ClickCease
+ 1-915-850-0900 spinedoctors@gmail.com
Seleziona Pagina
Active Release Technique (ART) per Chronic Neck Pain a El Paso, TX

Active Release Technique (ART) per Chronic Neck Pain a El Paso, TX

Active Release Technique (ART) è un trattamento per i tessuti molli per legamenti, tendini, muscoli e nervi. È il principale trattamento dei tessuti molli ampiamente utilizzato nel trattamento delle lesioni e delle condizioni dei tessuti molli tra gli atleti professionisti e la popolazione generale. Nell'istanza di cronico dolore al collo, insieme al dolore alla spalla e al sottoscapolare, l'ART implica che la pressione guidata venga applicata a un muscolo accorciato nella regione superiore del collo o del rachide cervicale. Più comunemente, un professionista sanitario sposterà la testa del paziente in una direzione che allunga il muscolo. Durante il movimento il medico mantiene uno sforzo sul muscolo, mentre scivola fuori da sotto le dita del dottore.

 

La tecnica di rilascio attivo fa un po 'male (molti pazienti la descrivono come una "buona ferita"), e sembra un tratto di cui hai bisogno ma che non puoi fare da solo. Quando un muscolo è stretto la procedura funziona aumentando la tolleranza del sistema nervoso per estendere il muscolo. L'ART è utilizzata per curare le lesioni da sforzi ripetitivi e viene spesso utilizzata in una varietà di altre pratiche mediche. Questo perché può offrire risultati rapidi nel trattamento di disturbi come: gomito del tennista, spalla congelata, lesioni della cuffia dei rotatori delle spalle e fascite plantare. L'ART consente al medico di isolare il trattamento per ogni singolo piccolo muscolo del collo e trattarlo attraverso la sua completa selezione di movimento. I muscoli del collo sono stratificati, e anche per isolarli durante la terapia richiede un'attenzione particolare.

 

Effetti della tecnica di rilascio attivo su dolore e range di movimento in pazienti con dolore cronico al collo

 

Astratto

 

  • Scopo: Per confrontare le influenze della tecnica di rilascio attivo (ART) e mobilizzazione articolare (JM) sul punteggio del dolore della scala analogica visiva (VAS), soglia del dolore pressorio (PPT) e range di movimento del collo (ROM) dei pazienti con dolore cronico al collo .
  • Soggetti: Ventiquattro individui con dolore cronico al collo sono stati assegnati in modo casuale ed equamente ai gruppi 3: un gruppo ART, un gruppo di mobilizzazione articolare (JM) e un gruppo di controllo. Prima e dopo l'intervento, il grado di dolore, PPT e ROM del collo sono stati misurati usando un VAS, un algometro e un goniometro, rispettivamente.
  • risultati: Il gruppo ART e il gruppo JM hanno dimostrato cambiamenti significativi in ​​VAS e ROM tra pre e post intervento, mentre nessun cambiamento significativo è stato osservato nel gruppo di controllo. Nel gruppo ART sono state riscontrate differenze significative nel PPT di tutti i muscoli, mentre nel gruppo JM sono state riscontrate differenze significative in tutti i muscoli diversi dal trapezio. Nessuna differenza significativa nella PPT è stata osservata in nessun muscolo del gruppo di controllo. Il test post-hoc non ha indicato differenze statisticamente significative tra il gruppo ART e JM, ma le differenze di variazione in VAS, PPT e ROM erano maggiori nel gruppo ART rispetto al gruppo JM e ai gruppi di controllo.
  • Conclusione: L'ARTE per il trattamento del dolore cronico al collo può essere utile per il dolore e il movimento del collo.
  • Parole chiave: Tecnica di rilascio attivo, tessuti molli, dolore al collo cronico

 

Introduzione

 

Le persone hanno una probabilità di 70% di sviluppare dolore al collo durante la loro vita; quindi, il dolore al collo è una questione importante che influenza la produttività economica nella società moderna [1]. Il dolore al collo è un disturbo muscolo-scheletrico correlato al lavoro che può verificarsi quando una persona lavora per lungo tempo o ad alta intensità. Un numero crescente di pazienti visita anche ospedali lamentandosi di dolore che si verifica non solo nel collo ma anche negli arti superiori e la testa come risultato di una tensione eccessiva prolungata [2]. Anche se il problema del dolore al collo sta diventando sempre più comune e importante, la ricerca sul trattamento ottimale dei fotoni [3].

 

Una causa comune di dolore al collo è la disfunzione meccanica, che causa un movimento articolare anormale, poiché la mobilità anormale dell'articolazione cervicale all'interno della capsula articolare può limitare il movimento del collo [4, 5]. Inoltre, il tessuto molle sbilanciato attorno alla struttura della testa e del collo può porre limiti alla gamma di movimento (ROM) della testa e causare dolore al collo [6]. Pertanto, molti trattamenti vengono eseguiti con l'obiettivo di ripristinare la funzione dei tessuti molli o la mobilità delle articolazioni in pazienti con dolore cronico al collo. La mobilizzazione articolare (JM) e la manipolazione articolare sono i metodi più utilizzati per aumentare la mobilità all'interno della capsula articolare. È stato segnalato che questi metodi aumentano il ROM e alleviano il dolore [7, 8]. Tuttavia, la JM e la manipolazione articolare eseguite all'estremità del ROM direttamente sulle articolazioni delle vertebre cervicali possono causare tensione nei muscoli del collo del paziente, perché le vertebre cervicali sono la parte più sensibile della colonna vertebrale e questa tensione protegge il nervi e vasi sanguigni [9].

 

La tecnica di rilascio attivo (ART) è una terapia manuale per il recupero della funzionalità dei tessuti molli che comporta la rimozione del tessuto cicatriziale, che può causare dolore, rigidità, debolezza muscolare e sensazioni anormali compresa la disfunzione meccanica nei muscoli, miofascia e tessuto [10]. L'efficacia di ART è stata segnalata per sindrome del tunnel carpale, tendinite di Achille e gomito del tennista, che coinvolgono tutti i tessuti molli vicino alle articolazioni nelle parti distali del corpo [11]. L'ART è anche efficace nel ridurre il dolore e aumentare la ROM nei pazienti con una lesione parziale del tendine sovraspinato [12]. La maggior parte dei pazienti con dolore al collo cronico sperimenta dolore e limitazione del movimento a causa della compromissione del tessuto molle nel collo [13]. Di conseguenza, è necessaria una maggiore ricerca sull'ART per il trattamento dei tessuti molli del collo. Tuttavia, nessuno studio precedente ha valutato come la ART possa migliorare la ROM in pazienti con dolore al collo.

 

Pertanto, lo scopo di questo studio era di confrontare l'influenza di ART e JM sul punteggio della scala analogica visiva (VAS), soglia del dolore pressorio (PPT) e ROM del collo dei pazienti con dolore cronico al collo, con l'obiettivo di chiarire ulteriori informazioni sui loro effetti e sull'identificazione di trattamenti più efficaci che possono essere utilizzati in contesti clinici.

 

Materie e metodi

 

I soggetti dello studio erano 24 pazienti ricoverati all'ospedale A di Gangnamgu che avevano una storia di dolore al collo di 3 mesi o più e avevano una lieve disabilità basata sull'indice di disabilità del collo (NDI; 5-14 punti). La dimensione del campione di questo studio si è basata su quella di Hyun [14], considerando il tasso di abbandono del soggetto e tenendo conto del livello di significatività (5%), della potenza del test (0.8) e della dimensione dell'effetto (f = 0.7) . Sono stati esclusi dallo studio i pazienti con anomalie strutturali che coinvolgono fratture ossee o nervi, sottoposti a intervento chirurgico per ernia o con ipertensione, spondiloartrite, stenosi spinale lombare o scoliosi. I pazienti partecipanti hanno compreso lo scopo dello studio e le informazioni associate e hanno fornito il loro consenso scritto alla partecipazione. Questo studio è stato condotto utilizzando una procedura eticamente idonea per la ricerca umana in conformità con la Dichiarazione di Helsinki.

