ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Dieta priva di glutine

Indietro Clinica Medicina Funzionale Dieta Senza Glutine. Una dieta priva di glutine è una dieta che esclude rigorosamente il glutine, una miscela di proteine ​​presenti nel grano e nei cereali correlati, tra cui orzo, segale, avena e tutte le loro specie e ibridi. Il glutine causa problemi di salute a chi soffre di disturbi legati al glutine, tra cui la celiachia (CD), la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS), l'atassia da glutine, la dermatite erpetiforme (DH) e l'allergia al grano.

Tuttavia, la dieta priva di glutine ha dimostrato di essere un trattamento efficace. Questa dieta può migliorare i sintomi gastrointestinali o sistemici in malattie come la sindrome dell'intestino irritabile, l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla o l'enteropatia da HIV. Queste diete sono state anche promosse come trattamento alternativo per le persone con autismo. Il Dr. Jimenez discute cosa va in questa dieta. I cibi da comprare, i cibi da evitare, i benefici per la salute e gli effetti collaterali di questa dieta. Per molti, questa dieta rende il mangiare sano, nutriente e più facile che mai.


Può una dieta senza glutine alleviare il dolore alle articolazioni?

Può una dieta senza glutine alleviare il dolore alle articolazioni?

Senza glutine: Durante una visita dal mio ortopedico ho fatto una confessione: `` Ho smesso di mangiare glutine e questo potrebbe sembrare un po 'folle, ma molti dei miei dolori articolari sono scomparsi.

Fece un ampio sorriso e disse: "Non sei la prima persona a dirlo"

Vedi Come il glutine può causare dolore alle articolazioni

colazione continentale senza glutine

Rinunciare al glutine può essere difficile, ma potrebbe causare meno dolori articolari. Ulteriori informazioni: Quali sono gli anti-infiammatori?

Ho smesso di mangiare il glutine perché alcuni amici hanno suggerito che potrebbe alleviare alcuni sintomi inspiegabili che stavo vivendo, come stanchezza e dolori articolari lievi. Avevo forti dubbi, ma il mio medico di base e io avevo esaurito di idee (aspettavo di vedere uno specialista), quindi pensavo che non avessi niente da perdere.

Vedi Artrite reumatoide e stanchezza

Entro una settimana da una dieta senza glutine, la mia stanchezza, dolore alle articolazioni e molti altri sintomi scomparvero.

La connessione tra glutine e dolori articolari

Si scopre che i ricercatori sanno da tempo che le persone con forme autoimmuni di artrite, come reumatoide

senza glutine

artrite e artrite psoriasica, sono a maggior rischio per la malattia celiaca,1, 2Una malattia autoimmune innescata da glutine.

Vedi Artrite infiammatoria

Più di recente, gli esperti medici hanno cominciato a riconoscere la connessione tra glutine e dolore articolare descritto come non-patologico (non correlato alla malattia).

Sia il mio ortopedico che quello primario concordano sul fatto che la mia dieta senza glutine è probabilmente il mio dolore alle articolazioni e altri

sintomi di infiammazione durante il controllo.

Vedi Una dieta anti-infiammatoria per l'artrite

 

Aspetta, non andare ancora senza glutine

Prima di gettare via la tua pasta e cereali in cerca di sollievo dal dolore alle articolazioni, considerate questi fattori:

    • Andare senza glutine non è per tutti
      I cereali integrali sono una parte consigliata di una dieta sana. Nessuna ricerca suggerisce che tutti dovrebbero iniziare a seguire una dieta priva di glutine. Ma per le persone che soffrono di infiammazioni articolari dolorose, l'eliminazione del glutine e di altri cibi `` pro-infiammatori '' può essere un approccio terapeutico da considerare.

