ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Mobilità e flessibilità

Mobilità e flessibilità della clinica posteriore: Il corpo umano mantiene un livello naturale per garantire che tutte le sue strutture funzionino correttamente. Le ossa, i muscoli, i legamenti, i tendini e altri tessuti lavorano insieme per consentire una vasta gamma di movimenti e mantenere una forma fisica adeguata e un'alimentazione equilibrata possono aiutare a mantenere il corpo funzionante correttamente. Grande mobilità significa eseguire movimenti funzionali senza restrizioni nel range di movimento (ROM).

Ricorda che la flessibilità è una componente della mobilità, ma in realtà non è necessaria un'estrema flessibilità per eseguire movimenti funzionali. Una persona flessibile può avere forza, equilibrio o coordinazione ma non può eseguire gli stessi movimenti funzionali di una persona con grande mobilità. Secondo la raccolta di articoli del Dr. Alex Jimenez sulla mobilità e la flessibilità, gli individui che non allungano il corpo spesso possono sperimentare muscoli accorciati o irrigiditi, diminuendo la loro capacità di muoversi in modo efficace.


Agopuntura per ridurre il dolore articolare nel lupus: un approccio naturale

Agopuntura per ridurre il dolore articolare nel lupus: un approccio naturale

Le persone che soffrono di dolori articolari possono incorporare la terapia di agopuntura per gestire i sintomi del lupus e ripristinare la mobilità del corpo?

Introduzione

Il sistema immunitario è molto importante per il corpo poiché il suo compito principale è proteggere le strutture vitali dagli invasori stranieri che possono causare problemi di dolore e disagio. Il sistema immunitario ha un rapporto sano con i diversi sistemi del corpo, compreso il sistema muscolo-scheletrico, poiché le citochine infiammatorie aiutano a guarire i danni muscolari e tissutali quando il corpo è ferito. Nel corso del tempo, tuttavia, quando i normali fattori ambientali e genetici iniziano a svilupparsi nel corpo, il sistema immunitario inizierà a inviare queste citochine alle cellule sane e normali. A quel punto, il corpo inizia a correre il rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Ora, le malattie autoimmuni nel corpo possono causare danni nel tempo se non vengono gestite, portando a disturbi cronici che possono causare sintomi sovrapposti nel sistema muscolo-scheletrico. Una delle malattie autoimmuni più comuni è il lupus eritematoso sistemico o lupus e può causare dolore e disagio costanti a una persona correlandosi con dolori muscolari e articolari. L'articolo di oggi esamina i fattori e gli effetti del lupus, il peso del dolore articolare nel lupus e come approcci olistici come l'agopuntura possono aiutare a gestire il lupus ripristinando la mobilità del corpo. Parliamo con fornitori medici certificati che consolidano le informazioni dei nostri pazienti per valutare come ridurre al minimo gli effetti del dolore causati dal lupus sulle articolazioni. Informiamo e guidiamo inoltre i pazienti su come l'agopuntura può aiutare a gestire il lupus e combinare altre terapie per ridurre i sintomi simili al dolore che colpiscono il sistema muscolo-scheletrico. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre ai loro fornitori medici associati domande complesse e importanti sull'integrazione della terapia di agopuntura per alleviare gli effetti infiammatori del lupus trovando al contempo modi naturali per ripristinare la mobilità. Il Dr. Jimenez, DC, include queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità.

 

I fattori e gli effetti del lupus

Hai avvertito dolori articolari agli arti superiori o inferiori, rendendo difficile la tua attività durante il giorno? Hai sentito gli effetti costanti della stanchezza? Molte persone che soffrono di questi problemi simili al dolore potrebbero rischiare di sviluppare il lupus eritematoso sistemico. In questa malattia autoimmune, il sistema immunitario del corpo inizia erroneamente ad attaccare i suoi tessuti, provocando così infiammazione e una serie di sintomi simili al dolore. Il lupis è difficile da diagnosticare a causa della sua complessa disregolazione immunitaria che può portare a una sovrapproduzione di citochine che possono influenzare il corpo. (Lazar e Kahlenberg, 2023) Allo stesso tempo, il lupus può colpire una popolazione diversificata, con sintomi e gravità che variano a seconda di quanto lievi o gravi i fattori influenzino il corpo. Il lupus può colpire varie parti del corpo, comprese le articolazioni, la pelle, i reni, le cellule del sangue e altre parti e organi vitali del corpo, poiché fattori ambientali e ormonali possono influenzarne lo sviluppo. (Tsang e Bultink, 2021) Inoltre, il lupus può essere strettamente associato ad altre comorbilità che causano profili di rischio sovrapposti con infiammazioni che possono colpire le articolazioni del sistema muscolo-scheletrico.

 

Il peso del dolore articolare nel lupus

 

Il lupus è difficile da diagnosticare poiché spesso imita altri disturbi; il sintomo doloroso più comune che colpisce il lupus sono le articolazioni. Gli individui affetti da lupus avvertono dolori articolari, che possono causare effetti infiammatori e danni strutturali alle articolazioni, ai tendini, ai muscoli e alle ossa, causando anomalie patologiche. (Di Matteo et al., 2021) Poiché il lupus provoca effetti infiammatori nelle articolazioni, molti individui penseranno di soffrire di artrite infiammatoria e può causare profili di rischio sovrapposti poiché è accompagnato dal lupus, causando così dolore localizzato alle articolazioni indipendentemente dalla sua origine. (Senthelal et al., 2024) Il dolore articolare negli individui affetti da lupus può ostacolare in modo significativo le attività quotidiane, riducendo la mobilità e la qualità generale della vita mentre cercano di trovare sollievo. 