 

Abbiamo usato il VAS per valutare il grado di dolore al collo. Il VAS è un metodo di punteggio soggettivo per registrare il grado di dolore presente da 0 (nessun dolore) a 10 (il dolore più grave mai sperimentato) su una scala 10-cm. Il VAS è difficile da confrontare tra i pazienti a causa della natura soggettiva del dolore, ma la sua riproducibilità è stata riconosciuta in singoli pazienti (ICC = 0.97) [15].

 

La misurazione PPT è stata eseguita da un ricercatore utilizzando un algometro. Il trapezio superiore destro e sinistro e lo sternocleidomastoideo (SCM) sono stati pressati a velocità costante. Al soggetto è stato chiesto di rispondere immediatamente quando la pressione si è trasformata in dolore e la pressione meccanica è stata registrata. È stato utilizzato il valore medio di due misurazioni; valori di PPT crescenti indicano una soglia del dolore a pressione più alta. Un algometro è particolarmente utile per misurare il punto trigger nella sindrome del dolore miofacciale, perché può determinare la posizione precisa della fonte del dolore e quantificare la sensibilità alla pressione dei muscoli (ICC = 0.78-0.93) [16, 17].

 

La ROM passiva è stata misurata fissando la spalla del soggetto in modo che non fosse influenzata dalle altre parti del tronco. Quindi, sono state misurate la flessione del collo, l'estensione, la flessione del lato destro, la flessione del lato sinistro, la rotazione destra e la rotazione sinistra. La gamma dell'angolo è stata misurata con un terapista che valuta passivamente il ROM articolare del collo senza dolore del paziente [18].

 

I soggetti 24 con dolore al collo cronico inclusi nello studio sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi seguendo un gruppo di controllo equivalente pre-test / progettazione post-test. Per le settimane 3, i gruppi ART e JM hanno ricevuto il trattamento due volte a settimana per i minuti 20. Dopo che tutti gli interventi sono stati completati, il punteggio VAS, PPT e ROM sono stati nuovamente misurati. Nel gruppo ART, l'ART è stata utilizzata per trattare i muscoli che dimostrano il tessuto cicatriziale, tra i muscoli coinvolti nel movimento del collo. Dopo accorciamento basato sulla trama delle fibre nella direzione longitudinale, la mobilizzazione dei tessuti molli è stata eseguita con stretching attivo o passivo per allungare il tessuto che era stato accorciato [12].

 

JM è stato eseguito utilizzando le tecniche di trazione e planata di Kaltenborn. Al fine di alleviare il dolore con movimenti fisiologici tra cui flessione, estensione, flessione laterale e rotazione, è stata eseguita una trazione di grado I o II per 10 secondi. Inoltre, per recuperare l'ipomobilità, la trazione e lo scivolamento sono stati eseguiti al livello 3 e mantenuti per 7 secondi. Entrambi i trattamenti includevano 2-3 secondi di riposo e sono stati ripetuti 10 volte [19]. I soggetti nel gruppo di controllo non hanno ricevuto alcun trattamento per il dolore cronico al collo.

 

SPSS 18.0 per Windows è stato utilizzato per analizzare i risultati. Al fine di confermare l'omogeneità delle caratteristiche generali dei soggetti e delle variabili dipendenti, sono state utilizzate le statistiche descrittive e il test di Kruskal-Wallis. Il test dei ranghi di Wilcoxon è stato eseguito per valutare la differenza tra i valori pre e post-trattamento in ciascun gruppo e il test U di Mann-Whitney è stato utilizzato per identificare differenze significative tra i gruppi. La soglia per la significatività statistica è stata scelta come 0.05.

 

risultati

 

L'entità della variazione del punteggio VAS, PPT e ROM è stata confrontata tra i pazienti con dolore cronico al collo sottoposti a ART o JM. Ventiquattro pazienti con una storia di dolore cronico al collo di 3 mesi o più hanno partecipato a questo studio. I tre gruppi non hanno dimostrato differenze significative nei punteggi, età, altezza o peso NDI (p> 0.05) (Tabella 1).

 

Tavolo ART 1 | Chiropratico El Paso, TX

 

I gruppi ART e JM hanno entrambi dimostrato miglioramenti significativi nei punteggi del dolore VAS (p <0.05), ma nessun cambiamento significativo è stato osservato nel gruppo di controllo (p> 0.05). Il PPT è aumentato significativamente (p <0.05), in ogni muscolo misurato nel gruppo ART e in tutti i muscoli diversi dal trapezio superiore destro nel gruppo JM. La PPT muscolare non ha dimostrato alcun cambiamento significativo nel gruppo di controllo (p> 0.05) (Tabella 2).

 

Tavolo ART 2 | Chiropratico El Paso, TX

 

Dopo il trattamento, i gruppi ART e JM hanno entrambi mostrato aumenti significativi (p <0.05) in ogni parametro ROM articolare del collo, mentre non sono stati osservati cambiamenti significativi nel gruppo di controllo (p> 0.05) (Tabella 2).

 

L'entità del cambiamento nel punteggio del dolore VAS e PPT tra pre e post-trattamento differiva significativamente tra i tre gruppi (p <0.05). Il test post hoc ha indicato che i cambiamenti nei punteggi VAS differivano significativamente tra i gruppi ART e di controllo, e tra i gruppi JM e di controllo (p <0.05), ma non tra i gruppi ART e JM (p> 0.05). I cambiamenti nei PPT del trapezio superiore destro e dell'SCM sinistro differivano significativamente tra i gruppi ART e JM (p <0.05); tuttavia non sono state osservate differenze significative negli altri muscoli (p> 0.05). Tra il gruppo JM e il gruppo di controllo, il cambiamento nel PPT SCM destro ha dimostrato una differenza significativa (p <0.05); tuttavia, nessuna differenza è stata osservata in altri muscoli (p> 0.05). Tra l'ART e il gruppo di controllo, il cambiamento nel PPT differiva significativamente per tutti i muscoli misurati (p <0.05). I cambiamenti nel punteggio VAS e PPT erano maggiori nel gruppo ART rispetto al gruppo JM, ma queste differenze non erano statisticamente significative (Tabella 3).

 

Tavolo ART 3 | Chiropratico El Paso, TX

 

L'entità del cambiamento nel ROM dopo i trattamenti differiva significativamente tra i tre gruppi (p <0.05). Il test post hoc ha indicato che il cambiamento nel ROM differiva significativamente tra i gruppi ART e JM solo nella flessione del collo (p <0.05), ma non in altre misurazioni ROM (p> 0.05). Non c'era alcuna differenza significativa nel ROM della flessione del collo tra i gruppi JM e di controllo (p> 0.05), ma tutti gli altri parametri ROM differivano significativamente tra questi gruppi (p <0.05). I gruppi ART e di controllo differivano significativamente in termini di variazione del ROM per tutti i parametri misurati (p <0.05). La variazione nel ROM era maggiore nel gruppo ART rispetto al gruppo JM, ma questa differenza non è stata raggiunta statisticamente significativa (Tabella 3).