      Vedi Gli insetti e le uscite di una dieta anti-infiammatoria

    • I prodotti alimentari etichettati come "senza glutine" non sono necessariamente salutari
      È quasi sempre meglio mangiare cibi integrali anziché cibi trasformati privi di glutine, ma comunque ricchi di zuccheri o grassi saturi. Ad esempio, salta i cereali senza glutine e prepara una ciotola di farina d'avena senza glutine o un frullato di frutta per colazione.
    • Mangiare una dieta priva di glutine non è una bacchetta magica
      L'adozione di altre abitudini sane, come il tempo per l'esercizio fisico, è essenziale per eliminare il dolore alle articolazioni.

      Vedi Gestire la fatica della RA attraverso la dieta e l'esercizio fisico

    • Un professionista sanitario può aiutare.È sempre una buona idea informare il medico dei cambiamenti nello stile di vita, compreso un cambiamento nella dieta. Un medico può indirizzarti a un dietologo registrato che può consigliare determinati alimenti, aiutandoti a ottenere abbastanza nutrienti e fibre nella tua dieta priva di glutine.

Vedi Specialisti di trattamento dell'artrite

  • Si potrebbe verificare il ritiro del glutine.Molte persone riferiscono che i loro sintomi infiammatori inizialmente peggiorarono dopo aver iniziato la loro dieta senza glutine. Questo stadio di ritiro può durare giorni o addirittura settimane, quindi non si vuole andare senza glutine prima di un grande evento, come una vacanza, una vacanza o l'inizio di un nuovo gioco.

Nessun singolo trattamento o abitudini di stile di vita possono eliminare i sintomi dell'artrite, ma andando senza glutine può essere un'opzione vale la pena provare come parte del piano di trattamento globale.

Di Jennifer Flynn

Per saperne di più

Curcuma e curcumina per l'artrite

Integratori alimentari per il trattamento dell'artrite

Referenze

  1. Rath, L. La connessione tra glutine e artrite. The Arthritis Foundation. www.arthritis.org/living-with-arthritis/arthritis-diet/anti-infla…Accessed agosto 20, 2015.
  2. Barton SH, Murray JA. Malattia celiaca e autoimmunità nell'intestino e altrove. Gastroenterolo Clin North Am. 2008; 37 (2): 411-28, vii.
Miglioramento della fascicolazione del muscolo con cambiamento dietetico: Neuropatia al glutine

Miglioramento della fascicolazione del muscolo con cambiamento dietetico: Neuropatia al glutine

Fasciculazioni del muscolo:

Termini di indicizzazione chiave:

  • fascicolazione
  • muscolare
  • Glutine
  • Celiachia
  • Chiropratica
  • Ipersensibilità alimentare

Astratto
Obbiettivo: Lo scopo di questo caso è quello di descrivere un paziente con fasciculazioni muscolari croniche e multisiti che hanno presentato a una clinica di insegnamento chiropratico e sono state trattate con modifiche dietetiche.

Caratteristiche cliniche: Un uomo di 28 anni aveva fascicolazioni muscolari di 2 anni. Le fascicolazioni iniziarono nei suoi occhi e progredirono fino alle labbra e agli arti inferiori. Inoltre, soffriva di disturbi gastrointestinali e affaticamento. Al paziente era stata precedentemente diagnosticata un'allergia al grano all'età di 24 anni, ma a quel tempo non era conforme a una dieta priva di glutine. I test di sensibilità alimentare hanno rivelato la sensibilità basata sulle immunoglobuline G a più alimenti, inclusi molti cereali e prodotti lattiero-caseari diversi. La diagnosi di lavoro era la neuropatia da glutine.

Interventi e risultati: Entro 6 mesi dal rispetto delle restrizioni dietetiche basate sui test di sensibilità, le fascicolazioni muscolari del paziente si sono completamente risolte. Anche le altre lamentele di nebbia cerebrale, affaticamento e disturbi gastrointestinali sono migliorate.

