ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Cura delle lesioni

Back Clinic Injury Care Team di chiropratica e terapia fisica. Esistono due approcci alla cura delle lesioni. Sono trattamento attivo e passivo. Mentre entrambi possono aiutare a portare i pazienti sulla strada verso il recupero, solo il trattamento attivo ha un impatto a lungo termine e mantiene i pazienti in movimento.

Ci concentriamo sul trattamento delle lesioni subite in incidenti automobilistici, lesioni personali, infortuni sul lavoro e infortuni sportivi e forniamo servizi completi di gestione del dolore interventistica e programmi terapeutici. Tutto da urti e lividi a legamenti strappati e mal di schiena.

Cura passiva delle lesioni

Un medico o un fisioterapista di solito fornisce cure passive per le lesioni. Include:

  • Agopuntura
  • Applicazione di calore / ghiaccio ai muscoli doloranti
  • Farmaci antidolorifici

È un buon punto di partenza per aiutare a ridurre il dolore, ma la cura passiva delle lesioni non è il trattamento più efficace. Mentre aiuta una persona ferita a sentirsi meglio in questo momento, il sollievo non dura. Un paziente non si riprenderà completamente dalla lesione a meno che non si attivi attivamente per tornare alla vita normale.

Cura ferita attiva

Il trattamento attivo fornito anche da un medico o da un fisioterapista si basa sull'impegno al lavoro della persona infortunata. Quando i pazienti si assumono la responsabilità della propria salute, il processo attivo di cura delle lesioni diventa più significativo e produttivo. Un piano di attività modificato aiuterà una persona infortunata a passare alla piena funzionalità e a migliorare il suo benessere fisico ed emotivo generale.

  • Colonna vertebrale, collo e schiena
  • Mal di testa
  • Ginocchia, spalle e polsi
  • Legamenti strappati
  • Lesioni dei tessuti molli (strappi muscolari e distorsioni)

Che cosa comporta la cura delle lesioni attive?

Un piano di trattamento attivo mantiene il corpo il più forte e flessibile possibile attraverso un piano di lavoro/transizione personalizzato, che limita l'impatto a lungo termine e aiuta i pazienti feriti a lavorare verso un recupero più rapido. Ad esempio, nella cura degli infortuni della clinica medica e chiropratica per lesioni, un medico lavorerà con il paziente per comprendere la causa della lesione, quindi creerà un piano di riabilitazione che mantenga attivo il paziente e lo riporti alla salute corretta in pochissimo tempo.

Per le risposte a qualsiasi domanda tu possa avere, chiama il Dr. Jimenez al 915-850-0900


Come l'agopuntura può aiutare ad alleviare il dolore al ginocchio

Come l'agopuntura può aiutare ad alleviare il dolore al ginocchio

Per le persone che soffrono di sintomi di dolore al ginocchio dovuti a lesioni e/o artrite, l’integrazione di un piano di trattamento con agopuntura e/o elettroagopuntura può aiutare ad alleviare e gestire il dolore?

Come l'agopuntura può aiutare ad alleviare il dolore al ginocchio

Agopuntura per il dolore al ginocchio

L'agopuntura prevede l'inserimento di aghi molto sottili nella pelle in specifici punti terapeutici del corpo. Si basa sulla premessa che gli aghi ripristinano il flusso dell'energia del corpo per attivare e promuovere la guarigione, alleviare il dolore e aiutare il corpo a rilassarsi.

  • L’agopuntura può aiutare ad affrontare varie condizioni di salute, incluso il dolore al ginocchio causato da artrite o lesioni.
  • A seconda del tipo e della gravità del dolore, i trattamenti possono aiutare a ridurre il dolore per giorni o settimane.
  • L’agopuntura viene spesso utilizzata come terapia complementare – trattamento in aggiunta ad altri trattamenti o strategie terapeutiche come il massaggio e la chiropratica.

Benefici dell'agopuntura

Il dolore al ginocchio causato da osteoartrite o lesioni può ridurre la flessibilità, la mobilità e la qualità della vita. L'agopuntura può aiutare a fornire sollievo.

Quando gli aghi dell'agopuntura vengono posizionati sul corpo, un segnale viene inviato lungo il midollo spinale al cervello, che innesca il rilascio di endorfine/ormoni del dolore. I ricercatori medici ritengono che questo aiuti a ridurre il dolore. (Qian-Qian Li et al., 2013) L'agopuntura aiuta anche a diminuire la produzione di cortisolo, un ormone che aiuta a controllare l'infiammazione. (Qian-Qian Li et al., 2013) Riducendo la sensazione di dolore e l'infiammazione dopo i trattamenti di agopuntura, è possibile migliorare la funzionalità e la mobilità del ginocchio.

  • Vari fattori giocano un ruolo nel sollievo dal dolore sperimentato dall’agopuntura. Alcune prove suggeriscono che le aspettative di un individuo possono influenzare i risultati del trattamento con agopuntura. (Stephanie L. Prady et al., 2015)
  • I ricercatori stanno attualmente valutando se l’aspettativa che l’agopuntura sia benefica contribuisce a un risultato migliore dopo il trattamento. (Zuoqin Yang et al., 2021)
  • Nel 2019, l'agopuntura è stata raccomandata nel trattamento dell'osteoartrosi del ginocchio nelle linee guida dell'American College of Rheumatology/Arthritis Foundation per la gestione del dolore da osteoartrosi della mano, dell'anca e del ginocchio. (Sharon L. Kolasinski et al., 2020)

Ricerca

  • Diversi studi clinici supportano la capacità dell'agopuntura di aiutare nel sollievo e nella gestione del dolore al ginocchio.
  • Uno studio ha scoperto che l’agopuntura aiuta a gestire varie condizioni che causano dolore cronico. (Andrew J. Vickers e altri, 2012)
  • Una revisione scientifica ha analizzato studi precedenti sugli interventi di gestione del dolore dopo l’intervento chirurgico al ginocchio e ha trovato prove a sostegno del fatto che i trattamenti ritardavano e riducevano l’uso di farmaci per alleviare il dolore post-operatorio. (Dario Tedesco et al., 2017)

L'osteoartrite

  • Una revisione sistematica ha analizzato studi di controllo randomizzati per determinare se l’agopuntura riduceva o meno il dolore e migliorava la funzione articolare in individui con dolore al ginocchio da osteoartrosi cronica. (Xianfeng Lin et al., 2016)
  • Gli individui hanno ricevuto da sei a ventitré sessioni settimanali di agopuntura per un periodo da tre a 36 settimane.
  • L’analisi ha determinato che l’agopuntura può migliorare la funzione fisica e la mobilità a breve e lungo termine e fornire fino a 13 settimane di sollievo dal dolore in soggetti con dolore cronico al ginocchio causato dall’osteoartrosi.

Artrite reumatoide

  • L’artrite reumatoide è una malattia cronica che colpisce le articolazioni, compresa l’articolazione del ginocchio, provocando dolore e rigidità.
  • L'agopuntura è utile nel trattamento dell'artrite reumatoide/artrite reumatoide.
  • Una revisione ha rilevato che l’agopuntura da sola e in combinazione con altre modalità di trattamento apporta benefici agli individui con artrite reumatoide. (Pei-Chi, Chou Heng-Yi Chu 2018)
  • Si ritiene che l’agopuntura abbia effetti antinfiammatori e antiossidanti per aiutare a regolare la funzione del sistema immunitario.

Dolore cronico al ginocchio

  • Varie condizioni e lesioni possono causare dolore cronico al ginocchio, rendendo difficile la mobilità.
  • Gli individui con dolori articolari spesso si rivolgono a terapie complementari per la gestione del sollievo dal dolore, tra cui l’agopuntura è una delle modalità più popolari. (Michael Frass et al., 2012)
  • Uno studio ha mostrato modesti miglioramenti nel sollievo dal dolore a 12 settimane. (Rana S.Hinman et al., 2014)
  • L’agopuntura ha prodotto modesti miglioramenti nella mobilità e nella funzione a 12 settimane.