 


Svelare i segreti dell'infiammazione-Video


 

Un approccio olistico alla gestione del lupus

Mentre i trattamenti standard per il lupus prevedono farmaci e immunosoppressori per ridurre l’infiammazione causata dal lupus, molte persone vogliono cercare approcci olistici per gestire il lupus e ridurre gli effetti infiammatori che colpiscono le articolazioni apportando piccoli cambiamenti nella loro vita. Molte persone incorporano cibi antinfiammatori ricchi di antiossidanti per smorzare gli effetti infiammatori. Vari integratori, come vitamina D, calcio, zinco, ecc., possono aiutare a ridurre l’infiammazione causata dal lupus e rafforzare la salute delle ossa. Inoltre, i trattamenti non chirurgici possono anche migliorare la capacità cardiorespiratoria e diminuire l’affaticamento migliorando al contempo la funzione psicologica, il che può aiutare a migliorare la qualità della vita di una persona gestendo i sintomi causati dal lupus. (Fangtham et al., 2019)

 

Come l'agopuntura potrebbe aiutare il lupus e ripristinare la mobilità

Una delle forme più antiche di approccio non chirurgico e olistico per ridurre l’infiammazione e gestire il lupus è l’agopuntura. L'agopuntura prevede l'inserimento di aghi solidi e sottili utilizzati da professionisti altamente qualificati in punti specifici del corpo per bilanciare il qi (energia) del corpo stimolando il sistema nervoso e rilasciando sostanze chimiche benefiche nei muscoli interessati, nel midollo spinale e nel cervello. Inoltre, l’agopuntura, con i suoi effetti collaterali minimi e l’approccio olistico, può aiutare a gestire il lupus. Questo perché quando gli aghi dell'agopuntura vengono posizionati sui punti terapeutici del corpo, possono interrompere i segnali del dolore che causano dolore nell'area interessata e regolare le citochine infiammatorie del lupus per fornire sollievo. (Wang et al., 2023) Ciò è dovuto alla sua filosofia di affrontare non solo il dolore fisico ma anche i sintomi emotivi e psicologici della convivenza con una condizione cronica come il lupus.

 

 

Inoltre, l’agopuntura può aiutare a ripristinare la mobilità articolare e a gestire il lupus attraverso trattamenti consecutivi, poiché molte persone notano che la mobilità articolare è migliorata e il dolore è diminuito. Questo perché l'inserimento e la manipolazione degli aghi nei punti terapeutici del corpo causano alterazioni nell'input sensoriale afferente al sistema nervoso centrale, che aumenta l'eccitabilità dell'alfa motoneurone e riduce l'infiammazione. (Kim et al., 2020) Quando le persone hanno a che fare con il lupus e cercano di trovare metodi olistici alternativi per alleviare l'infiammazione e il dolore articolare causati dal lupus, l'agopuntura e i trattamenti non chirurgici possono offrire un raggio di speranza nella gestione delle sfide quotidiane del lupus. 

 


Riferimenti

Di Matteo, A., Smerilli, G., Cipolletta, E., Salaffi, F., De Angelis, R., Di Carlo, M., Filippucci, E., & Grassi, W. (2021). Imaging del coinvolgimento dei tessuti molli e articolari nel lupus eritematoso sistemico. Curr Reumatolo Rep, 23(9), 73. doi.org/10.1007/s11926-021-01040-8

Fangtham, M., Kasturi, S., Bannuru, RR, Nash, JL, & Wang, C. (2019). Terapie non farmacologiche per il lupus eritematoso sistemico. Lupus, 28(6), 703-712. doi.org/10.1177/0961203319841435

Kim, D., Jang, S. e Park, J. (2020). L’elettroagopuntura e l’agopuntura manuale aumentano la flessibilità articolare ma riducono la forza muscolare. Sanità (Basilea), 8(4). doi.org/10.3390/healthcare8040414

Lazar, S. e Kahlenberg, JM (2023). Lupus eritematoso sistemico: nuovi approcci diagnostici e terapeutici. Annu Rev Med, 74, 339-352. doi.org/10.1146/annurev-med-043021-032611

Senthelal, S., Li, J., Ardeshirzadeh, S., & Thomas, MA (2024). Artrite. In StatPerle. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30085534

Tsang, ASMWP e Bultink, IEM (2021). Nuovi sviluppi nel lupus eritematoso sistemico. Reumatologia (Oxford), 60(Suppl 6), vi21-vi28. doi.org/10.1093/rheumatology/keab498

Wang, H., Wang, B., Huang, J., Yang, Z., Song, Z., Zhu, Q., Xie, Z., Sun, Q., & Zhao, T. (2023). Efficacia e sicurezza della terapia di agopuntura combinata con la farmacoterapia convenzionale nel trattamento del lupus eritematoso sistemico: una revisione sistematica e una meta-analisi. Medicina (Baltimora), 102(40), e35418. doi.org/10.1097/MD.0000000000035418

Negazione di responsabilità

Dormi meglio con questi suggerimenti per la mobilità a letto

Dormi meglio con questi suggerimenti per la mobilità a letto

Gli individui in fase di recupero post-operatorio o alle prese con una malattia o un infortunio possono sperimentare un indebolimento dei muscoli e della resistenza che può causare una perdita temporanea della mobilità durante il sonno e l'impossibilità di muoversi normalmente a causa di debolezza, ridotta gamma di movimento o dolore. Possono trarre beneficio dalla terapia fisica per tornare alla normale mobilità funzionale?

Dormi meglio con questi suggerimenti per la mobilità a letto

Mobilità durante il sonno

Per le persone ricoverate in ospedale o costrette a casa a causa di infortuni, malattie o recupero chirurgico, un fisioterapista valuterà varie aree di mobilità funzionale. Questi includono i trasferimenti: dalla posizione seduta a quella in piedi, la deambulazione e la mobilità nel sonno. La mobilità nel sonno è la capacità di eseguire movimenti specifici mentre si è a letto. Un terapista può valutare la mobilità del sonno o del letto e consigliare strategie ed esercizi per migliorare i movimenti. (O'Sullivan, SB, Schmitz, TJ 2016) Un terapista può chiedere all'individuo di utilizzare dispositivi specifici, come un trapezio sopra il letto o una tavola scorrevole, per aiutarlo a muoversi.

Mobilità del letto e del sonno

Quando un fisioterapista controlla la mobilità, valuterà vari movimenti che includono: (O'Sullivan, SB, Schmitz, TJ 2016)

  • Passare da seduto a sdraiato.
  • Passare da sdraiato a seduto.
  • Ribaltarsi.
  • Andare in movimento o scivolare su o giù.
  • Scooting o scivolamento laterale.
  • Torsione.
  • Raggiungere.
  • Alzare i fianchi.

Tutti questi movimenti richiedono forza in diversi gruppi muscolari. Controllando i movimenti individuali nella mobilità del sonno, un terapista può allenare gruppi muscolari specifici che potrebbero essere deboli e richiedere esercizi e allungamenti mirati per ripristinare la mobilità alla normalità. (O'Sullivan, SB, Schmitz, TJ 2016) I soggetti che visitano un terapista in una clinica ambulatoriale o in un'area di riabilitazione possono sottoporsi a un lavoro individuale sulla mobilità del sonno su un lettino di trattamento. Gli stessi movimenti sul lettino possono essere eseguiti a letto.

