ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Salute intestinale gastrointestinale

Indietro Clinica Gastro Intestinale Salute Medicina Funzionale Team. Il tratto gastrointestinale o (GI) fa più che digerire il cibo. Contribuisce a vari sistemi e funzioni del corpo. Il Dr. Jimenez dà un'occhiata alle procedure che sono state create per aiutare a sostenere la salute e la funzione del tratto gastrointestinale, oltre a promuovere l'equilibrio microbico. La ricerca mostra che 1 persona su 4 negli Stati Uniti ha problemi di stomaco o intestinali così gravi da interferire con le loro attività quotidiane e il loro stile di vita.

I problemi intestinali o di digestione sono indicati come disturbi gastrointestinali (o gastrointestinali). L'obiettivo è raggiungere il benessere digestivo. Quando un sistema digestivo funzionante in modo ottimale è sulla buona strada, si dice che un individuo sia in buona salute. Il tratto gastrointestinale protegge il corpo disintossicando varie tossine e partecipando ai processi immunologici o quando il sistema immunitario del corpo interagisce con anticorpi e antigeni. Questo combinato con il supporto della digestione e l'assorbimento dei nutrienti dalla dieta di un individuo.


Il processo digestivo: Medicina Funzionale Back Clinic

Il processo digestivo: Medicina Funzionale Back Clinic

Il corpo ha bisogno di cibo per carburante, energia, crescita e riparazione. Il processo digestivo scompone il cibo in una forma che il corpo può assorbire e utilizzare come carburante. Il cibo scomposto viene assorbito nel flusso sanguigno dall'intestino tenue e le sostanze nutritive vengono trasportate alle cellule in tutto il corpo. Capire come gli organi lavorano insieme per digerire il cibo può aiutare con gli obiettivi di salute e la salute generale.Il processo digestivo: clinica di medicina funzionale chiropratica

Il processo digestivo

Gli organi dell'apparato digerente sono i seguenti:

  • Bocca
  • Esofago
  • Stomaco
  • Pancreas
  • Fegato
  • Cistifellea
  • Intestino tenue
  • Intestino crasso
  • Ano

Il processo digestivo inizia con l'anticipo del mangiare, stimolando le ghiandole della bocca a produrre saliva. Le funzioni primarie dell'apparato digerente includono:

  • Mescolare il cibo
  • Spostare il cibo attraverso il tubo digerente – peristalsi
  • La scomposizione chimica del cibo in componenti riassorbibili più piccoli.

L'apparato digerente converte il cibo nelle sue forme più semplici, che includono:

  • Glucosio – zuccheri
  • Amminoacidi – proteine
  • Acidi grassi – grassi

Una corretta digestione estrae i nutrienti dal cibo e dai liquidi per mantenere la salute e funzionare correttamente. I nutrienti includono:

  • carboidrati
  • Proteine
  • grassi
  • Vitamine
  • Minerali
  • Acqua

Bocca ed esofago

  • Il cibo viene macinato dai denti e inumidito con la saliva per essere deglutito facilmente.
  • La saliva ha anche uno speciale enzima chimico che inizia a scomporre i carboidrati in zuccheri.
  • Le contrazioni muscolari dell'esofago massaggiano il cibo nello stomaco.

Stomaco

  • Il cibo passa attraverso un piccolo anello muscolare nello stomaco.
  • Viene mescolato con sostanze chimiche gastriche.
  • Lo stomaco agita il cibo per scomporlo ulteriormente.
  • Il cibo viene quindi spremuto nella prima parte dell'intestino tenue, il duodeno.

Intestino tenue

  • Una volta nel duodeno, il cibo si mescola con più enzimi digestivi del pancreas e bile dal fegato.
  • Il cibo passa nelle parti inferiori dell'intestino tenue, chiamato il digiuno e ileo.
  • I nutrienti vengono assorbiti dall'ileo, rivestito da milioni di villi o dita filiformi che facilitano l'assorbimento.
  • Ogni villo è collegato a una maglia di capillari, che è il modo in cui i nutrienti vengono assorbiti nel flusso sanguigno.

Pancreas

  • Il pancreas è una delle ghiandole più grandi.
  • Secerne succhi digestivi e un ormone chiamato insulina.
  • L'insulina aiuta a regolare la quantità di zucchero nel sangue.
  • Problemi con la produzione di insulina può portare a condizioni come il diabete.

Fegato

Il fegato ha diversi ruoli che includono:

  • Scompone i grassi usando la bile immagazzinata nella cistifellea.
  • Elabora proteine ​​e carboidrati.
  • Filtra ed elabora impurità, farmaci e tossine.
  • Genera glucosio per energia a breve termine da composti come lattato e aminoacidi.

Intestino crasso

  • Un grande serbatoio di microbi e batteri sani vive nell'intestino crasso e svolge un ruolo importante in una sana digestione.
  • Una volta che i nutrienti sono stati assorbiti, i rifiuti vengono passati nell'intestino crasso o nell'intestino.
  • L'acqua viene rimossa e i rifiuti vengono immagazzinati nel retto.
  • Viene quindi espulso dal corpo attraverso l'ano.

Salute dell'apparato digerente

I modi per mantenere in salute il sistema digestivo e il processo digestivo includono:

Bere Più Acqua

  • L'acqua aiuta il cibo a fluire più facilmente attraverso il sistema digestivo.
  • Basse quantità di acqua/disidratazione sono cause comuni di stitichezza.

Aggiungi più fibra

  • La fibra è benefica per la digestione e aiuta con i movimenti intestinali regolari.
  • Incorpora fibre solubili e insolubili.
  • Fibra solubile si scioglie in acqua.
  • Quando la fibra solubile si dissolve, crea un gel che può migliorare la digestione.
  • Le fibre solubili possono ridurre il colesterolo e lo zucchero nel sangue.
  • Aiuta il tuo corpo a migliorare il controllo della glicemia, che può aiutare a ridurre il rischio di diabete.
  • La fibra insolubile non si scioglie in acqua.
  • La fibra insolubile attira l'acqua nelle feci, rendendole più morbide e più facili da espellere con meno sforzo per l'intestino.
  • La fibra insolubile può aiutare a promuovere la salute e la regolarità intestinale e supporta la sensibilità all'insulina che può aiutare a ridurre il rischio di diabete.

Nutrizione equilibrata

  • Mangia frutta e verdura ogni giorno.
  • Scegli i cereali integrali rispetto ai cereali lavorati.
  • Evitare gli alimenti trasformati in generale.
  • Scegli il pollame e il pesce più della carne rossa e limita le carni lavorate.
  • Riduci lo zucchero.

Mangia cibi con probiotici o usa integratori probiotici

  • I probiotici sono batteri sani che aiutano a combattere i batteri malsani nell'intestino.
  • Generano anche sostanze salutari che nutrono l'intestino.
  • Consumare probiotici dopo aver assunto antibiotici che spesso uccidono tutti i batteri nell'intestino.

Mangia consapevolmente e mastica il cibo lentamente

  • Masticare accuratamente il cibo aiuta a garantire che il corpo abbia abbastanza saliva per la digestione.
  • Masticare accuratamente il cibo facilita anche l'assorbimento nutrizionale.
  • Mangiare lentamente dà al corpo il tempo di digerire completamente.
  • Consente inoltre al corpo di inviare segnali che è pieno.

Come funziona l'apparato digerente


Referenze

GREENGARD, H. "Apparato digerente". Revisione annuale di fisiologia vol. 9 (1947): 191-224. doi:10.1146/annurev.ph.09.030147.001203

Hoyle, T. "Il sistema digestivo: collegamento tra teoria e pratica". Giornale infermieristico britannico (Mark Allen Publishing) vol. 6,22 (1997): 1285-91. doi:10.12968/bjon.1997.6.22.1285

www.merckmanuals.com/home/digestive-disorders/biology-of-the-digestive-system/overview-of-the-digestive-system

www.niddk.nih.gov/health-information/digestive-diseases/digestive-system-how-it-works

Martinsen, Tom C et al. "La filogenesi e la funzione biologica del succo gastrico: le conseguenze microbiologiche della rimozione dell'acido gastrico". Rivista internazionale di scienze molecolari vol. 20,23 6031. 29 nov. 2019, doi:10.3390/ijms20236031

Ramsay, Philip T e Aaron Carr. "Acido gastrico e fisiologia digestiva". Le cliniche chirurgiche del Nord America vol. 91,5 (2011): 977-82. doi:10.1016/j.suc.2011.06.010

Benefici per la salute del tè fermentato di Kombucha: Back Clinic

Benefici per la salute del tè fermentato di Kombucha: Back Clinic

kombucha è un tè fermentato che esiste da quasi 2,000 anni. Divenne popolare in Europa all'inizio del XX secolo. Ha gli stessi benefici per la salute del tè, è ricco di probiotici, contiene antiossidanti e può distruggere i batteri nocivi. Le vendite di Kombucha stanno crescendo a negozi per i suoi benefici per la salute e l'energia.

Benefici per la salute del tè fermentato Kombucha

kombucha

È tipicamente fatto con tè nero o verde, zucchero, batteri sani e lievito. Viene aromatizzato aggiungendo spezie o frutta nel tè mentre fermenta. Viene fermentato per circa una settimana, quando vengono prodotti gas, 0.5 percento di alcol, batteri benefici e acido acetico. Il processo di fermentazione rende il tè leggermente effervescente. Contiene Vitamine del gruppo B, antiossidanti e probiotici, ma il contenuto nutrizionale varierà a seconda del marchio e la sua preparazione.

Benefici

I vantaggi includono:

  • Migliore digestione dal fatto che la fermentazione produce probiotici.
  • Aiuta con diarrea e sindrome dell'intestino irritabile/IBS.
  • Rimozione delle tossine
  • Aumento di energia
  • Miglioramento della salute del sistema immunitario
  • Perdita di peso
  • Aiuta con la pressione alta
  • Malattia del cuore

Kombucha, fatto da tè verde, include i vantaggi di:

Probiotici

I batteri benefici sono conosciuti come probiotici. Questi stessi probiotici si trovano in altri alimenti fermentati, come lo yogurt e crauti. I probiotici aiutano a popolare l'intestino con batteri sani che aiutano la digestione, riducono l'infiammazione e producono le vitamine essenziali B e K. I probiotici migliorano i movimenti intestinali e alleviano la nausea, il gonfiore e l'indigestione.

Antiossidanti

I benefici degli antiossidanti e dei polifenoli includono:

  • Aumento del tasso metabolico
  • Pressione sanguigna ridotta
  • Abbassamento del colesterolo
  • Miglioramento della funzione cognitiva
  • Ridotto rischio di malattie croniche: malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro.

Proprietà antibatteriche

  • Il processo di fermentazione produce acido acetico che distrugge gli agenti patogeni dannosi come batteri e lieviti invasivi, prevenendo l'infezione.
  • L'effetto antibatterico preserva anche i batteri benefici.

Disintossicazione del fegato

  • Può aiutare a disintossicare il fegato, che:
  • Migliora la salute generale della pelle
  • Migliora la funzionalità epatica
  • Diminuisce il gonfiore addominale e il dolore
  • Migliora la digestione e la funzione della vescica

Supporto al pancreas

  • Può migliorare la funzione pancreatica, che può aiutare a proteggere il corpo da malattie e malattie come:
  • Reflusso acido
  • Spasmi addominali
  • Intorpidimento
  • Cancro al pancreas

Joint Support

  • Lo torcia contiene composti come le glucosamine che hanno dimostrato di migliorare la salute delle articolazioni e alleviare il dolore articolare.
  • Le glucosammine aumentano l'acido ialuronico, lubrificando le articolazioni, che aiuta a proteggerle e rafforzarle.

Soddisfa la voglia di bibite

  • La varietà di sapori e la carbonatazione naturale possono soddisfare il desiderio di una bibita o di altre bevande malsane.

Injury Medical Chiropratica e Medicina Funzionale Clinica include elementi di medicina integrativa e adotta un approccio diverso alla salute e al benessere. Gli specialisti hanno una visione completa della salute di un individuo, riconoscendo la necessità di un piano di trattamento personalizzato per aiutare a identificare ciò che è necessario per stare in salute. Il team creerà un piano personalizzato che si adatta al programma e alle esigenze di un individuo.


Il dietista spiega Kombucha


Referenze

Cortesia, Claudia et al. "L'acido acetico, il componente attivo dell'aceto, è un efficace disinfettante tubercolocida." mBio vol. 5,2 e00013-14. 25 feb. 2014, doi:10.1128/mBio.00013-14

Costa, Mirian Aparecida de Campos et al. "Effetto dell'assunzione di kombucha sul microbiota intestinale e comorbidità legate all'obesità: una revisione sistematica". Recensioni critiche in scienze alimentari e nutrizione, 1-16. 26 ottobre 2021, doi:10.1080/10408398.2021.1995321

Gaggia, Francesca, et al. "Bevanda Kombucha da tè verde, nero e Rooibos: uno studio comparativo che esamina microbiologia, chimica e attività antiossidante". Nutrienti vol. 11,1 1. 20 dic. 2018, doi:10.3390/nu11010001

Kapp, Julie M e Walton Sumner. "Kombucha: una revisione sistematica dell'evidenza empirica del beneficio per la salute umana". Annali di epidemiologia vol. 30 (2019): 66-70. doi:10.1016/j.annepidem.2018.11.001

Villarreal-Soto, Silvia Alejandra, et al. "Capire la fermentazione del tè Kombucha: una recensione." Giornale di scienze alimentari vol. 83,3 (2018): 580-588. doi:10.1111/1750-3841.14068

La meccanica dei metalli tossici nel sistema immunitario

La meccanica dei metalli tossici nel sistema immunitario

Introduzione

Lo sistema immunitarioIl suo ruolo è quello di essere i “protettori” del corpo attaccando gli invasori che entrano nel corpo, ripulendo le vecchie cellule e facendo spazio a nuove cellule per fiorire nel corpo. Il corpo ha bisogno del sistema immunitario per funzionare ed essere sano da molti trigger ambientali il corpo è esposto quotidianamente. Quando i fattori scatenanti ambientali entrano in contatto con il corpo, possono causare molti fattori di disturbo nel tempo e fanno sì che il sistema immunitario attacchi erroneamente cellule sane e normali poiché lo vedono come un invasore estraneo, provocando così lo sviluppo del corpo malattie autoimmuni. Alcuni fattori scatenanti ambientali come i metalli tossici potrebbero essere associati a malattie autoimmuni che possono colpire il corpo, causando vari sintomi che colpiscono il corpo. L'articolo di oggi esamina gli effetti dei metalli tossici sul corpo, il modo in cui influisce sul sistema immunitario e i modi per gestire l'impatto dei metalli tossici sul sistema immunitario. Indirizziamo i pazienti a fornitori certificati specializzati in trattamenti autoimmuni per aiutare molte persone con malattie autoimmuni associate a metalli tossici. Inoltre, guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia la soluzione per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

07_Autoimmunità dei metalli di Patrick

Gli effetti dei metalli tossici sul corpo

 

Hai avuto dolore addominale nell'intestino? Hai un sapore metallico amaro in bocca? Che ne dici di provare un'infiammazione che colpisce non solo le articolazioni ma anche l'intestino? Molti di questi sintomi sono segni correlati al fatto che potresti soffrire di metalli tossici nel tuo corpo. Il corpo è costantemente esposto a vari fattori ambientali che colpiscono molti individui nel tempo. Possono essere gli alimenti consumati, l'ambiente a cui una persona è esposta e la sua attività fisica. Gli studi rivelano che gli inquinanti di metalli pesanti provenienti dall'inquinamento ambientale possono entrare nel corpo umano attraverso varie vie come le vie respiratorie, cutanee e gastrointestinali e iniziare ad accumularsi in diversi organi. Quando il corpo soffre di malattie autoimmuni associate a metalli tossici, i sintomi dell'infiammazione inizieranno a colpire le articolazioni del corpo. A quel punto, i metalli tossici inizieranno a facilitare la loro interazione con il sistema immunitario, causando lo sviluppo di sintomi di malattie autoimmuni.