Sicurezza

Effetti Collaterali

  • Gli effetti collaterali possono includere dolore, lividi o sanguinamento nel sito di inserimento dell'ago e vertigini.
  • Effetti collaterali meno comuni includono svenimento, aumento del dolore e nausea. (Scuola di medicina di Harvard. 2023)
  • Lavorare con un professionista dell'agopuntura autorizzato può ridurre il rischio di effetti collaterali e complicazioni indesiderati.

Tipi

Altre opzioni di agopuntura che possono essere offerte includono:

elettroagopuntura

  • Una forma modificata di agopuntura in cui una lieve corrente elettrica passa attraverso gli aghi, fornendo ulteriore stimolazione ai punti terapeutici.
  • In uno studio di ricerca, gli individui con osteoartrosi del ginocchio hanno riportato miglioramenti significativi nel dolore, nella rigidità e nella funzione fisica dopo il trattamento con elettroagopuntura. (Ziyong Ju et al., 2015)

auricolare

  • L'agopuntura auricolare o auricolare agisce sui punti terapeutici dell'orecchio corrispondenti alle diverse parti del corpo.
  • Una revisione della ricerca ha analizzato diversi studi sull’agopuntura auricolare per alleviare il dolore e ha scoperto che può fornire sollievo entro 48 ore dall’insorgenza del dolore. (M. Murakami et al., 2017)

Agopuntura sul campo di battaglia

  • Le strutture sanitarie militari e di veterani utilizzano una forma unica di agopuntura auricolare per la gestione del dolore.
  • Gli studi dimostrano che è efficace nel fornire un sollievo immediato dal dolore, ma sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’efficacia del sollievo dal dolore a lungo termine. (Anna Denee Montgomery, Ronovan Ottenbacher 2020)

prima di provare agopuntura, consultare un operatore sanitario per indicazioni, poiché potrebbe essere integrato con altre terapie e aggiustamenti dello stile di vita.


Superare una lesione al legamento crociato anteriore (ACL).


Riferimenti

Li, QQ, Shi, GX, Xu, Q., Wang, J., Liu, CZ, & Wang, LP (2013). Effetto dell'agopuntura e regolazione autonomica centrale. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza: eCAM, 2013, 267959. doi.org/10.1155/2013/267959

Prady, SL, Burch, J., Vanderbloemen, L., Crouch, S., & MacPherson, H. (2015). Misurare le aspettative di beneficio dal trattamento negli studi di agopuntura: una revisione sistematica. Terapie complementari in medicina, 23(2), 185–199. doi.org/10.1016/j.ctim.2015.01.007

Yang, Z., Li, Y., Zou, Z., Zhao, Y., Zhang, W., Jiang, H., Hou, Y., Li, Y., & Zheng, Q. (2021). Le aspettative del paziente apportano benefici al trattamento con agopuntura?: un protocollo per la revisione sistematica e la meta-analisi. Medicina, 100(1), e24178. doi.org/10.1097/MD.0000000000024178

Kolasinski, SL, Neogi, T., Hochberg, MC, Oatis, C., Guyatt, G., Block, J., Callahan, L., Copenhaver, C., Dodge, C., Felson, D., Gellar, K., Harvey, WF, Hawker, G., Herzig, E., Kwoh, CK, Nelson, AE, Samuels, J., Scanzello, C., White, D., Wise, B., … Reston, J. (2020). Linee guida 2019 dell'American College of Rheumatology/Arthritis Foundation per la gestione dell'osteoartrite della mano, dell'anca e del ginocchio. Cura e ricerca sull'artrite, 72(2), 149–162. doi.org/10.1002/acr.24131

Vickers, AJ, Cronin, AM, Maschino, AC, Lewith, G., MacPherson, H., Foster, NE, Sherman, KJ, Witt, CM, Linde, K. e Agopuntura Trialists' Collaboration (2012). Agopuntura per il dolore cronico: meta-analisi dei dati dei singoli pazienti. Archivi di medicina interna, 172(19), 1444–1453. doi.org/10.1001/archinternmed.2012.3654

Tedesco, D., Gori, D., Desai, KR, Asch, S., Carroll, IR, Curtin, C., McDonald, KM, Fantini, MP, & Hernandez-Boussard, T. (2017). Interventi senza farmaci per ridurre il dolore o il consumo di oppioidi dopo l'artroplastica totale del ginocchio: una revisione sistematica e una meta-analisi. Chirurgia JAMA, 152(10), e172872. doi.org/10.1001/jamasurg.2017.2872

Lin, X., Huang, K., Zhu, G., Huang, Z., Qin, A., & Fan, S. (2016). Gli effetti dell'agopuntura sul dolore cronico al ginocchio dovuto all'osteoartrosi: una meta-analisi. Il giornale della chirurgia ossea e articolare. Volume americano, 98(18), 1578–1585. doi.org/10.2106/JBJS.15.00620

Chou, PC e Chu, HY (2018). Efficacia clinica dell'agopuntura sull'artrite reumatoide e meccanismi associati: una revisione sistemica. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza: eCAM, 2018, 8596918. doi.org/10.1155/2018/8596918

Frass, M., Strassl, RP, Friehs, H., Müllner, M., Kundi, M., & Kaye, AD (2012). Uso e accettazione della medicina complementare e alternativa tra la popolazione generale e il personale medico: una revisione sistematica. Diario Ochsner, 12(1), 45–56.

Hinman, RS, McCrory, P., Pirotta, M., Relf, ​​I., Forbes, A., Crossley, KM, Williamson, E., Kyriakides, M., Novy, K., Metcalf, BR, Harris, A ., Reddy, P., Conaghan, PG e Bennell, KL (2014). Agopuntura per il dolore cronico al ginocchio: uno studio clinico randomizzato. JAMA, 312(13), 1313–1322. doi.org/10.1001/jama.2014.12660

Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2022). Agopuntura in profondità. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. www.nccih.nih.gov/health/acupuncture-what-you-need-to-know

Scuola di medicina di Harvard. (2023). Agopuntura: cos'è? Pubblicazione di Harvard Health Blog della Harvard Medical School. www.health.harvard.edu/a_to_z/acupuncture-a-to-z#:~:text=The%20most%20common%20side%20effects,injury%20to%20an%20internal%20organ.

Ju, Z., Guo, X., Jiang, X., Wang, X., Liu, S., He, J., Cui, H., & Wang, K. (2015). Elettroagopuntura con diverse intensità di corrente per il trattamento dell'artrosi del ginocchio: uno studio controllato in singolo cieco. Rivista internazionale di medicina clinica e sperimentale, 8(10), 18981–18989.

Murakami, M., Fox, L. e Dijkers, MP (2017). Agopuntura dell'orecchio per un sollievo immediato dal dolore: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi controllati randomizzati. Medicina del dolore (Malden, Mass.), 18(3), 551–564. doi.org/10.1093/pm/pnw215

Montgomery, AD e Ottenbacher, R. (2020). Agopuntura sul campo di battaglia per la gestione del dolore cronico nei pazienti in terapia con oppioidi a lungo termine. Agopuntura medica, 32(1), 38–44. doi.org/10.1089/acu.2019.1382

Consigli degli esperti per evitare infortuni al ginocchio durante il sollevamento pesi

Consigli degli esperti per evitare infortuni al ginocchio durante il sollevamento pesi

Le lesioni al ginocchio possono presentarsi in individui fisicamente attivi che sollevano pesi. Comprendere i tipi di infortuni al ginocchio causati dal sollevamento pesi può aiutare nella prevenzione?