Importanza

Il corpo è destinato a muoversi.

Per le persone che non possono muoversi comodamente sul letto, il corpo può soffrire di atrofia da disuso o di perdita di forza muscolare, che può portare a maggiori difficoltà. L'incapacità di muoversi può anche portare alla comparsa di ulcere da decubito, soprattutto nei soggetti gravemente decondizionati e/o che rimangono nella stessa posizione per un lungo periodo. La salute della pelle può iniziare a deteriorarsi, causando ferite dolorose che richiedono cure specializzate. Essere in grado di muoversi a letto può aiutare a prevenire le ulcere da decubito. (Surajit Bhattacharya, RK Mishra. 2015)

Progresso

Un fisioterapista può prescrivere esercizi specifici per rafforzare i gruppi muscolari e migliorare la mobilità durante il sonno. I muscoli includono:

  • Muscoli della spalla e della cuffia dei rotatori.
  • Tricipiti e bicipiti nelle braccia.
  • Muscoli glutei dei fianchi.
  • Muscoli posteriori della coscia
  • Quadricipiti
  • Muscoli del polpaccio

Le spalle, le braccia, i fianchi e le gambe lavorano insieme quando si muove il corpo attorno al letto.

Vari esercizi

Per migliorare il movimento del letto, gli esercizi di fisioterapia possono includere:

  • Esercizi per gli arti superiori
  • Rotazione inferiore del tronco
  • Esercizi per i glutei
  • Bridges
  • Solleva gamba
  • Quadricipiti ad arco corto
  • Décolleté alla caviglia

I fisioterapisti sono addestrati per valutare questi movimenti e funzioni e prescrivere trattamenti per migliorare il movimento del corpo. (O'Sullivan, SB, Schmitz, TJ 2016) Mantenere un'adeguata forma fisica può aiutare il corpo a rimanere attivo e mobile. L'esecuzione degli esercizi di mobilità prescritti da un fisioterapista può mantenere i giusti gruppi muscolari funzionanti correttamente e lavorare con un fisioterapista può garantire che gli esercizi siano corretti per la condizione e vengano eseguiti correttamente.


Ottimizzare il tuo benessere


Riferimenti

O'Sullivan, SB, Schmitz, TJ (2016). Migliorare i risultati funzionali nella riabilitazione fisica. Stati Uniti: FA Davis Company.

Bhattacharya, S. e Mishra, RK (2015). Ulcere da pressione: comprensione attuale e nuove modalità di trattamento. Giornale indiano di chirurgia plastica: pubblicazione ufficiale dell'Associazione dei chirurghi plastici dell'India, 48(1), 4–16. doi.org/10.4103/0970-0358.155260

La tua salute pelvica: una guida alla fisioterapia del pavimento pelvico

La tua salute pelvica: una guida alla fisioterapia del pavimento pelvico

Per le persone che avvertono sintomi di dolore pelvico e problemi associati, l’integrazione di esercizi di fisioterapia del pavimento pelvico può aiutare nel trattamento e nella prevenzione?

La tua salute pelvica: una guida alla fisioterapia del pavimento pelvico

Fisioterapia del pavimento pelvico

Quando i muscoli non riescono a funzionare correttamente, le persone possono manifestare sintomi come:

  1. Rapporti dolorosi
  2. Prolasso – quando un organo o un tessuto cade o si sposta fuori posto.
  3. Incontinenza urinaria
  4. Problemi di stitichezza
  5. Queste condizioni sono comuni nelle persone in gravidanza o nelle donne anziane.

Questi sintomi possono essere trattati con la terapia fisica del pavimento pelvico per alleviare il disagio. La terapia fisica del pavimento pelvico può aiutare le donne e le persone con vagine:

  • Allevia problemi come rapporti sessuali dolorosi, perdite urinarie e prolasso.
  • Nella terapia fisica, gli individui lavorano su tecniche di respirazione, rilassamento e allungamento e rafforzamento per allenare i muscoli a funzionare in modo ottimale.

Cause dei problemi del pavimento pelvico

La disfunzione del pavimento pelvico tende a manifestarsi con l'età, durante la gravidanza o in combinazione con eventi come il periodo postpartum e la menopausa, che possono abbassare i livelli ormonali.

  • Le persone incinte sono particolarmente inclini a problemi del pavimento pelvico ma potrebbero non sapere di avere un problema.
  • Il peso dell’utero durante la gravidanza può esercitare pressione e sforzare i muscoli.
  • Il parto vaginale può anche allungare o indebolire i muscoli. (Ilaria Soave, et al., 2019)

Sintomi

I sintomi possono includere: (Chirurgia della Columbia. 2022)

  • Dolore nella regione pelvica
  • Mal di schiena
  • Minzione dolorosa
  • Costipazione
  • Perdita urinaria o incontinenza
  • Perdita di feci o incontinenza
  • Rapporti dolorosi
  • Se non trattati, questi sintomi possono peggiorare nel tempo.

Fisioterapia del pavimento pelvico

Un individuo incontrerà uno specialista per discutere i sintomi e sottoporsi a un esame fisico che include:

  1. Esame del pavimento pelvico.
  2. Valutazione della postura, della mobilità e della forza centrale.
  3. Una volta completati gli esami e la valutazione iniziali, il professionista esaminerà gli esercizi del pavimento pelvico e fornirà un piano di trattamento.
  4. Gli esercizi consigliati variano in base ai sintomi, ma si concentrano sul rilassamento, lo stretching e/o il rafforzamento dei muscoli.

Rilassamento muscolare

  • Per rilassare i muscoli, un terapista può raccomandare esercizi di respirazione.
  • Per le persone incinte, questo significa sincronizzare i respiri con le contrazioni.
  • Per le persone che soffrono di stitichezza, gli esercizi di respirazione possono aiutare il corpo a rilassarsi e ridurre lo sforzo.

Allungamento dei muscoli

  • Lo stretching può aiutare ad alleviare la tensione e la rigidità muscolare.
  • Un terapista può aiutare ad allungare il pavimento pelvico attraverso varie modalità terapeutiche.
  • Questo tipo di terapia fisica può aiutare a sciogliere i muscoli tesi o a ripristinare delicatamente gli organi lussati al loro posto.

Rafforzamento dei muscoli

  • Dopo che il pavimento pelvico è sciolto e rilassato, l’attenzione si sposta solitamente sul rafforzamento dei muscoli.
  • Il lavoro di forza può colpire i muscoli addominali o gli stessi muscoli del pavimento pelvico.