Conclusioni: Questo rapporto descrive il miglioramento delle fascicolazioni croniche e diffuse del muscolo e vari altri sintomi sistemici con cambiamenti dietetici. C'è forte sospetto che questo caso rappresenta una neuropatia glutine, anche se non è stata eseguita la sperimentazione per la malattia celiaca.

Introduzione: Fascicolazioni muscolari

fascicolazioni muscolari farina di granoEsistono 3 tipi noti di reazioni negative alle proteine ​​del grano, conosciute collettivamente come reattività delle proteine ​​del grano: allergia al grano (WA), sensibilità al glutine (GS) e celiachia (CD). Dei 3, solo il CD è noto per coinvolgere la reattività autoimmune, la generazione di anticorpi e il danno alla mucosa intestinale. L'allergia al grano comporta il rilascio di istamina tramite immunoglobulina (Ig) E che si lega ai peptidi del glutine e si manifesta entro poche ore dall'ingestione delle proteine ​​del grano. La sensibilità al glutine è considerata una diagnosi di esclusione; i malati migliorano sintomaticamente con una dieta priva di glutine (GFD) ma non esprimono anticorpi o reattività IgE.1

La prevalenza riportata di WA è variabile. La prevalenza varia da 0.4% a 9% della popolazione.2,3 La prevalenza di GS è un po 'difficile da determinare, in quanto non ha una definizione standard e è una diagnosi di esclusione. La prevalenza di sensibilità al glutine di 0.55% è basata sui dati di indagine Nazionale di Salute e Nutrizione da 2009 a 2010.4 In uno studio 2011 è stata riportata una prevalenza di GS di 10% nella popolazione statunitense.5 Contrariamente a quanto sopra esempi di 2, il CD è ben definito. Uno studio 2012 che esamina i campioni di siero da pazienti 7798 nel database nazionale di indagine di esame di salute e nutrizione da 2009 a 2010 ha trovato una prevalenza globale di 0.71% negli Stati Uniti.6

Le manifestazioni neurologiche associate a reazioni negative alle proteine ​​del grano sono state ben documentate. Già nel 1908 si pensava che la `` neurite periferica '' fosse associata a CD.7 Una revisione di tutti gli studi pubblicati su questo argomento dal 1964 al 2000 indicava che le manifestazioni neurologiche più comuni associate alla GS erano atassia (35%), neuropatia periferica (35%) e miopatia (16%). 8 Mal di testa, parestesia, iporeflessia, debolezza e riduzione del senso vibratorio sono stati segnalati come più prevalenti nei pazienti con MC rispetto ai controlli.9 Questi stessi sintomi erano più prevalenti nei pazienti con MC che non seguivano rigorosamente una GFD rispetto a quelli che erano conformi alla GFD.

Al momento, non ci sono rapporti di casi che descrivano la gestione chiropratica del paziente con neuropatia glutine. Pertanto, lo scopo di questo studio di casi è quello di descrivere una presentazione paziente di sospetta neuropatia glutine e un protocollo di trattamento che utilizza modifiche alimentari.

Caso clinico

fascicolazioni muscolariUn uomo di 28 anni si è presentato in una clinica di insegnamento chiropratico con lamentele di fascicolazioni muscolari costanti della durata di 2 anni. Le fascicolazioni muscolari originariamente iniziarono nell'occhio sinistro e vi rimasero per circa 6 mesi. Il paziente ha quindi notato che le fascicolazioni hanno iniziato a spostarsi in altre aree del suo corpo. Si sono spostati prima nell'occhio destro, seguiti dalle labbra, e poi dai polpacci, dai quadricipiti e dai muscoli glutei. Le contrazioni a volte si verificano in un singolo muscolo o possono coinvolgere tutti i muscoli di cui sopra contemporaneamente. Insieme alle contrazioni, riferisce una costante sensazione di `` ronzio '' o `` strisciante '' nelle gambe. Non c'era motivo durante il giorno o la notte in cui le contrazioni cessassero.