Consigli degli esperti per evitare infortuni al ginocchio durante il sollevamento pesi

Lesioni al ginocchio durante il sollevamento pesi

L'allenamento con i pesi è molto sicuro per le ginocchia poiché un allenamento regolare con i pesi può migliorare la forza del ginocchio e prevenire lesioni purché venga seguita la forma corretta. Per gli individui con lesioni al ginocchio dovute ad altre attività, esercizi di allenamento con i pesi errati potrebbero peggiorare la lesione. (Ulrika Aasa et al., 2017) Inoltre, movimenti di torsione improvvisi, cattivo allineamento e lesioni preesistenti possono aumentare il rischio di peggioramento o di creazione di ulteriori lesioni. (Hagen Hartmann et al, 2013) Il corpo e le ginocchia sono progettati per sostenere le forze verticali sulle articolazioni.

Lesioni comuni

Gli infortuni al ginocchio dovuti al sollevamento pesi si verificano quando le articolazioni del ginocchio sopportano una vasta gamma di stress e tensioni. Nell'allenamento con i pesi, i legamenti che si attaccano al complesso sistema osseo dell'articolazione del ginocchio possono essere danneggiati da movimenti scorretti, sovraccaricando il peso e aumentando il peso troppo presto. Queste lesioni possono provocare dolore, gonfiore e immobilità che possono variare da lievi a gravi, da una distorsione o uno strappo leggero fino a uno strappo completo nei casi più gravi.

Legamento crociato anteriore – ACL – Lesione

Questo legamento collega l'osso del femore della coscia allo stinco/tibia della parte inferiore della gamba e controlla l'eccessiva rotazione o estensione dell'articolazione del ginocchio. (Accademia americana dei medici di famiglia. 2024)

  • Anteriore significa anteriore.
  • Gli infortuni al legamento crociato anteriore si riscontrano soprattutto negli atleti, ma possono capitare a chiunque.
  • Un danno grave all’ACL di solito comporta la ricostruzione chirurgica e fino a 12 mesi di riabilitazione.
  • Durante il sollevamento pesi, cercare di evitare movimenti di torsione del ginocchio, intenzionalmente o accidentalmente, sotto carico eccessivo.

Legamento crociato posteriore – PCL – Lesione

  • Il PCL collega il femore e la tibia in punti diversi all'ACL.
  • Controlla qualsiasi movimento all'indietro della tibia nell'articolazione.
  • Gli infortuni si verificano nella maggior parte dei casi con forze di impatto elevate a seguito di incidenti e talvolta in attività in cui si verifica un forte trauma al ginocchio.

Legamento collaterale mediale – MCL – Lesione

  • Questo legamento impedisce al ginocchio di piegarsi troppo verso l'interno/medialmente.
  • Le lesioni si verificano principalmente a causa dell'impatto sulla parte esterna del ginocchio o della forza accidentale del peso corporeo sulla gamba che si piega con un'angolazione insolita.

Legamento collaterale laterale – LCL – Lesione

  • Questo legamento collega l'osso più piccolo della parte inferiore della gamba/perone al femore.
  • È opposto al MCL.
  • Mantiene un eccessivo movimento verso l'esterno.
  • Le lesioni LCL si verificano quando una forza spinge il ginocchio in fuori.

Lesione della cartilagine

  • La cartilagine impedisce alle ossa di sfregarsi tra loro e ammortizza le forze d'impatto.
  • I menischi del ginocchio sono cartilagini che ammortizzano le articolazioni del ginocchio all'interno e all'esterno.
  • Altri tipi di cartilagine proteggono le ossa della coscia e della tibia.
  • Quando la cartilagine viene strappata o danneggiata, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

tendinite

  • I tendini del ginocchio aggravati e abusati possono portare a lesioni al ginocchio durante il sollevamento pesi.
  • Una lesione correlata nota come sindrome della banda ileotibiale/ITB provoca dolore all'esterno del ginocchio, di solito nei corridori, ma può verificarsi a causa di un uso eccessivo.
  • Riposo, stretching, terapia fisica e farmaci antinfiammatori sono un piano di trattamento comune.
  • Gli individui dovrebbero consultare un fisioterapista per il dolore che dura più di due settimane. (Simeon Mellinger, Grace Anne Neurohr 2019)

L'osteoartrite

  • Con l'invecchiamento del corpo, la normale usura può causare lo sviluppo di osteoartrite delle articolazioni del ginocchio. (Jeffrey B. Driban et al., 2017)
  • La condizione provoca il deterioramento della cartilagine e lo sfregamento delle ossa, provocando dolore e rigidità.

Frodi

  • Gli individui possono ridurre al minimo il rischio di lesioni e dolore al ginocchio durante il sollevamento pesi seguendo le raccomandazioni del proprio medico e personal trainer.
  • Gli individui con un infortunio al ginocchio esistente dovrebbero seguire le raccomandazioni del proprio medico o fisioterapista.
  • Una ginocchiera può mantenere i muscoli e le articolazioni al sicuro, fornendo protezione e supporto.
  • Lo stretching dei muscoli delle gambe e del ginocchio può mantenere la flessibilità articolare.
  • Evitare movimenti laterali improvvisi.
  • Le possibili raccomandazioni possono includere:

Evitare alcuni esercizi

  • Esercizi di isolamento come i leg curl, in piedi o su una panca, così come l'uso della macchina per l'estensione delle gambe, possono stressare il ginocchio.

Allenamento per lo squat profondo

La ricerca mostra che lo squat profondo può proteggere dagli infortuni alla parte inferiore della gamba se il ginocchio è sano. Tuttavia, questo avviene se eseguito con la tecnica adeguata, sotto la supervisione di esperti e con un carico graduale e progressivo. (Hagen Hartmann et al, 2013)

Gli individui dovrebbero parlare con il proprio medico prima di iniziare una nuova routine di esercizi. Un personal trainer può fornire formazione per apprendere la tecnica corretta e la forma di sollevamento pesi.


Come mi sono strappato l'ACL, parte 2


Riferimenti

Aasa, U., Svartholm, I., Andersson, F., & Berglund, L. (2017). Infortuni tra sollevatori di pesi e powerlifter: una revisione sistematica. Giornale britannico di medicina dello sport, 51(4), 211–219. doi.org/10.1136/bjsports-2016-096037

Hartmann, H., Wirth, K. e Klusemann, M. (2013). Analisi del carico sull'articolazione del ginocchio e sulla colonna vertebrale con variazioni della profondità dello squat e del carico di peso. Medicina dello sport (Auckland, Nuova Zelanda), 43(10), 993–1008. doi.org/10.1007/s40279-013-0073-6

Accademia americana dei medici di famiglia. Lesione del legamento crociato anteriore (LCA). (2024). Lesione del legamento crociato anteriore (Malattie e condizioni, Problema. familydoctor.org/condition/acl-injuries/

Mellinger, S. e Neurohr, GA (2019). Opzioni di trattamento basate sull'evidenza per gli infortuni comuni al ginocchio nei corridori. Annali di medicina traslazionale, 7(Suppl 7), S249. doi.org/10.21037/atm.2019.04.08

Driban, JB, Hootman, JM, Sitler, MR, Harris, KP e Cattano, NM (2017). La partecipazione ad alcuni sport è associata all’artrosi del ginocchio? Una revisione sistematica. Giornale di preparazione atletica, 52(6), 497–506. doi.org/10.4085/1062-6050-50.2.08

Utilizzo dell'agopuntura per la gestione del dolore

Utilizzo dell'agopuntura per la gestione del dolore

Per le persone che affrontano lesioni e condizioni di dolore, incorporare l’agopuntura in un piano di trattamento può aiutare ad alleviare e gestire il dolore?