 

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

Il seguente studio ha confrontato l'uso della tecnica di rilascio attivo (ART) all'uso della mobilizzazione articolare per determinare il metodo migliore per il trattamento dei sintomi cronici del dolore al collo. Come sarà correttamente descritto di seguito, lo studio di ricerca ha concluso che l'ART e le mobilizzazioni articolari sono entrambe efficaci come trattamento per i pazienti con dolore cronico al collo, tuttavia, la tecnica di rilascio attivo ha dimostrato una maggiore efficacia per il dolore al collo associato alle lesioni dei tessuti molli. Si ritiene che l'ART sia un'opzione di trattamento migliore per il dolore cronico del collo, soprattutto perché si ritiene che le lesioni dei tessuti molli siano la causa dei sintomi dolorosi nella percentuale di 87.5 dei casi, in cui l'ART viene eseguita direttamente sull'area del danno.

 

Discussione

 

Movimenti ripetitivi e l'uso di smartphone e tablet in posizioni anormali della testa possono stressare la testa, il collo e le spalle. Inoltre, una postura anormale della testa può causare disfunzione meccanica dell'articolazione cervicale, che può portare a dolore, fibrosi dei tessuti molli, accorciamento adattivo, perdita di flessibilità e deformazione meccanica che riflette la condizione di ipomobilità, dove non c'è movimento all'interno dell'articolazione normale capsula [20, 21]. Quando la disfunzione meccanica è presente in una vertebra, la terapia manuale viene tipicamente eseguita e può essere un metodo efficace per alleviare il dolore al collo correlato a tale disfunzione [22]. JM è usato per trattare le articolazioni con ipomobilità o progressiva limitazione della mobilità, identificando un segmento cervicale con mobilità anormale e irritando i recettori sensoriali che percepiscono il dolore, provocando così effetti sul muscolo, che a sua volta stimolano i muscoli ad applicare forza nell'apposito direzione [8].

 

Dopo 3 settimane di JM, i valori VAS, ROM e PPT dei muscoli diversi dal trapezio superiore destro hanno mostrato miglioramenti significativi rispetto ai valori pre-test. Anche il PPT è aumentato nel trapezio superiore destro, ma la differenza non era statisticamente significativa. Il trapezio è particolarmente suscettibile al danno da movimenti ripetitivi della mano e del braccio durante l'esecuzione di lavori come l'uso di un computer [23]. La maggior parte dei partecipanti allo studio erano destrorsi e quindi hanno eseguito più movimenti dell'arto superiore destro rispetto a quello sinistro, il che potrebbe spiegare perché il miglioramento del PPT trapezio superiore destro non è stato raggiunto statisticamente significativo.

 

L'ART è un metodo per il trattamento dei tessuti molli come tendine, nervi e miofascia e viene eseguito per lesioni da sforzi ripetitivi, lesioni acute e danni alla fissazione funzionale dovuti a posture anormali mantenute a lungo termine. Inoltre, l'ART è un efficace nel risolvere l'adesione del tessuto cicatriziale e del tessuto molle che causa dolore, spasmo, debolezza muscolare, formicolio e altri sintomi [11].

 

Robb et al. [24] ha dimostrato un miglioramento immediato della PPT muscolare quando l'ART è stata utilizzata per il trattamento di pazienti con ceppo adduttore. Inoltre, in uno studio di Tak et al. [10], il trattamento ART per 3 settimane sul gluteo medio di un paziente con lombalgia per 3 settimane ha portato a un miglioramento del punteggio VAS e PPT del paziente. Sebbene la nostra area target fosse diversa dagli studi di Tak et al. [10] e Robb et al. [24], è stato osservato un miglioramento significativo nel punteggio VAS, PPT e ROM dopo aver utilizzato ART per trattare i muscoli del collo nel presente studio. È nostra opinione che questi miglioramenti nel punteggio VAS e PPT dopo il trattamento siano il risultato di una diminuzione del tono muscolare dopo la rimozione del tessuto cicatriziale aderente ai tessuti molli.

 

In uno studio di James [25] che coinvolge i giovani 20 senza lesioni degli arti inferiori, la flessibilità dei muscoli posteriori della coscia è aumentata immediatamente dopo l'applicazione della ART. Allo stesso modo, nel presente studio, la ROM è aumentata significativamente dopo che l'ART è stata applicata sul collo per le settimane 3. Questa scoperta indica che il tessuto cicatriziale, che può limitare la mobilità dei tessuti molli, può essere rimosso con l'ART e quindi alleviare i limiti di movimento [12].

 

Sebbene in molti casi non sia stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa, la variazione del punteggio VAS, PPT e ROM ha dimostrato una tendenza consistente ad essere maggiore nel gruppo ART rispetto al gruppo JM. Questo effetto maggiore può essere correlato all'osservazione che la lesione dei tessuti molli è la causa del dolore nel 87.5% dei casi di dolore al collo e l'ART viene eseguita direttamente sul tessuto molle ferito [13], mentre JM tratta l'area limitata dell'articolazione. Questo studio ha confrontato l'effetto del trattamento su un breve periodo di 3 settimane e, quindi, non è chiaro per quanto tempo la sua efficacia viene mantenuta. Sono necessarie indagini di follow-up a più lungo termine dopo la cessazione del trattamento. Inoltre, è difficile generalizzare i risultati, poiché le dimensioni del campione erano piccole. Per rafforzare questi risultati, sono necessarie ulteriori ricerche.

 

In conclusione, questo studio ha confrontato il punteggio VAS, PPT e ROM tra i soggetti 24 con dolore al collo cronico che ha ricevuto ART, JM o nessun trattamento. Ha rivelato che ART e JM hanno entrambi influenzato positivamente il punteggio VAS, PPT e ROM e che i due metodi hanno dimostrato alcune differenze significative nei loro effetti. Pertanto, ART e JM sono entrambi efficaci per il trattamento di pazienti con dolore cronico al collo, ma l'ART ha dimostrato una tendenza verso una maggiore efficacia per i pazienti con dolore al collo che coinvolgono lesioni dei tessuti molli. Pertanto, l'ARTE sembra essere un'opzione migliore per il trattamento di pazienti con dolore cronico al collo in ambito clinico. Sono necessarie ricerche di follow-up che coinvolgano numeri maggiori e diversità di soggetti con termini più lunghi per ampliare questi risultati.

 

Lo scopo dell'articolo sopra è quello di presentare l'efficacia della tecnica di rilascio attivo, o ART, verso la gestione e il miglioramento del dolore cronico del collo in ambito clinico. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

 

A cura di Dr. Alex Jimenez

 

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

 

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

 

 

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE IMPORTANTE: i sintomi del chiropratico Sciatica

 

 

ALTRI ARGOMENTI: EXTRA EXTRA: El Paso Back Clinic | Cura e trattamenti per il mal di schiena

