ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Molti studiosi di case di cura che soffrono di dolore cronico non ricevono alcun farmaco o non ne ricevono abbastanza per alleviare completamente i loro sintomi, suggerisce un recente studio americano.

I ricercatori hanno esaminato i dati su quasi 1.4 milioni di residenti nelle case di cura a livello nazionale da 2011 a 2012 e hanno rilevato che, in generale, circa due su cinque avevano dolore intermittente o cronico.

Tra gli abitanti con dolore persistente, circa il 6 per cento non ha ricevuto alcun farmaco e un altro 32 per cento non ha assunto abbastanza farmaci per affrontare adeguatamente i propri sintomi, secondo lo studio.

"La buona notizia è che abbiamo documentato livelli più bassi di dolore non trattato rispetto agli studi precedenti", ha detto l'autore dello studio principale Jacob Hunnicutt della University of Massachusetts Medical School di Worcester.

"Tuttavia, il dolore può ancora essere sottostimato e le disparità nella gestione del dolore da compromissione cognitiva e razza / etnia rimangono", ha detto Hunnicutt via e-mail.

Precedenti studi hanno stimato che almeno il 40 percento dei residenti nelle case di cura soffre di dolore persistente e che la percentuale di 20 di chi soffre non riceve alcun farmaco, i ricercatori annotano nel diario Dolore.

Più di 1.4 milioni di adulti vivono nelle case di riposo degli Stati Uniti, tra cui la percentuale di 3 di persone rispetto a 65 e all'incirca la percentuale di 10 di persone rispetto a 85.

Per lo studio corrente, i ricercatori hanno esaminato i dati sui residenti delle case di cura che hanno trascorso almeno 100 giorni nella stessa struttura senza lacune nella residenza di più di 30 giorni.

I residenti hanno fornito informazioni sull'intensità e sulla frequenza di qualsiasi dolore che hanno provato, nonché su eventuali farmaci forniti durante due valutazioni a distanza di tre mesi. I partecipanti sono stati considerati con dolore persistente se hanno descritto dolore su entrambe le valutazioni e dolore intermittente se lo hanno menzionato solo durante una delle valutazioni.

Se i residenti hanno riferito dolore e non hanno notato alcun farmaco programmato o necessario nelle loro cartelle cliniche, i ricercatori li hanno considerati come non trattati con dolore. Se i loro registri includevano solo farmaci antidolorifici, i ricercatori ritenevano che avessero potenzialmente un dolore non trattato.

Residenti non bianchi erano 19% più probabilità che i residenti bianchi di avere dolore non trattato o non trattato, lo studio ha trovato.

Inoltre, i residenti con gravi deficit cognitivi erano il 51% più probabilità di avere dolore non trattato o non trattato rispetto a persone con solo lievi menomazioni o del tutto assenti.

Uno degli autori dello studio è un consulente con il manager delle prestazioni farmaceutiche e la catena di farmacie CVS Caremark.

I limiti dello studio includono la mancanza di dati sui livelli di dolore tra le due valutazioni, nota l'autore. I ricercatori hanno anche fatto affidamento sui residenti per ricordare accuratamente e riferire sui propri livelli di dolore, che possono essere soggettivi.

Lo studio inoltre non ha tenuto conto delle preferenze dei pazienti o delle storie cliniche, ha affermato il dott. Gary Winzelberg, ricercatore di geriatria presso la University of North Carolina School of Medicine a Chapel Hill, che non è stato coinvolto nello studio.

"È possibile che alcuni pazienti preferiscano non assumere farmaci antidolorifici e utilizzare approcci non farmacologici per gestire il loro dolore", ha dichiarato Winzelberg per email.

Alcuni residenti potrebbero non credere che dovrebbero dichiarare dolore o pensare di non assumere farmaci. Questo potrebbe almeno in parte spiegare perché gli anziani, gli uomini e gli abitanti di colore avevano meno probabilità di riportare dolore e ricevere farmaci, ha aggiunto Winzelberg.

I residenti e le famiglie possono vedere come le case di cura si confrontano sulla gestione del dolore e su altre misure di qualità online, ha detto Hunnicutt.

Per evitare il dolore non trattato, i residenti e i loro cari non dovrebbero essere timidi di parlare, ha detto il dottor XinQi Dong del Rush Institute for Healthy Aging a Chicago.

"I pazienti e la famiglia dovrebbero cercare aiuto quando il dolore sta cominciando a salire, e non aspettare che il dolore sia intollerabile prima di chiedere farmaci per il dolore", ha detto Dong, che non è stato coinvolto nello studio.

"Dopo un'adeguata valutazione, gli operatori sanitari dovrebbero fornire un'adeguata miscela di farmaci per il dolore a lunga durata e a breve durata d'azione per quelli con dolore cronico e non adeguatamente trattato", ha aggiunto Dong.

Ambito professionale *

Le informazioni qui riportate su "Responsabili domestici di cura spesso non trattati per il dolore cronico" non intende sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato o un medico autorizzato e non è un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e della collaborazione con un operatore sanitario qualificato .

Informazioni sul blog e discussioni sull'ambito

Il nostro ambito informativo è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere, contributo eziologico disturbo viscerosomaticos all'interno di presentazioni cliniche, dinamiche cliniche associate ai riflessi somatoviscerali, complessi di sublussazione, problemi di salute sensibili e/o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale.

Forniamo e presentiamo collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è regolato dal proprio ambito professionale di pratica e dalla propria giurisdizione di licenza. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura delle lesioni o dei disturbi del sistema muscolo-scheletrico.

I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.*

Il nostro ufficio ha ragionevolmente tentato di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a supporto dei nostri post. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Dr. Alex Jimenez DC o contattaci al 915-850-0900.

Siamo qui per aiutare te e la tua famiglia.

Blessings

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*

Dr. Alex Jimenez DC, MSACP, CIFM*, IFMCP*, ATN*, CCST
Il mio biglietto da visita digitale