Utilizzo dell'agopuntura per la gestione del dolore

Gestione del dolore con l'agopuntura

Le tecniche di gestione del dolore includono terapia fisica, farmaci, terapie del freddo, chiropratica e massaggi. Un metodo che sta crescendo è l'agopuntura. (Organizzazione mondiale della sanità. 2021) Secondo un rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità, l'agopuntura è la forma di medicina tradizionale più comunemente praticata a livello globale. (Organizzazione mondiale della sanità. 2021) Ogni anno negli Stati Uniti vengono somministrati più di 10 milioni di trattamenti di agopuntura (Jason Jishun Hao, Michele Mittelman. 2014)

Cos'è?

L'agopuntura è una pratica medica che prevede il posizionamento di aghi solidi ma super sottili in punti specifici del corpo per trattare determinati problemi di salute. Possono essere utilizzati da soli o stimolati con correnti elettriche, chiamate elettroagopuntura. L'agopuntura ha avuto origine in Cina circa 3,000 anni fa ed è conosciuta come medicina tradizionale cinese o MTC. Negli anni più recenti, la pratica ha guadagnato accettazione e domanda in tutto il mondo. (Jason Jishun Hao, Michele Mittelman. 2014)

Come funziona?

La gestione del dolore con l'agopuntura funziona bilanciando il flusso di qi/chi/energia, che si muove attraverso i meridiani o canali nel corpo. Inserendo gli aghi in punti specifici lungo questi canali, viene ristabilito l'equilibrio per la salute e il benessere generale. Quando l’energia è sbilanciata a causa di fattori di stress interni ed esterni che possono includere lesioni, condizioni di base, dieta non sana e stress, gli individui possono presentare sintomi e malattie. Utilizzando tecniche diagnostiche e interviste complete, i professionisti possono determinare quali sistemi di organi e canali meridiani devono essere affrontati per ripristinare la funzione. Ci sono più di 2,000 punti terapeutici nel corpo. (Medicina Johns Hopkins. 2024) Ogni punto ha il suo scopo e la sua funzione: alcuni aumentano l'energia, altri la diminuiscono, aiutando a bilanciare il corpo per favorire la guarigione e il recupero. La gestione del dolore con l’agopuntura va oltre la guarigione energetica e può aiutare ad alleviare il dolore stimolando i nervi, i muscoli e la fascia/tessuto connettivo, regolando la risposta immunitaria, la risposta del sistema nervoso, il flusso linfatico e aumentando il rilassamento muscolare.

Tipi

Diversi tipi di agopuntura sono stati modificati nella formazione e negli stili, ma tutti prevedono la puntura in determinati punti e includono:

Ortopedico/Dry Needling

  • Questa tecnica combina la medicina tradizionale cinese e la manipolazione delle strutture per trattare il dolore, le lesioni dei tessuti, gli squilibri del corpo e altri disturbi sistemici generali.

Stile a cinque elementi

  • Questa è una tecnica spirituale ed emotiva che utilizza i cinque elementi della natura, tra cui legno, fuoco, terra, metallo e acqua, per trasferire energia, creando equilibrio nel corpo.

Stile giapponese

  • utilizza tecniche simili alla MTC ma utilizza un approccio più sottile, come utilizzare meno aghi o inserirli a profondità inferiori nel corpo.

Coreano

  • Questa tecnica utilizza entrambe le tecniche dell'agopuntura cinese e giapponese.
  • I professionisti possono utilizzare più aghi e diversi tipi di aghi, come una varietà di rame, invece del tipo standard in acciaio inossidabile.
  • Questo tipo di agopuntura utilizza solo i punti terapeutici della mano per trattare diverse aree del corpo.

auricolare

  • È simile all'agopuntura coreana, ma si basa su alcuni punti dell'orecchio per trattare altre aree del corpo.
  • L’obiettivo è superare squilibri e disarmonie.

Distal

  • Questa tecnica tratta il dolore indirettamente.
  • I professionisti posizionano gli aghi in punti diversi dall'area di disagio.
  • Ad esempio, i professionisti possono posizionare gli aghi attorno ai gomiti per il dolore al ginocchio o alla parte inferiore delle gambe per il dolore alla spalla.

agopressione

  • Questa forma di terapia stimola diversi punti terapeutici senza l'uso di aghi.
  • I praticanti utilizzano posizionamenti precisi delle dita, delle mani o di altri strumenti e oli essenziali per applicare pressione su punti specifici per migliorare il flusso di energia.

I fornitori possono combinare e utilizzare vari moduli in base alle esigenze di un individuo.

Condizioni

Un’analisi di oltre 2,000 revisioni scientifiche sulle terapie di agopuntura ha rilevato che è efficace per l’afasia post-ictus, il collo, le spalle, la lombalgia, il dolore muscolare, il dolore fibromialgico, i problemi di allattamento dopo il parto, i sintomi di demenza vascolare e i sintomi di allergia. (Calcinazione Lu et al., 2022) Uno studio sui topi condotto da neuroscienziati ha scoperto che l'elettroagopuntura può ridurre l'infiammazione. (Shenbin Liu et al., 2020) Il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa ha scoperto che l'agopuntura può essere utile per: (Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. 2022)

  • Sindrome del tunnel carpale
  • Dolore alla schiena e al collo
  • Sciatica
  • Sindrome del dolore miofasciale
  • Sindrome da dolore pelvico cronico
  • fibromialgia
  • L'osteoartrite
  • Migliora il sonno
  • Stress
  • Mal di testa
  • Emicrania
  • Vampate di calore in menopausa
  • Dolore post operatorio
  • Dolore al Cancro
  • Nausea e vomito nei pazienti oncologici in terapia
  • Prostatite cronica
  • Digestione
  • Sindrome del colon irritabile
  • Allergie stagionali
  • Incontinenza urinaria
  • Infertilità
  • Asma
  • Smettere di fumare
  • Depressione

Sicurezza

Quando il trattamento viene eseguito da un agopuntore altamente qualificato, autorizzato e certificato, è molto sicuro. Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati pneumotorace/collasso polmonare, problemi cardiovascolari e svenimenti, che in alcuni casi hanno causato traumi, come fratture. (Petra Bäumler et al., 2021) Ci sono alcuni rischi a breve termine associati all'agopuntura, tra cui:

  • Dolore
  • emorragia
  • lividi
  • Sonnolenza
  • Vertigini per le persone che non hanno mangiato o paura degli aghi.

Gli effetti collaterali gravi associati all’agopuntura, come un polmone perforato o un’infezione, sono molto rari. Per le persone che hanno un'allergia ai metalli, un'infezione o una ferita aperta nell'area in cui verranno inseriti gli aghi, si consiglia di evitare l'agopuntura. Le persone che hanno un disturbo emorragico, stanno assumendo farmaci come un anticoagulante o sono incinte, dovrebbero parlare con l'agopuntore prima di iniziare un piano di trattamento.

Cosa aspettarsi

La visita di ognuno sarà adattata alle loro esigenze specifiche e la prima visita durerà probabilmente un’ora o due. La valutazione iniziale includerà un’anamnesi medica/sanitaria completa. L'individuo trascorrerà alcuni minuti a discutere preoccupazioni e obiettivi di salute con l'agopuntore. Agli individui verrà chiesto di sdraiarsi sul lettino del trattamento in modo che il professionista possa accedere agli arti, alla schiena e all'addome. Dopo aver inserito gli aghi, rimarranno in posizione per circa 20-30 minuti. In questo momento, le persone possono rilassarsi, meditare, dormire, ascoltare musica, ecc. Il professionista può monitorare se e come il polso è cambiato e aggiungere o rimuovere gli aghi. Dopo aver rimosso gli aghi, il medico determinerà il corso del trattamento. A seconda di quanto cronica o grave sia la condizione, possono raccomandare diversi trattamenti di gestione del dolore con agopuntura nel corso di diverse settimane.