Con il tempo, l'impegno e un trattamento mirato, le persone possono utilizzare la terapia fisica del pavimento pelvico per sciogliere i tessuti, rafforzare i muscoli e funzione di ripristino.


Decompressione spinale in profondità


Riferimenti

Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (2019). Prolasso degli organi pelvici (pop).

Sartori, DVB, Kawano, PR, Yamamoto, HA, Guerra, R., Pajolli, PR, & Amaro, JL (2021). La forza dei muscoli del pavimento pelvico è correlata alla funzione sessuale. Urologia investigativa e clinica, 62(1), 79–84. doi.org/10.4111/icu.20190248

Raizada, V. e Mittal, RK (2008). Anatomia del pavimento pelvico e fisiologia applicata. Cliniche di gastroenterologia del Nord America, 37(3), 493–vii. doi.org/10.1016/j.gtc.2008.06.003

Soave, I., Scarani, S., Mallozzi, M., Nobili, F., Marci, R., & Caserta, D. (2019). Allenamento dei muscoli del pavimento pelvico per la prevenzione e il trattamento dell'incontinenza urinaria durante la gravidanza e dopo il parto e il suo effetto sul sistema urinario e sulle strutture di supporto valutati mediante tecniche di misurazione oggettiva. Archivi di ginecologia e ostetricia, 299(3), 609–623. doi.org/10.1007/s00404-018-5036-6

Chirurgia della Columbia. (2022). Patologie del pavimento pelvico: domande frequenti.

Evita le riacutizzazioni della fascite plantare con questi suggerimenti

Evita le riacutizzazioni della fascite plantare con questi suggerimenti

Gli individui con fascite plantare possono manifestare riacutizzazioni consistenti. Conoscere le cause può aiutare a trovare sollievo dal dolore?

Evita le riacutizzazioni della fascite plantare con questi suggerimenti

Riacutizzazione della fascite plantare

La fascite plantare è una causa comune di dolore al tallone e al piede. La fascia plantare è una fascia di tessuto che corre lungo la parte inferiore del piede e si infiamma. Alcuni fattori possono causare riacutizzazioni della fascite plantare, tra cui:

  • Aumento dei livelli di attività fisica.
  • Non fare stretching regolarmente.
  • Indossare scarpe senza un supporto adeguato.
  • Aumento di peso

Cause

Una riacutizzazione della fascite plantare è spesso innescata dall’attività fisica. (MedlinePlus. Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. 2022) Può anche essere causato da condizioni sottostanti, come aumento del peso corporeo, artrite o forma del piede. (Medicina Johns Hopkins. 2023) Nonostante la causa principale, ci sono attività ed esperienze che possono contribuire e/o peggiorare la condizione.

Nuova routine di esercizi

  • Essere molto attivi fisicamente può esacerbare i sintomi della fascite plantare.
  • Una riacutizzazione della fascite plantare può verificarsi dopo un improvviso aumento dell'attività, come l'inizio di un nuovo programma di esercizi o l'aggiunta di nuovi esercizi a una routine. (MedlinePlus. Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. 2022)
  • Camminare o running su superfici irregolari o in discesa può essere un fattore scatenante. (Medicina Johns Hopkins. 2023)
  • Ridurre al minimo l’attività fisica e il tempo in piedi può aiutare.
  • Se ciò non è possibile, indossare scarpe imbottite con supporto per l’arco plantare può aiutare a ridurre al minimo il dolore. (Medicina Johns Hopkins. 2023)

Aumentare Il Peso

  • Gli individui che hanno un peso corporeo aumentato o in aumento aggiungono maggiore pressione ai loro piedi, esponendoli a un rischio maggiore di fascite plantare. (MedlinePlus. Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. 2022)
  • Se si verificano riacutizzazioni costanti, un operatore sanitario può suggerire un programma di perdita di peso appropriato combinato con un piano di trattamento.

Gravidanza

Scarpe senza supporto

  • Indossare scarpe senza supporto dell’arco plantare può causare dolore generale al piede e riacutizzazioni plantari.
  • Le persone dovrebbero indossare scarpe con molta ammortizzazione e supporto dell'arco plantare, come le scarpe da ginnastica. (Informazioni sull'orto. Accademia dei chirurghi ortopedici. 2022)
  • Le scarpe non consigliate includono:
  • Infradito
  • Scarpe piatte.
  • Tacchi alti, stivali o scarpe che sollevano il tallone sopra le dita.
  • Scarpe logore come scarpe da allenamento.

Non si allunga correttamente o non si allunga affatto

  • I polpacci stretti possono aumentare la pressione sulla fascia plantare.
  • Si consiglia vivamente di allungare i polpacci, il tendine/tallone d'Achille e la pianta dei piedi per trattare e prevenire la condizione. (Medicina Johns Hopkins. 2023)
  • Non fare stretching a fondo o saltare gli allungamenti può peggiorare i sintomi.
  • Si consiglia agli individui con fascite plantare di fare stretching prima e dopo le attività fisiche, l'esercizio, prima di andare a letto e dopo il risveglio.

Lavorare attraverso il dolore

  • Gli individui possono provare a continuare le attività fisiche durante una riacutizzazione.
  • Questo non è raccomandato perché potrebbe causare più dolore e peggiorare la condizione.
  • Quando si presenta dolore, si consiglia di:
  • Interrompere tutte le attività che affaticano i piedi
  • Rimani in piedi per almeno una settimana.

Strappo della fascia plantare

  • La fascia plantare raramente si rompe completamente a causa di uno stress ripetuto noto come rottura della fascia plantare.
  • Se ciò accade, si presenterà un dolore improvviso e intenso e si consiglia alle persone di chiamare il proprio medico. (Stephanie C. Pascoe, Timothy J. Mazzola. 2016)
  • Tuttavia, gli individui possono riprendersi in tempi relativamente brevi e il dolore si allevia rapidamente.
  • Agli individui con lacrime verrà consigliato di indossare un plantare poiché il piede potrebbe essersi appiattito maggiormente.

Fattori di rischio

La fascite plantare può colpire chiunque, ma gli individui che presentano le seguenti caratteristiche corrono un rischio maggiore: (Informazioni sull'orto. Accademia dei chirurghi ortopedici. 2022)

  • Un arco alto.
  • Lavori o hobby che mettono a dura prova i piedi.
  • Muscoli del polpaccio tesi.
  • Un improvviso aumento dell’attività fisica.
  • Un nuovo regime di esercizi.
  • Aumento del peso corporeo.
  • Aumento di peso improvviso come durante la gravidanza.