Il paziente originariamente attribuiva le contrazioni muscolari all'assunzione di caffeina (20 once di caffè al giorno) e allo stress scolastico. Il paziente nega l'uso di droghe illecite, tabacco o farmaci su prescrizione, ma beve alcolici (principalmente birra) con moderazione. Il paziente ha seguito una dieta ricca di carne, frutta, verdura e pasta. Otto mesi dopo l'inizio delle fascicolazioni iniziali, il paziente ha iniziato a provare disturbi gastrointestinali (GI). I sintomi includevano stitichezza e gonfiore dopo i pasti. Ha anche iniziato a sperimentare ciò che descrive come "nebbia cerebrale", una mancanza di concentrazione e una sensazione generale di stanchezza. Il paziente ha notato che quando le fascicolazioni muscolari erano al loro peggio, i suoi sintomi gastrointestinali peggioravano di conseguenza. A questo punto, il paziente si è sottoposto a un rigoroso GFD; ed entro 2 mesi, i sintomi hanno cominciato ad alleviare ma non sono mai cessati completamente. I sintomi gastrointestinali sono migliorati, ma ha ancora avvertito gonfiore. La dieta del paziente consisteva principalmente in carne, frutta, verdura, cereali senza glutine, uova e latticini.

All'età di 24 anni, al paziente è stata diagnosticata la WA dopo aver visto il suo medico per le allergie. Il test sierico ha rivelato un aumento degli anticorpi IgE contro il grano e al paziente è stato consigliato di aderire a una rigida GFD. Il paziente ammette di non aver seguito una GFD fino a quando le sue fascicolazioni non hanno raggiunto il picco nel dicembre 2011. Nel luglio del 2012, l'analisi del sangue è stata valutata per i livelli di creatina chinasi, creatina chinasi MB e lattato deidrogenasi per indagare su possibili rotture muscolari. Tutti i valori erano entro i limiti normali. Nel settembre del 2012, il paziente è stato nuovamente sottoposto a test di allergia alimentare (US Biotek, Seattle, WA). Sono stati trovati livelli di anticorpi IgG gravemente elevati contro latte vaccino, siero di latte, albume d'uovo di gallina, albume d'uovo di anatra, tuorlo d'uovo di gallina, tuorlo d'uovo di anatra, orzo, gliadina di frumento, glutine di frumento, segale, farro e grano intero (Tabella 1) . Dati i risultati del panel sulle allergie alimentari, al paziente è stato consigliato di rimuovere questo elenco di alimenti dalla sua dieta. Entro 6 mesi dal rispetto dei cambiamenti dietetici, le fascicolazioni muscolari del paziente si sono completamente risolte. Il paziente ha anche sperimentato molto meno sofferenza gastrointestinale, affaticamento e mancanza di concentrazione.

fascicolazioni muscolariDiscussione

fascicolazioni muscolari proteina di grano proteicoGli autori non sono riusciti a trovare alcun caso di studio pubblicato relativo a una presentazione come quella descritta qui. Riteniamo che questa sia una presentazione unica della reattività delle proteine ​​del grano e quindi rappresenti un contributo al corpo di conoscenza in questo campo.

Questo caso illustra una presentazione insolita di una neuropatia sensomotoria diffusa che sembrava rispondere ai cambiamenti nella dieta. Sebbene questa presentazione sia coerente con la neuropatia da glutine, non è stata studiata una diagnosi di CD. Dato che il paziente aveva entrambi i sintomi GI e neurologici, la probabilità di neuropatia glutine è molto alto

Ci sono forme 3 di reattività della proteina del grano. Poiché c'era la conferma di WA e GS, è stato deciso che la sperimentazione per CD non era necessaria. Il trattamento per tutte le forme 3 è identico: GFD.