Cura chiropratica per la guarigione dopo un trauma


Riferimenti

Organizzazione mondiale della sanità. (2021). I parametri di riferimento dell’OMS per la pratica dell’agopuntura.

Hao, JJ e Mittelman, M. (2014). Agopuntura: passato, presente e futuro. Progressi globali nel campo della salute e della medicina, 3(4), 6–8. doi.org/10.7453/gahmj.2014.042

Medicina Johns Hopkins. (2024). Agopuntura.

Lu, L., Zhang, Y., Tang, X., Ge, S., Wen, H., Zeng, J., Wang, L., Zeng, Z., Rada, G., Ávila, C., Vergara, C., Tang, Y., Zhang, P., Chen, R., Dong, Y., Wei, X., Luo, W., Wang, L., Guyatt, G., Tang, C., … Xu, N. (2022). Le prove sulle terapie di agopuntura sono sottoutilizzate nella pratica clinica e nella politica sanitaria. BMJ (ricerca clinica ed.), 376, e067475. doi.org/10.1136/bmj-2021-067475

Liu, S., Wang, Z. F., Su, Y. S., Ray, R. S., Jing, X. H., Wang, Y. Q., & Ma, Q. (2020). Organizzazione somatotopica e dipendenza dall'intensità nel guidare percorsi simpatici distinti che esprimono NPY mediante elettroagopuntura. Neurone, 108(3), 436–450.e7. doi.org/10.1016/j.neuron.2020.07.015

Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2022). Agopuntura: cosa devi sapere.

Bäumler, P., Zhang, W., Stübinger, T., & Irnich, D. (2021). Eventi avversi correlati all'agopuntura: revisione sistematica e meta-analisi di studi clinici prospettici. BMJ aperto, 11(9), e045961. doi.org/10.1136/bmjopen-2020-045961

Terapia fisica dopo l'intervento di sostituzione totale della caviglia

Terapia fisica dopo l'intervento di sostituzione totale della caviglia

I progressi possono essere difficili per le persone che devono sottoporsi a un intervento di sostituzione totale della caviglia. In che modo la terapia fisica può aiutare nel recupero e nel ripristino della funzionalità delle gambe?

Terapia fisica dopo l'intervento di sostituzione totale della caviglia

Terapia fisica post-operatoria con sostituzione totale della caviglia

L’intervento di sostituzione totale della caviglia è una procedura importante che richiede tempo per recuperare. Un intervento chirurgico di sostituzione totale della caviglia o un'artroplastica può portare benefici alle persone con dolore cronico alla caviglia o disabilità. Questa procedura può migliorare significativamente il dolore generale e la funzionalità di un individuo nel tempo. La terapia fisica è essenziale per riprendere il movimento della caviglia e ripristinare la piena mobilità. Un fisioterapista lavorerà con l'individuo per controllare il dolore e il gonfiore, ripristinare la gamma di movimento della caviglia, allenarsi sull'andatura e l'equilibrio e ricostruire la forza nella gamba. Ciò contribuirà a massimizzare le possibilità di un esito positivo dopo l'intervento chirurgico.

Sostituzione totale della caviglia

L'articolazione della caviglia è la sezione della parte inferiore della gamba dove la tibia/tibia incontra l'astragalo sulla parte superiore del piede. Ciò che può accadere è che la superficie scivolosa/cartilagine articolare che ricopre le estremità di queste ossa inizia ad assottigliarsi o a deteriorarsi. Man mano che il deterioramento progredisce, può portare a dolore significativo, disabilità e difficoltà a camminare. (Clinica Cleveland. 2021) È qui che uno specialista può raccomandare la sostituzione totale della caviglia per ottenere i migliori risultati. Varie condizioni possono essere migliorate da questa procedura, tra cui:

  • Danni articolari causati dalla gotta
  • Artrite post-traumatica
  • Artrite reumatoide
  • Artrosi avanzata
  • osteonecrosi
  • Artrite settica (Cort D. Lawton et al., 2017)

Durante una procedura di sostituzione della caviglia, un chirurgo ortopedico rimuove le estremità danneggiate delle ossa della tibia e dell'astragalo e le sostituisce con una copertura artificiale. Tra le due strutture è inoltre fissato un componente in polietilene per favorire il movimento fluido delle nuove estremità del giunto. (Ospedale generale del Massachusetts. ND) Dopo la procedura, gli individui vengono solitamente inseriti in uno stivale protettivo o in una stecca. L'operatore sanitario consiglierà di rimanere senza gamba per un periodo da 4 a 8 settimane per consentire la guarigione.

Fisioterapia

La terapia fisica ambulatoriale viene solitamente iniziata diverse settimane dopo l'operazione alla caviglia. (UW Salute Ortopedia e Riabilitazione. 2018) La terapia fisica può durare cinque mesi o più, a seconda della gravità della condizione e della lesione. Il fisioterapista si concentrerà su diverse aree per ottenere i migliori risultati. (Cort D. Lawton et al., 2017)

Controllo del dolore e del gonfiore

Il dolore e il gonfiore postoperatori sono normali dopo una sostituzione totale della caviglia. Non è insolito che una caviglia sia gonfia anche per 12-XNUMX mesi dopo l'operazione. (UW Salute Ortopedia e Riabilitazione. 2018) Il chirurgo normalmente prescriverà farmaci per aiutare a gestire il disagio nella fase iniziale e anche la terapia fisica svolge un ruolo importante nell'affrontare i sintomi. I trattamenti utilizzati possono includere:

  • Stimolazione elettrica: lievi impulsi elettrici applicati ai muscoli.
  • Ice
  • La compressione vasopneumatica, in cui viene utilizzato un manicotto gonfiabile per creare pressione intorno all'area, viene comunemente utilizzata all'inizio della terapia fisica per ridurre il dolore o il gonfiore.
  • Altre modalità, come stretching ed esercizi mirati, vengono combinate con altri trattamenti.

Gamma di movimento

  • Subito dopo la procedura, la caviglia sarà molto rigida e tesa. Ciò è dovuto a diversi fattori, tra cui l’infiammazione e il gonfiore dopo l’intervento chirurgico e il tempo trascorso immobilizzato in uno stivale.
  • Il fisioterapista utilizzerà varie tecniche per migliorare la gamma di movimento dell'articolazione della caviglia per ruotare e flettersi.
  • Il fisioterapista può utilizzare uno stretching passivo indotto da una forza esterna (come il terapista o una fascia di resistenza) per contribuire a migliorare la mobilità.
  • Vengono utilizzate anche tecniche manuali come il massaggio dei tessuti molli e le mobilizzazioni articolari. (Ospedale generale del Massachusetts. ND)
  • Il terapista svilupperà un programma di riabilitazione domiciliare comprendente tecniche di auto-stretching e movimenti delicati.

Allenamento dell'andatura e dell'equilibrio

  • Dopo settimane di assenza della caviglia interessata, il chirurgo autorizzerà il paziente a iniziare l'allenamento a camminare.
  • Il fisioterapista lavorerà per migliorare lo schema generale dell'andatura e ridurre la zoppia.
  • Aiuteranno anche a passare dall'uso delle stampelle o di un deambulatore al camminare in modo indipendente. (UW Salute Ortopedia e Riabilitazione. 2018)
  • Dopo diverse settimane di movimento ridotto e di mancanza di carico sulla caviglia, i muscoli che circondano la caviglia si sono spesso atrofizzati/indeboliti, il che può influire sull’equilibrio.
  • Quando l'individuo può iniziare a caricare il peso sulla gamba, il terapista applicherà un allenamento propriocettivo/senso della posizione del corpo per migliorare la stabilità generale. (UW Salute Ortopedia e Riabilitazione. 2018)
  • Gli esercizi di equilibrio verranno aggiunti al programma a casa e progrediranno di settimana in settimana.