Quanto dura un bagliore?

Trattamento

Oltre al riposo, i trattamenti per la fascite plantare possono includere: (Informazioni sull'orto. Accademia dei chirurghi ortopedici. 2022)

Ice

  • Applicare il ghiaccio sulla pianta del piede per 15 minuti alcune volte al giorno riduce l'infiammazione.

Farmaci antinfiammatori non steroidei – FANS

  • I FANS da banco come l'ibuprofene e il naprossene possono ridurre il dolore e l'infiammazione.
  • Si consiglia di consultare un operatore sanitario per l'uso e il dosaggio a breve termine.

Scarpe adeguate

  • Sono altamente raccomandate scarpe con supporto plantare.
  • Un operatore sanitario può ordinare plantari personalizzati per un maggiore supporto.

Stiramento

  • Gli allungamenti sono essenziali per il trattamento.
  • Lo stretching quotidiano del polpaccio e della pianta del piede manterrà il tessuto rilassato.

massaggi

  • Massaggiare la zona con una palla da massaggio terapeutica lenisce i tessuti.
  • L'uso di un massaggiatore a percussione può aumentare la circolazione.

Che cosa è la fasciite plantare?


Riferimenti

MedlinePlus. Biblioteca nazionale di medicina. (2022) Stati Uniti Fascite plantare.

Medicina Johns Hopkins. (2023) Fascite plantare.

Ospedale pediatrico di Boston. (2023) Fascite plantare.

Informazioni sull'orto. Accademia dei chirurghi ortopedici. (2022) Fascite plantare e speroni ossei.

Pascoe, SC e Mazzola, TJ (2016). Lesione acuta della fascia plantare mediale. The Journal of fisioterapia ortopedica e sportiva, 46(6), 495. doi.org/10.2519/jospt.2016.0409

Affrontare il disturbo degenerativo lombare doloroso: soluzioni facili

Affrontare il disturbo degenerativo lombare doloroso: soluzioni facili

Come può la decompressione spinale ridurre il dolore ripristinando la flessibilità spinale in molti individui affetti da disturbi degenerativi lombari?

Introduzione

Man mano che invecchiamo, lo stesso fanno le nostre spine e i dischi spinali, poiché i fluidi naturali e le sostanze nutritive smettono di idratare i dischi e li causano la degenerazione. Quando la degenerazione del disco inizia a colpire la colonna vertebrale, può causare sintomi simili al dolore nelle regioni lombari, che poi si sviluppano in lombalgia o altri disturbi muscoloscheletrici che colpiscono gli arti inferiori. Quando la degenerazione del disco inizia a colpire la regione lombare, molte persone noteranno che non sono più così flessibili come quando erano più giovani. I segni fisici di tensione muscolare dovuta a sollevamenti, cadute o trasporti impropri di oggetti pesanti possono causare affaticamento muscolare e dolore. Quando ciò accade, molte persone trattano il dolore con rimedi casalinghi, che possono fornire un sollievo temporaneo ma possono aggravarlo maggiormente quando le persone eseguono movimenti ripetitivi sulla colonna lombare, il che può provocare lesioni. Fortunatamente, i trattamenti non chirurgici possono aiutare a rallentare il processo di degenerazione del disco reidratando il disco spinale. L'articolo di oggi esamina il motivo per cui la degenerazione del disco influisce sulla flessibilità lombare e come trattamenti come la decompressione spinale riducono la degenerazione del disco ripristinando la flessibilità lombare. Per coincidenza, comunichiamo con fornitori medici certificati che incorporano le informazioni dei nostri pazienti per fornire vari piani di trattamento per ridurre il processo di degenerazione del disco e fornire sollievo dal dolore. Li informiamo inoltre che esistono opzioni non chirurgiche per ridurre i sintomi simili al dolore associati alla degenerazione del disco e aiutare a ripristinare la flessibilità lombare. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre domande educative straordinarie ai nostri operatori sanitari associati sui loro sintomi correlati al dolore corporeo in un ambiente sicuro e positivo. Il Dr. Alex Jimenez, DC, incorpora queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità

 

In che modo il DDD influisce sulla flessibilità lombare?

Hai avvertito rigidità alla schiena quando ti svegli la mattina? Senti dolori muscolari e dolori quando ti pieghi e raccogli oggetti pesanti? Oppure senti un dolore irradiante alle gambe e alla schiena? Quando molte persone provano un dolore lancinante, molti spesso non si rendono conto che il loro dolore lombare potrebbe anche essere associato alla degenerazione del disco spinale. Poiché il disco spinale e il corpo possono degenerare naturalmente, ciò può portare allo sviluppo di disturbi muscoloscheletrici. La DDD, o malattia degenerativa del disco, è una condizione invalidante comune che può avere un impatto significativo sul sistema muscolo-scheletrico ed è la causa principale per cui le persone perdono le loro attività quotidiane. (Cao et al., 2022) Quando fattori normali o traumatici iniziano a causare movimenti ripetitivi alla colonna vertebrale, ciò può causare la compressione del disco spinale e, nel tempo, la degenerazione. Ciò, a sua volta, rende la colonna vertebrale meno flessibile e diventa una sfida socio-economica.

 

 

Quando la degenerazione del disco inizia a causare rigidità della colonna vertebrale, può portare allo sviluppo di lombalgia. Poiché la lombalgia è un problema di salute comune, può colpire molti individui in tutto il mondo, poiché la degenerazione del disco è un fattore comune. (Samanta et al., 2023) Poiché la degenerazione del disco è un disturbo multifattoriale, anche il sistema muscolo-scheletrico e gli organi sono colpiti poiché può causare dolore riferito a diverse sedi del corpo. Fortunatamente, molte persone possono trovare il trattamento che stanno cercando, poiché molti cercano sollievo dai numerosi problemi di dolore causati dalla degenerazione del disco.

 


Lesioni alla colonna lombare negli atleti: video

Poiché la degenerazione del disco è una causa multifattoriale di disabilità, può diventare una fonte primaria di mal di schiena. Quando fattori normali contribuiscono al mal di schiena, probabilmente è correlato alla degenerazione del disco e può causare cambiamenti cellulari, strutturali, compositivi e meccanici in tutta la colonna vertebrale. (Ashinsky et al., 2021) Tuttavia, molte persone in cerca di cure possono prendere in considerazione le terapie non chirurgiche poiché sono convenienti e sicure per la colonna vertebrale. I trattamenti non chirurgici sono sicuri e delicati sulla colonna vertebrale poiché possono essere personalizzati in base al dolore della persona e combinati con altre forme di trattamento. Uno dei trattamenti non chirurgici è la decompressione spinale, che utilizza una leggera trazione sulla colonna vertebrale per reidratare il disco spinale dalla degenerazione e aiutare a rilanciare il naturale processo di guarigione del corpo. Il video qui sopra mostra come la degenerazione del disco sia correlata all'ernia del disco e come questi trattamenti possano ridurne gli effetti dolorosi sulla colonna vertebrale.