luminoso
Referenze
1. Chung SH, Her JG, Ko TS, et al. : Effetti dell'esercizio sui flessori cervicali profondi in pazienti con dolore cronico al collo. J Phys Ther Sci, 2012, 24: 629 632.
2. Hwangbo G: Analisi del cambiamento della soglia del dolore pressorio collo in utenti di computer a lungo termine. Int J Contents, 2008, 8: 151 158.
3. Sarig-Bahat H: Evidenza per la terapia fisica nei disturbi del collo meccanico. Man Ther, 2003, 8: 10 20.[PubMed]
4. Hyung IH, Kim SS, Lee SY: L'effetto del dolore immediato e della ROM cervicale nei pazienti con dolore cervicale allo stiramento e alla manipolazione. J Korean Soc Phys Ther, 2009, 21: 1 7.
5. Oh SG, Yu SH: Cambiamenti biomeccanici nel quadrante inferiore dopo la manipolazione di pazienti con lombalgia con disfunzione dell'articolazione sacroiliaca. J Korean Soc Phys Ther, 2001, 8: 167 180.
6. Jull GA, Falla D, Vicenzino B, et al. : L'effetto dell'esercizio terapeutico sull'attivazione dei muscoli flessori cervicali profondi nelle persone con dolore cronico al collo. Man Ther, 2009, 14: 696 701. [PubMed]
7. Ko TS, Jeong UC, Lee KW: Effetti dell'inclusione della mobilizzazione toracica nell'esercizio flessore cranio-cervicale in pazienti con dolore cronico al collo. J Phys Ther Sci, 2010, 22: 87 91.
8. Kim DD: Gli effetti della manipolazione e della mobilizzazione su NDI e CROM nei giovani adulti con lieve disabilità del collo. J Coreano Acad Orthop Man Phys Ther, 2010, 16: 53 60.
9. Jun YW: Gli effetti della tecnica di mobilizzazione dell'articolazione toracica superiore utilizzando il concetto Kaltenborn-Evjenth sul ROM cervicotoracico e sul dolore in pazienti con dolore al collo cronico. Scuola di specializzazione Korea University Master s Degree, 2012.
10. Tak SJ, Lee YW, Choi W, et al. : Gli effetti della tecnica di rilascio attivo sul gluteo medio per il sollievo dal dolore nelle persone con lombalgia cronica. Scienza della riabilitazione fisica, 2013, 2: 27 30.
11. Brian A, Kamali A, Michael Leahy P: Rilascia il tuo dolore: risoluzione delle lesioni da sforzo ripetitivo con tecniche di rilascio attivo. Pub Group West, 2005, 15-29.
12. Lee SJ, Park JH, Nam SH, et al. : Due casi clinici di tecnica di rilascio attivo con trattamento di medicina coreana per lacerazione parziale del tendine sovraspinato. J CHUNA Man Med Spine Nervi, 2014, 9: 89 101.
13. Dvord J, Valach L, Schmdt S: Lesioni della colonna cervicale in Swizerland. Man Med, 1989, 4: 7 16.
14. Hyun SW: gli effetti della mobilizzazione articolare e della terapia fisica conservativa sulla mobilità e sul dolore nei pazienti con dolore cervicale. Scuola di specializzazione Kookmin University Master s Degree, 2003.
15. Bijur PE, Silver W, Gallagher EJ: Affidabilità della scala analogica visiva per la misurazione del dolore acuto. Acad Emerg Med, 2001, 8: 1153 1157. [PubMed]
16. Kim SH, Kwon BA, Lee WH: Effetti della stabilizzazione cervicale della stabilizzazione spinale nella sicurezza privata sul dolore cronico del collo e sulla funzione cervicale, dolore al collo, ROM. Coreano Secur Sci Rev, 2010, 25: 89 107.
17. Cho SH: l'effetto della tecnica di rilascio miofasciale e dell'esercizio di correzione della postura della testa in avanti sul mal di testa cronico di tipo tensivo. Scuola di specializzazione Università cattolica di Pusan ​​Doctor s Degree, 2014.
18. Jang HJ: Effetti del programma di esercizi combinati sul dolore e sulla funzione e sulla mobilità e l'affaticabilità nel dolore cronico al collo. Scuola di specializzazione Università Sahmyook Master's Degree, 2011.
19. Kim HJ, Bae SS, Jang C: Gli effetti della mobilitazione articolare sul dolore al collo. J Korean Soc Phys Ther, 2003,15: 65 90.
20. C t P, Cassidy JD, Carroll LJ, et al. : L'incidenza annuale e il decorso del dolore al collo nella popolazione generale: uno studio di coorte basato sulla popolazione. Dolore, 2004, 112: 267 273. [PubMed]
21. Lee JH, Lee YH, Kim HS, et al. : Gli effetti della mobilizzazione cervicale combinati con la mobilizzazione toracica sulla postura della testa in avanti dei pazienti con dolore al collo. J Phys Ther Sci, 2013, 25: 7 9.
22. Ferreira LA, Santos LC, Pereira WM, et al. : Analisi della manipolazione della spinta del rachide toracica per ridurre il dolore al collo. J Phys Ther Sci, 2013, 25: 325 329.
23. Seo HK: l'effetto del rilascio miofasciale, della mobilizzazione articolare e della Mckenzina sull'attività muscolare cervicale. Scuola di specializzazione Daegu University Doctor s Degree, 2008.
24. Robb A, Pajaczkowski J: Effetto immediato sulle soglie del dolore mediante tecnica di rilascio attivo sui ceppi di adduttori: studio pilota. J Bodyw Mov Ther, 2011, 15: 57 62. [PubMed]
25. George JW, Tunstall AC, Tepe RE, et al. : Gli effetti della tecnica di rilascio attivo sulla flessibilità degli hamstring: uno studio pilota. J Manipolative Physiol Ther, 2006, 29: 224 227. [PubMed]
Chiudi fisarmonica
Cos'è l'ART Active Release Technique?

Cos'è l'ART Active Release Technique?

Professionisti sanitari certificati appositamente utilizzano le tecniche di rilascio attivo, ART, per diagnosticare e curare le lesioni dei tessuti molli create da tessuto cicatriziale. In questo manuale, le mani sul trattamento dividono le aderenze che limitano il normale range di movimento causando affaticamento e sintomi dolorosi.

 

Che cos'è Active Release Technique (ART)?

 

Active Release Techniques (ART) è un trattamento guida gestito da professionisti sanitari addestrati a particolari strutture dei tessuti molli del corpo umano. Il processo di controllo dei tessuti molli ART si basa su prove scientifiche che muscoli, nervi, vasi sanguigni e tessuto connettivo sviluppano aderenze all'interno e tra di loro a seguito di varie lesioni che includono: lesioni acute o improvvise, lesioni cumulative o croniche e pressione a causa della cattiva postura. Queste aderenze causano il cambiamento del movimento delle articolazioni o dei muscoli, portando a una vasta gamma di segni e sintomi, tra cui affaticamento, dolore e ridotta gamma di movimento, nonché sensazioni di formicolio e intorpidimento.

 

Qual è la storia di ART?

 

Michael Leahy, DC, ora praticante a Colorado Springs, in Colorado, ha iniziato a sviluppare ART in 1984. Prima di dedicarsi alla cura chiropratica, il dott. Leahy era un ingegnere aeronautico con la US Air Force. Questo background tecnologico ha permesso al Dr. Leahy di definire le lesioni dei tessuti molli in una nuova prospettiva, trasformandosi nella tecnica di rilascio attivo. La Dott.ssa Leahy è ora ampiamente considerata una delle più importanti autorità per i tessuti molli negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

 

Come è il trattamento ART?

 

Dopo che una diagnosi è stata effettuata secondo una storia clinica e una valutazione, il trattamento può essere reso dal professionista sanitario appropriato con esperienza e certificazione nella tecnica di rilascio attivo, ART. Poiché le lesioni dei tessuti molli prodotte da tessuto cicatriziale non possono essere rilevate da una macchina, ad esempio la radiografia o la risonanza magnetica, o da qualsiasi test ortopedico, l'ART è di per sé uno strumento diagnostico. L'operatore sanitario può determinare dove sono le aderenze e anche quanto è intenso il danno ai tessuti molli, solo al tatto.

 

L'ART viene solitamente eseguita utilizzando il contatto diretto del medico con la pelle del paziente. Il praticante localizzerà l'area su cui lavorare e l'individuo muoverà attivamente una parte del corpo o passerà la parte del corpo per l'individuo passivamente.

 

La tecnica di rilascio attivo (ART) è un trattamento manuale in cui muscolo, fascia, legamento, tendine, nervo o capsula vengono mantenuti con pressione e tensione sul tessuto coinvolto (non sulla pelle) in una posizione accorciata, mentre la disposizione è allungato attraverso una gamma completa e confortevole di movimento attivo e la forza viene mantenuta per tutto il movimento. Non c'è tensione cutanea o scivolamento sull'epidermide.