Forza

I muscoli della gamba, della caviglia e del piede si indeboliscono a causa dell'intervento chirurgico e del tempo trascorso in una stecca o in uno stivale. Queste strutture hanno un ruolo significativo nell’equilibrio, nella capacità di stare in piedi, camminare e salire o scendere le scale.

  • Riacquistare la forza e la potenza di questi muscoli è un obiettivo fondamentale della riabilitazione.
  • Nelle prime settimane, il fisioterapista si concentrerà su esercizi delicati di rafforzamento.
  • Gli esercizi isometrici attivano leggermente i muscoli ma evitano di irritare il sito chirurgico.
  • Man mano che il tempo passa e il carico è consentito, questi movimenti delicati vengono sostituiti con altri più impegnativi, come fasce di resistenza ed esercizi in piedi, per accelerare i guadagni di forza.

Trattare le distorsioni della caviglia con la cura chiropratica


Riferimenti

Clinica di Cleveland. (2021). Sostituzione totale della caviglia.

Lawton, C. D., Butler, B. A., Dekker, R. G., 2nd, Prescott, A., & Kadakia, A. R. (2017). Artroplastica totale della caviglia rispetto all'artrodesi della caviglia: un confronto dei risultati nell'ultimo decennio. Giornale di chirurgia e ricerca ortopedica, 12(1), 76. doi.org/10.1186/s13018-017-0576-1

Ospedale generale del Massachusetts. (ND). Linee guida sulla terapia fisica per l’artroplastica totale della caviglia.

UW Salute Ortopedia e Riabilitazione. (2018). Linee guida per la riabilitazione dopo artroplastica totale di caviglia.

Rompere il tessuto cicatriziale con il massaggio a frizione

Rompere il tessuto cicatriziale con il massaggio a frizione

Per le persone che hanno difficoltà a muoversi o a funzionare normalmente a causa di infortuni, interventi chirurgici o malattie, un team di chiropratica e fisioterapia può aiutare ad accelerare il recupero?

Rompere il tessuto cicatriziale con il massaggio a frizione

Massaggio a frizione

Gli individui possono sviluppare tessuto cicatriziale o aderenze tissutali che limitano il normale movimento dopo un infortunio o un intervento chirurgico. Un team di gestione del dolore può utilizzare vari trattamenti e modalità e può incorporare il massaggio con frizione come parte di un piano di trattamento riabilitativo. Massaggio a frizione, noto anche come attrito trasversale o attrito trasversale il massaggio, è una tecnica utilizzata per aiutare a migliorare la mobilità del tessuto cicatriziale e delle aderenze per muoversi meglio e diminuire gli effetti negativi. Il terapista usa le dita per massaggiare la cicatrice in una direzione che è ad angolo retto rispetto alla linea della cicatrice. È una tecnica specializzata che rompe le aderenze tissutali che limitano il normale movimento della pelle e dei tessuti sottostanti. (Haris Begovic, et al., 2016)

Tessuto cicatriziale e aderenze

Per le persone che necessitano di un intervento chirurgico a causa di un infortunio o di una condizione ortopedica, il medico taglierà la pelle, i tendini e il tessuto muscolare durante l'operazione. Una volta suturata e iniziata la guarigione, si forma tessuto cicatriziale. Il tessuto sano è costituito da collagene composto da cellule disposte secondo uno schema regolare. Il collagene sano è forte e può resistere alle forze quando i tessuti vengono tirati e allungati. (Paula Chaves et al., 2017)

Durante il processo di guarigione dopo una lesione, le cellule di collagene si depositano in modo casuale e formano tessuto cicatriziale. L'accumulo casuale di cellule si restringe e non reagisce bene alla tensione e alle forze di allungamento. (Qing Chun, et al., 2016) Il corpo può formare tessuto cicatriziale dopo una lesione dei tessuti molli, come uno stiramento muscolare o tendineo. (Qing Chun, et al., 2016)

Se un muscolo o un tendine vengono sottoposti a tensione, il corpo genererà nuovo collagene durante la guarigione. Il nuovo collagene viene depositato in modo casuale e si possono formare tessuto cicatriziale o aderenze tissutali che possono limitare la normale gamma di movimento. Il tessuto sano si allunga e scivola mentre il corpo si muove. Il tessuto cicatriziale è rigido. Nel sito della cicatrice fazzoletto di carta, può esserci qualche movimento, ma è stretto, meno flessibile e può essere doloroso. Se il tessuto cicatriziale o le aderenze limitano il movimento, il massaggio a frizione incrociata può migliorare lo scorrimento e lo scorrimento dei tessuti. Questo processo viene definito rimodellamento.

Obiettivi del massaggio

Gli obiettivi e gli scopi del massaggio con attrito su aderenze o tessuto cicatrizzato possono includere:

  • Stimolazione delle fibre nervose per diminuire e alleviare il dolore.
  • Aumentare la circolazione sanguigna nei tessuti.
  • Lavorare il tessuto interessato per rompere le cicatrici.
  • Riallineamento tissutale delle fibre collagene.
  • Migliorare l'attività dei meccanorecettori.

Tecnica di massaggio

Il trattamento del massaggio con frizioni segue una tecnica specifica: (Paula Chaves et al., 2017)

  • L'intera area di tessuto cicatriziale o di adesione deve essere trattata.
  • Se il tessuto cicatriziale si trova in un muscolo, dovrebbe essere rilassato.
  • Se il tessuto cicatriziale si trova in una guaina tendinea, tale tendine deve essere leggermente allungato durante la procedura.
  • Il terapista posiziona due o tre dita sulla cicatrice o sull'adesione e muove le dita perpendicolarmente alla cicatrice per levigare le fibre di collagene.
  • Le dita e i tessuti sottostanti si muovono insieme.
  • Il massaggio dovrebbe essere profondo e scomodo ma non doloroso.
  • Potrebbe esserci del dolore, ma dovrebbe rimanere entro la tolleranza dell'individuo.
  • Se il massaggio è troppo doloroso, è possibile esercitare una pressione minore.
  • Dopo alcuni minuti il ​​terapista valuterà la mobilità dei tessuti.
  • Possono essere eseguiti allungamenti specifici per allungare il tessuto cicatriziale o le aderenze.
  • Possono essere prescritti esercizi e allungamenti a casa per mantenere la flessibilità.

Controindicazioni

Esistono situazioni in cui il massaggio a frizione non deve essere utilizzato e può includere: (Paula Chaves et al., 2017)

  • Intorno a una ferita aperta attiva.
  • Se c'è un'infezione batterica.
  • Aree con diminuzione della sensibilità.
  • Se è presente calcificazione nel tessuto muscolare o tendineo.

Il terapista spiegherà la procedura e informerà sugli obiettivi e sui rischi ad essa associati.

Diagnosi trattate

Le diagnosi che possono essere trattate con il massaggio a frizione possono includere: (Paula Chaves et al., 2017)

  • Strappi o stiramenti muscolari.
  • Per tendiniti o tendinopatie.
  • Dopo uno strappo al tendine.
  • Capsulite adesiva della spalla/spalla congelata.
  • Contrattura articolare.
  • Rotture dei legamenti.
  • Accumulo di tessuto cicatriziale dopo un intervento chirurgico o un trauma.

Il massaggio con frizione è una tecnica popolare utilizzata nella terapia fisica, ma alcune ricerche suggeriscono che non è più efficace di altre tecniche di riabilitazione. Uno studio ha scoperto che gli allungamenti e gli esercizi statici erano più efficaci del massaggio nel migliorare la lunghezza e la forza dei tessuti nei giocatori di calcio illesi. Altri studi lo hanno supportato, ma le persone potrebbero scoprire che il massaggio aiuta anche a migliorare il movimento dei tessuti feriti. (Mohammed Ali Fakhro, et al. 2020)

L'obiettivo principale di qualsiasi trattamento in terapia fisica è aiutare l'individuo a ritrovare movimento e flessibilità. Il massaggio a frizione, combinato con allungamenti ed esercizi mirati, può aiutare le persone ad accelerare il recupero e tornare alla normalità.


