ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina

Essere fisicamente inattivi aumenta il rischio di perdere la capacità di svolgere attività quotidiane - sia prima che dopo un ictus - in base ai risultati di uno studio statunitense a lungo termine.

"L'attività fisica ha ridotto il rischio di dipendenza in entrambe le attività di base della vita quotidiana (ad esempio, vestirsi e attraversare una stanza) e attività strumentali della vita quotidiana (ad esempio, gestire denaro o fare la spesa), che sono considerati più cognitivamente impegnativo ", ha detto l'autrice principale Pamela M. Rist di Brigham e Women's Hospital e Harvard TH Chan School of Public Health a Boston.

"Queste attività strumentali della vita quotidiana possono essere determinanti importanti della qualità della vita tra i pazienti colpiti da ictus, quindi è importante trovare fattori che riducano il rischio di dipendenza in queste attività così come nelle attività di base della vita quotidiana", ha detto a Reuters Health per e-mail.

Il team di Rist ha studiato gli individui 18,117 che hanno partecipato allo studio nazionale sulla salute e sul pensionamento nel tentativo di scoprire se l'attività fisica e l'indice di massa corporea (BMI), una misura comune di sovrappeso e obesità, possano prevedere la disabilità.

Durante gli anni di follow-up di 12, la quantità di attività fisica che le persone facevano non era associata al rischio di ictus, ma era associata alla probabilità di essere indipendente tre anni dopo un ictus.

Coloro che erano fisicamente inattivi al basale erano significativamente meno probabilità di essere indipendenti a quel punto, rispetto a quelli che erano fisicamente attivi al basale.

Sorprendentemente, questa differenza tra sopravvissuti inattivi e inattivati ​​è stata evidente anche tre anni prima del loro ictus, i ricercatori riportano sul diario Neurologia.

L'obesità, al contrario, era associata ad un aumentato rischio di ictus, ma non era associato alla perdita di indipendenza durante il periodo di follow-up, indipendentemente dal fatto che un individuo abbia subito un ictus.

"Gli individui possono ridurre il loro rischio di dipendenza prima e dopo gli eventi di ictus essendo fisicamente attivi, che nel nostro studio è stato definito come la partecipazione a un'attività fisica vigorosa almeno tre volte a settimana", ha detto Rist.

I ricercatori raccomandano ulteriori studi per chiarire se l'aumento dell'attività fisica potrebbe anche migliorare i risultati dopo un ictus.

Ambito professionale *

Le informazioni qui riportate su "Inattività fisica legata alla perdita di indipendenza" non intende sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato o un medico autorizzato e non è un consiglio medico. Ti incoraggiamo a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e della collaborazione con un operatore sanitario qualificato .

Informazioni sul blog e discussioni sull'ambito

Il nostro ambito informativo è limitato a chiropratica, muscolo-scheletrico, medicine fisiche, benessere, contributo eziologico disturbo viscerosomaticos all'interno di presentazioni cliniche, dinamiche cliniche associate ai riflessi somatoviscerali, complessi di sublussazione, problemi di salute sensibili e/o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale.

Forniamo e presentiamo collaborazione clinica con specialisti di una vasta gamma di discipline. Ogni specialista è regolato dal proprio ambito professionale di pratica e dalla propria giurisdizione di licenza. Utilizziamo protocolli funzionali di salute e benessere per trattare e supportare la cura delle lesioni o dei disturbi del sistema muscolo-scheletrico.

I nostri video, post, argomenti, argomenti e approfondimenti coprono questioni cliniche, problemi e argomenti che riguardano e supportano, direttamente o indirettamente, il nostro ambito clinico di pratica.*

Il nostro ufficio ha ragionevolmente tentato di fornire citazioni di supporto e ha identificato lo studio o gli studi di ricerca pertinenti a supporto dei nostri post. Forniamo copie degli studi di ricerca di supporto a disposizione degli organi di regolamentazione e del pubblico su richiesta.

Comprendiamo che copriamo questioni che richiedono una spiegazione aggiuntiva su come può essere d'aiuto in un particolare piano di assistenza o protocollo di trattamento; pertanto, per discutere ulteriormente l'argomento di cui sopra, non esitate a chiedere Dr. Alex Jimenez DC o contattaci al 915-850-0900.

Siamo qui per aiutare te e la tua famiglia.

Blessings

Il dottor Alex Jimenez DC MSACP, CCST, IFMCP*, CIFM*, ATN*

e-mail: coach@elpasofunctionalmedicine.com

Licenza in: Texas & Nuovo Messico*

Dr. Alex Jimenez DC, MSACP, CIFM*, IFMCP*, ATN*, CCST
Il mio biglietto da visita digitale