 

La tecnica di rilascio attivo differisce da massaggio nell'uso del movimento dell'arto o della colonna vertebrale sotto pressione e tensione, insieme all'attenzione per i dettagli anatomici e le potenziali intrappolamenti nervosi nell'area. Invece di trattare una regione generale, un operatore sanitario con tecnica di rilascio attiva usa le mani per sentire tessuti danneggiati o anormali nei muscoli, nella fascia, nei tendini, nei legamenti o nei nervi. Le anomalie si presentano come aventi una sensazione diversa e influenzano il movimento e l'operazione in cui un paziente può eseguire.

 

Il contatto del professionista sanitario esperto e qualificato, associato al movimento del paziente, consente alle adesioni di separarsi. I protocolli terapeutici, che attualmente superano le mosse specifiche di 500, sono unici per l'ART o le tecniche di rilascio attivo. Consentono agli operatori sanitari di identificare e correggere i problemi di salute specifici che hanno un impatto su ciascun paziente.

 

Che cos'è Active Release Techniques (ART)? | video

 

 

L'ARTE fa male?

 

Le tecniche di rilascio attivo, o ART, vanno subito dopo l'adesione al fine di rompere i tessuti cicatriziali producendo sintomi dolorosi e malfunzionamento. Considerando che questi siti sono estremamente sensibili all'inizio, l'ARTE potrebbe causare un certo disagio descritto da molti pazienti come una "buona ferita". Tuttavia, la pressione o la tensione non vengono mai applicate oltre la tolleranza del paziente.

 

Quanto dura il trattamento ART?

 

La tecnica di rilascio attivo di ogni individuo è diversa. In media, tra le visite da 2 a 6, ciascuna della durata di circa 15 a 30 minuti, sono necessarie per la correzione dei problemi dei tessuti molli. I fattori che influenzano questa gamma comprendono l'intensità del problema di salute, la volontà individuale di prendere parte al trattamento e lo stato di salute generale del paziente. I pazienti devono avere una parte attiva nel loro recupero per ridurre le possibilità di ripetersi. Ciò può comportare il rafforzamento di un determinato tessuto o l'alterazione di determinate attività fisiche.

 

L'ART è considerata uno dei trattamenti migliori e di maggiore successo per le lesioni dei tessuti molli. Tuttavia, come qualsiasi altra terapia, ART non può aggiustare tutto. Se non si osservano miglioramenti significativi nel corso del trattamento, verranno prese in considerazione altre opzioni terapeutiche per risolvere completamente le lesioni o le condizioni dei pazienti. Gli operatori sanitari generalmente non incoraggeranno le sessioni in corso se non si osservano miglioramenti in un numero specifico di visite.

 

Chi può trarre beneficio dall'ARTE?

 

Chi soffre a causa di una lesione dei tessuti molli può trarre beneficio dalla tecnica di rilascio attivo. L'ARTE è utilizzata in ambito clinico su atleti professionisti e olimpionici, impiegati, manovali, casalinghe, giovani atleti, oltre a molti altri. Questi individui hanno in comune i loro modelli di movimento alterati, ma il loro meccanismo o innesco spesso differisce. L'ART guarisce efficacemente muscoli, tendini e legamenti in tutto il corpo che sono molto congestionati da tessuto cicatriziale, liberando la loro capacità di funzionare e quindi riducendo il dolore e altri sintomi dolorosi.

 

Le tecniche di rilascio attivo possono anche essere efficaci nel trattamento di intrappolamenti di nervi plantari in cui un nervo è impigliato da tessuto cicatriziale e ha esercitato pressione o tensione durante posizioni o movimenti specifici. Attraverso l'ampio addestramento di un operatore sanitario, viene insegnato dove i nervi sono probabilmente intrappolati e il modo migliore per ridurre le aderenze. Questo fornisce alle persone che soffrono di sciatica, sindrome del tunnel carpale e altre intrappolamenti dei nervi periferici una soluzione rapida e senza sforzo per i loro disturbi. Terapie palliative come la ART dovrebbero essere studiate prima che una persona abbia deciso che non possono essere adeguatamente trattate a causa della loro attuale salute e benessere. Se si tratta di una struttura dei tessuti molli che causa il tuo dolore, molto probabilmente potrebbe essere riparata.

 

Diagramma del tessuto cicatriziale 1 | Chiropratico di El Paso, TX

 

Diagramma di tecnica di rilascio attivo 2 | Chiropratico di El Paso, TX

 

In che modo l'ART aiuta?

 

La tecnica di rilascio attivo promuove la guarigione più rapida, il recupero della normale funzionalità tissutale e può anche prevenire lesioni future. Per l'atleta, renderà possibile allenarsi meglio e più frequentemente. Per il dipendente, può mantenerli senza lesioni, se usato come terapia preventiva.

 

Tessuti anormali o tessuto cicatriziale possono passare inosservati sia all'atleta che al dipendente dell'ufficio e possono manifestarsi in un infortunio. I sintomi del tessuto danneggiato comprendono il rafforzamento e l'accorciamento del muscolo. Quello che una volta era semplice potrebbe diventare un lavoro ingrato, ad esempio, una rotazione più rigida del golf swing o un combattimento per raggiungere la cintura di sicurezza. Una riduzione della mobilità, un limitato range di movimento, una scarsa biomeccanica, una sovracompensazione lungo altre parti del corpo e una perdita di forza potrebbero essere tutti identificati e regolati con ART. Molte volte, un paziente non capirà perché il tessuto cicatriziale si accumula fino a quando non è troppo tardi. Non è necessario alcun danno apparente perché ciò avvenga.

 

Forse un dolore alla banda IT può essere ricondotto ad un anca disfunzionale. Sensazioni di formicolio o intorpidimento nella mano possono essere da insulto costante al nervo da una cattiva configurazione della scrivania del computer insieme alla posizione della spalla, del collo e dell'avambraccio che fa sì che il nervo sia intrappolato nel braccio o nel collo; non ha nemmeno bisogno di svilupparsi nella tua mano.

 

In che modo l'ART migliora le prestazioni?

 

Le prestazioni di quasi tutte le attività, come golf, dattilografia, deambulazione o corsa potrebbero essere notevolmente migliorate con la tecnica di rilascio attivo, o ART, ripristinando la corretta funzione e movimento muscolare per consentire all'intero corpo di raggiungere il livello più efficiente. Le aderenze creano resistenza e tensione che richiede ulteriore energia e sforzo per realizzare un movimento desiderato. I tempi di reazione possono anche essere migliorati con il miglioramento della funzione muscolare.

 

Chi può fornire la tecnica di rilascio attivo?

 

Solo professionisti sanitari certificati in tecniche di rilascio attivo, come chiropratici o terapisti fisici, possono rendere efficace il trattamento. Purtroppo, ci sono un certo numero di persone che sostengono di fornire ART ma non ottengono realmente la vera formazione necessaria per fornire una terapia sicura ed efficiente. È essenziale trovare un operatore sanitario qualificato e con esperienza nell'ARTE.

 

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

La tecnica di rilascio attivo è un tipo di terapia dei tessuti molli che aiuta ad alleviare i muscoli tesi e i punti di innesco del nervo, riducendo enormemente lo stress articolare e i dolori muscolari. Alleviare rigidità muscolare e punti trigger può fare una grande differenza per migliorare la salute e il benessere generale. Inoltre, la tecnica di rilascio attivo, o ART, può aiutare a attivare i muscoli che possono essere stati disattivati ​​a causa di un trauma da una ferita o una condizione aggravata. L'ART viene principalmente utilizzata per trattare problemi di salute che interessano muscoli, fascia, tendini, legamenti e persino nervi, che contribuiscono alla formazione di tessuto cicatriziale, stiramenti e distorsioni nonché dolore e infiammazione.