La fisiopatologia della neuropatia da glutine è un argomento che necessita di ulteriori indagini. La maggior parte degli autori concorda che coinvolge un meccanismo immunologico, possibilmente un effetto neurotossico diretto o indiretto degli anticorpi antigliadina. 9,10 Briani et al 11 hanno trovato anticorpi contro i recettori gangliari e / o muscolari dell'acetilcolina in 6 di pazienti con 70 CD. Alaedini et al12 hanno riscontrato positività anticorpale anti-ganglioside in 6 di pazienti con 27 CD e hanno proposto che la presenza di questi anticorpi possa essere collegata alla neuropatia da glutine.

Va anche notato che sia il latte che le uova hanno mostrato elevate risposte sul pannello di sensibilità alimentare. Dopo aver esaminato la letteratura, non è stato possibile individuare studi che collegassero alimenti con sintomi neuromuscolari coerenti con quelli presentati qui. Pertanto, è improbabile che un alimento diverso dal glutine sia responsabile delle fascicolazioni muscolari descritte in questo caso. Gli altri sintomi descritti (fatica, nebbia cervicale, disturbi GI) possono certamente essere associati a qualsiasi numero di allergie / sensibilità alimentari.

Limiti

Una limitazione in questo caso è la mancata conferma del CD. Tutti i sintomi e le risposte al cambiamento della dieta indicano che questa è una probabile possibilità, ma non possiamo confermare questa diagnosi. È anche possibile che la risposta sintomatica non fosse dovuta direttamente al cambiamento della dieta ma a qualche altra variabile sconosciuta. È stata documentata la sensibilità agli alimenti diversi dal glutine, comprese le reazioni ai latticini e alle uova. Queste sensibilità alimentari possono aver contribuito ad alcuni dei sintomi presenti in questo caso. Come è la natura dei casi clinici, questi risultati non possono essere necessariamente generalizzati ad altri pazienti con sintomi simili.

Conclusione: Fascicolazioni muscolari

Questo rapporto descrive il miglioramento delle fascicolazioni croniche e diffuse del muscolo e vari altri sintomi sistemici con cambiamenti dietetici. C'è forte sospetto che questo caso rappresenta uno dei neuropatia glutine, anche se il test per CD non è stato eseguito specificamente.

Brian Anderson DC, CCN, MPHa,?, Adam Pitsinger DCb

Partecipare a Clinico, Università Nazionale delle Scienze della Salute, Lombardo, IL Chiropractor, Pratica Privata, Polaris, OH

Riconoscimento

Questo rapporto di caso è presentato come parziale adempimento dei requisiti per il grado di Master of Science in Advanced Clinical Practice nel Lincoln College of Post-Professional, laureato e la formazione continua presso l'Università Nazionale delle Scienze della Salute.

Fonti di finanziamento e conflitti di interesse

Non sono state riportate fonti di finanziamento o conflitti di interesse per questo studio.

