ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Qualsiasi maratona ti dirà che le gare 26 gigantesche possono fare un numero sui fianchi, sulle ginocchia, sulle caviglie e sui piedi.

Ora, un piccolo studio suggerisce che questi test di resistenza sono anche duri ai reni.

"I corridori di maratona dimostrano una lesione transitoria o inversa a breve termine del rene", ha dichiarato il dottor Chirag Parikh, professore di medicina presso la Yale University.

Nel suo studio su 22 partecipanti alla 2015 Hartford, Conn. Marathon, Parikh ha scoperto che la percentuale di 82 mostrava una lesione renale acuta dopo la gara. In questa condizione, i reni non riescono a filtrare i rifiuti dal sangue.

La buona notizia è che l'infortunio al rene sembra chiarirsi entro due giorni dalla gara, ha detto.

"Il giorno 2, sono tutti bene", ha detto Parikh.

I corridori probabilmente non sanno nemmeno di aver avuto questo infortunio transitorio, ha detto Parikh. "Per il breve termine, non credo che noterebbero nulla", ha detto.

Parikh non è sicuro del motivo per cui l'evento faticoso sia collegato a una lesione renale. Ma alcune cause potenziali includono l'aumento prolungato della temperatura corporea, la disidratazione o la diminuzione del flusso sanguigno ai reni che si verifica durante una maratona, ha spiegato.

Quando il sangue viene pompato sulla pelle e sui muscoli durante la corsa, ha detto, i reni non ricevono tanto sangue quanto normalmente fanno.

Parikh non può nemmeno dire se l'effetto potrebbe essere cumulativo, peggiorando altre maratone. Potrebbe essere che il rene si adatta nel tempo invece, ha notato.

Per valutare questo tipo di lesioni renali, la sua squadra ha esaminato campioni di sangue e urina raccolti prima e dopo la maratona. Questi test comprendevano la misurazione dei livelli di creatinina e proteine ​​del sangue nelle urine, oltre a guardare le cellule renali su un microscopio. La creatinina è un prodotto di scarto escreto dai reni; misurandolo nel sangue aiuta a valutare la salute del rene.

In un precedente studio, pubblicato in 2011, Peter McCullough, vice capo di medicina presso il Baylor University Medical Center di Dallas e colleghi ha valutato i maratonatori 25 uomini e donne. Hanno trovato 40 per cento dei corridori ha incontrato la definizione di lesioni acute del rene in base ai loro livelli di creatinina nel sangue.

Nel nuovo studio, il team di Parikh ha anche "effettuato una valutazione approfondita delle urine e ha trovato prova di lesioni", ha detto McCullough.

"La domanda più grande è: questi ripetuti attacchi di lesioni negli atleti di resistenza conducono alla malattia renale cronica più tardi? Può fare qualcosa in merito alla lesione al momento inclusa la strategia di idratazione? "Disse McCullough. Più studio è cruciale, ha aggiunto.

Parikh ha affermato che è necessaria una ricerca supplementare per valutare se alcune persone non si riprenderanno più rapidamente. Per ora, coloro che hanno una storia familiare di malattie renali dovrebbero lasciare che il loro medico sa che eseguono maratone, ha suggerito.

Il dottor Cathy Fieseler ha detto che i maratoneti che vogliono ridurre il loro rischio di lesioni renali dovrebbero evitare farmaci antinfiammatori prima della gara. Questi farmaci includono ibuprofene (Advil, Motrin IB) e naproxen (Aleve) over-the-counter, ha affermato Fieseler. Acetaminophen (Tylenol) è eliminato dal fegato.

Fieseler è un medico di medicina sportiva di base presso la madre Frances Health System di Christus Trinity a Tyler, Texas. È anche direttore medico della American Running Association.

Lo studio è stato pubblicato marzo 28 nel American Journal of Kidney Diseases.

Ambito professionale *

Le informazioni qui riportate su "La maratona in esecuzione può causare lesioni renali a breve termine" non intende sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato o un medico autorizzato e non è un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e della collaborazione con un operatore sanitario qualificato .

Informazioni sul blog e discussioni sull'ambito

Il nostro ambito informativo è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere, contributo eziologico disturbo viscerosomaticos all'interno di presentazioni cliniche, dinamiche cliniche associate ai riflessi somatoviscerali, complessi di sublussazione, problemi di salute sensibili e/o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale.

Forniamo e presentiamo collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è regolato dal proprio ambito professionale di pratica e dalla propria giurisdizione di licenza. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura delle lesioni o dei disturbi del sistema muscolo-scheletrico.

I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.*

Il nostro ufficio ha ragionevolmente tentato di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a supporto dei nostri post. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Dr. Alex Jimenez DC o contattaci al 915-850-0900.

Siamo qui per aiutare te e la tua famiglia.

Blessings

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*

Dr. Alex Jimenez DC, MSACP, CIFM*, IFMCP*, ATN*, CCST
Il mio biglietto da visita digitale