una revisione della letteratura. Tendenze Biosci, 16(1), 73-90. doi.org/10.5582/bst.2022.01039

Negazione di responsabilità

Scopri le soluzioni non chirurgiche per il dolore all'anca e la fascite plantare

Scopri le soluzioni non chirurgiche per il dolore all'anca e la fascite plantare

I pazienti con fascite plantare possono incorporare trattamenti non chirurgici per ridurre il dolore all’anca e ripristinare la mobilità?

Introduzione

Tutti sono costantemente in piedi poiché ciò aiuta le persone a rimanere mobili e consente loro di spostarsi da un luogo all'altro. Molte persone sono costantemente in piedi dall’infanzia all’età adulta. Questo perché i piedi fanno parte delle estremità muscoloscheletriche inferiori che stabilizzano i fianchi e consentono la funzione sensomotoria di gambe, cosce e polpacci. I piedi hanno anche vari muscoli, tendini e legamenti che circondano la struttura scheletrica per prevenire dolore e disagio. Tuttavia, quando movimenti ripetitivi o lesioni iniziano a colpire i piedi, possono portare alla fascite plantare e, nel tempo, causare profili di rischio sovrapposti che portano al dolore all’anca. Quando le persone sperimentano queste condizioni simili al dolore, ciò può influenzare in modo significativo le loro attività quotidiane e la qualità generale della vita. Quando ciò accade, molte persone cercano vari trattamenti per ridurre i sintomi simili al dolore causati dalla fascite plantare e ripristinare la mobilità dell’anca. L'articolo di oggi esamina come la fascite plantare sia correlata al dolore all'anca, alla connessione tra i piedi e i fianchi e come esistano soluzioni non chirurgiche per ridurre la fascite plantare. Parliamo con fornitori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come mitigare la fascite plantare e ripristinare la mobilità dell'anca. Informiamo e guidiamo inoltre i pazienti su come numerosi trattamenti non chirurgici possano aiutare a rafforzare i muscoli deboli associati alla fascite plantare e aiutare a ripristinare la stabilizzazione dal dolore all'anca. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione di piccoli cambiamenti per ridurre gli effetti simili al dolore causati dalla fascite plantare. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

Come la fascite plantare è correlata al dolore all'anca

Provi costantemente dolore ai talloni dopo una lunga camminata? Senti rigidità ai fianchi durante lo stretching? Oppure senti che le tue scarpe causano tensione e dolore ai piedi e ai polpacci? Spesso, molti di questi scenari simili al dolore sono dovuti a persone che soffrono di fascite plantare, caratterizzata da dolore al tallone dovuto a infiammazione o irritazione degenerativa della fascia plantare, una fascia di tessuti spessi che corre lungo la parte inferiore del piede e si collega al piede. dal calcagno alle dita degli arti inferiori. Questa fascia di tessuti svolge un ruolo essenziale nel corpo, fornendo la normale biomeccanica del piede, sostenendo l'arco plantare e favorendo l'assorbimento degli urti. (Buchanan et al., 2024) La fascite plantare può compromettere la stabilità degli arti inferiori poiché il dolore colpisce i piedi e provoca dolore all'anca.

 

 

Quindi, come si correla la fascite plantare con il dolore all’anca? Con la fascite plantare, molte persone avvertono dolore ai piedi. Può portare a una postura anomala del piede, debolezza muscolare degli arti inferiori e stress muscolare che può ridurre la stabilità delle gambe e dei muscoli dell’anca. (Lee et al., 2022) Con il dolore all'anca, molte persone possono sperimentare una disfunzione dell'andatura che causa debolezza muscolare negli arti inferiori e fa sì che i muscoli accessori svolgano il lavoro dei muscoli primari. A quel punto, questo costringe le persone a grattare il terreno quando camminano. (Ahuja et al., 2020) Questo perché condizioni normali come l'invecchiamento naturale, l'uso eccessivo dei muscoli o i traumi possono causare sintomi simili al dolore ai fianchi, incluso disagio alle cosce, all'inguine e alla regione dei glutei, rigidità articolare e ridotta libertà di movimento. Il dolore all’anca può causare profili di rischio sovrapposti che possono includere sforzi ripetitivi sui piedi, portando così a sintomi di dolori da acuti a sordi al tallone.