 

In che modo influisce sul sistema immunitario

Quindi, in che modo i metalli tossici influenzano il sistema immunitario, causando così i sintomi associati all'autoimmunità? Come affermato in precedenza, il sistema immunitario è il protettore dell'organismo e, se esposto nel tempo a perturbatori ambientali, porta allo sviluppo di malattie autoimmuni. Per i metalli tossici, molte persone sono solitamente esposte a bassi livelli di metalli attraverso il consumo di pesce e crostacei (contenenti bassi livelli di mercurio). Tuttavia, quando gli individui sono esposti a livelli elevati di metalli pesanti, gli studi rivelano che alcuni metalli possono influenzare gravemente il sistema immunitario sovrastimolando i diversi tessuti muscolari e i mediatori solubili che causano reazioni cronico-infiammatorie associate ai metalli pesanti. Alcuni dei sintomi associati con metalli tossici che causano autoimmunità nel corpo includono:

  • Intorpidimento
  • Sensazione pungente alle mani o ai piedi
  • Dolore addominale
  • Infiammazione
  • Il dolore alle articolazioni
  • Debolezza muscolare

 


Introduzione Il sistema immunitario-Video

Hai avuto un'infiammazione alle articolazioni? Che ne dici di sentire la debolezza muscolare nella schiena, nelle braccia, nelle gambe o nel collo? O hai sentito un disagio generale nel tuo corpo? Molti di questi sintomi sono segni di malattie autoimmuni associate a metalli tossici. Il video qui sopra introduce il sistema immunitario e come svolge il suo ruolo nel corpo. Quando il corpo viene esposto a fattori ambientali come i metalli tossici pesanti, può causare lo sviluppo di malattie autoimmuni associate a problemi cronici come l'infiammazione delle articolazioni e il dolore muscolare. Diversi metalli pesanti tossici possono influenzare altre parti del corpo, come gli studi rivelano che questi diversi metalli pesanti tossici sono tossici sistemici che inducono effetti negativi sulla salute del corpo. Quando un individuo è stato esposto ad alti livelli di metalli pesanti tossici, problemi cronici come l'infiammazione articolare possono causare progressivamente dolore nel tempo a meno che non vengano trattati precocemente. Fortunatamente, sono disponibili trattamenti per aiutare a gestire gli effetti dei metalli tossici sul sistema immunitario associati all'infiammazione delle articolazioni.


Gestire gli effetti dei metalli tossici nel sistema immunitario

 

Poiché il corpo è costantemente esposto a fattori ambientali, se non viene trattato immediatamente, può portare all'autoimmunità associata a sintomi cronici come l'infiammazione delle articolazioni. Fortunatamente, ci sono modi per gestire gli effetti dei fattori ambientali, come ridurre l'impatto dei metalli tossici sul sistema corporeo. Gli studi rivelano che incorporando minerali essenziali protegge la sequenza del DNA da ulteriori danni ossidativi nel sistema immunitario del corpo. Altri trattamenti come la cura chiropratica utilizzano la manipolazione spinale sulla colonna vertebrale sublussazione o disallineamento spinale sulle articolazioni per ridurre l'infiammazione associata all'autoimmunità da metalli tossici. Poiché ci sono molti modi in cui l'autoimmunità può influenzare il corpo attraverso fattori scatenanti ambientali, i sintomi associati all'autoimmunità vengono trattati attraverso la cura chiropratica. La cura chiropratica non solo utilizza la manipolazione spinale, ma può aiutare a migliorare il sistema immunitario nel corpo aumentando la circolazione del fluido linfatico e sciogliendo i muscoli rigidi che circondano le articolazioni. A quel punto, consente al corpo di sbarazzarsi delle tossine e dei rifiuti che si trovano nel corpo. Incorporare trattamenti come la cura chiropratica può aiutare a riportare il corpo al suo stato funzionale.

 

Conclusione

Il sistema immunitario è il protettore del corpo dagli invasori estranei che entrano nel corpo. Quando ci sono fattori scatenanti ambientali a cui il corpo è esposto, può mettere il corpo a rischio di sviluppare malattie autoimmuni associate a sintomi cronici come l'infiammazione delle articolazioni. I fattori scatenanti ambientali come i metalli pesanti possono essere associati a infiammazioni articolari e causare dolore nel corpo. Quando ciò accade, il corpo avverte dolore e disfunzione a causa delle articolazioni infiammate. Fortunatamente, i trattamenti chiropratici utilizzano la manipolazione spinale sulla sublussazione (disallineamento spinale) per ridurre l'infiammazione delle articolazioni e migliorare la circolazione del sistema linfatico. Questi trattamenti possono aiutare il corpo a gestire l'autoimmunità associata ai metalli pesanti e ai loro sintomi.

 

Referenze

Ebrahimi, Maryam, et al. "Effetti del piombo e del cadmio sul sistema immunitario e sulla progressione del cancro". Giornale di scienza e ingegneria della salute ambientale, Springer International Publishing, 17 febbraio 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7203386/.

Jan, Arif Tasleem, et al. "Metalli pesanti e salute umana: approfondimenti meccanicistici sulla tossicità e sul sistema di controdifesa degli antiossidanti". International Journal of Molecular Sciences, MDPI, 10 dicembre 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4691126/.

Lehmann, Irina, et al. "Ioni metallici che influenzano il sistema immunitario". Ioni metallici nelle scienze della vita, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, 2011, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21473381/.

Tchounwou, Paul B, et al. "Tossicità da metalli pesanti e ambiente". Supplemento di esperienza (2012), Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, 2012, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4144270/.

Disclaimer

La cistifellea e la funzione del sistema nervoso parasimpatico

La cistifellea e la funzione del sistema nervoso parasimpatico

Introduzione

Lo apparato digerente nel corpo aiuta con il processo di digestione del cibo che l'ospite consuma. Il cibo che viene digerito passa attraverso una biotrasformazione dove si trasforma in nutrienti e viene immagazzinato nel intestinifegatoe cistifellea, dove si trasforma in bile per essere espulsa dal sistema per garantire un sistema intestinale e un corpo sani e funzionali. Ma quando fattori dirompenti come cattive abitudini alimentari o problemi di intestino iniziano a colpire il corpo e la cistifellea, questo causa molti problemi che possono rendere infelice un individuo. Ciò influisce sulla loro qualità di vita poiché hanno a che fare con problemi dolorosi nei loro corpi che si sovrappongono ai profili di rischio della fonte primaria. L'articolo di oggi esamina la cistifellea, come funziona con il corpo e il sistema nervoso parasimpatico e come sono collegati il ​​dolore alla spalla riferito e la disfunzione della cistifellea. Indirizziamo i pazienti a fornitori certificati specializzati in gastroenterologia e trattamenti chiropratici che aiutano chi ha problemi che colpiscono le spalle e la cistifellea. Inoltre, guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia la soluzione per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

03 - Malattia del fegato grasso bruno ETOH e NAFLD

Cos'è la cistifellea?

Lo apparato digerente comprende la bocca, gli organi interni del tratto gastrointestinale, il fegato, la cistifellea e l'ano, dove il cibo viene consumato, digerito ed espulso dal corpo per mantenerlo sano. Il cistifellea è un piccolo organo che immagazzina e rilascia la bile al momento opportuno nell'intestino per essere miscelata con gli alimenti digeriti per essere espulsi dal corpo. Questo organo a forma di pera si gonfia e si sgonfia come un palloncino quando immagazzina e rilascia la bile mentre ha una relazione casuale con i nervi e gli ormoni che aiutano a regolare il corretto funzionamento della cistifellea. Gli studi rivelano che i gangli diventino l'obiettivo di causare l'aumento o la sottoregolazione della neurotrasmissione alla cistifellea da parte dell'ormone colecistochinina e del nervo parasimpatico. Ciò fa sì che la cistifellea sia funzionale nel corpo.

 

Quali sono le sue funzioni nel sistema nervoso parasimpatico?

Quindi quali sono le funzioni che la cistifellea fornisce al corpo? Per cominciare, il del sistema nervoso parasimpatico permette al corpo di riposare e digerire il cibo consumato per trasformarlo in nutrienti. Il sistema nervoso parasimpatico fornisce anche la stimolazione della cistifellea come gli studi rivelano che la cistifellea riceve l'innervazione dal sistema nervoso parasimpatico collegato al nervo vago che trasmette informazioni alla colonna vertebrale e al cervello. Mantenere e rilasciare la bile da questo organo a forma di pera aiuta a regolare il tratto gastrointestinale. Questa relazione causale tra la cistifellea e il nervo parasimpatico è essenziale perché il corpo ha bisogno di sapere quando immagazzinare e rilasciare la bile dalla cistifellea, oppure potrebbe innescare alcuni problemi che possono causare più danni al corpo e persino influenzare la cistifellea stessa.


Hai dolore alla spalla?- Video

Hai avuto problemi intestinali che causano un dolore acuto o sordo alla schiena o ai fianchi? Che ne dici di un dubbioso dolore alla spalla che sembra venire dal nulla? O stai vivendo un'infiammazione nel tuo sistema digestivo? Molti di questi sintomi sono segni di dolore viscerale-somatico che colpisce la cistifellea. Il dolore viscerale-somatico è definito quando c'è un danno all'organo e inizia a colpire i muscoli in una posizione diversa nel corpo. Il video sopra fornisce un eccellente esempio di dolore viscerale-somatico nella cistifellea e nella spalla. Ora molte persone si chiedono come il dolore alla spalla sia il mediatore della cistifellea? Bene, l'infiammazione nel fegato e nella cistifellea fa sì che le radici nervose siano ipersensibili e compresse. Questo porta a profili sovrapposti, provocando dolore ai muscoli della spalla e associato a dolore alla parte centrale della schiena.


Dolore alla spalla riferito e disfunzione della cistifellea

 

Ora supponiamo che l'individuo stia sperimentando dolore alla spalla; tuttavia, quando ruotano la spalla, non c'è dolore? Dov'è localizzata la fonte del dolore alla spalla e qual è la causa del problema? E perché è correlato alla cistifellea? Questo è noto come dolore riferito, dove la fonte del dolore è scarsamente localizzata quando si trova altrove. Gli studi rivelano che le disfunzioni della cistifellea come la colecistite potrebbero essere associate a dolore acuto alla spalla toracolombare. Che cosa significa questo? Significa che qualsiasi dolore riferito che è la causa del dolore alla spalla dà l'impressione che qualcosa non va nella cistifellea. Ciò fornirebbe le informazioni tanto necessarie quando le persone vengono esaminate dai loro medici.

 

Conclusione

Il corpo ha bisogno del sistema digestivo per aiutare a elaborare il cibo che l'ospite consuma ed espelle per un sano funzionamento del sistema. La cistifellea immagazzina e rilascia la bile al cibo digerito. Ciò garantisce che i nutrienti e la bile vengano trasportati ed espulsi dal corpo. Quando i fattori di disturbo causano problemi intestinali e colpiscono la cistifellea, possono essere correlati a diversi problemi che colpiscono il corpo. Un esempio potrebbero essere problemi alla cistifellea associati al dolore alla spalla. Questo è indicato come dolore, che proviene da un organo colpito e associato al muscolo in una posizione diversa. Questo può far sentire l'individuo infelice e chiedersi cosa sta succedendo alle loro spalle quando potrebbe essere qualcosa associato alla loro cistifellea. I trattamenti disponibili possono fornire una migliore conoscenza per determinare il problema e come alleviare i problemi.

 

Referenze

Carter, Chris T. "Dolore toracolombare acuto dovuto a colecistite: un caso di studio". Chiropratica e terapie manuali, BioMed Central, 18 dicembre 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4683782/.

Jones, Mark W, et al. "Anatomia, addome e bacino, cistifellea". In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 8 novembre 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK459288/.

Mawe, Gary M., et al. "I nervi e gli ormoni interagiscono per controllare la funzione della cistifellea". Fisiologia, 1 aprile 1998, journals.physiology.org/doi/full/10.1152/physiologyonline.1998.13.2.84.

Professionista medico, clinica di Cleveland. "Cistifellea: che cos'è, funzione, posizione e anatomia." Cleveland Clinic, 28 luglio 2021, my.clevelandclinic.org/health/body/21690-gallbladder.

