ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Clinica della schiena chiropratica per danni agli organi interni

Clinica della schiena chiropratica per danni agli organi interni

Lesioni interne si verificano sotto la pelle e i tessuti muscolari. Il danno d'organo interno si verifica quando la struttura di un organo viene alterata o inizia a non funzionare correttamente e può essere causato da traumi o malattie. I nervi simpatici inviano e ricevono messaggi, inclusi segnali di dolore, dal cervello attraverso il midollo spinale. I chiropratici comprendono la spina dorsale e la connessione degli organi interni. Ad esempio, il nervi splancnici collegare allo stomaco, originato tra la vertebra toracica sei e dieci.

Riabilitazione chiropratica da danno d'organo interno

Danno agli organi interni

Trauma contusivo

  • Trauma contusivo/trauma non penetrante si verifica quando un forte impatto colpisce il corpo.
  • Un incidente d'auto, una caduta violenta o l'essere colpiti da un oggetto opaco si qualifica come trauma contusivo.
  • Il trauma contusivo può rottura i vasi sanguigni e gli organi.
  • Gli organi che hanno maggiori probabilità di subire danni includono la milza e il fegato.

Trauma penetrante

  • Il trauma penetrante si verifica quando un oggetto entra nel corpo.
  • L'oggetto può ferire, affettare e perforare gli organi.
  • L'emorragia interna può verificarsi se i vasi sanguigni sono strappati o tagliati.

Gli organi si dividono in due categorie:

Organi solidi

organi solidi contenere tessuto d'organo in tutto e includere quanto segue:

  • Fegato
  • Milza
  • Reni
  • Pancreas
  • Quando gli organi solidi subiscono un trauma, possono rompersi e/o svilupparsi ematomi.
  • Un ematoma è quando i vasi sanguigni si rompono e il sangue si raccoglie all'interno dell'organo.

Organi cavi

organi cavi avere una parete d'organo che circonda uno spazio vuoto/vuoto che include:

  • Stomaco
  • intestino
  • Colon
  • Vescica
  • ureteri
  • Gli organi cavi che subiscono un trauma possono lacerare le pareti e consentire al materiale di fuoriuscire.
  • Questa perdita può causare peritonite e sepsi.
  • Gli individui possono anche sviluppare ematomi con raccolta di sangue nella parete dell'organo.

Colonna vertebrale toracica

La colonna vertebrale toracica è la più interconnessa con gli organi interni e comprende:

  • T2: torace, cuore e vasi sanguigni.
  • T4: cistifellea, tendini e legamenti.
  • T6 – lo stomaco e il pancreas.
  • T10 – i reni.

Zona lombare

La colonna lombare è collegata agli organi inferiori.

  • L1 è collegato all'intestino crasso.
  • Problemi con L1 potrebbero essere indicati da costipazione o diarrea.
  • L3 è collegato alla vescica, utero nelle donne e prostata negli uomini.
  • Mestruazioni dolorose o impotenza potrebbero indicare problemi.

Effetti del danno d'organo

 L'emorragia interna è il problema più immediato derivante da un danno agli organi interni.

  • Il sanguinamento può causare shock quando il volume del sangue diminuisce.
  • Può anche formare ematomi negli organi.
  • L'emorragia interna può verificarsi anche dopo un trauma meno grave e/o essere ritardata di ore o giorni.
  • Dopo che l'individuo si è stabilizzato, possono comparire sintomi localizzati.
  • Gli organi danneggiati possono infiammarsi e gonfiarsi, causando sindrome del compartimento addominale.
  • La sindrome compartimentale si verifica quando il gonfiore limita la circolazione sanguigna da e verso l'organo al sistema circolatorio e nervoso, causando dolore e ulteriori danni ai tessuti dell'organo.
  • Se la circolazione non viene ripristinata, gli organi potrebbero fallire.
  • Un grave gonfiore degli organi può causare problemi al cuore e ai polmoni, poiché gli organi gonfi non lasciano spazio ai polmoni per espandersi o al cuore per pompare il sangue.

Trattamento d'urgenza e riabilitazione

Lesioni da corpo contundente che producono un impatto significativo sugli organi, sanguinamento e lesioni penetranti possono richiedere un intervento chirurgico per riparare o rimuovere gli organi danneggiati. I medici possono tenere l'individuo ferito sotto osservazione per emorragie interne minori per vedere se è necessario un intervento chirurgico. L'emorragia interna minore spesso guarisce da sola senza intervento chirurgico. Injury Medical Chiropratica e clinica di medicina funzionale offrono la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico come un modo completo per accelerare la guarigione e il recupero.

  • La chiropratica gestisce il dolore senza farmaci che possono interferire con la capacità di svolgere compiti semplici.
  • Vengono affrontate le funzioni del corpo e le risposte biochimiche al trauma e alla chirurgia.
  • L'infiammazione e il gonfiore vengono alleviati e la prevenzione viene effettuata attraverso aggiustamenti, massaggi, dieta e coaching sanitario.

Chiropratica per mal di schiena grave


Referenze

Iheozor-Ejiofor, Zippora, et al. "Terapia delle ferite a pressione negativa per ferite traumatiche aperte". Il database Cochrane delle revisioni sistematiche vol. 7,7 CD012522. 3 luglio 2018, doi:10.1002/14651858.CD012522.pub2

McCausland C, Sajjad H. Anatomia, schiena, nervo splancnico. [Aggiornato 2021 agosto 11]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 gennaio-. Disponibile dal: www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK549856/

Newman RK, Dayal N, Dominique E. Sindrome del compartimento addominale. [Aggiornato 2022 aprile 21]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 gennaio-. Disponibile dal: www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK430932/

Risselada, Marije. "Perforare le ferite cervicali, toraciche e addominali". Le cliniche veterinarie del Nord America. Piccola pratica animale vol. 47,6 (2017): 1135-1148. doi:10.1016/j.cvsm.2017.06.002

Shaheen, Aisha We et al. "Sindrome del compartimento addominale nei pazienti traumatizzati: nuove intuizioni per prevedere i risultati". Diario di emergenze, traumi e shock vol. 9,2 (2016): 53-7. doi:10.4103/0974-2700.179452

Sikka, Rishi. "Lesioni traumatiche degli organi interni insospettabili." Cliniche di medicina d'urgenza del Nord America vol. 22,4 (2004): 1067-80. doi:10.1016/j.emc.2004.05.006