Decompressione spinale che riduce il DDD

Quando molte persone si rivolgono al trattamento per la degenerazione del disco, molti spesso provano la decompressione spinale poiché è conveniente. Molti operatori sanitari valuteranno l'individuo creando un piano personalizzato prima di entrare nella macchina da trazione. Molte persone eseguiranno una TAC per valutare i cambiamenti causati dal DDD. (Dullerud e Nakstad, 1994) Ciò determina quanto è grave lo spazio su disco. La macchina di trazione per la decompressione spinale determina la durata ottimale del trattamento, la frequenza e la modalità di somministrazione della trazione alla colonna vertebrale per ridurre il DDD. (Pellecchia, 1994) Inoltre, l'efficienza della trazione derivante dalla decompressione spinale può aiutare molte persone con zona lombare e fornire sollievo. (Beurskens et al., 1995)


Riferimenti

Ashinsky, B., Smith, HE, Mauck, RL e Gullbrand, SE (2021). Degenerazione e rigenerazione del disco intervertebrale: una prospettiva del segmento di movimento. EUR Cell Mater, 41, 370-380. doi.org/10.22203/eCM.v041a24

Beurskens, AJ, de Vet, HC, Koke, AJ, Lindeman, E., Regtop, W., van der Heijden, GJ, & Knipschild, PG (1995). Efficacia della trazione per la lombalgia non specifica: uno studio clinico randomizzato. Lancetta, 346(8990), 1596-1600. doi.org/10.1016/s0140-6736(95)91930-9

Cao, G., Yang, S., Cao, J., Tan, Z., Wu, L., Dong, F., Ding, W., & Zhang, F. (2022). Il ruolo dello stress ossidativo nella degenerazione del disco intervertebrale. Ossido Med Cell Longev, 2022 2166817. doi.org/10.1155/2022/2166817

Dullerud, R. e Nakstad, PH (1994). Cambiamenti TC dopo trattamento conservativo per ernia del disco lombare. Acta Radiol, 35(5), 415-419. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8086244

Pellecchia, GL (1994). Trazione lombare: una revisione della letteratura. J Orthop Sports Phys Ther, 20(5), 262-267. doi.org/10.2519/jospt.1994.20.5.262

Samanta, A., Lufkin, T., & Kraus, P. (2023). Degenerazione del disco intervertebrale: opzioni terapeutiche e sfide attuali. Fronte Sanità Pubblica, 11 1156749. doi.org/10.3389/fpubh.2023.1156749

 

Negazione di responsabilità

Come la decompressione spinale non chirurgica può aiutare nella gestione del dolore

Come la decompressione spinale non chirurgica può aiutare nella gestione del dolore

Gli operatori sanitari possono aiutare le persone con dolore spinale incorporando la decompressione spinale non chirurgica per ripristinare la mobilità?

Introduzione

Molte persone non si rendono conto che esercitare una pressione indesiderata sulla colonna vertebrale può portare a dolore cronico all'interno dei dischi spinali che influisce sulla mobilità spinale. Ciò di solito accade con lavori impegnativi che richiedono alle persone di trasportare oggetti pesanti, fare passi sbagliati o essere fisicamente inattivi, il che causa uno stiramento eccessivo dei muscoli circostanti della schiena e porta a dolore riferito che colpisce le parti superiori e inferiori del corpo. Ciò può indurre le persone a rivolgersi ai loro medici di base per farsi curare il mal di schiena. Ciò li porta a perdere i loro impegni di lavoro e a pagare un prezzo elevato per farsi curare. Il mal di schiena correlato a problemi alla colonna vertebrale può essere un grosso problema e farli sentire infelici. Fortunatamente, numerose opzioni cliniche sono convenienti e personalizzate per molte persone che soffrono di dolore spinale e che stanno facendo loro trovare il sollievo che meritano. L'articolo di oggi si concentra sul motivo per cui il dolore spinale colpisce molte persone e su come la decompressione spinale può aiutare a ridurre il dolore spinale e ripristinare la mobilità spinale. Per coincidenza, comunichiamo con fornitori medici certificati che incorporano le informazioni dei nostri pazienti per fornire vari piani di trattamento per ridurre il dolore spinale che colpisce la schiena. Li informiamo inoltre che esistono opzioni non chirurgiche per ridurre i sintomi simili al dolore associati ai problemi spinali nel corpo. Incoraggiamo i nostri pazienti a porre domande educative straordinarie ai nostri operatori sanitari associati sui loro sintomi correlati al dolore corporeo in un ambiente sicuro e positivo. Il Dr. Alex Jimenez, DC, incorpora queste informazioni come servizio accademico. Negazione di responsabilità

 

Perché il dolore spinale colpisce molte persone?

Hai spesso avvertito dolore ai muscoli della schiena che sembrano doloranti dopo esserti costantemente chinato per raccogliere oggetti? Tu o i tuoi cari sentite rigidità muscolare nella schiena e sperimentate intorpidimento nelle parti superiori o inferiori del corpo? Oppure stai sperimentando un sollievo temporaneo dopo aver allungato i muscoli della schiena, solo per poi ritornare il dolore? Molte persone che soffrono di mal di schiena non si rendono conto che il dolore è localizzato nella colonna vertebrale. Poiché la colonna vertebrale ha una forma a forma di S con tre diverse regioni del corpo, i dischi spinali all’interno di ciascun segmento spinale possono diventare compressi e disallineati nel tempo. Ciò provoca cambiamenti degenerativi all’interno della colonna vertebrale e può causare lo sviluppo di problemi simili al dolore nel corpo nelle tre diverse regioni spinali. Quando diversi fattori ambientali iniziano a essere la causa della degenerazione dei dischi spinali, ciò può influenzare la struttura spinale. Può esercitare una forte influenza sulla loro funzione, predisponendo il disco a lesioni. (Choi, 2009) Allo stesso tempo, ciò può avere un impatto significativo durante il trattamento a causa dei suoi costi elevati e può avviare normali cambiamenti legati all'età che causano problemi fisiopatologici al corpo vertebrale. (Gallucci et al., 2005)


Quando molte persone hanno a che fare con dolore spinale associato all'ernia del disco, questo non solo può causare disagio ma può anche imitare altri disturbi muscoloscheletrici che possono causare dolore irradiato in diverse parti del corpo. (Deyo et al., 1990) Ciò, a sua volta, fa sì che le persone soffrano costantemente e ricerchino vari trattamenti per ridurre il dolore che provano. Quando il dolore spinale colpisce la maggior parte delle persone, molti cercheranno terapie economicamente vantaggiose per alleviare il dolore che stanno vivendo e per essere consapevoli delle abitudini quotidiane che adottano nel tempo e correggerle.