Disclaimer

Uno sguardo alla disbiosi intestino-cervello e all'infiammazione cronica

Uno sguardo alla disbiosi intestino-cervello e all'infiammazione cronica

Introduzione

Una delle caratteristiche uniche del corpo è quando il budello di sistema nervoso avere questa partnership di comunicazione in cui le informazioni vengono trasportate avanti e indietro in tutto il corpo. I dati trasmessi al cervello e all'intestino viaggiano attraverso il radici nervose diffuso nei muscoli, nei tessuti e nei legamenti che controllano le funzioni motorie-sensoriali del corpo. Quando le radici nervose vengono danneggiate o quando ci sono problemi intestinali che colpiscono gli organi del sistema intestinale o anche disturbi neurologici possono causare disfunzioni del corpo e provocare altri problemi che colpiscono i muscoli delle gambe, delle braccia, della schiena e del collo. L'articolo di oggi esamina la funzionalità dell'asse intestino-cervello, come questa connessione aiuta il corpo e come disturbi come l'infiammazione e la disbiosi intestinale causano problemi al corpo e all'asse intestino-cervello. Indirizzare i pazienti a fornitori certificati e qualificati specializzati in trattamenti intestinali per individui che soffrono di disbiosi intestinale e infiammazione cronica. Guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

05 LePine Advanced Test dell'intestino, del cervello e dell'immunocompresso

La funzionalità dell'asse intestino-cervello

 

Hai avuto un'infiammazione nell'intestino? Che ne dici di sentirti costantemente stanco per tutto il giorno? Qualcuna delle tue articolazioni o muscoli fa male o si sente rigida? Molti di questi sono segni che l'asse intestino-cervello è influenzato da fattori comuni che il corpo ha incontrato. Ci sono prove che la segnalazione bidirezionale tra il tratto gastrointestinale e il cervello sia collegata al nervo vago. Gli studi di ricerca hanno menzionato che il nervo vago è il modulatore dell'asse intestino-cervello ed è considerato il componente principale del sistema nervoso parasimpatico che è vitale per mantenere l'omeostasi nel corpo. Il nervo vago aiuta il corpo supervisionando ogni funzione corporea come la frequenza cardiaca, le risposte di digestione, le risposte immunitarie e inviando al cervello informazioni sullo stato degli organi interni. Il nervo vago è anche coinvolto nell'eziologia di diverse disfunzioni/disturbi metabolici e mentali che il corpo incontra e che colpiscono i muscoli e gli organi interni. Ulteriori studi di ricerca hanno dimostrato che il nervo vago ha proprietà antinfiammatorie che vengono attivate dall'asse HPA e rilasciano l'ormone cortisolo nel corpo. I macrofagi nella milza rendono il fattore di necrosi tumorale (TNF) una potente molecola che produce infiammazione quando il nervo vago stimola la produzione di TNF nella milza, facendola diminuire. Allo stesso tempo, la porzione di sopravvivenza aumenta nel corpo.

 

In che modo l'asse intestino-cervello aiuta il corpo?

Con il bidirezionale che l'intestino e il cervello hanno sul corpo, è evidente che fattori ambientali come lo stress ossidativo, l'infiammazione e i disturbi dell'umore causano cambiamenti nelle vie glutamatergiche e nelle neurotrofine nel corpo. Gli studi di ricerca hanno menzionato che l'asse intestino-cervello aiuta a influenzare il sistema nervoso autonomo attivando il sistema immunitario. Quando il sistema immunitario è attivato, il corpo può generalmente funzionare come la resistenza muscolare, fornire SCFA derivati ​​dal microbiota alla barriera ematoencefalica e regolare l'omeostasi del corpo. Quando l'asse intestino-cervello inizia a diventare disfunzionale, il sistema immunitario comincerà ad aumentare la produzione di cortisolo che può causare rigidità muscolare e spasmi che colpiscono il corpo. Quando c'è un'infiammazione nel sistema intestinale, può causare l'indebolimento dei muscoli del corpo e può influenzare la colonna vertebrale causando lo sviluppo di problemi di lombalgia nel tempo. Ogni volta che l'asse intestino-cervello è influenzato da fattori ambientali, il corpo inizierà a causare problemi con questi sintomi e rendere l'individuo infelice.


Il microbioma colpito dall'infiammazione-Video

Stai riscontrando rigidità o debolezza muscolare nella parte bassa della schiena, nel collo o in altre parti del corpo? Hai avuto sbalzi d'umore o ti sei sentito costantemente ansioso? Molti di questi sintomi che stai riscontrando sono disfunzionali dell'asse intestino-cervello che colpiscono il tuo corpo. Il video sopra ha spiegato cosa succede quando il microbioma intestinale è influenzato da fattori infiammatori che causano disbiosi intestinale e disturbi neurologici. Gli studi di ricerca hanno menzionato che la composizione tra l'intestino e il cervello mentre comunicano aiuta a modellare il corpo. Quando una persona inizia a cambiare le proprie abitudini alimentari e stile di vita, non solo la composizione intestinale ne risente, ma anche il sistema nervoso inizia a cambiare. Fattori indesiderati possono causare molti disturbi nel corpo e, se non trattati immediatamente, possono trasformarsi in problemi cronici che colpiscono le articolazioni, i muscoli e i tessuti.


Infiammazione e disbiosi intestino-cervello

 

Quando il sistema intestino-cervello è influenzato da fattori indesiderati, vari sintomi inizieranno a manifestarsi nel corpo e inizieranno a devastare organi, tessuti, muscoli e articolazioni specifici che necessitano dell'asse intestino-cervello per mantenere il funzionamento del corpo. Non solo l'infiammazione può causare questi fattori indesiderati, ma la disbiosi intestinale può anche influenzare i linfociti T nel sistema immunitario. Gli studi di ricerca hanno menzionato che quando i marcatori infiammatori iniziano a traslocare i batteri nocivi attraverso la barriera intestino-epiteliale alla barriera ematoencefalica, possono contribuire alla sclerosi multipla sulla colonna vertebrale. Ulteriori studi di ricerca hanno trovato che una disfunzione intestinale indotta da ictus nel corpo consente ai batteri commensali di infettare il tessuto periferico, causando infezioni come la polmonite e le infezioni del tratto urinario. Quando le persone iniziano a capire cosa sta causando la disfunzione del loro asse intestino-cervello, possono iniziare a guarire i loro corpi.

 

Conclusione

L'intestino e il sistema nervoso hanno una speciale connessione bidirezionale nota come asse intestino-cervello. L'asse intestino-cervello aiuta il funzionamento del corpo metabolizzando il sistema immunitario e regolando l'omeostasi con il nervo vago. Il nervo vago fa parte del sistema nervoso parasimpatico che consente a tutte le funzioni corporee come la frequenza cardiaca, la digestione e la risposta immunitaria mentre invia informazioni sullo stato degli organi interni al cervello. Il nervo vago si assicura anche che gli organi interni funzionino correttamente. Quando fattori ambientali indesiderati come l'infiammazione o la disbiosi intestinale iniziano a influenzare l'asse intestino-cervello, possono devastare gli organi interni e causare disfunzioni del corpo. Quando le persone notano che il loro corpo diventa disfunzionale, troveranno trattamenti disponibili per alleviare questi problemi nei loro corpi e continuare il loro viaggio di salute e benessere.

 

Referenze

Appleton, Jeremy. "L'asse intestino-cervello: influenza del microbiota sull'umore e sulla salute mentale". Medicina Integrativa (Encinitas, California), InnoVision Health Media Inc., agosto 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6469458/.

Bonaz, Bruno, et al. "Stimolazione del nervo vago all'interfaccia delle interazioni cervello-intestino". Cold Spring Harbor Perspectives in Medicine, Cold Spring Harbor Laboratory Press, 1 agosto 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6671930/.

Breit, Sigrid et al. "Nervo vago come modulatore dell'asse cervello-intestino nei disturbi psichiatrici e infiammatori". Frontiere in psichiatria, Frontiers Media SA, 13 marzo 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5859128/.

Gwak, Min-Gyu e Sun-Young Chang. "Connessione intestino-cervello: microbioma, barriera intestinale e sensori ambientali". Rete immunitaria, The Korean Association of Immunologists, 16 giugno 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8263213/.

Gunther, Claudia, et al. "L'asse intestino-cervello nella malattia infiammatoria intestinale: prospettive attuali e future". International Journal of Molecular Sciences, MDPI, 18 agosto 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8396333/.

Stopinska, Katarzyna, et al. "L'asse microbiota-intestino-cervello come chiave per i disturbi neuropsichiatrici: una mini rassegna". Journal of Clinical Medicine, MDPI, 10 ottobre 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8539144/.

Disclaimer

Uno sguardo alla neuropatia autonomica e ai disturbi intestinali

Uno sguardo alla neuropatia autonomica e ai disturbi intestinali

Introduzione

Il corpo ha molti nervi che si intrecciano e si diramano dal midollo spinale nel  del sistema nervoso centrale. Questi nervi forniscono molte funzioni di cui il corpo ha bisogno per funzionare correttamente, dalla funzione motoria su braccia, gambe e collo a funzioni sensoriali come percepire quanta luce arriva negli occhi, quel senso di pienezza nel sistema intestinale, e quando qualcosa tocca la pelle. Il corpo ha bisogno di questi nervi per le funzioni quotidiane e quando una persona avverte dolore a causa di incidenti e lesioni. Quando ci sono fattori che causano danni ai nervi o addirittura problemi intestinali che interessano internamente il corpo, possono causare molti sintomi e far sentire cupa una persona. L'articolo di oggi esamina il sistema nervoso parasimpatico, come colpisce il microbiota intestinale e come la neuropatia autonomica interrompe il sistema intestinale in molti individui. Indirizzare i pazienti a fornitori certificati e qualificati specializzati in trattamenti intestinali per individui che soffrono di neuropatia autonomica. Guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

13 - Coinvolgimento microbico lombardo nella neurodegenerazione e nella neuropsichiatria compressa

Qual è il sistema nervoso parasimpatico?

 

Hai avuto problemi intestinali che colpiscono il tuo corpo? Che ne dici di avere le vertigini o di svenire quando ti alzi in piedi? Ti sembra difficile regolare la vista dal buio alla luce? O hai avuto un'infiammazione intestinale? Questi segni e sintomi sono solitamente interessati quando i nervi parasimpatici sono danneggiati e causano problemi intestinali nel corpo. Il sistema nervoso parasimpatico. come la ricerca ha definito esso, conserva l'energia del corpo da utilizzare in un secondo momento regolando le funzioni corporee. Questi nervi aiutano il corpo a entrare in una condizione di "riposo" che consente al corpo di lavorare in un ambiente meno stressante rispetto al sistema nervoso simpatico, che guida la risposta "combatti o fuggi". I nervi parasimpatici aiutano anche con il tratto gastrointestinale, come ulteriori ricerche mostrano il sistema nervoso parasimpatico aiuta a esercitare il controllo gastrointestinale eccitatorio e inibitorio e la motilità nell'intestino. I nervi parasimpatici e il microbiota intestinale sono collegati poiché aiutano a influenzare l'omeostasi del corpo.

 

In che modo influisce sul microbiota intestinale?

Quindi il cervello e l'intestino sono collegati al corpo poiché aiutano a inviare le informazioni avanti e indietro per fornire l'omeostasi del corpo e la funzione immunitaria nella prevenzione delle malattie. Quindi, per quanto riguarda il sistema nervoso parasimpatico e il modo in cui colpisce il microbiota intestinale, è tutto dovuto al nervo vago che mantiene il funzionamento del microbiota intestinale e svolge il suo lavoro per sostenere il corpo. Studi di ricerca hanno dimostrato che il nervo vago è il componente principale del sistema nervoso parasimpatico. Il nervo vago aiuta con la comunicazione bidirezionale tra il cervello e il sistema intestinale supervisionando le funzioni corporee cruciali. Alcuni dei compiti che il sistema nervoso parasimpatico svolge per il microbiota intestinale includono:

  • Controllo dell'umore
  • Risposta immunitaria
  • Frequenza cardiaca
  • Digestione
  • Influenza la regolazione dell'omeostasi gastrointestinale
  • Collega le aree emotive e cognitive del cervello

 


Una panoramica sui nervi parasimpatici-Video

Sensazione di effetti infiammatori all'interno dell'intestino? Che ne dici di avere le vertigini semplicemente stando in piedi per un po'? Hai difficoltà a mangiare o hai una perdita di appetito? Molti di questi segni di nervi parasimpatici sono colpiti, causando anomalie nel microbiota intestinale. Il video sopra spiega cosa fa il sistema nervoso parasimpatico e come svolge il suo ruolo in tutto il corpo. Il sistema nervoso parasimpatico ha anche una collaborazione con il microbiota intestinale. Studi di ricerca citati che l'interazione tra il sistema nervoso parasimpatico e il microbioma intestinale garantisce il corretto mantenimento dell'omeostasi e delle funzioni cognitive per l'organismo. L'asse intestino-cervello aiuta a promuovere una funzione corporea ottimale, assicurando al contempo che le parti motorie-sensoriali svolgano il loro lavoro.


In che modo la neuropatia autonomica influisce sul sistema intestinale

 

Lesioni che colpiscono il microbiota intestinale e il sistema nervoso parasimpatico possono causare infiammazione intestinale nell'intestino e danni ai nervi del sistema nervoso. Questo è noto come neuropatia autonomica e la ricerca mostra che questo tipo di neuropatia causa problemi al corpo e all'intestino come il diabete e la motilità gastrointestinale e contribuisce ad altri sintomi gastrointestinali. Altri studi di ricerca hanno trovato che la neuropatia autonomica può alterare la regolazione dell'omeostasi del microbiota intestinale. Quando ciò accade, il corpo inizierà ad avere vari sintomi che colpiscono ciascun organo e li rendono disfunzionali. Il corpo svilupperà più sintomi quando il microbiota intestinale viene colpito. Questi sintomi causano una diminuzione del deflusso vagale o un aumento dell'attività simpatica, che sarà associato a una lenta diminuzione della motilità gastrointestinale.