 

La connessione tra i piedi e i fianchi

È importante capire che i problemi ai piedi come la fascite plantare possono colpire i fianchi e viceversa, poiché entrambe le regioni del corpo hanno una bella relazione all’interno del sistema muscolo-scheletrico. La fascite plantare sui piedi può alterare la funzione dell'andatura, portando potenzialmente a dolore all'anca nel tempo. Ciò è dovuto a molti fattori ambientali che nel tempo possono influenzare i fianchi e i piedi, portando alla fascite plantare correlata al dolore all’anca. Dalle attività di carico eccessivo ai microtraumi ai fianchi o alla fascia plantare, molte persone spesso cercano un trattamento per ridurre gli effetti della fascite plantare correlata al dolore all'anca, affrontando il modo in cui l'ampiezza di movimento influenza la flessione plantare e il carico sulla forza. -le strutture superficiali plantari assorbenti potrebbero essere un buon punto di partenza nella prevenzione e nel trattamento della fascite plantare correlata al dolore all'anca. (Hamstra-Wright et al., 2021)

 


Cos'è la fascite plantare?-Video


Soluzioni non chirurgiche per ridurre la fascite plantare

Quando si tratta di ridurre la fascite plantare nel corpo, molte persone cercano trattamenti non chirurgici che possano alleviare il dolore causato dalla fascia plantare. I trattamenti non chirurgici sono economici e possono ridurre il dolore causato dalla fascite plantare e i sintomi associati, come il dolore all’anca. Alcuni dei benefici dei trattamenti non chirurgici sono promettenti, poiché presentano un basso rischio di complicanze, una buona accessibilità e persino un’elevata capacità di alleviare il carico meccanico sulla fascia plantare durante lo svolgimento di attività regolari. (Schuitema et al., 2020) Alcuni dei trattamenti non chirurgici che molte persone possono incorporare includono:

  • Esercizi di stretching
  • Dispositivi ortotici
  • Cura chiropratica
  • Massoterapia
  • Agopuntura/elettroagopuntura
  • Decompressione spinale

 

Questi trattamenti non chirurgici non solo aiutano a ridurre la fascite plantare, ma aiutano anche ad alleviare il dolore all’anca. Ad esempio, la decompressione spinale può aiutare a ripristinare la mobilità dell’anca allungando la colonna lombare e alleviando l’intorpidimento degli arti inferiori, rafforzando al tempo stesso i muscoli tesi. (Takagi et al., 2023). L'elettroagopuntura può stimolare i punti terapeutici del corpo a rilasciare endorfine dalle estremità inferiori per ridurre l'infiammazione della fascia plantare. (Wang et al., 2019) Quando le persone iniziano a fare piccoli cambiamenti nella loro routine, come indossare calzature adeguate e non trasportare o sollevare oggetti pesanti, può fare molto per prevenire che la fascite plantare e il dolore all'anca si ripresentino. Avere un piano di trattamento personalizzato può garantire a molte persone che cercano trattamenti non chirurgici di ottenere risultati migliori sulla loro salute e mobilità, prevenendo complicazioni a lungo termine. 

 


Riferimenti

Ahuja, V., Thapa, D., Patial, S., Chander, A., & Ahuja, A. (2020). Dolore cronico all'anca negli adulti: conoscenze attuali e prospettive future. J Anesthesiol Clin Pharmacol, 36(4), 450-457. doi.org/10.4103/joacp.JOACP_170_19

Buchanan, BK, Sina, RE e Kushner, D. (2024). Fascite plantare. In StatPerle. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28613727

Hamstra-Wright, KL, Huxel Bliven, KC, Bay, RC e Aydemir, B. (2021). Fattori di rischio per la fascite plantare in individui fisicamente attivi: una revisione sistematica e una meta-analisi. Sport Salute, 13(3), 296-303. doi.org/10.1177/1941738120970976

Lee, JH, Shin, KH, Jung, TS e Jang, WY (2022). Prestazioni muscolari degli arti inferiori e pressione del piede in pazienti affetti da fascite plantare con e senza postura del piede piatto. Int J Environ Res Sanità pubblica, 20(1). doi.org/10.3390/ijerph20010087

Schuitema, D., Greve, C., Postema, K., Dekker, R., & Hijmans, JM (2020). Efficacia del trattamento meccanico per la fascite plantare: una revisione sistematica. J Sport Riabilitazione, 29(5), 657-674. doi.org/10.1123/jsr.2019-0036