Riferimenti:
1. Sapone A, Bai J, Ciacci C, et al. Spettro di glutine
disturbi: consenso sulla nuova nomenclatura e classificazione.
BMC Med 2012; 10: 13.
2. Matricardi PM, Bockelbrink A, Beyer K, et al. Primario contro
sensibilizzazione secondaria di immunoglobulina a soia e frumento in
la coorte Multi-Center Allergy Study. Clin Exp Allergy
2008; 38: 493 500.
3. Vierk KA, Koehler KM, Fein SB, via DA. Prevalenza di
self-reported allergia alimentare negli adulti americani e l'uso di cibo
etichette. J Allergy Clin Immunol 2007; 119: 1504-10.
4. DiGiacomo DV. Prevalenza e caratteristiche di non celiachia
sensibilità al glutine negli Stati Uniti: i risultati del
indagine continua sull'esame di salute e nutrizione nazionale
2009-2010. Presentato presso: il 2012 American College di
Gastroenterologia Riunione scientifica annuale; Ott. 19-24, Las
Vegas .; 2012.
5. Sapone A, Lammers KM, Casolaro V. Divergenza dell'intestino
permeabilità e espressione del gene immunitario mucoso in due
condizioni associate al glutine: malattia celiaca e sensibilità al glutine.
BMC Med 2011; 9: 23.
6. Rubio-Tapia A, Ludvigsson JF, Brantner TL, Murray JA,
Everhart JE. La prevalenza della malattia celiaca negli Stati Uniti
Stati. Am J Gastroenterol 2012 ottobre; 107 (10): 1538.
7. Hadjivassiliou M, Grunewald RA, Davies-Jones GAB. Glutine
sensibilità come malattia neurologica. J Neurol Neurosurgo
Psychiatr 2002; 72: 560 3.
8. Hadjivassiliou M, Chattopadhyay A, Grunewald R, et al.
Miopatia associata alla sensibilità al glutine. Nervo muscolare
2007; 35: 443 50.
9. Cicarelli G, Della Rocca G, Amboni C, et al. Clinico e
anomalie neurologiche nella malattia celiaca adulta. Neurol Sci
2003; 24: 311 7.
10. Hadjivassiliou M, Grunewald RA, Kandler RH. Neuropatia
associato alla sensibilità al glutine. J Neurol Neurosurgo
Psichiatria 2006; 77: 1262.
11. Briani C, Doria A, Ruggero S, et al. Anticorpi al muscolo e
recettori gangliari acetilcolina in malattie celiache. autoimmunità
2008;41(1):100�4.
12. Alaedini A, Green PH, Sander HW, et al. Ganglioside reattivo
anticorpi nella neuropatia associata alla malattia celiaca.
J Neuroimmunol 2002;127(1�2):145�8.

Senza glutine: rischi pro, contro, e nascosti

Senza glutine: rischi pro, contro, e nascosti

Sempre più persone stanno seguendo una dieta senza glutine, ma se non hanno motivi medici per farlo, potrebbero in realtà rischiare la loro salute, dice un esperto di primo piano.

"Le prove stanno aumentando contro tutti i benefici per la salute derivanti da una dieta priva di glutine per quelle persone senza una ragione medica", dice John Douillard. Newsmax Health.

Il glutine è una proteina presente naturalmente nei cereali, specialmente nel frumento, responsabile della composizione elastica della pasta.

Tradizionalmente, il glutine è stato considerato innocuo a meno di mangiare da persone con malattia celiaca, i cui sistemi digestivi non sono in grado di gestirlo.

Ma recentemente l'idea di mangiare senza glutine ha raggiunto il rischio, e il numero di persone che seguono una tale dieta si è triplicato nei cinque anni tra 2009 e 2014, mentre il numero di coloro che soffrono di malattia celiaca è rimasta stabile.

D'altra parte, una coppia di grandi studi, pubblicati negli ultimi mesi, ha scoperto che quelle persone che mangiano poco glutine potrebbero essere a rischio di sviluppare malattie cardiache coronariche, così come il diabete.

Douillard è un chiropratico, professionista delle dipendenze certificato, e l'autore di "Eat Wheat", insieme a sei precedenti libri sulla salute.

Un esperto nel campo della brughiera naturale, è anche ex direttore dello sviluppo del giocatore e consigliere nutrizionale per la squadra di New Jersey Nets NBA. È anche apparso sulla Dottor Oz Show, e presentato in molte pubblicazioni nazionali.

Ecco alcuni estratti della sua recente intervista Newsmax Health.

D: Come sei interessato al glutine?

A: La gente veniva da me con problemi digestivi e io dicevo loro di scendere dal grano e si sentivano meglio per un breve periodo, ma dopo un po 'i loro problemi sarebbero tornati. La stessa cosa è successa con prodotti lattiero-caseari, o noci. Il problema non era reale con questi alimenti specifici. Ma, quando la professione medica ha iniziato a formulare raccomandazioni mediche per uscire dal grano, la gente ha iniziato a trattarlo come un veleno.

D: Chi non dovrebbe mangiare il glutine?