 

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

 

A cura di Dr. Alex Jimenez

 

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

 

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

 

 

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE IMPORTANTE: i sintomi del chiropratico Sciatica

 

 

ALTRI ARGOMENTI: EXTRA EXTRA: El Paso Back Clinic | Cura e trattamenti per il mal di schiena

Trattamento ART e PNF per Sciatica a El Paso, TX

Trattamento ART e PNF per Sciatica a El Paso, TX

Dolore nella zona lombare si verifica a causa di una varietà di cause, motivo per cui è spesso mal diagnosticato e trattato. Poiché ci sono molti meccanismi con cui si verifica il dolore lombare, come trauma, uso eccessivo del sollevamento pesi e movimenti ripetitivi, è importante ricordare che questo articolo si concentrerà esclusivamente sul dolore del nervo sciatico o sulla sciatica.

 

La sciatica si riferisce al dolore e ad altri sintomi che si irradiano o viaggiano lungo la gamba, associati a intorpidimento, formicolio o sensazione di bruciore e debolezza in uno o entrambi gli arti inferiori. Molti pazienti lamentano dolore acuto e intenso e disagio quando si siedono e guidano, influenzando la loro capacità di sopportare il peso correttamente quando si deve camminare o muoversi. Il loro dolore può abbattere la lunghezza del nervo sciatico, nei glutei, nella parte posteriore della gamba, nel polpaccio e infine nella caviglia e nel piede. Il nervo sciatico, che è il nervo più lungo del corpo, può essere compresso o intrappolato da alcuni muscoli che portano alla sciatica.

 

In base alla posizione di questo conflitto, l'individuo presenterà una varietà di sintomi. Se viene diagnosticato un problema di salute nella zona lombare, il problema si verifica normalmente attorno al foro in cui il nervo esce dalla colonna vertebrale, con conseguenti sintomi che circondano l'intero arto inferiore. Se il problema di salute è correttamente diagnosticato di provenire dai glutei, il più delle volte include il muscolo piriforme perché il nervo sciatico viaggia sotto di esso mentre si fa strada lungo la lunghezza della gamba. La fonte di questo tipo di sciatica può coinvolgere diversi muscoli appena sotto il piriforme, altrimenti noto come un gruppo di muscoli chiamati rotatori dell'anca.

 

Se il problema di salute non è nella parte bassa della schiena o nei glutei, è probabile che il problema si sia verificato nei muscoli posteriori della coscia, principalmente in uno dei muscoli in cui il nervo plantare divide i muscoli posteriori della coscia nella parte posteriore della coscia. Il nervo sciatico può anche manifestare sintomi quando compresso nel polpaccio, tuttavia, questi sintomi vengono spesso riportati solo sotto il ginocchio.

 

Trattamento ART e PNF per il dolore del nervo sciatico

 

Per quanto riguarda il trattamento, la sciatica può essere risolta eseguendo tecniche di rilascio attivo, o ART, attraverso il rilascio dell'intero nervo in cui viene compresso. L'obiettivo quando si utilizza ART per il dolore del nervo sciatico sarebbe quello di manovrare il nervo intrappolando il muscolo (s) nella propria posizione. Il nervo viene quindi estratto da sotto il muscolo. Inoltre, l'uso di esercizi di riabilitazione attraverso specifici esercizi e esercizi di rafforzamento dei gruppi muscolari coinvolti può consentire una guarigione più rapida insieme alla cura chiropratica per potenziare la comunicazione tra la colonna vertebrale e il posizionamento dell'intrappolamento / compressione del nervo.

 

Uno dei più comuni metodi di stretching per la sciatica è la PNF o la facilitazione neuromuscolare propriocettiva. Il PNF è una sorta di allungamento che produce un rilassamento in estensione del muscolo. Il PNF è un tipo più avanzato di allenamento della flessibilità che coinvolge sia la contrazione che lo stretching del gruppo muscolare che viene preso di mira. PNF è una tecnica di stretching utilizzata per aumentare la gamma di movimento e flessibilità. PNF aumenta il raggio di movimento aumentando la lunghezza del muscolo e aumentando l'efficienza neuromuscolare. Si è scoperto che lo stretching del PNF aumenta la ROM in individui allenati, oltre che inesperti. Gli effetti possono durare 90 minuti o più dopo che lo stretching è stato completato. Lo stretching PNF è stato inizialmente creato come una forma di riabilitazione e, a tal fine, è molto efficace. È anche eccellente per il targeting di specifici gruppi muscolari, nonché per aumentare la flessibilità e migliorare la forza e la forza muscolare.

 

Utilizzando lo stretching PNF sono stati identificati quattro meccanismi fisiologici teorici per aumentare la gamma di movimento: inibizione autogena, inibizione reciproca, rilassamento dallo stress e teoria del controllo del cancello. eccitabilità a causa di segnali inibitori inviati dallo stesso muscolo. L'inibizione reciproca è ciò che si verifica nella MT quando il muscolo opposto viene contratto volontariamente sotto forma di ridotta attività neurale. Si verifica quando un muscolo opposto viene contratto per massimizzare la sua forza di contrazione e si rilassa. Il rilassamento da stress è ciò che si verifica quando l'unità muscolo-tendinea (MTU), che coinvolge i muscoli e i tendini collegati, è sottoposta a uno stress costante. La teoria del controllo del cancello è ciò che si verifica quando due tipi di stimoli, come il dolore e la pressione, attivano i rispettivi recettori contemporaneamente.

 

Come eseguire un allungamento PNF

 

La pratica di fare un tratto PNF comporta i prossimi passi. Il gruppo muscolare da allungare viene posizionato per la prima volta in modo che i muscoli siano distesi e sotto pressione. L'individuo quindi contrae il muscolo, usando una banda per 5 per 6 secondi mentre un partner, o oggetto immobile, applica una resistenza sufficiente per inibire il movimento. Si prega di essere consapevoli, lo sforzo di contrazione dovrebbe essere rilevante per la quantità di condizionamento dell'individuo. Il gruppo muscolare contratto viene quindi rilassato e viene utilizzato un allungamento controllato per circa 20 a 30 secondi. La banda muscolare è quindi consentita 30 secondi per il recupero e il processo viene ripetuto 2 a 4 più volte.

 

Le informazioni differiscono marginalmente rispetto alle raccomandazioni temporali per lo stretching del PNF, determinate da quale operatore sanitario si sta parlando. Sebbene ci siano risposte contrastanti alla domanda su quanto tempo un paziente dovrebbe contrarre il gruppo muscolare specifico e per quanto tempo dovrebbe riposare per ogni tratto, è stato trovato attraverso uno studio di ricerca ed esperienza del paziente, che le raccomandazioni di tempistica sopra riportate offrono il la maggior parte dei vantaggi derivanti dall'allungamento della facilitazione neuromuscolare propriocettiva.

 

Diagramma PNF 3 | Chiropratico di El Paso, TX

 

Diagramma PNF 2 | Chiropratico di El Paso, TX

 

Diagramma PNF 1 | Chiropratico di El Paso, TX

 

Inoltre, quando si eseguono gli stiramenti del PNF, è necessario prendere alcune precauzioni perché potrebbero aumentare lo stress sul gruppo muscolare mirato, il che può aumentare la possibilità di lesioni ai tessuti molli. Per ridurre questo rischio, è essenziale che il paziente includa una fase di condizionamento prima di uno sforzo massimo o intenso.

 

Informazioni sulla tecnica di rilascio attivo o ART

 

La tecnica di rilascio attivo, o ART, è tra i trattamenti più recenti nel mondo della chiropratica. L'ART viene utilizzata per indirizzare i problemi di muscoli, nervi e tendini. Viene anche usato per trattare i problemi dei vasi sanguigni. Sono stati condotti pochi studi e questi hanno generato risultati positivi che rivelano che l'ART è davvero un metodo di trattamento efficace. Un sacco di persone al giorno d'oggi provano l'ART dal momento che così tanti hanno problemi muscolari.