Takagi, Y., Yamada, H., Ebara, H., Hayashi, H., Inatani, H., Toyooka, K., Mori, A., Kitano, Y., Nakanami, A., Kagechika, K., Yahata, T. e Tsuchiya, H. (2023). Decompressione per stenosi spinale lombare nel sito di inserimento del catetere intratecale durante la terapia intratecale con baclofene: un caso clinico. Rappresentante del caso J Med, 17(1), 239. doi.org/10.1186/s13256-023-03959-1

Wang, W., Liu, Y., Zhao, J., Jiao, R., & Liu, Z. (2019). Elettroagopuntura versus agopuntura manuale nel trattamento della sindrome dolorosa del tallone plantare: protocollo di studio per un prossimo studio randomizzato e controllato. BMJ Aperto, 9(4), e026147. doi.org/10.1136/bmjopen-2018-026147

Negazione di responsabilità

Forame intervertebrale: la porta verso la salute della colonna vertebrale

Forame intervertebrale: la porta verso la salute della colonna vertebrale

Per le persone che desiderano migliorare la propria salute spinale, la comprensione dell’anatomia del forame intervertebrale può aiutare nella riabilitazione e nella prevenzione degli infortuni?

Forame intervertebrale: la porta verso la salute della colonna vertebrale

Forame intervertebrale

Il forame intervertebrale, noto anche come forame neurale, è l'apertura tra le vertebre attraverso la quale le radici dei nervi spinali si collegano ed escono ad altre aree del corpo. Se il forame si restringe, può esercitare una pressione aggiuntiva sulle radici nervose vicine e attorno ad esse, causando sintomi e sensazioni di dolore. Questo è noto come stenosi neuroforaminale. (Sumihisa Orita et al., 2016)

Anatomia

  • Le vertebre costituiscono la colonna vertebrale.
  • Proteggono e sostengono il midollo spinale e la maggior parte del peso gravante sulla colonna vertebrale.
  • Il forame è la forma singolare e il forame è la forma plurale.

Structure

  • Il corpo è la parte grande e rotonda dell'osso che costituisce ciascuna vertebra.
  • Il corpo di ciascuna vertebra è attaccato ad un anello osseo.
  • Poiché le vertebre sono impilate una sull’altra, l’anello crea un tubo attraverso il quale passa il midollo spinale. (Accademia americana dei chirurghi ortopedici 2020)
  1. L'apertura del forame intervertebrale si trova tra ogni due vertebre, dove le radici nervose escono dalla colonna vertebrale.
  2. Esistono due forami neurali tra ciascuna coppia di vertebre, uno su ciascun lato.
  3. Le radici nervose si spostano attraverso il forame verso il resto del corpo.

Funzione

  • I forami intervertebrali sono le uscite da cui le radici nervose lasciano la colonna vertebrale e si diramano verso il resto del corpo.
  • Senza il forame, i segnali nervosi non possono trasmettersi da e verso il cervello al corpo.
  • Senza segnali nervosi, il corpo non è in grado di funzionare correttamente.

Condizioni

Una condizione comune che può influenzare i neuroforami è la stenosi spinale. Stenosi significa restringimento.

  • La stenosi spinale è (non sempre) solitamente un disturbo legato all’età associato all’artrite. (Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 2021)
  • La stenosi può verificarsi nel canale spinale, nota come stenosi del canale centrale, e nei forami.
  • Il dolore causato dalla stenosi spinale neuroforaminale e dalla crescita ossea/speroni ossei/osteofiti correlati all'artrite presenti in uno o più forami sfregano contro la radice nervosa che passa attraverso lo spazio, causando dolore radicolare.
  • Il dolore accompagnato da altre sensazioni, come formicolio o intorpidimento, è noto come radicolopatia. (Giovane Kook Choi, 2019)
  1. Il sintomo principale è il dolore.
  2. Intorpidimento e/o formicolio possono presentarsi a seconda della lesione.
  3. La claudicatio neurogena si verifica a causa dell'ischemia o della mancanza di circolazione sanguigna ai nervi e si presenta tipicamente con una pesantezza alle gambe.
  4. È tipicamente associato alla stenosi centrale piuttosto che alla stenosi foraminale.
  5. La maggior parte delle persone con stenosi spinale si sente meglio quando si flette o si piega in avanti e peggio quando inarca la schiena.
  6. Altri sintomi includono debolezza e/o difficoltà a camminare. (Seung Yeop Lee et al., 2015)

Trattamento

Il trattamento della stenosi mira ad alleviare il dolore e prevenire la comparsa o il peggioramento dei sintomi nervosi. I trattamenti conservativi sono raccomandati e possono essere molto efficaci.
Questi includono:

  • Terapia fisica
  • Agopuntura ed Elettroagopuntura
  • Chiropratica
  • Decompressione non chirurgica
  • Massaggio terapeutico
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei/FANS
  • Esercizi e allungamenti mirati
  • Iniezioni di cortisone. (Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 2021)
  • La chirurgia solitamente non è necessaria.