 

Conclusione

L'intestino e il sistema nervoso hanno una comunicazione bidirezionale che aiuta a fornire al corpo un adeguato supporto immunitario e a metabolizzare l'omeostasi per la funzionalità. I nervi del sistema nervoso sono ramificati dal midollo spinale e aiutano a offrire molte funzioni alle braccia, agli organi, alle gambe e ai tessuti muscolari. I nervi parasimpatici nel sistema nervoso aiutano il corpo a riposare e a digerire i nutrienti forniti al corpo. Quando i nervi o l'intestino subiscono danni, possono causare vari problemi che causano disfunzioni alle funzioni motorie-sensoriali dell'organismo. Quando ciò accade, molte persone possono trovare trattamenti diversi per ripristinare le funzioni corporee dell'intestino e dei nervi parasimpatici e ridurre i sintomi che ne derivano.

 

Referenze

Breit, Sigrid et al. "Nervo vago come modulatore dell'asse cervello-intestino nei disturbi psichiatrici e infiammatori". Frontiere in psichiatria, Frontiers Media SA, 13 marzo 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5859128/.

Browning, Kirsteen N, e R Alberto Travagli. "Controllo del sistema nervoso centrale della motilità gastrointestinale e della secrezione e modulazione delle funzioni gastrointestinali". Fisiologia completa, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, ottobre 2014, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4858318/.

Kornum, Ditte S, et al. "Valutazione della disfunzione autonomica gastrointestinale: prospettive presenti e future". Journal of Clinical Medicine, MDPI, 31 marzo 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8037288/.

Mayer, Emeran A. "Sentimenti intestinali: la biologia emergente della comunicazione intestino-cervello". Recensioni sulla natura Neuroscienza, US National Library of Medicine, 13 luglio 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3845678/.

Tindle, Jacob e Prasanna Tadi. "Neuroanatomia, sistema nervoso parasimpatico - Statpearls - Libreria NCBI". In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 5 novembre 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK553141/.

Tougas, G. "Il sistema nervoso autonomo nei disturbi funzionali dell'intestino". Giornale canadese di gastroenterologia = Giornale canadese di gastroenterologia, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, marzo 1999, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10202203/.

Disclaimer

La connessione intestino-pelle per alleviare la psoriasi

La connessione intestino-pelle per alleviare la psoriasi

Introduzione

La pelle e l'intestino hanno una connessione unica. Il sistema intestinale ospita trilioni di microrganismi che aiutano a metabolizzare l'omeostasi del corpo mantenendo la sistema immunitario funzionante affinché il corpo funzioni correttamente. La pelle ha il suo insieme di funzioni ed è l'organo più grande e aiuta a proteggere il corpo dai fattori esterni dai danni. Quando questi fattori di disturbo iniziano a influenzare l'intestino o la pelle, possono portare a numerose condizioni che causano disfunzioni del corpo. Quando l'intestino viene influenzato da questi fattori di disturbo, può causare disturbi e infiammazioni intestinali, che colpiscono la pelle e causano disturbi. L'articolo di oggi discuterà di un disturbo della pelle noto come psoriasi e di come la connessione intestino-pelle sia influenzata dalla psoriasi. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e certificati, specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

16B - Smith Modulo IV Salute gastrointestinale e la pelle Parte I

Cos'è la psoriasi?

 

Hai un forte prurito lungo il viso e le braccia? Alcuni alimenti sembrano aggravare il tratto digestivo o la pelle? O hai avuto disturbi intestinali che stanno compromettendo il tuo benessere? Molti di questi sintomi sono segni di problemi infiammatori che colpiscono l'intestino e sono associati a un disturbo della pelle noto come psoriasi. Gli studi di ricerca hanno definito psoriasi come malattia infiammatoria cronica della pelle che è un processo autoimmune in cui si verificano differenziazione anormale e iperproliferazione dell'epidermide con arrossamento e desquamazione. La psoriasi colpisce circa il 2% della popolazione generale nel mondo ed è un processo autoimmune guidato da cellule T helper attivate in modo anomalo. Ulteriori studi hanno menzionato che la psoriasi è sostenuta da un'infiammazione che rende incontrollabile la proliferazione dei cheratinociti e ha una differenziazione disfunzionale. Le vie infiammatorie attivano la psoriasi in diverse posizioni del corpo, facendo sì che l'individuo diventi infelice perché prude e diventa infelice.


Una panoramica della psoriasi-Video

Hai lesioni squamose e irregolari in alcune aree del tuo corpo? Senti dei problemi intestinali che ti affliggono costantemente? Senti effetti infiammatori che interrompono l'intestino e la pelle? Molte di queste condizioni sono segni che si verificano disturbi intestinali associati a un disturbo della pelle noto come psoriasi. Il video sopra spiega come l'intestino e la pelle sono colpiti a causa della psoriasi e come curarla naturalmente. Gli studi di ricerca hanno menzionato che quando l'individuo soffre di pelle incline alla psoriasi, è dovuto all'alternanza del microbiota intestinale. Quando una persona graffia l'area in cui si forma la psoriasi, potrebbe danneggiare la pelle e causare la colonizzazione dei batteri mentre invoca l'infiammazione nell'area interessata. Ulteriori ricerche hanno trovato che i disturbi intestinali come l'IBD (malattia infiammatoria intestinale) e la psoriasi sono interconnessi a causa della maggiore interazione di agenti patogeni del recettore infiammatorio che distruggono le cellule immunitarie del corpo.


Come la connessione intestino-pelle è influenzata dalla psoriasi

 

L'intestino ospita trilioni di microrganismi che aiutano a metabolizzare l'omeostasi del corpo mentre regolano il sistema immunitario. Poiché il corpo abita i microrganismi in vari luoghi, inclusi la pelle e l'intestino, aiuta a mantenere l'omeostasi. La pelle aiuta a proteggere il corpo da fattori esterni e ha una comunicazione bidirezionale con il sistema intestinale. Tuttavia, come con qualsiasi processo autoimmune, inizia sempre con l'intestino. Gli studi di ricerca hanno menzionato che la psoriasi è una malattia cronica della pelle multifattoriale che si infiltra nelle cellule immunitarie del corpo, causando un aumento dell'infiammazione cutanea e rendendo la vita di una persona miserabile. Con il sistema intestinale anche inflitto da marcatori infiammatori, molti individui sofferenti sperimenteranno IBD, SIBO e altri disturbi intestinali che possono disturbare il corpo. Ulteriori informazioni sono state mostrate che i cambiamenti nella microflora nell'asse intestino-pelle da fattori genetici o ambientali possono contribuire a varie malattie. Ma quando questi fattori iniziano a causare un aumento dei marcatori infiammatori nel corpo, possono influenzare la qualità della vita di una persona attraverso abitudini che la rendono infelice.

 

Conclusione

Il corpo ha bisogno dell'intestino e della pelle per mantenere l'omeostasi e metabolizzare il sistema immunitario. Il microbiota intestinale aiuta a trasportare i nutrienti di cui il corpo ha bisogno e regola l'immunità del corpo, mentre la pelle protegge il corpo dai fattori esterni pur essendo l'organo più grande. L'intestino e la pelle hanno una connessione bidirezionale che consente loro di evitare che il corpo soffra di disbiosi. Quando i fattori di disturbo colpiscono l'intestino o la pelle, possono portare a molti disturbi e rendere la vita di una persona miserabile. La pelle soffre di una condizione nota come psoriasi, una malattia infiammatoria cronica che provoca lesioni pruriginose e irregolari che possono interessare le aree intorno al corpo. La psoriasi è associata a disturbi intestinali, poiché molti fattori aggravano i marcatori infiammatori e possono essere fastidiosi se non trattati precocemente. Incorporare piccoli cambiamenti a beneficio sia dell'intestino che della salute della pelle può aiutare ad alleviare l'individuo dalla psoriasi e ripristinare la sua qualità di vita.

 

Referenze

Chen, Lihui, et al. "Microbioma della pelle e dell'intestino nella psoriasi: ottenere informazioni sulla fisiopatologia e trovare nuove strategie terapeutiche". Frontiere in microbiologia, Frontiers Media SA, 15 dicembre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7769758/.

De Francesco, Maria Antonia e Arnaldo Caruso. "Il microbioma intestinale nella psoriasi e nel morbo di Crohn: la sua perturbazione è un denominatore comune per la loro patogenesi?" vaccini, MDPI, 5 febbraio 2022, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8877283/.

Ellis, Samanta R, et al. "Il microbioma della pelle e dell'intestino e il suo ruolo nelle condizioni dermatologiche comuni". Microrganismi, MDPI, 11 novembre 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6920876/.

Nair, Pragya A e Talel Badri. "Psoriasi." In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 6 aprile 2022, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK448194/.

Olejniczak-Staruch, Irmina, et al. "Alterazioni del microbioma della pelle e dell'intestino nella psoriasi e nell'artrite psoriasica". International Journal of Molecular Sciences, MDPI, 13 aprile 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8069836/.

Rendon, Adriana e Knut Schäkel. "Patogenesi e trattamento della psoriasi". International Journal of Molecular Sciences, MDPI, 23 marzo 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6471628/.

Disclaimer

Un gastrointestinale sano può alleviare la dermatite atopica

Un gastrointestinale sano può alleviare la dermatite atopica

Introduzione

La pelle è l'organo più grande del corpo e incontra numerosi fattori che possono avvantaggiare o danneggiare il corpo. La pelle aiuta a proteggere gli organi e l'intestino sistema intestinale, mantiene il sistema muscoloscheletrico struttura funzionale, e aiuta anche il sistema nervoso inviare segnali per le funzioni motorie-sensoriali al resto del corpo. La pelle è associata al sistema intestinale poiché il microbiota intestinale ospita trilioni di flora intestinale benefica che invia sostanze nutritive per aiutare a promuovere la crescita dei tessuti, migliorare l'immunità del corpo e metabolizzare la salute della pelle proteggendola da agenti patogeni dirompenti. Quando causano questi agenti patogeni problemi infiammatori nel sistema intestinale, può influenzare la pelle, il cervello e la salute immunitaria del corpo rendendoli disfunzionali. L'articolo di oggi esaminerà una condizione della pelle nota come dermatite atopica, come colpisce il sistema intestino-pelle e quali trattamenti sono disponibili per alleviare i problemi intestinali e la dermatite atopica negli individui. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e certificati, specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

16A - Smith Modulo IV Salute GI e la pelle Parte I

Cos'è la dermatite atopica?

 

Hai avuto un'infiammazione intorno all'intestino o in alcune aree della tua pelle? Problemi come SIBO, IBD, permeabilità intestinale o gonfiore diventano più frequenti? Alcuni alimenti innescano marcatori infiammatori nella pelle e nell'intestino? I numerosi segni e sintomi sono dovuti a un disturbo della pelle noto come dermatite atopica. La dermatite atopica o eczema è una malattia cutanea pruriginosa ereditaria. La prevalenza una tantum va dal 10% al 20%, con molti casi che iniziano da bambini e salgono dal 20% al 40% quando gli adulti continuano ad avere la dermatite atopica. Gli studi di ricerca hanno definito dermatite atopica come una delle malattie della pelle più comuni che causano l'infiammazione cronica della pelle. La fisiopatologia della dermatite atopica è complessa e multifattoriale. Coinvolge gli elementi di disfunzione della barriera, alterazioni delle risposte immunitarie cellulo-mediate, ipersensibilità IgE-mediata e fattori ambientali che causano riacutizzazioni. Ulteriori studi di ricerca hanno menzionato che la patologia della dermatite atopica viene esaminata mentre le anomalie strutturali della pelle e la disregolazione immunitaria svolgono il loro ruolo man mano che questa condizione progredisce. Sono state identificate anche altre modificazioni genetiche, che alterano la funzione di barriera della pelle, determinando un fenotipo di dermatite atopica. Si osserva lo squilibrio tra le citochine Th2 e Th1 poiché altera le risposte immunitarie cellulo-mediate. La dermatite atopica può promuovere l'ipersensibilità cutanea IgE-mediata come parte del suo sviluppo. Ciò può anche essere dovuto ai fattori ambientali che causano lo sviluppo della dermatite atopica.

 

In che modo influisce sulla connessione intestino-pelle?

Poiché la dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica della pelle, molti fattori entrano in gioco nel suo sviluppo. Ad esempio, le allergie alimentari causano dermatite atopica nel 25-50% dei bambini. Alcuni degli allergeni alimentari che sono comunemente collegati alla dermatite atopica includono:

  • Uova
  • Soia
  • latte
  • Grano
  • Pesce
  • Mollusco
  • Arachidi

Uno degli altri fattori che possono causare lo sviluppo della dermatite atopica sono i problemi intestinali. Studi di ricerca hanno dimostrato che eventuali alterazioni del microbioma intestinale dovute alla dermatite atopica influiscono sull'equilibrio del sistema immunitario nell'organismo. Quando il microbioma intestinale si altera, influisce sulla produzione di metaboliti e riduce il sistema immunitario del corpo. La crescita eccessiva di batteri nel tratto gastrointestinale è stata suggerita come fattore causale di malattie allergiche, inclusa la dermatite atopica. Un altro fattore è quando gli individui consumano grassi trans, che aumentano lo sviluppo della dermatite atopica poiché interferiscono con il metabolismo e l'uso degli acidi grassi essenziali.


Il microbioma della dermatite atopica-Video

Hai avuto infiammazioni nel tratto digestivo o in particolari aree della tua pelle? Il tuo corpo si sente costantemente affaticato? Hai problemi intestinali o disturbi che influiscono sulla tua salute? La maggior parte di questi sintomi sono segni di dermatite atopica causata da problemi intestinali. Studi di ricerca hanno scoperto che vari fattori possono scatenare la dermatite atopica, influenzare il sistema immunitario e interrompere il microbiota intestinale. Il video sopra spiega il microbioma nella dermatite atopica e come colpisce l'intestino, la pelle e l'intero corpo. Fortunatamente ci sono trattamenti disponibili per alleviare la dermatite atopica e i disturbi intestinali dal devastare il corpo.