 

Spesso, gli individui, in particolare i più grandi, si svegliano e sentono che il loro corpo è abbastanza difficile da spostare. Ci sono anche quelli che iniziano a sentire la loro gamma di movimento sempre più limitata nel tempo. Un certo numero di parti del corpo più comuni che soffrono di una limitata selezione di movimento includono il collo, le braccia e la schiena. Per molte persone, esiste anche una gamma limitata di movimento. Ci sono numerosi fattori che causano un limitato raggio di movimento. La tecnica di rilascio attivo può essere utilizzata per migliorare la mobilità limitata e migliorare i sintomi di sciatica associati a una varietà di problemi di salute.

 

Come l'ARTE influenza la gamma di movimento limitata

 

I terapeuti dell'ART valutano inizialmente i muscoli di cui dovrebbero occuparsi. Controllano la consistenza, la rigidità e, inutile dirlo, la loro libertà. Poiché il lavoro di base viene condotto, i terapisti tentano quindi di allungare i muscoli in modo da rompere le aderenze. Lo stretching viene solitamente condotto tenendo in considerazione la gestione della vena. Inoltre, il professionista dovrebbe chiedere al paziente di spostare le parti del corpo interessate nei modi prescritti dal medico. Quindi, in sostanza, l'ARTE è una joint-venture. Operatore e pazienti lavorano insieme per generare grandi risultati medici.

 

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

Le tecniche di rilascio attivo, o ART, e il facilitatore neuromuscolare propriocettivo o PNF, gli stiramenti sono procedure terapeutiche comunemente utilizzate per la pratica comune di rilasciare la tensione nei tessuti molli, nonché aumentare la gamma di movimento del corpo umano. Sebbene sia disponibile una varietà di opzioni di trattamento per trattare la sciatica, ART e PNF possono essere utilizzate da professionisti sanitari qualificati ed esperti per migliorare e gestire in modo sicuro ed efficace il dolore del nervo sciatico. Inoltre, le opzioni di trattamento alternative, come la cura chiropratica e gli esercizi di rafforzamento possono essere utilizzati anche in combinazione con questi metodi terapeutici per accelerare il processo di recupero.

 

Il futuro di ART e PNF

 

È importante ricordare che sia ART che PNF dovrebbero essere gestiti solo da professionisti accreditati. Gli operatori sanitari non si aspettano solo di trovare le istruzioni di base e il permesso, ma sono anche tenuti ad aver partecipato a numerosi workshop e seminari sull'argomento. In alcuni paesi, anche i test delle credenziali devono essere superati. Inoltre, va notato che ART e PNF devono essere condotti sulla rigidità muscolare non a causa di traumi contusivi. La condizione non dovrebbe anche comportare l'infiammazione.

 

Ci sono molti operatori sanitari che si concentrano su ART e PNF. Alcuni di questi includono chiropratici, fisioterapisti, massaggiatori, medici medici e persino formatori di atleti. La tecnica di rilascio attivo e gli allungamenti propriocettivi di facilitazione neuromuscolare aiutano le persone a fare cose che erano soliti fare. Li aiuta a diventare più efficienti sul lavoro, oltre a essere pratici nella vita quotidiana. A causa dei benefici per la salute di ART e PNF, sempre più persone dal mondo medico e terapeutico stanno imparando a concentrarsi su di esso. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

 

A cura di Dr. Alex Jimenez

 

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

 

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

 

 

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE IMPORTANTE: i sintomi del chiropratico Sciatica

 

 

ALTRI ARGOMENTI: EXTRA EXTRA: El Paso Back Clinic | Cura e trattamenti per il mal di schiena

Tecnica di rilascio attivo per Sciatica a El Paso, TX

Tecnica di rilascio attivo per Sciatica a El Paso, TX

La terapia con rilascio attivo, più specificamente denominata tecnica di rilascio attivo, è un sistema brevettato progettato dal Dr. P. Michael Leahy che si concentra sul trattamento del tessuto cicatriziale sviluppato in muscoli danneggiati in tutto il corpo umano. Quando il Dr. Leahy sviluppò la tecnica per la prima volta circa due decenni fa, si rese conto che il danno nei complessi tessuti molli dei muscoli poteva forse essere percepito e indirizzato direttamente attraverso il movimento sotto forma di tecniche specializzate. Con la sua comprovata capacità di curare il dolore, il suo acronimo, ART, fornisce la terapia con rilascio attivo con qualche legame ironico con l'essere una vera forma d'arte nella cura chiropratica.

 

Quando gli atleti superano i loro muscoli dal praticare sport o anche solo attraverso le attività quotidiane, molte persone non capiscono come si possa sviluppare il tessuto cicatriziale sui nostri muscoli. La cicatrice si forma per aiutare a guarire i muscoli danneggiati, tuttavia, alla fine può creare sintomi dolorosi che possono durare a lungo dopo che questi sono guariti. Il tessuto cicatriziale si sviluppa più comunemente a causa di strappi muscolari o di strappi muscolari o anche di mancanza di ossigeno, chiamata ipossia.

 

Quando il tessuto cicatriziale si accumula nei muscoli danneggiati o feriti, se l'individuo non mantiene un adeguato livello di mobilità nell'area interessata, può progressivamente far diventare i muscoli rigidi o tesi e deboli, portando infine a problemi di salute come tendinite o problemi nervosi. Questo spiega perché alcune persone con dolore o gamma limitata di movimento, spesso avranno bisogno di visitare immediatamente un operatore sanitario. Fortunatamente, molti medici sono certificati per trattare questo tipo di problemi usando la terapia a rilascio attivo.

 

Diagramma del tessuto cicatriziale | Chiropratico El Paso, TX

 

Utilizzando la tecnica di rilascio attivo per alleviare il dolore

 

Insieme a fornire tensione al muscolo dolente mirato e utilizzando specifici movimenti del corpo, i sintomi dolorosi associati al tessuto cicatriziale migliorano attraverso la terapia a rilascio attivo. A partire da ora, ci sono circa 500 diverse tecniche di rilascio attivo progettate per alleviare la tenuta o rigidità e debolezza in tutti i tessuti molli del corpo, dai muscoli ai nervi. Molti di questi movimenti sono scelti in particolare per ogni individuo in base al problema e alla posizione muscolare specifici.

 

Le tecniche di rilascio attivo possono anche essere utili per piccole lesioni traumatiche causate da trauma cumulativo o sforzo ripetitivo. Più specificamente, l'ART funziona per rompere tessuti fibrosi chiamati aderenze. Queste aderenze derivano da uno strappo su un tendine, un legamento o un muscolo. Le adesioni si sviluppano comunemente in diversi modi, tra cui il trauma a seguito di una lesione acuta o da lesioni motorie ripetitive causate da un uso eccessivo, più comunemente da lesioni sportive. Può anche essere il risultato di una cattiva postura che è stata aggravata dalla pressione continua oltre alla tensione prodotta nei tessuti molli per lunghi periodi di tempo.

 

Tali aderenze, se non trattate, possono anche limitare il flusso sanguigno e accorciare i muscoli, causando i noti sintomi. I sintomi peggiorati possono anche causare dolore, disagio o debolezza e talvolta intorpidimento, in particolare quando il tessuto cicatriziale applica pressione sui nervi. Quando avvengono le adesioni, il paziente sicuramente si lamenterà di angoscia molto di più a causa del semplice fatto che non saranno in grado di impegnarsi nelle attività fisiche a cui erano abituati prima.

 

Che cos'è Active Release Techniques (ART)?

 

 

Come funziona ART?