Cura chiropratica dopo incidenti e infortuni


Riferimenti

Begovic, H., Zhou, GQ, Schuster, S., & Zheng, YP (2016). Gli effetti neuromotori del massaggio a frizione trasversale. Terapia manuale, 26, 70–76. doi.org/10.1016/j.math.2016.07.007

Chaves, P., Simões, D., Paço, M., Pinho, F., Duarte, JA, & Ribeiro, F. (2017). Parametri di applicazione del massaggio a frizione profonda di Cyriax: prove da uno studio trasversale con fisioterapisti. Scienza e pratica muscoloscheletrica, 32, 92–97. doi.org/10.1016/j.msksp.2017.09.005

Chun, Q., ZhiYong, W., Fei, S., & XiQiao, W. (2016). Cambiamenti biologici dinamici nei fibroblasti durante la formazione e la regressione della cicatrice ipertrofica. Rivista internazionale delle ferite, 13(2), 257–262. doi.org/10.1111/iwj.12283

Fakhro, MA, Chahine, H., Srour, H., & Hijazi, K. (2020). Effetto del massaggio con frizione trasversale profonda vs stretching sulla prestazione dei calciatori. Giornale mondiale di ortopedia, 11(1), 47–56. doi.org/10.5312/wjo.v11.i1.47

Come riconoscere e trattare una lesione da stiramento all'inguine

Come riconoscere e trattare una lesione da stiramento all'inguine

Quando si verifica una lesione da stiramento all'inguine, conoscere i sintomi può aiutare nella diagnosi, nel trattamento e nei tempi di recupero?

Come riconoscere e trattare una lesione da stiramento all'inguine

Lesione da stiramento all'inguine

Uno stiramento all'inguine è una lesione al muscolo interno della coscia. UN trazione all'inguine è un tipo di stiramento muscolare che colpisce il gruppo muscolare adduttore (i muscoli aiutano a separare le gambe). (Parisa Sedaghati, et al., 2013) La lesione si verifica quando il muscolo viene allungato oltre il suo normale range di movimento, creando rotture superficiali. Gli sforzi gravi possono lacerare il muscolo in due. (Parisa Sedaghati, et al., 2013)

  • Una trazione dei muscoli inguinali provoca dolore e dolorabilità che peggiora quando si stringono le gambe.
  • Potrebbero verificarsi anche gonfiore o lividi all'inguine o all'interno della coscia.
  • Una trazione all'inguine semplice richiede dalle quattro alle sei settimane per guarire con un trattamento adeguato. (Andreas Serner, et al., 2020)

Sintomi

Una trazione all'inguine può essere dolorosa e interferire con la deambulazione, il salire le scale e/o la guida di un'auto. Oltre al dolore, altri sintomi intorno alla zona lesa includono: (Parisa Sedaghati et al., 2013)

  • Uno schiocco o una sensazione di schiocco quando si verifica la lesione.
  • Aumento del dolore quando si uniscono le gambe.
  • Rossore
  • Gonfiore
  • Lividi all'inguine o all'interno della coscia.

I tiri all'inguine sono classificati in base alla gravità e all'impatto che hanno sulla mobilità:

Grade 1

  • Lieve disagio ma non sufficiente a limitare le attività.

Grade 2

  • Disagio moderato con gonfiore o lividi che limita la corsa e/o il salto.

Grade 3

  • Lesioni gravi con gonfiore e lividi significativi possono causare dolore mentre si cammina e spasmi muscolari.

Segni di un grave stiramento all'inguine

  • Difficoltà a camminare
  • Dolore all'inguine stando seduti o riposando
  • Dolore all'inguine durante la notte
  • Un operatore sanitario dovrebbe vedere forti tiri all'inguine perché il muscolo potrebbe essersi rotto o essere sul punto di rompersi.
  • Nei casi più gravi, è necessario un intervento chirurgico per riattaccare le estremità strappate.

I tiri all'inguine lo sono a volte accompagnato da una frattura da stress del pube/delle ossa pelviche rivolte in avanti, che può prolungare significativamente i tempi di guarigione e recupero. (Parisa Sedaghati et al., 2013)

Cause

Le trazioni all'inguine sono spesso sperimentate da atleti e individui che praticano sport in cui devono fermarsi e cambiare direzione rapidamente, sottoponendo a sforzo eccessivo i muscoli adduttori. (Parisa Sedaghati et al., 2013) Il rischio aumenta nei soggetti che: (T. Sean Lynch et al., 2017)

  • Avere muscoli abduttori dell'anca deboli.
  • Non sono in condizioni fisiche adeguate.
  • Avere un precedente infortunio all'inguine o all'anca.
  • Gli strappi possono verificarsi anche a causa di cadute o attività estreme senza il corretto condizionamento.

Diagnosi

Un operatore sanitario eseguirà un’indagine approfondita per confermare la diagnosi e caratterizzare la gravità. Ciò comporta: (Juan C. Suarez et al., 2013)

Revisione della storia medica

  • Ciò include eventuali lesioni precedenti e dettagli su dove e quando sono iniziati i sintomi.

Esame fisico

  • Ciò comporta la palpazione: toccare e premere leggermente la regione inguinale e manipolare la gamba per capire meglio dove e quanto è estesa la lesione.

Studi di imaging

  • Ultrasuoni o raggi X.
  • Se si sospetta una rottura o una frattura muscolare, è possibile ordinare una scansione MRI per visualizzare meglio le lesioni dei tessuti molli e le fratture da stress.

Diagnosi differenziale

Alcune condizioni possono simulare una trazione all’inguine e richiedere trattamenti diversi. Questi includono: (Juan C. Suarez, et al., 2013)

Ernia sportiva

  • Questo tipo di inguinale ernia si verifica con infortuni sportivi e sul lavoro.
  • Fa sì che una parte dell'intestino fuoriesca attraverso un muscolo indebolito nell'inguine.

Hip Labral Tear

  • Si tratta di una lacerazione nell'anello cartilagineo del labbro esterno al bordo dell'articolazione dell'anca.

Osteoartrite dell'anca

  • Questa è la forma di artrite da usura che può presentarsi con sintomi di dolore all'inguine.

Osteite pubica

  • Si tratta di un'infiammazione dell'articolazione pubica e delle strutture circostanti, solitamente causata dall'uso eccessivo dei muscoli dell'anca e delle gambe.

Dolore all'inguine riferito

  • Questo dolore nervoso ha origine nella parte bassa della schiena, spesso a causa di un nervo schiacciato, ma si avverte all'inguine.

Trattamento

Il trattamento iniziale è conservativo e comprende riposo, applicazione di ghiaccio, terapia fisica e stretching ed esercizi delicati prescritti.

  • I soggetti possono aver bisogno di stampelle o di un dispositivo per camminare per ridurre il dolore e prevenire ulteriori lesioni se il dolore è significativo. (Andreas Serner, et al., 2020)
  • La terapia fisica farà parte del piano di trattamento.
  • Gli antidolorifici da banco come Tylenol/paracetamolo o Advil/ibuprofene possono aiutare ad alleviare il dolore a breve termine.
  • Se si avverte un forte dolore dovuto a una lesione di grado 3, è possibile utilizzare farmaci da prescrizione per un breve periodo per ridurre al minimo il dolore. (Andreas Serner, et al., 2020)
  • Di solito la chirurgia non è necessaria. (Andreas Serner, et al., 2020)

Recupero

I tempi di recupero possono variare in base alla gravità della lesione e alle condizioni fisiche prima dell'infortunio.