Trattamenti per alleviare la dermatite atopica e l'intestino

 

Quando una persona inizia a trovare trattamenti per alleviare la dermatite atopica di solito comporta:

  • Diagnosi precoce.
  • Supporto per la funzione di barriera cutanea.
  • Mitigazione dell'infiammazione cutanea.
  • Stratificazione del rischio concomitante

Un altro modo in cui molte persone possono alleviare la dermatite atopica è con un tratto gastrointestinale sano. Ciò aiuterà molte persone che soffrono di allergia alimentare, asma, rinite allergica e allergie ambientali ad alleviare la dermatite atopica dal progredire ulteriormente. UN studio ha mostrato che probiotici e prebiotici sono essenziali nella prevenzione delle allergie alimentari e degli eczemi. I probiotici e i prebiotici aiutano a ricostituire i batteri benefici nell'intestino e a regolare il sistema immunitario. Ciò impedisce alla dermatite atopica di smettere di progredire e ripristinare il corpo.

 

Conclusione

Molti fattori fanno sì che la progressione della dermatite atopica diventi grave, poiché è fondamentale trovare la causa principale delle riacutizzazioni e alleviarle alla fonte. Nel complesso, avere problemi intestinali associati alla dermatite atopica non è una cosa da ridere. Quando il microbioma intestinale è colpito da disturbi infiammatori, può interrompere il sistema immunitario e causare lo sviluppo di dermatite atopica sulla pelle. L'incorporazione di probiotici e prebiotici può aiutare a ricostituire i batteri intestinali e capire che cosa causa l'aumento dei sintomi infiammatori da determinati alimenti a beneficio dell'intestino e della pelle per diventare più sani.

 

Referenze

Fang, Zhifeng, et al. "Microbiota intestinale, probiotici e loro interazioni nella prevenzione e nel trattamento della dermatite atopica: una revisione". Frontiere in immunologia, Frontiers Media SA, 14 luglio 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8317022/.

Kapur, Sandeep, et al. "Dermatite atopica." Allergia, asma e immunologia clinica: Gazzetta ufficiale della Canadian Society of Allergy and Clinical Immunology, BioMed Central, 12 settembre 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6157251/.

Kim, Jung Eun e Hei Sung Kim. "Microbioma della pelle e dell'intestino nella dermatite atopica (AD): comprendere la fisiopatologia e trovare nuove strategie di gestione". Journal of Clinical Medicine, MDPI, 2 aprile 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6518061/.

Kolb, Logan e Sarah J Ferrer-Bruker. "Dermatite atopica - Statpearls - Libreria NCBI". In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 13 agosto 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK448071/.

Lee, So Yeon, et al. "Microbioma nell'asse intestino-pelle nella dermatite atopica". Ricerca su allergie, asma e immunologia, L'Accademia coreana di asma, allergie e immunologia clinica; L'Accademia coreana di allergie e malattie respiratorie pediatriche, luglio 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6021588/.

Disclaimer

La connessione della pelle dell'intestino che colpisce l'acne

La connessione della pelle dell'intestino che colpisce l'acne

Introduzione

Il corpo è sempre sottoposto a molti fattori che testano costantemente la durabilità che può influenzare l'intero microbioma stesso. Il budello aiuta l'omeostasi dell'organismo metabolizzando i nutrienti che forniscono l'energia per la funzionalità. Il sistema intestinale ospita trilioni di microrganismi che comunicano al sistema cerebralesistema endocrinosistema immunitarioe la pelle per assicurarsi che sia sana. Quando i fattori dirompenti entrano nel sistema intestinale, possono causare vari problemi che possono rendere il corpo disfunzionale mentre influiscono sulla sua comunicazione con l'asse del corpo. L'articolo di oggi si concentra su una condizione della pelle che tutti hanno sofferto nella propria vita nota come acne e su come l'asse intestino-pelle è influenzato dall'acne. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e certificati, specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

16A - Smith Modulo IV Salute GI e la pelle Parte I

Cos'è l'acne volgare?

 

Hai notato protuberanze lungo il viso, specialmente nelle regioni del naso, della fronte e delle guance? Che ne dici di reazioni infiammatorie che colpiscono la tua pelle? Problemi come GERD, IBS, permeabilità intestinale o SIBO influiscono sul tuo intestino? La maggior parte di questi problemi sono dovuti a fattori di disturbo che influenzano la connessione intestino-pelle e causano una condizione della pelle nota come acne volgare. Tutti soffrono di acne quando sono giovani, ed è una condizione comune con papule follicolari o comedoni e papule e pustole infiammatorie. Studi di ricerca hanno dimostrato che l'acne volgare è un disturbo infiammatorio innescato da molti fattori che possono causarne l'aggravamento e l'infiammazione. Alcuni dei fattori contribuenti che possono causare la formazione dell'acne volgare a causa di quanto segue:

  • Infezione (Propionibacterium acnes)
  • Infiammazione dei tessuti
  • Ostruzione dei follicoli piliferi a causa dell'iperproliferazione epidermica
  • Squilibrio ormonale
  • Disturbi endocrini
  • Eccessiva esposizione al sole

Altri studi di ricerca hanno dimostrato che anche altri fattori come i disturbi intestinali possono influenzare lo sviluppo dell'acne volgare. L'acne volgare può essere associata ai fattori emotivi che influenzano il cervello e ai fattori infiammatori dell'intestino mentre vanno di pari passo. Quando una persona diventa stressata o ansiosa, la sua pelle si infiamma e svilupperà l'acne intorno ad alcune regioni della pelle. Ulteriori studi hanno menzionato che fattori emotivi come lo stress e l'ansia possono alterare il microbiota intestinale e aumentare la permeabilità intestinale. Quando i disturbi intestinali iniziano a contribuire all'infiammazione della pelle, può aggravare lo sviluppo e la formazione dell'acne sulla pelle.


Salute intestinale e acne - Video

Hai avuto disturbi intestinali che sembrano influenzare la qualità della tua vita? Hai notato che particolari cibi che consumi non si adattano bene al tuo sistema intestinale? Che ne dici di sentirti eccessivamente stressato e ansioso che l'acne si formi intorno al tuo viso? Il video sopra spiega come il microbioma intestinale colpisce una persona quando apporta cambiamenti nella dieta che possono fornire risultati benefici al microbiota intestinale. Studi di ricerca hanno trovato che il microbiota intestinale è essenziale per la formazione di lesioni da acne pur essendo responsabile della corretta immunità e difesa dei microrganismi. Il tratto gastrointestinale e la condizione dell'acne sono strettamente associati perché forniscono le funzioni neuroendocrine e immunitarie al corpo. 


L'asse dell'intestino e della pelle e come influisce sull'acne

 

Poiché l'intestino ospita trilioni di batteri, il suo compito principale è mantenere una comunicazione costante con la pelle per smorzare i marker infiammatori non necessari che possono causare la rottura della pelle. Studi di ricerca hanno trovato che l'asse intestino-pelle, quando affetto da acne, produce metaboliti significativamente più elevati che generano ROS (specie reattive dell'ossigeno) e inducono infiammazione sia nell'intestino che nella pelle. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che il microbioma intestinale svolge un ruolo essenziale nei disturbi della pelle e viceversa. Quando i cambiamenti interessano l'intestino o la pelle, possono cambiare drasticamente il risultato di una persona nella vita. Supponiamo, ad esempio, delle abitudini alimentari che causano infiammazioni nell'intestino. Ciò è dovuto agli alimenti trasformati che provocano l'infiammazione dell'intestino e fanno sì che la pelle inizi lo sviluppo dell'acne in diverse parti della pelle. La ricerca mostra che il microbioma intestinale può influenzare notevolmente il sistema immunitario regolandolo. Questo crea una tolleranza ai cambiamenti dietetici nell'intestino per promuovere una pelle priva di acne. Quindi l'incorporazione di una dieta a basso carico glicemico è stata collegata a un miglioramento dell'acne, possibilmente attraverso cambiamenti intestinali o attenuazione dei livelli di insulina.

 

Conclusione

Nel complesso, l'intestino svolge un ruolo enorme nel corpo nella sua omeostasi poiché aiuta il corpo a metabolizzare i nutrienti per mantenerlo funzionante e in movimento. Il microbiota intestinale ha anche una comunicazione bidirezionale con la pelle poiché tendono a manifestarsi comuni disturbi della pelle come l'acne. L'acne è molto comune tra gli individui, specialmente nei soggetti più giovani, poiché può influenzare i loro stati d'animo e causare cambiamenti alla loro salute mentale e alla salute dell'intestino. Incorporare piccoli cambiamenti come mangiare cibo sano, mantenere un ambiente privo di stress e persino fare esercizio può aiutare non solo a ridurre l'infiammazione intestinale, ma anche a liberare la pelle dall'acne.

 

Referenze

Bowe, Whitney P e Alan C Logan. "Acne Vulgaris, probiotici e l'asse intestino-cervello-pelle - Ritorno al futuro?" Patogeni intestinali, BioMed Central, 31 gennaio 2011, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3038963/.

Chilicka, Karolina, et al. "Microbioma e probiotici nell'acne vulgaris: una recensione narrativa". Life (Basilea, Svizzera), MDPI, 15 marzo 2022, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8953587/.

De Pessemier, Britta, et al. "Asse intestino-pelle: conoscenza attuale dell'interrelazione tra disbiosi microbica e condizioni della pelle". Microrganismi, MDPI, 11 febbraio 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7916842/.

Lee, Young Bok, et al. "Potenziale ruolo del microbioma nell'acne: una revisione completa". Journal of Clinical Medicine, MDPI, 7 luglio 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6678709/.

Salem, Iman, et al. "Il microbioma intestinale come un importante regolatore dell'asse intestino-pelle". Frontiere in microbiologia, Frontiers Media SA, 10 luglio 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6048199/.

Sutaria, Amita H, et al. "Acne vulgaris." In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 8 maggio 2022, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK459173/.

Disclaimer

Vuoi una pelle più chiara? Prenditi cura del tuo intestino

Vuoi una pelle più chiara? Prenditi cura del tuo intestino

Introduzione

Come tutti sanno, l'intestino aiuta l'organismo a metabolizzare i nutrienti e le vitamine di cui ha bisogno per funzionare correttamente. Il sistema intestinale permette anche al corpo immunità eseguire rimanendo in comunicazione con il cervello. L'intestino aiuta a inviare segnali avanti e indietro per regolare il ormoni del corpo segnali e altre sostanze benefiche di cui il corpo ha bisogno. L'intestino è anche in comunicazione con l'organo più grande del corpo, che è la pelle. Quando fattori intollerabili iniziano a distruggere l'intestino e causare il caos all'interno del sistema intestinale, interrompe i segnali cerebrali nel sistema nervoso e può anche avere un impatto sulla pelle. L'articolo di oggi si concentrerà su una condizione della pelle nota come rosacea, su come colpisce il sistema intestinale e qual è la connessione intestino-pelle. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e certificati, specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

16A - Smith Modulo IV Salute GI e la pelle Parte I

Cos'è la rosacea?

 

Hai sentito disturbi intestinali come IBS, permeabilità intestinale o GERD che colpiscono la tua sezione centrale? Che ne dici del rossore intorno al viso, in particolare delle aree del naso e delle guance? La tua pelle sembra tenera al tatto in determinate aree? La maggior parte di questi sintomi è correlata a una malattia infiammatoria cronica nota come rosacea. Di solito è indicato da componenti genetiche e ambientali che possono innescare l'inizio della rosacea sulla pelle. La rosacea è generalmente aggravata dalla disregolazione del sistema immunitario innato e adattativo del corpo. Gli studi di ricerca hanno menzionato che la rosacea è solitamente sviluppata dalla dilatazione linfatica e dai vasi sanguigni esposti a temperature estreme, spezie o alcol che fanno sì che la rosacea colpisca le guance e il naso. Non solo, ma la genetica, la reazione immunitaria, i microrganismi e i fattori ambientali portano a vari mediatori come cheratinociti, cellule endoteliali, mastociti, macrofagi, cellule T helper di tipo 1 (TH1) e TH17.

 

In che modo influisce sul sistema intestinale?

Poiché la rosacea si sviluppa attraverso l'esposizione a temperature elevate, spezie o alcol, studi di ricerca hanno dimostrato quel particolare cibo e bevande provocano l'attivazione delle citochine infiammatorie sul viso. Inoltre, molti fattori scatenanti possono comunicare direttamente al sistema nervoso cutaneo; neuropeptidi attivi neurovascolari e neuroimmuni sono portati alla manifestazione di lesioni da rosacea. Alcuni degli altri fattori scatenanti che possono causare lo sviluppo della rosacea sono un sistema intestinale malsano. UN studio ha mostrato che oltre il 50% aveva un basso livello di acidità di stomaco tra i pazienti che avevano sia rosacea che dispepsia. Il batterio H.pylori risiede nello stomaco ed è stato riconosciuto che innesca l'infiammazione e il rossore indotto dalla gastrina, causando così la rosacea. Ulteriori studi hanno menzionato che gli individui con rosacea sperimenteranno alcuni disturbi intestinali. Poiché il sistema intestinale può soccombere a vari fattori, può influenzare la composizione dell'intestino e innescare la rosacea. Poiché il microbiota intestinale ha influenzato l'omeostasi del corpo, può anche influenzare la pelle. Quando ci sono fattori che innescano la barriera intestinale dell'intestino, può colpire la pelle, facendo sì che le citochine infiammatorie procedano con lo sviluppo della rosacea.


Uncovering The Gut-Skin Connection-Video

 

La tua pelle si sente arrossata a causa delle temperature estreme o del consumo di cibi piccanti? Hai avuto disturbi intestinali come SIBO, GERD o permeabilità intestinale? La tua pelle sembra scoppiare ancora più del dovuto? La tua pelle potrebbe essere influenzata dal microbiota intestinale, poiché il video sopra mostra qual è la connessione intestino-pelle e come funzionano tra loro. Studi di ricerca hanno dimostrato che poiché il microbioma intestinale è il regolatore chiave del sistema immunitario del corpo, svolge un ruolo vitale in vari disturbi della pelle. Ciò significa che quando i fattori ambientali influenzano il microbioma intestinale, colpisce anche la pelle attraverso la disbiosi. 


Qual è la connessione intestino-pelle?