Tuttavia, un medico può raccomandare un intervento chirurgico per un individuo che sta vivendo:

Diverse tecniche chirurgiche includono:

  • Laminectomia di decompressione: comporta la rimozione dell’accumulo di osso nel canale spinale.
  • Fusione spinale – quando c’è instabilità della colonna vertebrale o grave stenosi foraminale.
  • Tuttavia, nella maggior parte dei casi non è necessaria la fusione. (Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 2021)

La radice causa la stenosi spinale


Riferimenti

Orita, S., Inage, K., Eguchi, Y., Kubota, G., Aoki, Y., Nakamura, J., Matsuura, Y., Furuya, T., Koda, M., & Ohtori, S. (2016). Stenosi del forame lombare, stenosi nascosta anche a L5/S1. Rivista europea di chirurgia ortopedica e traumatologia: orthopedie traumatologie, 26(7), 685–693. doi.org/10.1007/s00590-016-1806-7

Accademia americana dei chirurghi ortopedici. (2020). Nozioni di base sulla colonna vertebrale (OrthoInfo, Issue. orthoinfo.aaos.org/en/diseases–conditions/spine-basics/

Accademia americana dei chirurghi ortopedici. (2021). Stenosi spinale lombare (OrthoInfo, Issue. orthoinfo.aaos.org/en/diseases–conditions/lumbar-spinal-stenosis/

Choi YK (2019). Neuropatia del forame lombare: un aggiornamento sulla gestione non chirurgica. Il diario coreano del dolore, 32(3), 147–159. doi.org/10.3344/kjp.2019.32.3.147

Lee, SY, Kim, TH, Oh, JK, Lee, SJ e Park, MS (2015). Stenosi lombare: un recente aggiornamento tramite revisione della letteratura. Diario della colonna vertebrale asiatica, 9(5), 818–828. doi.org/10.4184/asj.2015.9.5.818

Lurie, J. e Tomkins-Lane, C. (2016). Gestione della stenosi spinale lombare. BMJ (ricerca clinica ed.), 352, h6234. doi.org/10.1136/bmj.h6234

Clinica di Cleveland. (2021). Mielopatia (Biblioteca della salute, numero. my.clevelandclinic.org/health/diseases/21966-myelopathy

Ottieni sollievo: decompressione spinale per il dolore spinale cervicale

Ottieni sollievo: decompressione spinale per il dolore spinale cervicale

Gli individui con dolore spinale cervicale possono incorporare la terapia di decompressione spinale per ridurre il dolore al collo e il mal di testa?

Introduzione

Molte persone ad un certo punto affrontano il dolore al collo, portando a molti problemi che possono avere un impatto sulla loro vita quotidiana. Vedi, il collo fa parte della regione cervicale del sistema muscolo-scheletrico. È circondato da muscoli, tessuti molli e legamenti che proteggono il midollo spinale consentendo alla testa di essere mobile. Come il mal di schiena, il dolore al collo è un problema comune che causa dolore e disagio dovuti a fattori ambientali associati e lesioni traumatiche. Quando una persona ha a che fare con il dolore al collo, deve anche affrontare comorbilità che causano profili di rischio sovrapposti come mal di testa ed emicrania. Tuttavia, trattamenti come la decompressione spinale possono aiutare a ridurre il dolore cervicale che colpisce il collo e ridurre gli effetti dolorosi di mal di testa ed emicranie. L'articolo di oggi esamina l'impatto del dolore cervicale e del mal di testa, come la decompressione spinale può ridurre il dolore cervicale e come trae beneficio dalla riduzione del mal di testa. Parliamo con fornitori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come mitigare il dolore spinale cervicale dal collo. Informiamo e guidiamo inoltre i pazienti su come la decompressione spinale può aiutare a ridurre il mal di testa causato dal dolore spinale cervicale. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione della terapia di decompressione spinale come parte della loro routine per ridurre il mal di testa e l'emicrania associati al collo. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