A: Le persone affette da celiachia non dovrebbero mangiare grano, ma si tratta solo dell'1-3% circa della popolazione. Potrebbero esserci anche quelli che non hanno la celiachia, ma dicono di esserne sensibili, quindi potrebbero avere ragione di evitarlo. Ma si stima che sia dal 2% al 13% della popolazione. Questo lascia un terzo della popolazione che ha eliminato il glutine dalla propria dieta con l'errata percezione che sia malsana. Sono loro che perdono i benefici del grano.

D: Come è successo l'idea che il glutine sia cattivo?

A: All'inizio, alle persone con celiachia veniva detto di evitare il glutine, ma l'idea era che era buono anche per gli altri, e ora il glutine è diventato una parola d'ordine ed è cresciuto in un'industria $ 16 miliardi. Sono persino messi "senza glutine" su alimenti che non hanno mai avuto glutine, come lo yogurt.

D: Qual è il problema con il glutine?

A: Le persone che promuovono una dieta priva di glutine sostengono che non siamo geneticamente capaci di mangiare glutine, ma questo è sbagliato. L'Università dello Utah ha fatto uno studio che ha trovato prove di grano e orzo nei denti degli antichi umani 3 ½ milione di anni fa. La dieta Paleo dice di evitare i cereali, ma se parli con gli antropologi, scoprirai che non c'è nulla di Paleo in proposito. Gli antichi umani raccoglievano bacche di grano per alimentarle per l'intera giornata. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che non abbiamo iniziato a cucinare la carne fino a 500,000 anni fa, quindi abbiamo avuto il grano nei nostri denti milioni di anni prima.

D: Quali sono le persone senza glutine che mancano?

A: Oltre ai nuovi studi che mostrano che il grano può ridurre il diabete e il rischio di malattie cardiache, il grano è un probiotico naturale, e le persone che non lo mangiano hanno microbi meno buoni nel loro microbioma e più cattivi. Hanno anche maggiori probabilità di avere un sistema immunitario più debole, perché la ricerca trova che mangiare la parte indigesta del grano aiuta a rafforzarlo per rafforzarlo. Inoltre, le persone che seguono la dieta MIND e la dieta mediterranea, entrambe che consentono cereali integrali, riducono il rischio di malattia di Alzheimer.

D: Se non è glutine, qual è il problema con il modo in cui mangiamo?

A: Il problema è il nostro affidamento sugli alimenti trasformati. Uno studio ha dimostrato che la nostra dipendenza dai cibi trasformati aumenta la sindrome metabolica (la condizione che aumenta le malattie cardiache e il rischio di diabete) del 141 per cento. D'altra parte, mangiare guadagni interi e grano intero lo ha ridotto del 38 per cento. Quindi sono i cibi trasformati che dobbiamo eliminare dalla nostra dieta.

Ecco i suggerimenti 5 di Douillard per digerire il glutine più facilmente:

1. Scegli pane con solo questi ingredienti: frumento integrale biologico, acqua, sale e un antipasto organico.

2. I pani imbevuti germinati tipicamente presenti nella sezione frigorifera sono molto più facili da digerire.

3. Evitare qualsiasi pane o cibi confezionati con oli vegetali cotti o riscaldati. Sono conservanti e indigesti.

4. Pensate di mangiare stagionale. Mangiare più granelli in autunno quando vengono raccolti e meno in primavera e in estate.

5. Iniziate la giornata con una bevanda di barbabietole, mele e sedano per aumentare la resistenza digestiva e speziate il cibo con spezie come: zenzero, cumino, coriandolo, finocchio e cardamomo.

Le diete senza glutine potrebbero aumentare il rischio di malattie coronarie, dice lo studio

Le diete senza glutine potrebbero aumentare il rischio di malattie coronarie, dice lo studio

Un nuovo studio trovato che diete senza glutine potuto aumentare il rischio cardiovascolare in persone senza celiachia. Lo studio sostiene che le diete senza glutine tra le persone senza malattia celiaca non sono associate a rischio di malattia coronarica, ma tali diete comportano una bassa assunzione di cereali integrali, legati ai benefici cardiovascolari.