 

Come affermato in precedenza, il sistema intestinale ospita trilioni di microrganismi che aiutano a metabolizzare l'omeostasi del corpo, compreso l'organo più grande, la pelle. Studi di ricerca hanno trovato che quando l'intestino microbico e la pelle comunicano tra loro. Crea una connessione bidirezionale. Il microbioma intestinale è anche un mediatore essenziale dell'infiammazione nell'intestino e colpisce la pelle. Quando ci sono fattori come la resistenza all'insulina, squilibri negli ormoni sessuali, infiammazione intestinale e disbiosi microbica che distruggono il sistema intestinale, gli effetti possono far sì che la patologia di molti disturbi infiammatori influisca sulla pelle. Qualsiasi modifica all'intestino può anche influenzare la pelle poiché l'intestino consuma il cibo per essere biotrasformato in nutrienti di cui il corpo ha bisogno. Ma quando le allergie e le sensibilità alimentari colpiscono l'intestino, anche la pelle viene coinvolta, causando disturbi della pelle come la rosacea.

 

Conclusione

Nel complesso, l'intestino si assicura che il corpo funzioni correttamente metabolizzando i nutrienti dagli alimenti consumati. Il sistema intestinale ha una connessione non solo con il cervello e il sistema immunitario, ma anche con la pelle. La connessione intestino-pelle va di pari passo poiché i fattori che influenzano l'intestino possono anche influenzare la pelle nello sviluppo di disturbi della pelle come la rosacea. Quando una persona soffre di disturbi intestinali, la sua pelle è anche danneggiata da fattori come lo stress, le sensibilità alimentari e i disturbi della pelle che possono diventare un fastidio. Questo può essere alleviato attraverso piccoli cambiamenti come la riduzione dello stress, il consumo di cibi sani e l'esercizio fisico, che sono utili per alleviare i disturbi intestinali e della pelle per le persone che vogliono tornare in salute.

 

Referenze

Daou, Hala, et al. "Rosacea e il microbioma: una revisione sistematica". Dermatologia e Terapia, Springer Healthcare, febbraio 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7859152/.

De Pessemier, Britta, et al. "Asse intestino-pelle: conoscenza attuale dell'interrelazione tra disbiosi microbica e condizioni della pelle". Microrganismi, MDPI, 11 febbraio 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7916842/.

Farshchian, Mehdi e Steven Daveluy. "Acne rosacea." In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL), StatPearls Publishing, 30 dicembre 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK557574/.

Kim, Hei Sung. “Microbiota in rosacea”. Giornale americano di dermatologia clinica, Springer International Publishing, settembre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7584533/.

Mikkelsen, Carsten Sauer, et al. "Rosacea: una revisione clinica". Rapporti dermatologici, Pubblicazioni PAGEPress, Pavia, Italia, 23 giugno 2016, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5134688/.

Salem, Iman, et al. "Il microbioma intestinale come un importante regolatore dell'asse intestino-pelle". Frontiere in microbiologia, Frontiers Media SA, 10 luglio 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6048199/.

Disclaimer

Asse intestino-cervello: disturbi intestinali e metainfiammazione

Asse intestino-cervello: disturbi intestinali e metainfiammazione

Introduzione

Lo sistema intestinale ospita trilioni di batteri benefici che aiutano a biotrasformare il cibo in nutrienti per il corretto funzionamento del corpo. L'intestino è anche in costante comunicazione con il cervello poiché i segnali dei neuroni sono in a lunghezza d'onda bidirezionale che aiuta a spostare i nutrienti nelle aree designate del corpo. Queste aree designate aiutano anche il corpo, poiché hanno il proprio set di istruzioni per funzionare correttamente mentre il corpo è in movimento. Quando i disturbi intestinali come la metainfiammazione iniziano a interrompere i segnali che vanno avanti e indietro tra il cervello e l'intestino, possono causare vari problemi che possono causare la disfunzione del corpo e il progredire in un'infiammazione cronica. L'articolo di oggi discute cosa fa la metainfiammazione all'asse intestino-cervello e come gli inflammasomi svolgono il loro ruolo nell'asse intestino-fegato nel corpo. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e qualificati specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

15 - Terapie GI di LaValle

Metainfiammazione che colpisce l'asse intestino-cervello

 

Hai notato un aumento di allergie o intolleranze alimentari che ti colpisce? Che ne dici di sentire che i problemi digestivi aumentano in più occasioni? Molti di questi sintomi sono dovuti a disturbi intestinali come la metainfiammazione, che può anche influenzare l'asse intestino-cervello nel corpo. Gli studi di ricerca hanno menzionato che il sistema nervoso influenzi direttamente l'intestino attraverso mediatori endocrini che interagiscono con i recettori microbici. Quando la metainfiammazione inizia a colpire l'intestino, diventa il risultato di varie disbiosi intestinali come:

  • Aumento del sonno e disturbi dell'umore
  • stanchezza
  • Diminuzione delle prestazioni e della capacità di esercizio
  • Carenze nutrizionali – vitamina D, vitamine del gruppo B
  • Squilibrio tiroideo

Altri studi di ricerca hanno dimostrato che poiché l'infiammazione è un fattore comune per vari disturbi che colpiscono il corpo, può causare molti danni quando le citochine infiammatorie colpiscono l'asse intestino-cervello e il sistema immunitario. La meta infiammazione provoca una diminuzione dell'assorbimento intestinale e della contrattilità, ma può anche aumentare le giunzioni strette difettose e la permeabilità intestinale. Ciò provoca l'aumento di problemi intestinali come il morbo di Crohn e la celiachia, causando un aumento dell'insulina e una disregolazione immunitaria e problemi cerebrali come sonno, cognizione, disturbi dell'umore, ansia e disturbi psichiatrici.


Una panoramica sul video dell'asse intestino-cervello

Hai riscontrato un aumento di peso nella parte centrale? Che ne dici di un aumento della memoria e del declino cognitivo? Hai sentito un aumento dell'infiammazione cronica o dei problemi immunitari? Tutti questi sintomi sono segni che potresti avere una metainfiammazione che colpisce l'asse intestino-cervello nel tuo corpo. Il video sopra spiega l'asse intestino-cervello e come i disturbi del neurosviluppo possono influenzare il cervello. Studi di ricerca hanno trovato che una miscela di disbiosi e infiammazione colpisce l'intestino e può causare il collegamento del cervello a molti disturbi neurologici. Con la connessione bidirezionale che hanno il cervello e l'intestino, molti fattori sfidano costantemente entrambi i microbiomi che possono far crescere i marcatori infiammatori nel corpo.


Cosa sono gli inflammasomi?

 

Gli inflammasomi sono una famiglia di proteine ​​incaricate di avviare il processo infiammatorio durante la risposta immunitaria innata. Gli inflammasomi sono microbi difensivi che causano effetti infiammatori contro le infezioni e possono persino influenzare l'asse intestino-fegato nel corpo se diventa cronico. Ciò che fanno gli inflammasomi è che aiutano i recettori di riconoscimento del modello a sapere quando il corpo si sente stressato o in pericolo, poiché sono attori significativi nel costrutto della metainfiammazione. Studi di ricerca hanno dimostrato che gli inflammasomi nel corpo possono aiutare a secernere le tossine nei microbi invasori che causano disturbi intestinali.

 

In che modo l'inflammasoma influisce sull'asse intestino-fegato?

L'asse intestino-fegato è collegato all'intestino tramite il metabolismo degli acidi biliari. La disregolazione dell'acido biliare può portare alla disbiosi intestinale, che consente ai batteri patogeni erogeni gram-negativi e all'LPS di entrare nel fegato. Quando ciò accade, innesca l'infiammazione epatica tramite gli inflammasomi. Studi di ricerca hanno dimostrato che l'infiammazione cronica che colpisce l'asse intestino-fegato può far sì che gli inflammasomi influenzino l'integrità della parete epiteliale e persino inducano la produzione di citochine pro-infiammatorie, causando più problemi nel corpo. Al contrario, l'inflammasoma NLRP3 induce principalmente IL-1beta inducendo gli acidi biliari ad attivare l'inflammasoma NLRP3 nei macrofagi. Ciò induce la traslocazione batterica per consentire agli agenti patogeni, ad esempio Bacteroidetes (batteri Gram-negativi) e LPS, nel fegato.

 

Conclusione

Nel complesso, l'asse intestino-cervello consente la comunicazione bidirezionale con l'intero corpo poiché l'intestino aiuta a regolare la funzione metabolica del corpo. Allo stesso tempo, il cervello controlla i segnali e i processi che il corpo incontra. Quando problemi cronici come la metainfiammazione o gli inflammasomi cronici iniziano a colpire l'intestino, possono interrompere la comunicazione bidirezionale con il cervello, causando la disfunzione del corpo. Incorporare piccoli cambiamenti a scelte di vita sicure come l'aggiunta di integratori e nutraceutici per smorzare l'infiammazione, mangiare in modo più sano e fare esercizio può aiutare ad alleviare l'intestino. Quando molte persone apportano questi piccoli cambiamenti nel loro percorso di salute e benessere, possono sentire di avere più energia, sentire meno infiammazioni che colpiscono il loro intestino e muoversi di più.

 

Referenze

Clapp, Megan, et al. "Effetto del microbiota intestinale sulla salute mentale: l'asse intestino-cervello". Cliniche e pratica, Pubblicazioni scientifiche PAGEPress, Pavia, Italia, 15 settembre 2017, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5641835/.

de Zoete, Marcel R, et al. "Inflammasomi". Prospettive di Cold Spring Harbor in biologia, Cold Spring Harbor Laboratory Press, 16 ottobre 2014, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4292152/.

Herradon, Gonzalo, et al. "Collegamento di metainfiammazione e neuroinfiammazione attraverso l'asse PTN-Mk-Rptpβ/ζ: rilevanza nello sviluppo terapeutico". Frontiere in Farmacologia, Frontiers Media SA, 12 aprile 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6474308/.

Osadchiy, Vadim, et al. "L'asse intestino-cervello e il microbioma: meccanismi e implicazioni cliniche". Gastroenterologia clinica ed epatologia: Gazzetta ufficiale della pratica clinica dell'American Gastroenterological Association, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, gennaio 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6999848/.

Wang, Junfeng, et al. "Ruoli dell'inflammasoma nell'asse intestino-fegato (recensione)." Rapporti di medicina molecolare, DA Spandidos, gennaio 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6297761/.

Disclaimer

Alleviare i problemi intestinali con i nutraceutici

Alleviare i problemi intestinali con i nutraceutici

Introduzione

Lo sistema intestinale è un enorme ecosistema che aiuta a modulare quello del corpo sistema immunitario di cambiamenti metabolici che il corpo stesso sta attraversando. Il sistema intestinale fornisce al corpo i nutrienti necessari per funzionare correttamente e trasporta questi nutrienti alle rispettive sezioni come il sistema endocrino, le sistema nervoso, e il sistema muscoloscheletrico per fare il loro lavoro. Quando i disturbi intestinali iniziano a colpire le pareti intestinali, possono causare l'attacco delle citochine infiammatorie alle pareti dell'intestino a causa della fuoriuscita di batteri e sostanze nutritive dalle giunzioni strette. Fortunatamente, ci sono modi terapeutici per aiutare il sistema intestinale e prevenire che l'infiammazione causi più problemi nell'intestino. L'articolo di oggi esamina la metainfiammazione intestinale e come i nutraceutici possono aiutare molte persone con metainfiammazione intestinale. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e qualificati specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Alex Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

15 - Terapie GI di LaValle

Cos'è la metainfiammazione intestinale?

 

Il tuo sistema intestinale è dolorante o tenero al tatto? Fattori ordinari come stress, problemi di sonno, squilibri ormonali e problemi cardiovascolari ti influenzano più di quanto dovrebbero? Hai riscontrato problemi infiammatori intestinali come IBS o permeabilità intestinale? Avere qualsiasi disturbo intestinale non è una cosa da ridere per la tua salute. Quando il sistema intestinale sta vivendo una sequela infiammatoria cronica di basso grado, questo è ciò che la metainfiammazione intestinale è nel corpo. La metainfiammazione intestinale è definita come un'eccessiva attivazione dell'immunità nell'intestino che porta a un aumento della produzione di citochine infiammatorie, riferendosi così all'infiammazione indotta dal metabolismo. Studi di ricerca hanno dimostrato che quando l'intestino sta vivendo una metainfiammazione, provoca un disturbo alle vie neurometaboliche. Ciò provoca un aumento dei processi di invecchiamento e problemi di segnalazione metabolica che l'intestino sta cercando di fornire al corpo. Altri studi di ricerca hanno dimostrato che la metainfiammazione è uno dei marcatori primari di disturbi metabolici come l'obesità, il diabete di tipo 2 e la NAFLD (malattia epatica grassa non alcolica). La metainfiammazione intestinale provoca anche un aumento dell'infiammazione periferica e centrale che può causare disturbi intestinali come l'intestino permeabile per consentire a batteri e tossine di entrare nel flusso sanguigno, portando così all'infiammazione periferica e centrale del corpo.


Trattamenti per disturbi gastrointestinali-Video

Hai avuto un intestino permeabile? Ti senti stanco per tutto il giorno? Hai avuto qualche intolleranza alimentare nell'intestino? Questi problemi intestinali sono dovuti alla metainfiammazione intestinale che può influire sulla salute e sulla qualità della vita di una persona. Quando ciò si verifica, il corpo diventerà disfunzionale e sorgeranno altri problemi a meno che non venga trattato immediatamente. Il video sopra mostra come sono disponibili trattamenti per alleviare i disturbi della motilità e i disturbi gastrointestinali che colpiscono il sistema intestinale. L'utilizzo di trattamenti benefici per il sistema intestinale può aiutare a smorzare gli effetti della metainfiammazione e di altri disturbi intestinali dal progredire nel corpo. Alcuni trattamenti che possono aiutare a drenare la metainfiammazione nel sistema intestinale possono essere trovati modificando gli stili di vita dietetici e incorporando nutraceutici benefici per l'intestino.


Controllo della metainfiammazione intestinale attraverso i nutraceutici

Studi di ricerca hanno dimostrato che poiché trilioni di cellule microbiche costituiscono il microbiota intestinale quando fattori come obesità, metainfiammazione e ridotta attività dell'insulina influenzano l'intestino, può causare la riattivazione delle cellule immunitarie e rafforzare il processo infiammatorio per attaccare il sistema intestinale. Quando il sistema intestinale diventa disfunzionale, molte persone cercano di trovare modi per alleviare l'infiammazione intestinale. Uno dei trattamenti consiste nell'incorporare nutraceutici per fornire sollievo dalla metainfiammazione intestinale. Gli studi di ricerca hanno menzionato che combinato con alimenti funzionali può aiutare a fornire un'influenza positiva sul metabolismo del corpo e sul microbiota intestinale. I nutraceutici aiutano a fornire all'organismo i nutrienti necessari che merita e aiutano a smorzare gli effetti dei disturbi che colpiscono le componenti intestinali, immunitarie e metaboliche del corpo. Due nutraceutici possono aiutare a controllare la metainfiammazione intestinale: la curcumina e i peptidi.