Gli effetti del dolore cervicale e del mal di testa

Senti rigidità su entrambi i lati del collo che ti causa una mobilità limitata quando giri il collo? Hai avvertito un dolore pulsante e costante alle tempie? Oppure senti dolori muscolari al collo e alle spalle perché sei rimasto curvo davanti al computer per un lungo periodo? Molte persone che affrontano questi problemi simili al dolore potrebbero affrontare il dolore spinale cervicale. Varie cause che possono portare allo sviluppo del dolore spinale cervicale includono ernia del disco, compressione dei nervi, stenosi spinale e stiramento muscolare che ha origine nella regione del collo. Questo perché il dolore spinale cervicale può essere associato a fattori ambientali che possono causare dolore e disagio, disabilità e compromissione della qualità della vita poiché i muscoli circostanti del collo sono tesi e tesi eccessivamente. (Ben Ayed et al., 2019) Quando le persone soffrono di dolore alla colonna vertebrale cervicale, uno dei sintomi a cui è associato è il mal di testa. Questo perché le intricate vie nervose sono collegate al collo e alla testa. Quando il dolore spinale cervicale causa questi problemi, può avere un impatto significativo sulla funzione corporea quotidiana di una persona poiché il dolore si sposta verso l'alto. 

 

 

Allo stesso tempo, il dolore al collo è una malattia multifattoriale che può diventare un grave problema in tutto il mondo. Come il mal di schiena, numerosi fattori di rischio possono contribuire al suo sviluppo. (Kazeminasab et al., 2022) Alcuni fattori di rischio, come l'uso eccessivo del telefono, causano una flessione prolungata del collo e delle spalle, causando un carico muscolare statico con una mancanza di supporto agli arti superiori. (Al-Hadidi et al., 2019) A questo punto, fattori di rischio ambientale come l'uso eccessivo del telefono possono far sì che gli individui sviluppino una posizione curva del collo che può comprimere il disco spinale nella regione cervicale e aggravare le radici nervose producendo mal di testa e dolore. Tuttavia, molte persone hanno trovato modi per ridurre il dolore spinale cervicale e trovare sollievo dal dolore del mal di testa.

 


Esercizi a casa per alleviare il dolore-Video


Come la decompressione spinale riduce il dolore spinale cervicale

Quando si tratta di ridurre il dolore cervicale, molte persone hanno sperimentato che la decompressione spinale può aiutare a mitigare gli effetti del dolore cervicale. La decompressione spinale è stata sempre più riconosciuta come un trattamento non chirurgico efficace quando si tratta di alleviare il dolore spinale cervicale. Ciò che fa la decompressione spinale è che consente una pressione negativa sulla colonna cervicale per alleviare qualsiasi ernia del disco delle radici nervose aggravate e aiutare a migliorare i sintomi neurologici. (Kang et al., 2016) Ciò è dovuto al fatto che una persona è fissata comodamente su una macchina di trazione che allunga e decomprime delicatamente le vertebre spinali. Inoltre, alcuni dei benefici della decompressione spinale per il dolore spinale cervicale includono:

  • Miglioramento dell'allineamento della colonna vertebrale per ridurre lo sforzo muscolare sui muscoli del collo e sulle articolazioni.
  • Migliora la guarigione naturale del corpo aumentando il flusso sanguigno e lo scambio di nutrienti.
  • Maggiore mobilità del collo diminuendo la rigidità muscolare.
  • Ridurre i livelli di dolore che causano intensi mal di testa. 

 

I benefici della decompressione spinale per il mal di testa

Inoltre, la decompressione spinale può aiutare a ridurre il mal di testa associato al dolore spinale cervicale poiché la decompressione spinale può essere combinata con altre terapie come l'agopuntura e la terapia fisica per alleviare i dadi spinali sporgenti e stabilizzarsi all'interno dell'anulus mediante l'allungamento spinale. (Van Der Heijden et al., 1995) Ciò è dovuto ad una leggera trazione sul collo che provoca il riposizionamento del disco prolasso ripristinando l'altezza del disco per ridurre al minimo la pressione sui nervi. (Amjad et al., 2022) Quando una persona sta effettuando una terapia di decompressione spinale consecutivamente, gli effetti simili al dolore del dolore spinale cervicale e i mal di testa associati iniziano a ridursi nel tempo e molte persone inizieranno a notare come le loro abitudini siano in correlazione con il loro dolore. Incorporando la terapia di decompressione spinale come parte del loro trattamento, molte persone possono apportare piccoli cambiamenti alla loro routine ed essere più consapevoli del proprio corpo per prevenire il ritorno della progressione del dolore spinale cervicale. 