Video approfondito sulla decompressione spinale

Senti spesso dolori muscolari e dolori costanti nel tuo corpo che sono le tue generali aree di disturbo? Senti i tuoi muscoli tirare in modo fastidioso dopo aver sollevato o trasportato un oggetto pesante? Oppure senti uno stress costante al collo, alle spalle o alla schiena? Quando molte persone hanno a che fare con un dolore generale, spesso presumono che si tratti solo di mal di schiena quando potrebbe essere un problema spinale che può essere la causa principale del dolore che stanno vivendo. Quando ciò accade, molte persone optano per trattamenti non chirurgici per il suo rapporto costo-efficacia e per come può essere personalizzato a seconda della gravità del dolore. Uno dei trattamenti non chirurgici è la terapia di decompressione/trazione spinale. Il video qui sopra offre uno sguardo approfondito su come la decompressione spinale può aiutare a ridurre il dolore spinale associato alla lombalgia. Il dolore spinale può aumentare con l’età ed essere provocato da un’estrema estensione lombare, quindi incorporare la decompressione spinale può aiutare a ridurre il dolore negli arti superiori e inferiori. (Katz et al., 2022)


Come la decompressione spinale può ridurre il dolore spinale


Quando gli individui sviluppano problemi alla colonna vertebrale, la decompressione spinale può aiutare a ripristinare la colonna vertebrale nella sua posizione originale e aiutare il corpo a guarirsi naturalmente. Quando qualcosa è fuori posto nella colonna vertebrale, è importante riportarla naturalmente al suo posto per consentire ai muscoli interessati di guarire. (Ciriace, 1950) La decompressione spinale utilizza una trazione delicata per tirare le articolazioni spinali per riportare il disco spinale nella sua posizione originale e contribuire ad aumentare l'assunzione di liquidi nella colonna vertebrale. Quando le persone iniziano a incorporare la decompressione spinale nella loro routine di salute e benessere, possono ridurre il dolore alla colonna vertebrale dopo alcuni trattamenti consecutivi.

 

Decompressione spinale Ripristino della mobilità spinale

La decompressione spinale può anche essere incorporata con altri trattamenti non chirurgici per ripristinare la mobilità spinale. Quando gli specialisti del dolore utilizzano la decompressione spinale nelle loro pratiche, possono aiutare a trattare varie condizioni muscoloscheletriche, compresi i disturbi spinali, per consentire all'individuo di riacquistare la mobilità spinale. (Petmann, 2007) Allo stesso tempo, gli specialisti del dolore possono utilizzare la manipolazione meccanica e manuale per ridurre il dolore avvertito dall'individuo. Quando la decompressione spinale inizia a utilizzare una trazione delicata sulla colonna vertebrale, può aiutare a ridurre al minimo il dolore radicale correlato all'intrappolamento dei nervi, creare una pressione negativa all'interno delle sezioni spinali e alleviare i disturbi muscoloscheletrici che causano dolore. (Daniel, 2007 anni) Quando le persone iniziano a pensare di più alla propria salute e al proprio benessere per ridurre il dolore, la decompressione spinale può essere la risposta attraverso un piano personalizzato e può aiutare molte persone a trovare il sollievo che meritano.

 


Riferimenti

Choi, YS (2009). Fisiopatologia della malattia degenerativa del disco. Diario della colonna vertebrale asiatica, 3(1), 39-44. doi.org/10.4184/asj.2009.3.1.39

 

Cyriax, J. (1950). Il trattamento delle lesioni del disco lombare. Br Med J, 2(4694), 1434-1438. doi.org/10.1136/bmj.2.4694.1434

 

Daniele, DM (2007). Terapia di decompressione spinale non chirurgica: la letteratura scientifica supporta le affermazioni di efficacia fatte nei media pubblicitari? Chiropr Osteopat, 15 7. doi.org/10.1186/1746-1340-15-7

 

Deyo, RA, Loeser, JD e Bigos, SJ (1990). Ernia del disco intervertebrale lombare. Ann Intern Med, 112(8), 598-603. doi.org/10.7326/0003-4819-112-8-598

 

Gallucci, M., Puglielli, E., Splendiani, A., Pistoia, F., & Spacca, G. (2005). Patologie degenerative della colonna vertebrale. Eur Radiol, 15(3), 591-598. doi.org/10.1007/s00330-004-2618-4

 

Katz, JN, Zimmerman, ZE, Mass, H. e Makhni, MC (2022). Diagnosi e gestione della stenosi spinale lombare: una revisione. JAMA, 327(17), 1688-1699. doi.org/10.1001/jama.2022.5921

 

Pettman, E. (2007). Una storia di terapia manipolativa. J Man Manip Ther, 15(3), 165-174. doi.org/10.1179/106698107790819873

Negazione di responsabilità

Sintomi e trattamento per le clavicole rotte

Sintomi e trattamento per le clavicole rotte

Per gli individui con una clavicola rotta, il trattamento conservativo può aiutare nel processo di riabilitazione?