 

Curcumina e peptidi per la metainfiammazione intestinale

Dalla radice/rizoma della curcuma (Curcuma longa) e usata tradizionalmente per le condizioni dispeptiche, studi di ricerca hanno menzionato che la curcumina e i suoi metaboliti antinfiammatori possono aiutare a influenzare il microbiota intestinale. Ciò che la curcumina fa all'intestino è che aiuta a ridurre la segnalazione dell'inflammasoma mentre diminuisce lo stress ossidativo attraverso il percorso Nrf2-keap1. La curcumina può anche aiutare a migliorare la flessibilità e la mobilità nel corpo inibendo l'attivazione di una via del recettore gamma attivata dal proliferatore del perossisoma. Ulteriori informazioni sono state fornite che la curcumina può aiutare non solo a ridurre lo stress ossidativo e persino a prevenire la neurodegenerazione.

 

I peptidi o BPC-157 (Body Protection Compound) sono derivati ​​dal succo gastrico umano che è citoprotettivo e antinfiammatorio che aiuta a sostenere il rivestimento della mucosa intestinale. Studi di ricerca hanno dimostrato che i peptidi svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento dell'omeostasi intestinale pur essendo efficaci nel ridurre la segnalazione metainfiammatoria nel microbiota intestinale. Quando c'è metainfiammazione nell'intestino, i peptidi possono aiutare a migliorare la sopravvivenza cellulare in condizioni di stress ossidativo sottoregolando il TNF-alfa nel corpo. L'incorporazione di peptidi può aiutare a migliorare l'integrità della mucosa gastrointestinale dalla meta infiammazione e aiutare l'intestino a funzionare normalmente.

 

Conclusione

L'intestino ospita trilioni di microrganismi che aiutano a mantenere la funzionalità del corpo e a regolare l'immunità da varie malattie. Quando fattori indesiderati come la metainfiammazione iniziano a infiltrarsi nell'intestino, può portare alla disbiosi e distruggere le pareti intestinali. Nutraceutici come la curcumina e i peptidi hanno proprietà benefiche che aiutano a riparare le pareti intestinali mentre smorzano gli effetti infiammatori dal progredire ulteriormente nel sistema intestinale. Incorporare i nutraceutici è utile per molte persone che soffrono di disturbi intestinali e migliorano la loro salute reintegrando i loro nutrienti nel corpo.

 

Referenze

Boulangé, Claire L, et al. "Impatto del microbiota intestinale su infiammazione, obesità e malattie metaboliche". Medicina del genoma, BioMed Central, 20 aprile 2016, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4839080/.

Di Meo, Francesco, et al. "Curcumina, microbiota intestinale e neuroprotezione". Nutrienti, MDPI, 11 ottobre 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6835970/.

Gubatan, Giovanni, et al. "Peptidi antimicrobici e microbioma intestinale nella malattia infiammatoria intestinale". World Journal of Gastroenterology, Baishideng Publishing Group Inc, 21 novembre 2021, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8613745/.

Laparra, JM e Y Sanz. "Interazioni del microbiota intestinale con componenti alimentari funzionali e nutraceutici". Ricerca farmacologica, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, 13 novembre 2009, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19914380/.

Scazzocchio, Beatrice, et al. "Interazione tra microbiota intestinale e curcumina: una nuova chiave di comprensione per gli effetti sulla salute della curcumina". Nutrienti, MDPI, 19 agosto 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7551052/.

Scheithauer, Torsten PM, et al. "Il microbiota intestinale come fattore scatenante per l'infiammazione metabolica nell'obesità e nel diabete di tipo 2". Frontiere in immunologia, Frontiers Media SA, 16 ottobre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7596417/.

Tilg, Herbert, et al. "Il microbiota intestinale che alimenta l'infiammazione metabolica". Recensioni sulla natura. Immunologia, Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, 6 agosto 2019, pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31388093/.

Disclaimer

Intestino sano e nutrienti sani

Intestino sano e nutrienti sani

Introduzione

Quando si tratta di sistema intestinale, la sua priorità principale è garantire che il corpo riceva nutrienti e digerisca il cibo consumato che una persona sta mangiando. I nutrienti benefici aiutano il corpo a rimanere in movimento, mentre il sistema intestinale comunica costantemente con il immune e  del sistema nervoso centrale. Il microbiota intestinale ospita anche batteri benefici che aiutano a mantenere l'intestino funzionale e trasformano il cibo consumato in nutrienti e vitamine da distribuire al resto del corpo. Quando i fattori di disturbo iniziano a influenzare il microbiota intestinale, possono causare sintomi indesiderati, causando la disfunzione del corpo. Il post dell'articolo di oggi discuterà di come il microbiota intestinale aiuta il corpo e di come nutrienti sani come i probiotici e gli alimenti fermentati aiutano a sostenere il sistema intestinale. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e qualificati specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Forniamo una guida ai nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

 

In che modo il microbiota intestinale aiuta il corpo?

 

Hai sentito disagio nell'intestino? Nel tuo microbiota intestinale, sperimenti disagi infiammatori come IBSsibo, o GERD? Ti senti a corto di energia o ti senti pigro durante l'intera giornata? Molti di questi sintomi che una persona ha riscontrato sono associati al sistema intestinale e possono diventare cronici nel tempo se non vengono trattati immediatamente. Gli studi di ricerca hanno definito il microbiota intestinale come un complesso sistema di organi con una popolazione dinamica di microrganismi che influenza il corpo durante l'omeostasi e le malattie che incontra. Il corpo ha bisogno del sistema intestinale poiché svolge un ruolo vitale nel mantenimento dell'immunità e della stasi metabolica del corpo proteggendolo dalle infezioni. Ulteriori studi hanno dimostrato che quando il corpo sta attraversando diversi cambiamenti come abitudini alimentari, cambiamenti nello stile di vita o attività fisiche possono influenzare il microbiota intestinale. Ognuno di questi cambiamenti può influenzare il sistema intestinale modificando la composizione e la densità dell'intestino. Quando i cambiamenti sono dannosi per l'intestino, possono causare sintomi indesiderati che causano disfunzioni nell'intestino; tuttavia, quando i cambiamenti sono positivi, possono aiutare il sistema intestinale in tanti modi che aiutano il corpo.


Suggerimenti per mantenere un video microbiotico sano

Ti senti stanco per tutto il giorno? Sei diventato sensibile al cibo che mangi? Hai sperimentato sistemi infiammatori intestinali come GERD, IBS o SIBO che influenzano la tua vita? Molte persone con alcuni problemi intestinali cercano di trovare modi per alleviarli e cambiare le loro abitudini alimentari. A volte incorporare cibi e integratori salutari per l'intestino è utile per far ricrescere la flora intestinale nell'intestino mentre smorza anche gli effetti infiammatori causati da problemi legati all'intestino. Una sana alimentazione e i nutraceutici che aiutano il microbiota intestinale possono anche riparare il rivestimento della parete intestinale dai fattori infiammatori che attaccano l'intestino. Il video sopra offre un'eccellente presentazione di cinque suggerimenti per mantenere un microbiota intestinale sano. Quando molte persone iniziano a cambiare le loro abitudini alimentari per migliorare il loro sistema intestinale, sperimenteranno più energia e un intestino felice.


Nutrienti sani per l'intestino

Quando si tratta del sistema intestinale e si cerca di mantenerlo sano, il modo migliore in cui una persona può farlo è capire quali cibi sani sono benefici per l'intestino e forniscono energia al corpo. Dal momento che molte persone vogliono cambiare le loro abitudini alimentari dal mangiare cibi trasformati a cibi integrali nutrizionali, hanno scoperto studi di ricerca che poiché il microbiota intestinale è un ecosistema in evoluzione, le strategie dietetiche a cui una persona va incontro possono aiutare a prevenire le malattie e mantenere un intestino sano. Uno dei modi migliori che una persona può fare per garantire un intestino sano è consumare cibi ricchi di prebiotici, cibi fermentati e coltivati ​​per bilanciare i microbi intestinali. Questi due nutrienti aiutano a stabilizzare l'intestino quando i batteri dannosi iniziano a sovrappopolarsi all'interno dell'intestino e diminuiscono i batteri benefici nel sistema intestinale.

 

Probiotici e alimenti fermentati

I probiotici sono definiti come un substrato che viene utilizzato selettivamente dai microrganismi ospiti che stanno conferendo un beneficio per la salute al sistema intestinale. Gli studi di ricerca hanno anche definito i probiotici sono batteri vivi benefici che aiutano a smorzare gli effetti infiammatori nelle pareti intestinali e aiutano a ricostituire la flora intestinale nel sistema intestinale. Ulteriori ricerche hanno anche dimostrato che pro e prebiotici aiutano a stimolare la crescita benefica dei microrganismi nell'intestino. I probiotici possono anche alleviare molti disturbi che colpiscono i problemi immunitari, cardiovascolari e intestinali che una persona sta vivendo.

 

Proprio come i probiotici, anche gli alimenti fermentati possono promuovere un microbioma intestinale sano. Gli alimenti fermentati sono più digeribili mentre producono peptidi bioattivi come CLA e batteriocine nell'intestino. Gli alimenti fermentati consentono anche ai polifenoli di entrare in uno stato attivo che incorpora vitamine, attività enzimatica e produzione di aminoacidi migliorando al contempo l'assorbimento dei minerali. Studi di ricerca hanno dimostrato che gli alimenti fermentati aiutano a bilanciare la funzionalità microbica intestinale e cerebrale. I cibi fermentati migliorano anche l'equilibrio con le funzioni di permeabilità intestinale mentre si riempiono di fattori antiossidanti, antimicotici e antinfiammatori. Ulteriori informazioni sono state mostrate che quando le persone incorporano cibi fermentati nella loro dieta, possono migliorare la salute di una persona modificando il numero di batteri benefici nel sistema intestinale. Ciò contribuirà a ripristinare la funzionalità della flora intestinale e a ridurre l'infiammazione intestinale che una persona sta vivendo.

 

Conclusione

Il sistema intestinale aiuta a mantenere il corpo funzionale rilasciando sostanze nutritive e minerali agli organi vitali, ai tessuti e ai muscoli che aiutano a mantenere il corpo in movimento. Il sistema intestinale comunica anche con il sistema immunitario e cerebrale trasmettendo l'informazione che il cibo si sta trasformando in nutrienti. Quando una persona soffre di problemi intestinali ed effetti infiammatori, il modo migliore per alleviare questi sintomi è cambiare lentamente le abitudini alimentari incorporando probiotici e cibi fermentati in una dieta sana per riparare il sistema intestinale e le pareti intestinali. Quando le persone apportano questi piccoli cambiamenti alla loro dieta, il loro sistema intestinale reintegra la flora intestinale e ha un intestino felice.

 

Referenze

Bell, Vittoria, et al. "Una salute, cibi fermentati e microbiota intestinale". Alimenti (Basilea, Svizzera), MDPI, 3 dicembre 2018, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6306734/.

Ferraris, Cinzia, et al. "Microbiota intestinale per la salute: come può la dieta mantenere un microbiota intestinale sano?" Nutrienti, MDPI, 23 novembre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7700621/.

Rinninella, Emanuele, et al. "Componenti alimentari e abitudini alimentari: chiavi per una composizione sana del microbiota intestinale". Nutrienti, MDPI, 7 ottobre 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6835969/.

Stiemsma, Leah T, et al. "Il consumo di alimenti fermentati modifica il microbiota intestinale umano?" Il giornale della nutrizione, Oxford University Press, 1 luglio 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7330458/.

Giovedì, Elisabetta e Nathalie Juge. "Introduzione al microbiota dell'intestino umano." Il Giornale Biochimico, Portland Press Ltd., 16 maggio 2017, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5433529/.

Wieërs, Grégoire, et al. "Come i probiotici influenzano il microbiota". Frontiere della microbiologia cellulare e delle infezioni, Frontiers Media SA, 15 gennaio 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6974441/.

Disclaimer

Diverse diete che alterano il microbioma umano

Diverse diete che alterano il microbioma umano

Introduzione

Il corpo umano ha bisogno di cibi sani e nutritivi per fornire energia a ogni componente, come i muscoli e i tessuti per muoversi. Il sistema intestinale prende i nutrienti e li trasporta ai diversi organi, sistemi e parti del corpo che hanno bisogno di questi nutrienti per funzionare correttamente. Anche il sistema intestinale è in comunicazione con il cervello e  sistema immunitario, dove si scambiano informazioni avanti e indietro e aiutano il corpo a rimanere in salute. Quando i problemi cronici iniziano ad attaccare il sistema intestinale, possono portare il corpo fuori rotta causando infiammazione, un trabocco di batteri intestinali e altri problemi intestinali che possono interessare l'intestino e il corpo. L'articolo di oggi esamina come trovare la dieta corretta può aiutare il microbioma intestinale e il corpo e come i diversi componenti dietetici influiscono sul microbioma intestinale. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e qualificati specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia fondamentale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

14 - Modulazione dietetica Lipski del microbioma

In che modo una dieta aiuta l'intestino?

Ti sei sentito a corto di energia per tutto il giorno? Hai sentito sintomi infiammatori come reflusso acido o IBS che si verificano nell'intestino? O hai sentito di poter essere sensibile al tuo tipo di cibo preferito? Quando si verificano costantemente questi sintomi, capita di influenzare il microbioma intestinale. Numerosi fattori possono influenzare il microbioma intestinale; alcuni sono buoni mentre altri sono cattivi. Una delle buone influenze per un microbioma intestinale sano è una dieta nutrizionale. Una dieta gioca un ruolo enorme nel microbiota intestinale poiché aiuta a determinare la composizione e i cambiamenti dell'intestino. Poiché le diete hanno l'influenza più potente sulle comunità microbiche intestinali nei corpi umani sani, hanno scoperto studi di ricerca il microbiota intestinale è considerato un sistema dinamico. Incorporare la dieta corretta può avere un'influenza significativa. 