 


Riferimenti

Al-Hadidi, F., Bsisu, I., AlRyalat, SA, Al-Zu'bi, B., Bsisu, R., Hamdan, M., Kanaan, T., Yasin, M., & Samarah, O. (2019). Associazione tra uso del telefono cellulare e dolore al collo negli studenti universitari: uno studio trasversale che utilizza una scala di valutazione numerica per la valutazione del dolore al collo. PLoS ONE, 14(5), e0217231. doi.org/10.1371/journal.pone.0217231

Amjad, F., Mohseni-Bandpei, MA, Gilani, SA, Ahmad, A., & Hanif, A. (2022). Effetti della terapia di decompressione non chirurgica in aggiunta alla terapia fisica di routine su dolore, mobilità, resistenza, disabilità funzionale e qualità della vita rispetto alla sola terapia fisica di routine nei pazienti con radicolopatia lombare; uno studio controllato randomizzato. BMC Musculoskelet Disord, 23(1), 255. doi.org/10.1186/s12891-022-05196-x

Ben Ayed, H., Yaich, S., Trigui, M., Ben Hmida, M., Ben Jemaa, M., Ammar, A., Jedidi, J., Karray, R., Feki, H., Mejdoub, Y., Kassis, M., & Damak, J. (2019). Prevalenza, fattori di rischio ed esiti della lombalgia al collo, alle spalle e alla zona lombare nei bambini della scuola secondaria. J Res Salute Sci, 19(1), e00440. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31133629

www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6941626/pdf/jrhs-19-e00440.pdf

Kang, J.-I., Jeong, D.-K. e Choi, H. (2016). Effetto della decompressione spinale sull'attività muscolare lombare e sull'altezza del disco in pazienti con ernia del disco intervertebrale. Giornale di scienza della terapia fisica, 28(11), 3125-3130. doi.org/10.1589/jpts.28.3125

Kazeminasab, S., Nejadghaderi, SA, Amiri, P., Pourfathi, H., Araj-Khodaei, M., Sullman, MJM, Kolahi, AA, & Safiri, S. (2022). Dolore al collo: epidemiologia globale, tendenze e fattori di rischio. BMC Musculoskelet Disord, 23(1), 26. doi.org/10.1186/s12891-021-04957-4

Van Der Heijden, GJ, Beurskens, AJ, Koes, BW, Assendelft, WJ, De Vet, HC, & Bouter, LM (1995). L'efficacia della trazione per il dolore alla schiena e al collo: una revisione sistematica e in cieco dei metodi di sperimentazione clinica randomizzata. Fisioterapia, 75(2), 93-104. doi.org/10.1093/ptj/75.2.93

Negazione di responsabilità

Come l'agopuntura-elettroagopuntura può migliorare la tua salute

Come l'agopuntura-elettroagopuntura può migliorare la tua salute

Per gli individui che soffrono di dolore muscoloscheletrico, l’integrazione dell’agopuntura e della terapia con elettroagopuntura può fornire risultati benefici?

Introduzione

I quadranti superiore e inferiore del corpo sono circondati da muscoli, tessuti molli e legamenti che consentono al corpo di muoversi in caso di sensazioni di dolore o disagio. Ogni gruppo muscolare ha un lavoro importante fornendo funzioni senso-motorie come afferrare oggetti, muovere le estremità, sostenere il corpo in una postura corretta e stabilizzare il peso assiale verticale. Tuttavia, molte persone hanno adottato varie abitudini dovute a fattori ambientali o hanno subito lesioni traumatiche che possono causare dolori muscolari riferiti nei quadranti superiore e inferiore del corpo. Quando ciò accade, può portare nel tempo a una vita di disabilità, dolore e disagio se non viene trattata immediatamente. A quel punto, il dolore muscoloscheletrico può anche causare profili di rischio sovrapposti con altre comorbilità che possono essere preesistenti nel corpo. Fortunatamente, numerosi trattamenti possono aiutare a ridurre il dolore muscoloscheletrico e apportare benefici al corpo. L'articolo di oggi esamina due diverse terapie non chirurgiche, come ciascuna è utile nel ridurre il dolore muscoloscheletrico e quanto efficaci possono aiutare molte persone con dolore muscoloscheletrico. Parliamo con operatori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come ridurre gli effetti simil-dolorifici del dolore muscoloscheletrico con trattamenti non chirurgici. Guidiamo inoltre i pazienti su come questi trattamenti non chirurgici possono aiutare a ridurre il dolore riferito causato da vari fattori ambientali che influenzano il loro sistema muscolo-scheletrico. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione di trattamenti non chirurgici nei loro trattamenti di salute e benessere. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