I ricercatori dicono che le diete senza glutine tra le persone senza celiachia non dovrebbero essere incoraggiate, poiché le persone potrebbero perdere i benefici dei grani interi.

I ricercatori dicono che le diete senza glutine tra le persone senza celiachia non dovrebbero essere incoraggiate. Credito immagine: iStock.com / Salute quotidiana

Le persone con malattia celiaca, d'altra parte, di solito devono seguire diete senza glutine perché la proteina trovata in frumento, orzo e segale può causare loro sviluppare problemi gastrointestinali.

Le diete prive di glutine non dovrebbero essere incoraggiate a persone senza malattia celiaca

Lo studio è stato pubblicato nel BMJ il 2 maggio ei ricercatori hanno notato che tagliare il glutine se non necessario dal punto di vista medico può aumentare il rischio di problemi cardiovascolari di una persona. I ricercatori hanno analizzato i dati di 64,714 donne e 45,303 uomini che lavoravano nel settore sanitario, ognuno dei quali non aveva una storia di malattie cardiache.

I soggetti sono stati invitati a compilare un questionario dettagliato sull'alimentazione in 1986 e dovevano aggiornarlo ogni quattro anni fino a 2010. Gli scienziati hanno osservato che non hanno visto alcuna associazione significativa tra l'assunzione di glutine e il rischio di malattie cardiache.

L'assunzione alimentare a lungo termine di glutine non è stata associata al rischio di malattia coronarica. Tuttavia, evitare il glutine può comportare un ridotto consumo di cereali integrali benefici, che possono influire sul rischio cardiovascolare, hanno scritto i ricercatori sullo studio.

Il glutine è una proteina di conservazione trovata in grano, segale e orzo, ed è noto per innescare infiammazioni e danni intestinali nelle persone con malattia celiaca. Secondo i ricercatori, la malattia celiaca è presente in 0.7 per cento della popolazione americana, e perché è associata ad un aumento del rischio di malattia coronarica, i pazienti sono suggeriti per passare a una dieta senza glutine.

Il glutine è una proteina di conservazione trovata in grano, segale e orzo, ed è noto per innescare infiammazioni e danni intestinali nelle persone con malattia celiaca. Credito immagine: Thankheavens.com.auIl glutine è una proteina di conservazione trovata in grano, segale e orzo, ed è noto per innescare infiammazioni e danni intestinali nelle persone con malattia celiaca. Credito immagine: Thankheavens.com.au

Lo studio sostiene che attualmente molte persone riducono il glutine nella loro dieta perché credono che porterà a benefici per la salute generale. Un sondaggio nazionale ha mostrato che in 2013 quasi il 30 per cento degli adulti negli Stati Uniti ha riferito che stavano tagliando o riducendo la loro assunzione di glutine. Tuttavia, i ricercatori hanno osservato che nonostante la tendenza all'aumento della restrizione del glutine, nessun studio ha collegato il glutine con il rischio di malattia coronarica nei soggetti senza malattia celiaca.

"Sebbene le persone con e senza celiachia possano evitare il glutine a causa di una risposta sintomatica a questa proteina alimentare, questi risultati non supportano la promozione di una dieta a ridotto contenuto di glutine con l'obiettivo di ridurre il rischio di malattia coronarica", hanno avvertito i ricercatori.

I ricercatori hanno concluso il loro studio dicendo che non ha trovato alcuna prova di diete di glutine e malattia coronarica tra i professionisti della salute maschili e femminili analizzati per più di 25 anni e che ulteriori ricerche sono necessarie per indagare il legame tra glutine e problemi cardiovascolari, in quanto il loro studio è stato solo osservazionale .

Fonte: Il BMJ