 

La tecnica di rilascio attivo, o ART, funziona implementando un paio di movimenti e movimenti sul muscolo, tendine o fascia colpiti. Rispetto ad altre terapie per i tessuti molli, si dice che ottenga risultati finali migliori. In primo luogo, ART mira ad aiutare a migliorare i sintomi dell'area danneggiata o ferita applicando pressione e forza su di essa. Da lì, l'individuo sarà incaricato di eseguire una tecnica che aiuterà a liberare la tensione dal trattamento. Questo può essenzialmente migliorare il movimento per la regione trattata.

 

La combinazione di questa tensione con la tecnica del rilascio attivo e quella del movimento dei muscoli e dei suoi tessuti molli scioglierà e spezzerà le aderenze. Per questo motivo, ci sarà meno dolore nella regione ferita. Questa tecnica funziona bene con il rinforzo attivo oltre alla formazione di biomeccanica. La combinazione di queste terapie farà sentire meglio i pazienti consapevolezza del corpo, forza, flessibilità e mobilità anche dopo alcune sessioni di ART.

 

Quanto è diversa l'AR dai trattamenti tradizionali per tessuti molli?

 

Rispetto ai modi tradizionali di terapia dei tessuti molli, ART vanta una strategia molto completa. La tecnica di rilascio attivo viene eseguita da operatori sanitari certificati che hanno subito una procedura di allenamento molto rigorosa. Gli operatori sanitari devono partecipare a lezioni sit-in e devono anche sottoporsi a test pratici. Il loro certificato non si ferma dopo aver superato il segno percentuale 90 sul test manuale. Dovranno inoltre mantenere la certificazione ART ottenendo la ricertificazione annuale. Ciò può funzionare perfezionando le capacità del professionista sanitario e al momento esatto, ciò si ridurrà a beneficio dei pazienti sottoposti alla terapia.

 

Quanto è riuscito l'ART come trattamento?

 

La ricerca attuale ha dimostrato quanto sia efficace la procedura quando si tratta di trattare il dolore e la disfunzione dei muscoli posteriori della coscia oltre al dolore all'anca, alla zona del torace e ai linfonodi. Mentre l'efficacia della ART è stata dimostrata lungo queste aree, sono ancora in corso diversi studi per verificare il suo potenziale nel trattamento dei disturbi per altri componenti del corpo.

 

Utilizzando la tecnica di rilascio attivo per Sciatica

 

La sciatica è un problema che colpisce un gran numero di persone. È essenzialmente una sindrome del dolore, caratterizzata da una serie di sintomi comuni che si verificano quando il nervo sciatico, il più grande e importante nervo che alimenta la colonna vertebrale inferiore e gli arti inferiori, viene compresso dai piccoli muscoli della pelvi. Il muscolo piriforme è quello più implicato nella compressione del nervo sciatico, in particolare perché si muove attraverso questo muscolo quando emerge dal bacino e entra negli arti inferiori. La tecnica di rilascio attivo, o ART, può essere utilizzata nel trattamento della sciatica causata dalla sindrome piriforme.

 

Fisiopatologia della Sciatica

 

quando sciatica è causato dalla compressione del nervo sciatico da parte del muscolo piriforme, quest'ultimo generalmente entra in uno spasmo per un lungo periodo di tempo, portando alla compressione di questo nervo fondamentale. Lo spasmo può comportare un compromesso nell'afflusso di sangue al muscolo stesso e al nervo, che complicherà ulteriormente il problema. Le comunicazioni nervose sono importanti affinché il corpo umano mantenga la sua massima efficienza. La sciatica spesso può anche essere causata da lesioni e ernie del disco, poiché generalmente si tratta di una diagnosi differenziale della sindrome piriforme. Test ortopedici specifici possono aiutare, dottori in chiropratica, o chiropratici, valutare la fonte della sciatica del paziente prima di iniziare qualsiasi trattamento di tipo.

 

Conseguenze del dolore al nervo sciatico

 

Ci sono una serie di effetti che potrebbero insorgere a causa della sciatica. È possibile prevedere una riduzione dell'intera gamma di movimenti del corpo, accompagnata da un dolore acuto o acuto che può essere atroce. Questo può rendere molto difficile per la qualità della vita di un individuo, soprattutto quando si svolgono compiti quotidiani come andare a scuola e al lavoro, potrebbe diventare impossibile a causa della gravità del problema di salute. Quando il problema non viene trattato in tempo, potrebbe causare danni permanenti al nervo sciatico.

 

Trattamenti convenzionali per il dolore del nervo sciatico

 

Ci sono una gamma di trattamenti convenzionali che possono essere utilizzati in base all'intensità del dolore del nervo sciatico o della sciatica. Uno di questi è un'iniezione di un farmaco / farmaco che può rilassare il muscolo in modo che smetta di comprimere il nervo. Inoltre, è stato dimostrato che farmaci e / o farmaci, come gli steroidi, possono anche avere un impatto sulla riduzione del dolore e della compromissione dei sintomi. Quando i metodi farmacologici non portano a nessun progresso, si possono tentare quelli chirurgici. Il più comune di questi è un intervento chirurgico per liberare il nervo dal muscolo tagliandone una parte. Sebbene questi siano stati elencati come trattamenti convenzionali che possono essere usati per trattare la sciatica, devono essere prese in considerazione opzioni di trattamento alternative e opinioni secondarie prima di considerare gli interventi chirurgici. Solo quando nessun altro trattamento ha dimostrato alcun miglioramento, la chirurgia dovrebbe essere considerata da un paziente.

 

Il ruolo delle tecniche di rilascio attivo per Sciatica

 

La tecnica di rilascio attivo, o ART, è una forma di terapia che si concentra sulla manipolazione dei tessuti molli, compresi i nervi, la fascia e i muscoli, in modo da ottenere sollievo dai sintomi dolorosi, in questo caso per la sciatica. Per il dolore del nervo sciatico, l'ART viene utilizzata per ridurre lo spasmo e rimuovere le aderenze del muscolo che potrebbe intrappolare il nervo sciatico. Poiché le aderenze vengono rimosse attraverso specifici metodi manuali, il nervo può scorrere sotto i tessuti molli e i sintomi della sciatica possono risolversi in tempi relativamente brevi. Ci sono una serie di cose che un paziente può fare per aumentare l'efficacia della tecnica di rilascio attivo. L'inizio precoce del trattamento aiuta nella risoluzione a lungo termine dei sintomi della sciatica.

 

Dr-Jimenez_White-Coat_01.png

Insight di Dr. Alex Jimenez

La tecnica di rilascio attivo, nota anche come terapia con rilascio attivo o ART, è un trattamento dei tessuti molli basato su una serie di tecniche di movimento e movimento utilizzate per alleviare il dolore e il disagio e per promuovere la guarigione di muscoli, articolazioni e nervi, tra cui tessuti. Quando eseguito da un professionista sanitario certificato, incluso un chiropratico, l'ART può aiutare ad abbattere le aderenze che potrebbero essersi sviluppate in seguito alla formazione di tessuto cicatriziale dopo che un muscolo danneggiato o danneggiato è guarito. La tecnica di rilascio attivo è diventata una delle terapie più comuni per il trattamento dei tessuti molli.

 

La terapia ART viene solitamente fornita da terapisti esperti come i chiropratici, che devono mantenere il loro accreditamento attraverso la formazione continua su una superficie annuale. Questo trattamento è una procedura specializzata che richiede un po 'di esperienza e abilità per lavorare e fornire risultati rapidi. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

 

A cura di Dr. Alex Jimenez

 

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

 

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

 

 

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

ARGOMENTO SUPPLEMENTARE IMPORTANTE: i sintomi del chiropratico Sciatica

 

 

ALTRI ARGOMENTI: EXTRA EXTRA: El Paso Back Clinic | Cura e trattamenti per il mal di schiena