Il tocco tradizionale dell'agopuntura

Dopo una lunga giornata di lavoro, senti dolore alle braccia, alle gambe o ai piedi? Hai avvertito sintomi di intorpidimento o rigidità nelle parti superiori o inferiori del corpo? Oppure senti dolori muscolari e dolori dopo esserti svegliato la mattina? In tutto il mondo, molte persone ad un certo punto hanno avuto a che fare con dolori muscoloscheletrici, che fanno sì che molte persone perdano numerose attività. Il dolore muscoloscheletrico è una condizione multifattoriale che ogni individuo può sviluppare nel tempo. Alcuni meccanismi biologici che contribuiscono allo sviluppo del dolore muscoloscheletrico possono essere infiammazioni eterogenee, cardiometaboliche e sistemiche che possono colpire il corpo. (Dzakpasu et al., 2021) Quando molte persone eseguono movimenti ripetitivi o hanno subito infortuni, i vari muscoli possono essere tesi eccessivamente, tesi o indeboliti, il che può far sì che le persone si sentano infelici e richiedano cure. Quando le persone vanno a farsi curare per il loro dolore muscoloscheletrico, molte persone raccontano ai loro medici la loro esperienza di dolore e come influisce sul loro benessere sociale quotidiano. Ottenendo informazioni su come il dolore muscoloscheletrico influisce negativamente sulla loro vita, un approccio multidisciplinare alla gestione del dolore che enfatizzi la riabilitazione e i trattamenti non chirurgici può essere il primo passo per gestire efficacemente il dolore muscoloscheletrico. (Welsh et al., 2020)

 

 

Ora, i trattamenti non chirurgici variano a seconda della gravità del dolore muscoloscheletrico che la persona avverte. Poiché il dolore muscoloscheletrico è una condizione multifattoriale, molte persone potrebbero sperimentare comorbidità che causano profili di rischio sovrapposti correlati al dolore muscoloscheletrico, ecco perché molte persone incorporano trattamenti non chirurgici poiché sono convenienti e possono essere combinati con altri trattamenti. Una delle terapie più antiche praticata ancora oggi è l’agopuntura. Ora, l'agopuntura prevede l'inserimento di aghi sottili e solidi nei punti terapeutici del corpo per ripristinare il normale flusso di energia attraverso i percorsi del corpo. Professionisti altamente qualificati praticano l'agopuntura ed è sicura ed efficace per la persona che soffre di dolore muscoloscheletrico. Inoltre, l’agopuntura può influenzare positivamente il corpo poiché può aiutare a cambiare la percezione del dolore del muscolo interessato. (Kelly e Willis, 2019)

 

In che modo l'agopuntura apporta benefici al dolore muscolare

L'agopuntura può anche fornire risultati benefici agli individui enfatizzando la mobilitazione dei meccanismi di autoguarigione per ripristinare l'omeostasi del corpo alla normalità. (Wang et al., 2023) Alcune delle proprietà benefiche che le persone possono sperimentare con l'agopuntura includono:

  • Fornisce un sollievo naturale dal dolore stimolando il rilascio di endorfine nel muscolo interessato.
  • Riduce l’infiammazione muscolare nell’area del gruppo muscolare interessato.
  • Migliorare la circolazione del flusso sanguigno per ridurre la rigidità e il dolore muscolare.
  • Riduce lo stress e la tensione muscolare nella zona interessata.

Allo stesso tempo, la terapia con agopuntura per il dolore muscolare può aiutare a ridurre gli effetti inibitori e a modulare la sensazione di dolore, che quindi modifica la sensibilizzazione centrale. (Zhu et al., 2021)

 

La svolta moderna dell'elettroagopuntura

Ora, l'elettroagopuntura è una forma diversa di agopuntura che utilizza l'applicazione di aghi di agopuntura e stimolazione elettrica sul muscolo interessato. Allo stesso tempo, quando le persone vengono trattate con l’elettroagopuntura, i loro nervi afferenti somatosensoriali forniscono sollievo dal dolore. Vengono bloccati per impedire ai segnali del dolore di raggiungere il sistema nervoso centrale. (Chen et al., 2021) Questo perché l'aggiunta di stimolazione elettrica può potenziare gli effetti terapeutici dei punti di agopuntura nel corpo. 