 

Poiché circa il 75% del cibo in una tipica dieta occidentale è limitato o non ha nutrienti benefici per il microbiota nell'intestino inferiore, la maggior parte di esso è esplicitamente costituito da carboidrati raffinati che sono già assorbiti nel tratto gastrointestinale superiore. Dopo che il cibo è stato consumato, alla fine raggiungerà l'intestino crasso contenente solo piccole quantità dei minerali e delle vitamine necessari per mantenere il microbiota intestinale. Ulteriori studi di ricerca hanno trovato che poiché vari modelli dietetici corrispondono alla composizione del microbiota intestinale, spetta alle abitudini della persona vedere cosa funziona per loro e cosa no quando si tratta di mangiare sano. 

 

In che modo influisce sul corpo?

Gli studi di ricerca hanno menzionato che con i numerosi microrganismi presenti nel tratto gastrointestinale, una corretta alimentazione con il giusto apporto nutritivo di gruppo alimentare può aiutare a modulare e influenzare il profilo corporeo microbico. Diciamo, ad esempio, che due diversi gruppi abbiano mangiato carne, uova e formaggio per un giorno e il giorno successivo siano passati a cereali integrali, verdure e legumi. Quello che succede è che entro circa 1-2 giorni si sono verificate alterazioni significative nel microbioma intestinale che sono state misurate dalla sequenza di rRNA 16S in entrambi i gruppi. L'attività microbica rispecchia le differenze tra le diete erbivore e carnivore e riflette i compromessi tra la fermentazione dei carboidrati e delle proteine ​​nel corpo. Sono stati citati anche altri studi di ricerca che le abitudini nutrizionali a lungo termine sono fondamentali per lo stato di salute di una persona e come modella il suo microbiota intestinale.


Che ruolo gioca l'intestino in una dieta sana-Video

Hai cercato di mangiare più sano? Ti senti pigro e perdi energia rapidamente? Hai sperimentato la sensibilità al cibo dal tuo tipo di cibo preferito? Il video sopra spiega come il microbioma intestinale gioca il suo ruolo quando una persona mangia in modo più sano. Poiché varie diete nutrizionali vanno di pari passo con il microbiota intestinale, è essenziale sapere che incorporare cibi sani nell'intestino può fornire le vitamine e i nutrienti necessari per il resto del corpo. Quando le scelte sbagliate influenzano le abitudini di vita, diventa difficile ottenere la motivazione per ripristinare il corpo e incorporare i nutrienti benefici di cui il corpo ha bisogno. Le abitudini malsane possono anche influenzare l'intestino causando infiammazioni e altri problemi intestinali che possono causare stress e dolore costanti a una persona. Capendo cosa causa questi problemi e mangiando gli alimenti necessari pieni di sostanze nutritive come vitamine e minerali, il corpo e l'intestino possono iniziare a guarire correttamente.


I componenti dietetici che influiscono sull'intestino

 

Poiché il microbiota intestinale è responsabile dell'influenza sul corpo, è essenziale sapere quali componenti vengono digeriti nell'intestino che possono influenzare direttamente una persona. Da hanno scoperto studi di ricerca che una dieta sana è uno dei modulatori critici che influenza direttamente la composizione microbica intestinale modificando completamente il processo biologico di fermentazione dei nutrienti e influenzando le funzioni della barriera intestinale. L'aumento di frutta, verdura e un maggiore consumo di fibre sono associati a un'elevata ricchezza di batteri intestinali. Ulteriori ricerche hanno fornito che la diversa popolazione microbica intestinale può persino mediare l'effetto benefico della fermentazione delle fibre alimentari per produrre SCFA (acidi grassi a catena corta) per ridurre gli effetti infiammatori nell'intestino. Altri componenti nutrizionali che possono influenzare l'intestino includono:

  • Alimenti vegetali
  • Proteina
  • Acidi Grassi Polinsaturi e CLA (proposto)
  • carboidrati
    • Fibra solubile/resistente Amido (Carboidrato Microbiotaaccessibile =MACS)
  • zuccheri
  • Prebiotici
  • Polifenoli
  • Alimenti coltivati ​​e fermentati

 

Conclusione

Incorporare una dieta sana può fornire un'influenza benefica sul sistema microbico intestinale. Quando fattori indesiderati come una dieta povera e malsana, stress e problemi intestinali iniziano a influenzare il corpo, possono causare dolore alla persona e influire sulla sua salute generale. Apportare piccoli cambiamenti può avere un impatto enorme sull'individuo quando cerca di diventare più sano e riprendersi la vita. Quando si incorporano cibi integrali, il corpo inizierà a guarire se stesso correttamente e l'individuo avrà più energia nel suo viaggio di salute e benessere.

 

Referenze

Conlon, Michael A e Anthony R Bird. "L'impatto della dieta e dello stile di vita sul microbiota intestinale e sulla salute umana". Nutrienti, MDPI, 24 dicembre 2014, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4303825/.

Ferraris, Cinzia, et al. "Microbiota intestinale per la salute: come può la dieta mantenere un microbiota intestinale sano?" Nutrienti, MDPI, 23 novembre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7700621/.

Colline, Ronald D, et al. "Microbioma intestinale: profonde implicazioni per dieta e malattie". Nutrienti, MDPI, 16 luglio 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6682904/.

Leeming, Emily R, et al. "Effetto della dieta sul microbiota intestinale: ripensare la durata dell'intervento". Nutrienti, MDPI, 22 novembre 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6950569/.

Moszak, Małgorzata, et al. "Tu sei quello che mangi: la relazione tra dieta, microbiota e disturbi metabolici: una recensione". Nutrienti, MDPI, 15 aprile 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7230850/.

Rinninella, Emanuele, et al. "Componenti alimentari e abitudini alimentari: chiavi per una composizione sana del microbiota intestinale". Nutrienti, MDPI, 7 ottobre 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6835969/.

Disclaimer

Un intestino diverso è un microbioma sano

Un intestino diverso è un microbioma sano

Introduzione

Lo sistema intestinale ospita molti batteri benefici che assicurano che tutto funzioni correttamente. Gli organi che compongono il sistema intestinale aiutano a trasportare il nutrienti e sangue ossigenato ai muscoli, ai tessuti, ai vasi e alle radici nervose che consentono al corpo di funzionare. L'intestino comunica anche con il cervello e  sistema immunitario per fornire l'energia necessaria per far muovere il corpo da un luogo all'altro. Quando i fattori di disturbo iniziano a rovinare il microbiota intestinale, possono causare fattori infiammatori e altri problemi relativi all'intestino che distruggono le pareti intestinali dell'intestino e influiscono sulla salute generale di una persona. L'articolo di oggi si concentrerà sul ruolo del microbioma intestinale nel corpo, sul funzionamento metabolico dei batteri intestinali e su come diversi fattori possono influenzare il corretto funzionamento dell'intestino. Indirizzare i pazienti a fornitori qualificati e qualificati specializzati in trattamenti di gastroenterologia. Guidiamo i nostri pazienti facendo riferimento ai nostri fornitori di servizi medici associati in base al loro esame quando è appropriato. Riteniamo che l'istruzione sia essenziale per porre domande approfondite ai nostri fornitori. Il Dr. Jimenez DC fornisce queste informazioni solo come servizio educativo. Disclaimer

 

La mia assicurazione può coprirlo? Sì, può. Se sei incerto, ecco il link a tutti i fornitori di assicurazioni che copriamo. In caso di domande o dubbi, chiamare il Dr. Jimenez al numero 915-850-0900.

13 - Carnahan DIG-IN compresso

Il ruolo del microbioma intestinale nel corpo

 

Ti sei sentito male allo stomaco? Ti senti gonfio nella parte centrale del tuo corpo? Ti sei sentito sensibile al cibo che hai consumato? Molti di questi sintomi sono problemi legati all'intestino che colpiscono il microbioma intestinale. Il microbiota intestinale svolge un ruolo metabolico critico in molti sistemi che aiutano a mantenere il corpo funzionale mantenendo un delicato equilibrio e dialogando con il sistema immunitario. Studi di ricerca hanno dimostrato che il microbioma intestinale è sede di una popolazione molto complessa e dinamica della flora intestinale che influenza il corpo. Poiché l'ecosistema microbico intestinale è considerato il più grande organo endocrino del corpo, può produrre vari composti biologicamente attivi che sono gli stessi degli ormoni. Questi composti sono trasportati in circolazione e distribuiti a sezioni distanti all'interno dell'ospite, influenzando diversi processi biologici essenziali. Altri studi di ricerca hanno menzionato che il tratto intestinale nel corpo ha un ecosistema resiliente integrato che può essere influenzato dai molti fattori che influenzano il microbioma intestinale nella sua composizione e nei suoi cambiamenti. Alcuni di questi cambiamenti favoriscono una buona crescita batterica nel microbiota intestinale.

 

La funzione metabolica dei batteri intestinali

Quando una persona consuma cibi nutritivi, viaggia nell'intestino per essere biotrasformato in nutrienti. Si fa strada nell'intestino, dove viene immagazzinato e pronto per essere distribuito al resto del corpo. Quando il cibo digestivo si trova nell'intestino, è qui che entrano in gioco i batteri intestinali benefici e aiutano a modellare il microbiota intestinale. Studi di ricerca hanno dimostrato che i batteri benefici nell'intestino svolgono un ruolo fondamentale nel microbioma intestinale poiché aiuta a mantenere l'omeostasi immunitaria e metabolica. La funzione metabolica dei batteri intestinali nel corpo aiuta a scomporre le fibre alimentari che poi vengono trasformate in SCFA (acidi grassi a catena corta). Altri compiti che i batteri intestinali svolgono per il microbioma intestinale includono:

  • Produzione di fenoli
  • Decomposizione degli oligosaccaridi
  • Aiuta a regolare i Grassi, TG e Colesterolo
  • Assorbimento di vitamine
  • Produzione di muco
  • Disintossicazione

 


Una panoramica di un diversificato Gut-Video

Ti sei sentito pigro per tutto il giorno? Ti senti stitico o gonfio? Sei diventato sensibile ai tuoi cibi preferiti? Se hai riscontrato questi problemi per tutta la vita, potrebbe essere dovuto al tuo microbioma intestinale che ti parla. Il video sopra spiega come il microbioma intestinale sia uno degli organi essenziali del corpo poiché aiuta con la biodiversità nel sistema intestinale. L'importanza di una maggiore diversità microbica è associata alla capacità dell'organismo di affrontare fattori di stress, come agenti patogeni opportunisti o perturbazioni alimentari che colpiscono l'apparato digerente. Quando gli individui hanno malattie legate all'intestino, è più probabile che alterino il loro microbioma intestinale rispetto agli individui sani. Nella letteratura sono registrate molteplici associazioni tra ridotta diversità microbica e malattia affinché le persone scoprano cosa sta succedendo nel loro sistema intestinale. Mantenere un intestino sano può prevenire che fattori di rischio come malattie metaboliche come il diabete di tipo 2, IBD (malattia infiammatoria intestinale), SIBO e altri fattori di rischio intestinali influenzino l'intestino.


Fattori che possono influenzare l'intestino

 

Quando c'è uno stato di ecologia microbica squilibrata che contribuisce a influenzare il rapporto dei batteri intestinali, può causare molte malattie croniche che causano disfunzioni del corpo. La crescita eccessiva di microrganismi a bassa virulenza intrinseca induce la malattia alterando:

  • Lo stato nutrizionale
  • La risposta immunitaria
  • La capacità di eliminazione dell'ospite

Studi di ricerca hanno trovato che i fattori che influenzano il microbioma intestinale possono innescare le vie infiammatorie che attaccano le pareti intestinali dell'intestino e lasciano fuoriuscire i batteri. Altri fattori come lo stress o l'esplosione emotiva possono causare la crescita di batteri nocivi per sovrappopolare i batteri buoni. Ciò fa sì che il microbioma intestinale diventi disfunzionale e progredisca verso problemi intestinali cronici. Altri studi di ricerca hanno dimostrato che anche i fattori ambientali svolgono un ruolo nell'alterare il microbioma intestinale. Questi fattori causano cambiamenti indesiderati che possono danneggiare una persona senza nemmeno saperlo. Capire quali fattori influenzano l'intestino può essere prevenuto quando una persona si impegna a migliorare la propria salute. 

 

Conclusione

Come affermato in precedenza nell'articolo di oggi, il microbioma intestinale è considerato il più grande organo endocrino che aiuta a metabolizzare il sistema immunitario e l'omeostasi nel corpo. Pertanto, reintegrare il microbioma intestinale con batteri benefici può aiutare a risolvere la maggior parte dei problemi cronici che colpiscono il corpo. Quando i fattori ambientali causano il caos nel sistema intestinale, possono influenzare l'intero corpo se non vengono trattati immediatamente. Eliminare gli elementi ambientali dannosi dallo stile di vita quotidiano di una persona può fornire il tanto necessario sollievo che stavano cercando.

 

Referenze

Al Bander, Zahraa, et al. "Il microbiota intestinale e l'infiammazione: una panoramica". International Journal of Research Ambientale e Sanità Pubblica, MDPI, 19 ottobre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7589951/.

Durack, Juliana e Susan V Lynch. "Il microbioma intestinale: relazioni con la malattia e opportunità per la terapia". Il diario di medicina sperimentale, Rockefeller University Press, 7 gennaio 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6314516/.

Ferraris, Cinzia, et al. "Microbiota intestinale per la salute: come può la dieta mantenere un microbiota intestinale sano?" Nutrienti, MDPI, 23 novembre 2020, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7700621/.

Lobionda, Stefani, et al. "Il ruolo del microbiota intestinale nell'infiammazione intestinale rispetto alla dieta e ai fattori di stress estrinseco". Microrganismi, MDPI, 19 agosto 2019, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6722800/.

Giovedì, Elisabetta e Nathalie Juge. "Introduzione al microbiota dell'intestino umano." Il Giornale Biochimico, Portland Press Ltd., 16 maggio 2017, www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5433529/.

Disclaimer