  • La maggior parte delle lesioni guarirà entro quattro-sei settimane con il riposo e un trattamento adeguato.
  • Gravi stiramenti all'inguine possono richiedere fino a 12 settimane o più se è coinvolto un intervento chirurgico. (Andreas Serner, et al., 2020)

Riabilitazione da infortunio


Riferimenti

Sedaghati, P., Alizadeh, MH, Shirzad, E., & Ardjmand, A. (2013). Revisione delle lesioni all'inguine indotte dallo sport. Trauma mensile, 18(3), 107–112. doi.org/10.5812/traumamon.12666

Serner, A., Weir, A., Tol, JL, Thorborg, K., Lanzinger, S., Otten, R., & Hölmich, P. (2020). Ritorno allo sport dopo la riabilitazione basata su criteri delle lesioni acute degli adduttori negli atleti di sesso maschile: uno studio prospettico di coorte. Rivista ortopedica di medicina dello sport, 8(1), 2325967119897247. doi.org/10.1177/2325967119897247

Lynch, TS, Bedi, A. e Larson, CM (2017). Lesioni all'anca atletica. Il giornale dell'Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 25(4), 269–279. doi.org/10.5435/JAAOS-D-16-00171

Suarez, JC, Ely, EE, Mutnal, AB, Figueroa, NM, Klika, AK, Patel, PD e Barsoum, WK (2013). Approccio completo alla valutazione del dolore all'inguine. Il giornale dell'Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 21(9), 558–570. doi.org/10.5435/JAAOS-21-09-558

Come identificare e trattare le distorsioni e le lussazioni delle dita

Come identificare e trattare le distorsioni e le lussazioni delle dita

Le distorsioni e le lussazioni delle dita sono lesioni comuni alle mani che possono verificarsi durante il lavoro, le attività fisiche/sportive o in caso di collisioni e incidenti automobilistici. Riconoscere i sintomi può aiutare a sviluppare una strategia di trattamento efficace?

Come identificare e trattare le distorsioni e le lussazioni delle dita

Distorsioni e lussazioni delle dita

Le distorsioni e le lussazioni delle dita sono lesioni comuni della mano che causano dolore e gonfiore.

  • Una distorsione si verifica quando il tessuto del dito che sostiene un'articolazione viene allungato oltre i suoi limiti in modo da sollecitare legamenti e tendini.
  • Il tessuto legamentoso può essere parzialmente o completamente strappato. Se il danno è abbastanza grave, l’articolazione si rompe.
  • Questa è una lussazione – Una lussazione si verifica quando l'articolazione del dito viene spostata dalla sua posizione normale.
  • Entrambe le lesioni possono causare dolore e rigidità al dito e alla mano.

distorsioni

Le distorsioni delle dita possono verificarsi ogni volta che il dito si piega in modo strano o insolito. Ciò può accadere cadendo sulla mano o facendosi male mentre si è impegnati in attività fisiche come lo sport o le faccende domestiche. Le distorsioni possono verificarsi in qualsiasi articolazione del dito. Tuttavia, più comunemente, l’articolazione al centro del dito subisce una distorsione. È nota come articolazione interfalangea prossimale o PIP. (John Elfar, Tobias Mann. 2013) I sintomi di una distorsione del dito possono includere:

  • Dolore quando muovi il dito
  • Gonfiore intorno alla nocca
  • Dolorabilità al dito e attorno all'articolazione
  • Per una distorsione, le persone potrebbero aver bisogno di eseguire l'imaging per vedere se qualcuna delle ossa della mano è rotta o fratturata. (OrtoInfo. Accademia americana dei chirurghi ortopedici. 2022)

Trattamento

Gli individui sono incoraggiati a non muovere il dito ferito durante il recupero e la guarigione. Può essere difficile da fare, ma indossare una stecca può aiutare.

  • Le stecche sono supporti solitamente realizzati in schiuma e metallo flessibile.
  • Un dito slogato può anche essere fasciato su una delle dita accanto durante il recupero, noto come buddy-taping.
  • Steccare un dito slogato mentre si è impegnati in un'attività può proteggere la mano da un peggioramento o da ulteriori lesioni.
  • Tuttavia, steccare il dito quando non è necessario può causare l’irrigidimento dell’articolazione. (OrtoInfo. Accademia americana dei chirurghi ortopedici. 2022)
  1. Un infortunio noto come “pollice del guardiacaccia” è un tipo di distorsione più grave.
  2. La lesione ai legamenti dell'articolazione del pollice può causare difficoltà nel pizzicare e nella presa.
  3. Questa lesione deve spesso essere fasciata o steccata per un periodo di tempo significativo per il completo recupero e potrebbe richiedere un intervento chirurgico. (Chen-Yu Hung, Matthew Varacallo, Ke-Vin Chang. 2023)

Altri trattamenti per aiutare un dito slogato includono:

  • Sollevare la mano se gonfia e infiammata.
  • Esercizi/movimenti delicati delle dita per prevenire la rigidità.
  • Glassa il dito ferito.
  • Prendi un farmaco antinfiammatorio.

Gli individui che non hanno rotto le ossa o lussato l'articolazione saranno probabilmente in grado di muovere il dito in circa una settimana. Un medico stabilirà una sequenza temporale per quando iniziare a usare normalmente il dito.

  1. Si consiglia agli individui che si slogano il dito che appare gonfio e rigido per più di qualche settimana di consultare un medico o uno specialista.
  2. Dovranno controllare la mano per assicurarsi che non ci siano rotture o fratture. (OrtoInfo. Accademia americana dei chirurghi ortopedici. 2022)
  3. Le distorsioni del pollice e delle dita nei bambini potrebbero dover essere steccate o fasciate per periodi più lunghi, poiché il legamento non è completamente sviluppato o così forte, il che potrebbe portare a una rottura.

dislocazioni

Una lussazione del dito è una lesione più grave che coinvolge il legamento, la capsula articolare, la cartilagine e altri tessuti che causa il disallineamento del dito. I legamenti e la capsula articolare si lacerano quando un'articolazione viene lussata. L'articolazione deve essere ripristinata, il che può essere un processo semplice o, nei casi più gravi, i pazienti potrebbero dover essere sottoposti ad anestesia o sottoporsi a un intervento chirurgico per ripristinare correttamente l'articolazione.

  • In questi casi, i tendini o altri tessuti potrebbero impedire all’articolazione di mettersi in posizione.
  • Riportare il dito nella posizione corretta è noto come “riduzione”. Una volta ridotto, il dito deve essere steccato.
  • Gli individui necessitano anche di una radiografia per garantire che l’articolazione sia allineata correttamente e che eventuali ossa non siano state rotte o fratturate quando hanno subito l’infortunio. (James R. Borchers, Thomas M. Migliore. 2012)
  • Una volta ripristinato, prendersi cura di un dito lussato è sostanzialmente uguale a quello di un dito slogato. Usando il ghiaccio sul dito, mantenendo il cura elevata per ridurre il gonfiore.
  • Gli individui devono consultare il proprio medico per scoprire quando iniziare a muovere il dito. (James R. Borchers, Thomas M. Migliore. 2012)

L'approccio chiropratico per migliorare la salute


Riferimenti

Elfar, J. e Mann, T. (2013). Fratture-lussazioni dell'articolazione interfalangea prossimale. Il giornale dell'Accademia americana dei chirurghi ortopedici, 21(2), 88–98. doi.org/10.5435/JAAOS-21-02-88

OrthoInfo dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons. (2022) Fratture delle mani.

Hung, CY, Varacallo, M., & Chang, KV (2023). Pollice del guardacaccia. In StatPearls. Pubblicazione StatPearls.

OrthoInfo dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons. (2022) Fratture delle dita.

Borchers, JR e Best, TM (2012). Fratture e lussazioni comuni delle dita. Medico di famiglia americano, 85(8), 805–810.