 

In che modo l'elettroagopuntura apporta benefici al dolore muscolare

Per quanto riguarda la riduzione del dolore muscolare, l’elettroagopuntura è più efficace poiché gli agopuntori possono aiutare a regolare l’intensità delle correnti elettriche sul muscolo interessato per garantire comfort. Alcuni dei vantaggi offerti dall’elettroagopuntura includono:

  • Maggiore sollievo dal dolore poiché la corrente elettrica può stimolare il rilascio di endorfine.
  • Rilassamento muscolare da spasmi nel gruppo muscolare interessato.
  • Aumentato il tasso di guarigione stimolando i muscoli più profondi.
  • Aiuta a migliorare la forza muscolare e la flessibilità per migliorare la funzionalità.

L’elettroagopuntura può alleviare il dolore e persino regolare le proprietà biomeccaniche dei muscoli estensori-flessori per migliorare il carico articolare anomalo causato dal dolore muscoloscheletrico. (Shi et al., 2020)

 

In che modo questi due trattamenti aiutano con il dolore muscoloscheletrico?

Quando si tratta di agopuntura ed elettroagopuntura, tutto dipende dalla gravità del dolore muscoloscheletrico che colpisce il corpo. Molte persone preferiscono l’agopuntura tradizionale per il dolore muscoloscheletrico acuto in un approccio più olistico. In confronto, altri potrebbero preferire l’elettroagopuntura per ridurre gli effetti del dolore cronico del dolore muscoloscheletrico. Tuttavia, entrambi questi trattamenti non sono chirurgici. Possono essere combinati con altre terapie come la terapia fisica o la cura chiropratica per aiutare a stimolare il fattore di guarigione naturale del corpo e alleviare il dolore muscoloscheletrico. Quando questi due trattamenti vengono combinati con altre terapie, i muscoli interessati vengono rafforzati e forniscono la funzione di mobilità alle estremità. Quando le persone iniziano a pensare al proprio benessere, possono utilizzare questi trattamenti per ridurre le comorbidità associate al dolore muscoloscheletrico che le colpisce. Permettendo così loro di apportare piccole e salutari modifiche alla loro routine e di vivere una vita senza dolore.

 


Oltre gli aggiustamenti: chiropratica e assistenza sanitaria integrativa - Video


Riferimenti

Chen, L., Wang, X., Zhang, X., Wan, H., Su, Y., He, W., Xie, Y., & Jing, X. (2021). L'elettroagopuntura e la stimolazione simile alla moxibustione alleviano il dolore muscolare infiammatorio attivando le fibre afferenti somatosensoriali dello strato distinto locale. Front Neurosci, 15 695152. doi.org/10.3389/fnins.2021.695152

Dzakpasu, FQS, Carver, A., Brakenridge, CJ, Cicuttini, F., Urquhart, DM, Owen, N., & Dunstan, DW (2021). Dolore muscoloscheletrico e comportamento sedentario in contesti professionali e non professionali: una revisione sistematica con meta-analisi. Int J Behav Nutr Phys Act, 18(1), 159. doi.org/10.1186/s12966-021-01191-y

Kelly, R.B. e Willis, J. (2019). Agopuntura per il dolore. Medico di famiglia americano, 100(2), 89-96. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31305037

www.aafp.org/pubs/afp/issues/2019/0715/p89.pdf

Shi, X., Yu, W., Wang, T., Battulga, O., Wang, C., Shu, Q., Yang, X., Liu, C., & Guo, C. (2020). L’elettroagopuntura allevia la degradazione della cartilagine: miglioramento della biomeccanica della cartilagine attraverso il sollievo dal dolore e il potenziamento della funzione muscolare in un modello di coniglio di osteoartrosi del ginocchio. Farmacotera Biomed, 123 109724. doi.org/10.1016/j.biopha.2019.109724

Wang, M., Liu, W., Ge, J., & Liu, S. (2023). I meccanismi immunomodulatori per la pratica dell’agopuntura. Immunol anteriore, 14 1147718. doi.org/10.3389/fimmu.2023.1147718

Gallese, TP, Yang, AE e Makris, UE (2020). Dolore muscoloscheletrico negli anziani: una revisione clinica. Med Clin Nord Am, 104(5), 855-872. doi.org/10.1016/j.mcna.2020.05.002

Zhu, J., Li, J., Yang, L., & Liu, S. (2021). Agopuntura, dall'antico al presente. Anat Rec (Hoboken), 304(11), 2365-2371. doi.org/10.1002/ar.24625

Negazione di responsabilità