Sintomi e trattamento per le clavicole rotte

Clavicola rotta

Le fratture delle clavicole sono lesioni ortopediche molto comuni che possono verificarsi in qualsiasi fascia di età. Conosciuto anche come clavicola, è l'osso sopra la parte superiore del torace, tra lo sterno/sterno e la scapola/scapola. La clavicola è facilmente visibile perché solo la pelle ricopre gran parte dell'osso. Le fratture della clavicola sono estremamente comuni e rappresentano il 2% – 5% di tutte le fratture. (Radiopedia. 2023) Le clavicole rotte si verificano in:

  • Bambini – di solito durante la nascita.
  • Bambini e adolescenti – perché la clavicola si sviluppa completamente solo nella tarda adolescenza.
  • Atleti – a causa dei rischi di essere colpiti o cadere.
  • Attraverso vari tipi di incidenti e cadute.
  • La maggior parte delle clavicole rotte può essere trattata con trattamenti non chirurgici, solitamente con un'imbragatura per consentire la guarigione dell'osso, terapia fisica e riabilitazione.
  • A volte, quando le fratture della clavicola sono significativamente spostate fuori allineamento, può essere raccomandato il trattamento chirurgico.
  • Esistono opzioni di trattamento che dovrebbero essere discusse con un chirurgo ortopedico, un fisioterapista e/o un chiropratico.
  • Una clavicola rotta non è più grave di altre ossa rotte.
  • Una volta che l’osso rotto guarisce, la maggior parte delle persone ha una gamma completa di movimento e può tornare alle attività prima della frattura. (Medicina Johns Hopkins. 2023)

Tipi

Le lesioni alla clavicola rotta sono suddivise in tre tipi a seconda della posizione della frattura. (Radiopedia. 2023)

Fratture della clavicola a metà albero

  • Questi si verificano nell'area centrale e possono essere una semplice crepa, separazione e/o frattura in molti pezzi.
  • Pause multiple – fratture segmentali.
  • Spostamento significativo – separazione.
  • Lunghezza ridotta dell'osso.

Fratture distali della clavicola

  • Questi si verificano vicino all'estremità della clavicola all'altezza dell'articolazione della spalla.
  • Questa parte della spalla è chiamata articolazione acromionclavicolare/AC.
  • Le fratture della clavicola distale possono avere opzioni di trattamento simili a quelle delle lesioni dell'articolazione AC.

Fratture della clavicola mediale

  • Questi sono meno comuni e spesso correlati a lesioni all’articolazione sternoclavicolare.
  • L'articolazione sternoclavicolare sostiene la spalla ed è l'unica articolazione che collega il braccio al corpo.
  • Le fratture della cartilagine di accrescimento della clavicola possono essere osservate nella tarda adolescenza e nei primi anni dei vent'anni.

Sintomi

I sintomi comuni di una clavicola rotta includono: (Biblioteca nazionale di medicina: MedlinePlus. 2022)

  • Dolore alla clavicola.
  • Dolore alla spalla.
  • Difficoltà a muovere il braccio.
  • Difficoltà a sollevare il braccio lateralmente.
  • Gonfiore e lividi attorno alla spalla.
  • I lividi possono estendersi fino al petto e all'ascella.
  • Intorpidimento e formicolio lungo il braccio.
  • Deformità della clavicola.
  1. Oltre al gonfiore, alcuni individui possono presentare una protuberanza nel punto in cui si è verificata la frattura.
  2. Potrebbero essere necessari diversi mesi affinché questa protuberanza guarisca completamente, ma questo è normale.
  3. Se la protuberanza appare infiammata o irritata, informa un operatore sanitario.

Gonfiore clavicolare

  • Quando l'articolazione sternoclavicolare si gonfia o diventa più grande, si parla di gonfiore clavicolare.
  • È comunemente causato da traumi, malattie o infezioni che colpiscono il fluido presente nelle articolazioni. (John Edwin e altri, 2018)

Diagnosi

  • Presso la clinica sanitaria o il pronto soccorso verrà eseguita una radiografia per valutare il tipo specifico di frattura.
  • Eseguiranno un esame per garantire che i nervi e i vasi sanguigni che circondano la clavicola rotta non siano recisi.
  • I nervi e i vasi vengono raramente feriti, ma nei casi più gravi possono verificarsi queste lesioni.

Trattamento

Il trattamento si ottiene consentendo all'osso di guarire o mediante procedure chirurgiche per ripristinare il corretto allineamento. Alcuni trattamenti comuni per le ossa rotte non vengono utilizzati per le fratture della clavicola.

  • Ad esempio, non è possibile eseguire il casting di una clavicola rotta.
  • Inoltre, non viene eseguita la reimpostazione dell’osso o una riduzione chiusa poiché non è possibile mantenere l’osso rotto nel corretto allineamento senza un intervento chirurgico.

Se la chirurgia è un'opzione, l'operatore sanitario esamina i seguenti fattori: (Aggiornato. 2023)

Posizione della frattura e grado di spostamento

  • Le fratture composte o minimamente scomposte vengono solitamente gestite senza intervento chirurgico.

Età

  • Gli individui più giovani hanno una maggiore capacità di recuperare dalle fratture senza intervento chirurgico.

Accorciamento del frammento della frattura

  • Le fratture scomposte possono guarire, ma quando vi è un accorciamento pronunciato della clavicola, probabilmente è necessario un intervento chirurgico.

Altre lesioni

  • Gli individui con lesioni alla testa o fratture multiple possono essere curati senza intervento chirurgico.

Aspettative del paziente

  • Quando l'infortunio coinvolge un atleta, un lavoro pesante o il braccio è l'estremità dominante, possono esserci più motivi per un intervento chirurgico.

Braccio dominante

  • Quando le fratture si verificano nel braccio dominante, è più probabile che gli effetti siano evidenti.

La maggior parte di queste fratture può essere gestita senza intervento chirurgico, ma ci sono situazioni in cui la chirurgia può produrre risultati migliori.

Supporti per trattamenti non chirurgici

  • Un tutore per clavicola a fionda o a forma di 8.
  • Non è stato dimostrato che il tutore a forma di 8 influisca sull'allineamento della frattura e molti individui generalmente trovano un tutore più comodo. (Aggiornato. 2023)
  1. Le clavicole rotte dovrebbero guarire entro 6-12 settimane negli adulti
  2. 3-6 settimane nei bambini
  3. I pazienti più giovani di solito tornano alle attività complete prima delle 12 settimane.
  4. Il dolore di solito scompare entro poche settimane. (Aggiornato. 2023)
  5. L'immobilizzazione è raramente necessaria oltre alcune settimane e, con l'autorizzazione del medico, di solito inizia un'attività leggera e una riabilitazione motoria delicata.

Lesioni di lunga durata


Riferimenti

Radiopedia. Frattura clavicolare.

Medicina Johns Hopkins. Fratture della clavicola.

Biblioteca nazionale di medicina: MedlinePlus. Clavicola rotta: cure post-operatorie.

Aggiornato. Fratture della clavicola.

Edwin, J., Ahmed, S., Verma, S., Tytherleigh-Strong, G., Karuppaiah, K., & Sinha, J. (2018). Tumori dell'articolazione sternoclavicolare: rassegna delle patologie traumatiche e non traumatiche. Revisioni aperte SFORZO, 3(8), 471–484. doi.org/10.1302/2058-5241.3.170078